L'apprendimento collaborativo, fattore di sviluppo dell\'impresa turistica
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

L'apprendimento collaborativo, fattore di sviluppo dell\'impresa turistica

on

  • 467 views

Attraverso l’apprendimento declinato in maniera collaborativa si dimostra l’occasione offerta alle Piccole e Medie Imprese turistiche europee di innovarsi in vista di un turismo europeo ...

Attraverso l’apprendimento declinato in maniera collaborativa si dimostra l’occasione offerta alle Piccole e Medie Imprese turistiche europee di innovarsi in vista di un turismo europeo sostenibile e perciò responsabile

Statistics

Views

Total Views
467
Views on SlideShare
459
Embed Views
8

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

1 Embed 8

http://www.linkedin.com 8

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment
  • Macerata, 3 aprile 2009 Master ODL 2007/2008

L'apprendimento collaborativo, fattore di sviluppo dell\'impresa turistica L'apprendimento collaborativo, fattore di sviluppo dell\'impresa turistica Presentation Transcript

  • Stare al di là dello steccato
    L’apprendimento collaborativo,
    fattore di sviluppo dell’impresa turistica
    di Nadia Giuliani
    Master in Open DistanceLearning 2007 – 2008
  • Questa ricercatrattadiapprendimentocollaborativocollocandoloneiprocessirealieconomici.
    Attraversol’apprendimentodeclinato in manieracollaborativasi è cercatodidimostrarel’occasioneoffertaallePiccole e MedieImpreseturisticheeuropeediinnovarsi in vista di un turismoeuropeosostenibileeperciòresponsabile.
    Introduzione
    1
  • L’approfondimento preliminare dello spazio condiviso è condotto attraverso il concetto di “ba” e della spirale di SECI e introduce la nozione di learningorganization.
    L’individuazione dell’Unione Europea come soggetto rilevante per l’innovazione delle politiche turistiche mi ha consentito di porre l’accento sul concetto della TourismLearning Area attraverso l’esame di documenti UE.
    Struttura della ricerca
    2
    View slide
  • Secondo Nishida (1911) il “ba” è un luogo, uno spazio condiviso che serve da fondamento per la creazione della conoscenza.
    Nonaka e Konno teorizzarono successivamente (1998) che la conoscenza, che è intangibile, risiede nello spazio condiviso e se viene separata dal “ba”, si trasforma in semplice informazione, che è tangibile.
    Il “ba” o spazio condiviso
    • può essere:
    fisico (il luogo di lavoro)
    mentale (esperienze condivise, ideali)
    virtuale (mail, videoconferenza)
    Il “ba” e la spirale di SECI
    Kanjiba
    3
    View slide
  • Nonaka e Konno concettualizzarono il processo circolare di creazione della conoscenza attraverso una spirale di interazioni tra conoscenza tacita ed esplicita composta da quattro processi di conversione:
    • Socialization
    • Externalization
    • Combination
    • Internalization
    Il “ba” e la spirale di SECI
    3
    • Socialization , condivisione della conoscenza tacita tra individui che vivono nello stesso ambiente
    • Externalization, esplicitazione della conoscenza tacita in forme comprensibili agli altri
    • Combination, diffusione della conoscenza che si fa segnale digitale
    • Internalization, la nuova conoscenza diventa conoscenza tacita dell’entità collettiva
    Il “ba” e la spirale di SECI
    3
    La spirale di SECI, secondo Nonaka e Konno
  • Ai quattro processi della spirale corrispondono quattro tipi di “ba” :
    • Originatingba, luogo fisico di interazioni tra individui, ambito di conversione della conoscenza tacita
    • I nteractivebain cui si generano i modelli comuni di conoscenza nell’interazione tra individui
    • Cyber ba, luogo di interazione in un mondo virtuale in cui la conoscenza preesistente e la nuova conoscenza acquisita si diffondono attraverso le reti
    • Exercisingbain cui ha luogo il processo di conversione della conoscenza da esplicita a tacita ormai interiorizzata dalla collettività
    Il “ba” e la spirale di SECI
    3
  • Con la rivoluzione dell’ICT, che ha pervaso ogni ambito, il cyber basi compie nel web e attraverso il web 2.0 favorisce la learningorganization.
    Peter Senge (1990) definisce la learningorganizationcome “organization … where people are continuallylearninghowtolearntogether” 1
    realizzando il passaggio
    dal paradigma industriale
    a quello dell’apprendimento
    1Peter Senge “The Fifth Discipline: the Art and Practiceof the LearningOrganization”, New York 1990
    ICT e la learningorganization
    Paradigma industriale e dell’apprendimento secondo Maggioni
    4
  • Secondoil “Tourism Learning Area Handbook” (CommissioneEuropea, 2006) , le Piccole e MedieImprese (PMI) turistichedebbonodivenirelearning organization in gradoditrasformarel’apprendimentoindividualeorganizzativo in accrescimentodellaconoscenzadell’intera area
    La TourismLearning Area TLA
    5
  • In questodocumento la Tourism Learning Area vienedefinita “a concept of a multi-stakeholder intersectoral, problem solving approach aimed at improving SME1/micro-enterprise performance and human potential in the tourism sector at the destination level”.
    Infatti il turismo, che secondo la UNWTO2 è in costante crescita, soffre di cattiva immagine dovuta a scarsi livelli di istruzione ed elevato turn-over.
    Crescita del Turismo ricettivo secondo la UNWTO
    1 SME Small Medium Enteprise
    2 UNWTO United Nations World Tourism Organization
    La TourismLearning Area TLA
    5
  • Il concettodellaTourismLearning Area vedeilcoinvolgimentodituttiglistakeholder del settore, daglientipubblicialleorganizzazionidiapprendimento (tra cui le università) per generarecircoli virtuosi tra le learning organization, gliindividuiedilterritorio
    La TourismLearning Area TLA
    5
  • Il coordinamentodituttigli stakeholder (ruotadinamicadegli stakeholder),
    grazie ad attivitàdicircolazionedellaconoscenza(ruotadinamicadell’apprendimento),
    a condizioneche vi sia un ambientedilavorofavorevole(ruotadeifattoridicompetitività)
    genera un meccanismodinamicofavorevolealla TLA
    Le tre ruote dinamiche della TLA
    5
  • Alcuniesempidiportali internet cherealizzanoilconcettodellaTLAnelquadro del programmaeuropeodi lifelong learning denominatoLeonardo da Vinci
    http://www.worklearntogether.org/it/index.htm
    La TourismLearning Area TLA
    5
  • Nadia Giuliani