Your SlideShare is downloading. ×
Venezia camp sdd2
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Saving this for later?

Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime - even offline.

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

Venezia camp sdd2

2,036
views

Published on

storie di didattica 2012, Roberta Reginato

storie di didattica 2012, Roberta Reginato

Published in: Education

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
2,036
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. STORIE DI DIDATTICALa scuola che si racconta un progetto del social network LA SCUOLA CHE FUNZIONA presentato da Roberta Reginato (parte 2)
  • 2. IL SITO: www.storiedididattica.it
  • 3. PERCHE’ NARRARE?Perché ogni persona è unica e il suo vissuto può avere valore unico per gli altriPerché di scuola si parla troppo spesso in modo demagogico e qualunquisticoPerché ci sono tanti insegnanti appassionati e preparati, oltre ai mediocri e disfattistiPerché sento il bisogno di un confronto per capire ombre e luci del mio insegnarePerché ormai ci parliamo solo alla pausa caffé o al cambio d’ora nei corridoiPerché sono stanco di vedere musi lunghi e di sentire lamentelePerché a volte esco contento dalla mia classe e vorrei condividere la soddisfazionePerché mi piacerebbe vedere come i miei colleghi trattano gli stessi miei argomentiPerché non sempre le teorie mi soddisfano quando sono in classe con i miei studentiPerché sono stanca di scrivere programmazioni e relazioni in didattichesePerché la scuola è fatta di odori, rumori, umori, entusiasmi, contrattempi… persone!
  • 4. Perché insegnare è un lavoro complessoe con pochi riscontri obiettivi del proprio operato. Perché l’insegnante è in bilicotra la sensazione di essere un bravo professionista e la paura di non riuscire ad insegnare. Perché il lavoro dell’insegnante è fatto di indipendenza ma anche di isolamento.Perché ogni insegnante si troverà sempre davanti un Pierino che si rifiuta di studiare e che lo metterà di fronte a tutti i suoi limiti.
  • 5. COME NARRARE?Apriamo le porte delle nostre auleper raccontare…cosa succede in classe,cosa si fa,le parole,le emozioni,i comportamenti,cosa si pensa mentre le cose avvengono,come si è superato un problemacome si è conquistato un alunno…
  • 6. IL BLOG: l’antologia di storiein progressDal 16/02/201250 storie120 commenti8.000 letture2.000 visitatori
  • 7. SCRIVERE E APPRENDERE DALLE STORIE
  • 8. FARE RICERCA TRA LE STORIE(autore) Analisi qualitativa eregione PROCESSI DI INDICIZZAZIONEanzianitàscuola 1. Categorie di ricerca predefinite (form d’invio)ubicazioneclasse
  • 9. 2. Social tagging (attribuzione dell’autore) * Costruzione di significato bottom-up * Processi di metariflessione * Rappresentazione interna del significato per l’autore * Condivisione e affinamento dei tag nella community
  • 10. IL RUOLO DELLA COMMUNITY - LEGGERE LE STORIE DEGLI ALTRI - COMMENTARE LE STORIE (non sono giudizi sulla narrazione o sull’autore, ma riflessioni su cosa la storia mi ha detto, emozioni o confronti che mi suscitato, idee che mi ha suggerito, conferme o dubbi…) - RICEVERE NUOVE STORIE - RISPONDERE AI COMMENTI - STORIE CHE GENERANO STORIE Spirale generativadi autoapprendimento e apprendimento
  • 11. WORKSHOP DI NARRAZIONE
  • 12. Per maggiori informazioni www.storiedididattica.it www.lascuolachefunziona.it Tesi di laurea specialistica:Marica Prendin, Luso dei social network nella formazione continua degli insegnanti. Il caso di "la scuola che funziona”, 2011/2012 ENTRA NELLA COMMUNITY DI SdD Ogni esperienza è unica e preziosa Aspettiamo le tue storie e i tuoi commenti!