Your SlideShare is downloading. ×
La bioarchitettura a supporto delle fonti rinnovabili
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

La bioarchitettura a supporto delle fonti rinnovabili

457

Published on

La riduzione dei consumi energetici mediante l’eliminazione degli sprechi, la crescita dell’efficienza e l’abolizione degli usi impropri, sono la premessa indispensabile per favorire lo sviluppo delle …

La riduzione dei consumi energetici mediante l’eliminazione degli sprechi, la crescita dell’efficienza e l’abolizione degli usi impropri, sono la premessa indispensabile per favorire lo sviluppo delle fonti energetiche alternative.

Published in: Education, Technology, Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
457
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
8
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. La Bioarchitettura a Supporto delle Fonti Rinnovabili La riduzione dei consumi energetici mediante l’eliminazione degli sprechi, la crescita dell’efficienza e l’abolizione degli usi impropri, sono la premessa indispensabile per favorire lo sviluppo delle fonti energetiche alternative. Photo credit: kwl Gli edifici nel loro complesso assorbono più del 50 per cento di tutte le fonti fossili che importiamo, perché al 33 per cento dei consumi per il riscaldamento, vanno aggiunti i consumi di energia elettrica per l’illuminazione, gli elettrodomestici e, soprattutto, il condizionamento, che negli ultimi anni ha spostato i picchi dei consumi di energia elettrica dall’inverno all’estate.
  • 2. Nella progettazione dei nuovi edifici occorre in primo luogo riscoprire e rivalutare le tecnologie costruttive tradizionali, che si sono sviluppate quando le disponibilità energetiche erano minori e occorreva far fronte ai problemi posti dal clima in modi passivi e sfruttando al massimo gli apporti energetici gratuiti dell’ambiente: orientamento degli edifici, coibentazione, distribuzione delle finestre, ecc. Ciò comporta un ritorno a una progettazione differenziata in relazione alle zone climatiche, abbandonando la standardizzazione consentita dall’adozione di protesi energetiche, per far caldo nelle zone climatiche fredde e per far fresco nelle zone climatiche calde. In secondo luogo, questo recupero di un sapere e di un saper fare, abbandonati irresponsabilmente in nome di una malintesa concezione del progresso, va implementato con tutte le più recenti acquisizioni scientifiche e tecnologiche per potenziare l’inerzia termica degli edifici. Oltre agli interventi sull’involucro degli edifici, un’altra enorme possibilità di ridurre i consumi energetici alla fonte senza deprimere i servizi finali, mediante una crescita dell’efficienza dei processi di trasformazione, è data dagli impianti tecnologici. L’adozione della micro-cogenerazione diffusa, a partire dagli edifici più energivori come gli ospedali, i centri commerciali, gli impianti sportivi ecc., riveste un ruolo decisivo perché, avendo un doppio rendimento – energia elettrica ed energia termica – con gli stessi consumi di combustibile consente di riscaldare l’edificio, di soddisfare il suo fabbisogno di energia elettrica, di raffrescare gli ambienti d’estate, di cedere i surplus di energia elettrica contribuendo a ridurre la necessità di importare fonti fossili e di costruire nuove centrali termoelettriche. Per la ristrutturazione energetica degli edifici esistenti, uno strumento operativo decisivo possono essere le energy service companies (esco): società che effettuano le ristrutturazioni energetiche sostenendone le spese di investimento. Esse recuperano i capitali investiti e ottenengono i loro utili incassando per un numero di anni prefissato
  • 3. contrattualmente i risparmi economici conseguenti ai risparmi energetici che sono riuscite a ottenere. Per approfondire: La Decrescita Felice - di Maurizio Pallante Ing. Andrea Ursini Casalena Info[chiocciola]mygreenbuildings.org http://www.facebook.com/AndreaUrsiniCasalena http://www.facebook.com/mygreenbuildings

×