Introduzione alla localizzazione
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Introduzione alla localizzazione

on

  • 1,687 views

Il Traduttore Nuovo n. 2002/2, Vol. LVIII, numero speciale dedicato alla localizzazione, a cura del Gruppo L10N.

Il Traduttore Nuovo n. 2002/2, Vol. LVIII, numero speciale dedicato alla localizzazione, a cura del Gruppo L10N.

Statistics

Views

Total Views
1,687
Views on SlideShare
1,684
Embed Views
3

Actions

Likes
0
Downloads
32
Comments
0

2 Embeds 3

http://www.slashdocs.com 2
https://si0.twimg.com 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Introduzione alla localizzazione Introduzione alla localizzazione Document Transcript

  • Associazione Italiana Traduttori e Interpreti Introduzione alla localizzazione Alessandra Di Pofi Alessandro Giannetti Luigi Muzii Alessandra Muzzi Giuseppe Nuzzolese Federico Vinci
  • AITI Associazione Italiana Traduttori e Interpreti Introduzione alla localizzazioneCopertina di Annalisa Giammarco
  • Introduzione alla localizzazione Informazioni preliminariNota sul copyrightCopyright © 2002 Gruppo L10N. Tutti i diritti riservati. Il Gruppo L10N è composto da Alessandra Di Pofi,Alessandro Giannetti, Luigi Muzii, Alessandra Muzzi, Giuseppe Nuzzolese, Federico Vinci.Questo documento è di proprietà del Gruppo L10N. È vietato riprodurlo, trasmetterlo, trascriverlo, tradurlo inparte o integralmente o depositarlo in un sistema di archiviazione, con qualsiasi mezzo, elettronico, meccanico,magnetico, ottico, chimico, manuale o qualsivoglia, senza esplicito consenso scritto del Gruppo L10N.Nota sui marchiTutti i nomi di prodotto citati in questo documento sono marchi registrati dei rispettivi fabbricanti.SupportoPer quanto il contenuto di questo documento sia stato ampiamente verificato, il Gruppo L10N non garantisce chesia privo di errori od omissioni e si riserva il diritto di sottoporlo ad aggiornamenti e revisioni e apportarvicorrezioni o modificare le informazioni in esso contenute. Per ulteriori informazioni contattare il Gruppo L10N.Copyright © 2002 Gruppo L10N 1
  • Introduzione alla localizzazione SommarioInformazioni preliminari ............................................................................................... 1 Nota sul copyright................................................................................................... 1 Nota sui marchi ...................................................................................................... 1 Supporto .............................................................................................................. 1Il Gruppo L10N........................................................................................................... 4 Alessandra Di Pofi ................................................................................................... 4 Alessandro Giannetti................................................................................................ 4 Lucia Herbst.......................................................................................................... 4 Luigi Muzii ............................................................................................................ 4 Alessandra Muzzi .................................................................................................... 4 Giuseppe Nuzzolese................................................................................................. 4 Federico Vinci........................................................................................................ 5Premessa ................................................................................................................. 6Why we still need more good translators di Inger Larsen ........................................................ 7 What makes a good translator? ................................................................................... 7 Types of errors....................................................................................................... 7 Quality Metrics....................................................................................................... 7 Education ............................................................................................................. 8 The way forward .................................................................................................... 8La localizzazione ........................................................................................................ 9 Aspetti culturali, linguistici e tecnici della localizzazione ................................................... 9 Localizzazione, internazionalizzazione, globalizzazione ..................................................... 9 Locale ............................................................................................................. 10 Livelli di localizzazione......................................................................................... 11 Il mercato della localizzazione.................................................................................... 11Caratteristiche dei progetti di localizzazione software .......................................................... 13 I componenti di un prodotto software ........................................................................... 13 Interfaccia grafica............................................................................................... 13 Guida in linea .................................................................................................... 13 Documentazione ................................................................................................. 14 Le fasi di un progetto di localizzazione.......................................................................... 14 Analisi e preparazione del materiale......................................................................... 15 Preparazione di una “memoria” del progetto .............................................................. 15 Traduzione e revisione ......................................................................................... 15 Collaudo........................................................................................................... 16Figure professionali ..................................................................................................... 17 Struttura e organizzazione del gruppo di lavoro ............................................................... 17 Localizzatore..................................................................................................... 18 Revisore ........................................................................................................... 18 Language specialist ............................................................................................. 18 Terminologo ...................................................................................................... 18 Specialista DTP .................................................................................................. 18 Responsabile QA (assicurazione qualità)..................................................................... 18 Localization engineer........................................................................................... 18 Sistemista......................................................................................................... 18 Project manager................................................................................................. 18Copyright © 2002 Gruppo L10N 2
  • Introduzione alla localizzazioneIl profilo professionale del localizzatore ............................................................................ 19 Traduttore e localizzatore ......................................................................................... 19 Competenze tecniche e dotazioni ............................................................................ 19 Capacità personali ed extraprofessionali .................................................................... 20 L’attività di localizzazione ........................................................................................ 20 Localizzazione delle interfacce utente ...................................................................... 20 Localizzazione della documentazione elettronica ......................................................... 20 Localizzazione della documentazione a corredo ........................................................... 20 Localizzazione di applicazioni Web........................................................................... 21 Grafica ............................................................................................................ 21 Formazione ........................................................................................................... 21La cassetta degli attrezzi .............................................................................................. 22 Editor di testi ........................................................................................................ 22 Automazione d’ufficio .............................................................................................. 22 Documentazione elettronica .................................................................................. 22 Grafica ............................................................................................................ 23 Ambiente di sviluppo ............................................................................................... 23 Strumenti di traduzione assistita ................................................................................. 23 Strumenti di localizzazione ........................................................................................ 24 Strumenti di QA...................................................................................................... 24Valutazione economica................................................................................................. 25Glossario .................................................................................................................. 26Letture consigliate ...................................................................................................... 28 Localizzazione ....................................................................................................... 28 Traduzione, redazione tecnica e terminologia ................................................................. 28 Internazionalizzazione.............................................................................................. 28 Project management ............................................................................................... 29Siti di riferimento ....................................................................................................... 30Corsi universitari ........................................................................................................ 31 Europa................................................................................................................. 31 USA .................................................................................................................... 31 Canada ................................................................................................................ 31Copyright © 2002 Gruppo L10N 3
  • Introduzione alla localizzazione Il Gruppo L10NAlessandra Di PofiVive e lavora a Roma. Diplomata in inglese e tedesco presso la Scuola Superiore per Interpreti e Traduttori diRoma, ha lavorato per un’impresa di costruzioni italiana e per una società italiana facente parte di un grandegruppo tedesco operante nel settore della produzione di energia mediante fonti alternative, partecipandoall’attività di global sourcing. Nel 1997 ha avviato l’attività di traduttrice nei settori dell’informatica e dellalocalizzazione del software e dei siti Web. È socia AITI e ATA accredited. È raggiungibile all’indirizzojobs@alessandradipofi.com.Alessandro GiannettiVive e lavora a Latina. Dopo una laurea in lingue e letterature straniere moderne, ha seguito vari corsi post-laurea in traduzione tecnica, interpretazione di conferenza e giornalismo, nonché seminari di aggiornamentosulle principali tecnologie per il settore linguistico. Da oltre 10 anni lavora attivamente nel settore dellalocalizzazione in Italia e all’estero e ha partecipato alla realizzazione di numerosi progetti di localizzazionerelativi a prodotti software e hardware delle principali aziende internazionali del settore. Nel 2000, insieme adaltri colleghi, ha fondato WORDWIDE, società specializzata in servizi di localizzazione. È socio AITI. Èraggiungibile all’indirizzo a.giannetti@wordwide.it.Lucia HerbstConseguita la laurea di traduttrice per le lingue tedesco e inglese presso la Johannes Gutenberg UniversitätMainz, Fachbereich Angewandte Sprachwissenschaft (Germersheim), inizia la libera professione collaborando nel1991/92 alla localizzazione del software di gestione portafoglio clienti SIM per conto di CED Borsa Milano; dal1990 alterna l’attività di traduttrice tecnica nei settori localizzazione software, manualistica perequipaggiamenti elettronici, PLC, controlli numerici CN o CNC, all’attività di interprete di conferenza. È sociaBDÜ e AITI. È raggiungibile all’indirizzo h.lucia@val.it.Luigi MuziiDopo aver lavorato in TELECOM ITALIA, con diversi gradi di responsabilità in molti settori aziendali, dall’IT allaRete, e come education manager in SHS Multimedia, è tornato all’iniziale attività di consulente nel campodell’information design avviando uno studio di consulenza alle aziende sull’organizzazione, la gestione e l’usodelle informazioni e delle conoscenze. È socio AITI per la quale è stato curatore di diverse pubblicazioni eseminari. È raggiungibile all’indirizzo muzii@id2.it.Alessandra MuzziVive e lavora a Roma. Laureata in lingue e letterature straniere moderne, vanta una passata esperienza daprogrammatrice che ha messo a profitto dopo il corso di perfezionamento post-laurea in traduzione avviandol’attività di traduttrice nei settori dell’informatica e della localizzazione del software e dei siti Web. È socia AITIe ATA accredited. È raggiungibile all’indirizzo almuzzi@amtrad.it.Giuseppe NuzzoleseLaureato in lingue e letterature straniere presso l’università di Bari e specializzato in epistemologia informatica,ha lavorato per circa otto anni in EniChem come analista di informatica individuale e sistemista di reti locali.Opera come traduttore indipendente nel settore ITC e localizzazione software dal 1991, utilizzando attivamentestrumenti di traduzione assistita dal 1996. È socio AITI e ATA accredited. È raggiungibile all’indirizzoinfo@nuzzolese-translations.it.Copyright © 2002 Gruppo L10N 4
  • Introduzione alla localizzazioneFederico VinciÈ co-fondatore e contitolare di Mercury International Services, società di professionisti che offre servizi dilocalizzazione. Ha una formazione informatica di alto livello maturata in quindici anni di esperienzaprofessionale di system development and integration nei settori delle telecomunicazioni, dei DBMS relazionali edel networking su piattaforme UNIX. È autore di testi sulla localizzazione e docente incaricato del primo masteritaliano in localizzazione. È raggiungibile all’indirizzo mis.sas@tiscali.it.Copyright © 2002 Gruppo L10N 5
  • Introduzione alla localizzazione PremessaSul finire degli anni 80, Microsoft avviò al proprio interno la distribuzione di un documento contenenteindicazioni per lo sviluppo di applicazioni localizzabili: “The International Handbook for Software Design”. Lerevisioni apportate negli anni ne hanno ampliato l’estensione portandolo a coprire l’intero processo di disegno,sviluppo, collaudo, traduzione, documentazione, confezionamento e supporto. Nel tentativo di migliorare l’efficienza interna e ridurre i costi di sviluppo delle versioni internazionali deipropri prodotti, l’importanza assegnata al gruppo di internazionalizzazione è stata tale da condurre Microsoft arivedere completamente la politica di sviluppo e di prodotto, e quello che all’inizio era solo un manualetto hafinito con il diventare una sorta di vero e proprio “testo sacro”. Negli ultimi dieci anni o poco più, con il progressivo allargamento dei mercati (la cosiddetta“globalizzazione”), la capacità di produrre, pubblicizzare, vendere, distribuire e fornire supporto a livellointernazionale è diventata fondamentale elemento di successo. E questa necessità di “going global”, diraggiungere il mondo, ha fatto lievitare il mercato della traduzione, soprattutto nel segmento dellalocalizzazione. Localizzare un prodotto vuol dire adattarlo alla cultura del paese di destinazione; è un processo assimilabilealla traduzione da cui si differenzia per l’approccio, ma anche per onerosità, complessità e dimensioni. La figura del localizzatore ha finito così per assumere caratteri di elevatissima specializzazione cherichiedono continui investimenti in tecnologie e formazione. La complessità del processo ha anche imposto, inalcuni casi, figure del tutto nuove. Sono diverse le pubblicazioni che affrontano quest’argomento rivolgendosi, tuttavia, agli utenti del servizio.Nel nostro paese, poi, canali, mezzi e strutture formative sono ancora insufficienti o inadeguati. L’intenzione degli autori è quindi di realizzare, in un processo a tappe successive, un’opera didatticamultimediale che serva da guida a quanti intendano avventurarsi, non da utenti, ma da protagonisti, nel settoredella localizzazione. Questa pubblicazione è il primo passo. Il progetto da cui nasce prevede successivamente la realizzazione diun manuale sulla localizzazione di cui è auspicabile la diffusione all’interno di corsi sulla localizzazioneeventualmente attivati da scuole e università, di un CD-ROM e di un sito Web dedicato ai temi dellalocalizzazione. Gli autori desiderano esprimere un ringraziamento particolare a Vittoria Lo Faro, presidente dell’AssociazioneItaliana Traduttori e Interpreti (AITI), che ne ha concesso il patrocinio intellettuale rendendo così per molti versipiù semplice ed efficace la realizzazione di questa prima pubblicazione.Copyright © 2002 Gruppo L10N 6
  • Introduzione alla localizzazione Why we still need more good translators di Inger LarsenI did a little poll recently. It showed that the failure rate for translators passing professional test translations isabout 70%. These are qualified translators, many of them with quite a lot of experience. Why is the failure rateso high? What makes a good translator? The poll was fairly informal, just a few phone calls to translation managers working with large translationcompanies. Some said 60%, others said it was as high as 80%. But I come across the same issue practically everyday in my work and I think that the 70% rate is fairly accurate. Although I started out as a translator about 20 years ago, for the past two years I have been running my ownrecruitment company for the translation industry. Recently we were recruiting for a project assistant position.One of the applicants had a degree in linguistics, an MA in translation and some relevant work experience as anin-house translator and project assistant. I asked for her references. The first I contacted was her linguisticscourse tutor. Glowing references – one of the best linguistic talents they had had for a long time. So far, sogood. Then I contacted her most recent employer. Nice girl, but she hadn’t worked out as a translator. She justhadn’t grasped either the language part or the technical part of the job, her referee said. So it’s possible to be abrilliant linguist but a poor translator. Most of us probably know that already. But what does it take?What makes a good translator?At a recent conference in Rimini I was talking about this great puzzle. I said that not only do you need to haveperfect written command of your target language, you also need to have an excellent understanding of thewritten source language. In addition, you need an in-depth understanding of the subject-matter - or the abilityto learn quickly. It’s quite an intellectual challenge to be a good technical translator – you’ve got to be able tomaster both languages and technology. In the audience there was a lady from the EU. She had lots of experience from working not just as atranslator herself, but also from managing translators. She added that to become a good translator, you need topractice, practice, practice. She also told the story about how she had become a translator, as she had startedout by studying something else completely. Some of the lectures were in other languages. She took notes in hermother-tongue and her fellow students discovered that she was really good at capturing what was said in onelanguage, in writing in another. So they all asked her for her notes afterwards. That’s how she discovered thatshe had “the knack”. Adding my own experience, you also need someone good to give you feedback on yourtranslations. And you need to take their advice on board. That may be the biggest hurdle for many.Types of errorsBut quality can also be a very subjective matter. I come across that when we recruit for in-house translatorpositions. Recently we recruited for Spanish as one of the target languages. We posted the vacancy widely andgot no less than 120 applicants in for the one job. They needed at least two years’ relevant experience to beconsidered for the job, so that left about 15. In the end we brought this down to eight that we presented to theclient we were recruiting for. All wonderful candidates who came really well recommended and had greatreferences about their translation skills. Our client chose six to send translation test pieces to. Only two passed.The feedback for those that failed was that there were errors in the translation, wrong terminology and – thebiggest hurdle of all – the style was not good. One of the translators that failed had over ten years’ experience.When I broke the bad news to him, he actually already knew why they had failed him, because he got the samesort of feedback quite often. In his case, the feedback was anglicized terminology and poor style. He said thathis main client prefers this terminology and a short and concise style and so does he. We have very similarexperiences when we recruit for Italian translators. So now, whenever possible, we try to get a style guide fromthe companies we recruit for. That way, at least, our candidates have a better starting point. This is not to saythat all of them will follow it. Some translators think that their own style is preferable to their client’s preferredstyle. Maybe it is, maybe not, but in those cases they are likely to fail the test.Quality MetricsMost large translation companies and internal translation departments also apply weighted quality metrics whenthey review the test translations. And they may use different metrics for different types of texts.Copyright © 2002 Gruppo L10N 7
  • Introduzione alla localizzazione When I was – briefly - a member of the SAE J2450 committee to define quality metrics for the automotiveindustry, the group consisted of both translation buyers and vendors. It soon became clear that there needed tobe different quality requirements for different types of documentation. Owner’s handbooks need to readbeautifully as well as being technically correct. People actually read these – some even take them to bed withthem, sad as it may sound. Workshop/repair manuals need to be technically correct, but style is not importantas long as it’s understandable. Most service technicians will only look up the procedure they are interested inand they only need to understand the steps they need to do. The expression “fit for purpose” came up again andagain. So the metrics began to take shape from this underlying logic. A mistranslation that causes the reader tomisunderstand or carry out an operation incorrectly, is a serious mistake. A fail. A stylistic error in a Workshopmanual is a minor error, but a more serious error in an Owner’s handbook. As a nice by-product, this exercise also increased the buyers’ understanding of why the translations arepriced differently for different types of manuals…EducationI am not a great fan of academics whose main task in life seems to be to impress other academics rather thaneducate translators for success in real life. It’s no good saying that “we know there is a problem, so someoneneeds to research it and write a paper about it”. Some universities are very good at understanding what theyneed to teach translators so that they can become good, employable translators. They include practical sessionsin using translation tools and cover many relevant technical subjects. One major problem is often finding theright staff to teach the translators. People with practical, recent experience who are also good teachers.The way forwardTranslators need to accept that it takes a lot of practice under good supervision to become a good translator.Also, accept that there are different styles and ways of translating, depending on the client and the readers ofthe text. Follow the norm given. If there are no guidelines, research well. And use a good spell-checker. No, Iam not trying to be funny. According to one translation manager, spelling mistakes are one of the most commonmistakes and if eliminated, it would probably reduce the failure rate by several percent! In a difficult economic climate, the good news is that many translation buyers agree that there is still ashortage of good translators out there. So if you’re not one already, you can become one, or at least a betterone.Inger Larsen owns the recruitment company Larsen g11n Ltd and can be contacted on inger@larseng11n.com.Copyright © 2002 Gruppo L10N 8
  • Introduzione alla localizzazione La localizzazioneLocalizzazione (dall’inglese localization) è termine ormai diffuso tra quanti, in ambito informatico, si occupanodi traduzione, ma anche di disegno e sviluppo delle applicazioni. Sono in pochi, tuttavia, tra i non “addetti ailavori”, a conoscerne l’esatto significato e ad avere la dimensione precisa di cosa effettivamente comporti unprogetto di localizzazione. Per una definizione di localizzazione è d’obbligo fare riferimento a quella proposta dalla LISA (LocalisationIndustry Standards Association), l’organismo che associa i principali operatori: “Localization involves taking aproduct and making it linguistically and culturally appropriate to the target locale (country/region and language)where it will be used and sold” (Localizzare un prodotto significa adattarlo alla lingua e alla cultura del mercatodi destinazione). Tuttavia, per quanto generalmente applicabile a qualunque classe di prodotti, con il termine localizzazione siè soliti riferirsi specificamente alle applicazioni software e ai siti Web che possono essere a buon dirittoassimilati ad esse, in virtù delle tecnologie impiegate e del grado di complessità raggiunto. Inoltre, il lavoro diadattamento non si limita ai “soli” aspetti linguistici e culturali, per quanto preponderanti, ma interessa anchedelicati aspetti tecnici. Del resto, la stessa LISA afferma anche che “Translation is only one of the activities in localization: inaddition to translation, a localization project inlcudes many other tasks such as project management, softwareengineering, testing and desktop publishing” (La traduzione è solo una delle attività della localizzazione: oltread essa, un progetto di localizzazione ne prevede moltre altre, tra cui project management, softwareengineering, testing e desktop publishing).Aspetti culturali, linguistici e tecnici della localizzazioneLa localizzazione di un prodotto software consiste prevalentemente nella traduzione delle componentilinguistiche: stringhe di interfaccia, guida in linea, documentazione. Tuttavia, non si può parlare semplicementedi traduzione. La localizzazione di un prodotto software si distingue dalla traduzione tecnica convenzionale innanzitutto peril tipo e il livello di complessità tecnica. Oltre a fare riferimento a una realtà oggettiva di carattere tecnico, itesti da tradurre ne sono parte integrante ed entrano nei suoi meccanismi quali componenti. Il softwaremanipola i testi sotto forma di insiemi di bit, li memorizza su supporti magnetici, li visualizza, li stampa. I comandi si impartiscono inserendo o selezionando del testo; un testo spiega interattivamente all’utente ilfunzionamento del programma e lo avvisa di eventuali condizioni di errore. Nella localizzazione, quindi, gli aspetti linguistici e tecnici sono interdipendenti: di un programma localizzatooccorre garantire allo stesso tempo comprensibilità e chiarezza, nonché il corretto funzionamento nel mercatodi destinazione. Inoltre, nel processo di localizzazione si impiegano correntemente altri strumenti software, dinatura simile cioè a quella dei prodotti da localizzare. Infine, nella localizzazione del software trovanoapplicazione pratica molte delle discipline a cavallo tra linguistica e informatica quali il trattamento automaticodei testi, la gestione della terminologia, la traduzione assistita e quella automatica. In definitiva, quindi, l’attività di localizzazione costituisce il punto di incontro fra traduzione e sviluppo delsoftware. Se l’aspetto tecnico della localizzazione presenta maggiori peculiarità rispetto alla traduzione tecnicatradizionale, anche quelli culturale e linguistico mostrano caratteri distintivi particolari. Ogni riferimento culturale presente nel prodotto originale deve essere adattato al mercato di destinazione. Inparticolare, il materiale collaterale (confezioni, etichette, materiale promozionale, schede di riferimento e diregistrazione del prodotto, accordi di licenza) subisce in genere profonde modifiche nella presentazione e neicontenuti. Inoltre, al lessico utilizzato si richiede un elevato livello di uniformità: ogni produttore esige il rispetto dellaterminologia e dello stile più adatti a caratterizzare ciascun prodotto in funzione delle diverse realtàgeografiche che presentino caratteristiche di uniformità linguistica e culturale (locale), in modo da poterloproporre su quel mercato con elementi distintivi costanti e riconoscibili che ne facilitino l’acquisto e l’uso.Localizzazione, internazionalizzazione, globalizzazioneNella definizione che la LISA dà di localizzazione, l’espressione “taking a product” potrebbe indurre a pensareche si possano senz’altro localizzare prodotti finiti. L’esperienza diretta testimonia al contrario che laCopyright © 2002 Gruppo L10N 9
  • Introduzione alla localizzazionelocalizzazione efficace di un prodotto ha inizio non quando la sua realizzazione è ormai completata, ma già dallafase di progettazione (di “disegno”, nel caso del software. Si tratta della cosiddetta internazionalizzazione, cheha lo scopo di rendere un prodotto adatto alla localizzazione e che per questo si definisce anche(localization) enabling. Lo sviluppo di software internazionale, infatti, si articola ormai sempre più su due fronti, enabling elocalizzazione. L’enabling è affidata interamente a progettisti e sviluppatori, la localizzazione spessounicamente ai traduttori. Tuttavia, il progetto di un’applicazione condiziona fortemente l’adattamento delprodotto, dal momento che è in questa fase che si mettono a punto aspetto e funzionalità, e che queste,nell’edizione localizzata, dovrebbero mantenere un livello di qualità pari a quello dell’edizione originale. È infase di enabling, infatti, che si determinano gli sforzi e gli investimenti necessari alla localizzazione in base altipo di applicazione e al mercato cui è diretta, al rischio che comporta il costo dell’investimento e al ritorno(ROI, Return Of Investment)che può produrre. Uno degli accorgimenti più importanti per garantire che un prodotto software sia localizzabile consistenell’estrapolazione delle stringhe traducibili in file detti di risorse (resource file) distinti dal codice delprogramma, che resta quindi lo stesso per tutte le versioni. Ad ogni elemento che compone il file di risorse viene assegnato un identificatore univoco. In questo modo èpossibile creare una o più tabelle di oggetti (stringhe, immagini o elementi multimediali) in lingue differenti. Infase di esecuzione è il sistema a determinare quale tabella caricare in base alle impostazioni geografichedell’utente e con essa solo i dati necessari. Tuttavia, sebbene questo sia uno dei principi cardine comune a tutti i corsi e i libri che insegnano laprogrammazione a oggetti, la competizione tra i produttori di software e la conseguente rapidità con cui questoviene realizzato fa sì che questo principio sia talvolta disatteso e che il codice sorgente di un programma possaessere intriso proprio di quelle stringhe di testo che dovranno poi essere tradotte. Sono tanti altri gli accorgimenti adottati, tra cui la progettazione dell’interfaccia utente in modo che possaadattarsi a stringhe di diversa lunghezza e orientamento, l’uso di funzioni di sistema per la gestione dei formatidi date, ore e numeri, la limitazione nell’uso di meccanismi di concatenazione e incorporazione per lagenerazione dinamica di stringhe, il supporto di alfabeti diversi, la massima “neutralità” culturale nelcomportamento del prodotto, evitando il ricorso a esempi o elementi grafici specifici della cultura di origine. Infine, ma non ultimo, localizzare un prodotto spesso non è sufficiente, anzi, una volta adattato ai varimercati locali, occorre prevederne anche il supporto post-vendita, ovviamente “localizzato”. Questo processo siindica con il termine “globalizzazione” (globalization), sebbene abbia ormai assunto, nell’uso preponderante, unsignificato più ampio. Parte essenziale di questo processo consiste nella creazione e nel mantenimento di un sitoWeb multilingue, di un call center in grado di rispondere alle più disparate richieste provenienti da utenti sparsiin tutto il mondo e di una capillare rete di vendita e assistenza.LocaleLocale è parola che normalmente indica scenario, ambiente o scena di un evento, più generalmente un luogogeografico. Nel linguaggio informatico indica invece una serie di informazioni a connotazione regionale, lingua, alfabeto,convenzioni e, per estensione, disposizione della tastiera, tipo di carta e di busta, di stampante e di risoluzionevideo e direzione del testo (da sinistra a destra o da destra a sinistra). La tabella seguente, adattata dall’originale in “Developing International Software for Windows 95 andWindows NT” di Nadine Kano per Microsoft Press, è un esempio, ancorché datato (1995), di differenze nei varilocale. Inglese Arabo Locale Francese Giapponese (USA) (EAU) Paese/Regione USA Francia Giappone Emirati Arabi Uniti Lingua Inglese Francese Giapponese Arabo Alfabeto Latino Latino Kana, kanji Arabo Direzione del testo Da sinistra a destra Da sinistra a Da sinistra a destra Da destra a destra orizzontalmente o da sinistra destra a sinistra verticalmente Code page (Windows) 1252 1252 932 1256 Simbolo di valuta $ F ¥ Formato data esteso January 15, 1995 15 janvier 15. January 1995 1995 Formato data 1/15/95 15/1/1995 95/01/15 95/01/15 abbreviatoCopyright © 2002 Gruppo L10N 10
  • Introduzione alla localizzazione Inglese Arabo Locale Francese Giapponese (USA) (EAU) Formato ora 1:00 pm 13:00 13:00 1:00 Calendario Gregoriano Gregoriano Gregoriano o Imperiale Gregoriano Formato carta US Letter A4 A4 A4 (81/2 x 11 ins) (210 x 297 (210 x 297 mm) (210 x 297 mm) mm) Separatore decimale . , . , Separatore delle , spazio , , migliaia Separatore elenchi , ; , ;Livelli di localizzazioneA seconda della natura di ciascun programma, sono possibili livelli diversi di localizzazione. Per ogni livello sononecessari maggiori investimenti e sono previsti ritorni superiori.1° livelloNessuna localizzazione o particolare programma di enabling. È questo il caso di un primo ingresso in un mercatostraniero, per cui l’obiettivo principale è sondare la reazione al prodotto prima di assumere ulteriori impegni. Sitratta inoltre di prodotti di impiego estremamente specialistico rivolti ad utenti con un accettabile grado dicomprensione della lingua inglese in cui più di frequente sono realizzati i prodotti software. Si suggeriscetuttavia di tradurre i manuali.2° livelloMinima localizzazione, limitata a menu e finestre di dialogo senza guide contestuali e altri file a corredo. Ilprodotto è comunque predisposto alla localizzazione.3° livelloCorrisponde al 2° livello con in più le guide contestuali, il programma di autoapprendimento e gli altri file acorredo. La traduzione di questi file può richiedere un certo tempo, ma contribuisce senz’altro a favorirel’accoglimento del prodotto.4° livelloAdattamento del programma per il funzionamento su piattaforme hardware diverse da quelle previste in origineper accogliere, per esempio, le differenti tastiere nazionali.5° livelloLocalizzazione completa del prodotto. Integrazione, sostituzione e modifica di parti di codice per arricchire ilprogramma di caratteristiche che lo rendano accettabile alle varie classi di utilizzatori locali. Questo processoprevede il ricorso a specialisti in possesso di conoscenze relative al mercato e alla cultura di destinazione. Èsenza dubbio il livello più costoso: si pensi che per la localizzazione di un prodotto destinato al mercatointernazionale, quindi in almeno 12 lingue o culture, per un totale complessivo di circa 500.000 parole, deveprevedersi un bilancio di almeno 3 milioni di Euro. Tuttavia questo è anche il livello di localizzazione che offre imassimi ritorni.Il mercato della localizzazioneIl mercato della localizzazione ha preso avvio sul finire degli anni ottanta quando, con la diffusione del personalcomputer negli uffici e nelle case, le società produttrici di software hanno cominciato ad avvertire l’esigenza direalizzare applicazioni appetibili anche al pubblico non anglofono. Inizialmente, però, lo sviluppo del software era un’attività confinata quasi esclusivamente ai soli Stati Unitied erano pochi i tecnici con conoscenze linguistiche adeguate a gestire agevolmente il processo di adattamentodei programmi agli altri mercati. Con l’apertura di nuovi mercati, e soprattutto di quelli asiatici, l’attività di localizzazione si evolseprogressivamente da attività sporadica e improvvisata fino a divenire, nella seconda metà degli anni novanta,una vera e propria industria per dimensioni, complessità e formalizzazione delle procedure. Secondo un rapporto redatto dall’inglese Ovum, nel 1997 il valore delle commesse era di complessivi 2,8miliardi di dollari, destinati a crescere a 6,2 nel 2000. Quasi la metà degli investimenti era destinata ai mercatiasiatici (il 31% al solo Giappone) e il 25% al mercato europeo. Microsoft e Oracle venivano indicate coninvestimenti uguali per circa 200 milioni di dollari.Copyright © 2002 Gruppo L10N 11
  • Introduzione alla localizzazione In un altro studio dello stesso anno condotto da Rose Lockwood, il mercato di lingua italiana era indicato alterzo posto dopo quello giapponese e quello di lingua tedesca, con volumi crescenti a partire dai 236 milioni didollari del 1994 per finire ai 748 del 2000. Altre stime più recenti (2001) di Allied Business Intelligence, pur correggendo leggermente al ribasso tutte lealtre, indicano un andamento regolare di crescita, dai complessivi 7 miliardi di dollari del 2001 agli oltre 9,6previsti nel 2007. Andamento dei profitti nel mercato mondiale della localizzazione La fetta più consistente del mercato europeo è irlandese. In Irlanda, infatti, è concentrato il grosso delleforze, per personale (circa 4.000 unità) e investimenti (circa il 60%). In Italia, sono una sessantina le società e le agenzie di localizzazione alcune delle quali filiali orappresentanze di multinazionali straniere. A fronte di circa 20.000 traduttori “censiti”, che si sono cioèdichiarati tali negli ultimi censimenti, stime recenti indicano in circa 300 i localizzatori a vario titolo.Copyright © 2002 Gruppo L10N 12
  • Introduzione alla localizzazione Caratteristiche dei progetti di localizzazione softwareOgni progetto di localizzazione è caratterizzato da una serie di variabili quali numero e tipo di componenti delprodotto, volumi del materiale da localizzare, lingua/e di origine e destinazione, strumenti da utilizzare, tipo dipiattaforma, budget a disposizione, tempi di rilascio, strategie aziendali di mercato e molto altro ancora.Ognuno di questi elementi influisce in modo sostanziale sulla complessità del progetto e sui processi di lavoro. Inoltre, la gestione di un progetto di localizzazione dipende enormemente dalla struttura dell’organizzazioneche si occupa di localizzare un determinato prodotto. I processi e le figure professionali coinvolte varianosensibilmente se a gestire il progetto è la stessa azienda software che ha sviluppato il prodotto e che dispone diun proprio settore localizzazione, una grande azienda con vari uffici in tutto il mondo che si occupa dilocalizzare un prodotto in più lingue (vere e proprie multinazionali meglio conosciute come MLV, Multi LanguageVendor) oppure una piccola agenzia o società di localizzazione che molto spesso opera in una sola lingua (SLV,Single Language Vendor).I componenti di un prodotto softwareUn prodotto software è costituito da vari componenti. Ai fini di un progetto di localizzazione, questi possonoessere raggruppati in tre categorie: • interfaccia grafica; • guida in linea; • documentazione.Interfaccia graficaL’interfaccia grafica è quello che l’utente vede dell’applicazione sullo schermo: finestre di dialogo, menu,opzioni, messaggi di errore, stringhe, pulsanti e altre parti grafiche e testuali. Questi elementi sonogeneralmente inseriti in file di risorse (resource file) distinti dal codice del programma per facilitarne proprio lalocalizzazione. I file di risorse sono solitamente presentati in formato testo e, in questo caso, si possono localizzare con unnormale editor o elaboratore testi oppure con un editor di risorse o, ancora, con i cosiddetti strumenti dilocalizzazione che consentono di intervenire direttamente sui file binari. Nei file di risorse le parti di testo sono associate a codici che il localizzatore potrebbe accidentalmentemodificare o cancellare durante la traduzione. Per questo è preferibile localizzare l’interfaccia direttamente neifile binari con appositi strumenti che creano un ambiente di localizzazione in cui si interviene sulle parti di testosenza il pericolo di danneggiare codici o altri elementi non traducibili. La scelta dello strumento e della metodologia, comunque, non spetta quasi mai al localizzatore ma piuttostoal produttore del software.Guida in lineaLa guida in linea (comunemente detta anche help) contiene informazioni importanti sul funzionamentodell’applicazione software e su altri argomenti correlati. Le informazioni, suddivise in argomenti facilmenteaccessibili, possono essere visualizzate direttamente sul video mentre si utilizza l’applicazione. Grazie alsommario e all’indice analitico, ma soprattutto ai collegamenti ipertestuali, l’utente può facilmente navigareall’interno della guida alla ricerca di un argomento specifico. Attraverso l’inserimento di opportuni puntatori all’interno del codice sorgente, gli sviluppatori possonorendere la guida in linea “sensibile al contesto”, per cui l’utente che si trova in una qualsiasi sezionedell’applicazione ha la possibilità di accedere direttamente all’argomento della guida relativo a quella sezione,senza dover navigare alla ricerca delle informazioni desiderate. La tecnologia relativa allo sviluppo dei sistemi di guida in linea sta evolvendo rapidamente verso ambientiche riescono immediatamente a fornire il maggior numero di informazioni all’utente con l’ausilio anche diCopyright © 2002 Gruppo L10N 13
  • Introduzione alla localizzazionesupporti multimediali. Sono molti i sistemi disponibili oggi, tra cui WinHelp, HTML Help, Java Help e ciascuno sipuò personalizzare e arricchire di funzioni specifiche in base alle singole esigenze. L’ambiente di localizzazione varia a seconda del sistema scelto. Per i sistemi WinHelp si può utilizzare uncomune elaboratore testi che supporti il formato RTF (p. es. Microsoft Word) mentre per HTML Help, forse il piùutilizzato al momento, basato sul linguaggio HTML, si può utilizzare un editor HTML tra i tanti facilmentereperibili, anche gratuitamente in Rete. Per Java Help, basato, oltre che su HTML, sul linguaggio XML, si puòutilizzare un apposito editor facilmente reperibile, anche gratuitamente in Rete. Inutile dire, poi, che idocumenti HTML e XML sono comunque basati su testo e che quindi, volendo, con un bel po’ di pazienza e tanta,tanta attenzione, si può utilizzare anche un normale editor di testo. Al termine della traduzione (testo e immagini), i file vengono compilati nei rispettivi ambienti di sviluppo.Per il formato Java Help non è necessario compilare i file perché è possibile accedere al contenuto della guidadirettamente da essi.DocumentazioneAll’interno della confezione di ogni applicazione software si trovano in genere alcuni documenti cartacei acorredo: la guida introduttiva, la guida all’installazione, il manuale dell’utente, il contratto di licenza, lagaranzia, le informazioni sul supporto tecnico e altro materiale informativo e pubblicitario. Questadocumentazione, spesso arricchita con illustrazioni e schermate estratte dalla stessa applicazione software,viene realizzata con vari strumenti a seconda della complessità della struttura di testo e immagini.L’elaboratore testi più utilizzato è Microsoft Word ma nel caso di manuali articolati che includono testo e graficacomplessi vengono spesso utilizzate applicazioni di editoria elettronica e di grafica come Adobe FrameMaker,Adobe PageMaker, Adobe Photoshop, Adobe Illustrator, QuarkXPress, Interleaf (ora BroadVision) e Corel Ventura.Il localizzatore può eseguire la traduzione direttamente all’interno di queste applicazioni, che però risultanospesso complicate e richiedono grande esperienza. Per questa ragione sono stati sviluppati filtri speciali checonsentono di convertire i file sviluppati nelle principali applicazioni di editoria elettronica in normali file RTF ericonvertirli nel formato originale al termine della traduzione. Inoltre, è ormai diffusa, e crescente, la consuetudine di sostituire il materiale cartaceo all’interno delleconfezioni con le corrispondenti versioni elettroniche in formato PDF, in file contenuti nello stesso CD-ROM incui si trovano quelli di installazione del software. I file PDF si possono visualizzare e stampare con AdobeAcrobat Reader, spesso fornito con il CD-ROM del prodotto e che si può mantenere aggiornato scaricandogratuitamente le nuove versioni dal sito Web di Adobe. Questa modalità di distribuzione non cambia sostanzialmente nulla nel processo di localizzazione delladocumentazione a corredo. Gli strumenti e le applicazioni per la realizzazione della documentazione rimangonogli stessi così come i processi di traduzione. È tuttavia necessario prevedere l’attività di conversione dei file nelformato PDF, in sostituzione o integrazione al processo di stampa. Si tratta, comunque, di un’attività per laquale è spesso già presente un’apposita funzione nelle principali applicazioni di elaborazione testi ed editoriaelettronica.Le fasi di un progetto di localizzazioneMalgrado l’evoluzione del mercato e dell’attività di localizzazione, e la complessità e formalizzazione delleprocedure raggiunta a molti livelli, non è ancora possibile fare riferimento a processi standard. Ciascuna attivitàdi un progetto di localizzazione si può ampliare, eliminare, ridurre, integrare in altri processi o suddividere inpiù fasi a seconda delle esigenze del cliente, del tipo di prodotto e del livello di organizzazione. In linea generale, la gestione di un progetto di localizzazione segue ormai quella di un qualunque altroprogetto complesso e si articola in: 1. quotazione dei servizi al cliente (elaborazione di preventivi specifici in base alle esigenze e alle priorità del cliente); 2. pianificazione (analisi delle esigenze e stesura del piano di progetto); 3. selezione delle risorse necessarie per il completamento del progetto e definizione dei ruoli; 4. analisi e preparazione del materiale (kit di localizzazione); 5. selezione degli strumenti di lavoro; 6. traduzione e revisioni; 7. riunioni periodiche del gruppo di progetto per verificare l’accoglimento delle richieste del cliente e l’avanzamento lavori (problemi riscontrati e soluzioni individuate); 8. rapporto periodico al cliente sullo stato di avanzamento lavori (quadro generale, obiettivi principali raggiunti, fase di lavorazione, iniziative da intraprendere, problemi riscontrati e soluzioni individuate, tempi previsti per il completamento); 9. QA (assicurazione qualità); 10.collaudo linguistico e funzionale; 11.verifica e valutazione finale con il cliente.Copyright © 2002 Gruppo L10N 14
  • Introduzione alla localizzazioneAnalisi e preparazione del materialeIn fase di analisi del materiale ricevuto dal cliente o dagli sviluppatori (nel caso il prodotto si localizziinternamente) si prepara l’ambiente di localizzazione che deve raccogliere e organizzare tutte le informazionirelative al progetto. In questa si verifica che il materiale da localizzare quali file, glossari, istruzioni e materiale di riferimentocorrispondano esattamente a quanto concordato. È importante verificare eventuali scostamenti dei volumi ditraduzione da quelli concordati; in caso contrario si dovrà, infatti, procedere al riesame del piano di progetto edelle condizioni di fornitura. Al termine di questa fase è prassi comune confermare al cliente (esterno o interno) la ricezione di tutto ilmateriale, dei volumi esatti di traduzione e le date di scadenza del progetto e si passa alla preparazione delmateriale da tradurre. Questa fase prevede la lettura del materiale di riferimento e delle istruzioni relative alprogetto fornite dal cliente che generalmente ne riassumono i punti fondamentali: • nome del progetto; • tipo di prodotto; • componenti; • piattaforma; • volumi; • scadenze; • strumenti di localizzazione; • glossari, guida di stile, kit di localizzazione; • persone coinvolte (nome, telefono e posta elettronica); • altre informazioni utili.Preparazione di una “memoria” del progettoPer ogni progetto di localizzazione, anche quando già esistano versioni del prodotto precedentementelocalizzate, è bene realizzare una base terminologica e una memoria di traduzione su cui basare l’interoprogetto. Non è infrequente che sia il cliente stesso a disporre di una base terminologica comune per tutte le lingue e ainviarla ai fornitori in avvio del progetto. Ma può accadere con altrettanta frequenza che spetti al localizzatoreestrarre la terminologia di progetto, manualmente o automaticamente servendosi delle tecnologie di estrazioneterminologica, e realizzare il database da tradurre e sottoporre al cliente per la convalida prima di cominciare latraduzione. Talvolta, purtroppo, quando il progetto di localizzazione comprende anche l’interfaccia utente, si è costrettia trascurare quest’attività, lunga e onerosa, e al localizzatore si chiede di iniziare direttamente con latraduzione dei file di risorse. Questi, fortunatamente, costituiscono già di fatto una risorsa terminologica delprogetto e ci si può servire di un comune strumento di localizzazione per esportare il materiale tradotto sottoforma di database da utilizzare come glossario per la successiva traduzione della guida in linea, delladocumentazione e di tutto il materiale di riferimento. Inoltre, in questa fase, è fondamentale potersi fare un quadro preciso delle funzioni del prodotto, dellaterminologia utilizzata dal cliente e dai potenziali utenti, e quindi disporre di tutto il materiale di riferimentopossibile e consultare qualunque risorsa aggiuntiva, dal sito Web del produttore a eventuali newsgroup e mailinglist dedicate.Traduzione e revisioneIl ciclo ideale di traduzione all’interno di un progetto di localizzazione software privilegerebbe la traduzione deifile di risorse, seguita da quella della guida in linea, quindi della documentazione, cartacea o elettronica, einfine del materiale aggiuntivo. Nella pratica, le esigenze commerciali e di progetto sono spesso diverse, dettate da problemi di budget, daitempi di sviluppo e rilascio (time-to-market), dalla tipologia degli utenti finali ecc. È possibile per esempio che,all’ultimo momento, l’interfaccia utente non sia disponibile perché durante la fase di collaudo sono statiriscontrati vari errori che devono essere immediatamente corretti. Oppure che si renda necessario unaggiornamento del software dell’ultimo minuto (evento tutt’altro che raro nell’industria del software) e chequindi gli altri componenti siano disponibili per la localizzazione prima dei file di risorse. Queste eventualità rendono basilare l’affidabilità del piano di progetto e la corretta selezione delle risorse edegli strumenti individuati al suo interno. È quindi necessario, in questa fase, attivare un canale dicomunicazione bidirezionale tra il cliente e il gruppo di progetto in modo che le istruzioni fornite del cliente perla traduzione e la revisione non vadano fraintese e che lo scambio di informazioni, suggerimenti e commenti e lanotifica di eventuali problemi sia tempestiva ed efficace. Questa responsabilità compete totalmente alCopyright © 2002 Gruppo L10N 15
  • Introduzione alla localizzazionecoordinatore del progetto che deve garantire una conveniente pianificazione delle varie attività e del flusso dilavoro e assicurare un canale di comunicazione con tutte le parti coinvolte nel progetto affinché tutto si svolganei tempi e nelle modalità stabilite. Definizione Sequenza obiettivi attività Definizione Definizione attività programma Stima Pianificazione durata interventi attività Costi a budget Individuazione risorse Stima Sviluppo costi project plan Attività di definizione di un piano di progettoCollaudoIl collaudo è la fase che conclude il processo di localizzazione prima della verifica finale con il cliente einteressa la parte linguistica e quella funzionale del prodotto localizzato. Il collaudo funzionale prevede un serie di prove a livello di funzionalità generale, di interfaccia utente e dicompatibilità. In questa fase si verificano le procedure di installazione e disinstallazione, controllando la correttezza e ilfunzionamento di tutte le istruzioni secondo quanto descritto nel manuale utente. Si verifica quindi il correttofunzionamento del programma e l’assenza di bug introdotti a seguito della localizzazione. A livellodell’interfaccia utente si effettua un cosiddetto walk-through, per verificare il mantenimento della sensibilitàcontestuale della guida e la corrispondenza dei puntamenti interni ed esterni. L’ultima serie di test interessa la compatibilità hardware e le funzionalità multimediali ed è finalizzata adaccertare il corretto funzionamento del software con le varie piattaforme (processori, schede grafiche, schedeaudio e modelli di CD-ROM e DVD-ROM) per le quali era stato originariamente certificato.Copyright © 2002 Gruppo L10N 16
  • Introduzione alla localizzazione Figure professionaliIl processo di localizzazione coinvolge numerose figure professionali, in alcuni casi estranee alla traduzione insenso stretto, con percorsi formativi diversi e competenze di tipo linguistico, tecnico e gestionale. Non si tratta di figure definite rigidamente da un ruolo aziendale, ma di competenze professionali assegnatea più persone e svolte da più aziende. È il contesto lavorativo che si viene a creare per ogni progetto dilocalizzazione a determinare le relazioni tra funzioni, aziende e figure professionali. Se il progetto è di grandidimensioni, esistono ruoli ben definiti assegnati a persone diverse; con il ridursi delle dimensioni, si contraggonoanche i volumi di lavoro e le stesse attività vengono svolte da un numero inferiore di professionisti. Il caso limite di un localizzatore che interagisce direttamente con il cliente occupandosi di tutte le attivitàdel progetto è assai raro, per via del volume dei progetti e del limitato tempo a disposizione. Nei progetti di medie e grandi dimensioni è frequente imbattersi nelle seguenti figure professionali, talvoltaprovviste di particolari e spiccate competenze tecniche necessarie per i progetti più complessi: • localizzatore; • revisore; • language specialist; • terminologo; • specialista DTP; • responsabile QA (assicurazione qualità); • localization engineer; • sistemista; • project manager.Struttura e organizzazione del gruppo di lavoroL’obiettivo principale in un progetto di localizzazione è la coerenza e questa dipende dall’efficacia delcoordinamento. Con progetti di grandi dimensioni e poco tempo a disposizione (praticamente la regola), occorre tuttaviaaffidarsi a più localizzatori. Se il progetto prevede anche numerosi elementi grafici, sarà necessario coinvolgere anche specialisti dieditoria elettronica. Di solito, la traduzione del testo relativo alla grafica spetta al traduttore, ma lasostituzione del testo originale con quello tradotto e le successive fasi di edizione vengono eseguite da personalespecializzato dell’agenzia o della società di localizzazione o direttamente dal cliente. Inoltre, una volta completata la localizzazione, è necessario prevedere una fase di revisione, una diassicurazione della qualità (QA, quality assurance) e una di collaudo. Per quanto attiene alla qualità, ènecessario distinguere tra assicurazione (quality assurance, QA) e controllo (quality control, QC). La primaconsiste in un processo globale volto a garantire la qualità finale del prodotto, il secondo in una serie diprocedure condotte all’interno del processo di QA. La fase di revisione ha come scopo quello di valutare la qualità del lavoro di traduzione, l’uniformità dellaterminologia, nonché quello di integrare e rendere coerenti le traduzioni eseguite da persone diverse. La fase di QA si articola su processi che variano da azienda ad azienda ed è intesa a verificare che l’interaattività di localizzazione rispetti determinati standard di qualità, generalmente sulla base di una griglia a puntiche identifica i vari livelli di errore. Nel caso in cui una traduzione non passi la fase di QA (NO PASS), vienerinviata al traduttore o al revisore con una serie di istruzioni dettagliate e commenti per migliorarla. In fase di collaudo, invece, si verifica il corretto funzionamento del programma localizzato. Come sempre nel caso di lavoro di gruppo, il coordinamento rappresenta un momento fondamentale e, inquesto caso, occorre sincronizzare e far cooperare ruoli diversi di diverse aziende e mantenersi in costantecomunicazione con il cliente. Solitamente, disponendo di filiali nei paesi in cui intende localizzare il prodotto, il produttore assume unlanguage specialist. Altrimenti, la società che si occupa della localizzazione individua un responsabile locale(project leader) e/o uno per l’intero processo (project manager).Copyright © 2002 Gruppo L10N 17
  • Introduzione alla localizzazioneLocalizzatoreSi occupa concretamente della traduzione del materiale. Molto spesso si tratta di liberi professionisti checollaborano con le agenzie e le società di localizzazione. Le competenze richieste sono numerose e spaziano da quelle tecnico-informatiche necessarie per utilizzarecorrettamente gli strumenti di traduzione a quelle squisitamente traduttive.RevisoreSi occupa della revisione del materiale tradotto dai localizzatori verificando l’applicazione dei glossari diriferimento forniti dal cliente e risolvendo le incongruenze terminologiche tra i diversi localizzatori. In genere, sioccupa anche della gestione delle memorie di traduzione. Ha competenze di tipo spiccatamente linguistico.Language specialistÈ spesso un rappresentante del cliente che agisce come figura di riferimento per la soluzione dei problemiterminologici e linguistici e interagisce con gli sviluppatori per la soluzione dei problemi tecnici.TerminologoFigura analoga al language specialist, appartiene all’agenzia o alla società di localizzazione e opera come filtrotra i localizzatori e il language specialist per raccogliere, smistare e dirimere le questioni terminologiche. Spessogestisce anche gli aggiornamenti apportati al materiale di riferimento durante il progetto. Solitamente è presente solo nei progetti di grandi dimensioni e dispone di competenze prettamentelinguistiche.Specialista DTPSi occupa della parte grafica del progetto (immagini, diagrammi, schemi ecc.). Appartiene di solito all’agenzia oalla società di localizzazione. Dispone di specifiche competenze tecniche.Responsabile QA (assicurazione qualità)Implementa i processi di QA per verificare che il prodotto di ogni attività di un progetto di localizzazione rispettii livelli di qualità stabiliti analizzandolo con appositi strumenti software. Nel MLV, questa figura è spessso associata al language specialist ed è una figura essenziale ai fini dellacertificazione di qualità.Localization engineerSi occupa della soluzione degli aspetti tecnici del progetto quali l’internazionalizzazione e la compilazione delcodice sorgente e delle guide in linea dell’applicazione localizzata per generare l’ambiente di collaudo e didebug. Verifica il corretto funzionamento e l’aspetto finale del prodotto localizzato. Dispone di specifiche competenze tecniche.SistemistaSi occupa della gestione dei sistemi informativi aziendali e del supporto tecnico. Dispone di specifiche competenze tecniche. Solo le agenzie e le società di localizzazione di grandi dimensioni prevedono questa specifica funzioneaziendale.Project managerÈ il responsabile del progetto di localizzazione. Svolge attività di coordinamento tra i localizzatori, i revisori e ilcliente. Si occupa anche di predisporre il kit di localizzazione. Appartiene all’agenzia o alla società dilocalizzazione. Nell’ambito di grandi progetti è un rappresentante del cliente al quale rispondono vari projectleader, uno per locale. Ha competenze tecniche e organizzative.Copyright © 2002 Gruppo L10N 18
  • Introduzione alla localizzazione Il profilo professionale del localizzatoreNel processo di localizzazione intervengono figure diverse a livello gestionale, tecnico e linguistico: traduttori,revisori, terminologi, linguisti, localizzatori, coordinatori, tecnici informatici, esperti di DTP, project manager. Per poter sviluppare un approccio globale alla localizzazione di un prodotto, quindi, sono necessariecompetenza ed esperienza. Tuttavia, il cosiddetto skill shortage che affligge tutto il comparto dell’informatica costituisce ancora unodegli ostacoli maggiori alla crescita, pur tumultuosa, del mercato della localizzazione. La localizzazione èun’attività che presuppone competenze specialistiche di carattere tecnico e linguistico. I percorsi educativitradizionali tendono a concentrarsi su uno dei due aspetti a discapito dell’altro. Solo recentemente in Italia si ètentato, in alcuni atenei, di gettare un ponte tra queste due aree della conoscenza umana, con l’istituzione adesempio di corsi di linguistica applicata o di informatica applicata alle scienze umane. In altri paesi, inparticolare in Irlanda, dove l’industria della localizzazione ha conosciuto un particolare sviluppo, sono statiistituiti da diversi anni corsi mirati in modo specifico alla formazione della figura del localizzatore. Lasproporzione tra le professionalità richieste dal mercato e quelle disponibili è tuttavia ancora elevata.Traduttore e localizzatoreAlcuni teorici della traduzione sostengono che una buona traduzione dovrebbe apparire come un testo scrittodallo stesso autore se la sua lingua fosse stata quella del traduttore. In realtà, nessuno scriverebbe in un’altra lingua la stessa cosa allo stesso modo, anche solo dati e cifre e,soprattutto, un prodotto software. Le due figure del traduttore e del localizzatore, per quanto apparentemente affini, si differenziano per pochima sostanziali aspetti. L’attività di localizzazione presenta, infatti, peculiarità e complessità sconosciute rispetto a quella ditraduzione tecnica, per formati, procedure di lavoro e interoperabilità e varietà dei prodotti. Come per un qualsiasi traduttore, lo scopo ultimo del lavoro del localizzatore è la comunicazione. Tuttavia,per garantire la stessa efficacia comunicativa a un prodotto localizzato, quindi a un pubblico diverso da quelloper il quale esso è stato originariamente preparato, il localizzatore deve conoscere gli elementi e i principi allabase della sua realizzazione. Nel localizzare un’applicazione, quindi, il localizzatore deve saper riconoscere gli strumenti e le tecnicheutilizzate da progettisti e sviluppatori e porre rimedio, in spazi angusti, a ogni imprecisione derivante da un usosbrigativo e sintetico del lessico. La localizzazione richiede perciò, come presupposto essenziale, quella superiorità che deriva dallacompetenza diretta e che si sposa con le tradizionali competenze linguistiche che permettono al traduttore diconfrontarsi con veri e propri sistemi linguistici e concettuali. Questo però non vuol dire che quanti si dedicanoalla localizzazione senza aver ricevuto una precisa formazione e provenendo al contrario da percorsi del tuttodiversi devono evidentemente avere motivi particolari per non svolgere la professione alla quale intendevanomagari dedicarsi in origine. Al localizzatore si richiedono sempre, infatti, competenze linguistiche pari a quelle di un traduttore tecnicoprofessionista. La conoscenza della lingua di lavoro, oltre che approfondita, deve essere costantementeaggiornata per permettere non solo di comprendere perfettamente il testo, ma anche di riconoscereimperfezioni, varianti, forme colloquiali e persino errori. Alle competenze linguistiche devono aggiungersene, però, altre di carattere squisitamente tecnico-informatico. Sono infatti necessarie una solida e approfondita conoscenza della piattaforma destinata a ospitarel’applicazione da localizzare, la destrezza nell’uso degli strumenti e delle applicazioni più diffuse, dell’Internete di tutti gli altri supporti elettronici di consultazione di cui si può disporre. Ma, soprattutto, nel bagaglio di conoscenze del localizzatore non devono mancare la capacità di utilizzare glistrumenti di localizzazione veri e propri e, magari, più ambienti operativi e almeno uno di sviluppo.Competenze tecniche e dotazioniIl localizzatore professionista dovrebbe disporre di solide basi tecniche su cui innestare le competenze piùspecificamente traduttive. Dovrebbe quindi conoscere la struttura del software, i principi del trattamento deltesto, di programmazione e di gestione di basi di dati.Copyright © 2002 Gruppo L10N 19
  • Introduzione alla localizzazione Decisamente utile può rivelarsi la conoscenza approfondita dei programmi di elaborazione del testo e inparticolare delle loro funzioni avanzate (campi, macro, glossario, indici, revisioni). Assolutamente indispensabile, invece, è saper utilizzare almeno un programma di traduzione assistita, uno dilocalizzazione e, magari, uno di traduzione automatica. Infine, per quanto improbabile sia che gli si chiedano prestazioni da sviluppatore o progettista software, unlocalizzatore professionista deve sapere come collocarsi all’interno del processo di produzione del software(ciclo di vita del software, struttura dei progetti di localizzazione, metodologie di build e di test e di controlloqualità) e conoscere ruolo, attività, flussi di lavoro e relazioni tra le diverse organizzazioni e figure professionalicoinvolte. Infine, localizzatori e traduttori operanti all’interno di un gruppo di localizzazione dovrebbero disporre comedotazione normale di strumenti hardware e software allo stato dell’arte e connessione all’Internet. A questoriguardo, completano il kit la capacità di sfruttarne le risorse e di condurre ricerche rapidamente e conefficacia.Capacità personali ed extraprofessionaliNel corso di un progetto di localizzazione, il localizzatore viene a contatto con diverse altre figure professionali,dal project manager che stima, pianifica e coordina l’intero progetto al project leader che coordina e revisionail lavoro del pool di localizzatori di un determinato locale, passando per il terminologo e il localization engineerche curano, rispettivamente, il supporto terminologico e il corretto funzionamento e l’aspetto finale delprodotto localizzato. Di queste figure deve quindi conoscere ruolo e attività e riconoscerne autorità eresponsabilità. Al localizzatore si richiedono, quindi, spiccate capacità di comunicazione e di lavoro in gruppo.L’attività di localizzazioneSono in molti a credere che localizzazione voglia dire “soltanto” tradurre le stringhe di testo all’interno diun’applicazione software. In realtà è molto di più e comincia già in fase di progettazione e sviluppo, preparandoadeguatamente il prodotto alla traduzione. In particolare, però, l’attività di localizzazione interessa quattro ambiti principali: 1. localizzazione delle interfacce utente; 2. localizzazione delle guide in linea e della documentazione elettronica in generale, pagine Web comprese; 3. localizzazione della documentazione a corredo; 4. localizzazione dei moduli di applicazioni per il Web.Localizzazione delle interfacce utenteÈ probabilmente la localizzazione per eccellenza. Essenziale si dimostra, in quest’ambito, la conoscenza deglistrumenti di localizzazione e di traduzione assistita. Ancor più importante è la conoscenza della piattaforma edegli ambienti di sviluppo che consente di superare i numerosi limiti dei manipolatori di stringhe.Localizzazione della documentazione elettronicaPer questa attività, anch’essa molto vicina alla traduzione tecnica tradizionale, è necessario disporre diconoscenze precise sulla tipologia dei documenti elettronici, la loro struttura, i formati. In alcuni casi ènecessario disporre di strumenti specifici ancorché gratuiti. Anche in questo caso i contenuti richiedono competenze specifiche nella materia per poterli adattare allacultura di destinazione. Sempre più spesso, peraltro, la documentazione a corredo è realizzata in modalità single source e coincidequindi con quella elettronica.Localizzazione della documentazione a corredoSi tratta di una tipologia di lavoro del tutto assimilabile alla traduzione tecnica tradizionale, benché lo sviluppodegli strumenti informatici renda oggi necessarie competenze che in passato erano considerate un plus. I contenuti richiedono competenze specifiche nella materia per poterli adattare alla cultura di destinazionee, anche se non necessaria, è utile la conoscenza dei fondamenti di redazione tecnica e di page design. Non èinfrequente, infatti, imbattersi in committenti che esigono il rigoroso rispetto del formato originale dei lorodocumenti. Ad essi, tuttavia, vale sempre la pena fare osservare che anche l’impaginazione in un documentotecnico deve essere pensata in modo da favorirne leggibilità e accessibilità e che, quindi, riorganizzarlo, ancheCopyright © 2002 Gruppo L10N 20
  • Introduzione alla localizzazionesolo parzialmente, in funzione di un uso tipicamente locale può contribuire a far meglio accettare il prodotto acui è associato. Data la varietà di prodotti informatici usati per l’impaginazione e la diffusione, infine, è di fatto impossibiledisporre di tutti e destreggiarsi con tutti. La conoscenza degli strumenti di traduzione assistita può quindirivelarsi fondamentale per gestire i vari formati.Localizzazione di applicazioni WebSe la localizzazione di pagine Web è riconducibile a quella della documentazione elettronica, tutt’altra cosa èquella di script, applet, servlet, moduli e componenti. Si tratta di applicazioni che intervengono nellapresentazione e quindi nell’interfaccia utente con messaggi di errore ed elementi interattivi che non sono peròesposti nelle pagine da localizzare. È quindi necessaria una conoscenza delle tecnologie, delle modalità e deilinguaggi di realizzazione e di sviluppo e dei relativi ambienti.GraficaSebbene rientri logicamente nel campo della localizzazione di documenti, la localizzazione di immagini,diagrammi e disegni è attività trasversale alle altre quattro e costituisce sempre più campo di applicazioneseparato. Il trattamento di file in vari formati va dalla localizzazione di presentazioni, tecniche e di marketing, aquella di screenshot e animazioni per corsi di formazione multimediali. Non è infrequente, inoltre, che alcuni elementi dell’interfaccia utente possano essere resi come immagini eche in esse il testo sia quindi presentato in pixel e non si possa modificare con i normali strumenti. Questebitmap devono essere ricreate o, quanto meno, riprodotte sovrapponendovi, ove possibile, il testo. Un classico esempio di queste immagini sono i cosiddetti splash screen, quelle schermate solitamentecontenenti i messaggi di saluto che compaiono all’apertura di un programma. In questo caso al localizzatore si richiedono conoscenze specifiche delle tecnologie, delle tecniche e dellemodalità di trattamento delle immagini e dei relativi strumenti.FormazioneLa formazione di un localizzatore è logico e auspicabile che avvenga sulla base di un tradizionale corso di laureao diploma in traduzione a cui si faccia seguire un corso di specializzazione mirato. È tutt’altro che insolito anche il percorso inverso, che prevede il conseguimento di una laurea a indirizzotecnico-informatico integrata a posteriori da un’adeguata formazione linguistica. In entrambi i casi, comunque, il traguardo sarà un mediatore culturale in grado di valutare correttamenteogni contesto in cui viene chiamato a operare e a scegliere e adottare l’approccio, il metodo e gli strumentiappropriati.Copyright © 2002 Gruppo L10N 21
  • Introduzione alla localizzazione La cassetta degli attrezziPer la sua caratteristica di orientamento al software, l’attività del localizzatore presuppone un utilizzo avanzatodi un numero di strumenti software e hardware decisamente maggiore rispetto al traduttore tecnico“tradizionale”. Senza una “cassetta degli attrezzi” ben fornita e aggiornata nel tempo oggi è difficile, se nonimpossibile, affrontare qualunque progetto di localizzazione. Non è facile, tuttavia, descrivere il contenuto della “cassetta degli attrezzi” di un buon localizzatore, ci sipuò solo limitare a dire cosa non può mancare e a descriverne le caratteristiche generali. In alcuni casi è possibile dotarsi di un ambiente applicativo praticamente gratuito1 se si è, ovviamente,disposti ad accettare le difficoltà imposte da prodotti privi di supporto e sui quali sarà difficile anche trovarecolleghi con ragionevole esperienza.Editor di testiIn nessuna dotazione può mancare un editor di testi completo e versatile. La caratteristica peculiare è ilsupporto a diversi linguaggi di codifica in modo da non essere obbligati a dover usare più di un programma: Unix,DOS, Mac, ANSI, ASCII, HTML, XML, CSS, JavaScript, PERL, PHP, JSP, VBScript, C/C++, Java. Dovrebbe inoltredisporre di un’interfaccia MDI (Multiple Document Interface) che gli consenta, cioè, di aprire e operare su piùdocumenti contemporaneamente, di numerazione delle righe.Automazione d’ufficioGli strumenti di automazione di ufficio (o produttività individuale) non servono solo a scrivere lettere,scambiarsi e-mail, tenere in ordine la rubrica degli indirizzi. Un buon elaboratore testi permette, infatti, dilavorare con i più comuni formati in uso nella realizzazione di documentazione elettronica e cartacea (RTF,HTML, XML), e il numero di ambienti economici o, addirittura gratuiti e con licenza open source è in costanteaumento. I programmi di foglio elettronico sono utilissimi per manipolare tabelle di stringhe e i cosiddetti bug report,gli elenchi di errori che i collaudatori producono al termine di ogni collaudo e in cui inseriscono anche lesegnalazioni provenienti dagli utenti. I programmi per la gestione di database, per quanto apparentemente complessi all’inizio, possono rivelarsicruciali per tradurre il contenuto di interi database sempre più spesso utilizzati nel mondo Web per lagenerazione di siti dinamici e la pubblicazione di dati variabili. Ma possono rivelarsi utilissimi, dopo un breveaddestramento iniziale, per gestire i rapporti con i clienti, alla stregua di un vero e proprio sistema CRM(Contact Relationship Management), la contabilità, le basi terminologiche e chi più ne ha più ne metta. Non va dimenticato, tuttavia, che alcuni strumenti CAT prevedono una stretta integrazione con ambienticommerciali ed è quindi opportuno tenerne conto al momento di pianificare un acquisto.Documentazione elettronicaÈ ormai diffusa, e crescente, la consuetudine di sostituire il materiale cartaceo all’interno delle confezioni conle corrispondenti versioni elettroniche in formato PDF. Dal momento che gli strumenti usati per la realizzazionedella documentazione elettronica sono gli stessi usati per quella cartacea, l’unica necessità aggiuntiva riguardaquelli per la realizzazione dei file in formato PDF. Oltre all’applicazione proprietaria Adobe, ne è disponibileanche una gratuita con licenza open source, l’unica, peraltro, anche per ambiente Linux. Per quanto riguarda, invece, le applicazioni di trattamento di file in formato HTML e XML la scelta è ampia.L’unica accortezza riguarda la capacità di mantenere “pulito” il codice, ma molti dei più moderni elaboratoritesti sono in grado di trattare i due formati in assoluta tranquillità. Alcuni prodotti gratuiti disponibili sottolicenza open source anche per ambiente Linux sono addirittura progettati per lavorare con XML come linguaggionativo.1 Per esempio con una combinazione OpenOffice.org+Rainbow. OpenOffice.org è una office suite disponibile per tutte le principali piattaforme sviluppata su licenza open source e basata su XML per il formato dei file, mentre Rainbow è un contenitore di programmi di utilità accessibili da un’unica interfaccia con funzioni di preparazione dei file per la traduzione e di conversione e il supporto di diversi formati.Copyright © 2002 Gruppo L10N 22
  • Introduzione alla localizzazione Nel caso della localizzazione di siti Web, anche nel caso di siti dinamici gestiti attraverso i cosiddettiprogrammi di gestione dei contenuti (Content Management System, CMS), è sempre utile un programma per ildownload del sito che ne consenta la navigazione e la consultazione off-line. In questo modo si ha la possibilitàdi formulare quotazioni corrette e accertarsi delle dimensioni e della correttezza e completezza del materialeda localizzare eventualmente ricevuto. Molti di questi programmi consentono, tra l’altro, di programmare ildownload per effettuarlo in ore di scarso traffico o di convenienza tariffaria.GraficaSe per le presentazioni si può tranquillamente utilizzare l’applicazione di un normale ambiente di officeautomation, lo stesso non si può dire per le immagini, per trattare le quali occorre un editor ad hoc. Il tipo diimmagini in cui capita più spesso di imbattersi sono le screen capture, vere e proprie “istantanee” delle finestredi un’applicazione. Ma può capitare di dover manipolare anche icone e immagini fotografiche. Oltre a costose applicazioni dai nomi famosi e altisonanti, ve ne sono altre a basso costo, generalmente conlicenza shareware, o addirittura gratuite con licenza open source (The Gimp). Un discorso a parte meritano i programmi per la grafica vettoriale. Anche qui, accanto a quelli prodotte dacase dai nomi famosi e altisonanti, ve ne sono tantissimi gratuiti e, magari, con licenza open source. Nellascelta, comunque, è bene accertarsi che il programma prescelto offra la possibilità di lavorare con il formatoSVG (Scalable Vector Graphics), di recente definizione, ma in rapida e costante diffusione. Si tratta di unformato descrittivo, quindi basato su testo, il che significa che, volendo, potrebbe essere trattato con un editordi testi o con un manipolatore di stringhe, ma il rischio è lo stesso associato ai file di risorse: le forme o i codiciassociati alle parti di testo potrebbero essere modificati o cancellati accidentalmente durante la traduzione.Editor SHG (Segmented Hyper-Graphic)Lavorare sulle immagini e le icone “sensibili” dei file della guida, altrimenti dette “hot spot” con un normaleeditor di immagini, può risultare estremamente fastidioso. I file SHG, e gli hot spot in essi contenuti, si possonomanipolare con appositi editor facilmente reperibili in Rete con licenza freeware o shareware.Ambiente di sviluppoNella cassetta degli attrezzi del bravo localizzatore non dovrebbe mancare almeno un ambiente di sviluppo, dascegliere in funzione dei clienti e delle tipologie di applicazioni con cui si è più spesso chiamati ad operare.Qualora poi si dovesse procedere, occasionalmente o periodicamente, ad aggiornarlo, è bene non disfarsi maidelle versioni precedenti. È, infatti, abitudine piuttosto comune tra gli sviluppatori rimanere ancorati a undeterminato ambiente, ancorché obsoleto, non solo per ragioni economiche, quanto piuttosto per praticità ecomodità, e non sempre le versioni più recenti garantiscono compatibilità con quelle precedenti. Disporre di un ambiente di sviluppo è essenziale per tutti coloro che sono chiamati, anche nel caso di grandiprogetti, a svolgere il doppio ruolo di localizzatore e localization engineer, e quindi a effettuare la compilazionedel codice sorgente, quanto meno per ragioni di test. D’altronde, qualunque ambiente di sviluppo dispone ormai di un’interfaccia grafica e di un dialog editor dautilizzare per la localizzazione dei file di risorse o, quanto meno, per il ridimensionamento delle finestre e deglialtri oggetti.Strumenti di traduzione assistitaGli strumenti di traduzione assistita sono comunemente indicati con il loro acronimo CAT (Computer-AidedTranslation). La loro diffusione è in continua crescita perché è sempre più spesso il cliente stesso a richiedernel’uso, ma anche perché è sempre maggiore il numero di professionisti che in essi trovano autentica convenienza.Gli strumenti CAT consentono di tradurre il materiale e di archiviare in appositi file, detti memorie di traduzione(Translation Memory, TM) le frasi tradotte unitamente a quelle in lingua originale. Con il procedere del lavoro,lo strumento CAT verifica se nella memoria è presente la frase da tradurre o una frase simile e, in casoaffermativo, presenta la traduzione disponibile unitamente alle eventuali differenze individuate. Non si tratta diun processo di traduzione automatica, in quanto il programma si limita a presentare la traduzione disponibilenella memoria e non compie attivamente un’opera di traduzione. Uno strumento CAT è anche in grado di analizzare un file da tradurre in base alle memorie preesistenti e difornire un resoconto con il numero di parole delle frasi non trovate nella memoria, il numero di parole delle frasiesistenti in memoria che presentano alcune differenze e il numero di parole appartenenti a frasi identiche aquelle presenti nella memoria di traduzione o a frasi ripetute, ovvero presenti in più occorrenze ma identichetra loro. La valutazione economica stessa di un progetto spesso si basa sui risultati delle analisi condotte daglistrumenti CAT. L’uso di strumenti CAT consente di ottenere notevoli risultati in termini di: • aumento della produttività, grazie al riutilizzo di materiale già tradotto in precedenza;Copyright © 2002 Gruppo L10N 23
  • Introduzione alla localizzazione • aumento della coerenza terminologica, grazie alle funzioni di ricerca nella memoria; • supporto nella traduzione di materiale contenente marcatori, grazie alla loro individuazione e gestione semiautomatica. Tutto ciò, naturalmente, a patto che l’eventuale memoria di traduzione esistente sia di buona qualità. Non sitratta di un problema da poco, soprattutto per progetti di lunga durata e con più versioni.Strumenti di localizzazioneNei file di risorse le parti di testo sono associate a codici che il localizzatore potrebbe accidentalmentemodificare o cancellare durante la traduzione. Per questo è preferibile localizzare l’interfaccia direttamente neifile binari con appositi strumenti che creano un ambiente di localizzazione in cui si interviene sulle parti di testosenza il pericolo di danneggiare codici o altri elementi non traducibili. Un buon strumento di localizzazione deve prevedere un modulo per il project management, funzioni dimanipolazione delle stringhe e di ridimensionamento delle finestre. Dovrebbe inoltre permettere di lavorare,indifferentemente, su applicazioni a 16 e a 32 bit, con codifica single o double byte.Strumenti di QAUno dei momenti più delicati di un progetto di localizzazione riguarda l’assicurazione della qualità. L’alternativaal controllo manuale dei file della guida e di risorse sono i cosiddetti strumenti di QA che permettono di ridurredrasticamente tempi e risorse, permettendo oltre che di condurre la valutazione iniziale di un progetto dirilevare automaticamente modifiche nel codice, quindi potenziali bug conseguenti a errori di manipolazione infase di localizzazione, ma sono decisamente costosi. Si tratta di strumenti raramente necessari al singoloprofessionista, ma che può fare estremamente comodo conoscere e saper usare dal momento che è sul loroimpiego che gran parte delle agenzie e società di localizzazione basa i propri processi di QA e che è il risultatodelle loro elaborazioni a determinare la corrispondenza di un deliverable ai livelli di qualità attesi.Copyright © 2002 Gruppo L10N 24
  • Introduzione alla localizzazione Valutazione economicaL’unità di misura utilizzata nei progetti di localizzazione è la parola. Il calcolo delle parole da tradurre si esegue sul materiale da localizzare utilizzando le apposite funzioni deglielaboratori testi, spesso ritenute però poco affidabili perché prendono in considerazione tutte le parole, anchequelle da non tradurre (marcatori, rimandi, puntatori, riferimenti ecc.), speciali programmi ad hoc reperibilifacilmente e spesso gratuitamente in rete o gli strumenti CAT, in base a regole che variano da strumento astrumento. Dal momento che ad effettuare il conteggio è il cliente e che raramente indica la tecnologia e la metodologiaimpiegata spesso si tratta di compiere un vero e proprio atto di fede. Si tratta comunque di consuetudini ormai largamente diffuse e considerate alla stregua di uno standard defacto cui non ci si può che adeguare. Anche la produttività media si valuta in base a consuetudini di mercato che considerano ragionevole unamedia di 2.000 parole al giorno. Si tratta comunque di un valore puramente indicativo soggetto a diversi fattori,tra i quali: • tipologia del materiale originale; • disponibilità e qualità di memorie di traduzione; • particolari specifiche richieste dal cliente. Nel caso siano disponibili memorie di traduzione, la valutazione economica si effettua sulla base dei risultatidell’analisi condotta con uno strumento CAT suddividendo le parole in due o più fasce, a seconda del grado disomiglianza delle frasi che le contengono, spesso accorpando le varie fasce di somiglianza per ridurne il numeroe ottenere tre categorie di somiglianza: • parole di frasi ripetute o esistenti nella TM; • parole con somiglianza compresa tra il 50% e il 99%; • parole non esistenti nella memorie di traduzione. In quest’ultimo caso, la valutazione viene formulata a tariffa piena, negli altri due casi rispettivamente al25%-33% e al 50% - 66% della tariffa ordinaria. Talvolta, poi, può accadere che il cliente richieda di noneffettuare alcun controllo sulle corrispondenze al 100% nella memorie di traduzione che perciò non vengonoretribuite. A incidere sulla retribuzione è, infine, la qualità dell’eventuale memoria di traduzione: se è buona,semplifica il lavoro migliorando la produttività; di contro, se è scadente, rende il lavoro irto di difficoltà e arisentirne è, ovviamente la produttività. La proprietà intellettuale delle memorie di traduzione, inoltre, quando si costituiscono a partire da un lavorooriginale è da considerarsi attribuibile interamente al localizzatore. Alle memorie di traduzione, quindi,andrebbe quindi riservato un trattamento separato trattandosi, di fatto, di un prodotto separato riutilizzabile,anche da terzi.Copyright © 2002 Gruppo L10N 25
  • Introduzione alla localizzazione GlossarioAgenzia di traduzioni Impresa che provvede a fornire servizi di traduzione alle aziende che intendono esternalizzare il relativo flusso di lavoro della traduzione servendosi di personale interno e di liberi professionisti. Attualmente queste imprese si stanno affermando anche come fornitori di servizi di localizzazione.Ambiente Contesto tecnologico nel quale agiscono gli utilizzatori di un sistema informatico.Base terminologica Database (v.) terminologico, di norma multilingue. Contenuto di strumenti di gestione terminologica. Il record (v. database) di ciascun termine presenta campi che ne definiscono il concetto associato, forniscono traduzioni adatte all’area tematica, informazioni sulle fonti, grammaticali ecc.Code page Tabella caratteri; insieme ordinato di caratteri in cui a ciascun carattere è associato un indice numerico.Codice sorgente Sistema di codifica ad alto livello, ovvero comprensibile agli essere umani, che consente di definire le funzioni e l’aspetto di un programma applicativo.Collegamento ipertestuale Modo per collegare informazioni presenti in uno o più file al fine di facilitare il passaggio da un’informazione all’altra tramite il rinvio da un punto a un altro dello stesso o di altro file senza dover scorrere il testo o richiederne esplicitamente la visualizzazione.Compilazione Operazione che consente di convertire uno o più file scritti in un linguaggio comprensibile agli esseri umani (v. codice sorgente) in file comprensibili agli elaboratori. Viene utilizzata per creare programmi a partire da file in codice sorgente e file della guida in linea a partire da file RTF.Database Base dati; insieme omogeneo di dati elementari, memorizzati su supporto magnetico o elettronico e direttamente accessibili tramite elaboratore, nel quale l’archiviazione dei dati avviene tramite tabella a doppia entrata in cui ciascun dato viene individuato in base alle coordinate di riga (record) e di colonna (campo).DBMS Database Management System; software che consente di sviluppare e gestire un database (v.) permettendone l’interrogazione e la modifica da parte di altre applicazioni.Deliverable Il risultato, misurabile e verificabile, di un progetto o di una fase di esso.DTP Desk Top Publishing, editoria elettronica; produzione di documenti impaginati utilizzando un computer e una stampante laser.Elenco terminologico Elenco di termini, di norma bilingue, con coppie di termini nella lingua di partenza e di arrivo. File di testo di o TBX (v.) di strumenti di gestione terminologica (v.). Di norma in formati di file con valori separati da virgola o tabulazione utilizzabili con un foglio elettronico.Enabling Predisposizione di un prodotto software alla localizzazione.Freeware Programma gratuito e liberamente utilizzabile, cedibile o trasferibile senza che sia necessario alcun pagamento, ma comunque coperto da copyright, quindi non vendibile.Glossario Elenco alfabetico di termini con significati e interpretazioni corrispondenti in una serie di contesti. Nella traduzione/localizzazione, può trattarsi semplicemente di un elenco terminologico (v.) bilingue o multilingue; spesso confuso con “dizionario”.HTML HyperText Mark-up Language, linguaggio di marcatura (v.) utilizzato per documenti ipertestuali (v. ipertesto), in cui l’uso dei marcatori (v.) è limitato alla sola individuazione delle varianti tipografiche e dei collegamenti ipertestuali (v.).Interfaccia Componente hardware o software specifico in grado di scambiare informazioni tra due o più sistemi. Con interfaccia utente si intende la componente software di un sistema dedicata all’interazione uomo-macchina.Internazionalizzazione (I18N) Anche globalizzazione o enabling (v.); progettazione e sviluppo di un prodotto software in modo da renderne possibile il funzionamento con più locale (v.).Ipertesto Documento leggibile anche in maniera non lineare perché contenente elementi (parole, frasi, immagini) che lo collegano ad altre parti del documento o ad altri ipertesti.Kit di localizzazione Comprende tutti gli strumenti, i file sorgente e binari e il materiale verificato con il cliente, ogni tipo di supporto utile (tra cui glossari e memorie di traduzione) e la documentazione di progetto (istruzioni, checklist, ecc.).Linguaggio di marcatura linguaggio di descrizione della struttura logica e fisica dei documenti attraverso la specifica di regole e l’apposizione di marcatori (v.).Locale Insieme di convenzioni prodotte o interessate da lingua e costume di una particolare area geo- politica.Copyright © 2002 Gruppo L10N 26
  • Introduzione alla localizzazioneLocalizzazione (L10N) Modifica di un prodotto software in modo da adattarlo alla cultura del paese di destinazione.Marcatore Codice per la rappresentazione formale di informazioni generate e conservate elettronicamente.Memoria di traduzione Database (v.) di stringhe di testo (dette segmenti) associate in coppie linguistiche estratte dai documenti elaborati con le relative applicazioni e conservate in funzione di un loro riutilizzo. I documenti da tradurre vengono segmentati e i vari segmenti messi a confronto con quelli conservati nel database (v.).Open source Programmi ceduti con codice sorgente, liberamente distribuibili, senza limitazione d’uso, di vendita o donazione, con divieto di richiedere pagamenti di alcun tipo per la cessione e con libertà di modifica e sviluppo di prodotti derivati da distribuire alle stesse condizioni, garantendo l’integrità del codice sorgente dell’autore e senza vincoli su altro software.PDF Portable Document Format; formato proprietario di file definito da Adobe e derivato dal formato di descrizione pagina e stampa PostScript (v.) che consente di visualizzare lo stesso file su piattaforme diverse, utilizzando versioni diverse dello stesso strumento di visualizzazione.PostScript linguaggio di descrizione matematica di tutte le componenti di una pagina, che permette di ricostruirle su qualunque periferica di stampa abilitata ad interpretare il linguaggio indipendentemente dalla risoluzione.Risorsa Parte di un programma visualizzabile, modificabile o configurabile dall’utente.RTF Rich Text Format; formato di scambio in formato testo per il trasporto di documenti tra ambienti diversi che consente di trasferire illustrazioni, tipo e corpo dei caratteri e tutti gli elementi di impaginazione.ROI Return On Investment; indice di bilancio corrispondente al tasso di redditività del capitale investito dato dal rapporto tra il reddito operativo globale (differenza tra ricavi e costi) e il capitale investito.Screenshot Rappresentazione grafica di una schermata (contenuto dello schermo) di computer o di parte di essa.Shareware Programma distribuito liberamente in versione più o meno completa per il quale è concesso all’utente un periodo di prova al termine del quale è richiesto un contributo per continuare a utilizzarlo.Strumenti CAT (Computer Aided/Assisted Translation) Strumenti di traduzione assistita; dispositivi e programmi che svolgono tre funzioni principali: tradurre, fornire un sistema di editing e, infine, archiviare la memoria di traduzione (v.) per utilizzi futuri. I moderni strumenti CAT comprendono anche applicazioni analitiche, generatori di glossari e indici e applicazioni di text mining (v.). Questi programmi sono in grado di esaminare un documento e restituire un file con elenchi e conteggi di parole e segmenti per l’elaborazione preliminare di un documento e la valutazione della sua idoneità alla traduzione da parte di macchine o traduttori professionisti.Strumenti di gestione terminologica Applicazione software per la gestione di una base terminologica (v.).Strumenti di localizzazione Applicazioni progettate per la traduzione dei file di risorse, che permettono di adattare l’interfaccia (v.) grafica utente e di eseguire il collaudo di determinate funzionalità del software.TBX TermBase eXchange; formato aperto di scambio per basi terminologiche (v.) basato su XML (v.).Text mining Estrazione del testo; ricerca, analisi, strutturazione e categorizzazione automatica di informazioni testuali all’interno di una grande mole di dati.Time-to-market Tempo intercorrente tra l’inizio del processo di sviluppo di un prodotto e la sua commercializzazione.Traduzione automatica Processo di trasposizione di un testo in formato elettronico da una lingua a un’altra interamente compiuto da una macchina.Walk-through Ispezione finale condotta come una normale sessione di lavoro e volta a percorrere tutte le attività per verificare la presenza di eventuali problemi residui da correggere prima della consegna.XML (Extensible Markup Language) Metalinguaggio di marcatura (v.) che permette di definire i marcatori (v.) e in cui questi sono utilizzati per descrivere il contenuto logico di una pagina o di un file, non solamente il suo aspetto.Copyright © 2002 Gruppo L10N 27
  • Introduzione alla localizzazione Letture consigliateLocalizzazioneApple Computer Inc., Guide to MacIntosh Software Localization, Addison-Wesley Publishing Company, 1992, ISBN 0201608561Esselink B., A Practical Guide to Localization, John Benjamins Publishing Co., 2000, ISBN 9027219567Madell T., Parsons C., Abegg J., Developing and Localizing International Software, Prentice Hall, 1994, ISBN 0133006743Monacelli C., Traduzione, revisione e localizzazione nel terzo millennio: da e verso l’inglese, Franco Angeli, 2001, ISBN 8846430506Sager J. C., Multilingual Aspects of Information Technology, Ashgate Publishing Co., 1986, ISBN 0566035138Traduzione, redazione tecnica e terminologiaMagris M. et alii (a cura di), Manuale di terminologia, Aspetti teorici, metodologici e applicativi, Hoepli, 2002, ISBN 8820329433Maiello G., Traduzione e nuove tecnologie, L’Harmattan Italia, 2000, ISBN 8887605386Muzii L., La redazione dei documenti tecnici. Dalla progettazione alla realizzazione. Con esempi di documenti e istruzioni per l’uso degli strumenti informatici, Franco Angeli, 1995, ISBN 8820485117Osimo B., Traduzione e nuove tecnologie, Informatica e Internet per traduttori, Guida pratica con glossario, Hoepli, 2001, ISBN 8820327503Sager J. C., A Practical Course in Terminology Processing, John Benjamins Publishing Co., 1990, ISBN 9027220778Scarpa F., La traduzione specializzata, Lingue speciali e mediazione linguistica, Hoepli, 2001, ISBN 8820327090Sofer M., The Translator’s Handbook, Schreiber Publishing, 2000, ISBN 1887563482Sprung R. C. (a cura di), Translating Into Success, Cutting-edge strategies for going multilingual in a global age, American Translators Association Scholarly Monograph Series, Volume XI, John Benjamins Publishing Co., 2000, ISBN 9027231877Wright S. E., Budin G., Handbook of Terminology Management, vol. 1/2, John Benjamins Publishing Co., 1997- 2001, ISBN 9027221545Wright S. E., Wright L. D. Jr (a cura di), Scientific and Technical Translation, American Translator’s Association Scholarly Monograph Series, Volume VI, John Benjamins Publishing Co., 1993, ISBN 9027231877InternazionalizzazioneAlley P., Strange C., ResEdit Complete: The Bestselling Guide to Tweaking Your MAC, Addison-Wesley, 1993, ISBN 0201626861Bishop M., How to Build a Successful International Web Site: Designing Web Pages for Multilingual Markets at the National and International Level, The Coriolis Group, 1997, ISBN 1576101584Boggan S., Farkas S., Welinske J., Developing Online Help for Windows 95, International Thomson Publishing, 1996, ISBN 1850322112Brier D., International Typographic Design, Madison Square Press, 1999, ISBN 0942604393Carmel E., Global Software Teams: Collaborating Across Borders and Time Zones, Prentice Hall, 1999, ISBN 013924218XCarter D. R., Writing Localizable Software for the MacIntosh, Addison-Wesley, 1991, ISBN 0201570130Deitsch A., Czarnecki D., Java Internationalization, O’Reilly & Associates, 2001, ISBN 0596000197Digital Equipment Corporation, Corporate User Publications, Digital Guide to Developing International Software, Digital Press, 1991, ISBN 1555580637Dr. International, Developing International Software, Microsoft Press, 2002, ISBN 0735615837Fernandes T., Global Interface Design, Morgan Kaufmann Publishers; ISBN 0122537904, 1999Hackos T. J., Steven D. M., Standards for Online Communication: Publishing Information for the Internet/World Wide Web/Help Systems/Corporate Intranets, John Wiley & Sons, 1997, ISBN 0471156957Hall P., Hudson R., Software without Frontiers: A Multi-Platform, Multi-Cultural, Multi-National Approach, John Wiley & Sons, 1997, ISBN 0471969745Copyright © 2002 Gruppo L10N 28
  • Introduzione alla localizzazioneHickman N., Building Windows 95 Help, Hungry Minds, 1996, ISBN 1558514775Hoft N. L., International Technical Communication: How to Export Information About High Technology, John Wiley & Sons, 1995, ISBN 0471037435Inc Staff Apple Computer, Inside MacIntosh: Text, Addison-Wesley Pub Co, 1993, ISBN 0201632985Kano N., Developing International Software for Windows 95 and Windows NT, Microsoft Press, 1995, ISBN 1556158408Kaplan M. S., Internationalization With Visual Basic, Sams, 2000, ISBN 0672319772Luong T. V., Lok J. S. H., Driscoll K., Internationalization: Developing Software For Global Markets, John Wiley & Sons, 1995, ISBN 0471076619Microsoft Corporation, The Windows Interface Guidelines for Software Design: An Application Design Guide, Microsoft Press, 1995, ISBN 1556156790Nielsen J., Del Galdo E. M., International User Interfaces, John Wiley & Sons, 1996, ISBN 0471149659O’Conner J., Internationalization Using the Java Platform, Addison-Wesley, 2002, ISBN 0201615681O’Donnell S. M., Programming for the World: A Guide to Internationalization, Prentice Hall, 1994, ISBN 0137221908Ott C., Global Solutions for Multilingual Applications: Real-World Techniques for Developers and Designers, John Wiley & Sons, 1999, ISBN 0471348279Savourel Y., XML Internationalization and Localization, Sams, 2001, ISBN 0672320967Schmitt D. A., International Programming for Microsoft Windows, Microsoft Press, 2000, ISBN 1572319569Symmonds N., Internationalization and Localization Using Microsoft .Net, 2002, APress; ISBN 1590590023Taylor D., Global Software: Developing Applications for the International Market, Springer Verlag, 1992, ISBN 0387977066Tuthill B., Smallberg D., Creating Worldwide Software: Solaris Int’l Developer’s Guide, Prentice Hall, 1997, ISBN 0134944933Uren E., Howard R., Perinotti T., Software Internationalization and Localization, TGP Consulting, 1993. ISBN 0442014988Wexler S., Foster B., Official Microsoft HTML Help Authoring Kit, Microsoft Press, 1997, ISBN 1572316039Wilimek D., Hricik D., Mastering Windows 95 Help: The Official Book for Help, Blue Sky Software Corp, 1995, ISBN 0964723611Winnick Cluts N., Programming the Windows 95 User Interface (Microsoft Programming), Microsoft Press, 1995, ISBN 155615884XX/Open, X/Open Guide: Internationalisation Guide, Version 2, Prentice Hall Professional Technical Reference, 1994, ISBN 013353541XProject managementKarolak D. W., Global Software Development: Managing Virtual Teams and Environments, IEEE Computer Society, 1999, ISBN 0818687010Tonchia S., Il project management, Come gestire il cambiamento e l’innovazione, Il Sole 24 Ore, 2001, ISBN 8883632974Copyright © 2002 Gruppo L10N 29
  • Introduzione alla localizzazione Siti di riferimentoIl corso di software localization della Kent State University http://appling.kent.edu/ResourcePages/Courseware/Localize/Il sito Web in supporto al libro A Practical Guide to Localization di Bert Esselink http://www.locguide.com/Open Tag, sito dedicato a tecnologie e strumenti della localizzazione http://www.opentag.com/Il sito Web della community internazionale dei localizzatori http://www.localizationworks.com/The Localisation Research Centre http://lrc.csis.ul.ie/The Localization Institute http://www.localizationinstitute.com/L’area del sito Web di Microsoft dedicata all’internazionalizzazione http://www.microsoft.com/globaldev/default.aspL’area del sito Web di Microsoft con la versione elettronica del libro di Nadine Kano Developing International Software for Windows 95 and Windows NT http://www.microsoft.com/globaldev/dis_v1/disv1.aspLISA (Localisation Industry Standards Association) http://www.lisa.orgPortale della globalizzazione, l’internationalizzazione e la localizzazione http://www.globalization.com/Portale dell’internazionalizzazione http://www.i18n.com/Internationalization (i18n) Gurus http://i18ngurus.com/Il sito della Free Standards Group’s Linux Internationalization Initiative (Li18nux) http://www.li18nux.org/Translation Journal http://accurapid.com/journal/The Translation Reference Center http://www.transref.org/AITI (Associazione Italiana Traduttori e Interpreti http://www.aiti.orgCopyright © 2002 Gruppo L10N 30
  • Introduzione alla localizzazione Corsi universitariEuropaUniversität des Saarlandes (D)Angewandte Sprachwissenschaft sowie Übersetzen und Dolmetschenhttp://www.uni-saarland.de/fak4/fr46/University of Limerick (EIRE)BA Languages with Computinghttp://www.ul.ie/techcomm/LwC/intrduction.htmUniversity of Leeds (UK)MA in Applied Translation Studieshttp://smlc01.leeds.ac.uk/cts/index.htmlCentro Universitario CLUNY-ISEIT, Pozuelo de Alarcón (Madrid) (E)Master en Traducción en la Sociedad de la Información Multilingüehttp://www.cluny-es.com/cluny-iseit/es/principal.htmUSAKent State UniversityMaster of Arts Specializing in Translationhttp://appling.kent.eduAustin Community CollegeGlobalization/Internationalization/Localizationhttp://mistsy.home.texas.net/acc/l10n/University of WashingtonSoftware Localizationhttp://www.outreach.washington.edu/extinfo/certprog/sol/sol_main.aspCanadaUniversité de MontréalCertificat Localisationhttp://www.fep.umontreal.ca/localisation/Copyright © 2002 Gruppo L10N 31