• Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
688
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
7
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Il LAVORO DI CURA:
    Fatica e amore
    Fiorella Grigio 22 gennaio 2010
  • 2. La casa
    Spazio accogliente di crescita, di cura, d’amore
    Universo di cibi cucinati, di panni lavati e stirati, di ordine e accoglienza degli ambienti di vita, di carezze e ninne-nanne per i bambini, di sofferenze di dominio, di spazi di potere indiretto, di riconoscenza attraverso l’affetto dei propri cari
    Fiorella Grigio 22 gennaio 2010
  • 3. La casa ieri
    Nel passato era sinonimo di donna, del lavoro quotidiano di cura delle donne.
    Erano le donne a tenere curate le case, a dare protezione agli uomini, a crescere i figli, ad aspettare che prendessero il via, a custodire il villaggio
    Fiorella Grigio 22 gennaio 2010
  • 4. La casa oggi
    Ora le donne sono sempre meno nelle case e sempre più fuori a lavorare, a guadagnare per vivere e a costruirsi un posto nel mondo
    Fiorella Grigio 22 gennaio 2010
  • 5. La casa oggi
    Ora questo mondo, in Occidente, sta sparendo
    Molte hanno delle controfigure (domestiche, babysitter e badanti), che riempiono un po’ il vuoto delle case e delle relazioni
    Fiorella Grigio 22 gennaio 2010
  • 6. problematiche
    Una cultura familistica mai superata completamente, mette la famiglia e in particolare le donne al centro del lavoro di cura e di assistenza agli anziani, ma i figli sono sempre meno e, soprattutto, le loro attività lavorative hanno tempi completamente diversi. Sempre di più è complesso conciliare i tempi di lavoro e di cura.
    Fiorella Grigio 22 gennaio 2010
  • 7. AIUTO ESTERNO
    Il ricorso ad un aiuto esterno nasce, anche, dal mutato ruolo sociale della donna in questi decenni, da una distribuzione non paritaria dei compiti all’interno della famiglia, da una trasformazione della famiglia stessa, da situazioni demografiche e da una diminuzione generalizzata delle prestazioni relative ai servizi socio-sanitari.
    Fiorella Grigio 22 gennaio 2010
  • 8. GLOBALIZZAZIONE DEL LAVORO DI CURA
    Il lavoro di cura non è più solo una questione di genere, ma anche di razza e di classe.
    Migliaia di lavoratrici immigrate vivono oggi una vita “transnazionale” come babysitter, badanti, colf, infermiere e prostitute.
    I bisogni di cura trovano risposta grazie a un surrogato della figura materna rappresentato da donne immigrate, provenienti da paesi poveri che si sostituiscono alle donne occidentali
    Fiorella Grigio 22 gennaio 2010
  • 9. LE ASSISTENTI FAMILIARI
    Sono spesso donne immigrate le figure a cui noi affidiamo la fragilità presente all’interno delle nostre famiglie e che riempiono un vuoto aperto dai tagli del nostro welfare.
    Fiorella Grigio 22 gennaio 2010
  • 10. Le assistenti familiari
    Coloro che assumono le assistenti familiari appartengono a tutti i ceti sociali. Per la prima volta nella storia famiglie spesso deboli economicamente e culturalmente diventano datrici di lavoro, con tutta una serie di problemi e contraddizioni che non erano prevedibili.
    Fiorella Grigio 22 gennaio 2010
  • 11. Come fare?
    Come fare a sostituire l’universo di cura che manca?
    Necessità di una maggiore giustizia tra i generi all’interno della famiglia
    Affermazione del valore sociale delle funzioni della cura
    Fiorella Grigio 22 gennaio 2010
  • 12. Possibili strategie
    invecchiamento attivo della popolazione
    mantenimento dell’anziano nella propria abitazione
    riaffermazione del sistema pubblico
    promozione e riconoscimento del lavoro di cura
    Fiorella Grigio 22 gennaio 2010
  • 13. SOLUZIONI?
    La soluzione è che ognuno, uomo o donna che sia, accetti di compiere una parte del lavoro di cura, dentro e fuori le case
    Redistribuire la cura, dividere e compartire il lavoro della vita che si rinnova e chiede attenzione
    Rivalutare culturalmente e socialmente il lavoro di mantenimento e riproduzione della vita (che non è solo cucinare, pulire,.. Ma anche relazioni ad alto livello di coinvolgimento personale ed affettivo)
    Fiorella Grigio 22 gennaio 2010
  • 14. Fiorella Grigio 22 gennaio 2010