Your SlideShare is downloading. ×
New visual identity system for the School of communication, within Sapienza University of Rome.
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Introducing the official SlideShare app

Stunning, full-screen experience for iPhone and Android

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

New visual identity system for the School of communication, within Sapienza University of Rome.

946
views

Published on

Project for Graphic and Design course, kept by prof. Antonio Romano within Science for communication postgraduation class. …

Project for Graphic and Design course, kept by prof. Antonio Romano within Science for communication postgraduation class.
These slides are about the strategy i created.

Published in: Technology

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
946
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
19
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Una nuova identità Scienze della comunicazione
  • 2.
    • Strategia
    Criticità, Obiettivi, Asset, Valori
  • 3. Criticità rilevate
    • Frammentarietà
    • Rumore
  • 4. Obiettivi della Facoltà
    • Affermazione del ruolo di leadership, del prestigio e della centralità nazionale
    • Coerenza di visione e percezione tra i pubblici (interni ed esterni)
    • Raccordo con l’ identity di Sapienza – Università di Roma
  • 5. Asset della Facoltà
    • Varietà culturale: formazione multidisciplinare, laboratori, etc.
    • Risorse umane: preside, docenti, studenti, etc.
    • Rapporto con il territorio e con la Sapienza – Università di Roma
  • 6.
    • Strategia
    Vision, mission e brand character
  • 7. Nuova vision
    • L’ Università si pone come centro di produzione culturale, tutelando e incentivando le proprie eccellenze, nella ricerca così come nella didattica
    • Conseguenza di questo continuo atto di rinnovare i propri saperi, è il porsi come punto di relazione tra produttori e fruitori del sistema mediale, nella convinzione che sempre più queste due figure sono destinate ad incrociarsi
    • Questa capacità di interloquire con i diversi stakeholder della comunicazione,
    • diviene presupposto di una centralità riconosciuta e condivisa, tale da restituire all’ Ateneo il suo ruolo di guida nei processi di mediazione tra tecnologie, linguaggi e tessuto sociale
  • 8. Nuova mission
    • La necessità di padroneggiare i diversi aspetti della comunicazione incombe oggi anche sulla più semplice attività di relazione sociale, fino ad arrivare ai grandi sistemi quali la produzione/distribuzione di beni e/o informazione
    • Appare dunque sempre più necessaria una piena consapevolezza di linguaggi e strumenti, affinché l’ atto di per sé inevitabile del comunicare smetta di generare quelle criticità tipiche di un approccio parziale o non-specialistico
    • Anticipando le domande dei nostri pubblici si può così produrre una comunicazione che sia portatrice di valore per i suoi destinatari, interpretando dunque quel ruolo di avanguardia, tipico di una istituzione come la Sapienza
  • 9. Sintesi intervento
    • Il primo passo è un intervento di tipo strutturale, descrivendo cioè un modello in grado di affrontare e risolvere il problema della frammentarietà
    • In una seconda fase, si provvede a dare una connotazione alla struttura così individuata
    • I due momenti finiscono con il delineare insieme la nuova idea di comunicazione che la Facoltà andrà a veicolare in futuro
  • 10. Livello strutturale: Rete Anni ’30 Erdos studia i grafi come reti Rete: distribuzione di nodi, collegati tramite dei link. Se ogni nodo possiede anche un solo link, emerge un unico cluster gigante 06/04/09 9/07/07 Scienze della comunicazione Una nuova identità Pagina Fine anni ’60 Stanley Milgram (gradi di separazione) Media di 5,5 passaggi per collegare due persone sconosciute, tramite link selezionati a caso. Le reti portano così alla definizione di mondo piccolo Teorie delle reti (1)
  • 11. Livello strutturale: Rete
    • Anni ’70
    • Mark Granovetter
    • scopre l’ importanza dei legami
    • deboli nelle relazioni sociali
    • Anni ’90
    • Malcom Gladwell:
    • definizione di hub (connettore) come
    • nodo con un numero di link insolitamente alto
    9/07/07 Scienze della comunicazione Una nuova identità Pagina Teorie delle reti (2)
  • 12. Livello strutturale: Rete
    • Ultimi sviluppi
    • Grid Computing (computing distribuito)
    • Infrastruttura distribuita che consente l’ utilizzo di risorse provenienti da un numero indistinto di calcolatori, interconnessi da una rete
    • Si basa sull’ assunto che in media, i nodi collegati alla rete Web impiegano per le normali attività solo il 5% delle proprie risorse
    9/07/07 Scienze della comunicazione Una nuova identità Pagina Teorie delle reti (3)
  • 13. Livello strutturale: Rete
    • Interazione
    • Condivisione
    • Cooperazione
    • Continuum
    • Apertura
    • Democraticità
    • Sinergia
    Caratteristiche: 9/07/07 Scienze della comunicazione Una nuova identità Pagina
  • 14. Ma la rete riguarda anche..
    • Problema dei sette ponti di Konigsberg (metà ‘800)
    • Come attraversare i sette ponti, senza
    • attraversare lo stesso ponte due volte?
    • Eulero imposta il problema definendo i
    • ponti come un grafo (rete):
    • aree urbane definite in termini di nodi
    • ponti definiti come archi, o collegamenti
    9/07/07 Scienze della comunicazione Una nuova identità Pagina Matematica (Teoria dei grafi)
  • 15. Ma la rete riguarda anche.. (2)
    • Concezione non-lineare del racconto:
    • La rete come mondo piccolo in cui è facile per i diversi nodi stabilire un contatto
    • I rapporti causa-effetto vengono sostituiti dagli eventi a catena (effetto farfalla).
    9/07/07 Scienze della comunicazione Una nuova identità Pagina Narrazione
  • 16. Ma la rete riguarda anche.. (3) 9/07/07 Scienze della comunicazione Una nuova identità Pagina Natura “ Tramontata l’era della fratellanza, sta nascendo l’epoca delle reti” Zygmunt Baumann La struttura sociale delle vespe di Panama, come scoperto di recente, è organizzata a rete e non per appartenenze inscindibili
  • 17. Livello strutturale: Rete Potenziali limiti di questo modello Anche la struttura apparentemente più connessa, può arrivare col tempo ad isolare alcune parti dell’ insieme. Alcune zone possono così restare ai margini del flusso principale.
  • 18. Livello strutturale: Rete Potenziali limiti di questo modello (2) Una rete come il sistema nervoso, pur fisicamente connessa, può subire la cosiddetta perdita della propriocezione. Le parti del corpo vengono percepite come entità altre, senza poterne controllare la posizione nello spazio.
  • 19. Livello strutturale: Rete Come prevenire questo tipo di criticità? Si rende necessaria una ulteriore connotazione, di tipo qualitativo Esigenza di maggiore specificità
  • 20. Definizione qualitativa: Armonia
    • consonanza di suoni vocali o strumentali simultanei di piacevole ascolto;
    • concordia di sentimenti, di idee, di intenti: essere, vivere in buona armonia
    • In Arte: combinazione proporzionata di più parti o elementi: es. l’armonia di linee e di colori nelle tele di Monet
    In senso letterale (1)
  • 21.
    • In musica : ramo della teoria musicale che studia la sovrapposizione "verticale"
    • (simultanea) dei suoni, la loro reciproca concatenazione (accordi) e la loro funzione all'interno della tonalità
    Secondo concept: Armonia
      • In filosofia : Il Cosmo nasce dal Chaos grazie al logos , la parola, che genera e mantiene l'Armonia. Il linguaggio dunque, come metafora dello strumento comunicativo che si fa elemento armonizzante.
    In senso letterale (2)
  • 22. Armonia
    • Interazione
    • Condivisione
    • Cooperazione
    • Relazione
    • Coerenza
    • Estro
    • Visione unitaria
    Caratteristiche:
  • 23. Si passa così dal rumore..
  • 24. … ad un racconto strutturato e corale
  • 25. Experience the Brand Character Brand character
  • 26. La piramide dei valori Coerenza Scoperta Reattività Relazione Contatto Eccellenza Estro Struttura RETE Qualità ARMONIA RETE ARMONICA Identity Sapienza Visione Territorialità Internazionalità
  • 27. Perché rete armonica?
    • La rete colma un bisogno urgente nel contesto universitario, che è quello di una relazione, intesa come modalità di contatto e scambio con colleghi e altri pubblici di riferimento
    • SdC risponde alla domanda dei propri pubblici: interfacciarsi senza disperdere le proprie risorse, estendere il patrimonio conoscitivo individuale, in un processo di scambio continuo
  • 28. Brand character RETE ARMONICA Aspirazione Realtà Reputazione Varietà, Entropia Frammentazione Rumore Rete Armonica
  • 29.
    • Strategia
    Brand architecture
  • 30. Da rete armonica alla brand architecture
    • Tradurre Scienze della Comunicazione in termini di racconto, valorizzandone vissuto collettivo e valore apportato quale soggetto culturale
    • Stimolare negli studenti il senso di appartenenza ad una comunità (a livello verbale e visivo)
    “ Per essere noi stessi dobbiamo possedere la storia del nostro vissuto […]. L’ uomo ha bisogno di questo racconto, di un racconto interiore continuo, per conservare la sua identità” Oliver Sacks 9/07/07 Scienze della comunicazione Una nuova identità Pagina
  • 31. Brand architecture
    • Tassonomia delle aree di attività di SdC
    • Raggruppamento delle attività in poche macro aree, afferenti a ambiti omogenei e codificabili
    • Caratterizzazione delle singole macro-aree
    • Definizione rapporto con l’ Ateneo Sapienza
  • 32. Tassonomia delle aree di attività
    • Principali ambiti di attività della Facoltà, ai quali sarà necessario applicare il nuovo linguaggio:
      • Formazione - Didattica: corsi di laurea triennale e specialistica, Alta Formazione, Corsi di riepilogo, Master, Dottorati, Seminari
      • Ricerca: Gruppi di ricerca, osservatori
      • Professioni: Stage, Master, Specialistica, Sportello lavoro
      • Iniziative: Mediazone, RadioSapienza, Socrates/Erasmus, MediaMonitor
      • Eventi: Convegni, lauree ad honorem, conferenze
  • 33. Raggruppamento delle aree di attività
    • La definizione precisa degli ambiti di attività è essenziale per comunicare risultati e generare senso di appartenenza
    • Proponiamo di orientare la comunicazione considerando le diverse attività come afferenti a quattro macro-aree
    • Sono questi i campi in cui maggiormente è impegnata Scienze della Comunicazione, con un occhio anche al suo ruolo nei confronti del settore e degli altri pubblici esterni
  • 34.
    • Didattica : come il momento di formazione vera e propria
    • (formazione triennale, specialistica, master, alta formazione)
    • Ricerca : luogo di produzione e avanguardia culturale
    • (gruppi di ricerca, osservatori)
    • Relazione : ossia le modalità con le quali la Facoltà si connette con l’ esterno
    • (stage, sportello lavoro, Erasmus, RadioSapienza)
    • Orientamento culturale : attività che esprimono il ruolo di faro istituzionale
    • (convegni, conferenze, lauree ad honorem, Mediazone)
    Raggruppamento delle aree di attività (2)
  • 35.
    • Strategia
    Posizionamento
  • 36. Posizionamento 9/07/07 Scienze della comunicazione Una nuova identità Pagina Razionalità Emozione SdC Sapienza SdC Sapienza Missione Perché? Attitudine Chi sono? Qualità Come lo faccio? Utilizzo Che cosa faccio? Presenza Dove sono?
  • 37. Brand map: nuovo posizionamento Profilo accademico Profilo di servizio Approccio speculativo Approccio proattivo USI Bari Palermo SdC - Sapienza IULM Pisa Firenze Torino SdC - Sapienza
  • 38. Proposte
    • Nel rispetto del ruolo e della qualità dell’Istituzione SdC, suggeriamo alcuni
    • profili comunicativi utili allo sviluppo di un senso di appartenenza presso i
    • pubblici interni
    9/07/07 Scienze della comunicazione Una nuova identità Pagina
  • 39. Proposte
    • Evidenziare i risultati raggiunti, soprattutto se in comparti generalmente poco visibili (gruppi di ricerca, osservatori)
    • Sottolineare la ricaduta di tali traguardi sul vissuto della Facoltà
    • Laddove lo si ritenga favorevole, riportare le percezioni espresse dai pubblici esterni (istituzioni, aziende, media)
    9/07/07 Scienze della comunicazione Una nuova identità Pagina Risultati raggiunti e percezioni
  • 40. Media repositioning: la rete di comunicazione SdC Strumenti di un nuovo linguaggio La molteplicità di strumenti con cui vissuto individuale e collettivo si armonizzano, all’ interno dell’ universo esperenziale di Scienze della Comunicazione I media utilizzati sono parte integrante del sistema di identità. Ognuno ha le proprie specificità, sia in relazione al contenuto che agli altri media disponibili.
  • 41. Media repositioning: la rete di comunicazione SdC Elementi attuali - Tipologie
    • Generalisti
    • (Web, Environmental, SdC++, Newsletter, Guida studente)
    • Servizio
    • (Segnaletica, bacheca, bandi di concorso)
    • Modulistica e marcature
    • Iniziative
    • (Mediazone, RadioSapienza)
  • 42. Media repositioning: la rete di comunicazione SdC Esempi di media attuali
  • 43. Media repositioning: la rete di comunicazione SdC Esempi di media attuali (2)
  • 44. La nuova rete di comunicazione
  • 45. Sito Web
  • 46. Sito Web Organizzazione attuale Dimensione di servizio
  • 47. Sito Web Organizzazione attuale Scarso livello di personalizzazione
  • 48. Sito Web Sintesi criticità Identità visiva Sapienza La dimensione di utilizzo ostacola l’ emergere di un ambiente collaborativo Dispersione degli elementi di interesse culturale
  • 49. Sito Web Intervento e priorità Generare senso di comunità che ricada sul vissuto della Facoltà Rispetto del format di Ateneo Passare da una esperienza di utilizzo-reperimento informazioni, ad una permanenza interessata
  • 50. Sito Web Home page formato Sapienza
  • 51. Sito Web Home page formato Sapienza Brand Architecture – Macro aree : I quattro ambiti di attività rientrano tra i link di navigazione principali, risultando quindi visibili anche nelle pagine interne
  • 52. Sito Web Home page formato Sapienza News, eventi ed opportunità raggiungono con immediatezza il visitatore Si vuole così stimolare una interazione più profonda, una fruizione che vada oltre il reperimento di informazioni
  • 53. Sito Web SdC Community L’ esempio è quello delle più recenti learning community : condivisione di più strumenti e linguaggi tra utenti diversi, sulla base di una area di interesse comune Il concetto è dunque a metà strada tra social network (ad es. MySpace), e rete di condivisione della conoscenza La community SdC è una interfaccia utente/utente che porta in primo piano i contenuti, esaltando la circolazione di questi ultimi
  • 54. Sito Web SdC Community – Ingresso (gioco del 15)
  • 55. Sito Web SdC Community – Home compatta
  • 56. Sito Web SdC Community - Caratterizzazione Lo stesso utente ha a disposizione molti degli attuali strumenti divulgativi via web (wiki, blog, vlog, feed Rss, folksonomy) La produzione culturale si esprime anche nelle occasioni di contatto con i professionisti della comunicazione, ospiti fissi della community Il core-business della community è la divulgazione della cultura di comunicazione, e la sua circolazione all’ interno dei pubblici di SdC
  • 57. Sito Web SdC Community - Attività Tutto può essere collegato ad un evento settimanale, in cui l’ argomento viene declinato ed approfondito in varie direzioni (condivisione bookmarks, bibliografia, video, commenti), e con il contributo di tutti i soggetti interessati Il progetto si sposa bene con la recente iniziativa della Sapienza, di introdurre un sistema di assegnazione di indirizzi e-mail agli studenti. Questo account è l’ interfaccia che l’ utente può personalizzare ed arricchire di contenuti (v. iGoogle) Esperti riconosciuti del settore commentano in vetrina avvenimenti recenti affini agli orientamenti culturali di SdC.
  • 58. Sito Web SdC Community – Attività (2) La necessità di integrazione con il sistema attuale suggerisce di far convergere l’ eventuale account dei docenti, con il sistema esistente delle web cattedre. La nozione di strumento di servizio si allarga così a quella di piattaforma collaborativa permanente La vetrina della community si presta a fare da cassa di risonanza per tutte le iniziative della facoltà, integrando però al carattere informativo anche quello interattivo (v. Gruppi di ricerca, SdC++, SdC Video, Laboratorio di Scrittura online)