Festa della Fioritura           30 Aprile 2011                SalòPresenza dei Catari sul Garda               Maria Cristi...
Possiamo immaginare il territorio gardesano e la sua comunità comeuna casa, la casa della memoria. Una casa fatta di stanz...
LA VERITA’ E’ FIGLIA DEL TEMPO
Il catarismo è stato uno dei più grandi movimenti ereticali                     nell’Europa del medioevo. Anche l’Italia, ...
Castello di QueribusLo storico francese Fernand Niel afferma che il castello di Monstegurcosì come quello di Queribus poss...
Enrico Riparelli, esperto dell’aspetto liturgico e rituale delcatarismo, descrive che la vita quotidiana di un perfettocat...
Per la maggior parte degli studiosi la parola Catari è di derivazione greca, da Catharsi ,purificazione e quindi il signif...
Il colore dell’abito che contraddistingueva i puri era il blu piùprofondo, quasi al limite del nero, descritto in Santa Hi...
Perché eretici? Il termine eresia, che ha assunto una    connotazione dispregiativa, ha la sua verità nel significato di  ...
Sembra avessero un alto livello di conoscenzatrasmesso anche in scuole di sapere raffinato.Erano molto avanzati anche nell...
Un aspetto molto importante era il dono della guarigione. Pare avesserouna profonda conoscenza di erbe terapeutiche che ut...
Secondo Don Franco Bontempo i catari furono in Italia prima di proseguire per la Francia e vitornarono più numerosi dopo l...
Sono stati reperiti soltanto pochi documenti scritti di loro pugno, tra i quali il “Liber deduobus principiis”, scritto da...
NOVEMBRE 1276Il francescano inquisitore Filippo Bonacolsi , futuro vescovo di Trento, insieme aMastino I e Alberto Della S...
13 FEBBRAIO 1278        TRAGICA FINE DEL CATARISMO GARDESANOImmane rogo di 166 catari nell’Arena       di Verona.
Presenza dei catari sul garda
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Presenza dei catari sul garda

917 views

Published on

Published in: Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
917
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
4
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Presenza dei catari sul garda

  1. 1. Festa della Fioritura 30 Aprile 2011 SalòPresenza dei Catari sul Garda Maria Cristina Piras
  2. 2. Possiamo immaginare il territorio gardesano e la sua comunità comeuna casa, la casa della memoria. Una casa fatta di stanze, alcunerimaste chiuse da tempo… riaprire queste stanze è un lavoro utile eimportanti affinchè i cittadini si rendano conto di abitare un luogodella memoria…”Maria Vittoria Papa – Assesore del comune di Desenzano del Garda - 2005 Prologo del libro “Eretici del Garda – La Chiesa Catara di Desenzano del Garda” Raccolta degli atti della conferenza tenutasi nel 2005 a Desenzano del Garda
  3. 3. LA VERITA’ E’ FIGLIA DEL TEMPO
  4. 4. Il catarismo è stato uno dei più grandi movimenti ereticali nell’Europa del medioevo. Anche l’Italia, dopo la Francia, fu uno dei luoghi in cui il loro pensiero si diffuse maggiormente specie nella pianurapadana. La loro presenza fu particolarmente numerosa dopola caduta della loro ultima roccaforte francese Montsegur nel 16 marzo1244. Castello di Montsegur
  5. 5. Castello di QueribusLo storico francese Fernand Niel afferma che il castello di Monstegurcosì come quello di Queribus possono essere considerati centri di cultoal sole poiché la disposizione particolare e ordinata delle feritoieconsentiva al sole di illuminare determinate parti interne in oresignificative del giorno e delle stagioni.
  6. 6. Enrico Riparelli, esperto dell’aspetto liturgico e rituale delcatarismo, descrive che la vita quotidiana di un perfettocataro era segnata da momenti di preghiera che sisusseguivano per al meno quindici volte tra notte e giornocon la recitazione di particolari formule e rituali. Tuttavial’unica preghiera che ricorre in tutte le loro chiesa è ilPadrenostro come è riportato nella Interrogatio Johanniss .
  7. 7. Per la maggior parte degli studiosi la parola Catari è di derivazione greca, da Catharsi ,purificazione e quindi il significato sarebbe I Puri. In tutte queste parole ricorrestranamente la profezia della loro tragica fine: arsi nel fuoco. Arsi è in Catharsi, fuoco è inPuri da pur-puros fuoco in greco. Puri di cuore inteso come realizzazione dell’amoreincondizionato cioè libero da condizionamenti e pregiudizi in diretto collegamento con loSpirito Santo: Spirito del Battesimo col fuoco, indicato come il battesimo trasmesso negliinsegnamenti di Gesù. Per loro infatti l’unico sacramento riconosciuto era ilConsolamentum, una sorta di battesimo trasmesso dai perfetto con l’imposizione dellemani. Con questo interevento il consolato riceveva la connessione diretta con ilParaclito, che è lo Spirito Santo.
  8. 8. Il colore dell’abito che contraddistingueva i puri era il blu piùprofondo, quasi al limite del nero, descritto in Santa Hildegarda come ilcolore della purezza. Oltre al colore dell’abito pare portassero con unaspilla tre fili di lana rossa. Ricorreva forse un richiamo allaTrinità, Padre, Figlio, Spirito Santo? Spirito Santo inteso come la partefemminile di Dio e quindi la Grande Madre? La loro cosmogonia che parladi una stella a 12 punte, si riferisce forse a una stella visibile nel buio piùtotale della notte?
  9. 9. Perché eretici? Il termine eresia, che ha assunto una connotazione dispregiativa, ha la sua verità nel significato di scelta. Coloro che scelgono hanno un perfetto discernimento e quindi sono in grado di distinguere e fare una scelta libera . da condizionamenti, pregiudizi, manipolazioni, autoinganno. Non hanno bisogno di intermediari, sono in diretta connessione con lo Spirito della Verità..
  10. 10. Sembra avessero un alto livello di conoscenzatrasmesso anche in scuole di sapere raffinato.Erano molto avanzati anche nelle arti e neimestieri. Il rispetto per la donna era moltosentito. Uomini e donne potevano accedere in ugual misura ai servizi spirituali più elevati. Il femminile veniva particolarmente esaltato nei canti dei Trovatori, poeti che attraverso l’arte della musica esprimevano l’amore verso la donna intesa come Sophia, cioè PuraConoscenza. Per alcuni ricercatori del XX secolo erano depositari di un sapere segreto collegato a Maria Maddalena e alla stirpe del Sangue Reale.
  11. 11. Un aspetto molto importante era il dono della guarigione. Pare avesserouna profonda conoscenza di erbe terapeutiche che utilizzavanosoprattutto sotto forma di oli. Ma era per la loro capacità di emanazioneche furono cercati e apprezzati dalla popolazione e per la stessa ragioneaccusati di magia e perseguitati dall’Inquisizione.
  12. 12. Secondo Don Franco Bontempo i catari furono in Italia prima di proseguire per la Francia e vitornarono più numerosi dopo le persecuzioni in Occitania. La loro presenza è segnalata in tutto lo stivale ma si concentrò prevalentemente nel nord di Italiadove furono di spicco le chiese di Desenzano e Concorrezzo, rappresentanti rispettivamente dell’ideologia dualistica assoluta e moderata.Sul Garda oltre Desenzano ci sono registri della loro presenza a Lazise e Sirmione. Pare che il quartiere di riferimento a Desenzano fosse quello intorno al Duomo di Maria Maddalena, mentre ci sono registri in cui sirileva che il Convento di Santa Giulia a Bresciaavesse affittato loro una casa a Sirmione nella zona tra Colombare e Lugana.Per trasmettere messaggi utilizzavano colombiviaggiatori. E’ possibile che una loro traccia sia arrivata fino a noi attraverso un nome?Contrariamente alla Francia di loro nella nostra zona non rimane alcuna testimonianza
  13. 13. Sono stati reperiti soltanto pochi documenti scritti di loro pugno, tra i quali il “Liber deduobus principiis”, scritto da Giovanni di Lugio, vescovo della chiesa catara diDesenzano. Al di fuori di questi, in Francia tutto il materiale a disposizione per risalirealla loro storia e ai loro costumi deriva dai registri dell’Inquisizione.In Italia, l’accesso a documenti simili è molto più difficoltoso.E’ inoltre da tenere presente che le testimonianze degli “eretici” riportate nei registrisono sempre state estorte dopo tortura. La Santa Sede di allora fu il mandante per ilconsenso alla tortura e alla condanna a morte, l’Inquisizione con i suoirappresentanti negli ordini dei domenicani e dei francescani di allora fu ilmandatario.
  14. 14. NOVEMBRE 1276Il francescano inquisitore Filippo Bonacolsi , futuro vescovo di Trento, insieme aMastino I e Alberto Della Scala si spinsero a Sirmione per catturare un folto gruppo dieretici che furono in parte “passati a fil di spada” sul luogo e in gran parte portati aVerona dove furono imprigionati.
  15. 15. 13 FEBBRAIO 1278 TRAGICA FINE DEL CATARISMO GARDESANOImmane rogo di 166 catari nell’Arena di Verona.

×