• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Cs post BIT 2011
 
  • 1,174 views

 

Statistics

Views

Total Views
1,174
Views on SlideShare
1,174
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
1
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Cs post BIT 2011 Cs post BIT 2011 Document Transcript

    • È green il V FORUM MTM su Turismo e Sostenibilità. E sono green le strategie e buone pratiche internazionali.È chiaro da tempo che il concetto di “verde”, nel turismo, non è più solo un aggettivo in formuleorecchiabili come ecoturismo, turismo dolce; è piuttosto un valore profondo, un criterio di valutazione,valorizzazione e qualificazione, un driver di crescita, una forma mentis.Alla BIT 2011 il Forum organizzato da MTM, Master in Tourism Management dell’Università IULM di Milano,ha voluto illuminare il rapporto tra Turismo e Sostenibilità con nuovi dati, esempi di strategie e unarecente collezione di best practices a livello internazionale e nazionale.Sono stati presentati: la rilevazione D-WEB sul green travel a cura degli studenti di MTM7, l’anteprima delrapporto OCSE sul turismo sostenibile con Peter Haxton, e l’esperienza dei Comuni Bandiere Arancioni delTouring Club Italiano. Casi diversi per un obiettivo unico: garantire una gestione equilibrata esostenibile del turismo.GREEN D-WEB: grande potenziale ancora spendibileMTM stesso ha un’anima sempre più internazionale e sempre più green, e la ricerca D-WEB (DestinationWebsites Evaluation Benchmark) edizione 2011 realizzata in seno al master ha infatti mirato al GREENTRAVEL. 48 top destinations urbane internazionali sono state analizzate secondo 35 indicatori afferentia 3 macrocategorie. La ricerca ha evidenziato come gli sforzi per promuovere il green travel sono, trannerare eccellenze, ancora all’inizio. Grande è il potenziale ancora spendibile per promuovere un turismopiù accessibile, una mobilità più dolce, una cultura enogastronomica più articolata, una ricettività e unacongressistica più climate-friendly.OCSE: il turismo è vulnerabile. Ricette per proteggerlo e riprogettarlo.Il rapporto OCSE “Climate change policy and tourism” ha posto l’accento sulla vulnerabilità delturismo. Non hanno impatto su di esso soltanto cause naturali e contingenze di varia entità. Bisogna ancheconsiderare l’insieme degli effetti, positivi e negativi, derivanti da azioni di mitigation e adaptation.Entrano in gioco fattori politici, economici, tecnologici, culturali, infrastrutturali. Si rendono perciò ancora piùnecessari e urgenti il consenso intorno alla questione clima e l’azione concreta, corroborata dalla ricerca, pergiungere a forme e politiche più climate-friendly, a livello sia globale che locale.Comuni Bandiere Arancioni del TCI: piccoli, green e prosperi.Cattura e valorizza l’unicità delle piccole destinazioni “Il caso Bandiere arancioni: benefici per unosviluppo sostenibile del territorio” presentato dal Touring Club Italiano. Si tratta di un interessantepercorso per i comuni dell’entroterra - l’85% dei comuni italiani. Di questi tuttavia solo il 9% ottiene laBandiera Arancione al termine di un complesso processo valutativo che culmina nella messa in pratica diun piano di miglioramento ad hoc. Quel che si nota quando un comune entra a far parte del circuito è nonsoltanto una maggior visibilità e un maggior richiamo esercitato verso i turisti, ma anche un’ulteriorecrescita virtuosa del “sistema green” e la moltiplicazione di buone pratiche di promozione e gestione delterritorio. Esattamente perché meritare non basta - bisogna mantenersi all’altezza del merito acquisito.Daniela Ferrando per MTM