Giovani professionisti – mobilità sociale - reteIl quadro europeo e italianodelle nuove professioni  Pietro Scalisi Firenz...
Oggetto della presentazione    L’universo delle professioni   da un punto di vista statistico Come è mutata nel tempo … l...
Variabile strategica L’importanza attribuita alla variabile ‘professione’  è evidente fin dal primo censimento generale d...
… ma di difficile rilevazione dal punto divista statisticoIl lavoro è un concettomultidimensionale, che solleva:1. problem...
La professione richiama dimensioni diversel’ambito di attività economica (“lavoro nell’edilizia”,“lavoro nel terziario”, ...
… e tantissimi nomiSe consideriamo tutte le possibilidenominazioni con cui gli individuiidentificano la propria professio...
La logica classificatoria generale 1861)         (dal volume del CensimentoA partireDELLE PRINCIPALI CONDIZIONI E PROFESS...
Struttura della classificazione delle professioni             alle scadenze censuarie 1861-2011             I             ...
La classificazione negli ultimi 60 anniLa classificazione del 1991 rappresenta unmomento di forte discontinuità rispetto ...
Un cambio di paradigmaLe professioni ‘trasversali’ aumentano con laprogressiva terziarizzazione della società e conla cre...
Come viene definita oggi una professione?  Una professione è un complesso di     attività lavorative concrete, che        ...
La ratio si modifica e prende a riferimentoil concetto di competenza, recependo lalogica sottostante l’International Stan...
Il nuovo criterio distintivo del lavorosvolto                  La competenza                       intesa come         la ...
La struttura attuale della Classificazione                 delle professioni (CP2011)                                     ...
La nuova ISCO (2008)L’assetto dell’attuale Classificazioneitaliana incorpora le principali novitàintrodotte in sede inter...
La trasformazione del lavoroIn passato un meccanico di automobili facevaaffidamento sostanzialmente sul suo orecchioper i...
Le novità introdotte in sede internazionaleIntroduzione di nuove categorie per inquadrarele figure che svolgono attività ...
La distribuzione per professioni e la sua                 trasformazione nel tempo in Europa18.016.014.012.010.0 8.0 6.0 4...
Paesi europei per incidenza dei knowledge workers                          Tecnici                                      GE...
La distribuzione per professioni in Italianegli anni della crisi Grandi gruppi        2008   2009    2010 Manager         ...
Il sistema      informativo    sulle professioni•   Ci sono molti mestieri nel mondo, il nostro è tenervi informati•   Ben...
Professioni a confronto:Ingegneri edili vs.Architetti          per livello delle conoscenze impiegate    Progettazione tec...
Professioni a confronto:Ingegneri edili vs.Architetti                     per importanza di un set di competenze e di atti...
Analisi delle comunanze tra i raggruppamenti professionaliGrandi gruppi                                               Ragg...
Le competenze piu’ importanti per raggruppamentiPROFESSIONI                      IMPIEGATI E ADDETTI                 PROFE...
Livello di complessita’ di impiego delle principali          competenze condivise dai raggruppamenti                      ...
Livello di complessita’ di realizzazione delle principali         attivita’ lavorative condivise dai raggruppamenti       ...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Presentazione Pietro Scalisi ISTATi. il quadro italiano ed europeo delle professioni

651 views
580 views

Published on

Giovani professionisti, mobilità sociale e rete

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
651
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
5
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Presentazione Pietro Scalisi ISTATi. il quadro italiano ed europeo delle professioni

  1. 1. Giovani professionisti – mobilità sociale - reteIl quadro europeo e italianodelle nuove professioni Pietro Scalisi Firenze, 27 giugno 2011
  2. 2. Oggetto della presentazione L’universo delle professioni da un punto di vista statistico Come è mutata nel tempo … la definizione di professione; la logica e i criteri di classificazione; la distribuzione nel mercato del lavoro; la richiesta di capitale umano.
  3. 3. Variabile strategica L’importanza attribuita alla variabile ‘professione’ è evidente fin dal primo censimento generale del Regno d’Italia del 1861.“… ogni cittadino ha l’obbligo di dare Nome e cognome, sesso, stato civile, età, grado distruzione primaria, condizione o professione, relazione di parentela, di convivenza col capo famiglia, luogo di nascita, luogo di residenza, lingua parlata, religione professata, infermità apparenti”.
  4. 4. … ma di difficile rilevazione dal punto divista statisticoIl lavoro è un concettomultidimensionale, che solleva:1. problemi definitori2. problemi nominalistici
  5. 5. La professione richiama dimensioni diversel’ambito di attività economica (“lavoro nell’edilizia”,“lavoro nel terziario”, “sono impiegata alla Regione”,“lavoro in un’impresa di pulizie”… )la posizione o il ruolo ricoperto dal lavoratore(“funzionario”, “capo reparto”, “responsabile del servizio”,“coordinatore” …)l’inquadramento normativo e contrattuale (“iscrittoall’ordine degli avvocati”, “collaboratore a progetto”, “sonoinquadrato con il livello B2 super del CCNL” …)l’attività svolta (“sono un impiegato amministrativo”,“tecnico in computer grafica”, “professore di matematica alliceo”, “commessa in un grande magazzino” …)
  6. 6. … e tantissimi nomiSe consideriamo tutte le possibilidenominazioni con cui gli individuiidentificano la propria professione ...sono più di 20.000;la statistica ufficiale si interroga da sempresulla migliore tassonomia per rappresentarequesto vasto insieme di oggetti, ovvero suquali elementi privilegiare nel distinguere leprofessioni e in base a quali criteri ordinarle.
  7. 7. La logica classificatoria generale 1861) (dal volume del CensimentoA partireDELLE PRINCIPALI CONDIZIONI E PROFESSIONI ELENCO dal 1861 la classificazioneinquadra le differenti occupazioniLA SCHEDA CHE POSSONO SERVIR DI GUIDA PER RIEMPIREall’interno della tipologia di industria alla Agricoltura e Silvicoltura Agricoltori proprietari, Boscaiuoli, Cacciatori, Carbonai, Fittaiuoli,quale fanno riferimento;Vaccari… Garzoni di campagna, Giardinieri, Guardie forestali governative e private, Ortolani, Porcai, Industrie per il NutrimentoEsula da questa logica il solo Bettolieri, Birrai, Caffettieri, Cioccolattieri, Confettieri, Cuochi, Droghieri, Fruttaiuoli, Locandieri, Macellai, Mugnai, Osti, Pastai…raggruppamento delle professioni Industrie per il Vestiarioliberali, Parrucchieri, Berrettai, Calzolai, Cappellai di feltro,Guantaie… paglia, Barbieri e che comprende occupazioni di Cardatori, Ciabattini, Cucitrici, Calzettaie, Gioiellieri, di seta,quali gli architetti, gli avvocati, i notai, i Industrie per la Costruzionemusicisti, i pittori,edifizi, Falegnami, Fornaciai di calcina, i Copritetti, Dipintori di i chirurgi, le levatrici, gesso e laterizi, Intonacatori, Imbianchini, Lastricatori,preti, i Lavoranti alle strade ferrate, Manovali, Spazzacamini, Vetrai… letterati, gli scienziati, gli scrivani, Industrie per lammobigliamentoi giornalisti, Ebanisti, Fabbricanti ecc. Legnaiuoli, Lumai, Doratori, i maestri, di specchi, Materassai, Mesticatori di colori, Paratori, Segatori di legname, Stipettai, Tappezzieri, Verniciatori…
  8. 8. Struttura della classificazione delle professioni alle scadenze censuarie 1861-2011 I II III IV VCensimenti Raggruppamento Raggruppamento Raggruppamento Raggruppamento Raggruppamento1861 10 171871 16 461881 18 45 3681901 5 31 2901911 10 52 3011921 10 52 1791931 14 56 3391936 10 36 3441951 2 38 3611961 9 39 2971971 9 53 2481981 9 53 2471991 9 35 119 5992001 9 37 121 5192011 9 37 129 511 800
  9. 9. La classificazione negli ultimi 60 anniLa classificazione del 1991 rappresenta unmomento di forte discontinuità rispetto alleedizioni precedenti;Il lavoro svolto rappresenta un “fatto”rilevabile nello spazio e nel tempo ovvero undato concreto e non più un attributopersonale.
  10. 10. Un cambio di paradigmaLe professioni ‘trasversali’ aumentano con laprogressiva terziarizzazione della società e conla crescita dei lavori della conoscenzaacquisendo maggior peso specifico;L’attenzione del classificatore si sposta dalcontesto nel quale si esplica la professione aicontenuti che caratterizzano il lavoro svolto.
  11. 11. Come viene definita oggi una professione? Una professione è un complesso di attività lavorative concrete, che richiamano conoscenze, competenze, identità e sistemi di relazione propri Ad esempio: raccolgo informazioni verificando le fonti; realizzo interviste; redigo articoli per giornali o riviste; svolgo attività redazionale; conduco inchieste o servizi … 2.5.4.2.0 - Sono un giornalista Giornalisti
  12. 12. La ratio si modifica e prende a riferimentoil concetto di competenza, recependo lalogica sottostante l’International StandardClassification of Occupation (ISCO-88),basata sullo skill level.La classificazione assume per la primavolta una dimensione esplicitamentegerarchica.
  13. 13. Il nuovo criterio distintivo del lavorosvolto La competenza intesa come la capacità di svolgere correttamente i compiti previsti da una professionelivello di competenza campo di competenza (che dipende sia (che dipende dalle conoscenze dall’istruzione settoriali, dalle attrezzature sia dall’esperienza utilizzate, dalla natura dei lavorativa) beni/servizi prodotti)
  14. 14. La struttura attuale della Classificazione delle professioni (CP2011) Unità Grande Gruppo Gruppi Classi Categorie professionaliI - Legislatori, imprenditori e alta 3 8 49 67dirigenzaII - Professioni intellettuali,scientifiche e di elevata 6 16 78 175specializzazioneIII - Professioni tecniche 4 20 98 160IV – Professioni esecutive nel 4 8 28 30lavoro d’ufficioV - Professioni qualificate nelle 4 15 48 63attività commerciali e nei serviziVI - Artigiani, operai specializzati e 5 23 101 170agricoltoriVII - Conduttori di impianti, operaidi macchinari fissi e mobili e 4 23 80 104conducenti di veicoliVIII - Professioni non qualificate 4 13 26 28IX - Forze armate 3 3 3 3Totale 37 129 511 800
  15. 15. La nuova ISCO (2008)L’assetto dell’attuale Classificazioneitaliana incorpora le principali novitàintrodotte in sede internazionaledall’ultima versione della Isco, pubblicatadall’Ilo nel 2008, per intercettare imutamenti intercorsi nel mercato dellavoro sia sul piano contenutistico, sia sulpiano dell’organizzazione del lavoro.
  16. 16. La trasformazione del lavoroIn passato un meccanico di automobili facevaaffidamento sostanzialmente sul suo orecchioper individuare l’anomalia nel funzionamento delmotore;oggi un meccanico ha a disposizione i sensoridella centralina elettronica.Entrambi, tuttavia, aggiustano autovetture …
  17. 17. Le novità introdotte in sede internazionaleIntroduzione di nuove categorie per inquadrarele figure che svolgono attività di supervisione nellaproduzione di beni o servizi (coordinamento,controllo qualità, sicurezza, ottimizzazione deiprocessi, customer care, ecc.);Estensione delle professioni della conoscenza inalcuni settori emergenti (ICT, servizi finanziari,produzioni energetiche, trattamento dei rifiuti,ecc.).Razionalizzazione delle professioni operaie inalcune filiere tradizionali (industrie poligrafiche,miniere, ecc.) e di quelle esecutive di ufficio legatea mansioni superate o trasformate (protocollo,riproduzione e consegna documenti interni, ecc.).
  18. 18. La distribuzione per professioni e la sua trasformazione nel tempo in Europa18.016.014.012.010.0 8.0 6.0 4.0 2.0 0.0 Manager Specialisti Tecnici Impiegati Commercio/servizi Agricoltori Operai qualificati Conduttori Non qualificati EU (15) - 1998 EU (15) - 2008
  19. 19. Paesi europei per incidenza dei knowledge workers Tecnici GERMANIA DANIMARCA FRANCIA LUSSEMBURGO ITALIA OLANDA AUSTRIA SVEZIA EU_15 Professionisti BELGIO GRECIA FINLANDIA PORTOGALLO IRLANDA SPAGNA REGNO UNITO
  20. 20. La distribuzione per professioni in Italianegli anni della crisi Grandi gruppi 2008 2009 2010 Manager 4.7 4.3 4.0 Specialisti 10.4 10.3 10.0 Tecnici 21.1 20.4 20.1 Impiegati 10.8 11.0 11.4 Commercio/servizi 16.1 16.5 16.7 Operai qualificati 18.6 18.8 18.4 Conduttori 8.3 8.0 7.9 Non qualificati 9.1 9.7 10.3 Forze armate 1.0 1.1 1.1 Totale 100 100 100
  21. 21. Il sistema informativo sulle professioni• Ci sono molti mestieri nel mondo, il nostro è tenervi informati• Benvenuti nel Sistema informativo sulle professioni, la più importante fonte di informazione sulle professioni nel paese. Potete accedere al sistema e sapere come è fatta una professione, quanti lavoratori la esercitano, quanti ne serviranno nel prossimo futuro, quali i rischi connessi al lavoro e molte altre informazioni. Il Sistema informativo sulle professioni è frutto di un progetto realizzato dallIstituto nazionale di statistica e dallIstituto per la formazione e lo sviluppo dei lavoratori su finanziamento del Ministero del lavoro e delle politiche sociali e dellUnione europea. http://www.istat.it/lavoro/lavret/sistema_informativo_professioni/
  22. 22. Professioni a confronto:Ingegneri edili vs.Architetti per livello delle conoscenze impiegate Progettazione tecnica Ingegneria e tecnologia Matematica Fisica Legislazione e istituzioni Lingua italiana Lingua straniera ChimicaInformatica ed elettronica Servizi ai clienti Storia e archeologia Arte Psicologia 0 10 20 30 40 50 60 70 80 90 100 Ingegneri edili Architetti
  23. 23. Professioni a confronto:Ingegneri edili vs.Architetti per importanza di un set di competenze e di attitudini NegoziareCompetenze Adattare le proprie azioni Comprendere gli altri Applicare regole scientifiche Visualizzazione Confidenza con iAttitudini numeri Riconoscere i problemi Originalità 0 10 20 30 40 50 60 70 80 90 Ingegneri edili Architetti
  24. 24. Analisi delle comunanze tra i raggruppamenti professionaliGrandi gruppi RaggruppamentiI - Legislatori, dirigenti e imprenditoriII – Professioni intellettuali, scientifiche e di elevata Professionispecializzazione intellettualiIII – Professioni tecnicheIV – Impiegati Impiegati e addetti allaV – Professioni qualificate nelle attività commerciali e vendita e ainei servizi serviziVI – Artigiani, operai specializzati e agricoltoriVII – Conduttori di impianti e operai semiqualificati Professioniaddetti a macchinari fissi e mobili manualiVIII – Professioni non qualificate
  25. 25. Le competenze piu’ importanti per raggruppamentiPROFESSIONI IMPIEGATI E ADDETTI PROFESSIONIINTELLETTUALI ALLA VENDITA E AI MANUALI SERVIZI1. Parlare 81 1. Parlare 73 1. Risolvere problemi 59 imprevisti2.Comprendere testi scritti 80 2. Ascoltare attivamente 71 2. Selezionare strumenti 583. Ascoltare attivamente 80 3. Comprendere gli altri 66 3. Ascoltare attivamente 574. Senso critico 77 4. Orientamento al servizio 64 4. Gestire il tempo 575. Scrivere 74 5. Adattamento 62 5. Parlare 576. Gestire il tempo 72 6. Gestire il tempo 61 6. Senso critico 537. Apprendimento attivo 72 7. Comprendere testi scritti 61 7. Manutenere 528. Comprendere gli altri 70 8. Senso critico 58 8. Adattamento 519. Risolvere problemi 69 9. Risolvere problemi 56 9. Apprendimento attivo 49complessi imprevisti10. Prendere decisioni 68 10. Apprendimento attivo 55 10. Istruire 4911. Monitorare 66 11. Scrivere 53 11.Comprendere testi 48 scritti12. Adattamento 65 12. Monitorare 52 12. Comprendere gli altri 47
  26. 26. Livello di complessita’ di impiego delle principali competenze condivise dai raggruppamenti 73Comprendere testi scritti 42 52 Comunicazione efficace 58 73 Parlare 46 58 72 Ascoltare attivamente 48 Elaborazione delle informazioni 54 70 Senso critico per i processi decisionali47 68 Apprendimento attivo 44 50 Gestire il tempo Capacità di relazionarsi e di 47 51 65 Comprendere gli altri gestire le risorse 41 55 64 64 Adattamento 53 46 0 10 20 30 40 50 60 70 80 Professioni manuali Impiegati e addetti alla vendita e ai serviz i Professioni intellettuali
  27. 27. Livello di complessita’ di realizzazione delle principali attivita’ lavorative condivise dai raggruppamenti 73 Aggiornare e usare conoscenze di rilievo Apprendere, impiegare e 46 51 Raccogliere informazioni aggiornare conoscenze 47 66 38Organizzare, pianificare e dare priorità al lavoro Pianificare il4749 lavoro e 66 risolvere problemi 66 Prendere decisioni e risolvere problemi 47 44 Stabilire relazioni 69 60 Stabilire e mantenere relazioni interpersonali significative di lavoro 51 65Comunicare con superiori, colleghi o subordinati 50 40 0 10 20 30 40 50 60 70 80 professioni manuali impiegati e addetti alla vendita e ai servizi professioni intellettuali

×