Your SlideShare is downloading. ×
0
L'Agenda Digitale di Bologna: integrare servizi e reti
L'Agenda Digitale di Bologna: integrare servizi e reti
L'Agenda Digitale di Bologna: integrare servizi e reti
L'Agenda Digitale di Bologna: integrare servizi e reti
L'Agenda Digitale di Bologna: integrare servizi e reti
L'Agenda Digitale di Bologna: integrare servizi e reti
L'Agenda Digitale di Bologna: integrare servizi e reti
L'Agenda Digitale di Bologna: integrare servizi e reti
L'Agenda Digitale di Bologna: integrare servizi e reti
L'Agenda Digitale di Bologna: integrare servizi e reti
L'Agenda Digitale di Bologna: integrare servizi e reti
L'Agenda Digitale di Bologna: integrare servizi e reti
L'Agenda Digitale di Bologna: integrare servizi e reti
L'Agenda Digitale di Bologna: integrare servizi e reti
L'Agenda Digitale di Bologna: integrare servizi e reti
L'Agenda Digitale di Bologna: integrare servizi e reti
L'Agenda Digitale di Bologna: integrare servizi e reti
L'Agenda Digitale di Bologna: integrare servizi e reti
L'Agenda Digitale di Bologna: integrare servizi e reti
L'Agenda Digitale di Bologna: integrare servizi e reti
L'Agenda Digitale di Bologna: integrare servizi e reti
L'Agenda Digitale di Bologna: integrare servizi e reti
L'Agenda Digitale di Bologna: integrare servizi e reti
L'Agenda Digitale di Bologna: integrare servizi e reti
L'Agenda Digitale di Bologna: integrare servizi e reti
L'Agenda Digitale di Bologna: integrare servizi e reti
L'Agenda Digitale di Bologna: integrare servizi e reti
L'Agenda Digitale di Bologna: integrare servizi e reti
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

L'Agenda Digitale di Bologna: integrare servizi e reti

299

Published on

La presentazione dell'agenda digitale di Bologna fatta alla Fondazione Aldini Valeriani

La presentazione dell'agenda digitale di Bologna fatta alla Fondazione Aldini Valeriani

Published in: Technology
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
299
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
7
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. LAgenda digitale di Bologna. Integrare servizi e reti 6 Aprile 2013 - Bologna
  • 2. Che cosè lAgenda DigitaleLAgenda Digitale è uniniziativa dellUnione Europea per sviluppare letecnologie e i servizi digitati. Presentata nel 2010, prevede una serie diobiettivi da realizzare entro il 2020:● Mercato digitale unico: abbattere le barriere che bloccano illibero scambio di servizi onle tra una nazione e laltra● interoperabilità: software e apparecchi compatibili tra loro● sicurezza per pagamenti e dati personali● accesso a Internet veloce e ultraveloce● alfabetizzazione digitale e accesso a Internet per i disabili● migliorare i servizi pubblici attraverso le tecnologie digitaliNel 2011 la Commissione europea ha inserito anche il capitolo opendata per permettere a cittadini e aziende di accedere a questeinformazioni per fini commerciali e non.
  • 3. Agenda Digitale in ItaliaNel 2012 (Governo Monti) è statoapprovato il decreto sviluppo 2.0allinterno del quale è contenutaLAgenda Digitale Italiana (ADI). Iprimi decreti attuativi sono stati giàlicenziati, altri arriveranno.La Cabina di regia dellADI è www.agenda-digitale.itcomposta da diversi Ministeri e dadue referenti per gli Enti locali, vuoleinvestire per il primo anno circa 2.5miliardi di euro.Secondo il Governo questoinvestimento dovrebbe avere unimpatto di 4.3 miliardi di euro edovrebbe produrre 54mila occupati Fonte: LItalia è pronta per lAgenda Digitale?
  • 4. Agenda Digitale in Italia- Identità digitale: documento digitaleunificato, anagrafe unificata, postaelettronica certificata- Pubblica amministrazione digitale:pubblicazione di dati informato aperto(open data), trasmissione obbligatoriadi documenti per via telematica- Istruzione digitale: semplificazioneprocedure università e libri digitali- Sanità digitale: cartella eprescrizione medica digitali- Banda larga nelle zone non coperte- Moneta elettronica: obbligo dipagamenti elettronici per le pubblicheamministrazioni. Dal 2012 obbligobancomat per chi vende prodotti eservizi Fonte:- Giustizia digitale: comunicazione e LItalia è pronta per lAgenda Digitale?notifiche via Internet
  • 5. Da dove siamo partiti● Agenda Digitale going local - 21 Nov 2011
  • 6. Da dove siamo partiti● Atto di indirizzo della giunta - Gennaio 2012La Giunta decide: ● di dotarsi di UNA AGENDA DIGITALE PER BOLOGNA che definisca strategia, obiettivi e azioni della Giunta in tema di e-democracy e innovazione tecnologica per il mandato 2011-2016 ● che le priorità dell’AGENDA DIGITALE PER BOLOGNA proposte dalla Giunta saranno discusse nell’ambito di un percorso partecipato, sia online sia offline (incontri, seminari, conferenze), da avviare entro gennaio 2012 e concludere non oltre giugno 2012, con il coordinamento del Dipartimento Economia e Promozione della città ● che l’esito di tale percorso contribuirà a definire le azioni dell’Amministrazione comunale ed arricchire la progettualità del Piano Strategico Metropolitano Bologna 2021, anche al fine di promuovere la qualità della vita della comunità bolognese nell’ottica di una smart city sostenibile e solidale ● che verranno promosse tutte le azioni possibili per promuovere opportunità di conoscenza digitale nei confronti della cittadinanza con particolare attenzione per la gamma dei diversi svantaggi digitali (età, genere, condizione sociale ed economica, ecc.), da fronteggiare secondo pratiche multistakeholder, di sussidiarietà e partenariato con la società civile organizzata.
  • 7. Quattro temi ○ Internet come diritto ○ Coinvolgimento della cittadinanza ○ Innovazione tecnologica, PMI per la Smart City & il City branding ○ Open data
  • 8. Metodo● Percorso da Gennaio a Giugno 2012● Modalità ○ Giovedì dellAgenda Digitale e calendario eventi ○ Incontri come occasione di approfondimento e raccolta di contributi ○ Storytelling attraverso i social media (pagina di Facebook e account twitter del Comune) e contributi video ○ Sito per raccogliere contributi● Obiettivo: documento finale con le proposte emerse durante il percorso da tradurre in politiche locali dallamministrazione comunale
  • 9. Un po di dati● 30 eventi patrocinati● 9 eventi promossi
  • 10. Un po di dati● 80 proposte arrivate sul form on line
  • 11. Un po di dati● #AgendaDigitaleBO: 700 tweet
  • 12. Un po di dati● Bologna Mi Piace: 442 Foto Il 16 Marzo premiato Giorgio Lamonica "perché dà l’idea di una città tra memoria e futuro, di giovani seduti a chiacchierare sotto le immagini dei padri nobili in piazza".
  • 13. Le proposte arrivate:Internet come diritto● Wifi libero su tutto il territorio metropolitano● Corsi per neo-mamme, per genitori e figli all’ utilizzo consapevole dei social network, corsi di italiano per stranieri, di formazione per anziani, per giovani interessati ad acquisire nuove professionalità, di utilizzo di software libero e di riciclo di tecnologie digitali (trashware), per gli insegnanti delle scuole primarie e secondarie, corsi per amministratori e politici● Inserimento di un art. 21bis nello statuto comunale. Come da proposta di Rodotà già implementata a Venezia
  • 14. Le proposte arrivate:Coinvolgimento della cittadinanza● Possibilità di usufruire di servizi integrati on line per poter richiedere un certificato, cambiare residenza, avviare una pratica e seguirne l’esito● Uno spazio per i contenuti istituzionali e per quelli dei cittadini, soprattutto video.● Streaming video delle sedute consiliari, delle conferenze stampa, degli eventi e di promozione turistica● Un forum pubblico aperto alla cittadinanza dove discutere permanentemente le scelte grandi e piccole della città (esempio civic hacking)● Integrare la partecipazione della cittadinanza attraverso le nuove tecnologie al processo deliberativo utilizzando le leggi, anche regionali (LR n. 3/2010), che già prevedono un simile principio per i canali “off line” da estendere a quelli “on line” (consultazioni, consigli aperti, ecc.)
  • 15. Le proposte arrivate:Innovazione tecnologica, PMI per la Smart City & ilCity branding● Spazi di coworking per i liberi professionisti e le piccole imprese in fase di avvio● Adesione del comune al Progetto Decoro Urbano: la cittadinanza segnala casi di degrado● Qrcode e strumenti di realtà aumentata (attraverso gli smartphone di ultima generazione con Wikitude) per percorsi di conoscenza nella città● Mappa geolocalizzata dei mezzi pubblici sull’ esempio di Linz● Utilizzo permanente di contest cittadini sulla scorta delle esperienze dei Tdays e Bologna mi piace
  • 16. Le proposte arrivate:Open data● Adesione del comune al Progetto Open Municipio● Pubblicazione dei contenuti del Comune sotto licenze libere● Mappe georeferenziate dei servizi del Comune● Pubblicazione dei dati del bilancio sul nuovo portale degli open data del comune● Pubblicazione dei dati delle società partecipate da parte del comune● Implementazione di un sistema che permetta di monitorare l’iter delle richieste di accesso a nuovi dati dal sito del comune e di poter votare quelle più interessanti
  • 17. Comitato scientifico - 9 Marzo 2012Bellavista Paolo - Professore Associato di Ingegneria Informatica UniboBinacchi Fabrizio - Direttore RAI BolognaColafranceschi Alessandro – Head of global online bank UnicreditColetti Giampaolo - Fondatore Altratv.tvDi Benedetto Andrea - Presidente Nazionale CNA NEXTFalciasecca Gabriele – Presidente di LepidaFinocchiaro Giusella – Prof. Ordinario di Diritto Privato e di Diritto di Internet, UniboGabbrielli Maurizio – Professore Ordinario di Informatica UniboMazzoni Lucia - Segretaria di Piattaforma ICT- Aster BolognaMoruzzi Mauro - Direttore CUP 2000Napolitano Antonella - Editor europeo di TechPresidentSartori Laura - Professoressa di Sociologia –UniboVaccari Marzia - ICT ManagerVianello Michele – Direttore Vega park VeneziaVitiello Giuseppe - Projet Manager Eni SpA divisione ICTZacchiroli Stefano - Researcher at Université Paris Diderot and IRILL, DebianProject LeaderUn garante per la partecipazione: Marco Trotta
  • 18. Definizione delle priorità1. Identità digitale civica Che cosa significa oggi partecipare alla vita politica attraverso le tecnologie digitali? Identificare una via bolognese sulla scorta di quello che si è già fatto declinato sui processi emergenti di "open gov", "e- democracy con i diritti collegati "accesso alla rete", "neutralità della rete"2. Infrastrutture e connettività Pianificare una nuova fase di espansione infrastrutturale, a partire da un’analisi del sottosuolo (catasto) fino all’esplorazione di possibili investitori privati e nuove soluzioni tecnologiche.3. Iperbole2020 La rete civica del futuro, un ambiente per la partecipazione civica in rete e l’offerta di servizi di PA e P.m.i. basato su due pilastri: il fascicolo del cittadino e spazio per contenuti & applicazioni generati dagli utenti;
  • 19. Come è cambiata lagenda ● Primo asse: internet come diritto, tra infrastrutture e inclusione digitale ● Secondo asse: Iperbole2020…we-gov!, nuove forme di collaborazione ● Terzo asse: smart city, le idee che cambiano BolognaTutti i contenuti sono stati resi disponibile al commento quihttp://iperbole2020.comune.bologna.it/agenda-digitale/
  • 20. Presentazione alla Smart City Exhibition 2012
  • 21. Come sta cambiando il comune dati.comune.bologna.it
  • 22. Come sta cambiando il comune Fonte: La gestione delle informazioni in caso di emergenza
  • 23. Come sta cambiando il comune Fonte: 2 agosto: un blog per la memoria condivisa
  • 24. Come sta cambiando il comune Fonte: TDays - Di nuovo in centro
  • 25. Progetti per Iperbole2020 Fonte: Iperbole2020
  • 26. Progetti per Iperbole2020 Fonte: Iperbole2020
  • 27. Una propostaCoderDojo Bologna si terrà l’11 maggio all’urban center in sala borsa dalle 10.30 alle 13.30. obiettivo: insegnare a bambini e ragazzi a programmare, utilizzando tecnologie open e in maniera gratuita cerchiamo: volontari con compentenze in programmazione e partner per la comunicazione e gestione Per info scrivete a: coderdojobo@gmail.com
  • 28. Grazie @Twiperbolehttp://iperbole2020.comune.bologna.it marco.trotta@gmail.com

×