Ciclo cellulare

3,234 views

Published on

0 Comments
2 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
3,234
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
41
Comments
0
Likes
2
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Ciclo cellulare

  1. 1. La Divisione Cellulare La vita viene trasmessa da una generazione di organismi alla successiva sotto forma di nuove cellule attraverso la divisione cellulare Procarioti (Senza nucleo, un cromosoma) Eucarioti (Con nucleo, più cromosomi)
  2. 2. La Divisione Cellulare nei PROCARIOTI Nelle specie unicellulari la divisione cellulare riproduce l’intero organismo Il materiale genetico formato da un’unica molecola duplicandosi origina 2 cromosomi identici che si ancorano su punti opposti della membrana
  3. 5. La Divisione Cellulare negli Eucarioti PROCARIOTI (organismi monocellulari senza nucleo): il materiale genetico e' sparso nel citoplasma in un unico cromosoma EUCARIOTI (mono e pluricellulari): presentano un nucleo con membrana che racchiude il materiale genetico organizzato in più cromosomi Nucleo Cromosomi
  4. 6. IL NUMERO DEI CROMOSOMI E’ UN FATTORE CARATTERISTICO DI UNA DETERMINATA SPECIE. (Non è l’unico). UNA CELLULA CHE HA SOLO UN SET DI CROMOSOMI E’ DETTA APLOIDE (Cellule germinali: UOVA E SPERMI). Il numero cromosomico della specie homo sapiens è 2N (2 set di cromosomi, diploidia) Il numero diploide nell’uomo è 46 cromosomi o 23 paia ( cellule somatiche ). Esitono cellule triploidi (3N), tetraploidi (4N) (cellule vegetali) IL NUMERO CROMOSOMICO NON DETERMINA LA SPECIE. Il passero e l’occhiata di mare hanno 46 cromosomi. COSA DETERMINA LA SPECIE? La sequenza delle basi nel DNA dei 46 cromosomi
  5. 7. Gli eucarioti iniziano la vita come cellula singola “ZIGOTE” . Le cellule figlie generate sono geneticamente uguali alla cellula madre Alcune cellule degli organi riproduttivi si dividono e formano cellule germinali. Esistono 2 categorie di cellule: SOMATICHE e GERMINALI
  6. 8. Due tipi di divisione nucleare: MITOSI Produce due nuovi nuclei ciascuno con un complesso identico al nucleo da cui si originano. Assicura che tutta l’informazione genetica della cellula progenitrice vada a ciascuna cellula figlia. Negli organismi unicellulari la mitosi produce 2 nuovi individui geneticamente identici. Negli organismi pluricellulari la mitosi produce 2 cellule identiche che in seguito possono differenziarsi MEIOSI Produce nuclei figli con metà dell’informazione genetica originaria. E’ necessaria per la riproduzione sessuale e negli animali da origine ai GAMETI , le cellule sessuali SPERMI e UOVA Gamete maschile + gamete femminile = ZIGOTE
  7. 10. DNA : il corredo cromosomico si deve duplicare e i due set di cromosomi devono suddividersi in parti uguali nelle due cellule figlie CITOPLASMA: le due cellule nuove devono ricevere anche il citoplasma con tutto l’equipaggiamento per esprimere l’informazione genetica: RIBOSOMI PER LE PROTEINE MITOCONDRI PER L’ENERGIA. Cosa serve alla cellula per dividersi ?
  8. 11. <ul><li>Tutte le cellule possono dividersi per MITOSI mentre la MEIOSI è presente solo nelle cellule germinali. </li></ul><ul><li>LA MITOSI è una divisione di tipo EQUAZIONALE (da una cellula madre due cellule figlie uguali alla madre sia quantitativamente che qualitativamente) </li></ul><ul><li>LA MEIOSI è una divisione RIDUZIONALE (riduce a metà il numero dei cromosomi, produce gameti diversi) </li></ul>
  9. 12. Mitosi Avviene nelle cellule somatiche dà 2 cellule figlie diploidi C’è una fase S premitotica per ogni divisione cellulare Non avviene appaiamento di omologhi I centromeri si dividono in anafase
  10. 13. Meiosi cellule germinali Due divisioni cellulari successive di una cellula producono 4 cellule figlie aploidi. L’assetto cromosomico viene dimezzato C’è una unica fase S premitotica per entrambe le divisioni cellulari Appaiamento dei cromosomi omologhi Anafase I si separano le coppie di omologhi Anafase II si separano i cromatidi fratelli A I A II
  11. 14. CICLO CELLULARE <ul><li>Serie ordinata di eventi che porta alla duplicazione e alla divisione cellulare </li></ul><ul><li>La durata del ciclo cellulare varia da cellula a cellula </li></ul><ul><li>Una cellula si divide per permettere la riproduzione, per l’accrescimento corporeo o per rimpiazzare altre cellule </li></ul><ul><li>Il ciclo cellulare inizia con la divisione cellulare e termina con la formazione di due cellule figlie </li></ul>
  12. 15. Il ciclo cellulare è contraddistinto da due fasi principali Interfase = distinta a sua volta in G1 (primo gap) S (sintesi) G2 (secondo gap) fase M = mitosi e citocinesi Per la maggior parte del tempo le cellule in ciclo si trovano nella fase di crescita che intercorre tra due divisioni, detta interfase . In questo periodo i costituenti cellulari vengono sintetizzati e assemblati in modo continuativo. La massa cellulare aumenta gradualmente fino al momento della divisione. Durante la fase S avviene la duplicazione del DNA.
  13. 16. G1 : è il momento in cui la cellula si accresce ed è attiva dal punto di vista biosintetico La cellula aumenta in dimensioni, produce nuovi organelli ed enzimi necessari per duplicare il DNA S : sintesi del DNA, duplicazione, necessaria per dare alle cellule figlie una copia completa del patrimonio genetico G2 : la cellula si accresce ulteriormente ed accumula materiali ed organelli necessari per affrontare il processo di divisione Interfase
  14. 17. fase M = mitosi e citocinesi <ul><li>Processo di divisione nucleare in cui i cromosomi duplicati vengono separati gli uni dagli altri fedelmente per dare origine a due nuclei ognuno con una copia di ciascun cromosoma </li></ul><ul><li>La mitosi è una divisione equazionale </li></ul><ul><li>Le due cellule figlie generate sono geneticamente uguali fra di loro e geneticamente uguali alla cellula madre </li></ul><ul><li>Durante la mitosi la maggior parte delle attività metaboliche sono ridotte, le cellule non rispondono agli stimoli esterni </li></ul><ul><li>La mitosi è in genere associata alla citocinesi = processo che comporta la divisione del citoplasma in due parti più o meno uguali </li></ul>MITOSI
  15. 18. LA MITOSI E’ SUDDIVISA IN 5 FASI Profase: si forma il cinetocore (complesso proteico) nei centromeri, scompare il nucleolo, compare il fuso Prometafase: scompare la membrana, fuso e cinetocoro si associano Metafase: il cinetocore viene attratto dal fuso in direzioni opposte, i cromatidi formano una piastra metafasica Anafase: le proteine che univano i cromatidi si degradano lasciandoli liberi di dirigersi ai poli opposti Telofase: si formano due nuclei distinti, i cromosomi si despiralizzano, ricompaiono i nucleoli, citodieresi 2 centrosomi Membrana nucleare Fuso Scomparsa dei nucleoli Centromeri cinetocore cinetocore fuso scompare la membrana Nucleare cinetocore fuso cinetocore cromosomi Piastra metafasica membrana Nucleare nucleoli Despiralizzazione dei cromosomi citochinesi
  16. 19. G 0 1 cromatidio G 1 1 cromatidio S prima 1 cromatidio dopo 2 cromatidi G 2 2 cromatidi Profase mitotica 2 cromatidi
  17. 20. PERCHE’ I CROMOSOMI MIGRANO VERSO POLI OPPOSTI. Le fibre del fuso si muovono con movimento contrattile simile a quello dell’actina e della miosina
  18. 21. <ul><li>Di solito viene studiato su colture di cellule sincrone </li></ul><ul><li>La mitosi dura in genere da 1 a 2 ore </li></ul><ul><li>La fase di sintesi del DNA (S) in genere non dura mai meno di 4 ore </li></ul><ul><li>La variazione totale della durata del ciclo cellulare dipende dalla durata variabile della fase G1 </li></ul><ul><li>La durata del ciclo cellulare è variabile da 30 minuti a diversi mesi </li></ul>
  19. 22. Fasi del ciclo cellulare. Le fasi G (presintetica) e S (sintetica) occupano la maggior parte del ciclo cellulare; la fase M (mitotica) è normalmente breve. Alcune cellule sono continuamente in ciclo altre si trovano nella fase di quiescenza (G 0 )
  20. 23. <ul><li>Le cellule possono essere classificate in base alla loro capacità di crescere e di dividersi: </li></ul><ul><li>Cellule che hanno perso la capacità di dividersi (cellule neuronali, globuli rossi) </li></ul><ul><li>Cellule che normalmente non si dividono ma che possono essere indotte a dividersi (cellule epatiche) </li></ul><ul><li>Cellule che continuano a dividersi (oogoni, spermatogoni, cell. epiteliali, cell. staminali) </li></ul>
  21. 25. Controllo del ciclo cellulare Attivazione dell’anafase e della citocinesi Replicazione del DNA Attivazione dell’apparato mitotico Formazione del fuso mitotico Uscita da M Completa divisione cellulare Attivazione dei meccanismi di replicazione del DNA G 1 S G 2 M Entrata in S Entrata in M
  22. 26. G 1 S G 2 M Entrata in S Entrata in M G 1 checkpoint <ul><li>La cellula è grande abbastanza? </li></ul><ul><li>L’ambiente è favorevole? </li></ul><ul><li>Il DNA è dannegiato? </li></ul>G 2 checkpoint <ul><li>Il DNA è tutto duplicato? </li></ul><ul><li>La cellula è grande abbastanza? </li></ul>Due checkpoint nel ciclo cellulare
  23. 27. Le &quot;cicline“, chiamate così perché la loro abbondanza varia durante il CC, ovvero &quot;ciclano&quot;, con dei picchi in fasi particolari del CC.
  24. 28. La transizione tra una fase e l'altra del ciclo e' caratterizzata dalla comparsa di una determinata ciclina (tipica di quella fase) e dalla scomparsa della ciclina della fase precedente (azione permissiva). Le Cicline sono quindi regolate in due modi:     - loro sintesi per attivazione della trascrizione genica     - loro degradazione tramite il sistema della Ubiquitina-proteasoma. la sintesi serve per l'ingresso in una fase del ciclo --> la degradazione per l'uscita da una certa fase del ciclo; UNIDIREZIONALITA' del ciclo cellulare: per poter rientrare nella fase G1, dopo la transizione a fase S, sara' necessario percorrere l'intero ciclo inclusa la divisione cellulare
  25. 29. Protein chinasi attivate ciclicamente <ul><li>Fosforilazione attiva o inattiva proteine chiave per l’inizio o la regolazione della replicazione del DNA, della mitosi e della citocinesi </li></ul><ul><li>Protein-chinasi controllano la fosforilazione, </li></ul><ul><li>Fosfatasi controllano la defosforilazione </li></ul><ul><li>Protein-chinasi ciclino dipendenti sono presenti in tutte le fasi del ciclo cellulare ma sono solo attivate in determinate fasi </li></ul><ul><li>Cicline si legano alle chinasi (protein chinasi ciclina-dipendenti) e le attivano </li></ul>
  26. 31. Controllo della progressione del ciclo cellulare. Le chinasi ciclina-dipendenti (CDK) sono sintetizzate costitutivamente ma si attivano solo quando formano complessi con le cicline
  27. 32. Regolazione dell’attività chinassicaCDK1 da parte della ciclina B nella transizione G2  M CDKN1A (p21) Apoptosi (morte cellulare) p53
  28. 33. <ul><li>I checkpoint assicurano che la cellula sia competente sia in grado cioè di passare allo stadio successivo del ciclo cellulare </li></ul><ul><li>Le proteine inibitorie di Cdk in G 1 sono attivate dal danno del DNA </li></ul><ul><li>Lo stop delle cellule in G 1 permette alla cellula di riparare il DNA prima della replicazione </li></ul><ul><li>Il blocco del ciclo cellulare rappresenta un meccanismo di protezione per la cellula </li></ul>
  29. 34. Meccanismi di blocco del ciclo cellulare <ul><li>Produzione di proteine che inibiscono l’attività chinasica del complesso Cdk-ciclina </li></ul>Mutazioni a carico di questi geni danno origine ad anomalie del ciclo cellulare -> Tumori <ul><li>Blocco del meccanismo di replicazione del DNA </li></ul><ul><li>Fattori di trascrizione che inibiscono l’attività di geni </li></ul><ul><li>fondamentali nel ciclo cellulare </li></ul>
  30. 35. Fattori di crescita Molecole proteiche che stimolano la divisione e la crescita cellulare Agiscono attraverso l’interazione con recettori della membrana plasmatica, quindi agiscono solo su cellule bersaglio <ul><li>La proliferazione cellulare può essere stimolata o inibita da fattori di crescita: </li></ul><ul><li>intrinseci </li></ul><ul><li>danno tessutale </li></ul><ul><li>morte cellulare </li></ul><ul><li>deformazione meccanica </li></ul>
  31. 36. I fattori di crescita possono indurre le cellule quiescenti (G0) a dividersi
  32. 37. In generale il numero di cellule in un determinato tessuto dipende dal bilancio tra l’ingresso di nuove cellule e l’uscita di cellule preesistenti Meccanismi di regolazione delle popolazioni cellulari. life death
  33. 38. Morte cellulare Le cellule possono morire attraverso due diversi meccanismi: la necrosi e l’ apoptosi , una serie di eventi programmati geneticamente, che portano la cellula all’auto-distruzione. Necrosi Le cellule si gonfiano e si lisano rilasciando il materiale citoplasmatico nell'ambiente circostante. Il processo necrotico è spesso causa di infiammazione Apoptosi Perdita di volume condensansazione. Frammentazione del nucleo e del citoplasma in corpi apoptotici. Non si ha versamento di contenuto citosolico nell’ambiente. Nessun processo infiammatorio.
  34. 39. La maggior parte, se non tutte le cellule hanno la capacità di auto-distruggersi mediante l'attivazione di un programma di suicidio al quale sembrano fare eccezione solo cellule particolarmente specializzate quali quelle del muscolo cardiaco e del tessuto nervoso. Questo programma suicida prende il nome di apoptosi o morte cellulare programmata . A livello citologico, l'apoptosi si manifesta con una condensazione del nucleo e del citoplasma. Successivamente, la cellula si frammenta in vescicole, dette corpi apoptotici, che sono rapidamente fagocitate e digerite dai macrofagi o da cellule vicine

×