Your SlideShare is downloading. ×

L’immortalità digitale

519

Published on

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
519
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
12
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. www.informationsecuritynews.it/ © by M. Penco Roma – 23 febbraio 2011 L’identità digitale: un problema irrisolto
  • 2. Roma – 23 febbraio 2011 www.informationsecuritynews.it/ © by M. Penco L’insieme delle informazioni riguardanti una persona digitalizzate in archivi elettronici di cui non conosciamo nulla L’identità digitale I termini del problema
  • 3. Roma – 23 febbraio 2011 www.informationsecuritynews.it/ © by M. Penco I dati formanti un Identità digitale possono essere molti e molto complessi e fragmentati in miriade di archivi digitali od analogici. L’identità digitale I termini del problema
  • 4. Roma – 23 febbraio 2011 www.informationsecuritynews.it/ © by M. Penco I Social Network rappresentano una cessione volontaria di propri dati nella rete che vanno a formare tante identità digitali in un enorme serbatoio più o meno accessibile a tutti L’identità digitale I termini del problema
  • 5. Roma – 23 febbraio 2011 www.informationsecuritynews.it/ © by M. Penco Questa è una vaga idea della comunità virtuale di cui andiamo a far parte. In effetti un mondo di sconosciuti definiti talvolta… AMICI ???!!! L’identità digitale I termini del problema
  • 6. Roma – 23 febbraio 2011 www.informationsecuritynews.it/ © by M. Penco Se a questo si aggiungono tutte le altre informazioni che normalmente vengono messe nelle reti Internet cellilare e quanto altro per qualsiasi attività svolta ecco una mappa per difetto dell’identità digitale di ognuno di noi. L’identità digitale I termini del problema A QUESTO PUNTO L’IDENTITÀ DIGITALE DIVIENE QUALCOSA DI PIÙ: NON SOLO I NOSTRI DATI PERSONALI MA IL NOSTRO PROFILO COMPLETO
  • 7. Roma – 23 febbraio 2011 www.informationsecuritynews.it/ © by M. Penco Ovviamente Facebook e solo la punta dell’icesberg. Ogni nostra iterazione anche se gestita da terzi da e con il mondo digitale lascia la nostra ombra digitale, “DIGITAL SHADOW” o tracce digitali “DIGITAL FOOTPRINT” Eccone una vaga idea ! L’identità digitale I termini del problema
  • 8. Roma – 23 febbraio 2011 www.informationsecuritynews.it/ © by M. Penco Il nostro comportamento nell’interaggire nella rete lascia le nostre traccie digitali “DIGITAL FOOTPRINT” che rimangono purtroppo indelebili nel WEB per un tempo imprecisato L’identità digitale I termini del problema
  • 9. Roma – 23 febbraio 2011 www.informationsecuritynews.it/ © by M. Penco Quando iniziamo a lasciare le nostre tracce digitali ? vi sorprenderà….. ma…. inizia PRIMA ANCORA DI NASCERE ..E.. CONTINUERA’ CON I NOSTRI FIGLI… L’identità digitale I termini del problema L’intero video in www.Cittadininternet.it o nello Stand di COMODO
  • 10. Roma – 23 febbraio 2011 www.informationsecuritynews.it/ © by M. Penco L’identità digitale I termini del problema L’intero video in www.Cittadininternet.it o nello Stand di COMODO Qui. Data Base cartella clinica Benvenuto nel mondo DIGITALE Non sei ancora nato eppure hai già un tuo file Digitale!
  • 11. Roma – 23 febbraio 2011 www.informationsecuritynews.it/ © by M. Penco Esaminiamo I dati di uno dei social network : Facebook in Italia siamo i più ”grandi fruitori” dello stesso con il 66% in assoluto e secondi dopo l’Australia con 7 ore persona, ecco le cifre: L’identità digitale I termini del problema
  • 12. Roma – 23 febbraio 2011 www.informationsecuritynews.it/ © by M. Penco Tutti I Social Network rappresentano il fenomeno universale di cessione volontaria dei propri dati personali Facebook al momento è il più grande serbatoio di questi dati contiene oltre 500 milioni di IDENTITA DIGITALI Una sorta di Autodichiarazione universale che chiamerò: Carta d’identità elettronica di Facebook E pensare che ancora l’Italia dopo 13 anni non è riuscita a farla la Carta d’Identità elettronica ! In Lituania c’è è contiene un mucchio di roba , anche I dati biometrici oltre ad esere super sicura ! L’identità digitale I termini del problema
  • 13. Roma – 23 febbraio 2011 www.informationsecuritynews.it/ © by M. Penco L’identità digitale I termini del problema Eccola la nostra CIE di Facebook che può contenere fra l’altro: Foto, dati anagrafici, sesso, orientamento: politico, religioso, scuola,educazone, lavoro, preferenze, foto proprie di terzi dei luoghi ed occasioni in cui siamo presenti , I nostri amici, I nostro parenti , letture,gusti,acquisti,gruppi,film,musica, numeri telefonici, indirizzi e-mail e tanto altro ancora… Tutti questi dati a loro volta incrociati con tutte le altre banche dati reperibili on-line e/o comunque facilmente intercettabili vanno a costituire il “profilo dell’identità digitale” di ognuno di noi una vera e propria TAC digitale se non qualcosa di più.
  • 14. Roma – 23 febbraio 2011 www.informationsecuritynews.it/ © by M. Penco L’identità digitale I termini del problema La ricerca e acquisizione legale o non dei dati. Alcuni esempi: La Lotteria della Green card negli USA
  • 15. Roma – 23 febbraio 2011 www.informationsecuritynews.it/ © by M. Penco L’identità digitale I termini del problema La ricerca e acquisizione legale o non dei dati personali alcuni esempi: Il sospirato arrivo negli Stati Uniti dopo aver compilato il nuovo modulo on line per l’Immigrazione che costa 14 dollari ! Ora c’è tutto di noi o quasi !?
  • 16. Roma – 23 febbraio 2011 www.informationsecuritynews.it/ © by M. Penco L’identità digitale I termini del problema La ricerca e acquisizione dei dati legale o non alcuni esempi: Ora c’è tutto di noi o quasi !? Al Primo controllo Alcool e DRUG test magari DNA ……..ed il profilo è completo!
  • 17. Roma – 23 febbraio 2011 www.informationsecuritynews.it/ © by M. Penco L’identità digitale I termini del problema La ricerca e acquisizione dei dati legale alcuni esempi: Non sono da meno partecipazioni a concorsi di vario genere compilazione di moduli on-line non protetti Invio dei dati Compilazione di un modulo online con i propri dati personali INTERNET E LE TUTELE DEL CITTADINO: ASPETTI PRATICI E TEORICI INFO
  • 18. Roma – 23 febbraio 2011 www.informationsecuritynews.it/ © by M. Penco L’identità digitale I termini del problema La ricerca e acquisizione dei dati legale alcuni esempi: Non sono da meno partecipazioni a concorsi di vario genere dove si perde l’anonimato ad esempio nel Supernalotto e persino nel gratta e vinci compilando fra l’altro moduli on-line non protetti ! INTERNET E LE TUTELE DEL CITTADINO: ASPETTI PRATICI E TEORICI
  • 19. Roma – 23 febbraio 2011 www.informationsecuritynews.it/ © by M. Penco L’identità digitale La profilazione …
    • E’ indubbia la facilità con la potenza di calcolo che si ha a disposizione
    • poter facilmente estrarre , incrociare e verificare dati per profilare ed
    • utilizzare per scopi più o meno leciti Milioni di “Identità digitali”
    • DA CHI O CHI NE HA INTERESSE E PER COSA ?
    • Direi che è una lunga lista vediamo I maggiori interessati:
    • Il Governo ( tasse, politici,ecc.)
    • Qualsiasi autorità inquirente (controllare facebook è la prima mossa)
    • Aziende di marketing ( Ricerche di mercato, opinionisti)
    • Vendite di qualsiasi cosa on-line off-line
    • Supermercati dell’identità digitale
    • Organizzazioni criminali
    • Le identità digitali hanno il loro listino prezzi on-line
  • 20. Roma – 23 febbraio 2011 www.informationsecuritynews.it/ © by M. Penco L’identità digitale Le conseguenze … Schema della acquisizione e vendita criminale di dati (Identità digitali)
  • 21. Roma – 23 febbraio 2011 www.informationsecuritynews.it/ © by M. Penco L’identità digitale Le conseguenze … Uno dei numerosi modus operandi da parte di bande criminali
  • 22. Roma – 23 febbraio 2011 www.informationsecuritynews.it/ © by M. Penco L’identità digitale Le conseguenze … SIAMO COSTRETTI A FORNIRE I NOSTRI DATI SEMPRE PIU’ NELLA RETE MA ? DOVE VANNO A FINIRE TUTTI QUESTI DATI ? SONO TRASMESSI RACCOLTI E TENUTI IN DEBITA SICUREZZA ? LA NOSTRA PRIVACY E’ GARANTITA ? Da quello che si è avuta esperienza fino ad oggi direi che non siamo in buone mani alcuni casi clamorosi senza citare i casi di casa nostra e Wikileaks:
  • 23. Roma – 23 febbraio 2011 www.informationsecuritynews.it/ © by M. Penco L’identità digitale Le conseguenze … Forty five million credit card details fraudulently accessed over 18 months T-Mobile confirms biggest phone customer data breach Employee stole and sold personal account details to rival firms, government privacy watchdog reveals Nation's Largest Public Hospital System Loses Personal Data for 1.7 Million People Friday, February 11, 2011 Europe's biggest bank, said a theft of data by a former employee affected up to 24,000 Swiss client accounts, dealing a hefty blow to the reputation of its private bank.
  • 24. Roma – 23 febbraio 2011 www.informationsecuritynews.it/ © by M. Penco L’identità digitale Le conseguenze … Il più grande fratello, vi è una discussione in rete in cui sembra che la CIA abbia finanziato FACEBOOK in ogni caso ecco come profila le Identità digitali
  • 25. Roma – 23 febbraio 2011 www.informationsecuritynews.it/ © by M. Penco L’identità digitale Le conseguenze … La ricerca e acquisizione dei dati e loro uso legale o fraudolento : Il più grande fratello: vi è una discussione in rete in cui sembra che la CIA abbia finanziato FACEBOOK in ogni caso ecco come profila le Identità digitali
  • 26. Roma – 23 febbraio 2011 www.informationsecuritynews.it/ © by M. Penco L’identità digitale Le conseguenze … Potrei andare avanti all’infinito su vari sistemi ed organizzazioni che riescono ad intercettare dati, profilarli e mettere su una enorme banca dati piena di Identità digitali dove possono essere vendute iniziando pratiche illecite come il furto d’identità la clonazione di intere identità digitali.
  • 27. Roma – 23 febbraio 2011 www.informationsecuritynews.it/ © by M. Penco L’identità digitale Le conseguenze … Molto più semplice della clonazione fisica di un essere vivente che come abbiamo visto è anch’essa possibile .
  • 28. Roma – 23 febbraio 2011 www.informationsecuritynews.it/ © by M. Penco L’identità digitale Le conseguenze … Ricerca e acquisizione dei dati e loro uso legale o fraudolento : E mia opinione che i dati personali di un individuo sono sacri ed inviolabili. Questo però sembra essere un assioma non più valido. Vediamo uno degli usi fraudolenti degli stessi. SOCIAL NETWORK = SOSIA NETWORK Con le centinaia di milioni di foto i social network sono la più grande base dati di foto libere nel web costruire una nuova identità basandosi su una reale è un gioco da ragazzi
  • 29. Roma – 23 febbraio 2011 www.informationsecuritynews.it/ © by M. Penco L’identità digitale Le conseguenze … Molto più difficile e complesso se non impossibile è cancellare la nostra identità digitale, un operazione questa direttamente proporzionale ai dati immessi in rete da noi stessi e da terzi. La nostra sta divenendo quella che molti chiamano:
  • 30. Roma – 23 febbraio 2011 www.informationsecuritynews.it/ © by M. Penco L’identità digitale Le conseguenze … Anche se vi sembrerà macabro prima o poi bisogna pensare al nostro “suicidio digitale” la cancellazione definitiva indispensabile delle nostre tracce nel cyberspazio! Centinaia di aziende propongono come cancellare la propria identità digitale nel cyberspazio divenendo un vero e proprio business eccone alcune:
  • 31. Roma – 23 febbraio 2011 www.informationsecuritynews.it/ © by M. Penco L’identità digitale: Un mondo di sconosciuti Il tema dell ’ identit à digitale è quanto mai attuale, alla luce di clamorosi e recenti episodi di cronaca nera e di processi giudiziari che hanno coinvolto emotivamente l ’ opinione pubblica, Garlasco, Yara, Sarah Scazzi ecc. Sempre pi ù spesso diventa determinante la “ prova digitale ” . Si può essere assolti o condannati in base alle “ tracce d ‘ uso ” di computer e telefoni cellulari, frequentazioni dei social network. E ’ il caso di riflettere con attenzione su come si formano queste “ prove digitali ” e su come vengono valutate. L’ identit à digitale pesa sempre di pi ù nella vita di ognuno di noi, ma il dibattito resta ancora negli ambiti ristretti degli addetti ai lavori. IL teorema delle 4 P che sembra essere ormai accettato per buono nelle aule di giustizia, dove si fa un tutt’uno tra :
  • 32. Roma – 23 febbraio 2011 www.informationsecuritynews.it/ © by M. Penco L’identità digitale: Un mondo di sconosciuti
  • 33. Roma – 23 febbraio 2011 www.informationsecuritynews.it/ © by M. Penco L’identità digitale: Un mondo di sconosciuti
    • Il possesso o la proprietà di un apparato che venga usato anche per comunicare non dà la certezza e la prova di chi:
    • Lo usi
    • Dove sia posizionato fisicamente
    • Quando lo abbia usato temporalmente
    • Quanto tempo lo si abbia usato
    • In sostanza non è possibile stabilire che proprietà, possesso , uso, disponibilità siano identificabili in una specifica persona fisica
    • Nessuna tecnologia è in grado di dare queste certezze
    • Gli apparati digitali, Computer,cellulari ecc. hanno vita e personalità autonoma indipendentemente da chi ne ha la proprietà li possiede li usa
  • 34. Roma – 23 febbraio 2011 www.informationsecuritynews.it/ © by M. Penco L’identità digitale: Un mondo di sconosciuti L’identità di colui che opera ad un computer/cellulare é nota solo a se stesso, ogni secondo lo sconosciuto comunica, inserisce e riceve dati, sottoscrive digitalmente contratti, accetta clausole ecc. Con un’altra entità anch’essa sconosciuta Privacy: oltre le intercettazioni telefoniche ? ? ? ? ? Buona parte di tutto questo va oggi a costituire , contratti, obbligazioni, dichiarazioni ecc. aventi valore legale e purtroppo prove nelle nostre Aule di Tribunale. ?
  • 35. Roma – 23 febbraio 2011 www.informationsecuritynews.it/ © by M. Penco L’identità digitale: Un mondo di sconosciuti Privacy: oltre le intercettazioni telefoniche Il fatto che arrivi un messaggio SMS da un numero di cellulare noto non vuol dire che “il pollice” sia della persona che conoscete
  • 36. Roma – 23 febbraio 2011 www.informationsecuritynews.it/ © by M. Penco Fin qui abbiamo definito quanto ognuno di noi può o non può fare della propria identità digitale nella rete e relative conseguenze ma nella nuova era digitale cosa sta avvenendo ? L’identità digitale il nostro futuro pieno di bit
  • 37. Roma – 23 febbraio 2011 www.informationsecuritynews.it/ © by M. Penco
    • I Governi spingono l’acceleratore sulla INNOVAZIONE che dovrebbe transitare per la digitalizzazione e per la messa a disposizione in rete di tutti i dati pubblici a tutti nel mondo dell’informazione globale dovrebbe essere la logica conseguenza dovremmo riflettere su questo ma soprattutto pensare a:
    • LE CONSEGUENZE
    • SE NOI ED IL PAESE SIAMO PREPARATI A QUESTO DIFFICILE MA ESSENZIALE PASSAGGIO
    L’identità digitale il nostro futuro pieno di bit
  • 38. Roma – 23 febbraio 2011 www.informationsecuritynews.it/ © by M. Penco E’ un epocale e quanto mai necessario passaggio dalla carta al virtuale. Siamo preparati a tutto questo? Direi proprio di no, non lo siamo mentalmente, non lo siamo tecnicamente. Non mi risulta sia stato eseguito un concreto studio di cosa significhi tutto questo. Oltre che legiferare a raffica, nulla si è fatto per far si che i repositori dei dati di tutti gli Italiani siano realmente sicuri, è un po’ come andare avanti alla cieca: Poi qualcosa si farà o avverrà! DAL CARTACEO AL BIT SIAMO PRONTI ?
  • 39. Roma – 23 febbraio 2011 www.informationsecuritynews.it/ © by M. Penco DAL CARTACEO AL BIT Privacy: oltre le intercettazioni telefoniche ’

×