Metodi naturali pillole

  • 268 views
Uploaded on

 

More in: Spiritual
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
268
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1

Actions

Shares
Downloads
1
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Paolo e Luca Tanduo In merito ai temi della contraccezione e delle pillole del giorno dopo
  • 2. 2
  • 3. Il tempo che può intercorrere tra il rapporto sessuale e la fecondazione è normalmente di 2-3 giorni solo in casi rari può raggiungere 4-5 gorni. Dopo l’avvenuta fecondazione inizia il percorso dell’embrione attraverso la tuba uterina verso l’utero deove verrà accotolto dall’endometrio grazie all’azione degli ormoni e del progesterone.
  • 4. …..dal momento della fecondazione • Il nostro patrimonio genetico, il nostro genoma e’ gia definito E’ UNICO ED IRRIPETlBILE
  • 5. Dopo la fecondazione il processo è: irreversibile continuo senza discontinuità autonomo
  • 6. La Fertilità uomo donna
  • 7. METODI NATURALI DI REGOLAZIONE DELLA FERTILITA’ • COSA SONO? “Metodi che si basano sulla conoscenza dei processi biologici per cui una gravidanza può essere ricercata o evitata grazie all’osservazione dei segni e dei sintomi della fase fertile del ciclo mestruale. Quando si vuole evitare una gravidanza ci si deve astenere dai rapporti sessuali durante la fase fertile del ciclo mestruale, quando la si ricerca, si possono utilizzare con precisione i giorni fecondi” O.M.S. • QUALI I PRESUPPOSTI? precisa conoscenza dei processi biologici della fertilità sessualità di coppia che si esprima in modo armonico e rispettoso con l’alternanza dei tempi di fertilità e sterilità.
  • 8. METODI NATURALI Temperatura basale Metodo Billings, Two Days Algorithm Metodi sintotermici Metodi del calendario (Ogino, Standard Day Method) • Lactation Amenorrhea Method (LAM) • • • •
  • 9. SONO CONVENIENTI PER… • LA DONNA: conoscenza di come “lavora” giorno per giorno, non solo da un punto di vista strettamente biologico ma nella sua totalità. • LA COPPIA: conoscenza dell’esistenza di una fertilità che appartiene alla coppia e che la coppia è chiamata ad esercitare in modo responsabile. • LA FAMIGLIA: la fertilità è un tempo in cui è possibile concepire un figlio (non è automatico, non è garantito, non può essere quindi una pretesa).
  • 10. LEVONORGESTREL G03AC NORLEVO – HRA PHARMA 1,5 mg LEVONELLE – SCHERING 750 µg MIRENA (IUD) – SCHERING 20 11µg/24 ore 11
  • 11. Conseguenze dell’uso delle pillole estro-progestenica (EP) • L’assunzione della pillola anche correttamente regolarmente e correttamente assunta non impedisce del tutto l’ovulazione che nel 2% dei casi avviene comunque, in questi casi la pillola funziona con un effetto anti-impiantatorio, cioè abortivo: in media si ha 1 aborto ogni 10 anni. • provoca una serie di effetti sulla salute della donna (aumentro rischio di infarto e ictus, trombosi) • Possono avere effetti cancerogeni e pe questo sono stati diciarati tali dall’OMS attraverso l’Agency for Reasearch on Cancer. • Uno studio dell’Associazione dei Medici cattolici mostra come l’uso dell’EP provochi il rilascio nell’ambiente (attraverso feci e urine) di ormoni che diversi studi scientifici indicano come una delle possibili cause dell’aumento dell’infertilità maschile
  • 12. MECCANISMO D’AZIONE Prima della ovulazione: interrompe la maturazione del follicolo ovarico, inibendo o posticipando l’ovulazione Novikova N., Weisberg E., Stanczyk F., et al. Effectiveness of levonorgestrel emergency contraception given before or after ovulation – a pilot study. Contraception 2007;75:112–118; Okewole I., Arowojolu A., Odusoga O., et al. Effect of single administration of levonorgestrel on the menstrual cycle. Contraception 2007;75: 372–377. Periodo peri-ovulatorio : l'ovulazione può verificarsi ma frequentemente si riscontra una disfunzione della fase luteale da cui un’insufficiente secrezione di progesterone Hapangama D., Glasier A.F., Baird D.T. The effects of peri-ovulatory administration of levonorgestrel on the menstrual cycle. Contraception 2001;63:123–129.  Postfertilizzazione: modificazioni dell’endometrio Mikolajczyk R.T., Stanford L.B. Effectiveness of LNG EC not fully explained by ovulatory dysfunction. Contraception 2006; 73:107 Ugocsai G., Ròzsa M., Ugocsai P. Scanning electron microscopic (SEM) changes of the endometrium in women taking high doses of levonorgestrel as emergency postcoital contraception. Contraception 2002;66:433-437. Valenzuela C. Postovulatory effects of levonorgestrel in emergency contraception. Contraception 2007;75: 401–402 13
  • 13. LA PILLOLA DEL GIORNO DOPO • • • • La pillola del giorno dopo è un ritrovato ti tipo ormonale dal nome commerciale Norlevo. La compressa deve essere assunta entro 72 ore dal rapporto sessuale non protetto e una seconda pillola 12 ore dopo. le conoscenze attuali dimostrano una azione effettivamente contraccettiva, ritardando l’ovulazione Il principale problema è che non si può conoscere con precisione il momento del ciclo in cui si trova la donna quando assume la PDGD, e poi gli effettivi meccanismi dell’impianto dell’embrione “in vivo”. Quando la PDGD è presa prima dell’ovulazione, è in grado di inibire l’ovulazione in alcune donne, ma spesso gli autori non escludono anche minimi effetti sull’endometrio (Landgren BM, 1989; Hapangama D, 2001).
  • 14. LA PILLOLA DEL GIORNO DOPO • Il Norlevo è oggi venduto in farmacia come anticoncezionale d’emergenza, in caso di rapporto non protetto ma è un antiannidatorio perché impedisce l’annidamento del concepito qualora la gravidanza sia iniziata. Il Norlevo e’ un aborto chimico. • Il meccanismo abortivo, sebbene non del tutto chiarito, sarebbe da ricondurre al mutamento dell’ambiente endometriale
  • 15. Problematiche e osservazioni • Mancanza del colloquio per prevenire l’aborto (legge 194) • Non è vero che è uguale ad un aborto spontaneo qui c’è l’intenzionalità • La gravidanza inizia dal concepimento • Esiste il diritto all’obiezione di coscienza dei farmacisti perchè sono personale sanitario e la Norlevo è sicuramente abortivo • Banalizzazione della sessualità
  • 16. LA PILLOLA RU486 • La RU486 è un prodotto chimico che agendo sugli ormoni femminili impedisce l’annidamento e provoca l’espulsione del feto. • Consiste nell’assunzione di due pillole, la prima serve per impedire l’annidamento o provocare il distacco dell’embrione dalla parete uterina, la seconda serve per indurre l’espulsione del feto, utilizza lo stesso principio dell’induzione del parto • E’ pericoloso per la salute della donna: per infezioni batteriche, emorragie e shock settici causati dall’uso della RU486, che danneggia il sistema immunitario della donna. • si sono registrati in questi anni diversi casi di morte, il tasso di mortalità nelle donne è dieci volte maggiore nell’aborto con l’uso della RU486
  • 17. INTERRUZIONE VOLONTARIA DI GRAVIDANZA: RU 486 Protocollo FDA (fino alla 7^ settimana) mifepristone 600mg per os il 1° giorno misoprostolo 400 mcg per os il 3° giorno Protocollo OMS (entro i primi 63 gg) mifepristone 200 mg per os seguiti entro 36-48 h da •gemeprost 1 mg iv oppure •misoprostolo 400 mcg per os oppure •misoprostolo 800 mcg iv L’OMS e l’United Nations Population Fund (UNFPA), in un documento relativo ai farmaci essenziali per la salute riproduttiva, ha inserito l’associazione mifepristone/prostaglandine
  • 18. EFFICACIA Nel periodo dicembre 2005-dicembre 2006 sono stati effettuati in Toscana 394 aborti farmacologici mediante somministrazione di mifepristone/misoprostol che hanno richiesto 65 interventi chirurgici (16,5%). Il tasso di fallimenti tende a crescere con l’aumento dell’età gestazionale
  • 19. SICUREZZA •Tasso di mortalità dieci volte maggiore per l’aborto con Mifepristone/misoprostol a parità di età gestazionale (1/100.000 contro 1/1.000.000) •Numerosi persi al follow-up (fino al 21,7%) •Gli outcomes per le gravidanze successive all’aborto, teoricamente migliori per l’aborto farmacologico, non sono confermati: gli studi mostrano una sovrapponibilità per quanto riguarda le gravidanze ectopiche, la percentuale di aborti spontanei, i parti pre-termine e i neonati con basso peso alla nascita.
  • 20. TOLLERABILITA’ •Dolori e crampi, nausea, debolezza, cefalea, vertigini sono gli effetti collaterali più comuni riportati, rispettivamente, nel 93,2%, 66,6%, 54,7%, 46,2% e 44,2% dei casi di aborto farmacologico. La durata media del sanguinamento è di 14-17 giorni, con un intervallo di 169 giorni. La perdita di sangue per almeno 30 giorni è stata rilevata in uno studio nel 9% dei casi. •L’aborto chimico è stato riferito come più stressante, in particolare la vista dell’embrione abortito (56% delle donne) si associa ad una maggiore frequenza di effetti psicologici negativi (incubi, flashbacks, pensieri intrusivi relativi all’esperienza)
  • 21. Problematiche sociali della RU486 • La donna assume tutta la responsabilità dell’aborto con tutte le conseguenze psicologiche • Si elimina consapevolezza sociale dell’aborto • Deresponsabilizzazione dei medici • Mancanza del colloquio per prevenire l’aborto
  • 22. Fine presentazione • Torna alla Home-page