Your SlideShare is downloading. ×
0
Movicena 2012 Valsesia 5 Stelle
Movicena 2012 Valsesia 5 Stelle
Movicena 2012 Valsesia 5 Stelle
Movicena 2012 Valsesia 5 Stelle
Movicena 2012 Valsesia 5 Stelle
Movicena 2012 Valsesia 5 Stelle
Movicena 2012 Valsesia 5 Stelle
Movicena 2012 Valsesia 5 Stelle
Movicena 2012 Valsesia 5 Stelle
Movicena 2012 Valsesia 5 Stelle
Movicena 2012 Valsesia 5 Stelle
Movicena 2012 Valsesia 5 Stelle
Movicena 2012 Valsesia 5 Stelle
Movicena 2012 Valsesia 5 Stelle
Movicena 2012 Valsesia 5 Stelle
Movicena 2012 Valsesia 5 Stelle
Movicena 2012 Valsesia 5 Stelle
Movicena 2012 Valsesia 5 Stelle
Movicena 2012 Valsesia 5 Stelle
Movicena 2012 Valsesia 5 Stelle
Movicena 2012 Valsesia 5 Stelle
Movicena 2012 Valsesia 5 Stelle
Movicena 2012 Valsesia 5 Stelle
Movicena 2012 Valsesia 5 Stelle
Movicena 2012 Valsesia 5 Stelle
Movicena 2012 Valsesia 5 Stelle
Movicena 2012 Valsesia 5 Stelle
Movicena 2012 Valsesia 5 Stelle
Movicena 2012 Valsesia 5 Stelle
Movicena 2012 Valsesia 5 Stelle
Movicena 2012 Valsesia 5 Stelle
Movicena 2012 Valsesia 5 Stelle
Movicena 2012 Valsesia 5 Stelle
Movicena 2012 Valsesia 5 Stelle
Movicena 2012 Valsesia 5 Stelle
Movicena 2012 Valsesia 5 Stelle
Movicena 2012 Valsesia 5 Stelle
Movicena 2012 Valsesia 5 Stelle
Movicena 2012 Valsesia 5 Stelle
Movicena 2012 Valsesia 5 Stelle
Movicena 2012 Valsesia 5 Stelle
Movicena 2012 Valsesia 5 Stelle
Movicena 2012 Valsesia 5 Stelle
Movicena 2012 Valsesia 5 Stelle
Movicena 2012 Valsesia 5 Stelle
Movicena 2012 Valsesia 5 Stelle
Movicena 2012 Valsesia 5 Stelle
Movicena 2012 Valsesia 5 Stelle
Movicena 2012 Valsesia 5 Stelle
Movicena 2012 Valsesia 5 Stelle
Movicena 2012 Valsesia 5 Stelle
Movicena 2012 Valsesia 5 Stelle
Movicena 2012 Valsesia 5 Stelle
Movicena 2012 Valsesia 5 Stelle
Movicena 2012 Valsesia 5 Stelle
Movicena 2012 Valsesia 5 Stelle
Movicena 2012 Valsesia 5 Stelle
Movicena 2012 Valsesia 5 Stelle
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Movicena 2012 Valsesia 5 Stelle

271

Published on

Presentazione serata talk show a Varallo Sesia del gruppo Valsesiano a 5 stelle

Presentazione serata talk show a Varallo Sesia del gruppo Valsesiano a 5 stelle

Published in: News & Politics
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
271
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. La parola ai fatti: alcuni dati sullItalia
  • 2. Ogni giorno i nostri politici spendono milioni di parole per raccontarci la nostra situazione attuale, e lo fanno il più delle volte in base al loro tornaconto,evidenziando o sminuendo questo o quel particolare dato economico o sociale. Facendo una ricerca in rete si possono trovare i dati e le classifiche qui di seguito riportate, e ci si può fare una idea piuttosto realistica della situazione dellItalia rispetto agli altri Paesi.
  • 3.  Corruzione Libertà di Informazione  Gli Italiani e il tempo libero  Istruzione  Economia  Sanità
  • 4. CORRUZIONE LItalia è un paese corrotto? A leggere la classifica stilata dallorganizzazione non governativa Transparency International, si direbbe proprio di sì.Analizzando una serie di dati da 13 diverse organizzazioni internazionali, la OnG analizza il livello di corruzione percepita. Si va da 10, che indica un paese onesto, fino a zero, sintomo di una corruzione diffusa. LItalia nella classifica si posiziona al 69esimo posto, dietro Paesi come il Ghana, la Slovacchia e il Montenegro. Totalizza solo 3,9 punti (contro i 4,6 del 2008). In cima alla classifica ci sono Nuova Zelanda, Danimarca e Finlandia. In fondo invece le nazioni dove dominano guerra o dittature, Corea del Nord, Myanmar, Somalia e Afghanistan.
  • 5. Stilata ormai dal 1995la classifica viene letta con grande attenzione sia dagli economisti che dai più grandi investitori.
  • 6. Predisposizione alla corruzione Nella classifica dei paesi più corruttori,cioè quelli dove le aziende sono più disponibili a pagare mazzette, l’Italia sta al quindicesimo posto. Vale a dire la peggiore d’Europa con lo stesso punteggio di Hong Kong, Malesia e Sudafrica.E’ il risultato della ricerca sulla “predisposizione alla corruzione”, cioè il “Bribe Payers Index”, pubblicato da Transparency International. (http://www.transparency.it/upload_doc/BPI_report.pdf)
  • 7. La corruzione, vera o percepita, influisce “fino al 30% sul rating paese e sugli investimenti esteri, costituendo un impedimento alla crescita e allo sviluppo dell’economia e del lavoro”. La lotta alla corruzione, invece, “fa diminuire i costi pubblici e quindi il debito e lascia risorse all’economia virtuosa che investe e crea lavoro certo e dignitoso. Qualsiasi progetto di sviluppo non può non mettere al primo posto il contrasto alla corruzione” Maria Teresa Brassiolo, presidente di Transparency Italia,http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/11/02/classifica-di-transparency-sulla-corruzione-aziendale-italia- la-peggiore-deuropa/167903/
  • 8. LIBERTA DI INFORMAZIONE All’interno dell’Unione Europea continua la distinzione Tra Paesi come la Finlandia e i Paesi Bassi, che hanno sempre ottenuto una valutazione molto positiva, e Paesi come la Bulgaria (80°), la Grecia (70°) e l’Italia (61°) che non sono riusciti ad affrontare la questione delle violazioni delle libertà dei media, soprattutto a causa della mancanza di volontà politica.Vanno invece segnalati piccoli progressi da parte della Francia (dalla posizione 44 alla 38), della Spagna (39°) e della Romania (47°).
  • 9. Gli italiani: cinema, TV, libri e giornali In base a quanto emerge dall’Annuario statistico italiano 2011 diffuso dall’Istat, il cinema continua a raccogliere il maggior pubblicoe, insieme agli spettacoli sportivi, registra un incremento rispetto al 2010. Infatti, oltre una persona su due è andata almeno una volta a vedere un film in sala. Nella graduatoria seguono le visite a musei e mostre (29,7%), gli spettacoli sportivi (28,4%), le visite a siti archeologici e monumenti (22,9%), la frequentazione di discoteche e balere (22,6%), il teatro (21,9%)
  • 10. Guardare la televisione è un’abitudine consolidata per il 94% della popolazione di tre anni e più,senza distinzioni territoriali, generazionali o di sesso. L’ascolto della radio interessa invece il 59% della popolazione
  • 11. Meno diffusa è l’abitudine alla lettura di giornali e libri: nel 2011 legge un quotidiano almeno una volta a settimana il 54% delle persone in età scolare, mentre il 45,3% si dedica alla lettura di libri. Quest’ultima percentuale risulta in calo rispetto all’anno precedente(era il 46,8%), come pure quella di lettori “forti”, cioè coloro che hanno letto 12 libri e più in un anno (13,8% rispetto al 15,1% del 2010). Gli uomini leggono di più i quotidiani (60,3% contro il 48,1% delle donne), mentre le donne preferiscono i libri (51,6% contro il 38,5% degli uomini) e ne leggono in maggior numero.
  • 12. Meno diffusa è l’abitudine alla lettura di giornali e libri: nel 2011 legge un quotidiano almeno una volta a settimana il 54% delle persone in età scolare, mentre il 45,3% si dedica alla lettura di libri. Quest’ultima percentuale risulta in calo rispetto all’anno precedente(era il 46,8%), come pure quella di lettori “forti”, cioè coloro che hanno letto 12 libri e più in un anno (13,8% rispetto al 15,1% del 2010). Gli uomini leggono di più i quotidiani (60,3% contro il 48,1% delle donne), mentre le donne preferiscono i libri (51,6% contro il 38,5% degli uomini) e ne leggono in maggior numero.
  • 13. In costante crescita risultano gli utilizzatori del pc e di Internet, i quali rappresentano ormai, rispettivamente, il 52,2% (51% nel 2010) e 51,5% (48,9%) della popolazione di 3 anni e oltre. L’uso del pc tocca il livello massimo tra i 15 e i 19 anni (quasi 9 ragazzi su dieci), ma gli utilizzatori aumentano anche fra i 65-74enni (14,9% contro il 13,7% di un anno prima).A livello territoriale, permane uno squilibrio sia nell’uso del pc (Nord 56,9%, Centro 54,4%, Mezzogiorno 44,6%), che in quello di Internet (Nord 56,3%, Centro 54,2%, Mezzogiorno 43,7%).
  • 14. Istruzione, alcuni dati Stando ai dati Eurostat (dati 2009), l’Italia, con una spesa per l’istruzione pari al 4,4% del PIL, si situa al 21° posto tra i paesi UE, subito dopo la Bulgaria (4,5%).Meno dell’Italia spendono soltanto Repubblica ceca (4,2%), Spagna (4,2%), Grecia (4%), Slovacchia (3,8%) e Romania (3,5%).
  • 15. La Francia, per fare un paragone con un paese vicino, spende per la pubblica istruzioneoltre un punto percentuale di PIL più dell’Italia
  • 16. Prendendo in esame soltanto la spesa per l’istruzione primaria(la scuola elementare) la posizione dell’Italia nella graduatoria UE sale di 3 posti: non più 21° ma 19°... Il livello di spesa italiano è comunque sempre al di sotto della media UE15, sia per la spesa totale sia per quella della scuola primaria. Fonte: Elaborazioni dellOsservatorio su dati Eurostat
  • 17. I risultati dei test PISAIl Programma per la valutazione internazionale dellallievo (Programme for International Student Assessment, meglio noto con lacronimo PISA), è una indagine internazionale promossa dallOCSE nata con lo scopo di valutare con periodicità triennale il livello di istruzione degli adolescenti dei principali paesi industrializzati.
  • 18. Performance in readingOECD (2007), PISA 2006 – Science Competencies for Tomorrow’s World , Figure 2.11b
  • 19. Performance in mathematics OECD (2007), PISA 2006 – Science Competencies for Tomorrow’s World , Table 6.1c
  • 20. Performance in scienceOECD (2007), PISA 2006 – Science Competencies for Tomorrow’s World , Table 6.2c
  • 21. Change in reading performance between 2000 and 2009 Reading performance improved Reading performance declined
  • 22. E lUniversità? Sono accessibili sul web le classifiche delle Università del mondo pubblicate dall’agenzia Qs.Le prime Università italiane appaiano intorno al 200mo posto: Bologna, prima Università d’Italia si piazza 194ma, Roma Sapienza, la seconda, 216ma. Questi risultati sono in apparente contrasto con il fatto che l’Italia si piazza in genere settima o ottava nelle classifiche sull’attività di ricerca. (http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/09/13/riflessioni-dalla-216ma-universita-del-mondo/351240/)
  • 23. PISA. A pochi giorni dall’annuncio della scoperta della “particella di Dio”, arriva dal “QS World University Rankings by Subject” un altroriconoscimento dell’alta qualità dell’offerta formativa dell’Ateneo pisano:per l’agenzia che dal 2004 valuta i migliori atenei del mondo e che da due anni prende in esame i singoli ambiti disciplinari, Pisa è 49ª nel mondo nella “Fisica e Astronomia”, risultando al primo posto tra le università italiane. Non solo: Pisa ottiene un’ottima classificazione per altre 10 discipline, piazzandosi tra il 100° e 150° posto al mondo nelle “Lingue moderne”, e occupando tra la 150ª e la 200ª posizione nei settori della Chimica, della Farmacia, della Geografia, dell’Informatica, dell’Ingegneria chimica, dell’Ingegneria elettrica ed elettronica, della Matematica, della Medicina e della Statistica Il Tirreno di Pisa – 07/11/2012
  • 24. Ocse: Italia penultima per laureati Secondo il rapporto Ocse 2012 sullIstruzione nella UE, rimaniamo ancora nella parte bassa, bassissima, della classifica. In Italia abbiamo l11% di laureati nella fascia detà 55-64 anni e al 21% della fascia 25-34 anni. Un dato che ci colloca al penultimo posto tra i 34 Paesi dellOcse.Complessivamente, prendendo in considerazione tutte le fasce detà, lItalia è al 15% di laureati. Laspetto ancora più preoccupante è che il dato scende al 9% nella fascia detà 25-34 anni tra i figli di genitori a bassa istruzione.
  • 25. Che la laurea valga sempre meno risulta evidente anche dal dato, scioccante, sulle differenze retributive.Nella fascia detà 25-34 anni il salario medio dei laureati è del 9% maggiore rispetto a quello dei diplomati. (quello medio Ocse è del 37%...).
  • 26. La storica mancanza di un rapporto funzionale, e funzionante, tra mondo dellistruzione e del lavoro, è evidenziato pure da un altro dato allarmante: il 23% dei giovani (15-29 anni) non fa nulla.Non studia e non lavora. Ha cioè lasciato, o terminato, gli studi ed è in attesa di un lavoro che non arriva. In questa classifica lItalia è quartultima, seguita solo da Spagna (24%), Israele (27%) e limmancabile Turchia (37%)
  • 27. Per il coordinatore del rapporto, Eric Charbonnier, la vera emergenza della scuola italiana è però letà dei suoi insegnanti. Alle elementari quelli inferiori ai 40 anni rappresentano il 21,6%, mentre quelli con più di 50 anni sono il 45%, rispetto a una media Ocse rispettivamente del 41,7% e del 29,9% e a una media europea del 40,5% e del 29,9 per cento. Alle superiori la quota dei docenti sotto i 40 anni scende addirittura al 9,9%, mentre quella degli ultracinquantenni sale al 59,3 per cento. Le medie Ocse sono del 37,5% e del 34,9 per cento. Quelle europee del 35,8% e del 36 per cento. La percentuale degli insegnanti con meno di 30 anni in Italia è insignificante.Fonte: Il Sole24ore Link: http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2012-09-12/ocse-italia-penultima-laureati-063700.shtml? uuid=Ab54DCcG
  • 28. Economia - TrasparenzaCome operano e come sono strutturati i colossi dell’economia mondiale? Cosa sanno di loro gli investitori e i cittadini? Transparency International ha analizzato le 105 più grandi società al mondo sulla base della loro trasparenza ricavandone risultati che non fanno star tranquilli. Delle multinazionali quotate in borsa, che sommate valgono più di 11 trilioni di dollari, neppure un terzo raggiunge la sufficienza e la performance peggiore riguarda il settore finanziario. Solo i sistemi interni anticorruzione segnano un trend positivo rispetto al passato
  • 29. Delicatissimo poi il settore delle grandi gruppi “reticolari”, composte da decine di migliaia di società controllate. Transparency ha chiesto alle società gli elenchi completi di tutte le loro partecipazioni ma ben 78 su 105 si sono rifiutate di rivelare questi dati. Tecnologia, beni e servizi e telecomunicazioni sono, tra gli altri, i settori coinvolti. E in questi colpisce la pessima performance di Microsoft, Apple e Google, come quella di tutto il settore tecnologico. I campioni del web e delle nuove comunicazioni sono anche primi nel non divulgare informazioni sul loro conto
  • 30. Particolarmente carenti risultano anche le comunicazioni su ricavi, vendite, imposte sul reddito e in generale sui dati finanziari. Con una particolarità degna di nota nella zona euro: delle 65 società operanti in Spagna solo 3 rendono pubbliche le imposte pagate in quel paese, mentre in Grecia non lo fa nessuna delle 43 aziende analizzate. La mancanza di trasparenza rende inoltre più difficile capire in che modo le multinazionali contribuiscono alle campagne politiche.“Le multinazionali restano una parte importante del problema della corruzione in tutto il mondo. È giunto il momento per loro di essere co-leader delle soluzioni” – è la ricetta finale di Cobus de Swardt, Managing Director di Transparency International.
  • 31. Banche, fornitori di servizi finanziari e assicurazioni sono le società meno trasparenti. In Europa, Asia e America tutte le posizioni con i punteggi più bassi sono occupati da banche. Dei 24 istituti finanziari valutati, 13 non divulgano dati sulle loro attività all’estero, 7 ne rivelano solo alcuni e solo 4 forniscono adeguate informazioni a livello nazionale. La peggiore è Bank of China (1,1) ultima dell’intera classifica,ma non va meglio a Bank of America (3,2), Goldman Sachs (3,3), Visa (3,5), Barclays (4,0) o Bnp Paribas (5,4).
  • 32. Il miraggio della LibertàLindice Economic Freedom valuta per ciascun Paese la qualità del contesto economico prendendo in considerazione aspetti quali Libertà di impresa, libertà di commercio, libertà fiscale, diritti di proprietà ecc... http://www.heritage.org/index/
  • 33. La classifica generale: Paesi “Liberi”: 1) Hong Kong 2) Singapore 3) Australia 4) Nuova Zelanda 5) Svizzera
  • 34. Paesi “quasi totalmente liberi” 6) Canada 10) Stati Uniti dAmerica 14) Regno Unito 21) Svezia 26) Germania 28) Austria
  • 35. Paesi “Moderatamente liberi” 19) Uruguay 36) Spagna 40) Norvegia 62) Romania 67) Francia 78) Uganda 90) Libano
  • 36. Paesi “Poco liberi” 91) Azerbaijan 92) Italia 93) Honduras 119) Grecia 139) Siria Paesi “Repressi” 151) Maldive 158) Argentina 171) Iran 171) Nord Corea
  • 37. Però stiamo migliorando??? NO!
  • 38. Ma in Italia si vive bene! (?) L’ONU ha pubblicato la classifica mondiale dei migliori Paesi in cui vivere. L’Human Development Index (HDI) misura la sviluppo di una nazione da un punto di vista umano. Riporta fattori quali:  longevità e salute espressa in termini di aspettativa alla nascita  accesso a conoscenza e cultura, misurato in base al tasso di alfabetizzazione e l’iscrizione all’istruzione tenore di vita, misurato come PIL pro-capite relativo al potere d’acquisto
  • 39. La classifica del 2009 include 182 nazioni, usa dati risalenti al 2007 e quindi non include l’impatto della crisi economica globale. La Norvegia è in cima alla classifica, seguita dall’Australia e dall’Islanda. L’Italia si piazza al diciottesimo posto, una posizione che la pone nel gruppo delle nazioni con un ‘Sviluppo umano molto alto’, la categoria migliore. Fonte:http://www.italiansinfuga.com/2009/10/06/classifica-mondiale-dei-migliori-paesi-in-cui-vivere/
  • 40. La classifica del 2009 include 182 nazioni, usa dati risalenti al 2007 e quindi non include l’impatto della crisi economica globale. La Norvegia è in cima alla classifica, seguita dall’Australia e dall’Islanda. L’Italia si piazza al diciottesimo posto, una posizione che la pone nel gruppo delle nazioni con un ‘Sviluppo umano molto alto’, la categoria migliore. Fonte:http://www.italiansinfuga.com/2009/10/06/classifica-mondiale-dei-migliori-paesi-in-cui-vivere/
  • 41. Al di là delle classifiche, lItalia è un bel posto in cui vivere, e la speranza di vita di uomini e donne nel nostro Paese è tra le più alte al mondo. Ma quando la salute viene meno? Abbiamo un servizio sanitario tra i migliori al mondo. Ma costoso. Ce lo possiamo ancora permettere???
  • 42. A giudicare dai dati forniti dal quotidiano La Stampa il 19/11/12 (elaborazione dati Fondazione David Hume su dati Ocse, Eurostat, Oms) parrebbe che in Italia la spesa sanitaria in percentuale del PIL non sia poi così elevata.LItalia si piazza al dodicesimo posto nella classifica dellEuropa a 27 per la spesa totale e al nono posto per la spesa pubblica. Più di noi spendono ad esempio Francia, Germania, Austria, Svezia, Regno Unito. Meno di noi spendono ad esempio Portogallo, Grecia, Spagna, Polonia, Ungheria, ma anche Finlandia e Lussemburgo.
  • 43. E i posti letto? LItalia non si piazza bene... Siamo al 21° posto su 27.Peggio di noi solo Danimarca, Portogallo, Spagna, Irlanda, Regno Unito e Svezia. Che non sono proprio Paesi in via di sviluppo. Ma di certo non si può dire che da noi si debbano tagliare i posti letto. Eppure...
  • 44. Dovè che andiamo forte???
  • 45. Gioco dazzardo: Italia al TopQuella del gioco dazzardo e una delle prime industrie del Belpaese.Siamo la nazione dei record, spiega un articolo di Reuters: il più grande mercato dEuropa e uno dei più grandi al mondo, dopo ventanni di progressive liberalizzazioni
  • 46. Nel 2011, secondo l’AAMS, l’Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato, in Italia la raccolta del gioco d’azzardo è stata di quasi 80 miliardi di euro,circa il 5 per cento del Prodotto Interno Lordo nazionale: il 56,3 per cento del fatturato totale è stato raccolto da slot machine e video-lotterie, il 12,7 per cento dai Gratta e Vinci, l’8,5 dal Lotto, il 4,9 dalle scommesse sportive, il 3 per cento dal Superenalotto, e il rimanente da bingo e scommesse ippiche.
  • 47. Ma se il fatturato legato al gioco d’azzardo è passato dai 14,3 miliardi di euro del 2000 agli 80 miliardi di euro del 2011, i ricavi per lo Stato sono aumentati solo marginalmente.La cifra ottenuta dallo Stato per le tasse sul gioco d’azzardo è stata di oltre 8,5 miliardi di euro l’anno scorso, ma è aumentata di meno di 3 miliardi tra il 2001 e il 2011. 2001: fatturato 19,5 MLD ricavi Stato 5,5 MLD 2011: fatturato 80 MLD ricavi Stato 8,5 MLD ??? Fonte: http://www.ilpost.it/2012/07/18/il-paese-del-gioco-dazzardo/
  • 48. Consumo di suolo Ultimi in Europa per sviluppo economico, produttività, investimenti in infrastrutture e crescita demografica, un primato almeno non ce lo toglie nessuno.Nell impermeabilizzazione delle superfici naturali non abbiamo rivali.Succede quando si consuma pericolosamente territorio con palazzine e capannoni, come stiamo facendo in Italia da troppi anni.Che dimensioni abbia assunto questo fenomeno lo dice con chiarezza un numero: 7,3%. È la superficie totale dellItalia non più naturale. E il dato fa ancora più impressione se paragonato alla media del continente europeo, che certo non si può definire disabitato e rurale, pari al 4,3%.
  • 49. Fra il 2001 e il 2011 il consumo del suolo è aumentato dell8,8%, a fronte di un incremento della popolazione residente del 4,7%. LIstat sottolinea che nel Centro-Nord si punta sullespansione delle località esistenti, fino a sommergere tutti gli spazi che separano luna dallaltra. Al Sud la tecnica è invece quella di creare nuovi centri abitati. VALORE DEL PATRIMONIO EDILIZIO IN ITALIA Valore del patrimonio residenziale : 3.522 miliardi di euroValore del mercato delle compravendite 2004 : 137,2miliardi di euro Fonte: analisi e valutazioni ANCI-CRESME 2005
  • 50. Per consolarci, potremmo ricordare che pure i boschi sono aumentati. Negli ultimi ventanni del 20%. Rispetto al Dopoguerra è quasi raddoppiata. Ma è una consolazione assai parziale: lincremento delle foreste non è avvenuto a scapito del cemento, bensì dellagricoltura. Gli alberi si stanno semplicemente riprendendo lo spazio che leconomia rurale aveva loro sottratto. Fonte: Corriere della Sera 23/05/12 _ Articolo di Sergio Rizzo

×