3 soluzioni per restare in forma mantenendo il gusto
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

3 soluzioni per restare in forma mantenendo il gusto

on

  • 228 views

 

Statistics

Views

Total Views
228
Views on SlideShare
221
Embed Views
7

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

2 Embeds 7

http://informazionisanita.blogspot.it 4
http://www.informazionisanita.blogspot.it 3

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

3 soluzioni per restare in forma mantenendo il gusto 3 soluzioni per restare in forma mantenendo il gusto Presentation Transcript

  • 3 soluzioni per restare in formamantenendo il gusto
  • Per quanto paradossale possa sembrarci non possiamo non ammettere che la frase diGeorge Ohsawa “ Siamo quello che mangiamo ” abbia un senso! Perché ciò chemangiamo finisce per diventare parte del nostro corpo.Naturalmente per restare in forma e difendere anche lo stato della salute la soluzionenon è : NON MANGIARE ma ESSERE CONSAPEVOLI :  1° DELLA QUALITA’  2° DEL PERCHE’ LO STO MANGIANDO  3° DELLA CORRETTA ASSOCIAZIONE DEI CIBI.
  • 1° LA QUALITA’ DEL CIBO“ In passato era ‘cibo’ tutto quello che si poteva mangiare, oggi nei supermercati visono migliaia di sostanze ‘commestibili’ che del cibo hanno solo la parvenza”. L’ industrializzazione alimentare ha portato nella nostra società veloci comodità alimentari, piatti pronti precotti, surgelati, scatole ecc… che valutate superficialmente facilitano il tran tran quotidiano ma è drammatico notare che stiamo assistendo ad una silente trasformazione di conoscenza e coscienza di ciò che è giusto o sbagliato nelle buone e cattive abitudini alimentari.Gli alimenti hanno raggiunto un tale livello di manipolazione da modificare drasticamenteil potere nutritivo del cibo oltre al sapore odore e colore.Quindi, se il cibo che introduciamo è povero dal punto di vista nutrizionale (enzimi,vitamine,sali minerali …) anche il nostro organismo sarà sempre più compromesso.Nella Tabella (1) sottostante vi illustro il cambiamento del valore nutritivo di 9 alimentipresi in esempio dal 1985 al 1996.
  • Alimenti 1985 1996 Differenza (1) Valutano ilBroccoli Calcio 103 33 - 68% comportamento Acido Folico 47 23 - 52% Magnesio 24 18 - 25% negli anni deiFagioli Calcio 56 34 -38% micronutrienti in Acido Folico 39 34 -12% Magnesio 26 22 -15% alcuni cibi (prof. Vitamina B6 140 55 - 61% Liesen di Monaco).Finocchi Calcio 35 57 62% Acido Folico 100 32 -68% Magnesio 11 17 45%Patate Calcio 14 4 -70% Magnesio 27 18 - 33% Vitamina C 20 25 25%Carote Calcio 37 31 -17% Magnesio 21 9 - 57%Spinaci Magnesio 62 19 -68% Vitamina B6 200 82 -59% Vitamina C 51 21 - 58%Mele Calcio 7 8 12% Magnesio 5 6 20% Vitamina C 5 1 - 80%Banane Calcio 8 7 -12% Acido Folico 23 3 - 84% Magnesio 31 27 - 13% Vitamina B6 330 22 - 92%Fragole Calcio 21 18 -14% Magnesio 12 13 8% Vitamina C 60 13 - 78%
  • 2° PERCHE’ LO STO MANGIANDO?ESSERE PADRONI DELLA MENTE E DEL CORPOVi è mai capitato di domandarvi perché sto scegliendo questo cibo, piuttosto che quello?Oppure perché mangio in questo modo, piuttosto che in un altro?Il significato che attribuiamo al cibo è mutato nel tempo a causa di diversi fattori:culturali, ambientali, psicologici, economici ecc.., ad esempio, mia nonna era moltoattenta a farmi mangiare grandi quantità di cibo per la paura che mangiassi troppo poco,perché per lei essere robusti è sinonimo di salute.Oggi ci troviamo a contrastare dei disagi alimentari per cause diverse:mangiare cibi precotti, inscatolati e raffinati e farlo velocemente, perché non abbiamotempo di cucinare;il disagio economico che alcune famiglie vivono condiziona la scelta nell’acquistodel cibo;il cibo industrializzato contiene un valore nutritivo minore e un potere caloricomaggiore
  • Tutti, almeno una volta, hanno sentito parlare di prevenzione, di fattori di rischio, delleproblematiche che conseguono all’ obesità, all’ abuso di alcool, fumo ecc…Ma spesso, siamo convinti che una corretta alimentazione non è poi così importante, oppure chenon serve a noi, ma solo a coloro che hanno già problemi di salute.Se mangiare velocemente, saltare i pasti principali della giornata, evitare di cucinare perrisparmiare tempo, fa parte oramai delle nostre abitudini quotidiane, sarebbe sufficientesostituire, quello sbagliato con quello giusto e imparare a programmarsi le ore della giornata.Personalmente, per cambiare le mie abitudini, alimentari e non, ho utilizzato un semplice fogliocon una penna, scrivendo le azioni che a me non piacevano con la soluzione più opportuna.Azioni, atteggiamenti, abitudini Giusto o sbagliato? Cancella le esempio azioni sbagliate e scrivi la soluzioneA pranzo mangio quello che capita al bar ( Preparare il pranzo al sacco e quando non sisandwich, gelato …) può meglio il semplice panino e fruttaFaccio spesa quasi tutti i giorni Per recuperare tempo faccio la lista della settimana e faccio spesa max 2 gironi alla sett.
  • 3° CORRETTA ASSOCIAZIONE DEI CIBIDopo aver deciso come migliorare il proprio programma giornaliero andiamo aconoscere un concetto essenziale per evitare gonfiori e aiutare la digestione.Per evitare conflitti digestivi non vanno uniti in uno stesso pasto molti cibi diversi, perevitare lentezze digestive, fermentazioni, putrefazioni e produzione eccessiva di acidità.Un pasto mal combinato può stare nello stomaco fino 8 ore e oltre 70 nell’intero trattodigestivo.Infatti una lunga digestione comporta affaticamento dell’organismo, produzione di tossinee malesseri come gonfiore, pesantezza, scarsa lucidità, mal di testa, acidosi … .Meglio sarebbe se il cibo transiti veloce per lo stomaco e senza intoppi nel trattointestinale, questo è possibile associando correttamente i cibi tra di loro
  • 3 efficaci ma semplici regole per associare il cibo mantenendo il Gusto 1° NON associare carboidrati + proteine, perché: i carboidrati complessi hanno bisogno di enzimi, acidità gastrica e tempi dirielaborazione diversi rispetto alle proteine. i carboidrati semplici non dovrebbero sostare nello stomaco a lungo, invece leproteine si.2°NON associare proteine + proteine, perché: la struttura e composizione degli amminoacidi è diversa, infatti quella dei legumi èdiversa da quella della carne e quella del formaggio è diversa da quella dell’ uovo. per sciogliere i legami e liberare gli amminoacidi di diverse proteine hanno bisogno diprocessi chimici differenti. Gli amminoacidi non libero non posso essere utilizzati perchénon vengono assimilati.3°NON associare carboidrati + carboidrati, perché: l’elaborazione dei carboidrati complessi inizia già in bocca, continuanello stomaco ed infine nell’ intestino.
  •  i carboidrati semplici devono invece raggiungere velocemente l’ intestino tenue, dovevengono trasformati in glucosio e quindi assimilati.Possiamo semplificare il tutto pensando ad un solo tipo di cibo come protagonistaprincipale del pasto ed un altro come arredo:1° SI carboidrati + verdura2° SI proteine + verdura3° PIU’ frutta e verduraRicordiamoci che il nostro organismo è costituito per oltre il 60% da acqua, questo sta asuggerire che la nostra razione alimentare dovrebbe essere basata soprattutto sufrutta e verdura. Invece nell’ alimentazione moderna si verifica spesso troppa pocaintroduzione di acqua, ma sovrabbondanza di carne, cibi raffinati e conservanti, tuttiacidificanti, che vannoad alterare l’equilibrio acido-basico del nostro organismo.Un pasto ricco di cibi acquosi come, frutta e verdura, favorisce invece, il continuosmaltimento di scorie ristagnanti all’ interno delle strutture cellulari, evitandol’ accumulo di tossine nel sangue.
  • Buona Salute a Tutti! www.informazionisanita.blogspot.it