Plan Art di Monti Stefano                                           H3G S.p.A.Via Briolini 15                             ...
Test effettuati sulla rete H3G nazionale italianaQuesti che seguono sono 2 estratti tra i tanti test effettuati sulla rete...
Impostazioni di rete del software Mobile Partner fornito da H3G ItaliaDa come è chiaro e visibile in questa pagina, nelle ...
Impostazioni di rete del software Mobile Partner fornito da H3G ItaliaCome è possibile vedere nelle due immagini sottostan...
Impostazioni di rete del software Mobile Partner fornito da H3G ItaliaQuesti sono i servizi offerti da H3G Italia... le im...
Messaggi di supporto ricevuti da H3G ItaliaQuesti visibili nelle immagini, sono gli unici 3 messaggi SMS ricevuti dall’app...
Precedenti di H3G ItaliaArticolo del quotidiano Repubblica del 30 maggio 2010:Telefonini, 16mila denunce per abusi e bolle...
Precedenti di H3G ItaliaArticolo del quotidiano Repubblica del 19 luglio 2008:LAntitrust blocca loperatore H3G: "Stop alla...
INCPrecedenti di H3G Italia                                                                               ONArticolo del q...
H3G Italia
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

H3G Italia

378 views
269 views

Published on

Un documento di richiesta danni ad H3G Italia (Tre) utilizzato per ottenere il rimborso di importi erroneamente addebitati oltre che come allegato alla denuncia al garante AGCOM.

Published in: Technology
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
378
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

H3G Italia

  1. 1. Plan Art di Monti Stefano H3G S.p.A.Via Briolini 15 Casella Postale 15047921 Rimini (RN) 20090 Trezzano Sul Naviglio (MI)Tel. 348.9202.099 Casella Postale 150Codice Fiscale MNTSFN70P18H294D Codice Fiscale 02517580920Partita I.V.A. 02622320402 Partita I.V.A. 13378520152Oggetto: Disservizi connettivitàVostri riferimenti; - Codice cliente 7452788 - Telefono numero 392.90.56.742 - Telefono numero 393.94.85.438 Tralasciando tutte le problematiche incontrate nei mesi passati, di cui già ho prodottosufficiente documentazione, sono a segnalare ulteriori disservizi. Da parecchio tempo il servizio dati per i riferimenti di cui sopra non funzionava. Le telefonateeffettuate al servizio 139 confermavano i disservizi, imputando la causa ad alcuni lavori in corso nelterritorio. Purtroppo il sistema non aveva informazioni sufficienti per determinare la fine deilavori e relativi disservizi, questo veniva affermato dagli operatori del call center. Nel frattempo, per i mesi giugno/luglio, ricevevo fatture con importi più alti del dovuto e unaulteriore telefonata al 139 mi informava che la causa poteva essere addebitata alla connessione inroaming dati con TIM. Premesso che, come si può vedere dalle immagini allegate, non è possibileche tale causa sia da addebitare al roaming, visto che il Vostro software, fornito in dotazione con ilVostro apparato di comunicazione dati, è configurato in modo da non utilizzare altre reti al di fuoridi quella specificata, intendevo chiedere il riconteggio delle fatture per evidenti problematicheda addebitare al Vostro sistema di calcolo e addebito. Questo almeno fino a stamattina, dove, stanco dellulteriore Vostro mancato servizio, hochiamato il 139 e sono stato informato che il sistema ha disconnesso i miei apparati per un insolutodi ben 11 euro… In questi giorni ho potuto constatare i reali motivi per cui la connessione dati fosse cosìesageratamente lenta. infatti risulta essere tutto spiegato in un articolo di Repubblica che allegoalla presente insieme ad altri 7 allegati e a tutto il mio disgusto per le Vostre usuali pratiche. Oltrea questo articolo allego anche alcune immagini molto esplicative che documentano le condizionilavorative in cui mi ritrovavo a dover subire nonostante pagassi un servizio di ben altra qualità. Ora; a fronte della valutazione data a Tre, al sistema e al metodo; dopo tutti i disservizi, causa diingenti danni, ricevuti dal 2008 sino ad oggi e testimoniati dal gran numero di raccomandatepervenute a Voi e ad AGCOM dai miei indirizzi; dove la miglior comunicazione ricevuta è stata ladisconnessione affinché io provvedessi a chiamare il 139; dopo il trattamento ricevuto in funzionedi questo ultimo scollegamento voluto dal sistema, come anche dei precedenti H3G Italia in totaledisaccordo con la vostra carta dei servizi; sono mio malgrado a richiedere la risoluzione immediatadei contratti specificati in oggetto dalla data di disconnessione del servizio, visto anche quantoprofondamente sia stato disatteso lo scopo per cui venivano mantenuti in essere e vista la mancatacomunicazione da parte Vostra in ogni occasione in cui sarebbe stato perlomeno auspicabile.Chiedo perciò di essere contattato da un operatore H3G per provvedere al saldo delle spettanzein ununica soluzione.Mi riservo comunque il diritto di procedere in giudizio per richiedere conto di tutti i danni subiti.In attesa di un riscontro, ringrazio per lattenzione. cordiali saluti Stefano Monti per Plan Art _____________________ Rimini 07.09.2010
  2. 2. Test effettuati sulla rete H3G nazionale italianaQuesti che seguono sono 2 estratti tra i tanti test effettuati sulla rete H3G nazionale Italiana.Le verifiche sono state eseguite in normali condizioni di utilizzo, con il software e l’hardware in dotazione forniti da H3G,con la massima banda disponibile e senza altri carichi per la rete, in diversi orari e in diversi punti del paese, con computerdiversi e diversi sistemi operativi.Sono a disposizione centinaia di altri tabulati di test, questo non è tra i peggiori ed è possibile eseguire questa prova inqualunque momento. In ogni caso la media dei risultati non si discosta mai molto dai dati visibili nell’estratto sottostante.!"#$%&()*+(""&,+&(-!("%&+.../&(/0&+&(-!("%&+&"+.../&(/0&+1234/235/365/2789+:6+;"$<+#-=9+52+>?&+$-!@&<+3++37/6/4:/22:+137/6/4:/22:8++337/A64+#<++BA/23A+#<++37A/27:+#<+2++37/6/4:/263+137/6/4:/2638++37A/A:5+#<++37A/636+#<++373/42C+#<+4++37/6/44/232+137/6/44/2328++CC/23C+#<++32A/5CB+#<++327/72C+#<+6++37/6/44/232+137/6/44/2328++3B7/27C+#<++2CC/276+#<++32A/265+#<+5++37/6/4:/237+137/6/4:/2378++2:A/4CA+#<++3CA/435+#<++357/765+#<+:++D+D+D+B++D+D+D!"#$%&()*+(""&,+$0EF+.../&(/0&GHIJ+.../&(/0&++1234/235/365/278)+5:+K-&-+>?&<:6+>?&<+L("#+234/235/365/27)+0!#$M<NO7+&&PO55+&0#OA4/622+#<:6+>?&<+L("#+234/235/365/27)+0!#$M<NO3+&&PO55+&0#OB54/353+#<:6+>?&<+L("#+234/235/365/27)+0!#$M<NO2+&&PO55+&0#O:B4/247+#<:6+>?&<+L("#+234/235/365/27)+0!#$M<NO4+&&PO55+&0#O374/5A:+#<:6+>?&<+L("#+234/235/365/27)+0!#$M<NO6+&&PO55+&0#O474/5:C+#<:6+>?&<+L("#+234/235/365/27)+0!#$M<NO5+&&PO55+&0#O:74/4C5+#<:6+>?&<+L("#+234/235/365/27)+0!#$M<NO:+&&PO55+&0#OA32/CC3+#<:6+>?&<+L("#+234/235/365/27)+0!#$M<NOB+&&PO55+&0#OB32/52:+#<:6+>?&<+L("#+234/235/365/27)+0!#$M<NOC+&&PO55+&0#O642/4BC+#<:6+>?&<+L("#+234/235/365/27)+0!#$M<NOA+&&PO55+&0#O664/A52+#<:6+>?&<+L("#+234/235/365/27)+0!#$M<NO37+&&PO55+&0#O652/5B4+#<:6+>?&<+L("#+234/235/365/27)+0!#$M<NO33+&&PO55+&0#O5:3/A3B+#<:6+>?&<+L("#+234/235/365/27)+0!#$M<NO32+&&PO55+&0#O5B2/7B4+#<:6+>?&<+L("#+234/235/365/27)+0!#$M<NO34+&&PO55+&0#O272/773+#<:6+>?&<+L("#+234/235/365/27)+0!#$M<NO36+&&PO55+&0#O2A3/BC:+#<QRSSS+234/235/365/27+$0EF+<&-&0<&0!<+SSS35+$-!@&<+&(-E<#0&&K9+35+$-!@&<+(!0TK9+7/7U+$-!@&+P"<<("%EKS&(0$+#0EV-TFV#-=V<&KKT+O+A4/622V6B6/3:4VA32/CC3V246/3BB+#<Legenda: traceroute = funzionalità del computer che consente di tracciare tutti gli apparati coinvolti nel percorso ( rotta ), fino all’apparato di destinazione. ping = funzione del computer che consente di ‘chiamare’ un qualunque altro apparato della rete e misurarne il tempo di risposta. ms = millisecondi - tempo di reazione di ogni apparato della reteDa quello che è possibile vedere già tra i primi hop del traceroute ( salti tra un esecuzione del comando ‘traccia rotta’ ed ilsuccessivo ), sempre allinterno dello stesso network H3G e con destinazione www.tre.it, si passa da 0 ad 110.943 ms a288.204 ms. Guardando i risultati di chiamata ping si notano risultati decisamente peggiori, da un minimo di 93.442 ms adun massimo di 912.881 ms, praticamente fino ad un secondo di latenza. In queste condizioni caricare completamente unapagina web di H3G ( http://www.tre.it ) può richiedere anche 10 minuti.Considerato che;alla velocità della luce Roma Milano sono circa 10 ms; i tempi di resa con gli altri operatori, TIM, Wind e Vodafone, con lostesso modem ed un’offerta dati simile, sono nettamente a favore di questi ultimi nonostante l’estraneità della rete H3G aquesti; eseguire questo test con Telecom Italia Mobile ad esempio non richiede più di 50 ms ad ogni hop; non è ipotizzabileche il problema dipenda dal modem o da altri problemi addebitabili all’uso o all’utente finale perché questi risultati siottengono in qualunque condizione, postazione, utente, computer.Si evince che:il provider del servizio di connettività, H3G, stia limitando appositamente la velocità di rete, perché l‘enorme differenza divalore tra un hop e l’altro indica non solo un uso esclusivo e voluto di un limitatore, ma anche un traffico decisamentevariabile, spiegabile solo da un elevata mole di richieste e quindi un sovraffollamento di utilizzatori.In definitiva si rileva una forte mancanza di investimenti nell’infrastruttura ed un tamponamento della già grave condizione.
  3. 3. Impostazioni di rete del software Mobile Partner fornito da H3G ItaliaDa come è chiaro e visibile in questa pagina, nelle due immagini soprastanti che rappresentano le limitazioni fornite alsoftware in dotazione, non è possibile assolutamente che l’apparato di connettività si sia mai spostato dalla rete H3G perusufruire della rete TIM in roaming, ne tantomeno sia uscito dalla rete, H3G WCDMA/HSPA non preferita ma esclusiva.Se così fosse, nonostante le impostazioni fornite, la responsabilità sarebbe comunque da addebitare ad un mancatofunzionamento del software fornito, quindi responsabilità esclusiva del fornitore di connettività, apparato e software, cioèH3G.
  4. 4. Impostazioni di rete del software Mobile Partner fornito da H3G ItaliaCome è possibile vedere nelle due immagini sottostanti, l’apparato di connettività usa sempre e solo la rete H3G inmodalità WCDMA/HSPA.
  5. 5. Impostazioni di rete del software Mobile Partner fornito da H3G ItaliaQuesti sono i servizi offerti da H3G Italia... le immagini parlano da sole. Per ottenere quell’aggiornamento sicurezza ci sonovoluti 5 giorni, utilizzando in un paio d’ore la rete di un altro operatore al quinto giorno.
  6. 6. Messaggi di supporto ricevuti da H3G ItaliaQuesti visibili nelle immagini, sono gli unici 3 messaggi SMS ricevuti dall’apparato e SIM in dotazione da H3G in 3 anni...e sono 3 errori.
  7. 7. Precedenti di H3G ItaliaArticolo del quotidiano Repubblica del 30 maggio 2010:Telefonini, 16mila denunce per abusi e bollette gonfiateQuasi 5mila all’anno i lombardi vittime dell’etere selvaggio che ricorrono alla mediazione gratuitadi ILARIA CARRAI consumatori contestano le super-bolletteLa sventura più grossa è capitata al dipendente di una piccola impresa lombarda: per una settimana negli Usa con ilcellulare aziendale, ha telefonato e gestito da Internet dati e documenti fino a ritrovarsi, al ritorno, con 299mila euro dibolletta. Cè stato poi il caso di una manager che, per qualche giorno in Ucraina col Blackberry settato per scaricare inautomatico e-mail e aggiornamenti software, si è vista addebitare 10mila euro. Un universitario milanese in trasferta aGorizia invece ha visto il segnale del suo telefonino "catturato" dal gestore telefonico sloveno: 3mila euro in bolletta.Duemila ne avrebbe dovuti pagare un uomo daffari che per due ore a Lugano ha navigato su Internet con le tariffe extraeu-ropee.Sono le disavventure con il telefonino capitate ai lombardi, vittime delletere selvaggio che sempre di più, per non doverpagare, si rivolgono al Corecom (Comitato regionale per le comunicazioni) il quale, gratuitamente, fornisce un servizio diconciliazione delle controversie tra consumatori e operatori telefonici. In quattro anni lorganismo regionale ha affrontato16mila ricorsi, di cui 4.662 solo lanno scorso. Un passo possibile prima delleventuale denuncia alla magistratura ordinaria oallAgcom (Autorità per le garanzie nelle comunicazioni).Negli ultimi anni sono cresciute soprattutto le istanze che riguardano la connessione a Internet dal cellulare col sistemawap, una modalità che spesso specie allestero può costare una fortuna a un inconsapevole consumatore. E sono i disservizicon la linea fissa che fanno spesso disperare i lombardi. Alcuni esempi? Un utente trasloca di tre numeri civici e dopo ottomesi non riesce a ottenere il trasferimento del suo vecchio numero; a una giovane in sedia a rotelle, per cui la cornetta èlunico contatto col mondo, per errore viene tagliata la linea. Come lei, sono un migliaio gli utenti, solo lanno scorso, a cui èstato interrotto il servizio (per cause diverse dalla morosità) e che hanno richiesto la riattivazione urgente.Delle 16mila domande di conciliazione depositate al Corecom, 14mila si sono chiuse (80 per cento dei casi), con un accordoeconomico favorevole al consumatore. Lo sprovveduto della bolletta da 299mila euro, alla fine della procedura, non hasborsato un soldo, la conciliazione è riuscita. Coinvolti nelle istanze del telefono della discordia sono i grandi operatori: daTelecom, capofila con 1.631 pratiche, alle 740 di Vodafone e 544 di Wind, seguiti da Tele2, Fastweb e H3G con 400 istanzeciascuno. Una pregiustizia alternativa a cui ricorrono sempre più persone: 930 euro il valore medio, per un importo totale dicontenziosi pari a due milioni nel solo 2009. Preso di mira, inoltre, dalle lamentele dei lombardi, dice il bilancio Corecom,anche il sistema dei call center delle aziende di telecomunicazione, verso il quale cè una insoddisfazione generale: rispostesbagliate, problemi irrisolti, maleducazione, limitatezza delle competenze. Chi ha necessità di risolvere un problemaattraverso di loro deve percorrere un vero e proprio labirinto.Per chi incappa in una bolletta stratosferica ingiustificata, la trafila verso la conciliazione non è complessa. Basta scaricare ilmodulo prestampato (dal sito www. corecomlombardia. it), inviarlo per posta o via mail e attendere che si fissi ludienza, cheè unica e si svolge davanti a un conciliatore (di solito un funzionario regionale) e allavvocato del gestore. Il ricorso crescentealla conciliazione lo spiega così, Maria Luisa San Giorgio, presidente di Corecom Lombardia: "Noi ci abbiamo messo delnostro ma è cambiato anche latteggiamento degli operatori verso lo strumento conciliativo: prima partecipavano menoalle udienze, mentre oggi hanno spostato la conciliazione dagli uffici legali ai servizi clienti, perché con il codice civile allamano non si va da nessuna parte". Da questanno, poi, cè unarma in più: "LAgcom - aggiunge San Giorgio - ci ha delegati,laddove non si raggiunga un esito positivo, a decidere noi i termini della controversia dopo unistruttoria. E questo è unpasso in avanti".Il Corecom non è lunico organismo deputato a fare la pace tra utente e gestore. La Camera arbitrale della Camera dicommercio ne ha gestite circa 400 nel 2009, ed il valore medio di una pratica è raddoppiato in un anno a 76mila euro. Inquesto caso, però, il servizio non è gratuito: ci sono 30 euro di diritti di segreteria (non dovuti se una delle parti è unconsumatore), e un tariffario che cresce, in base al valore della lite, dai 40 euro per mille euro di disputa a un massimo di10mila euro per contenziosi di oltre cinque milioni.http://milano.repubblica.it/cronaca/2010/05/30/news/telefonini_16mila_denunce_per_abusi_e_bollette_gonfiate-4433035/index.html
  8. 8. Precedenti di H3G ItaliaArticolo del quotidiano Repubblica del 19 luglio 2008:LAntitrust blocca loperatore H3G: "Stop alla riscossione coattiva"Il piano tariffario è Tre.Dati Abbonamento con l’Adsm Modem. Diversi utenti hanno ricevuto bollette fino a 10.000 euro.Il presidente dellAntitrust, Antonio Catricalà.ROMA - H3G dovrà sospendere la riscossione coattiva dei crediti relativi al traffico Internet contestato dagli utenti. Lo hadisposto lAntitrust, con una decisione assunta nellambito dellistruttoria avviata per verificare se loperatore telefonicoabbia messo in atto pratiche commerciali scorrette relativamente ai piani tariffari per la navigazione.Secondo numerose denunce, informa una nota dellAutorità per la concorrenza e il mercato, gli utenti che avevano sotto-scritto il piano tariffario Tre.Dati Abbonamento con l"Adsm Modem USB", hanno ricevuto conti salatissimi, fino a quasi10.000 euro, senza che questi costi così ingenti fossero preventivabili in base alle condizioni dofferta.La sospensione riguarda i consumi fatturati nel periodo 21 settembre 2007 - 31 maggio 2008 (per i mesi successivi laziendaha adottato correttivi che dovrebbero evitare il ripetersi del fenomeno), purché contestati dagli utenti attraverso reclamipresentati alla stessa azienda o a pubbliche autorità.LAutorità intende dunque verificare se H3G abbia informato adeguatamente il consumatore che, superata la soglia di 5GB/mese, la tariffa a consumo comporta una spesa estremamente elevata, che aumenta ulteriormente quando la connes-sione avviene attraverso il roaming GPRS; se abbia garantito la possibilità al consumatore di monitorare il superamento diquella soglia; se abbia consentito di conteggiare e verificare il traffico dati extrasoglia (secondo le prime informazioniacquisite il software offerto ai consumatori non garantisce che i bytes visualizzati durante la navigazione su Internetcorrispondano ai bytes riportati ai fini della fatturazione); se abbia informato adeguatamente il consumatore sulle zone noncoperte dalla rete di H3G.Con lo stop ad H3G arrivano a sette le misure cautelari adottate dallAutorità, in base alle nuove competenze in materia dipratiche commerciali scorrette, nel settore delle telecomunicazioni.http://www.repubblica.it/2008/03/sezioni/economia/antitrust-enel/h3g-recuperi-bollette/h3g-recuperi-bollette.html
  9. 9. INCPrecedenti di H3G Italia ONArticolo del quotidiano Repubblica del 6 settembre 2010:Così restringono la banda a chi fa troppo traffico CEPHa ceduto anche 3Italia: era rimasto lunico operatore a non limitare la rete a chi ne fa un uso eccessivo. Le aziende essivo.spiegano questa stretta con linteresse di tutti gli utenti. Ma il problema è lo stato della rete mobile IBIL Edi ALESSANDRO LONGOORMAI sono onnipresenti i limiti e rallentamenti imposti dagli operatori alle reti cellulari italiane, per laccesso a internet. Da nternet. ternet.ultimo, ha mosso in questa direzione anche 3 Italia, che era rimasto il solo operatore a non rallentare gli utenti. Da settem- tem- tembre ha messo un avviso 1 sulle proprie offerte per navigare in mobilità: si legge che lazienda si riserva di limitare la velocità tàdi connessione ai clienti che fanno troppo traffico.Lo scopo è "ottimizzare le proprie risorse di rete a beneficio di tutti i propri clienti". Succedeva infatti che, in alcune zone eore, navigare era molto difficile a causa di una minoranza di utenti che spremevano fino in fondo le proprie offerte. Facendomolto traffico (soprattutto peer to peer), lasciavano poca banda disponibile alla maggioranza.Questo è un problema tipico della rete mobile, dove le risorse sono contingentate, tanto che si parla già di rischio collasso 2."La strutturale limitatezza della capacità di rete disponibile per il singolo cliente nel singolo momento non è oggi risolvibile,se non temporaneamente, con un incremento delle bande di frequenza assegnate; ciò alla luce della costante crescita delleesigenza di capacità registrata negli ultimi anni. A tal proposito 3 Italia ha richiesto nuove frequenze che sono in via diassegnazione", fanno sapere dalloperatore.Non è chiaro al momento quando e come scattano i rallentamenti con 3 Italia, ma a Repubblica.it risulta che colpirebberogli utenti che fanno più di 1 GB di traffico in 24 o 48 ore. Vengono rallentati a 128 Kbps, una velocità sufficiente per navigaresu pagine leggere. Più restrittivi i limiti imposti da Wind 3 e da Vodafone 4: rispettivamente 32 e 64 Kbps, se lutente supera i10 GB di traffico nel mese. Nel caso di Wind la riduzione vale fino al rinnovo dellofferta; Vodafone invece rallenta per tutto ilmese successivo. Si noti che con 32 Kbps la navigazione è quasi impossibile. Vodafone inoltre, allo stesso modo, "potràlimitare la velocità di connessione per quelle applicazioni che permettono lo scambio di file di grandi dimensioni e chequindi possono congestionare la rete (ad es. peer to peer e file sharing)". Lo fa "solo in orari di picco (tra le 7 e le 22) e soloper il tempo necessario".Tim esclude il peer to peer dagli usi possibili di unofferta ("3 GB"). Tim, Wind e Vodafone, infine, vietano il VoIP e il peer topeer da molte offerte per navigare con il cellulare o con liPad. Toccherà rassegnarsi: questa politica di gestione della rete èormai diventata comune, quindi, e lo resterà almeno finché gli operatori mobili non potranno contare su molte nuoverisorse. Allestero le offerte internet mobile tendono già da tempo a limitare la velocità a chi fa più di una certa quota ditraffico (avviene per esempio in Germania, Spagna, Finlandia). In Italia si distingue 3 perché ha imposto i limiti a posteriori,agli utenti di offerte già sottoscritte, dopo essersi accorta che erano necessari per dare un buon serviziohttp://www.repubblica.it/tecnologia/2010/09/06/news/limiti_banda_mobile-6809131/COMMENTO ALLA NOTIZIAPER INCISO:QUESTA DI LIMITARE LA VELOCITÁ DI CONTRATTI PREESISTENTI SENZA IL MINIMO PREAVVISO É UNA PRATICA TRUFFALDINA E VIOLENTA,UN ABUSO ALLA BUONA FEDE DEI VOSTRI CLIENTI, UNA COSA DI CUI SICURAMENTE DOVRETE RENDERE CONTO.Così risolvete il problema delle vostre reti sotto dimensionate, restringendo la banda a chi fa troppo traffico?Ma secondo voi, nel mio caso, per quale motivo ho preso un contratto 7,2 Mbps 5GB/mese? per andare a 128Kbps ( 16KB/secondo ) nelmigliore dei casi?Siete in malafede, inadempienti e truffatori, tutta la documentazione in mio possesso lo prova. Pagherete le vostre scelte di tasca vostra.A questo punto, prima di addentrarmi in tutto il resto del discorso, è necessaria una premessa: 7.2 Mbps equivarrebbero a 7.372 Kbps.Secondo quanto riportato dall’articolo, invece, non solo si spiega perfettamente la lentezza a cui è sempre stato assoggettato il servizio dicui ho usufruito, ma anche che i teorici 7.2 Mbps sbandierati nelle vostre promozioni sono una grande panzana, neanche gli ipotetici 3.6Mbps che uno spererebbe, neppure uno schifosissimo Mbps che chiunque penserebbe dovuto, non 512 Kbps, che sarebbe il minimo perdire stiamo navigando in una pagina di testo con meno di un dodicesimo della velocità che mi hanno venduto , insomma noo siamo adun sessantesimo della banda offerta e strapagata, 128Kbps, la stessa velocità di un modem degli anni 90.

×