Scrittureassestamento

425 views
288 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
425
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
16
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Scrittureassestamento

  1. 1. Le scritture di assestamento, di riepilogo e di chiusura  Le scritture di assestamento si suddividono in: ◦ scritture di integrazione e completamento: servono per aggiungere i costi e i ricavi d’esercizio che non hanno ancora avuto la loro manifestazione finanziaria, ma che sono già economicamente maturati; ◦ scritture di rettifica: servono ad eliminare i costi e i ricavi rilevati contabilmente in quanto hanno già avuto la loro manifestazione finanziaria, ma che non sono ancora economicamente maturati; ◦ scritture di ammortamento: servono per assegnare all’esercizio le quote dei costi pluriennali che si considerano di competenza dell’esercizio stesso.
  2. 2. Scritture di integrazione e completamento  Le scritture di integrazione e completamento riguardano la rilevazione di: ◦ interessi maturati su conti correnti, crediti e debiti; ◦ fatture e note di accredito ancora da ricevere o da emettere, per operazioni già concluse; ◦ ratei, fondi oneri futuri e fondi rischi.
  3. 3. Scritture di integrazione e completamento  Rilevazione di crediti e debiti per interessi ◦ Alla fine dell’esercizio devono essere rilevati gli interessi, attivi o passivi, maturati sui c/c bancari ◦ Gli interessi attivi maturati sui c/c sono soggetti a ritenuta fiscale d’acconto del 27%; Diversi a Interessi attivi bancari1.000 Banca c/c 730 Titolare o soci o crediti c/ritenute subite 270
  4. 4. Scritture di integrazione e completamento  Rilevazione di crediti e debiti da liquidare ◦ Alla chiusura dell’esercizio può accadere che le operazioni si siano concluse dal punto di vista della competenza economica ma non siano ancora stati emessi i relativi documenti contabili. ◦ Fatture da ricevere: l’azienda ha ricevuto della merce che ha già inserito in magazzino, ma non ha potuto rilevare il costo perché manca la fattura del fornitore. ◦ Si possono avere due casi: 1) la fattura perviene e viene registrata entro il 16 gennaio successivo, l’Iva relativa è detraibile nella liquidazione del mese di dicembre. 2) la fattura perviene e viene registrata dopo il 16 gennaio successivo, l’Iva relativa non può essere detratta nella liquidazione riguardante il mese di dicembre.
  5. 5. Scritture di integrazione e completamento  Rilevazione di crediti e debiti da liquidare ◦ Fatture da ricevere: scritture 1) Diversi a Fatture da ricevere 12.200 Merci c/acquisti 10.000 Iva ns/credito 2.200 Fatture da ricevere a debiti v/fornitori 12.200 2) Merci c/acquisti a fatture da ricevere 5.000 Diversi a debiti v/fornitori 6.100 Fatture da ricevere 5.000 IVA ns/credito 1.100
  6. 6. Scritture di integrazione e completamento  Rilevazione di crediti e debiti da liquidare ◦ Fatture da emettere: l’azienda ha già venduto e consegnato della merce ma non ha ancora emesso la relativa fattura. ◦ L’Iva sulle merci cedute deve entrare a far parte della liquidazione del mese di dicembre  Rilevazione di crediti e debiti da liquidare ◦ Fatture da emettere: scritture Fatture da emettere a diversi 11.000 a merci c/vendite 10.000 a IVA ns/debito 1.000 Crediti v/clienti a fatture da emettere 11.000
  7. 7. Ratei attivi e passivi  Quote di entrate o di uscite future relative a costi e ricavi che sono già maturati ma non sono ancora stati rilevati, poiché la manifestazione finanziaria è posticipata.  Scritture Ratei attivi a Int. attivi su mutui 1.250 rateo per interessi attivi maturati dall’1/10 al 31/12 Fitti passivi a Ratei passivi 2.000 rilevato rateo per fitti passivi maturati dall’1/11 al 31/12
  8. 8. Fondi oneri futuri  I fondi oneri futuri sono valori finanziari presunti che misurano componenti negativi di reddito non ancora rilevati ma di competenza dell’esercizio. Si tratta di valori che non sono certi né per il loro ammontare né per il momento in cui si verificherà il pagamento a cui sono collegati; l’unica certezza è quella della manifestazione dell’evento.
  9. 9. Fondi oneri futuri  Sono fondi oneri futuri, ai quali bisogna a fine esercizio effettuare gli opportuni accantonamenti: ◦ il fondo garanzie prodotti, costituito per la copertura dei costi preventivati per riparazioni da effettuare in garanzia entro un certo periodo di tempo ◦ il fondo manutenzioni programmate, costituito per far fronte a revisioni e manutenzioni ordinarie ◦ Il fondo buoni sconto e concorsi a premio, costituito per far fronte al sorteggio futuro di premi Acc. concorsi a premio a Fondo conc. a premio 25.000
  10. 10. Fondo rischi  Si tratta di valori stimati, in quanto non si sa neppure se si verificherà l’evento previsto che genera la perdita  I fondi rischi più importanti sono: ◦ Il fondo svalutazione crediti (o fondi rischi su crediti); ◦ Il fondo rischi su cambi; ◦ Il fondo per imposte.
  11. 11. Fondo rischi  Fondo svalutazione crediti: I crediti devono essere valutati al presunto valore di realizzo che può non coincidere con il valore nominale degli stessi. Svalutaz. crediti a F.do sval. Crediti 2.000
  12. 12. Fondo rischi  Fondo rischi su cambi: I crediti e i debiti in valuta estera sono dei conti finanziari presunti, perché il loro valore definitivo sarà determinato solo nel giorno dell’estinzione in base al cambio esistente a quella data. Le variazioni originate dal valore dei cambi alla data di chiusura dell’esercizio devono essere trattate nel seguente modo: ◦ variazioni positive: per il rispetto del principio di prudenza non si deve effettuare nessuna rilevazione; ◦ variazioni negative: per il rispetto del principio di prudenza si devono rilevare le perdite probabili. Acc. Per rischi su cambi a F.do rischi su cambi 82,38
  13. 13. Operazioni di rettifica  Le scritture di rettifica stornano componenti di reddito già rilevati che, non essendo di competenza dell’esercizio, devono essere rinviati all’esercizio successivo. Le scritture di rettifica riguardano: ◦ la rilevazione delle rimanenze di magazzino; ◦ la rilevazione dei risconti attivi e passivi.
  14. 14. Rimanenze di magazzino  Al termine dell’esercizio, bisogna stornare tutti quei costi inerenti all’acquisto, alla fabbricazione e alla conservazione delle merci o dei prodotti, degli imballaggi, dei materiali di consumo presenti in magazzino che non hanno trovato nel corso dell’esercizio il loro utilizzo e che daranno il corrispettivo ricavo in futuro.  Scritture Merci a merci c/rim. Finali 200.000 Materiali di consumo a materiali di consumo c/rim. Finali 56.000
  15. 15. Risconti attivi e passivi  I risconti sono quote di costi sostenuti o di ricavi realizzati entro la chiusura dell’esercizio ma di competenza di esercizi successivi.  Il calcolo del risconto consiste nella suddivisione di un valore tra il periodo amministrativo in chiusura (quota del componente di reddito che resta di competenza) e il periodo o i periodi successivi (quota da stornare perché non deve incidere sull’esercizio).  Scritture Risconti attivi a Premi di assicurazione 945 Fitti attivi a Risconti passivi 2.000
  16. 16. Operazioni di ammortamento  L’ammortamento è un processo con il quale vengono attribuiti all’esercizio in chiusura quote di costi pluriennali relativi a beni di uso durevole o a costi la cui utilità è relativa a più esercizi. Ammortamento impianti a f.do amm. impianti
  17. 17. Le scritture di epilogo  Le scritture di epilogo hanno la funzione di fare affluire i saldi dei conti economici d’esercizio al Conto di risultato economico.  Al Conto economico generale si girano quindi tutti i saldi dei conti accesi a componenti positivi e negativi per ottenere il risultato economico del periodo.
  18. 18. Epilogo dei componenti positivi e negativi  Si epilogano in Avere del conto di risultato economico i saldi dei conti accesi a componenti positivi di reddito; il saldo di ogni conto economico viene scritto nello stesso in Dare a pareggio, per cui il conto risulta spento  Si epilogano in Dare del Conto di risultato economico i saldi dei conti accesi a componenti negativi di reddito; il saldo di ogni conto economico viene scritto nello stesso in Avere a pareggio, per cui il conto risulta spento
  19. 19. Determinazione del risultato economico d’esercizio  L’eccedenza dei conti affluiti al Conto di risultato economico esprime il risultato economico d’esercizio:  se l’eccedenza è in Avere, in quanto il totale Avere è maggiore del totale Dare, si ha un utile d’esercizio; Conto di Risultato Economico a Utile d’esercizio  se l’eccedenza è in Dare, in quanto il totale Avere è inferiore al totale Dare, si ha una perdita d’esercizio. Perdita d’esercizio a Conto di Risultato Economico
  20. 20. Il patrimonio netto finale il patrimonio netto finale è espresso dal saldo del relativo conto:  ad incremento, in avere, l’eventuale utile d’esercizio conseguito,  a decremento, in dare, l’eventuale perdita d’esercizio subita ed i prelevamenti extragestione effettuati nell’anno. Utile d’esercizio a Patrimonio netto Patrimonio netto a Prelevamenti extragestione Patrimonio netto a Perdita d’esercizio
  21. 21. La chiusura generale dei conti  La chiusura dei conti patrimoniali può essere effettuata in due modi: 1) si chiudono tutti i conti, contemporaneamente, con un unico articolo; i conti con eccedenza in Dare si chiudono in Avere, i conti con eccedenza in Avere si chiudono in Dare. In ogni conto si scrive perciò il saldo nella sezione dove il totale risulta minore, in modo che le due sezioni bilancino:  Conti con eccedenza avere Conti con eccedenza Dare (accesi alle passività e al PN) (accesi alle attività e all’eventuale deficit)
  22. 22. La chiusura generale dei conti 2) si chiudono i conti con più articoli a più riprese, usando in contropartita il conto transitorio Bilancio di Chiusura, secondo i seguenti schemi: Bilancio di chiusura a Conti con eccedenza in Dare (accesi alle attività) Conti con eccedenza in Avere a Bilancio di chiusura (accesi alle passività) Conti con eccedenza in Avere a Bilancio di chiusura (accesi a parti ideali positive del PN) Bilancio di chiusura a Conti con eccedenza in Dare (accesi a parti ideali negative del PN)
  23. 23. La riapertura dei conti  Riapertura dei conti patrimoniali in base alla situazione contabile finale del precedente esercizio  La riapertura può essere effettuata in due modi: 1. Riapertura simultanea con un articolo, come segue: conti accesi alle attività conti accesi alle passività e al patrimonio netto
  24. 24. La riapertura dei conti 2. Riapertura con più articoli, usando in contropartita il conto transitorio Bilancio d’apertura. Esempio diversi a Bilancio d’apertura fabbricati Crediti ecc Bilancio d’apertura a diversi a mutui passivi a debiti a ecc. Bilancio d’apertura a Patrimonio netto
  25. 25. La riapertura dei conti  Importi a credito o a debito girati ai conti che presentano nel corso dell’esercizio alternanza di saldi debitori o creditori  Le scritture: debiti per IVA a IVA c/liquidazione diversi a Banche c/c attivi Unicredit c/c Banco di Napoli c/c  Le esistenze iniziali: sono componenti di reddito rinviati per competenza dall’esercizio precedente al nuovo esercizio  Rilevazione: merci c/esistenze iniziali a merci
  26. 26. La riapertura dei conti  I risconti iniziali: rappresentano costi e ricavi, sospesi nell’esercizio precedente, che diventano componenti di reddito dell’esercizio corrente  Rilevazione Fitti passivi a risconti attivi Risconti passivi a interessi attivi  I ratei iniziali: rilevano componenti di reddito di competenza dell’esercizio precedente e che pertanto non devono più incidere sulla determinazione del risultato economico dell’esercizio corrente  Rilevazione Ratei passivi a cassa o banca c/c cassa o banca c/c a Ratei attivi
  27. 27. La riapertura dei conti  L’utilizzo dei fondi rischi e oneri: vengono stornati al verificarsi delle perdite o dei costi per cui sono sati costituiti precedentemente  Rilevazioni contabili: fondo svalutazione crediti a crediti insoluti fondo responsabilità civile a banca c/c  Storno delle fatture da ricevere: al ricevimento delle fatture dai fornitori si deve stornare il conto fatture da ricevere e rilevare il debito v/f  Rilevazione: fatture da ricevere a debiti v/fornitori  Storno delle fatture da emettere: alla consegna delle fatture ai clienti si deve stornare il conto fatture da emettere e rilevare il credito v/c  Rilevazione Crediti v/clienti a fatture da emettere

×