Your SlideShare is downloading. ×
Contabilità e Fiscale - Modulo 3 - Irpef ires irap
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Contabilità e Fiscale - Modulo 3 - Irpef ires irap

2,265
views

Published on


0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
2,265
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
49
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. IL SISTEMA FISCALE
    • Presenza di due imposte sul reddito:
      • Irpef
      • Ires
    • Presupposto: Il “possesso” di redditi
    • reddito è, in generale, un incremento di patrimonio, che deriva da una fonte produttiva.
  • 2. Categorie reddituali
    • redditi fondiari, possesso riferito all’immobile
    • redditi di capitale, (“principio di cassa”)
    • redditi di lavoro dipendente, (“principio di cassa”)
    • redditi di lavoro autonomo,(“principio di cassa”)
    • redditi d’impresa, possesso dell’apparato produttivo
    • redditi diversi, (“principio di cassa”)
  • 3. Periodo d’imposta e base imponibile
    • rilievo del reddito in un determinato periodo di tempo, denominato “periodo d’imposta”. Per le persone fisiche, il periodo d’imposta è l’anno solare; per le società, l’esercizio solare.
    • La base imponibile è costituita dal complesso dei redditi ovunque prodotti
  • 4. Base imponibile
    • Dal reddito complessivo si deducono gli oneri; operate le deduzioni, si ottiene la base imponibile netta, cui si applicano le aliquote (progressive per scaglioni), per calcolare la misura dell’imposta (lorda).
  • 5. Oneri deducibili
    • costituiti da spese personali
    • Sinteticamente, sono deducibili:
    • le spese mediche,
    • gli assegni periodici corrisposti al coniuge, a seguito di separazione,
    • contributi previdenziali e assistenziali
    • contributi versati per le forme pensionistiche
    • talune erogazioni liberali.
  • 6. Le aliquote
    • Le aliquote sono crescenti per scaglioni di reddito
    • l’aliquota del 23%: si applica ai redditi fino a 15 mila euro;
    • l’aliquota del 27% da 15 a 28 mila euro;
    • Aliquota del 38% da 28 a 55 mila euro;
    • aliquota del 41% da 55 a 75 mila euro.
    • L’aliquota del 43% da 75 mila euro.
  • 7. Imposta dovuta
    • Dall’’imposta lorda occorre tener conto delle detrazioni dall’imposta:
      • a) detrazioni per carichi di famiglia;
      • b) detrazioni sostitutive delle spese di produzione;
      • c) detrazioni per oneri.
  • 8. IRES
    • Colpisce quattro categorie di soggetti:
    • a) le società di capitali;
    • b) gli enti commerciali;
    • c) gli enti non commerciali;
    • d) le società e gli enti non residenti.
    • Sono escluse solo le persone fisiche e le società di persone.
    • L’imposta è calcolata applicando l’aliquota del 27,5% al reddito complessivo netto.
  • 9. Reddito imponibile
    • Il reddito è determinato sulla base del bilancio: il punto di partenza è il risultato del conto economico al quale si apportano le “variazioni”, in aumento e in diminuzione, derivanti dall’applicazione delle norme fiscali
  • 10. Le variazioni in aumento e in diminuzione
    • Abbiamo quattro tipi di variazioni. Ossia:
    • variazioni fiscali che aumentano il reddito imponibile rispetto all’utile civilistico in quanto variano in aumento un componente positivo del conto economico;
    • variazioni fiscali che aumentano il reddito imponibile rispetto all’utile civilistico in quanto eliminano o riducono un componente negativo del conto economico;
    • variazioni fiscali che riducono il reddito imponibile rispetto all’utile civilistico in quanto eliminano o riducono un componente positivo del conto economico.
    • variazioni fiscali che riducono il reddito imponibile rispetto all’utile civilistico perché tengono conto di componenti negativi non presenti, o presenti in misura minore, nel conto economico.
  • 11. IRAP
    • Presupposto è lo svolgimento di un’attività (economica o no), autonomamente organizzata, per la produzione di beni e servizi;
    • sono presupposti dell’Irap lo svolgimento, con autonoma organizzazione, di un’attività imprenditoriale, di un’attività artistica o professionale, o di un’attività amministrativa.
  • 12. Aliquota e soggetti passivi
    • L'aliquota Irap base è stata fissata dalla finanziaria 2008 al 3,9% e di anno in anno ciascuna regione d'Italia ha la facoltà di ridurla o aumentarla sino a un massimo dell'1%, ossia di fissarne il valore all'interno dell'intervallo fra il 2,9% e il 4,9%.
    • I soggetti passivi sono divisi in tre categorie: imprenditori, lavoratori autonomi, pubbliche amministrazioni
  • 13. Base imponibile
    • E’ costituita dal valore aggiunto netto, pari alla differenza tra il valore della produzione e una serie di costi di produzione
    • Non sono deducibili né i costi del personale né gli interessi passivi.
  • 14. I redditi di lavoro autonomo
    • art. 53 del T.U.: sono redditi di lavoro autonomo quelli che derivano dall’esercizio di arti e professioni
    • Per esercizio di arti e professioni si intende l’esercizio per professione abituale, ancorché non esclusiva, di attività di lavoro autonomo
    • I redditi di lavoro autonomo derivano da un’attività caratterizzata da tre connotati:
    • è un’attività svolta in modo autonomo;
    • è un’attività abituale;
    • è un’attività di natura non commerciale.
  • 15. I compensi
    • Sono dati dalla differenza tra i compensi percepiti e spese sostenute (principio di cassa)
    • Esclusione dei rimborsi delle spese sostenute in nome e per conto del cliente.
    • Le spese deducibili sono quelle sostenute nell’esercizio dell’arte o della professione, ossia inerenti a tale esercizio (principio dell’inerenza)