• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Analisiindicieflussi
 

Analisiindicieflussi

on

  • 1,275 views

 

Statistics

Views

Total Views
1,275
Views on SlideShare
1,245
Embed Views
30

Actions

Likes
0
Downloads
27
Comments
0

1 Embed 30

http://www.mondoformazione.eu 30

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Analisiindicieflussi Analisiindicieflussi Presentation Transcript

    • La determinazione degli indici di bilancioPer una corretta applicazione degli indici, vatenuto presente che:• non esiste un parametro di riferimento valido in assoluto per il singolo indice• l’analisi sarà significativa se svolta per un arco temporale di alcuni esercizi• è opportuno verificare che i principi di riclassifica dei bilanci siano uniformi nel tempo.
    • Indicatori dell’equilibrio finanziario-patrimoniale• Margine di struttura: rappresentato dalla differenza tra il capitale netto e gli immobilizzi netti• Capitale circolante netto: espresso dalla differenza tra le attività correnti e le passività correnti• Margine di tesoreria: calcolato come differenza tra le liquidità aziendali e il passivo corrente
    • Indice di indipendenza finanziaria e di indebitamento• Capitale proprio (o Patrimonio netto) / Capitale acquisito (o fonti globali o patrimonio netto + debiti)• Capitale di terzi/Attivo totale netto• Oppure: Debiti/Totale Passivo (Patrimonio netto + Debiti)• Capitale investito/Capitale proprioil grado di copertura degli oneri finanziari.• (Utile netto + Risparmio fiscale per maggiore indebitamento + Oneri finanziari)/Oneri finanziari
    • Indici di coperturaIndice di copertura globale:• (Capitale proprio + Debiti consolidati)/Immobilizzi tecnici nettiIndice di ammortamento:• Fondi ammortamento/Immobilizzi tecnici lordiIndici di composizione del capitale investito:• Capitale investito/Attivo totale netto
    • Indicatori dell’equilibrio monetario• Current ratio = Attivo corrente/Passivo corrente• Quick ratio o acid test = (Liquidità immediate + Differite)/Passivo corrente• Durata media dei crediti (in giorni)=(Crediti a breve v/clienti + circolazione cambiaria – Anticipi da clienti)/Ricavi di vendita X 360• Durata media dei debiti (in giorni) = (Effetti e debiti a breve v/fornitori – Anticipi a f.)/(Acquisti di beni e servizi) X 360• Giorni medi di magazzino = [(Esistenze iniziali + Rimanenze finali)/2] / [(Esistenze iniziali + Acquisti – Rimanenze finali)] X 360
    • Indicatori dell’equilibrio economico• Capacità dell’impresa di coprire adeguatamente i costi di gestione con i propri ricavi attraverso indici di economicità, di redditività, di produttività e di rotazione.ROE (return on equità):• Reddito netto/Capitale netto X 100ROA (return on assets):• Reddito operativo/Attivo totale netto X 100ROI (return on investment):• Reddito operativo/Capitale investito X 100
    • Indicatori dell’equilibrio economicoROS• Reddito operativo/Ricavi netti di vendita X 100tasso di incidenza della gestione extracaratteristica:• Reddito netto/Reddito operativoCosto medio del capitale di credito (ROD – return ondebts).• Oneri finanziari/Debiti onerosi X 100
    • Indicatori dell’equilibrio economico• Pay out ratio o Tasso di distribuzione degli utili = Dividendi/Rn• Tasso di autofinanziamento = 1 – Tasso di distribuzione degli utili• Tasso di rendimento globale = (Vi – V t-1 + Di)/ V t-1• Reddito per azione = Rn/N. azioni• Dividendo per azione = Di/ N.azioni• Price earning ratio = Quotazione/Margine lordo industriale• P/E ratio = Prezzo dell’azione/Utili
    • Indicatori di produttività• Vendite per dipendente = Ricavi di vendite/ N. dipendenti• Valore aggiunto per dipendente = Valore aggiunto/N. dipendenti• Valore aggiunto per unità monetaria di fatturato = Valore aggiunto/fatturato• Produzione per dipendente = Produzione realizzata/N.dipendenti• Indice di produttività aziendale = Valore della produzione/Capitale investito;• Produttività del capitale investito = Valore aggiunto/Capitale investito;• Produttività degli immobilizzi tecnici = Valore della produzione/Immobilizzi tecnici.
    • Indici di rotazione• Tasso di rotazione del capitale investito = Ricavi di vendite/Capitale investito. Esso segnala solo il ricavo medio per unità di investimento.• Tasso di rotazione degli immobilizzi tecnici netti = Ricavi di vendite/Immobilizzi tecnici netti.• Tasso di rotazione delle attività correnti = Ricavi di vendite/Attivo corrente• Tasso di rotazione del magazzino = Ricavi di vendite/Rimanenze di magazzino
    • Il sistema di coordinamento degli indici di bilancioROE = ROI * L * incidenza attività extracaratteristiche• Rn/Cn = Ro/Ci * Ci/Cn * Rn/Ro• Rn/Cn = Ro/Ci * Ci/Attivo totale netto * Attivo totale netto/Cn * Rn/Ro (2)ROI > i (i = costo reale dell’indebitamento)ROI = ROS * TRCi• Ro/Ci = Ro/V * V/Ci
    • L’analisi per flussi“Analisi delle destinazioni assegnate alle risorsefinanziarie nell’azienda e delle origini dei mezzifinanziari medesimi”.Rendiconto finanziario: fornisce informazioni sui flussidei fondi che si sono manifestati o che simanifesteranno in un certo arco di tempo ovveroindaga le risorse finanziarie prodotte o assorbite dallagestione ed il relativo contributo fornito dalle diversearee gestionali
    • L’analisi per flussiL’analisi dei flussi finanziari può essere condotta a varilivelli:• analisi dei flussi totali;• rendiconto per flussi di capitale circolante netto• rendiconto per flussi di cassaIl concetto di fondo si riferisce al valore che undeterminato oggetto di studio (presenta in undeterminato istante (concetto statico).Il flusso fa riferimento alla variazione, incrementativa odiminutiva, che un fondo di valori ha subito da unperiodo all’altro.
    • L’analisi per flussi• Il concetto di fonte o impiego qualifica ogni operazione in relazione alla capacità della stessa di generare o assorbire risorse finanziarie.• Costituisce una fonte ogni operazione che genera risorse finanziarie, mentre rappresenta un impiego ogni operazione che assorbe risorse finanziarie. Situazione Patrimoniale + Var. Impieghi - Var. Impieghi - Var. Fonte + Var. Fonte
    • L’analisi per flussiI flussi finanziari assorbiti od impiegati nel processodinamico della gestione, essi possono derivare:• dalla gestione reddituale. Operazioni che concorrono alla generazione del reddito di esercizio.• dalla gestione del capitale d’esercizio. E’ l’area che attiene alla gestione degli elementi del capitale circolante netto• dalla gestione degli investimenti e disinvestimenti. acquisti ed alienazioni di beni strumentali, di partecipazioni, ecc;• dalla gestione finanziaria: operazioni di reperimento e di rimborso di fonti di finanziamento a m/l temine e di capitale proprio• dalla remunerazione dei capitali. Assorbe in sé la politica di remunerazione dei capitali
    • Il rendiconto per l’analisi dei flussi totali• Evidenzia il complesso delle fonti generate in un certo periodo e il loro relativo impiego.• l’analisi parte dal confronto di due situazioni patrimoniali successive
    • L’analisi dei flussi di capitale circolante netto• CCN = attività correnti (Liquidità immediate + Liquidità differite + Disponibilità) - passività correnti.L’analisi si sviluppa attraverso due fasi:• individuazione delle variazioni subite dal capitale circolante netto e• analisi delle variazioni finanziariamente significative, scaturenti dalle diverse aree gestionali d’impresa,
    • L’analisi dei flussi di capitale circolante netto• Verificare come Il reddito, quale differenza tra ricavi e costi di competenza, modifichi il CCN• necessità di ricondurre il reddito d’esercizio da misura di carattere economico ad una rappresentazione di carattere finanziario attraverso o metodo diretto o metodo indirettoNon danno luogo a variazioni finanziarie:• costi non monetari• ricavi non monetari
    • L’analisi dei flussi di cassa• Pone in evidenza la dinamica finanziaria considerando il concetto della liquidità rappresentata dai valori di cassa e banche aziendali• L’analisi dei flussi di cassa tende ad individuare gli effetti delle operazioni aziendali, reddituali e non, sulle disponibilità monetarie analizzando tutte le operazioni di gestione in termini di entrate e di uscite di cassa.• Bisogna verificare come le diverse aree gestionali aziendali hanno concorso alla generazione o all’assorbimento di risorse monetarie.
    • IL RENDICONTO FINANZIARIO CON IL METODO DIRETTOConsiste nella contrapposizione delle entrate con leuscite.Pone in evidenza gli aspetti seguenti:• la determinazione del flusso di cassa dell’attività operativa;• la determinazione del flusso di cassa dell’attività di investimento;• la determinazione del flusso di cassa dell’attività finanziaria.
    • Determinazione del flusso di cassa dell’attività operativaTipologie di operazioni i cui flussi in entrata ed in uscitadevono essere classificati nell’attività operativadell’impresa:• incassi derivanti dalla vendita di prodotti e dalla prestazione di servizi;• incassi di royalties, compensi, commissioni e altri ricavi;• pagamenti a fornitori per l’acquisto di materie prime, semilavorati, merci e servizi;• pagamenti a, e per conto di, lavoratori dipendenti;• pagamenti e rimborsi di imposte sul reddito• incassi e pagamenti derivanti da contratti stipulati a scopo di negoziazione o commerciale.
    • Determinazione del flusso di cassa dell’attività operativaIl flusso finanziario derivante dall’attività operativadovrebbe essere sufficiente:• a mantenere inalterata oppure ad ampliare la capacità operativa dell’impresa, effettuando nuovi investimenti (attività di investimento);• a rimborsare i prestiti e a pagare i dividendi (attività di finanziamento).Il rendiconto finanziario con il metodo diretto prevedel’indicazione separata dei seguenti flussi di cassa:• entrate da incassi da clienti• uscite per pagamenti a fornitori e dipendenti.
    • Determinazione del flusso di cassa dell’attività operativaI flussi di cassa possono essere ottenutialternativamente:• dalle registrazioni contabili delle imprese;• rettificando le vendite, il costo del venduto e altre voci del conto economico per: o le variazioni delle rimanenze e dei crediti e debiti operativi durante l’esercizio; o altri elementi non monetari; o altri elementi per i quali gli effetti monetari sono flussi finanziari da attività di investimento o finanziarie.
    • Flusso di cassa dell’attività operativa con il metododiretto fondato sulle registrazioni contabili dell’impresa• Evidenzia direttamente gli effetti lordi di incassi e pagamenti derivanti dall’attività operativa.• E’ utilizzabile se il sistema informativo - contabile, è in grado di elaborare autonomamente le informazioni circa le entrate da incassi da clienti e le uscite per pagamenti a fornitori e dipendenti.
    • Flusso di cassa dell’attività operativa con il metodo diretto fondato sulle rettifiche ai ricavi ed ai costi delconto economico con le variazioni dei crediti e dei debitiEntrate da incassi da clienti:La variazione nei crediti verso i clienti: o L’aumento di crediti deve essere sottratto o La diminuzione dei crediti deve essere aggiuntaLa variazione nei ratei attivi o L’aumento dei ratei attivi deve essere sottratto o La diminuzione dei ratei attivi deve essere aggiuntaLa variazione nei risconti passivi• L’aumento dei risconti passivi deve essere sommato• La diminuzione dei risconti passivi deve essere sottratta
    • Flusso di cassa dell’attività operativa con il metodo diretto fondato sulle rettifiche ai ricavi ed ai costi delconto economico con le variazioni dei crediti e dei debitiUscite per pagamenti a fornitoriLa variazione nei debiti verso i fornitori:• L’aumento dei debiti deve essere aggiunta• La diminuzione dei debiti deve essere sottrattaLa variazione nei ratei passivi• L’aumento dei ratei passivi deve essere aggiunto• La diminuzione dei ratei passivi deve essere sottrattaLa variazione nei risconti attivi• L’aumento dei risconti attivi deve essere sottratto• La diminuzione dei risconti attivi deve essere aggiunta
    • Flusso di cassa dell’attività operativa con il metodo diretto fondato sulle rettifiche ai ricavi ed ai costi delconto economico con le variazioni dei crediti e dei debitiUscite per pagamenti a dipendenti• L’accantonamento al TFR deve essere sottratto;• Il pagamento al TFR deve essere aggiuntoLa variazione negli altri debiti verso i dipendenti• L’aumento dei debiti deve essere aggiunta• La diminuzione dei debiti deve essere sottratta
    • La determinazione del flusso di cassa dell’attività di investimentoFlussi assorbiti o generati dalle attività di investimento:• Pagamenti per acquisti e incassi per vendite di immobili, impianti e macchinari, beni immateriali e altri beni immobilizzati;• Pagamenti per acquisizioni e incassi per vendite di strumenti rappresentativi di patrimonio netto o di debito• Pagamenti e incassi per anticipazioni e prestiti fatti a terzi.• Pagamenti e incassi derivanti da operazioni su strumenti derivati.
    • La determinazione del flusso di cassa dell’attività finanziariaFlussi assorbiti o generati dalle attività difinanziamento:• Incassi per emissione di azioni o di quote rappresentative del capitale di rischio;• Pagamenti agli azionisti per acquisire o liberare le azioni della società (acquisto di azioni proprie);• Incassi derivanti dall’emissione di prestiti obbligazionari, prestiti, cambiali, titoli a reddito fisso, mutui e altri finanziamenti• Pagamenti per rimborsi di prestiti;• Pagamenti da parte del locatario per la riduzione delle passività relative a un leasing finanziario.
    • IL RENDICONTO FINANZIARIO CON IL METODO INDIRETTOIl flusso di cassa dell’attività operativa è determinatoindirettamente, partendo dal risultato dell’esercizioDall’utile o dalla perdita d’esercizio è necessario sommarealgebricamente a tale risultato le imposte sul reddito, gliinteressi attivi e passivi nonché i dividendi ricevutiPer trasformare il risultato prima delle imposte nelledisponibilità liquide bisogna effettuare le:• Rettifiche per gli elementi non monetari;• Rettifiche per gli elementi dell’attività di investimento e dell’attività finanziaria;• Rettifiche per la variazione del capitale circolante.
    • Le rettifiche per gli elementi non monetariHanno lo scopo di rettificare il risultato prima delleimposte dai costi e dei ricavi non monetaricosti e ricavi non monetari: o L’ammortamento delle immobilizzazioni immateriali e materiali; o La svalutazione delle immobilizzazioni immateriali, materiali e finanziarie; o Le rivalutazioni di immobilizzazioni immateriali, materiali e finanziarie conseguenti a ripristini di valore; o Le svalutazioni e le rivalutazioni conseguenti all’applicazione del metodo del patrimonio netto alle partecipazioni immobilizzate in imprese controllate e collegate; o La svalutazione dei crediti; o La svalutazione del magazzino e delle attività finanziarie che non costituiscono immobilizzazioni.
    • Le rettifiche per gli elementi dell’attività di investimento e dell’attività finanziaria• Hanno lo scopo di eliminare l’influenza di ricavi e costi che sono connessi o all’attività di investimento oppure all’attività finanziaria• Si considerano le seguenti rettifiche: o Plusvalenze/minusvalenze da alienazione; o Interessi attivi e passivi e dividendi ricevuti; o Utili/perdite su cambi da valutazione relativi ad attività finanziarie o a passività finanziarie.
    • Le rettifiche per la variazione del capitale circolanteOccorre tenere presente delle variazioni intervenutetra l’inizio e la fine dell’esercizio nell’ambito del“capitale circolante” :• aumento/diminuzione del magazzino;• b) aumento/diminuzione dei crediti verso clienti;• c) aumento/diminuzione degli altri crediti non collegati all’attività di investimento o finanziaria;• d) aumento/diminuzione dei ratei attivi e dei risconti attivi;• e) aumento/diminuzione dei debiti verso fornitori;• f) aumento/diminuzione degli anticipi da clienti;• g) aumento/diminuzione degli altri debiti non collegati all’attività di investimento o finanziaria;• h) aumento/diminuzione dei ratei passivi e dei risconti passivi;• i) accantonamento al trattamento di fine rapporto• j) accantonamento ai fondi rischi e oneri