Lezione 2 a distr longtail e manistream

536 views
508 views

Published on

I limti della distribuzione tradizionale. Introduzione alla long tail. Porodtti mainstream e prodotti di nicchia.

Published in: Education
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
536
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
29
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Lezione 2 a distr longtail e manistream

  1. 1. I limiti della distribuzione tradizionale libraria Introduzione alla Long Tail Prodotti mainstream e prodotti di nicchia
  2. 2. Il settore del libro è caratterizzato da un’enorme vastità della produzione
  3. 3. La produzione libraria italiana <ul><li>Catalogo dei libri italiani ALICE: 1.100.000 titoli </li></ul><ul><li>circa 680.000 titoli in catalogo </li></ul><ul><li>Circa 48.000 novità l’anno: quasi 200/giorno feriale </li></ul><ul><li>Quasi 3.000 editori attivi in Italia </li></ul><ul><li>Oltre l’80% del mercato è controllato, con il 50% dei titoli, da 6 gruppi editoriali: Mondadori*, Rizzoli/RCS, GEMS/Longanesi*, Feltrinelli*, Giunti*, De Agostini. </li></ul><ul><li>*Anche proprietari di catene librarie </li></ul><ul><li>Fonte: Ass. Italiana Editori/Corriere della Sera </li></ul>
  4. 5. GLOSSARIO LEGGE DI PARETO L’economista italiano Vilfredo Pareto nel 1897 dimostrò che l’80% della ricchezza era posseduto dal 20% della popolazione. Per “Legge di Pareto” si intende che il 20% delle cause provoca l’80% degli effetti Per quanto riguarda l’editoria, pochi editori (e pochi best seller) fanno il mercato
  5. 6. <ul><li>La strozzatura dei canali distributivi tradizionali </li></ul><ul><li>In Italia oltre 600.000 titoli in catalogo </li></ul><ul><li>Circa 45.000 novità l’anno: oltre 180 al giorno feriale </li></ul><ul><li>Assortimento medio della libreria: 10-20.000 titoli </li></ul><ul><li>Necessità di apertura di nuovi canali distributivi: dalla fine degli anni ’80 i supermercati (GDO), dagli anni 2000 Internet e le edicole </li></ul>
  6. 7. classifica IBS.it classifica vendite in libreria www.arianna.org I best seller sono gli stessi online e offline…
  7. 8. classifica IBS.it classifica vendite in libreria … ma scendendo di classifica i titoli cambiano
  8. 9. Libreria tradizionale vs libreria online: Quota cumulata copie vendute in base al rank dei titoli (primi 40mila)
  9. 10. La Long Tail Internet ha aumentato a dismisura l’offerta di prodotti: IBS ha un catalogo di oltre 500.000 titoli <ul><li>I clienti si orientano sui best seller in proporzione minore (vedi classifica IBS e classifica generale ) </li></ul><ul><li>Aumentando l’offerta, aumenta a dismisura il numero di prodotti movimentati </li></ul>
  10. 11. La coda lunga. Prodotti a bassa richiesta o con ridotti volumi di vendita possono collettivamente occupare una quota di mercato equivalente o superiore a quella dei pochi bestseller.
  11. 12. La Long Tail: il caso Rhapsody Rhapsody ( http://www.rhapsody.com/ ) offre un servizio di streaming, basato su abbonamento, con un un’offerta di oltre 1,5 milioni di brani WALMART, la principale catena di supermercati e negozi di musica USA, ha un’offerta di 4500 CD per un totale di 25.000 brani. Il 90% delle loro vendite è ottenuto con soli 200 CD.
  12. 13. La curva delle vendite dei 25.000 brani con più download su Rhapsody: come su Walmart, i volumi più alti sono ottenuti da un ristretto numero di hit…
  13. 14. … ma laddove cessa l’offerta di Walmart, Rhapsody continua a vendere: questa è la curva dalla posizione 25.001 alla 100.000 (scala differente): si tratta mediamente di 250 download al mese per brano. In totale l’area sotto questa curva rappresenta 22 mil di download (25% del business di Rhapsody)
  14. 15. … e questa è la curva dalla posizione 100.000 alla 800.000. In totale l’area sotto questa curva rappresenta 16 mil di download (15% del business di Rhapsody)
  15. 16. Il fatturato aggiuntivo di Rhapsody: l’area in chiaro sotto la curva è relativa a brani non presenti in Wal-Mart
  16. 17. PRODOTTI MAINSTREAM Le prime posizioni in classifica sono solitamente occupate da prodotti MAINSTREAM: solitamente contenuti di più “immediata” godibilità, più di intrattenimento che di riflessione. Non necessariamente questo comporta una minore qualità: indubbiamente, comunque, il prodotto nasce per piacere a un numero molto ampio di persone. Tipicamente, sono prodotti mainstream, ad esempio, le saghe cinematografiche, e i film tratti da grandi best seller. Sono “blockbuster”, nel caso dei film, o “best seller”, nel caso di libri o album.
  17. 18. PRODOTTI DI NICCHIA Sono prodotti spesso dichiaratamente rivolti a un pubblico ristretto: vuoi per il tipo di contenuti (ad es. per editoria professionale), vuoi per le scelte artistiche dell’autore (es. film d’essai). Per questi prodotti, solitamente a budget molto più contenuti, è assai più importante mirare la comunicazione.
  18. 19. MAINSTREAM VS NICCHIE
  19. 20. MAINSTREAM VS NICCHIE
  20. 21. MAINSTREAM VS NICCHIE
  21. 22. ESERCITAZIONE Individuare, nelle sale cinematografiche di Milano e provincia, i film che a vostro parere sono “mainstream”. Evidenziare le differenze tra la programmazione di Milano città e quella della provincia.

×