Lezione 11 13 google ad words
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Lezione 11 13 google ad words

on

  • 321 views

 

Statistics

Views

Total Views
321
Views on SlideShare
321
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
8
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Lezione 11 13 google ad words Lezione 11 13 google ad words Presentation Transcript

  • A differenza del SEM (Search Engine Marketing), cheacquista spazi legati alle parole chiave, il SEO si occupadel buon posizionamento tra i risultati della ricerca suun motore.Per questo motivo l’ottimizzazione per motori di ricerca haun impatto solo sui risultati della ricerca naturale, nonsu quelli “sponsorizzati” come ad esempio GoogleAdWords.
  • a. Descrivere accuratamente il contenuto della pagina, conuna descrizione che possa interessare gli utenti che lovedono come snippet in un risultato di ricerca.b. Usare una descrizione unica per ogni pagina.c. Se il sito ha migliaia di pagine, scrivere manualmente imeta tag description potrebbe rivelarsi impossibile. Inquesto caso, occorre generarli in maniera automatica.
  • a. Evitare di usare lunghi URL con parametri e session IDnon necessarib. Evitare scegliere nomi generici per le tue pagine del tipo“pagina1.html”c. Non eccedere con le parole chiave.d. Semplificare la struttura delle directorye. Fornire una versione unica dell’URL per raggiungere undato documento
  • Altra componente indispensabile del Web 2.0.Consigliabile l’uso di breadcrumb, liste link che aiutinol’utente a ritrovare il percorso effettuato per giungerealla pagina.E’ utile predisporre una sitemap in XML che aiuti lascansione del sito: una semplice pagina contenente i linka tutte le pagine del sito o almeno alle più importantipermetterà ai motori di ricerca di trovare più facilmentele pagine del sito.Meglio i link di testo che in Java script o Flash
  • Il contenuto deve essere ben organizzato, facile da leggere,con frasi chiare e comprensibili se estrapolate nelrisultato della ricerca.In ogni caso il contenuto non va “pensato” solo per i motoridi ricerca, ma per essere apprezzato, “viralizzato” e benvalutato dagli utenti: la popolarità di una pagina è assaiimportante.
  • a. Buona qualità e chiarezza, con testi descrittivi e concisi, deglianchor text, ovvero il testo cliccabile dei link, posizionatoall’interno del tag <a href=“...”></a>.b. Attenzione ai tag heading per i contenuti più importanti. Cisono 6 misure di tag heading: si parte da <h1>, il piùimportante, fino ad arrivare ad <h6>, il meno importante. I tagheading normalmente aumentano la dimensione del testocontenuto all’interno del tag, e danno all’utente un informazionevisiva relativa all’importanza del testo presente al di sotto.
  • c. Limitare l’indicizzazione delle sezioni del sito non necessarieusando il file robots.txt, che comunica ai motori di ricerca sedebbano o meno accedere e indicizzare le varie sezioni del tuosito. Questo file deve essere nominato “robots.txt” ed esseresituato nella cartella principale del sito.d. Usare una buona densità di parole chiave relative al contenutotrattato.
  • a. Informare gli utenti della versione mobile del proprio sitob. Verifica che il sito mobile sia indicizzato da Google
  • La Link Popularity è la popolarità di un sito web o di unadeterminata pagina per alcuni termini di ricerca. E’ uno dei modimigliori per misurare la visibilità online del sito web e la presenzaonline in generale ed è accertato in base al numero di siti webcollegati al sito web aziendale.Se un certo numero di siti web predispone dei link verso l’esterno,usando sempre le stesse parole chiave, i motori di ricercaconsiderano questo sito web come il miglior candidato davisualizzare nelle SERP quando gli utenti cercano quelledeterminate parole chiave.In ogni caso, i link non vengono valutati solo in termini quantitativi,ma anche e soprattutto per il ranking del sito di provenienza.
  • Diffondere la conoscenza del proprio sito attraverso azioni virali:segnalazioni a blog, contatti con altri siti del settore, anche conla possibilità di distribuire contenuti in RSS Feed.Avere una presenza sui Social Networkche porti a vistare il sito peri dettagli: Facebook, Twitter, MySpace.Presenza sui siti di Social Bookmarking & News: es.StumbleUpon, Delicious e Digg.Presenza sui Social Media Sharing: YouTube, Flickr.Presenza sui Social Content: AboutUs e Yahoo! Answers.Per le attività locali è utile inserire il sito su Google Places.Altrettanto importante è il traffico generato: un sito con molti linke zero traffico non salirà nel ranking di Google.
  • Scegliere un editore dalla lista distribuita.Analizzarne le aree di competenza, e scegliere parole chiaverelative a essa.Analizzare i siti che compaiono tra i risultati di Google.