gori

685 views
640 views

Published on

Published in: Health & Medicine
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
685
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
3
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

gori

  1. 1. Maria Cristina Gori, Antonello Damiani UILDM Sezione Laziale
  2. 2.  Legge-quadro per lassistenza, lintegrazione sociale e i diritti delle persone handicappate. L. 5-2-1992 n. 104 Provv. conf.Stato-Regioni 7-5-1998 Linee- guida del Ministro della sanità per le attività di riabilitazione. Pubblicato nella Gazz. Uff. 30 maggio 1998, n. 124.
  3. 3.  1. Finalità. 1. La Repubblica: a) garantisce …. i diritti di libertà e di autonomia della persona handicappata e ne promuove la piena integrazione nella famiglia, nella scuola, nel lavoro e nella società; .
  4. 4.  b) previene e rimuove le condizioni invalidanti che impediscono lo sviluppo della persona umana, il raggiungimento della massima autonomia possibile e la partecipazione della persona handicappata alla vita della collettività, nonché la realizzazione dei diritti civili, politici e patrimoniali;
  5. 5.  c) persegue il recupero funzionale e sociale della persona affetta da minorazioni fisiche, psichiche e sensoriali e assicura i servizi e le prestazioni per la prevenzione, la cura e la riabilitazione delle minorazioni, nonché la tutela giuridica ed economica della persona handicappata;
  6. 6.  d) predispone interventi volti a superare stati di emarginazione e di esclusione sociale della persona handicappata
  7. 7.  3. Soggetti aventi diritto. 3. Le situazioni riconosciute di gravità determinano priorità nei programmi e negli interventi dei servizi pubblici.
  8. 8.  Art. 5 Principi generali per i diritti della persona handicappata. a) sviluppare la ricerca scientifica, genetica, biomedica, psicopedagogica, sociale e tecnologica …;
  9. 9.  l) garantire il diritto alla scelta dei servizi ritenuti più idonei anche al di fuori della circoscrizione territoriale;
  10. 10. 1-2-2011
  11. 11.  70mila persone al Registro Nazionale Malattie Rare dellIstituto Superiore di Sanità (ISS). oltre 400 patologie diverse con una media di cinque malati ogni 10mila abitanti. Nel 20% dei casi il malato si a rivolge a Centri fuori dalla propria Regione per la diagnosi L’intervallo di tempo tra il manifestarsi dei primi sintomi e il momento della diagnosi, nel 58,8% dei casi è inferiore ad un anno, nel 18,4% è compreso tra uno e cinque anni, mentre nel restante 22,8% ci sono voluti più di 5 anni per ottenere una diagnosi.
  12. 12.  8. Inserimento ed integrazione sociale. 1. Linserimento e lintegrazione sociale della persona handicappata si realizzano mediante: a) interventi di carattere socio-psico- pedagogico, di assistenza sociale e sanitaria a domicilio, di aiuto domestico e di tipo economico …;
  13. 13.  c) interventi diretti ad assicurare laccesso agli edifici pubblici e privati e ad eliminare o superare le barriere fisiche e architettoniche che ostacolano i movimenti nei luoghi pubblici o aperti al pubblico;
  14. 14.  d) provvedimenti che rendano effettivi il diritto allinformazione e il diritto allo studio della persona handicappata, con particolare riferimento alle dotazioni didattiche e tecniche, ai programmi, a linguaggi specializzati, alle prove di valutazione e alla disponibilità di personale appositamente qualificato, docente e non docente
  15. 15.  e) adeguamento delle attrezzature e del personale dei servizi educativi, sportivi, di tempo libero e sociali; f) misure atte a favorire la piena integrazione nel mondo del lavoro, in forma individuale o associata, e la tutela del posto di lavoro anche attraverso incentivi diversificati;
  16. 16.  g) provvedimenti che assicurino la fruibilità dei mezzi di trasporto pubblico e privato e la organizzazione di trasporti specifici; ….
  17. 17.  11. Soggiorno allestero per cure… centro di altissima specializzazione estero ….. il soggiorno dellassistito e del suo accompagnatore in alberghi o strutture collegate con il centro è equiparato a tutti gli effetti alla degenza ospedaliera ed è rimborsabile .La commissione centrale presso il Ministero della sanità …esprime il parere sul rimborso per i soggiorni
  18. 18.  21. Precedenza nellassegnazione di sede. 1. La persona handicappata con un grado di invalidità superiore ai due terzi …assunta presso gli enti pubblici come vincitrice di concorso o ad altro titolo, ha diritto di scelta prioritaria tra le sedi disponibili.
  19. 19.  5. Chiunque…..in pubblici esercizi, discrimina persone handicappate è punito con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da lire un milione a lire dieci milioni e con la chiusura dellesercizio da uno a sei mesi.
  20. 20.  la "tutela a vita" di soggetti completamente non autosufficienti o a responsività minimale.
  21. 21.  Lintervento riabilitativo viene finalizzato verso quattro obiettivi: il recupero di una competenza funzionale che, per ragioni patologiche, è andata perduta; levocazione di una competenza che non è comparsa nel corso dello sviluppo; la necessità di porre una barriera alla regressione funzionale cercando di modificare la storia naturale delle malattie cronico degenerative riducendone i fattori di rischio e dominandone la progressione; la possibilità di reperire formule facilitanti alternative.
  22. 22.  Lintervento riabilitativo ha inizio al momento stesso in cui il danno si instaura Stadio acuto, subacuto, cronico
  23. 23.  La riabilitazione …coinvolge anche la famiglia del soggetto e quanti sono a lui vicini. Di conseguenza, il processo riabilitativo riguarda, oltre che aspetti strettamente clinici, anche aspetti psicologici e sociali.
  24. 24.  Le attività sanitarie di riabilitazione… richiedono obbligatoriamente la presa in carico clinica globale della persona
  25. 25.  definisce, nelle linee generali, gli obiettivi a breve, medio e lungo termine, i tempi previsti, le azioni e le condizioni necessarie al raggiungimento degli esiti desiderati; è comunicato in modo comprensibile ed appropriato al paziente e ai suoi familiari;
  26. 26.  Riabilitazione estensiva : 1-3 ore al giorno Riabilitazione intensiva: > 3 ore al giorno Riablitazione mantenimento:1-6 ore/settimana
  27. 27.  1) residenziale e semiresidenziale per intensivi 2) presidi ambulatoriali, domiciliari per estensivi
  28. 28.  1. disabilità transitorie e/o minimali che richiedono un semplice e breve programma terapeutico-riabilitativo 2. disabilità importanti con possibili esiti permanenti, spesso multiple, che richiedono una presa in carico nel lungo termine richiedenti un "progetto riabilitativo".
  29. 29.  Il progetto riabilitativo ed i suoi programmi attuativi definiscono i tempi di completamento dei cicli riabilitativi, di norma contenuti entro 240 giorni, fatta eccezione per: - i pazienti affetti da gravi patologie a carattere involutivo (Sclerosi multipla, Distrofia muscolare, Sclerosi laterale amiotrofica, malattia di Alzheimer, alcune patologie congenite su base genetica), con gravi danni cerebrali o disturbi psichici, i pluriminorati anche sensoriali, per i quali il progetto riabilitativo può estendersi anche oltre senza limitazioni; - i pazienti "stabilizzati" nella loro condizione di non perfetto recupero funzionale per i quali possono essere previsti cicli riabilitativi anche su base annua.
  30. 30.  2.3.3. Lepisodio di ricovero ordinario in riabilitazione intensiva è appropriato se: a) il paziente è giudicato suscettibile di significativi miglioramenti funzionali b) le condizioni del paziente richiedono un ricovero con disponibilità continuativa nellarco delle 24 ore di prestazioni diagnostico- terapeutiche- riabilitative ad elevata intensità (da parte di personale medico e paramedico) ed un trattamento riabilitativo indifferibile e non erogabile effcientemente in regimi alternativi.
  31. 31.  a) è suscettibile di significativi miglioramenti funzionali e della qualità di vita in un ragionevole lasso di tempo; b) ha indicazione per un intervento riabilitativo di elevata intensità o comunque prolungato nellambito della stessa giornata, da somministrarsi con lapproccio multiprofessionale più adeguato spesso anche plurispecialistico; c) presenta condizioni cliniche generali che gli permettono di tollerare sia tale intervento che i trasferimenti quotidiani da e per il proprio domicilio; d) è clinicamente stabile in misura tale da non aver bisogno di assistenza sanitaria continuativa per 24 ore al giorno.
  32. 32.  Non applicata Diversità di applicazione a livello regionale Interpretazioni personalistiche e spesso “magiche” sul significato del progetto riabilitativo Scarsa comunicazione degli obiettivi tra gli operatori sanitari

×