Roberto Marabini - L'inserzione imperfetta

  • 1,084 views
Uploaded on

Come leggere un annuncio di lavoro e capirci qualcosa - ebook di Roberto Marabini -

Come leggere un annuncio di lavoro e capirci qualcosa - ebook di Roberto Marabini -

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
1,084
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
14
Comments
1
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. ROBERTO MARABINIL’INSERZIONEIMPERFETTA COME LEGGEREUN ANNUNCIO DI LAVORO E CAPIRCI QUALCOSA
  • 2. ROBERTO MARABINIL’INSERZIONE IMPERFETTACOME LEGGERE UN ANNUNCIO DI LAVORO E CAPIRCI QUALCOSAEditore:Elzeviro di Roberto MarabiniVia Piemonte 3/d - 21040 Castronno (VA)© Seconda edizione - marzo 2009Sito internet di pubblicazione:www.lavoratorio.itContatti:jobob@lavoratorio.itProgetto grafico:Stefania MagniLIBERA CIRCOLAZIONE DELLE IDEE - DIRITTI RISERVATIQuesto documento è pubblicato esclusivamente online ed in forma di ebook.Ne è consentita la libera circolazione in versione completa o anche in parte, apatto che non venga apportata alcuna modifica formale o sostanziale al testo,al formato elettronico o a quello eventualmente stampato su carta. In ognieventuale passaggio o trasmissione, rimane obbligatorio citare lautoreRoberto Marabini e la fonte da cui il documento è stato scaricato, ovvero il sitowww.lavoratorio.it. Per chiarimenti e informazioni: info@lavoratorio.it
  • 3. SOMMARIOPREFAZIONE 5I- LA STORIA CHE NON CE 8■ Le inserzioni prima della riforma 9■ Lavvento del mercato e delle agenzie 12■ Pregiudizi da accantonare 15II - COME RICONOSCERE ED AFFRONTARE I DIFETTI DELLE INSERZIONI 17■ Linserzione non spiega e il lettore non capisce 18■ Le aziende non si presentano 20■ Le definizioni sono astratte 23■ Quellinterminabile elenco di requisiti 26■ Lo squilibrio fra richiesta e proposta 31■ Le discriminazioni 33■ Linguaggi oscuri e stupidi tecnicismi 35■ Gli errori ortografici e grammaticali 38III - COSA VORREBBE LA LEGGE E COSA OTTIENE 40■ Fatta la legge nessuno controlla 41■ Principali disposizioni legislative 43■ Divieto di discriminazione 45■ Divieto di anonimato 48■ Obbligo di indicazione delle modalità di trattamento dei dati personali 50■ Obbligo di indicazione degli estremi di autorizzazione ministeriale 52■ Le multe agli editori ed ai direttori 54■ Che fare di fronte agli annunci illegali? 56LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 3
  • 4. IV - LA TEORIA DELLINSERZIONE PERFETTA 58■ Linserzione perfetta esiste 59■ I requisiti minimi di una inserzione corretta 61■ Lazienda: settore produttivo, fatturato e numero di addetti 62■ La descrizione dellattività lavorativa 65■ Il contratto, lo stipendio, le agevolazioni 67■ Il profilo del candidato ideale 69■ Informazioni e candidature 71■ Anche il manovale merita uninserzione perfetta 75■ Allegato - La buona inserzione secondo i professionisti 77V - LE INSERZIONI PERICOLOSE 81■ Cinque categorie da cestinare 82■ Settore di attività inesistente o poco chiaro 84■ Definizioni senza senso 85■ Trasferimento di chiamata 86■ Richieste di denaro 89■ Inserzioni non veritiere 92■ Il ruolo dei mezzi di comunicazione 94CONCLUSIONE 95NOTE SULLAUTORE E SUL SITO LAVORATORIO.IT 97LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 4
  • 5. PREFAZIONEM i occupo di inserzioni di lavoro da oltre dieci anni, come giornalista e come manager editoriale. Il mio èun approccio operativo, pragmatico, quotidiano: le redazio-ni dei giornali e dei siti internet che ho coordinato sono arri-vate a gestire e pubblicare fino a quattromila nuovi annunciogni settimana.Le inserzioni di lavoro, insomma, sono il mio pane quotidia-no. Eppure, devo ammettere che, di fronte a moltiannunci, ancora oggi ho grande difficoltà a capire cosadiavolo dovrà fare, otto ore al giorno, il famosocandidato ideale.Non riesco a capirlo perché, nella maggior parte delleinserzioni, la descrizione concreta dell’attività lavorativasemplicemente non è indicata. Come se non bastasse, mirendo conto che è davvero difficile comprendere le singo-le parole di un annuncio o interpretare il senso comples-sivo dell’inserzione. Rimango ancora perplesso di fronte aquello che le inserzioni di lavoro dicono, ma soprattuttonon dicono. Quello che vogliono, ma soprattutto quelloche vogliono farci credere. Quello di cui l’azienda avrebbebisogno, ma che non è capace di spiegare nemmeno a séstessa.LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 5
  • 6. Alla prova dei fatti, una gran parte degli annunci di lavoropubblicati in Italia non è all’altezza delle necessità di unmoderno e dinamico mercato. Una arretratezza francamen-te desolante. Che continua a procurarmi problemi nei con-fronti dei lettori, delle normative in materia, degli stessiinserzionisti, nel tentativo di portare ogni giorno in edicolao su internet un prodotto editoriale utile e credibile.In questi dieci anni, non ho trovato nessuna bacchetta magi-ca che riesca per incanto a risolvere ogni problema di inter-pretazione delle inserzioni di lavoro. Ho potuto però racco-gliere una serie infinita di appunti mentali, che finalmenteho trovato il tempo per sintetizzare. Ho anche cercato didare una forma accettabile a questo percorso, attraversoalcuni passaggi:■ la storia che non c’è■ come riconoscere ed affrontare i difetti delle inserzioni■ cosa vorrebbe la legge e cosa ottiene■ la teoria dell’inserzione perfetta■ le inserzioni pericolose: come riconoscerle ed evitarleRispetto alle sacre regole della comunicazione giornalistica,che vorrebbero un linguaggio asettico e impersonale, hoscelto di esprimermi in prima persona. Perché le pagine cheseguono non hanno alcuna pretesa scientifica. Sono le rifles-sioni ed in qualche caso le illuminazioni emerse dalla miaesperienza quotidiana professionale e personale.LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 6
  • 7. Sono però le stesse intuizioni che oggi mi permettono di capirese sono davanti ad una inserzione truffa o ad una reale opportu-nità di lavoro. Se il testo è stato realizzato da un selezionatorecompetente o da un fumoso cantastorie. Se l’azienda ha benchiaro come rapportarsi con una nuova risorsa umana o si è get-tata in un arruolamento di pedine e chi vivrà vedrà.L’obiettivo di questi appunti è proprio quello di trasmet-tere gli strumenti di interpretazione che ho messo afuoco in questi anni.Un’ultima considerazione riguarda la forma scelta per lapubblicazione di questo testo. Si tratta di un e-book, ovverodi un formato elettronico che può circolare anche via email.Ovviamente, è possibile stampare tutte le pagine, ma perconsentire la lettura dal video del proprio pc, i caratteri deltesto sono più grandi rispetto ad un documento tradiziona-le ed è cresciuto di conseguenza il numero delle pagine.Posso comunque assicurare che è possibile leggere“L’inserzione imperfetta” in meno di un’ora.Spero di aver prodotto un testo più comprensibile di tanteinserzioni di lavoro. Roberto Marabini jobob@lavoratorio.it www.lavoratorio.itNovembre 2008LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 7
  • 8. L’INSERZIONE IMPERFETTA COME LEGGERE UN ANNUNCIO DI LAVORO E CAPIRCI QUALCOSA CAPITOLO I LA STORIA CHE NON C’É ■ Le inserzioni prima della riforma ■ Lavvento del mercato e delle agenzie ■ Pregiudizi da accantonareLINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 8
  • 9. CAPITOLO I LA STORIA CHE NON C’ÉLE INSERZIONI PRIMA DELLA RIFORMAMi sono domandato se alcune note storiche sulla nascita el’evoluzione del mercato del lavoro in Italia avrebbero potu-to annoiare. Rimango un inguaribile umanista e continuo apensare che la storia possa insegnare qualcosa.Per capire le attuali difficoltà e l’arretratezza della comuni-cazione fra chi cerca e chi offre lavoro, bisogna infatti ricor-dare che le barriere culturali e mentali, esistenti ancora ogginegli atteggiamenti delle aziende, dei selezionatori e deilavoratori, trovano causa e origine nel sottosviluppo stori-co del nostro mercato del lavoro. Anzi, fino a pochissimi annifa, il mercato del lavoro in Italia ufficialmente non esistevanemmeno. Possiamo parlare di “mercato del lavoro” sola-mente dalla entrata in vigore della riforma introdotta con lacosiddetta Legge Biagi nel 2003 (legge 30/03).Prima della riforma, lo sviluppo dei meccanismi di incontrofra domanda e offerta di lavoro era praticamente bloccatodalla mancanza di regole certe, che potessero fornirequalche riferimento per orientarsi nel grande vuoto lasciatodal disfacimento del collocamento pubblico obbligatorio.Il sistema del collocamento pubblico obbligatorio erastato istituito nel 1949 nel tentativo di “garantire eque pos-LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 9
  • 10. CAPITOLO I LA STORIA CHE NON C’Ésibilità di lavoro ad ogni cittadino”. Secondo il principio del-l’obbligo di assunzione dei lavoratori iscritti all’ufficio di col-locamento, l’azienda non poteva assumere il “candidatoideale”, ma doveva rivolgersi all’ufficio pubblico e prendersiil primo lavoratore in lista. Chi si ritrovava in cima alla gra-duatoria doveva essere assunto. Un sistema che si era benpresto rivelato troppo burocratico e totalmente inadeguatorispetto alle esigenze delle aziende ed alle aspirazioni deilavoratori.Negli anni successivi, introducendo una eccezione qua e unalà, il sistema del collocamento pubblico era stato demolito. Ilavoratori e le aziende potevano incontrarsi liberamente, manon erano mai state definite le regole di questo incontro. Inquesto regime, che ormai sfiorava l’anarchia, le inserzioni dilavoro erano quasi una eccezione: meno dell’1% degliincontri fra domanda e offerta di lavoro passava attraversogli annunci pubblicati sui giornali.Le inserzioni di lavoro si erano ricavate qualche spazio sola-mente all’interno di due nicchie di mercato ben distinte. Daun lato, gli annunci pubblicati sui quotidiani nazionali aveva-no costi molto elevati per l’inserzionista (due, quattro… diecimilioni delle vecchie lire) e si limitavano alla ricerca di profi-li professionali alti o altissimi. Dall’altro, i cosiddettiannunci gratuiti (o “economici”, o di “piccola pubblicità”)LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 10
  • 11. CAPITOLO I LA STORIA CHE NON C’Ériguardavano opportunità di lavoro di profilo bassissimo,infimo e spesso truffaldino.Tra i due estremi, il nulla o quasi. Le fasce di mercato piùdiffuse, le opportunità di lavoro per gli operai e gli impiega-ti, gli annunci dedicati ai posti di lavoro più onesti, eranorelegate nelle pagine di qualche quotidiano di provincia,dove si riuscivano a scovare quattro o cinque inserzioni“serie” alla settimana.La latitanza delle inserzioni e più in generale la mancanza dicomunicazione fra le aziende e i lavoratori, erano lo specchiodi un Paese che, malgrado 50 anni di democrazia, non cono-sceva una vera e propria forma di mercato del lavoro. Anzifaticava (e fatica spesso tutt’ora) ad ammetterne l’esistenzastessa anche dal punto di vista ideologico.LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 11
  • 12. CAPITOLO I LA STORIA CHE NON C’ÉL’AVVENTO DEL MERCATO E DELLE AGENZIEIl concetto di mercato del lavoro è, dunque, qualcosa dimolto recente in Italia. Il primo scossone è arrivato dallalegge Treu del 1997, approvata da un governo di centrosini-stra. Mentre la riforma vera e propria è stata approvata nel2003, la già citata Legge Biagi, voluta da un governo di cen-trodestra.Il problema della creazione delle regole nell’incontro fradomanda e offerta di lavoro, ben al di là delle strumentaliz-zazioni di parte, era ed è condiviso sia a destra che a sini-stra. Infatti il professor Marco Biagi era consulente sia deigoverni di sinistra che dei governi di destra. E per questomotivo è stato assassinato.Nel 1997 la Legge Treu (legge 196/97), con l’introduzione delcontratto interinale (dove il lavoratore non viene assuntodall’azienda, ma da una organizzazione che lo “affitta” alleimprese), ha portato all’esordio delle prime agenzie diintermediazione. Non è questa la sede per esaminare i limi-ti strutturali del contratto interinale. Bisogna invece sottoli-neare che l’avvento di queste agenzie ha scosso radicalmen-te gli antichi meccanismi di incontro fra chi cerca e chi offrelavoro.LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 12
  • 13. CAPITOLO I LA STORIA CHE NON C’ÉLe agenzie hanno dovuto investire moltissimo nelle strate-gie di marketing, per farsi conoscere dai lavoratori e dalleaziende. In pochi mesi, la comunicazione sul mercato dellavoro è passata dal nulla al tutto. Quantità impressionantidi inserzioni di lavoro hanno alluvionato i mezzi di comuni-cazione più diversi. E gli italiani hanno cominciato a familia-rizzare su grande scala con i concetti di curriculum, letteraaccompagnatoria, sigla di riferimento, requisiti richiesti,modalità di presentazione della candidatura.Si è anche creata una confusione non indifferente. Le agen-zie, che in questi ultimi anni hanno allargato la loro attivitàdal lavoro interinale anche a tutte le altre forme contrattua-li, comprese le assunzioni a tempo indeterminato, coinvolgo-no meno del 10% degli incontri fra domanda e offerta dilavoro. Insomma, gli annunci che passano attraverso le agen-zie non rappresentano affatto tutto il mercato, ma solamen-te una piccola parte.E gli altri, come si incontrano? La conoscenza diretta, la let-tera del parroco, il favore del sindacato, la presentazione, laraccomandazione continuano a dettare legge, senza pas-sare attraverso alcuna forma di inserzione. E’ comunque ipo-tizzabile che, nel volgere di qualche anno, i lavoratori e leaziende arriveranno ad incontrarsi attraverso gli annunci alme-no nel 50% dei casi, come succede nei paesi anglosassoni.LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 13
  • 14. CAPITOLO I LA STORIA CHE NON C’ÉInfatti, anche in Italia, l’importanza delle inserzioni continuaa crescere, soprattutto grazie all’avvento di internet. Nonsoltanto da parte delle agenzie. Le aziende stanno prenden-do confidenza con le nuove opportunità di comunicazionenella ricerca dei collaboratori. Magari con un po’ di fantasiae molto fai da te. Un caos creativo che, comunque, comin-cia a produrre qualche annuncio ben fatto, finalmente tra-sparente e comprensibile.LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 14
  • 15. CAPITOLO I LA STORIA CHE NON C’ÉPREGIUDIZI DA ACCANTONAREL’introduzione di nuove regole nell’incontro fra domanda eofferta di lavoro ha certamente dato uno scossone alle abi-tudini mentali dei lavoratori e delle aziende. Ma la riformadel mercato del lavoro, avviata nel 2003 con la Legge Biagi,è ancora troppo giovane e deve confrontarsi ogni giornocon i pregiudizi più antichi.La difficoltà di comunicazione rimane ancora condizionatada vere e proprie barriere culturali che segnano pesante-mente l’atteggiamento delle parti in causa, cioè le aziende, ilavoratori e gli stessi selezionatori del personale:■ l’azienda è vista, e spesso si comporta, come “il padrone”non soltanto dei muri e dei macchinari, ma anche dell’animadel collaboratore■ il responsabile del personale ed il selezionatore non riesconoa spogliarsi dal ruolo di “caporali”, quei personaggi che andava-no in piazza e ogni mattina sceglievano i lavoratori/schiavi, sullabase della simpatia, della sottomissione e del costo limitato■ i lavoratori non fanno poi molto per liberarsi dall’atteggia-mento tipico del “faticatore” (anche nelle espressioni dialetta-li non si lavora, ma si va “a faticare”) invece di provare a sen-tirsi e trasformarsi in “risorse” professionali per l’azienda e persé stessi.LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 15
  • 16. CAPITOLO I LA STORIA CHE NON C’ÉPasseranno decenni prima che questi atteggiamenti possanodecadere e scomparire dalle dinamiche del mercato dellavoro. O forse non scompariranno mai. Ma se il nostroobiettivo non è lo scontro (negli affari, nei sentimenti,nella ricerca di un lavoro o di un nuovo collaboratore),per capire meglio il mercato e le sue regole, per trovareil bandolo della matassa in una inserzione o in un collo-quio di lavoro, è meglio accantonare i pregiudizi assu-mendo un atteggiamento costruttivo.Per capire, dalla semplice lettura, se il testo di una inserzio-ne ha alte probabilità di nascondere una truffa o potrebbeintrodurci al lavoro ideale, non dobbiamo rinunciare allenostre convinzioni personali, etiche o politiche. E’ perònecessario cercare il confronto e il dialogo. Anzitutto, cer-cando di capire il linguaggio, le ragioni ed anche gli erroridella controparte.LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 16
  • 17. L’INSERZIONE IMPERFETTA COME LEGGERE UN ANNUNCIO DI LAVORO E CAPIRCI QUALCOSA CAPITOLO II I DIFETTI DELLE INSERZIONI COME RICONOSCERLI ED AFFRONTARLI ■ Linserzione non spiega e il lettore non capisce ■ Le aziende non si presentano ■ Le definizioni sono astratte ■ Quellinterminabile elenco di requisiti ■ Lo squilibrio fra richiesta e proposta ■ Le discriminazioni ■ Linguaggi oscuri e stupidi tecnicismi ■ Gli errori ortografici e grammaticaliLINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 17
  • 18. CAPITOLO II I DIFETTI DELLE INSERZIONIL’INSERZIONE NON SPIEGAE IL LETTORE NON CAPISCESe digito la parola “elettricista” nel motore di ricerca di unodei maggiori siti italiani specializzati nell’incontro fradomanda e offerta di lavoro, trovo oltre duecento inserzioniche rispondono alla mia parola-chiave.Provo a selezionare una per una le singole inserzioni ed a leg-gerne il contenuto: “ricerchiamo elettricista impianti civili conesperienza”, “ricerchiamo un elettricista industriale con espe-rienza pregressa”, “cerchiamo un neodiplomato con diplomaelettrico/elettrotecnico da formare” e così via. E’ dunque cosìsemplice oggi cercare, trovare e capire le inserzioni di lavoro?In realtà, proprio un amico elettricista in cerca di lavoro,qualche anno fa mi ha aveva mandato in confusione, conuna sua richiesta di spiegazioni apparentemente banale:“E’ possibile che dalle inserzioni di lavoro pubblicate sul tuogiornale non riesco mai a capire di cosa hanno bisogno leaziende? Cercano un elettricista che dovrà avvitare lampadi-ne o costruire quadri elettrici?”Lo confesso, a mia volta non capivo il suo problema. E lui miha spiegato:“Si tratta di due lavori completamenti diversi, che richiedonoLINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 18
  • 19. CAPITOLO II I DIFETTI DELLE INSERZIONIesperienze diverse. Sono anche due ruoli pagati diversamente.Io invece devo trovare l’azienda che mi paghi quello che meri-to, quella che ha bisogno proprio di me e della mia esperienza.”Da quel momento, ho cominciato a rendermi conto che unainserzione per la ricerca di “un elettricista con esperienzapregressa”, senza alcuna altra indicazione, è una pessimainserzione.Purtroppo, dobbiamo prendere atto che la maggior partedelle inserzioni pubblicate in Italia non riesce a spiegareche cosa concretamente cerca un’azienda. E i lavoratori nonriescono a capirlo. Con il risultato che le aziende faticanonella ricerca di collaboratori adeguati e i lavoratori nonriescono a identificare opportunità cui proporsi con ottimechance.Il difetto di comunicazione è enorme. Comprendere comple-tamente il contenuto di un annuncio è una impresa quasidisperata. Possiamo però imparare a riconoscere i difettidelle inserzioni di lavoro. Non è una magra consolazione: seriusciamo a riconoscere questi difetti, possiamo anche tenta-re di superarli. E’ il percorso che intendo proporre in questocapitolo.LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 19
  • 20. CAPITOLO II I DIFETTI DELLE INSERZIONILE AZIENDE NON SI PRESENTANOSecondo la legge, le inserzioni di lavoro non possono essereanonime. Infatti, nel testo dell’inserzione possiamo trovare ilnome dell’azienda oppure un numero di telefono di rete fissao anche un indirizzo internet aziendale. Il nome, il numero ditelefono o l’indirizzo internet dovrebbero permettere al lavo-ratore di sapere con certezza chi è l’autore dell’inserzione.Il nome può rimanere nascosto se l’inserzione è stata pubbli-cata da una agenzia, su incarico dell’azienda. In questo casoè l’agenzia che, per legge, si fa garante della identità e dellacorrettezza dell’azienda.Purtroppo, però, al di là dei buoni propositi della legge,anche quando conosciamo o riusciamo a trovare il nome del-l’azienda, non sappiamo nulla dell’azienda stessa. In qualesettore opera? Quanti dipendenti ha? Con quale fatturato?Oltre al nome, il lavoratore dovrebbe avere diritto di saperequalcosa di più su chi lo potrebbe assumere.Le aziende che sentono il dovere di presentarsi adeguatamen-te rimangono una eccezione. La maggior parte degli inserzio-nisti non si presenta semplicemente perché non è obbligata afarlo. Una questione di cattiva educazione, una delle barrie-re culturali di cui si parlava nel capitolo storico.LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 20
  • 21. CAPITOLO II I DIFETTI DELLE INSERZIONIBisogna sottolineare anche la pessima abitudine di moltiinserzionisti che, secondo una precisa strategia di persuasio-ne, fingono di presentarsi attraverso frasi ad effetto, men-tre in realtà non spiegano nulla. Paroloni altisonanti che ser-vono solamente a gettare fumo negli occhi. Ad esempio:“L’azienda, in continua evoluzione ed espansione, ha dasempre basato i principi del suo successo, sullo spiccatoorientamento verso il cliente, sull’eccellenza dei propri pro-dotti attraverso la qualità e l’innovazione, sul pensiero e leazioni con prospettive a lungo termine e con uno spiccatosenso di apertura al cambiamento ed al progresso.”Qualcuno ha capito che questa azienda commercializza aspi-rapolvere? Non c’è nulla di male nel vendere aspirapolvere,ma perché non dirlo? Sarebbe sicuramente opportuno obbli-gare l’inserzionista a dichiararlo.Di fronte a migliaia di inserzioni dove l’azienda si presenta sol-tanto con il proprio nome o, peggio ancora, attraverso discor-si fumosi, come dobbiamo comportarci? Esattamente comefacciamo nella vita di tutti i giorni, quando vogliamo conosce-re qualcuno: dobbiamo cercare tutte le informazioni possi-bili sul suo conto. Possiamo chiedere ad amici, parenti e pro-fessionisti. Oppure navigare su internet alla ricerca di un sitoaziendale. Tra l’altro, se troviamo il sito, ma nemmeno da que-sta verifica riusciamo a capire perfettamente con chi abbiamoa che fare, è proprio il caso di lasciar perdere quell’annuncio.LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 21
  • 22. CAPITOLO II I DIFETTI DELLE INSERZIONIQuando l’inserzione è gestita da una agenzia e il nome del-l’azienda nemmeno compare nell’inserzione, purtroppo illavoratore non ha un vero e proprio diritto di conoscere altreinformazioni. Ma chiedere all’agenzia qualche notizia èsempre possibile. E il nostro interesse, se non diventa troppoinsistente o arrogante, può essere considerato positivamen-te dal selezionatore.LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 22
  • 23. CAPITOLO II I DIFETTI DELLE INSERZIONILE DEFINIZIONI SONO ASTRATTELa maggior parte delle inserzioni di lavoro pubblicate inItalia, quando cerca di spiegare la posizione professionalericercata, si limita ad una definizione astratta: “cercasi elet-tricista”, oppure “cercasi brand manager”. Ma questa defini-zione astratta non individua affatto una funzione e le suemansioni, come abbiamo visto proprio nel caso dell’elettrici-sta citato all’inizio di questo capitolo.La definizione astratta non risolve il problema della correttacomunicazione nemmeno fra persone che operano nellostesso settore e che, in teoria, dovrebbero capirsi meglio.Anzi, rischia di confondere ancor più le idee. Presso dueaziende che si trovano una di fronte all’altra, è molto proba-bile che il magazziniere oppure il mulettista svolgano lavoriin realtà molto diversi fra loro.In una delle aziende il mulettista solleva e trasporta materia-le ferroso, nell’altra si producono bicchieri di cristallo e quin-di il muletto (a proposito: il muletto è il nome gergale deicarrelli elevatori) non viene certo manovrato allo stessomodo. Il magazziniere dell’azienda di bicchieri deve smistareordini scritti in cinque lingue diverse operando con il compu-ter , mentre il collega dell’altra azienda non ha mai inseritoun modulo a computer in vita sua.LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 23
  • 24. CAPITOLO II I DIFETTI DELLE INSERZIONINei paesi anglosassoni, questo problema di comunicazione èstato risolto da tempo. L’inserzione contiene sempre unadettagliata “job description”, dove si spiega cosa devesaper fare quell’elettricista o quali sono le mansioni delbrand manager di cui si parla.Che fare quando incontriamo una inserzione che potrebbeinteressarci, ma nella quale non è fatto alcun accenno al con-tenuto della mansione? Anzitutto, dobbiamo dubitare dinoi stessi e cercare di capire se davvero quella definizioneastratta fa al caso nostro. Anche se tutti crediamo di saperecosa fa un elettricista, dobbiamo cercare di capire se il con-tenuto concreto di quella proposta per “elettricista” corri-sponde alla nostra specifica esperienza e alle nostre compe-tenze.Personalmente, non ho mai capito di cosa diavolo si occupaun brand manager, anche se quella definizione potrebbeinteressarmi: la parola manager suona bene e magari laproposta proviene da una grande società editoriale. Il ruolodel brand manager (che è un manager e lavora nell’editoria,esattamente come me) potrebbe davvero fare al caso mio?Sono al computer e cerco su Wikipedia una prima risposta:“Il brand management è l’applicazione di tecniche di marke-ting a uno specifico prodotto, linea di prodotto o marchio.”LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 24
  • 25. CAPITOLO II I DIFETTI DELLE INSERZIONIQualunque sia la mansione specifica del brand manager inquell’azienda, non sono certo un grande esperto di tecnichedi marketing. Lascio perdere.Potremmo invece essere più fortunati ed avere la certezza dirientrare in quella definizione astratta. Ad esempio, se cercanoun mulettista ed ho guidato il muletto per anni, è legittimopensare di avere tutte le carte in regola per candidarsi. Anchein questo caso, prima di lasciarsi prendere da facili entusiasmi,sarebbe meglio cercare molte altre informazioni: in qualesettore lavora l’azienda, come organizza il lavoro, con qualiorari, se i livelli retributivi sono corretti, eccetera.E’ sicuramente difficile rintracciare tutte queste indicazioni,anche attraverso internet. L’ultima risorsa è quella di chiede-re informazioni direttamente alla fonte, magari attraversouna cortese telefonata all’ufficio del personale o all’agenziache ha pubblicato l’inserzione.LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 25
  • 26. CAPITOLO II I DIFETTI DELLE INSERZIONIQUELL’INTERMINABILE ELENCO DI REQUISITINon tutti gli annunci si limitano ad una definizione astrattaall’interno di un testo di venti parole. Sui giornali e su inter-net troviamo pubblicati anche lunghe e lunghissime inserzio-ni. Ma non è detto che il numero delle parole utilizzate siagaranzia di qualità della proposta.Ad esempio, è frequente incontrare annunci dove la mag-gior parte del testo è riservata ad un interminabile elencodi requisiti richiesti al candidato. Qualcuno, scimmiottando ilgergo delle inserzioni anglosassoni, vorrebbe chiamare“skill” questo elenco. In realtà, il vero e proprio skill è benaltra cosa: è una parte dell’inserzione che definisce il profilopsico-antropo-attitudinale del lavoratore.Uno skill ben costruito dovrebbe descrivere i percorsi di stu-dio, le esperienze, le qualifiche professionali, ma anche leattitudini e il carattere nei quali il candidato è invitato a rico-noscersi. L’indicazione di questo profilo personale del candi-dato ideale potrebbe davvero aiutarci a capire se posse-diamo le caratteristiche per quel lavoro.Purtroppo, nelle abitudini delle inserzioni italiane, non tro-viamo quasi mai un corretto “skill”. Il testo dell’inserzione siriduce ad un formale elenco di requisiti, senza alcuna trac-cia della job description o della presentazione dell’azienda,LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 26
  • 27. CAPITOLO II I DIFETTI DELLE INSERZIONIgli elementi dell’inserzione che abbiamo messo a fuoco neiparagrafi precedenti.Quando ci ritroviamo di fronte ad una inserzione che si ridu-ce esclusivamente ad uno sterile elenco di requisiti, siamo difronte ad una pessima inserzione. E quell’elenco, invece diaiutarci, rischia piuttosto di portarci fuori strada.Ad esempio, l’inserzione potrebbe richiedere “diploma o laureain ambito economico, bella presenza, conoscenza dell’inglese edel francese, predisposizione al lavoro in gruppo ed ai rapportiinterpersonali”. Migliaia di candidati si riconoscono perfettamen-te in quell’elenco di requisiti. Non invierebbero però il propriocurriculum se l’inserzionista spiegasse chiaramente che i candida-ti prescelti dovranno vendere porta a porta polizze assicurative.Ho il massimo rispetto per gli assicuratori. Il mio migliore amicoè diventato agente assicurativo ed ha fatto una gran carriera,fino a diventare socio dell’azienda per cui lavorava. Questorapporto di amicizia non può però perdonare il livello di nebu-losità delle ricerche di personale della sua società. Non sonoaffatto trasparenti e sembra sempre vogliano addolcire lo zuc-cherino. Eppure, se esiste in Italia una professione che permet-te di partire dal nulla, magari arrivando a costruirsi una posi-zione di tutto rispetto, è proprio quella del venditore. Perchénascondersi, o peggio ancora, barare con formule ambigue,del tipo “cercasi impiegato/a commerciale?”LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 27
  • 28. CAPITOLO II I DIFETTI DELLE INSERZIONINon è una semplice questione di approfittamento dellabuona fede. Molto più spesso, le aziende che non mettono afuoco le reali mansioni dei propri collaboratori arrivano arichiedere requisiti inutili o totalmente errati. Se, adesempio, la redazione di un giornale riuscisse a focalizzareche ha bisogno di una persona per digitare centinaia di pic-coli annunci da inserire in bozzetti pubblicitari preconfezio-nati, si concentrerebbe nella ricerca di qualcuno che sappiascrivere velocemente e con precisione. E magari la smette-rebbe di elencare fra i requisiti il possesso di un diplomagrafico. Perché copiare e incollare gli annunci è una digni-tosissima attività, ma senza alcun contenuto grafico.Siamo dunque costretti a cercare lavoro confrontandocicon molte inserzioni che non presentano l’azienda, chenon descrivono l’attività lavorativa richiesta e che sonoorfane di un vero e proprio skill, sostituito magari da unelenco di requisiti che può sembrarci infinito. Come se nonbastasse, è ben difficile riconoscersi in tutte le caratteristi-che richieste da quell’elenco. Siamo così costretti ad arren-derci?Non è proprio il caso. Anche perché non possiamo permet-tercelo. Se siamo convinti che una certa inserzione possaessere adatta a noi, l’interpretazione di quello sterminatoelenco di requisiti deve essere effettuata con elasticità.LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 28
  • 29. CAPITOLO II I DIFETTI DELLE INSERZIONINon dobbiamo assolutamente barare, atteggiamento con-troproducente per l’azienda e per sé stessi. E’ però necessa-rio rivedere il proprio curriculum, adattandolo a quantorichiesto nell’inserzione. Una operazione da compiere conattenzione prima dell’invio di ogni candidatura.Anzitutto, è necessario sintetizzare le caratteristiche e leesperienze che non hanno nulla a che vedere con il profilodelineato nell’inserzione, perché il selezionatore non hatempo da perdere in questioni che non gli interessano.La seconda operazione di revisione del curriculum riguardale nostre esperienze e conoscenze, che devono essere pre-sentate ed esaltate secondo l’ordine di importanza attri-buito dall’inserzione. Può darsi che non possediamo il titolodi studio richiesto, ma se conosciamo quel settore meglio diun laureato possiamo sottolineare la nostra esperienza spe-cifica. Se la padronanza della lingua inglese deve esserefluente, ma non diciamo “tanke you” da un paio d’anni, pos-siamo sottolineare le nostre esperienze all’estero, anche distudio e viaggio: l’inglese fluente tornerà appena ricomince-remo a parlarlo.Anche se questo non è un corso dedicato alla realizzazionedi una candidatura ed al colloquio di lavoro, nel discorsosulla rivisitazione del proprio curriculum non posso nemme-no dimenticare di suggerire la modifica più importante:LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 29
  • 30. CAPITOLO II I DIFETTI DELLE INSERZIONIprima di inviare ogni singola candidatura, dobbiamo realiz-zare una buona lettera motivazionale o comunque qual-che riga di presentazione. Dobbiamo infatti convincere ilselezionatore che quello è il nostro posto e stavamo aspet-tando proprio quella inserzione per inviare il nostro curricu-lum. Ribadisco: inutile barare. Soprattutto sull’aspetto moti-vazionale si capirebbe lontano un miglio.Per un selezionatore che deve visionare quattro o cinquecen-to curriculum in un pomeriggio, non c’è niente di peggio cheritrovarsi la casella di posta elettronica e la scrivania invasi dacandidature evidentemente standardizzate. Se allegato alcurriculum il selezionatore non trova una lettera motiva-zionale, o almeno una parola che spieghi perché quellapersona vuole candidarsi proprio per quel posto di lavoro,ha la netta sensazione di trovarsi di fronte ad uno pseudocandidato, uno che in un paio d’ore spara a caso venti otrenta cv, tutti irrimediabilmente uguali. Quando mi ècapitato di inviare la mia candidatura, o quando mi hannorichiesto un curriculum, ho speso ogni volta almeno unagiornata nel rimaneggiare quelle due paginette, prima dieffettuare l’invio.LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 30
  • 31. CAPITOLO II I DIFETTI DELLE INSERZIONILO SQUILIBRIO FRA RICHIESTA E PROPOSTALa maggior parte delle inserzioni non specifica la forma con-trattuale di assunzione e non indica la retribuzione propo-sta. Per non parlare della totale mancanza di indicazioni suiservizi collettivi offerti dall’azienda ai suoi lavoratori (mensa,buoni pasto, trasporti, scuola materna, convenzioni sanita-rie, eccetera) o sui benefit concessi individualmente.Potremmo dire che la caratteristica principale delle inserzio-ni di lavoro pubblicate in Italia è proprio lo squilibriointrinseco fra quello che l’azienda dichiara di ricercare equello che invece dimentica di specificare sulle condizionicontrattuali che vengono offerte.Questo è il risultato più evidente delle barriere culturali dicui dicevo anche nel capitolo storico. L’azienda si sente inuna posizione di forza: “questo è quello che cerco, non hobisogno di dirti cosa ti offro o potrei offrirti in cambio”. Sicercano ancora piccoli schiavi in cerca di un lavoro qualun-que, invece di possibili risorse umane, determinanti per ilsuccesso dell’azienda stessa.Se sfogliamo un quotidiano (o un sito internet) anglosasso-ne, giapponese o tailandese, non troveremo una sola inser-zione che omette di dichiarare la retribuzione proposta. Unadifferenza che non può essere giustificata dalle diverse con-LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 31
  • 32. CAPITOLO II I DIFETTI DELLE INSERZIONIdizioni di mercato o da un presunta diversità nella forza con-trattuale. Tutte le aziende italiane si lamentano della diffi-coltà nel trovare collaboratori qualificati e affidabili: dovreb-bero, dunque, essere motivate ad esprimersi nelle formemigliori e più corrette, proprio per ricevere le candidaturemigliori e più corrette.Se dovessimo scartare tutti gli annunci dove non esiste equi-librio fra quanto viene richiesto e la proposta contrattualeconcreta, rischieremmo di ritrovarci senza inserzioni cuiinviare candidature. Ancora una volta, per superare questodifetto di comunicazione, cerchiamo di trasformare lanecessità in virtù. Anche in questo caso, infatti, possiamosempre chiedere qualche dettaglio all’inserzionista o all’a-genzia.Attenzione, però, a non urtare la sensibilità di personaggiche, per definizione, ritengono di ritrovarsi in una posizionedi forza, perché… credono di avercelo solamente loro, illavoro. E poi si lamentano di non trovare collaboratori ade-guati. Come succede alle zitelle inacidite.LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 32
  • 33. CAPITOLO II I DIFETTI DELLE INSERZIONILE DISCRIMINAZIONIIn quell’assurdo e interminabile elenco di requisiti elencatinegli annunci, capita ancora molto spesso di ritrovare formedi vera e propria discriminazione. Deve essere infatti intesacome discriminante ogni parola dell’inserzione che lascias-se intendere una scelta del candidato in base a sesso, età,orientamento sessuale, convinzioni politiche o religiose.Eppure le inserzioni discriminanti sono all’ordine del giorno.Frutto dell’ignoranza delle normative e dei più elementaridiritti civili. Alcuni inserzionisti, anche se richiamati alrispetto della legge, arrivano a insistere: “in quel repartosono tutte donne e inserire un uomo sarebbe destabiliz-zante”, “è un ambiente giovane ed una cinquantenne nonsi troverebbe a proprio agio”. Ragionamenti comprensibi-li, ma che per legge non devono trovare spazio nel testo diuna inserzione.Tra l’altro, non so quanti maschietti si troverebbero a proprioagio in un ufficio con trenta donne (non lo consiglierei almio peggior nemico!). O quante cinquantenni sarebberodisposte a sopportare i deliri ormonali di decine di collegheunder venti. E allora, perché non descrivere a chiare letterenell’inserzione l’ambiente lavorativo e il contenuto concretodella mansione (sì, la cosiddetta “job description”, ancoraLINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 33
  • 34. CAPITOLO II I DIFETTI DELLE INSERZIONIlei…), senza porre limiti o barriere discriminatorie? Tuttorisulterebbe più facile: dimmi chiaramente che devo scarica-re cento sacchi di cemento all’ora, e poi deciderò io se candi-darmi, uomo o donna, giovane o anziano, bianco o nero,analfabeta o plurilaureato.La maggior parte delle proteste che giungono ad un edito-re di inserzioni lavorative riguarda proprio la presenza di ele-menti discriminatori nelle inserzioni. Alcune associazionihanno lanciato vere e proprie campagne contro le inserzionidiscriminatorie, invitando alla correzione e minacciandoazioni legali. In questo modo hanno ottenuto anche risulta-ti lusinghieri, ad esempio contro gli annunci che impongonoai candidati una età massima: fino ad un paio d’anni fa, unavera e propria piaga che oggi sembra in netto regresso.Se di fronte ad una inserzione dovessimo sentirci discrimina-ti, il consiglio è di inviare un paio di email, chiedendo unaesplicita risposta. La prima, diretta all’inserzionista, chie-dendo cortesemente i motivi della discriminazione: non èdetto che ci ripensi e decida di prendere in considerazioneproprio la nostra candidatura. La seconda, altrettanto corte-se, diretta alla direzione del giornale o del sito internet sulquale l’inserzione è stata pubblicata: solamente attraverso lesegnalazioni dei lettori e degli utenti è possibile tenere sottocontrollo, e se necessario correggere, un flusso di centinaia,a volte migliaia di nuove inserzioni.LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 34
  • 35. CAPITOLO II I DIFETTI DELLE INSERZIONILINGUAGGI OSCURI E STUPIDI TECNICISMILa prima regola della corretta comunicazione imporrebbe direalizzare messaggi comprensibili anche ad una casalinga.Esattamente il contrario del linguaggio generalmente oscu-ro che viene utilizzato nelle inserzioni di lavoro. Quando lapubblicazione delle inserzioni si pagava a numero di parole,la necessità di sintesi poteva creare qualche difficoltà in que-sto senso. Ma con l’avvento delle inserzioni a modulo esoprattutto attraverso internet, è possibile e doveroso scrive-re tutto, nella maniera più chiara.Nella realizzazione del testo di una inserzione, non esistealcun motivo per sconfinare in tecnicismi, neologismi, oanglofonie. L’uso di vocaboli tecnici può essere indispensabi-le: il nome di un determinato programma, la definizione diuna certa procedura. Ma il tecnicismo, cioè la degenerazionedell’uso di vocaboli tecnici, non ha nulla a che vedere con icontenuti specialistici della mansione.Anche l’utilizzo di troppi vocaboli inglesi o stranieri,quando non sarebbero necessari, è una forma di stupido tec-nicismo. E’ falso affermare che alcune posizioni professiona-li non sono traducibili in italiano. Oltretutto, l’utilizzo didefinizioni inglesi nelle inserzioni in lingua italiana arriva atradire la natura concreta e pragmatica delle inserzioniLINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 35
  • 36. CAPITOLO II I DIFETTI DELLE INSERZIONIanglosassoni: quelle definizioni nascono in Inghilterra onegli Stati Uniti proprio perché cercano di dare un contenu-to concreto anche al “titolo” dell’inserzione. Nella miglioredelle ipotesi, l’inserzionista che non si impegna in una buonatraduzione in italiano, non compie lo sforzo di professionali-tà e chiarezza che invece è tipico del suo collega inglese.L’utilizzo dell’inglese dovrebbe essere ammesso solamentequando un certo vocabolo è diventato di uso comune.Oppure nelle inserzioni di aziende che operano in un “con-testo internazionale”. Rimane però da domandarsi perché itesti delle inserzioni internazionali non siano realizzati inte-gralmente in inglese, soluzione tecnicamente ineccepibile eche infatti è sempre più diffusa anche in Italia.L’abuso dei linguaggi pseudo-tecnici, in definitiva, è un altrosintomo del malessere della comunicazione sul mercato dellavoro. E’ il misero tentativo di compensare la confusionesemantica o semplicemente mentale dell’autore stesso del-l’inserzione: usando parole più grandi di lui, l’autore del-l’inserzione cerca di sfruttare la sua non meglio identificataposizione di supremazia, che in realtà è il misero tentativo dinascondere la propria inadeguatezza culturale o emotiva.E’ anche probabile che in caso di un eventuale colloquio,quel selezionatore ricada nello stesso problema. Magari cer-LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 36
  • 37. CAPITOLO II I DIFETTI DELLE INSERZIONIcando di compensare le sue debolezze per metterci in sogge-zione a colpi di vocaboli inglesi e proverbi polacchi. Sarebbebello riuscire a riportare il nostro interlocutore sul piano diuna comunicazione più semplice e chiara, ma l’impresa appa-re disperata. Quindi prepariamoci a dovere, rinfrescando ilnostro vocabolario tecnico o magari inventando dal nullaespressioni contorte ma credibili, un po’ come faceva il conteMascetti nel film Amici Miei.LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 37
  • 38. CAPITOLO II I DIFETTI DELLE INSERZIONIGLI ERRORI ORTOGRAFICI E GRAMMATICALISempre in tema di linguaggio, una nota a parte merita l’usoscorretto delle regole ortografiche nella realizzazione delleinserzioni. Molto spesso, questi errori sono mutuati dalla lin-gua inglese. Cioè rispettano le regole grammaticali inglesi, masono inseriti in testi di lingua italiana, dove le regole ortogra-fiche e grammaticali da utilizzare sono quelle italiane.Ecco una rassegna degli errori più diffusi:■ La “s” plurale inglese, in italiano non esiste. Se scrivo unaparola inglese in un testo italiano non posso declinarlasecondo le regole grammaticali inglesi. Dunque, “lo skill” alplurale rimane “gli skill”, senza s finale.■ Tutte le parole che appartengono ad una definizione pro-fessionale, ad una carica o ad un titolo, nella lingua inglesesi scrivono con la lettera iniziale maiuscola. In italiano è cor-retto limitare al massimo l’uso di iniziali maiuscole. Dunque,un Interim Commercial Manager, in una inserzione italianadovrebbe diventare Interim commercial manager. O magariDirettore commerciale temporaneo, che forse suona bruttoma è molto più chiaro e corretto.■ Nella lingua italiana, al contrario di quella inglese, leabbreviazioni non dovrebbero esistere, nemmeno sui bigliet-ti da visita. Le abbreviazioni dr. o dott. non sono corrette, ebisognerebbe scrivere per esteso dottor o dottore, dollaroinvece di $, mensili invece di mens.LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 38
  • 39. CAPITOLO II I DIFETTI DELLE INSERZIONI■ Nelle sigle, i puntini andrebbero eliminati, scrivendo tuttele lettere minuscole e creando una sola parola. Solamente sela sigla individua il nome proprio di una società o di unaassociazione, la prima lettera della sigla deve essere maiusco-la. Questa è pure una regola inglese. Anzi, gli anglosassonisono maestri nell’utilizzarla. Invece continuiamo a leggereS.P.A. invece di spa, C.G.I.L. invece di Cgil, e così via.Di fronte agli altri problemi di realizzazione e interpretazionedelle inserzioni di lavoro, l’applicazione di queste quattro rego-lette non ci cambierebbe la vita. Ma renderebbe l’annuncio piùcorretto ed elegante. Eppure, quando ho provato a confron-tarmi con qualche inserzionista sui temi ortografici, non ho tro-vato grande possibilità di dialogo. La maggior parte ringraziama non corregge. Qualcuno, invece, si irrigidisce e ribadisce lacorrettezza del suo testo. Un tizio, addirittura, ha sottolineatoessere nel giusto perché sua mamma è inglese. Un imbecille.Saremo, dunque, costretti in eterno a cercare lavoro sotto undiluvio di “s” plurali, di abbreviazioni e di sigle puntate.Conoscendo queste regole, possiamo però scrivere più corret-tamente le nostre candidature: l’eleganza e la classe non cen-trano nulla con gli abiti firmati, ma sono il risultato di piccoliparticolari, che per definizione sfuggono alla valutazione deipiù. In ogni caso, se un colloquio finisce male, possiamo anchetoglierci la soddisfazione di sbattere in faccia al selezionato-re i suoi errori ortografici.LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 39
  • 40. L’INSERZIONE IMPERFETTA COME LEGGERE UN ANNUNCIO DI LAVORO E CAPIRCI QUALCOSA CAPITOLO III COSA VORREBBE LA LEGGE E COSA OTTIENE ■ Fatta la legge nessuno controlla ■ Principali disposizioni legislative ■ Divieto di discriminazione ■ Obbligo di indicazione delle modalità di trattamento dei dati personali ■ Obbligo di indicazione degli estremi di autorizzazione ministeriale ■ Le multe agli editori ed ai direttori ■ Che fare di fronte agli annunci illegali?LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 40
  • 41. CAPITOLO III COSA VORREBBE LA LEGGE E COSA OTTIENEFATTA LA LEGGE NESSUNO CONTROLLAA giudicare dal panorama sui difetti delle inserzioni di lavo-ro italiane, sembrerebbe proprio che la maggior parte degliinserzionisti non sia mai riuscita a confrontarsi con unmanuale che spieghi come realizzare il proprio annuncio.Ma le leggi in materia esistono, si possono rintracciare facil-mente e dovrebbero essere rispettate. Non succede nemme-no questo: i testi degli annunci pubblicati in Italia contengo-no spesso elementi illegali.In questa fase della mia analisi, non mi interessa indagare sesi tratta di errori materiali, di ignoranza o di malafede.Qualunque sia il motivo di questo mancato rispetto delleleggi, ho invece raggiunto una certezza: nessuno effettuacontrolli ed eroga sanzioni.Questo è un difetto tipico del Sistema Italia. Grandi dibattitipolitici per partorire leggi più o meno giuste e ben costruite.Ma che in ogni caso non vengono fatte rispettare con i dovu-ti controlli. Le emergenze sul mercato del lavoro sono altre:sicurezza, precarietà, lavoro nero, sfruttamento. Rimangoperò convinto che la prevenzione sia la migliore direzionedove investire le risorse pubbliche. E la verifica sistematicadelle inserzioni di lavoro da parte di qualche ispettore rispar-mierebbe, fin dall’origine, molti grattacapi ai lavoratori, alleaziende corrette, al mercato del lavoro ed all’intera società.LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 41
  • 42. CAPITOLO III COSA VORREBBE LA LEGGE E COSA OTTIENEPurtroppo, gli ispettori del lavoro sono troppo pochi, troppoimpegnati e non trovano il tempo per leggere le inserzioni.E la maggior parte dei lavoratori non conosce altre stradeper procurarsi un lavoro: non dispone di padrini, politici, par-roci, dirigenti sindacali cui raccomandarsi e non conosce gliindirizzi dei circoli massonici da frequentare. Chi cerca lavo-ro deve comunque confrontarsi con le inserzioni, con-sultando i giornali e navigando su internet.Conoscere le disposizioni di legge che riguardano le inserzio-ni di lavoro è un diritto e un dovere. Ma è soprattutto unostrumento che ci permette di comprendere e selezionaremeglio le opportunità contenute in un annuncio. E di sce-gliere la migliore strategia: rinunciare, insistere, denunciare.LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 42
  • 43. CAPITOLO III COSA VORREBBE LA LEGGE E COSA OTTIENEPRINCIPALI DISPOSIZIONI LEGISLATIVEEcco, dunque, i riferimenti delle principali disposizioni che sioccupano di inserzioni di lavoro:■ Decreto Legislativo 10 settembre 2003, n. 276, Attuazionedelle deleghe in materia di occupazione e mercato del lavo-ro, di cui alla legge 14 febbraio 2003, n. 30.■ Legge 9 dicembre 1977, n. 903 sulla Parità di trattamentotra uomini e donne in materia di lavoro.■ Decreto Legislativo 9 luglio 2003, n. 216, Attuazione delladirettiva 2000/78/CE per la parità di trattamento in materiadi occupazione e di condizioni di lavoroI testi integrali di queste leggi sono facilmente reperibili suinternet con le relative interpretazioni. In estrema sintesi,queste sono le disposizioni che riguardano specificamentela forma e i contenuti degli annunci di lavoro:■ divieto di discriminazione per sesso, età, convinzioni poli-tiche, religiose, eccetera (a meno che l’età e il sesso sianolegati alle caratteristiche intrinseche del lavoro o a particola-ri regimi contrattuali)■ divieto di anonimato■ obbligo di indicare le modalità di trattamento dei datipersonaliLINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 43
  • 44. CAPITOLO III COSA VORREBBE LA LEGGE E COSA OTTIENE■ obbligo per gli intermediari di indicare gli estremi dell’au-torizzazione ministeriale all’esercizio dell’attività di interme-diazione■ sanzioni pecuniarie agli editori e ai direttori che pubblica-no annunci non conformi a quanto previsto dalla leggeNei paragrafi che seguono, ho tentato di spiegare ognuna diqueste disposizione, permettendomi di aggiungere alcuneriflessioni emerse dalla esperienza quotidiana sul campo.LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 44
  • 45. CAPITOLO III COSA VORREBBE LA LEGGE E COSA OTTIENEDIVIETO DI DISCRIMINAZIONEAbbiamo già accennato, nel capitolo relativo ai difetti delleinserzioni, come il divieto di discriminazione sia scarsamenterispettato. Nei testi degli annunci compaiono indicazioni sul-l’appartenenza sessuale (impiegatA, operaiO) e sull’età(massimo 40 anni) che non trovano ragione di esisterenelle caratteristiche del lavoro proposto e non sono dovutea particolari forme contrattuali.In altre parole, è corretto porre un limite di età se l’aziendaintende assumere un apprendista. Se però l’indicazione del-l’età è solamente una libera indicazione dell’inserzionista,siamo di fronte ad un caso di discriminazione.E’ necessaria una precisazione: nessuno può costringere undatore di lavoro ad assumere una certa persona piuttostoche un’altra. Le leggi possono incentivare l’assunzione di unadonna, di un giovane o di un over40. Ma se il selezionatorenon intende assumere una certa categoria di persone, permotivi legati alla sua attività o convinzioni personali, è sem-pre libero di farlo. A patto che non lo dichiari o comunquenon assuma atteggiamenti discriminanti.Eppure le inserzioni continuano ad essere impunementepubblicate con espliciti riferimenti al sesso o all’età. Da nota-LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 45
  • 46. CAPITOLO III COSA VORREBBE LA LEGGE E COSA OTTIENEre che il primo grande peccatore, come spesso succede inItalia, è la Pubblica Amministrazione, attraverso i suoibandi di concorso e le nuove funzioni degli ex uffici di collo-camento, oggi diventati Centri per l’impiego. Ritengo si trat-ti di semplice ignoranza. Più volte ho provato a contattare gliimpiegati dei Centri per l’impiego per chiedere qualche spie-gazione. Ho rinunciato: la logica del burocrate in mezzema-niche è più forte di qualunque disposizione di legge.Mi è capitato di incontrare goffi tentativi di legalizzazione:ad esempio, qualcuno vorrebbe distinguere fra requisiti“indispensabili” e “preferibili”. Secondo questa teoria, se ilrequisito dell’età viene indicato come preferibile e non indi-spensabile, non dovrebbe essere inteso come discriminato-rio. Ma se domani incontrassimo una t-shirt con la scritta“Preferirei che i negri non lavorassero in Italia”, non farem-mo molte distinzioni fra “preferenza” e “obbligo”: nesaremmo semplicemente scandalizzati.In questo far west della comunicazione, gli editori, o meglioi direttori di giornali e siti internet, che ogni giorno pubbli-cano e dovrebbero controllare migliaia di inserzioni, rischia-no di rimanere schiacciati: se gli organi di polizia non vigila-no, come può un solo giornale condurre una battaglia con-tro le discriminazioni? Il rischio è quello di non pubblicareannunci e magari chiudere la baracca, perché gli stupidi e iLINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 46
  • 47. CAPITOLO III COSA VORREBBE LA LEGGE E COSA OTTIENEburocrati, che sono sempre la maggioranza, passerebberoalla concorrenza. Per quanto sia costante il tentativo di dis-suadere gli inserzionisti scorretti, il mondo dell’editoria ècostretto a tutelarsi con una clausola generalista pubblicataormai ovunque, secondo la quale “ogni inserzione deveessere intesa in senso non discriminatorio”.LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 47
  • 48. CAPITOLO III COSA VORREBBE LA LEGGE E COSA OTTIENEDIVIETO DI ANONIMATOIn teoria, il divieto di anonimato è uno dei grandi successidella Legge Biagi, almeno per quanto riguarda la trasparen-za delle inserzioni. Purtroppo, la semplice dichiarazione delnome dell’azienda inserzionista aggiunge poco o nulla allacredibilità e correttezza dell’opportunità offerta.Secondo una interpretazione diffusa, invece del nome del-l’azienda è anche possibile indicare solamente un numero tele-fonico di rete fissa o un indirizzo internet, che dovrebbero per-mettere di risalire all’identità certa dell’inserzionista. In defini-tiva, la legge non impone che il lettore sia correttamente infor-mato, ma soltanto che sia certa l’identità dell’inserzionista.Rispetto a quanto si potrebbe raccontare di un’azienda (set-tore merceologico, dimensioni, fatturato, utili di esercizio,numero dei dipendenti, eccetera), il “nome” è l’elementomeno importante dal punto di vista della qualità dell’inser-zione. Se siamo intenzionati ad inviare una candidatura,rimane necessaria una indagine attraverso amici e conoscen-ti, ma soprattutto consultando internet, per conoscere quan-to possibile del nostro possibile interlocutore.Nemmeno a farlo apposta, questa maniacale attenzione daparte della legge nei confronti del “nome” dell’azienda siLINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 48
  • 49. CAPITOLO III COSA VORREBBE LA LEGGE E COSA OTTIENEsposa pericolosamente con una devianza culturale tipica-mente italiana: nell’immaginario collettivo, l’azienda digrande nome dovrebbe garantire un buon lavoro. Non èmai stato vero, soprattutto in Italia. Ma questa spasmodicaobbligatorietà del “nome”, in definitiva, fomenta la rincorsainfinita al “posto sicuro”. Che non esiste più.Se proprio le aziende desiderano mantenere il segreto sualcune loro ricerche di personale, ad esempio per motivi diriservatezza nei confronti della concorrenza e dei dipenden-ti, la legge consente che possano risolvere il problema rivol-gendosi ad una agenzia specializzata. In questo caso, è l’a-genzia che pubblica a proprio nome e diviene garante del-l’inserzione, mentre l’azienda può mantenere l’anonimato.Purtroppo, molte piccole aziende e micro-aziende non pos-sono permettersi di pagare un’agenzia. Nella sostanza, i ric-chi possono restare anonimi. E sarebbe meglio che la leggevenisse riformata, imponendo all’inserzione, più che il nomedell’azienda, una concreta descrizione della sua attività.LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 49
  • 50. CAPITOLO III COSA VORREBBE LA LEGGE E COSA OTTIENEOBBLIGO DI INDICAZIONE DELLE MODALITÀDI TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALIA fianco di ogni inserzione di lavoro è obbligatorio pubblica-re per esteso le modalità di trattamento dei dati personali daparte di chi riceverà le candidature. Il documento aziendaleche spiega queste modalità è molto lungo ed è material-mente impossibile aggiungerlo al testo dell’annuncio. Perquesto motivo, la legge offre la possibilità di indicare il sitointernet sul quale tutte le modalità possono essere consul-tate.Fin dagli esordi, la normativa è però incorsa in qualche osta-colo, di forma e di sostanza. Primo incidente: per una que-stione di virgole, il testo di legge approvato sembrerebbeimporre solamente alle agenzie di intermediazione, e nonalle aziende, l’obbligo di pubblicazione delle modalità ditrattamento dei dati personali.Stando alla lettera della legge, le migliaia di inserzioni pub-blicate direttamente dalle aziende non dovrebbero sottosta-re a questo obbligo. Più probabilmente, si tratta di un erro-re: non esiste alcuna logica in questa differenza di tratta-mento fra agenzie ed aziende, nemmeno nel permettere aduna azienda di fare qualsiasi cosa con i dati personali conte-nuti in una candidatura.LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 50
  • 51. CAPITOLO III COSA VORREBBE LA LEGGE E COSA OTTIENEA tutt’oggi questo obbligo non viene rispettato dalle azien-de (ma anche da qualche agenzia) soprattutto negli annun-ci “a parola”, quelli pubblicati con il semplice testo, incolon-nato nelle rubriche dei piccoli annunci. Difficilmente il pro-blema sarà risolto. Anzitutto, perché non vengono effettuaticontrolli. Ma anche perché risulterebbe difficile obbligaretutte le aziende italiane, anche la semplice officina meccanica,la parrucchiera o l’artigiano sottocasa, a dotarsi di un sito inter-net all’interno del quale pubblicare un documento relativo allemodalità di trattamento dei dati personali contenuti nei curri-culum.La filastrocca sui dati personali che rinvia al sito internet di riferi-mento è, peraltro, più lunga delle parole mediamente necessa-rie nella realizzazione di un piccolo annuncio, che costa un tot aparola o ha comunque un limite massimo di lunghezza. Comeabbiamo appena visto, è ben difficile pretendere dalle micro-aziende, che nemmeno possono permettersi un sito internet, discrivere e pagare anche questo supplemento di inserzione.Prima ancora che la legge venisse pubblicata, le agenzie diintermediazione avevano già trovato una soluzione: “Caraazienda, se non disponi di un sito internet, perché ti affanni?Rivolgiti a noi, che possiamo offrirti questo servizio o addirittu-ra occuparci di tutta l’inserzione, della ricerca e della selezionedel personale”. Ovviamente, a pagamento.LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 51
  • 52. CAPITOLO III COSA VORREBBE LA LEGGE E COSA OTTIENEOBBLIGO DI INDICAZIONE DEGLI ESTREMIDI AUTORIZZAZIONE MINISTERIALELe agenzie per il lavoro devono indicare il numero della propriaautorizzazione ministeriale accanto ad ogni annuncio.Almeno sotto questo aspetto, la legge è chiara: se non possiediun’autorizzazione ministeriale non puoi fare da intermediariofra le aziende e i lavoratori, tantomeno pubblicare inserzioni.Si tratta di un obbligo che garantisce anzitutto i lavoratori, neiconfronti di singoli operatori e di organizzazioni che si spaccia-no per agenzie, senza possedere le necessarie qualifiche.Bisogna sottolineare che le agenzie autorizzate sono sottopostea vincoli molto stretti e, almeno da questo punto di vista, i con-trolli non mancano.E’ opportuno anche ricordare come, prima della riforma Biagi,l’intermediazione fosse una giungla popolata dai personaggipiù diversi ed anche pericolosi, che operavano al di fuori di qua-lunque regola: dalle false cooperative, a non meglio definiteagenzie di servizi, fino ad alcune forme di vero e proprio capo-ralato. Il tutto, almeno formalmente, sembra oggi definitiva-mente sparito.L’indicazione del numero di autorizzazione ministeriale èuna garanzia anche per gli editori e per le agenzie concor-LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 52
  • 53. CAPITOLO III COSA VORREBBE LA LEGGE E COSA OTTIENErenti: le autorizzazioni concesse sono poche centinaia ed èfacile verificarne l’autenticità. I giornali ed i siti internet rifiu-tano le inserzioni di pseudo-agenzie che non presentano ilproprio certificato. Le agenzie correttamente autorizzatepossono identificare e denunciare i concorrenti sleali.LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 53
  • 54. CAPITOLO III COSA VORREBBE LA LEGGE E COSA OTTIENELE MULTE AGLI EDITORI ED AI DIRETTORIIl direttore di un giornale o il responsabile di un sito che pub-blicano:■ annunci anonimi,■ inserzioni di agenzie che non indicano il proprio numerodi autorizzazione,■ inserzioni di agenzie che non indicano le modalità di trat-tamento dei dati personali,rischiano una multa da 4mila a 12mila euro.La legge non parla esplicitamente di altre responsabilità, adesempio degli aspetti discriminatori dell’inserzione. Si ritie-ne, comunque, che anche le inserzioni discriminatorie deb-bano essere sanzionate.Gli editori, soprattutto gli editori dei grandi quotidianinazionali, hanno sempre contestato il ruolo di poliziotti chela legge vorrebbe attribuirgli. Ad ognuno il suo mestiere.Nella sostanza, comunque, gli operatori della comunicazionesi sono fatti carico di questa pesante responsabilità. Tuttosommato, non è stato difficile per gli editori corretti impor-re ai propri inserzionisti il rispetto di queste regolette.Purtroppo, non tutti gli editori sono corretti e, come giàsottolineavo all’inizio di questo capitolo, emerge ancora unaLINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 54
  • 55. CAPITOLO III COSA VORREBBE LA LEGGE E COSA OTTIENEvolta con insistenza il problema dei controlli: pare che nes-sun ispettore del lavoro abbia tempo per effettuare le verifi-che necessarie ed erogare multe.LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 55
  • 56. CAPITOLO III COSA VORREBBE LA LEGGE E COSA OTTIENECHE FARE DI FRONTE AGLI ANNUNCI ILLEGALI?Quelli appena esaminati sono gli obblighi previsti dallalegge nei confronti delle inserzioni di lavoro pubblicate suigiornali o su internet. Quali sono, dunque, le conseguenzepratiche per chi cerca lavoro attraverso gli annunci?Anzitutto, è possibile incontrare solamente due tipologiedi inserzione:■ l’inserzione pubblicata direttamente da una azienda,dove deve comparire obbligatoriamente il nome dell’azien-da stessa, o un numero telefonico di rete fissa o un indirizzointernet che permettano di risalire con certezza all’aziendaautrice dell’inserzione.■ l’inserzione pubblicata da una agenzia, dove il nome del-l’azienda può non comparire, ma che deve indicare il nume-ro di autorizzazione ministeriale dell’agenzia e il sito di rife-rimento dove sono pubblicate le modalità di trattamento deidati personali.Un terzo caso non è possibile. Di fronte ad inserzioni che nonrientrano in queste due categorie, dovremmo segnalare ilproblema e chiedere una correzione. E se la redazione delgiornale o del sito, oppure l’ inserzionista o un sedicenteselezionatore in sede di colloquio, invece di scusarsi dell’er-LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 56
  • 57. CAPITOLO III COSA VORREBBE LA LEGGE E COSA OTTIENErore volessero tentare di raccontarci qualcosa di diverso,probabilmente è il caso di rinunciare a quella opportunità. Emagari di denunciare il fatto all’Ispettorato del lavoro.Anche nel caso di una inserzione discriminatoria, come giàdetto nel capitolo sui difetti delle inserzioni, ritengo siaopportuno chiedere cortese spiegazione all’inserzionistae segnalare il problema al giornale o al sito internet chehanno pubblicato l’annuncio.LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 57
  • 58. L’INSERZIONE IMPERFETTA COME LEGGERE UN ANNUNCIO DI LAVORO E CAPIRCI QUALCOSA CAPITOLO IV LA TEORIA DELL’INSERZIONE PERFETTA ■ Linserzione perfetta esiste ■ I requisiti minimi di una inserzione corretta ■ Lazienda: settore produttivo, fatturato e numero di addetti ■ La descrizione dellattività lavorativa ■ Il contratto, lo stipendio, le agevolazioni ■ Il profilo del candidato ideale ■ Anche il manovale merita uninserzione perfetta ■ Allegato - La buona inserzione secondo i professionistiLINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 58
  • 59. CAPITOLO IV LA TEORIA DELL’INSERZIONE PERFETTAL’INSERZIONE PERFETTA ESISTENei capitoli precedenti ho analizzato i difetti presenti nelleinserzioni di lavoro pubblicate in Italia. Dall’analisi dei difet-ti, è già emerso come dovrebbero essere realizzate le varieparti di un annuncio. A questo punto, l’elenco dei requisitiche possono rendere chiara e trasparente una inserzionecredo sia già bello e pronto.Vorrei peraltro precisare fin d’ora che la elaborazione di unateoria sulla “Inserzione perfetta” non è un mio vaneggia-mento. L’inserzione perfetta esiste: è sufficiente dare un’oc-chiata alle versioni on-line dei giornali economici anglosas-soni per trovarne conferma.Ad esempio, leggendo le inserzioni pubblicate sulla edizionebritannica del sito Monster (www.monster.co.uk) si riescesubito a comprendere perché da quelle parti nessun lavo-ratore prenderebbe in considerazione una inserzione chenei dettagli non contenga la presentazione dell’azienda, ilcontenuto concreto dell’attività lavorativa e lo stipendio pre-visto. Il tutto, ovviamente, scritto in inglese: perché si trattadi una inserzione inglese. Alla luce di quanto già verificato intema di linguaggi oscuri delle inserzioni italiane, non si trat-ta di una battuta.LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 59
  • 60. CAPITOLO IV LA TEORIA DELL’INSERZIONE PERFETTAAnche in Italia non mancano le “inserzioni perfette”, pur-troppo limitate alle fasce medio-alte del mercato del lavoro.In parallelo, cominciano ad emergere, se non vere e propriepubblicazioni sul tema, quantomeno alcuni documenti chedovrebbero trasmettere ai professionisti della selezione lenozioni di base in tema di “inserzione corretta”. E’ il caso deltesto realizzato da Roberto Corno per un corso di abilitazio-ne alla ricerca e selezione dei Consulenti del lavoro, che alle-go al termine di questo capitolo.LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 60
  • 61. CAPITOLO IV LA TEORIA DELL’INSERZIONE PERFETTAI REQUISITI MINIMIDI UNA INSERZIONE CORRETTALa teoria dell’inserzione perfetta è dunque già pronta e spe-rimentata da decenni. Ed ecco, finalmente “svelati”, i requi-siti minimi che una inserzione dovrebbe contenere:■ carta d’identità dell’azienda■ descrizione dell’attività lavorativa■ regime contrattuale e retributivo■ profilo del candidato ideale■ ulteriori informazioni e modalità invio candidatureRicordando quanto scritto nei capitoli precedenti, dovrebbeormai essere chiaro perché è opportuno che un’inserzione,anche la più semplice, contenga tutti questi elementi. E ilcapitolo sulla teoria della inserzione perfetta potrebbe chiu-dersi qui.Nelle note che seguono, ho comunque ripreso in considera-zione ognuno di questi elementi essenziali, rileggendoli inchiave propositiva. Nei capitoli precedenti ho criticatocome vengono sottovalutate, rovinate o dimenticate lediverse parti di una inserzione. Qui suggerisco come sia pos-sibile realizzare una buona inserzione. E come leggerla.LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 61
  • 62. CAPITOLO IV LA TEORIA DELL’INSERZIONE PERFETTAL’AZIENDA: SETTORE PRODUTTIVO,FATTURATO E NUMERO DI ADDETTILa buona educazione e la correttezza suggeriscono che,quando voglio comunicare con qualcuno, devo anzituttopresentarmi. Per questi motivi è opportuno che il primo ele-mento descritto nell’inserzione sia la presentazione dell’a-zienda che offre l’opportunità lavorativa.Abbiamo già visto che il semplice nome dell’azienda, anchese dichiarato all’interno dell’inserzione come previsto dallalegge, dice ben poco al lettore. O addirittura rischia di trarloin inganno. Certamente, nel tentativo di sintetizzare que-sta presentazione, può anche nascere il problema contrario:si potrebbero raccontare mille cose di una azienda e magariegualmente interessanti, ma comunque impossibili da pub-blicare tutte all’interno di un annuncio.E’ dunque necessario individuare quali sono le informazionipiù significative da fornire al lettore, quelle che, nel nomedella correttezza e della trasparenza, possono essere più utilial lavoratore per capire la natura della azienda e della suaattività.Dovendo selezionare le informazioni, ritengo che le piùimportanti, quelle che non dovrebbero mancare nell’inser-LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 62
  • 63. CAPITOLO IV LA TEORIA DELL’INSERZIONE PERFETTAzione, siano almeno quattro:■ il settore produttivo■ il fatturato■ il numero dei dipendenti■ il luogo dell’attività lavorativaSi tratta di quattro indicazioni decisamente semplici da sinte-tizzare. Ed anche l’inserzionista non dovrebbe avere remoredi trasparenza nell’indicarle chiaramente. In particolare, ilfatturato ed il numero dei dipendenti sono dei semplicinumeri. Il luogo dell’attività lavorativa è il nome di uncomune o di una zona della città.L’indicazione del settore produttivo può invece prestare ilfianco a distorsioni o cattive interpretazioni. Le aziendepossono essere industriali, artigianali, agricole, di servizio,commerciali, ma si tratta di indicazioni troppo generiche. Sel’inserzionista è in grado di sintetizzare il proprio settore diattività con un paio di vocaboli chiari e comprensibile, tuttoè risolto. Altrimenti, deve compiere uno sforzo per rendereun’idea della propria attività.Tanto per citare qualche esempio a rischio, il mondo degliannunci è pieno di “aziende commerciali” che non specifica-no altro. Questa definizione non è affatto sufficiente.L’azienda dovrebbe dire in che cosa commercia. Non è dif-LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 63
  • 64. CAPITOLO IV LA TEORIA DELL’INSERZIONE PERFETTAficile, quando l’inserzionista ha le idee chiare. O non ha nullada nascondere. Appunto: se andiamo a leggere con attenzio-ne le inserzioni di “aziende commerciali”, dove il settore o ilprodotto non vengono chiaramente indicati, troveremo neltesto molte altre scorrettezze e fumosità. Non è certo il casodi approfondire la conoscenza di questi signori.LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 64
  • 65. CAPITOLO IV LA TEORIA DELL’INSERZIONE PERFETTALA DESCRIZIONE DELL’ATTIVITÀ LAVORATIVANel capitolo sui difetti delle inserzioni, ho già dedicato diver-se pagine al tentativo di dimostrare quanto sia necessariodescrivere, anche in poche parole, “cosa diavolo dovràfare per otto ore al giorno il candidato ideale”.Ritengo che la “job description”, come la chiamano glianglosassoni, sia l’elemento centrale di tutta l’inserzione.Non soltanto perché spiega al lavoratore come si svolgeràla sua attività lavorativa: “ricevere, controllare e registrare lefatture”, “sorvegliare il corretto funzionamento di unimpianto a controllo numerico”, “coordinare un ufficio diquattordici impiegati amministrativi”.La definizione di una completa job description è utileanche all’azienda inserzionista, perché la costringe a met-tere a fuoco quali sono le reali caratteristiche del posto dilavoro in questione. Ed anche i migliori professionisti dellaricerca e selezione del personale sanno quanto sia difficilerealizzare questo quadro descrittivo.Le aziende hanno difficoltà a trovare i candidati ideali pro-prio perché sono confuse sui reali compiti che dovranno affi-dargli. Se siamo onesti con noi stessi, dobbiamo riconoscereche non sapremmo realizzare in pochi secondi la job descrip-LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 65
  • 66. CAPITOLO IV LA TEORIA DELL’INSERZIONE PERFETTAtion del nostro vicino di scrivania. Nella migliore delle ipote-si, ne abbiamo solamente una vaga idea.Ma la supponenza dilaga. Troppi dipendenti e troppeaziende pretendono di sapere cosa fanno e soprattuttodovrebbero fare… gli altri. Poi scopriamo che difficilmenteognuno di noi saprebbe realizzare la propria job description!Ne sanno qualcosa gli specialisti di orientamento del lavoro,quando devono sudare sette camicie per realizzare il cosid-detto “bilancio di competenze” dei lavoratori sottoposti allaloro attenzione.Le fortune di un’azienda dipendono proprio dalla capacitàdel proprietario o del responsabile delle selezioni di metterele persone giuste al posto giusto. Questa capacità (o inca-pacità) emerge evidente a chiunque analizzi i successi o gliinsuccessi di una impresa. Gli ultimi a voler accettare questaverità sono proprio l’imprenditore e il selezionatore che sisentono “sfortunati” o perseguitati dai cattivi collaboratori.Perché strutturare una corretta job description è, anzitutto,uno sforzo di auto-critica e di umiltà.LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 66
  • 67. CAPITOLO IV LA TEORIA DELL’INSERZIONE PERFETTAIL CONTRATTO, LO STIPENDIO, LE AGEVOLAZIONIIn Italia esistono da sempre troppe forme contrattuali. E’anche comprensibile che un’azienda possa decidere di appli-care un contratto piuttosto che un altro a seconda dellecapacità, delle potenzialità, dell’esperienza del candidato.Ma solamente in Italia le aziende riescono ad essere arteficie vittime di queste abitudini controproducenti: non raccon-tare nell’inserzione nulla sul contratto e sulle altre condizio-ni lavorative è quanto di peggio si possa fare per tener lon-tano le candidature migliori.Non ci sono più le impiegate di una volta? Proviamo a cer-care una impiegata contabile addetta alla fatturazione clien-ti ed ai rapporti con le banche per assunzione a tempo inde-terminato, dichiarando il contratto ed il livello che appliche-remo, con il relativo stipendio. Se aggiungiamo i buoni pastoe il rimborso per le spese di trasporto, si candideranno lemigliori impiegate nel raggio di venti chilometri, a comincia-re da quelle che hanno già un ottimo lavoro e che nessu-no si lascerebbe scappare.Investire con chiarezza sulle candidature potenzialmentemigliori paga sempre. Eppure, in oltre dieci anni di esperien-za, non ho mai visto un’inserzione per la ricerca di impiega-ti o operai dove fossero chiaramente indicati:LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 67
  • 68. CAPITOLO IV LA TEORIA DELL’INSERZIONE PERFETTA■ il contratto ed il livello offerti■ il salario annuo lordo■ le integrazioni■ le altre agevolazioni aziendali.Spero ancora che qualche selezionatore del personale possacontraddirmi. Quantomeno, non mi annoierebbe con tuttele sue storie sui candidati ideali che non si trovano.LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 68
  • 69. CAPITOLO IV LA TEORIA DELL’INSERZIONE PERFETTAIL PROFILO DEL CANDIDATO IDEALERibadisco quanto già spiegato nei capitoli precedenti: se ilprofilo del candidato ideale si limita ad un interminabileelenco di “requisiti richiesti”, siamo di fronte a una pessimainserzione. Se l’inserzione definisse con chiarezza e corret-tezza l’attività lavorativa, la maggior parte dei requisiti sidimostrerebbe inutile, stupida, se non addirittura discrimi-nante.Che bisogno c’è di discriminare fra maschi o femmine, gio-vani e meno giovani, analfabeti o laureati, neri o gialli,quando l’inserzione ha chiaramente specificato che il lavoroconsiste nello scaricare sacchi di sabbia, oppure archiviarefatture scritte in inglese o anche gestire un reparto di venticarpentieri navali? Se l’ambiente è prevalentemente femmi-nile, perché restringere la ricerca all’ennesima impiegatA?Quando la descrizione dell’attività lavorativa è sufficiente-mente chiara, i lettori sono i primi ad auto-selezionarsi.Perché possono capire da soli se sono in grado di sollevareduecento sacchi di cemento al giorno o di inserire a compu-ter duemila fatture in giapponese alla settimana.La job description dovrebbe sempre e comunque rappresen-tare l’elemento centrale intorno al quale strutturare tuttaLINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 69
  • 70. CAPITOLO IV LA TEORIA DELL’INSERZIONE PERFETTAl’inserzione. Mentre nella “inserzione ideale”, piuttosto cheun inutile elenco di requisiti, andrebbe indicato quello che glianglosassoni (ancora loro) definiscono lo “skill” del candidato,una parola che potrebbe essere tradotta con “abilità”.E’ chiaro che l’abilità di un candidato non si misura con un elen-co di requisiti, con il possesso di una laurea, di un diploma, diun’età, di un sesso, di una nazionalità o di una bicicletta. Se cer-chiamo un cannoniere per la nostra squadra di calcio, non ci inte-ressa se è laureato in educazione fisica, con quale tesi e di chenazionalità sia.Ecco il profilo di una segretaria secondo la versione britannicadel sito Monster:“Il candidato deve essere fiducioso, professionale e in grado dirispettare priorità e scadenze di lavoro. Deve saper scrivere velo-cemente ed avere la capacità di comunicare con le persone atutti i livelli. Deve essere discreto e riservato, lucido e con buonecapacità organizzative, flessibile, professionale e calmo.”Dimenticavo: si tratta di una ricerca per sostituzione maternità.Non c’è traccia di “requisito”(età, titoli, diplomi…) tantomenodiscriminante. Anzi, devo dire che mentre scrivevo questo para-grafo, nel tentativo di trovare una spiegazione comprensibiledel concetto di skill, mi sono affogato in centinaia di inser-zioni inglesi, senza trovare un solo elenco di requisiti.LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 70
  • 71. CAPITOLO IV LA TEORIA DELL’INSERZIONE PERFETTAINFORMAZIONI E CANDIDATURENon ho citato l’indicazione delle modalità di invio delle can-didature in nessun altro capitolo di questi mie appunti.Nemmeno fra i difetti delle inserzioni. Infatti, una dellepoche certezze che possiamo avere, ancor prima di leggereun annuncio di lavoro, è che nel testo troveremo chiara-mente indicato almeno un indirizzo email, oppure unnumero telefonico o di fax cui inviare il curriculum. Anche gliinserzionisti più improvvisati, e a maggior ragione quellidisonesti, hanno ben presente che il loro obiettivo è quellodi ricevere le candidature.Il livello minimo di chiarezza della comunicazione su questoelemento è, dunque, garantito. Una precisione che spesso siriduce ad un semplice indirizzo email: possono esistere otti-mi motivi di riservatezza per non spingersi oltre, anche daparte degli inserzionisti più seri e competenti.Ma in questo capitolo si parla di “inserzione perfetta”: daquesto punto di vista, sarebbe opportuno che la sezione del-l’annuncio dedicata alle modalità di contatto e invio fossedecisamente più sviluppata.In particolare, l’inserzionista dovrebbe indicare:■ modalità di invio alternative rispetto a quella principaleLINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 71
  • 72. CAPITOLO IV LA TEORIA DELL’INSERZIONE PERFETTA■ sito internet aziendale■ contatto per ulteriori informazioni■ data di scadenza dell’annuncio■ modalità e tempi della rispostaOffrire ai candidati diverse modalità per l’invio del propriocurriculum è, anzitutto, un atto di buona educazione erispetto. L’azienda o l’agenzia possono avere reali difficoltànella gestione di candidature in forme diverse e provenientida diversi canali. Ma credo che molto più spesso, quando ilcanale indicato è unico e tassativo, siamo di fronte ad unsemplice pretesto: tutto fa brodo per il selezionatore checrede di poter riaffermare la propria (supponente) posizionedi forza nei confronti del lavoratore.Anche le aziende e le agenzie dotate dei più avveniristicimodelli online di compilazione delle candidature dovreb-bero ormai aver capito che il mito della iper-efficienza elet-tronica è da tempo rovinato su sé stesso.Ogni curriculum può e deve essere simile solamente a sé stes-so. Il buon selezionatore ha sempre individuato le candida-ture potenzialmente più interessanti proprio dalle sfumatu-re personali, che i form elettronici rovinano senza il minimoritegno. Sarebbe dunque opportuno che le indicazioni sull’in-vio delle candidature lasciassero spazio a diverse modalità.LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 72
  • 73. CAPITOLO IV LA TEORIA DELL’INSERZIONE PERFETTADa parte sua il candidato è meglio che rispetti comunque ilpiù possibile le forme preferite dall’inserzionista. Senza peròdimenticare di far pervenire in qualche modo al selezionato-re anche le proprie motivazioni personali, lontano da ognistandard ripetitivo.Ad esempio, se è obbligatoria la compilazione di un form chenon lascia nessuno spazio alla personalizzazione, è semprepossibile inviare al selezionatore una comunicazione infor-male, che spieghi i motivi della propria candidatura, utiliz-zando altre modalità: mail, fax o anche la posta tradiziona-le. Ormai, la consegna di una lettera scritta a mano è divenu-to un evento eccezionale, che suscita sempre qualche curio-sità nel destinatario…Quando l’inserzione indica un sito internet di riferimen-to, offre al candidato una grande possibilità di raccogliereulteriori informazioni, molte più di quelle che potrebberoessere sintetizzate in un annuncio. Se il sito dell’azienda esi-ste ed è ben strutturato, diventa un ottimo strumento dicomunicazione e non vedo alcun motivo logico per non citar-lo nell’annuncio.Il sito offre anche l’opportunità di dare una risposta preven-tiva a gran parte degli eventuali interrogativi o necessità diulteriori informazioni che inevitabilmente sorgono nel can-LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 73
  • 74. CAPITOLO IV LA TEORIA DELL’INSERZIONE PERFETTAdidato. Informazioni che, in ogni caso, il candidato dovreb-be poter richiedere attraverso un numero di telefono o unindirizzo email pubblicati nell’annuncio. Immagino l’espres-sione atterrita degli inserzionisti isterici che avessero appenaletto questo capoverso, ma anche il sorriso complice e accon-discendente dei selezionatori più esperti ed affermati.La pubblicazione di una data di scadenza dell’inserzioneoffre una duplice utilità: al candidato, evita di inviare candi-dature tardive; all’inserzionista, permette di dare un termineal flusso dei curriculum che continuerebbero ad intasarecaselle postali, virtuali e reali, inutilmente e per molte setti-mane.L’indicazione delle modalità e dei tempi della risposta aicandidati sarebbe la ciliegina sulla torta della perfezione.Nel corso della maggior parte delle selezioni è oggettiva-mente difficile e molto oneroso, per un’azienda o un’agen-zia, rispondere a tutti i curriculum pervenuti. Una inserzioneper impiegato/a può ricevere centinaia o anche migliaia dicandidature in poche ore. A maggior ragione, l’inserzionistapotrebbe prendersi qualche impegno fin dal testo dell’an-nuncio. Anche una semplice nota: “l’eventuale esito positivodella candidatura sarà comunicato via email entro una taldata”.LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 74
  • 75. CAPITOLO IV LA TEORIA DELL’INSERZIONE PERFETTAANCHE IL MANOVALEMERITA UN’INSERZIONE PERFETTADalla teoria alla pratica, devo riconoscere che un certonumero di “inserzioni perfette” vengono pubblicate anchesui giornali e sui siti internet italiani. Purtroppo, questabuona abitudine continua a limitarsi ad una fascia ristrettadel mercato del lavoro. Generalmente si tratta di ricerchegestite da agenzie di ricerca e selezione, cioè dalle organiz-zazioni che si occupano dei profili medio-alti del mercato.Continuo però a domandarmi se esiste un motivo praticoche sconsiglia di utilizzare gli stessi criteri di chiarezza etrasparenza anche per tutte le altre ricerche, soprattuttoquelle realizzate dalle normali agenzie per il lavoro neiconfronti della maggior parte delle opportunità lavorati-ve. Stiamo parlando di professionisti della selezione, chenon possono nascondersi dietro motivazioni di inesperien-za o ignoranza.L’unica obiezione che riesco a immaginarmi riguarda i tempi,i costi ed i livelli della maggior parte delle ricerche di perso-nale gestite dalla agenzie: potrebbero rispondermi che nonnecessitano di tanta raffinatezza, perché la pubblicazione diuna “inserzione perfetta” nella ricerca di un impiegato, diun tecnico o di un operaio sarebbe antieconomica.LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 75
  • 76. CAPITOLO IV LA TEORIA DELL’INSERZIONE PERFETTAOvviamente, non sarei d’accordo. E non sono d’accordo nonsoltanto perché noto che le stesse agenzie, quando opera-no in Francia, in Inghilterra, in Spagna o in Germania, pub-blicano inserzioni di ben altro tenore e spessore.Anche in Italia, l’evoluzione della chiarezza del linguaggionell’incontro fra domanda e offerta di lavoro è una necessi-tà culturale, ma soprattutto economica: pubblicare unabuona inserzione significa ricevere migliori candidature eaffrontare meno colloqui. Sia nella ricerca di un dirigenteche di un semplice manovale.LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 76
  • 77. CAPITOLO IV LA TEORIA DELL’INSERZIONE PERFETTAALLEGATO - LA BUONA INSERZIONESECONDO I PROFESSIONISTICome anticipato nell’introduzione a questo capitolo sullaTeoria dell’inserzione perfetta, sono ben felice di pubblicarequi di seguito un testo dedicato alla realizzazione delleinserzioni di lavoro, tratto da un corso di abilitazione pro-fessionale alla ricerca e selezione del personale.L’autore del documento è Roberto Corno, socio e fondato-re di Corno Consulting Group, oltre che docente di corsi emaster in ricerca e selezione del personale. Nel recente pas-sato, Corno è stato anche presidente di Assores, l’associazio-ne di categoria fra le società di ricerca e selezione.Sono venuto in possesso di questo documento quando tuttoil mio scritto era ormai terminato. Dunque, non ho potutoattingere da questo materiale, ma esclusivamente confron-tare la mia esperienza con quella di un affermato professio-nista e docente del settore. L’autorevole punto di vista deldottor Corno mi gratifica almeno per un paio di motivi:■ esprime, anche dall’interno della categoria dei seleziona-tori, la necessità di un corretto metodo di realizzazione delleinserzioni.■ conferma la maggior parte delle considerazioni sulla“inserzione perfetta” espresse in questo capitolo.LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 77
  • 78. CAPITOLO IV LA TEORIA DELL’INSERZIONE PERFETTAEcco il testo integrale del paragrafo che Roberto Cornodedica a “Il contenuto del messaggio”:“Una volta definito il target e lo strumento di comunicazio-ne che coerentemente il Consulente reputerà più adatto,occorre procedere ad elaborare un messaggio che risultiattrattivo per i potenziali candidati.Infatti, alla stesura del messaggio occorre dedicare moltaattenzione perché questa fase può pregiudicare quantità equalità delle risposte pervenute da parte dei candidati.Per tale ragione il messaggio va organizzato al meglio, purnella necessaria sinteticità (determinata per lo più dai costidello spazio sui mezzi di comunicazione), per risultare effi-cace ed attrarre l’attenzione dei candidati target.Le informazioni che un messaggio deve conteneresono relative a:■ azienda: o comunque il committente per il quale va spe-cificato che non è necessario esplicitarne il nome, al cuiposto può essere indicata una breve presentazione cherisulti significativa e che aiuti i candidati a comprendere ilsettore di appartenenza, le strategie in atto, la cultura, ilclima, lo stile di direzione, la dimensione, la diffusione sulterritorio e tutte quelle informazioni che possano risultareattraenti e descrittive della realtà aziendale;■ titolo della posizione in ricerca e le principali respon-LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 78
  • 79. CAPITOLO IV LA TEORIA DELL’INSERZIONE PERFETTAsabilità che ne costituiranno il contenuto: deve esserechiaro a chi riceverà il messaggio quale tipo di lavoro sista offrendo, quali sono le caratteristiche peculiari dellaposizione, non trascurando l’elemento dell’attrattività. Iltitolo della posizione è generalmente la prima cosa cheviene percepita e deve essere accattivante e attrattivo, puressendo realistico;■ sede e condizioni di lavoro: è opportuno precisare illuogo di lavoro ed eventuali trasferte in termini di fre-quenza, durata, distanza e luogo e altri aspetti che carat-terizzano le modalità di svolgimento delle attività afferen-ti a quella posizione organizzativa;■ requisiti professionali richiesti: si tratta di informa-zioni relative al titolo di studio, all’esperienza lavorativa,alla residenza, al settore di provenienza, ecc.;■ modalità di contatto: si tratta del modo in cui i candi-dati interessati possono entrare in contatto con il Consulenteincaricato della selezione e dunque si tratta dell’indirizzo e-mail, del sito internet, del telefono, del fax o dell’indirizzo cuiinviare il cv o rivolgersi per avere informazioni.Ma quello che più conta è indicare cosa l’azienda ha deci-so di mettere in campo. Spesso infatti si immagina didover selezionare le candidature con un messaggio moltosintetico e tecnico e indicando requisiti molto severi aipotenziali candidati. Questo non fa che scoraggiare candida-LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 79
  • 80. CAPITOLO IV LA TEORIA DELL’INSERZIONE PERFETTAti “timidi” e certamente non riesce ad essere attrattivo versopotenziali candidati che pur non essendo “attivi” hannoletto l’annuncio quasi per “curiosità”.Non bisogna mai dimenticare il carattere di reciproco inte-resse e di “alleanza” che si va a creare tra i due soggetti(azienda e candidato) nel momento in cui decidono di incon-trarsi per verificare l’ipotesi di un ulteriore reciproco svilup-po. Così la cosa meno valutata, ma decisiva, in un annuncioè proprio costituita dalla:■ offerta dell’azienda: in questo punto del messaggio sitratta di comunicare cosa offre l’azienda non solo in terminieconomici (la retribuzione, i sistemi premianti, i benefit, ecc.)e di inquadramento o organizzativi (possibilità di sviluppo,orari flessibili, ecc.), ma soprattutto il progetto aziendale.E’ fondamentale coinvolgere i candidati nella prospettiva disviluppo aziendale che ha determinato l’esigenza in terminidi competenze, di cui la ricerca è il primo esito.(…) in sintesi va sottolineato che, indipendentemente dalformato, un messaggio deve essere attrattivo e cioè cattura-re l’attenzione dei candidati target, mediante un appropria-to mix di contenuti e forma ed essere il primo passo verso unleale instaurarsi di un rapporto di lavoro.” (Roberto Corno - www.cornoconsulting.it)LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 80
  • 81. L’INSERZIONE IMPERFETTA COME LEGGERE UN ANNUNCIO DI LAVORO E CAPIRCI QUALCOSA CAPITOLO V LE INSERZIONI PERICOLOSE ■ Cinque categorie da cestinare ■ Settore di attività inesistente o poco chiaro ■ Definizioni senza senso ■ Trasferimento di chiamata ■ Richieste di denaro ■ Inserzioni non veritiere ■ Il ruolo dei mezzi di comunicazioneLINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 81
  • 82. CAPITOLO V LE INSERZIONI PERICOLOSECINQUE CATEGORIE DA CESTINARENei capitoli precedenti abbiamo visto quanto sia difficile edelicato cercare di comprendere il contenuto concreto di unainserzione di lavoro. Una difficoltà che potremmo definire“culturale”, dovuta soprattutto alla incapacità di comunica-re da parte degli inserzionisti. Senza aver messo finora indiscussione la loro buona fede.Ma anche nel settore degli annunci di lavoro, come in tuttele cose di questo mondo, è frequente incontrare personaggiin malafede, che realizzano inserzioni volutamente incom-prensibili e scorrette. Anzi, il panorama delle inserzionipericolose, che a volte nascondono vere e proprie truffe, siarricchisce ogni giorno di nuovi esempi, sempre diversi.Navigare nel mare degli annunci di lavoro è insomma rischio-so. Posso però affermare, altrettanto chiaramente, che lastretta osservanza di alcune regole di navigazione può per-metterci di evitate la maggior parte delle brutte sorprese.In estrema sintesi, una inserzione deve essere immediata-mente cestinata se presenta anche una sola di queste carat-teristiche, che più avanti descriverò nel dettaglio:■ non viene indicato o non è spiegato con chiarezza il setto-re di attività dell’azienda;LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 82
  • 83. CAPITOLO V LE INSERZIONI PERICOLOSE■ il compito che sarà assegnato al lavoratore non viene indi-cato, o è indicato con parole senza senso;■ il numero di telefono indicato nell’inserzione, una voltadigitato viene re-indirizzato ad un altro numero di telefono;■ nell’inserzione o in fase di colloquio, al lavoratore si richie-de di versare una somma anticipata di denaro, a qualsiasititolo;■ la proposta concreta che viene fatta al lavoratore è diver-sa da quanto era scritto nell’inserzione.Queste precauzioni devono essere applicate sempre, tassati-vamente, con attenzione e senza eccezione alcuna. Continuoa ripeterlo, fino a diventare ossessivo. Perché la tentazione dinon rispettarle, da parte di chi cerca lavoro, ogni tanto riesceancora a sorprendermi: qualcuno sembra proprio volersi cer-care la fregatura.Qui di seguito, riporto alcuni esempi di come queste regolepossano difenderci dagli inserzionisti senza scrupoli.LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 83
  • 84. CAPITOLO V LE INSERZIONI PERICOLOSESETTORE DI ATTIVITÀINESISTENTE O POCO CHIARONella maggior parte delle inserzioni è ben difficile che l’a-zienda si presenti in maniera completa e chiara, comeabbiamo visto nel capitolo dedicato ai difetti delle inser-zioni. Possiamo però osservare che anche nei testi degliannunci più approssimativi, viene fatto almeno qualchecenno al settore dove opera l’azienda: officina meccanica,parrucchiera, azienda tessile, studio commercialista, ecce-tera.E’ il minimo che si possa pretendere se l’inserzione vuole pos-sedere un briciolo di credibilità. Eppure, capita di incontrareanche annunci dove il settore di operatività dell’azienda nonviene indicato in alcun modo. Non si tratta di una dimenti-canza. In questi casi, il suggerimento è semplice e tassativo:scartare l’inserzione.La stessa cosa dobbiamo fare anche quando l’attività è indi-cata in maniera troppo generica e confusa. Che cosa signi-fica “azienda commerciale” oppure “azienda leader nel set-tore import-export” Assolutamente nulla. Se non viene spie-gato che cosa l’azienda commercializza o importa (piccolielettrodomestici, aspirapolvere, criceti, badanti extracomu-nitarie?) l’inserzione deve essere cestinata.LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 84
  • 85. CAPITOLO V LE INSERZIONI PERICOLOSEDEFINIZIONI SENZA SENSOAbbiamo visto nei precedenti capitoli che la maggior partedelle inserzioni presenta una definizione astratta dellaattività lavorativa offerta, senza scendere in quei dettagliche sarebbero necessari ad una comunicazione completa etrasparente fra l’azienda e il lavoratore. Bisogna però ricono-scere che definizioni come “elettricista”, “impiegato” oppu-re “operaio”, per quanto generiche e astratte, hanno alme-no un significato in lingua italiana.Tutt’altra cosa sono le inserzioni dove la proposta lavorativanon viene specificata in alcun modo. O, peggio ancora, vienenascosta attraverso giri di parole senza senso. Cercasi “col-laboratore esperto”, “ambosessi da inserire in organico”,“impiegata commerciale”: sono definizioni che non defini-scono proprio nulla.Forse la più odiosa, ed anche una delle più utilizzate, è pro-prio la formula della “impiegata commerciale”. Si giocasulla parola “impiegata” per lasciar intravedere un lavorod’ufficio. In realtà, l’obiettivo è di intrappolare sprovvedutesignore e signorine che saranno avviate alla vendita porta aporta o telefonica. Nulla di male nell’attività di vendita, maè necessario diffidare da chi propone un lavoro che cerca dicamuffare anche nel testo dell’inserzione. Questi annuncivanno cestinati senza alcun rimorso.LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 85
  • 86. CAPITOLO V LE INSERZIONI PERICOLOSETRASFERIMENTO DI CHIAMATAPotrebbe capitarci di scovare finalmente una inserzione per-fetta e molto interessante. Ma quando componiamo ilnumero di telefono indicato, risponde una voce automaticache ci avvisa: la chiamata sarà trasferita ad un altro nume-ro. Siamo di fronte ad una truffa! Dobbiamo chiudere imme-diatamente la telefonata e avvertire il giornale o il sito chehanno pubblicato quella inserzione, per farla immediata-mente cancellare.Il trasferimento di chiamata ci avrebbe infatti dirottato versoun numero telefonico a pagamento, molto salato, anche 10o 15 euro soltanto per lo scatto alla risposta. Se cento let-tori cadono nella trappola, il truffatore riesce a guadagnareanche mille euro in poche ore.La legge vieta di offrire servizi a pagamento in qualunqueforma a chi cerca lavoro, anche attraverso numeri di telefo-no a pagamento italiani o esteri. Che infatti non vengonomai esplicitamente pubblicati, perché si ottiene lo stessorisultato con il trasferimento di chiamata.E’ vietato far pagare anche servizi corretti e onesti. Ma que-sto genere di truffatori non si spreca nemmeno ad offrirequalcosa che sembri un servizio. Molto spesso, dopo alcuniLINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 86
  • 87. CAPITOLO V LE INSERZIONI PERICOLOSEistanti, la linea cade nel vuoto. E qualche settimana dopo ciritroviamo dieci o venti euro addebitati in bolletta.E’ difficile riuscire a punire questi criminali: il trasferimentodi chiamata è indirizzato verso numeri a pagamento domici-liati all’estero e intestati a società fantasma. I grandi truffa-tori specializzati in questo settore sono solamente tre oquattro e ben noti alle forze dell’ordine, ma riescono semprea farla franca. Anche perché nessun utente ha voglia di por-tare avanti una causa per recuperare venti euro.Con uno di questi criminali specializzati nel trasferimento dichiamata ho anche avuto la “fortuna” di parlare più volte altelefono. Anzi, mi telefonava lui! Aveva messo a punto l’ul-tima genialata: rispondeva via mail a tutti candidati, affer-mando di essere molto interessato alla loro candidatura edinvitandoli a contattare urgentemente un numero telefoni-co per un pre-colloquio telefonico.Su segnalazione di un lettore, avevo scoperto che la telefo-nata era a pagamento. Avevo descritto questo ennesimotrucco in un articolo, citando l’inserzione, i numeri di telefo-no incriminati e quant’altro. Per questo motivo il truffatoremi telefonava: minacciava di querelarmi, sostenendo che ilcosto della telefonata era un semplice rimborso spese per ilpre-colloquio telefonico che i candidati dovevano sostenere!LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 87
  • 88. CAPITOLO V LE INSERZIONI PERICOLOSED’altra parte, per essere un truffatore bisogna avere la fac-cia tosta fino in fondo. Me lo sono tolto di torno, quandogli ho promesso che mi sarei scusato, pubblicando un artico-lo dove avrei invitato tutti i candidati felicemente pre-sele-zionati a presentarsi sotto il suo ufficio per ringraziarlo dipersona. Non mia ha più querelato, né disturbato.LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 88
  • 89. CAPITOLO V LE INSERZIONI PERICOLOSERICHIESTE DI DENAROE’ vietato chiedere soldi in qualunque modo ad una personain cerca di lavoro, come abbiamo visto per il caso di trasferi-mento di chiamata. La legge è semplice e tassativa. Ma lafantasia dei truffatori non trova limite. Con la collaborazio-ne volonterosa dei lavoratori che non conoscono questodivieto ma che, bisogna dirlo, a volte sembrano voler crede-re alle promesse più strane.Ognuno di noi potrebbe infatti inventare decine di scusecredibili per convincere qualcuno a farsi anticipare dei soldi,nella promessa di trovargli un posto di lavoro. Ma questarichiesta è illegale, è sempre e comunque una truffa, nonbisogna anticipare soldi a nessuno. Non so come dirlo piùchiaramente di così.Ecco una rassegna delle truffe più comuni:■ versamento di una somma simbolica (da dieci a cinquantaeuro) per iscrivere il proprio curriculum in una banca dati;■ versamento anticipato di cinquanta euro per iscriversi aduna cooperativa di lavoro (se la cooperativa è seria, trattienei cinquanta euro sul primo stipendio effettivo, o addiritturaa rate);■ acquisto anticipato del materiale necessario per poterlavorare da casa propria;LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 89
  • 90. CAPITOLO V LE INSERZIONI PERICOLOSE■ quota di partecipazione ad un corso che garantisce l’acces-so ad un posto di lavoro;■ quota di iscrizione per poter partecipare a casting o con-corsi nel mondo dello spettacolo;■ pagamento di un book fotografico che il fotografo pre-senterà ad una certa agenzia di moda o ad una casa di pro-duzione televisiva o cinematografica.Potrei riempire volumi di spiegazioni, esempi ed aneddotisoltanto a proposito degli esempi appena elencati. E già mironzano le orecchie, mentre scrivo queste righe, nell’imma-ginare il dissenso di centinaia di truffatori: “La nostracooperativa agisce legalmente”, “Noi forniamo il materialeche il lavoratore deve assemblare o il kit per operare viainternet”, “I partecipanti al nostro corso trovano tutti unlavoro”. E così via.Ho sempre sostenuto che in questi casi siamo di fronte a truf-fatori, senza mezze parole. Guardacaso, non sono maistato querelato. A questo punto, se qualcuno vuole ancoraanticipare soldi di fronte alla “garanzia” di un posto di lavo-ro (nessuno può realmente “garantire” un lavoro, nemmenol’università più prestigiosa del mondo!) rimane libero di farsidel male. Non credo proprio che qualcuno si troverà nellacondizione di farmi cambiare idea.LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 90
  • 91. CAPITOLO V LE INSERZIONI PERICOLOSEUn’ultima nota, che mi piacerebbe risultasse superflua: nonho mai incontrato inserzioni di lavoro a domicilio o dilavoro via internet dove, in qualche forma, non venisserichiesto denaro anticipato al lavoratore! Mi piacerebbe sequalcuno riuscisse a segnalarmi all’indirizzo jobob@lavorato-rio.it una di queste opportunità, dove non sia necessarioanticipare nemmeno un euro. Mi gioco la bicicletta che nonriceverò nemmeno una mail in questo senso. A contrario,sono già rassegnato a sentirmi porre, comunque e in eterno,la stessa domanda: “Perché tra le vostre inserzioni o i vostriarticoli non trovo mai lavoro a domicilio o via internet?”LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 91
  • 92. CAPITOLO V LE INSERZIONI PERICOLOSEINSERZIONI NON VERITIERESiamo di fronte ad un tentativo di truffa anche quando illavoro promesso nell’inserzione è diverso da quello cheeffettivamente viene proposto al lavoratore durante il collo-quio. Oppure, che il lavoratore si ritrova a svolgere, diversa-mente da ogni promessa.E’ molto facile attirare i candidati attraverso inserzio-ni promettenti, ben sapendo che la proposta sarà diver-sa. Questi inserzionisti fanno affidamento proprio sullaquantità dei candidati e dei colloqui per riuscire poi aconvincere qualcuno, anche solamente un candidato sudieci o su cento, a svolgere un lavoro che non avrebbeattirato il suo interesse se fosse stato dichiarato fin dal-l’inizio.Credo non sia mai il caso di collaborare con aziende oimprenditori che ricorrono a questi trucchetti. La corret-tezza è un requisito indispensabile per sperare che lanostra collaborazione porti davvero a qualche risultatointeressante. Senza dimenticare, e lo ribadisco per l’en-nesima volta, che laddove la promessa fatta nell’inser-zione è diversa dalla reale proposta contrattuale, siamosempre e comunque di fronte ad un tentativo di truffa,che andrebbe denunciato agli organi di polizia.LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 92
  • 93. CAPITOLO V LE INSERZIONI PERICOLOSEAnche in questo caso, è opportuno che i candidati malcapi-tati avvisino almeno la redazione del giornale o del sitointernet che hanno inconsapevolmente pubblicato l’inserzio-ne: la segnalazione da parte dei lettori è l’unico strumento adisposizione per scoprire le inserzioni non veritiere. E più ingenerale, per tenere sotto controllo la correttezza delleinserzioni di lavoro.LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 93
  • 94. CAPITOLO V LE INSERZIONI PERICOLOSEIL RUOLO DEI MEZZI DI COMUNICAZIONEA conclusione di tutto questo capitolo dedicato alle inserzionipericolose, è opportuno sottolineare che i mezzi di comunica-zione specializzati nella gestione degli annunci di lavoro nondovrebbero avere alcun interesse nel pubblicare inserzionitruffaldine. Perché rischiano di mettere in discussione la propriacredibilità.Per questo motivo, tutte le segnalazioni ed i dubbi dei lettorisono un contributo molto importante e dovrebbero essere presiin considerazione dal giornale o dal sito internet con la massi-ma serietà e attenzione.Se ciò non accadesse alla prima o alla seconda segnalazione,se la redazione non effettua la correzione richiesta, non cirisponde o non ci spiega perché, malgrado le nostre osservazio-ni, l’inserzione incriminata merita ancora di essere pubblicata,allora sono il giornale o il sito internet i soggetti da dimentica-re. O anche denunciare.LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 94
  • 95. CONCLUSIONEIn questo paragrafo di chiusura, non mi sembra il caso diripetere concetti già più volte espressi nei diversi capito-li. Spero di aver trasmesso le intuizioni e gli strumentiche l’esperienza professionale degli ultimi dieci anni miha procurato nel tentativo di riuscire a “leggere gliannunci di lavoro e capirci qualcosa”. Mi auguro cheanche qualche inserzionista possa riflettere sui mieiappunti e provare a realizzare annunci più chiari, corret-ti, comprensibili e trasparenti.Credo che la legge italiana potrebbe fare molto permigliorare la qualità delle inserzioni, anzitutto rendendoobbligatoria una vera presentazione dell’azienda, oltreall’ormai famosa job description. Ma sono anche con-vinto che questa evoluzione sia comunque un passaggioculturale inevitabile: sia le aziende che i lavoratori, sevogliono davvero incontrare il candidato ideale ed illavoro ideale, devono muoversi sulla strada della recipro-ca chiarezza e comprensione.Certamente i miei suggerimenti in questa direzione nonsono perfetti, ed anzi saranno benvenute tutte ledomande, le proposte e le critiche. Sono comunque otti-mista sulla possibilità che anche queste pagine, pubblica-LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 95
  • 96. te sul sito Lavoratorio.it e magari liberamente trasmes-se fra gli utenti o ripubblicate da altri siti o blog, possa-no contribuire in qualche misura alla evoluzione dellacomunicazione nel mercato del lavoro. Roberto Marabini jobob@lavoratorio.it www.lavoratorio.itNovembre 2008LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 96
  • 97. NOTE SULL’AUTOREE SUL SITO LAVORATORIO.ITRoberto Marabini, laureato in giurisprudenza, scrive sui giornali (per caso esuo malgrado) da quando aveva quindici anni. Eppure è diventato giornalistapubblicista nel 1985 e professionista nel 1992. In realtà, la sua vera professioneè quella di inventare periodici di informazione. Da qualche tempo inventaanche siti internet. Nel 1996 ha fondato il settimanale Lavoro e Carriere e, suc-cessivamente, il relativo sito internet Catapulta.it. Per dieci anni ne è statodirettore responsabile, realizzando un sistema di informazione integrata fragiornali in edicola, giornali gratuiti e internet che è diventato il mezzo dicomunicazione specializzata più diffuso in Italia, con i suoi oltre due milioni diutenti/lettori ogni mese. Nel settembre 2007 ha lasciato ogni incarico relativoalle due testate. Nel settembre 2008 ha dato inizio alle pubblicazioni del sitoLavoratorio.it .Lavoratorio.it è un quotidiano online dedicato al mercato del lavoro. E’ natonell’estate del 2008 dall’esperienza decennale nella informazione specializza-ta sul mercato del lavoro di un piccolo gruppo di giornalisti e tecnici informa-tici che hanno deciso di mettersi alla prova attraverso un nuovo modello edito-riale: produrre informazione specializzata gratuita, senza ricorrere a finanzia-menti pubblici o privati o strutturare una rete commerciale.Ogni giorno, dal lunedì al venerdì, la redazione di Lavoratorio.it pubblica arti-coli dedicati a concrete e significative opportunità di lavoro in Italia. Ogni set-timana, l’offerta informativa è arricchita con la pubblicazione di “botti”, cioècommenti provocatori, e di documenti di approfondimento sui temi del lavoro.LINSERZIONE IMPERFETTA PAGINA 97
  • 98. LIBERA CIRCOLAZIONE DELLE IDEE - DIRITTI RISERVATIQuesto documento è pubblicato esclusivamente online ed in forma di ebook.Ne è consentita la libera circolazione in versione completa o anche in parte, apatto che non venga apportata alcuna modifica formale o sostanziale al testo,al formato elettronico o a quello eventualmente stampato su carta. In ognieventuale passaggio o trasmissione, rimane obbligatorio citare lautoreRoberto Marabini e la fonte da cui il documento è stato scaricato, ovvero il sitowww.lavoratorio.it. Per chiarimenti e informazioni: info@lavoratorio.it