Your SlideShare is downloading. ×
1	
  
Un	
  PO	
  di	
  
contraddizioni	
  	
  
Il	
  Libro	
  Verde	
  della	
  
Lega	
  	
  
	
  
	
  
2	
  
	
  
	
  
	
  
	
  
	
  
	
  
	
  
«La	
  lega	
  ha	
  inventato	
  le	
  ronde	
  e	
  basta,	
  in	
  quindici	
 ...
3	
  
Sommario	
  
	
  
	
  
	
  
Prefazione	
  
	
  
Governano	
  loro	
  (anche	
  se	
  fanno	
  finta	
  di	
  stare	
...
4	
  
La	
  storia	
  continua*	
  
	
  
	
  
	
  
Il	
  radicamento	
  sulle	
  poltrone	
  
	
  
La	
  Primavera	
  arab...
5	
  
Prefazione	
  
	
  
	
  
	
  
I	
   primi	
   a	
   contribuire	
   al	
   successo	
   e	
   alla	
   mitologia	
  ...
6	
  
	
  
La	
  mitologia	
  leghista	
  va	
  indagata,	
  contrastata,	
  punto	
  per	
  punto,	
  e	
  rovesciata.	
 ...
7	
  
‘pancia’.	
  E	
  serve	
  come	
  combustibile	
  elettorale	
  come	
  poche	
  altre	
  cose.	
  
	
  
Perché	
  ...
8	
  
giuseppe	
  civati	
  
9	
  
Governano	
  loro	
  
(anche	
  se	
  fanno	
  finta	
  di	
  stare	
  all’opposizione)	
  
	
  
	
  
	
  
L’antipol...
10	
  
negozia	
   con	
   altri	
   partiti,	
   occupa	
   posizioni.	
   Nel	
   farlo	
   evidentemente	
   perde	
   ...
11	
  
Maraventano,	
  segretario	
  della	
  Commissione	
  di	
  inchiesta	
  sugli	
  infortuni	
  sul	
  lavoro	
  	
 ...
12	
  
dell’Espresso	
   (Lega	
   padrona,	
   di	
   Tommaso	
   Cerno	
   e	
   Luca	
   Piana),	
   ha	
   messo	
   a...
13	
  
probabilmente	
  nella	
  lontana	
  Brescia.	
  	
  
	
  
Altro	
   caso	
   è	
   quello	
   di	
   Roberto	
   C...
14	
  
Gian	
  Carlo	
  Di	
  Vizia:	
  consigliere	
  comunale	
  di	
  La	
  Spezia;	
  
Luciano	
  Dussin:	
  sindaco	
...
15	
  
aumentare,	
   aumentare	
   a	
   dispetto	
   del	
   proposito	
   dei	
   padri	
   costituenti,	
   che	
   av...
16	
  
Carrocciopoli	
  
	
  
	
  
	
  
La	
  questione	
  morale	
  della	
  Lega	
  
	
  
L’espressione	
   non	
   è	
 ...
17	
  
	
  
Il	
   20	
   aprile	
   2009	
   Lusetti	
   riceve	
   da	
   Luca	
   Zaia,	
   allora	
   Ministro	
   per...
18	
  
accompagnò	
  anche	
  dal	
  dentista.	
  Il	
  Messaggero	
  Veneto	
  ha	
  raccolto	
  tutti	
  i	
  viaggi	
  ...
19	
  
autoricambi	
  a	
  Fagnano	
  Olona	
  (Va).	
  
	
  
Un	
  concorso	
  pubblico	
  da	
  fare	
  invidia	
  a	
  ...
20	
  
Dopo	
  esser	
  stato	
  per	
  settimane	
  candidato	
  a	
  possibile	
  membro	
  di	
  un	
  osservatorio	
  ...
21	
  
Mario	
   Carossa,	
   come	
   collaboratrice	
   dell’ufficio	
   comunicazione.	
   Paola	
   Ambrogio,	
   mogl...
22	
  
Più	
  voti	
  alla	
  Lega,	
  meno	
  soldi	
  ai	
  Comuni	
  
	
  
	
  
	
  
La	
  finanziaria	
  che	
  ammazz...
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Libroverde
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Libroverde

1,705

Published on

Libroverde - Le magagne della Lega Nord

Published in: News & Politics
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
1,705
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
3
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Transcript of "Libroverde"

  1. 1. 1   Un  PO  di   contraddizioni     Il  Libro  Verde  della   Lega        
  2. 2. 2                 «La  lega  ha  inventato  le  ronde  e  basta,  in  quindici  anni  non  hanno  inventato  una  cosa,   sono  solo  ideologia.  E  mentre  noi  dicevamo  che  le  ideologie  erano  finite,  se  ne  sono   costruita  una!».     Pierluigi  Bersani,  Venezia,  10  luglio  2010.        
  3. 3. 3   Sommario         Prefazione     Governano  loro  (anche  se  fanno  finta  di  stare  all’opposizione)     Carrocciopoli     Più  voti  alla  Lega,  meno  soldi  ai  Comuni     Basta  tasse,  basta  Roma  (sì,  ciao)     Padroni  a  casa  nostra,  ma  non  in  house     Acqua:  privatizzare  le  ampolle     Il  nucleare  «a  nostra  insaputa»     Strettamente  favorevoli     Del  Porcellum  non  si  butta  via  niente     Il  consumo  del  ‘sacro’  suolo     Piccolo  commercio  o  grande  distribuzione?     «In  latte  veritas»  ovvero  la  Lega  lattona     Malpensa,  la  punta  dell’iceberg     Il  genere  letterario  delle  ordinanze     Legalità  a  corrente  alternata     Radici  molto  profonde     La  sicurezza  e  la  cricca  da  difendere     Ronde,  taglie,  collette  e  check  point     «Loro  hanno  subito  l’immigrazione,  ora  vivono  nelle  riserve»     Cattivismi     A  scuola  di  Padania  (ma  “il  Sole  delle  Alpi”  si  è  spento)     Titoli  di  coda:  Radio  Padania,  va  in  onda  il  razzismo    
  4. 4. 4   La  storia  continua*         Il  radicamento  sulle  poltrone     La  Primavera  araba  con  gli  occhi  della  Lega:  orde,  fucili,  bombe  e  giubbottini  all’occidentale     Lo  spread  corre,  Italia  sull’orlo  del  default:  “Portiamo  i  ministeri  a  Monza!”     Marcano  il  territorio.  Con  Soli  delle  Alpi  e  amenitù  varie     Il  genere  letterario  delle  ordinanze  (continua)     Cattivismi  e  discriminazioni:  non  cambiano  mai     Fuori  categoria:  cose  da  ridere,  ma  anche  no   *  Aggiornamento  del  gennaio  2012  a  cura  di  Stefano  Catone.  
  5. 5. 5   Prefazione         I   primi   a   contribuire   al   successo   e   alla   mitologia   della   Lega   sono   sempre   stati   i   suoi   commentatori,  anche  a  sinistra.  La  Lega  è  radicata,  la  Lega  offre  messaggi  semplici  e  concreti,   la  Lega  dice  cose  che  colpiscono  e  coinvolgono.  Insomma,  funzionano.  Anche  perché  la  Lega   vince,  quindi  deve  avere  ragione.  Per  forza.     Come  ha  scritto  Piero  Ignazi  per  l’Espresso,  nel  settembre  del  2010:  «C'è  una  sorta  di  “spirale   del  silenzio”  nei  confronti  della  Lega  Nord.  Non  che  della  Lega  non  si  parli,  tutt'altro.  Ma  se  ne   parla   solo   bene.   Nessuno   si   azzarda   a   criticarla   a   muso   duro.   […]   È   la   paura   di   apparire   minoritari   e   fuori   gioco   a   far   scattare   un   atteggiamento   di   compiacenza-­‐adeguamento   nei   confronti   di   ciò   che   si   ritiene   il   parere   dei   più.   In   questo   modo   le   opinioni   dissenzienti   ammutoliscono  per  non  essere  ostracizzate  dal  benpensare  della  maggioranza.  Oggi  la  Lega   gode  di  una  situazione  di  questo  tipo.  Dopo  i  suoi  ultimi  successi  elettorali  si  è  scatenata  una   corsa  ad  esaltarne  le  doti,  anche  a  sinistra:  dal  modello  di  partito  forte  e  radicato  alla  nuova  e   capace   classe   dirigente,   dalle   grandi   intuizioni   politiche   al   legame   con   il   territorio,   e   via   di   questo  passo.  Alla  Lega  si  consente  tutto  perché  a  criticarla  non  solo  si  viene  coperti  di  insulti   (e  di  minacce)  ma  si  viene  anche  irrisi  come  quelli  che  “non  hanno  capito  come  va  il  mondo”.   Più   o   meno   è   lo   stesso   atteggiamento   di   sufficienza   e   di   scherno   che   i   post-­‐sessantottini   riservavano   a   chi   non   credeva   nella   rivoluzione   imminente   e   nel   salvifico   libretto   rosso   di   Mao».     Una   situazione   che   dura   da   quasi   vent’anni,   dal   giorno   in   cui   la   Lega,   portando   al   governo   Berlusconi   grazie   ai   suoi   voti   al   Nord,   fece   il   proprio   ingresso   trionfale   nelle   principali   istituzioni  del  Paese.  Era  il  1994,  siamo  nel  2010  o,  forse,  come  si  vedrà,  non  ci  siamo  mai   mossi  da  quella  primavera,  se  non  per  un  dato  che  si  finge  di  non  rilevare.  Dopo  vent’anni   siamo  ancora  indecisi  tra  un  federalismo  che  non  c’è  e  una  secessione  che  invece  si  afferma,   senza   che   molti   se   ne   accorgano.   E   forse   questo   è   l’unico,   vero   risultato   della   Lega.   Inconfessabile,  ma  sempre  più  reale,  in  un  Paese  diviso  e  irriducibile.     Abbiamo  perciò  pensato  che  fosse  il  caso  di  indagare  alcune  questioni  aperte,  che  la  Lega  non   risolve  e  non  sa  come  affrontare.  Promesse  ormai  datate,  di  un  partito  che  governa  il  Paese  da   anni  e  che,  anche  se  spesso  finge  di  prenderne  le  distanze,  è  il  migliore  alleato  di  Berlusconi.  E,   quindi,  la  forza  politica  più  responsabile  di  quello  che  il  governo  ha  fatto  prima  di  Monti  o,   soprattutto,  non  ha  fatto  fa  per  il  nostro  Paese.  La  Seconda  Repubblica  è  stata,  in  gran  parte,   leghista.  È  l’abilità  di  chi  con  una  piccola  percentuale  determina  i  successi  elettorali  e,  però,  gli   insuccessi  politici  a  cui  assistiamo  da  anni.     La  Lega  alterna  xenofobia  a  sindacalismo  di  territorio,  spinte  fascisteggianti  a  compromessi   democristiani.   E   il   suo   patto   inscindibile   con   Berlusconi   qualifica   perfettamente   quello   che   oggi  è  diventata  l’Italia,  condizionata  sempre  di  più  dalla  Padania,  nonostante  i  risultati  di  cui   si  favoleggia  non  si  siano  visti  nemmeno  al  Nord.  Nonostante  i  ceti  popolari,  che  la  Lega  dice  di   voler   rappresentare,   abbiano   visto   un   progressivo   peggioramento   delle   loro   condizioni.   Nonostante  la  chiusura  dei  confini  si  sia  rivelata  un  fallimento  clamoroso,  e  un  errore  molto   pericoloso  per  la  nostra  stessa  economia.     Buonisti  quelli  che  vi  si  oppongono?  No,  in  realtà  stronzisti  quelli  che  le  propongono,  certe   cose.  Perché  più  sono  ‘cattive’,  più  sono  inutili,  le  misure  di  cui  stiamo  parlando.  
  6. 6. 6     La  mitologia  leghista  va  indagata,  contrastata,  punto  per  punto,  e  rovesciata.     Senza  scherzare  delle  bizzarrie  delle  ordinanze,  delle  follie  di  Adro,  perché  quello  alla  Lega   serve,   ogni   giorno,   per   prendere   parola,   per   distrarre   dai   risultati   che   non   sono   arrivati,   certamente,   e   però   anche   per   creare   un   clima   politico   e   culturale,   con   il   quale   tutti   sono   costretti  a  misurarsi.  Un  immaginario  che  si  è  imposto,  come  accade  in  molti  paesi  europei,   dove  però  partiti  come  la  Lega  non  possono  accedere  ad  alcuna  alleanza  di  governo.  Perché   anche  la  destra  moderata  si  guarda  bene  dal  dare  credito  a  certe  formazioni  politiche.     L’importante  è  avere  gli  strumenti  e  non  fare  sconti.  Perché  di  questa  mancata  opposizione  la   Lega   –   che   non   a   caso   finge   di   essere   sempre   lei,   all’opposizione   –   ha   tratto   grande   giovamento.     L’adesione   religiosa   al   credo   bossiano   va   ulteriormente   indagata:   perché   si   difende   il   territorio  a  parole,  ma  poi,  nei  fatti,  si  privatizza  l’acqua  (altro  che  ampolle)  e  si  contribuisce   allegramente  alla  cementificazione  delle  nostre  campagne,  proprio  quelle  dei  nostri  padri  (e   dei  nostri  figli,  che  si  potranno  arrangiare).     Perché  si  protesta  contro  Roma  ladrona  e  poi  ci  si  inserisce  perfettamente  nel  sistema  politico   romano,   mantenendo   tutti   gli   incarichi   locali   precedentemente   assunti.   Per   risparmiare,   ufficialmente,  e  per  conservare  una  rete  di  potere  personalistica  e  dal  sapore  antico.     Perché  si  difende  la  legalità  e  si  fa  abusivismo  elettorale,  si  denuncia  il  sistema  delle  banche   ma   non   Fiorani   e   il   suo   attivismo,   ce   la   si   prende   con   i   deboli,   ma   i   forti   possono   agire   indisturbati.   Anzi,   protetti,   dagli   scudi   e   dai   condoni.   Senza   che   nemmeno   un   monopolio   o   un’oligarchia,  in  questi  anni,  sia  stata  davvero  messa  in  dubbio  da  chi  era  nato  per  dare  voce  a   chi  non  l’aveva.     Perché  si  promette  il  federalismo  e  si  tagliano  i  soldi  ai  Comuni,  e  più  voti  arrivano  alla  Lega,   meno  risorse  giungono  agli  enti  locali.     Perché   si   difendono   le   opere   pubbliche   diffuse,   per   il   Nord,   soprattutto,   e   poi   si   aderisce   entusiasticamente  alla  costruzione  del  ponte  sullo  Stretto.       Perché  il  nucleare  va  bene,  ma  non  da  noi,  in  nome  di  un’ipocrisia  che  non  decide,  né  risolve.   Perché  i  leghisti  sono  buoni  amministratori,  gente  che  sa  il  fatto  suo.     Perché  si  contrasta  la  mafia,  ma  di  Dell’Utri  e  di  Cosentino  non  si  dice  nulla,  o  ci  si  scherza  su.   E  si  vota  comunque  sempre  e  comunque  per  difendere.  Loro  e  il  loro  Capo.     Perché  il  nepotismo  è  sbagliato,  è  roba  della  casta,  ma  poi  si  scoprono  un  sacco  di  parenti-­‐di-­‐ governo   e   di   zone   d’ombra,   tanto   da   portare   uno   dei   leghisti   più   autorevoli   a   parlare   esplicitamente  di  questione  morale.     Perché   gli   stranieri   non   devono   venire,   anzi   devono   proprio   tornare   a   casa   loro,   ma   poi,   ovviamente,  arrivano,  anche  quando  c’è  la  Lega.  L’importante  è  trattarli  peggio  che  si  può.  E   non  risolvere  alcun  problema:  così  i  problemi  non  risolti  si  possono  usare  anche  in  occasione   della  prossima  consultazione  elettorale.  Come  se  niente  fosse,  senza  pagare  mai  dazio  (altro   tema  caro  alla  Lega).  Nel  frattempo,  si  contribuisce  a  creare  un  clima  di  insicurezza  e  di  paura   che  non  esiste  nelle  statistiche,  ma  che  è  entrato  nella  testa  delle  persone,  oltre  che  nella  loro  
  7. 7. 7   ‘pancia’.  E  serve  come  combustibile  elettorale  come  poche  altre  cose.     Perché   Roma   è   lontana   e   la   politica   fa   schifo,   certo,   poi   però   si   inventa   il   Porcellum,   con   i   nominati  e  i  candidati  scelti  dal  capo.  E  dal  suo  entourage.  E  poi  del  Porcellum,  appunto,  si  dice   che  è  una  porcata,  come  se  l’avessero  inventato  i  marziani.  Verdi  anche  loro,  ma  non  leghisti.     Perché   «sono   pazzi   questi   romani»,   ma   poi   finisce   tutto   in   gloria,   con   un   pranzo   all’aperto   davanti  all’obelisco  in  piazza  Montecitorio,  con  uno  scambio  culinario  tra  la  pajata  e  la  polenta   su  un  tavolo  e  una  tovaglia  a  quadri,  in  una  rinnovata  edizione  del  classico  “tarallucci  e  vino”.   Una   delle   immagini   che,   di   questa   legislatura   confusa   e   inconcludente,   certamente   rimarranno,  come  ha  notato  il  giorno  dopo  Luca  Sofri,  commentando  così:  «nessun  ritrattista   satirico  del  secolo  scorso  avrebbe  potuto  disegnare  qualcosa  di  tanto  efficace  quanto  le  foto   che  vediamo  da  ieri.  Si  sono  trovati  tutti  assieme  e  hanno  chiamato  le  tv  per  dire  agli  italiani   “guardate   come   ce   la   magnamo   tutti   amici   e   tutti   contenti”   tra   rigatoni   e   macchie   di   sugo.   Convinti  di  aver  organizzato  una  cosa  furbissima.  Devo  ritrovare  una  vecchia  pagina  di  Asterix   e  gli  Elvezi  su  un  orrido  banchetto  di  romana  decadenza,  è  la  prima  cosa  che  mi  è  venuta  in   mente».     Per  dirla  ancora  con  Ignazi,  «l’assordante  fanfara  sulle  magnifiche  sorti  e  progressive  della   Lega  nasconde  però  un  crescendo  di  stonature».  Ecco,  qui  le  troverete  tutte.  O  quasi,  perché  il   lavoro  cresce  ogni  giorno.  E  si  affaccia  addirittura  la  questione  morale,  come  ha  sostenuto  non   un  critico  della  Lega,  ma  un  leghista  tra  i  più  convinti.  E  le  stonature  diventano  un  fiume  in   piena  di  contraddizioni,  che  soltanto  una  certa  trascuratezza  può  averci  fatto  perdere  di  vista.     I  dati  lo  confermano  e  ormai  un  giudizio  può  essere  offerto  agli  elettori.  A  cominciare  proprio   da  quel  Nord  che  avrebbe  dovuto  trarre  giovamento  e  fortuna  dall’esistenza  di  un  Partito  del   Nord  così  entusiasticamente  sostenuto.     Come  ammesso  tempo  fa,  in  un  drammatico  articolo  della  Padania,  per  commentare  l’SPQR   dove  la  ‘P’  sta  per  «porci»,  ma  qualcuno  potrebbe  sospettare  che  stia  per  «padani».  Perché  «la   lista   è   lunga»   e   «il   Senatur   la   conosce   bene»:   «C’è   Alitalia   che   fa   fatto   i   bagagli   per   “delocalizzare”  a  Roma,  abbandonando  Malpensa.  C’è  la  Consob  che  la  capitale  si  tiene  ben   stretta  nonostante  la  Borsa  sia  a  Piazza  Affari,  sponda  Milano.  Ma  non  solo:  avevano  iniziato   con  il  Festival  del  cinema,  continuato  con  il  Gran  Premio  di  Monza  per  poi  finire  con  l’affossare   la  candidatura  di  Venezia  per  le  Olimpiadi  2020  (ha  stravinto  Roma  che  ora  se  la  vedrà  con   Istanbul,  Tokyo  e  Madrid)».     In   effetti,   l’unica   cosa   che   è   arrivata   in   questi   anni   è   l’Expo   di   Milano,   quando   al   governo   c’erano  Prodi  e  D’Alema.  Il  Nord,  in  questo  Paese,  non  lo  difende  più  nessuno,  nemmeno  quella   decina  di  ministri  (in  carica  fino  alla  fine  del  2011)  che  provenivano  dalla  ‘Padania’.  Bossi,   Calderoli,  Maroni  e  Zaia,  fino  a  qualche  tempo  prima.  E  poi  Galan,  dopo  tre  mandati  tre  da   presidente  del  Veneto.  E  poi  Tremonti,  come  dimenticarlo.  E  Brambilla,  Brunetta,  Gelmini.  E   La   Russa,   siciliano-­‐padano.   E   Frattini,   eletto   in   Friuli.   E   Sacconi,   che   è   di   Conegliano.   E   i   sottosegretari,  come  se  piovesse  (e  il  governo  fosse  romano).  Ah,  già,  anche  Berlusconi.  Una   vera   amnesia.   E   questi   padani-­‐romani,   che   governano   da   dieci   anni   (a   parte   quella   breve   parentesi)  ci  si  chiede  davvero  cosa  facciano,  quando  si  trovano  a  Roma.  «Ogni  occasione  è   buona  per  attaccare  frontalmente  Bossi  e  la  Lega»,  dice  il  giornale  del  partito.  Proprio  così.   Soprattutto  quando  Bossi  e  la  Lega  si  attaccano  da  soli.  Al  tram.     Il  problema  è  che  a  quel  tram  siamo  attaccati  tutti.  E  vorremmo  scendere,  prima  che  si  può.                
  8. 8. 8   giuseppe  civati  
  9. 9. 9   Governano  loro   (anche  se  fanno  finta  di  stare  all’opposizione)         L’antipolitica  di  governo     Fin  dai  suoi  esordi  nel  panorama  politico  nazionale,  con  la  denominazione  di  Lega  Lombarda,   la  Lega  Nord  si  è  candidata  a  occupare  il  terreno  che  i  partiti  tradizionali  hanno  cominciato  a   perdere  nello  spazio  politico  a  partire  dalla  fine  degli  anni  Settanta,  inserendosi  perfettamente   in  un  processo  storico  di  lungo  corso.   L’insoddisfazione  crescente  per  le  performance  della  classe  politica  italiana  aveva  spinto  quote   crescenti  di  elettorato  verso  due  sponde  distinte:  il  non-­‐voto  (composto  da  astensione,  schede   bianche  e  schede  nulle)  e  nuove  formazioni  politiche  con  carattere  di  protesta  e  opposizione.   Tra   queste,   la   Lega   Lombarda   si   è   distinta   per   la   capacità   di   catturare   consensi   stabili,   a   differenza  di  altre  formazioni  che  invece  raccoglievano  il  voto  d’opinione  e  mostravano  nelle   consultazioni  successive  una  scarsa  fedeltà  degli  elettori  inizialmente  conquistati.   La  proposizione  politica  della  Lega  si  è  progressivamente  adattata  al  clima  d’opinione  e  il  suo   modello   è   cambiato   dall’iniziale   cliché   autonomista   (che   prendeva   a   riferimento   Union   Valdôtaine  e  SVP)  a  quello  di  un  movimento  di  forte  contestazione  ai  partiti  tradizionali,  tanto   di   governo   quanto   di   opposizione.   In   questo   modo   il   nuovo   attore   sulla   scena   politica   ha   cominciato   a   intercettare   (anche)   il   voto   degli   elettori   scontenti   e   insoddisfatti   della   classe   dirigente.   Oggi,  23  anni  dopo  l’elezione  dei  primi  due  parlamentari  lumbàrd  alla  Camera  e  al  Senato  della   Repubblica1,   la   Lega   Nord   è   una   formazione   politica   fortemente   istituzionalizzata:   quella   presente   da   più   tempo   nel   Parlamento   italiano   con   la   stessa   denominazione.   Tutte   le   altre   hanno  infatti  una  genesi  molto  più  recente:  il  Popolo  della  Libertà  e  il  Partito  Democratico   sono  nati  in  occasione  delle  elezioni  politiche  del  2008,  l’UDC  e  l’Italia  dei  Valori  pochi  anni   prima,  l’Api  di  Rutelli  nel  corso  della  corrente  legislatura.     Non   solo:   è   anche   il   partito   che   può   vantare   il   periodo   più   lungo   trascorso   al   governo   del   Paese   da   tangentopoli   in   avanti.   Alleati   del   primo   governo   Berlusconi,   i   leghisti   hanno   contribuito   a   fare   cadere   quel   gabinetto,   durato   soltanto   8   mesi.   Rappacificatisi   con   il   Cavaliere,   sono   stati   leali   alleati   di   Forza   Italia   e   del   suo   leader   per   l’intera   XIV   legislatura   sostenendo  i  governi  Berlusconi  II  e  III  dal  2001  al  2006.  Nel  2008  sono  tornati  al  governo   nell’alleanza   di   centrodestra   con   il   PDL.   La   Lega   Nord   ha   quindi   cumulato   quasi   8   anni   a   presidio  del  governo  centrale:  più  di  qualsiasi  altro  partito,  appunto.     Il  movimento  insediato     Nonostante   queste   considerazioni,   i   militanti   della   Lega   si   auto-­‐percepiscono   e   auto-­‐ definiscono   (soprattutto)   come   partecipi   di   un   movimento   e   i   vertici   della   formazione   sostengono   questa   percezione   con   dichiarazioni,   posizioni   e   linguaggio   movimentista,   immediato,   populista.   La   presunta   diversità   della   Lega   viene   sostenuta   e   alimentata   dai   quadri,  dai  militanti  e  dai  simpatizzanti,  consolidandone  la  convinzione  nell’elettorato.   Oggi  ha  senso  prendere  atto  del  profondo  grado  di  istituzionalizzazione  della  Lega,  partito  di   governo   nazionale   e   locale,   in   grado   di   assumere,   orientare   e   condizionare   le   politiche   del   Paese  su  molti  temi.  Una  forza  politica  istituzionalizzata  è  un  soggetto  che  detiene  il  potere,  lo   1  Già  nel  1983  la  Liga  Veneta,  formazione  federata  con  le  altre  leghe  e  poi  confluita  nella  Lega  Nord,  aveva  però   conquistato  un  seggio  in  entrambi  i  rami  del  Parlamento.  
  10. 10. 10   negozia   con   altri   partiti,   occupa   posizioni.   Nel   farlo   evidentemente   perde   la   verginità   primigenia   di   fronte   al   potere   (inizialmente   concepito   come   strumento,   come   mezzo   per   realizzare  le  finalità  politiche  del  movimento)  e  si  adopera  per  conservarlo,  per  riprodursi,   per  assicurare  un  ruolo  stabile  ai  suoi  esponenti.   Una   breve   ricostruzione   del   potere   istituzionale   della   Lega   Nord   può   rendere   palese   l’incongruenza  tra  l’immagine  movimentista  e  la  realtà.   La  Lega  Nord  ha  una  forte  presenza  a  livello  municipale  con  2.500  consiglieri  comunali;  sono   presenti   nelle   giunte   comunali   con   121   sindaci,   quasi   altrettanti   vice-­‐sindaci   (106)   e   402   assessori.   In  ambito  provinciale  vanta  194  consiglieri  che  esprimono  3  presidenti  e  28  assessori  nelle   giunte,   più   4   tra   presidenti   e   vice-­‐presidenti   di   consiglio.   La   capacità   di   insediamento   in   queste   amministrazioni   nelle   regioni   del   Nord   offre   un’opportunità   di   sbocco   al   crescente   numero   di   militanti,   che   si   attivano   per   convinzioni   profonde   ma   anche   perché   la   Lega   è   un’opzione  vincente  nello  scenario  politico  attuale  e  quindi  attrae  simpatizzanti  anche  perché   promette   percorsi   professionali   nella   partecipazione   politica.   Per   questo   motivo,   probabilmente,  la  Lega  contesta  gli  sprechi  e  le  inefficienze  nella  pubblica  amministrazione   ma   è   contraria   all’abolizione   di   questo   livello   amministrativo   intermedio   con   compiti   residuali,  schiacciato  com’è  tra  Comuni  e  Regioni.   Nelle  regioni  sono  presenti  53  consiglieri  leghisti  e  come  è  noto  da  quest’anno  la  Lega  esprime   i   governatori   di   due   delle   tre   più   grandi   regioni   del   Nord.   Si   contano   due   assessori   (e   il   presidente  del  Consiglio  regionale)  in  Lombardia,  4  in  Piemonte  e  6  in  Veneto.   Dopo   la   vittoria   del   centrodestra   alle   elezioni   politiche   del   2008,   la   Lega   Nord   vanta   59   deputati  alla  Camera  e  26  senatori.  Benché  il  Parlamento  eserciti  una  sovranità  limitata  dal   peculiare  rapporto  di  subordinazione  che  si  crea  tra  eletti  nelle  fila  della  maggioranza  e  capo   del  governo,  a  causa  dell’attuale  legge  elettorale  che  prevede  liste  bloccate  decise  dai  vertici   dei   partiti,   il   potere   pure   residuo   si   esercita   nelle   commissioni.  Vale  quindi  la  pena  di  fare   mente  locale  sui  ruoli  occupati  dai  parlamentari  leghisti  nelle  commissioni,  evidenziando  le  6   presidenze.     Camera     Lussana,  vicepresidente  della  II  commissione  (Giustizia)   Stefani,  presidente  della  III  commissione  (Affari  esteri  e  comunitari)   Fava,  vicepresidente  della  IV  commissione  (Difesa)   Giorgetti,  presidente  della  V  commissione  (Bilancio,  tesoro  e  programmazione)   Goisis,  segretaria  della  VII  commissione  (Cultura,  scienza  e  istruzione)   Alessandri,  presidente  della  VIII  commissione  (Ambiente,  territorio  e  lavori  pubblici)   Buonanno,  segretario  della  IX  commissione  (Trasporti,  poste  e  telecomunicazioni)   Dal  Lago,  presidente  della  X  commissione  (Attività  produttive,  commercio  e  turismo)   Rainieri,  segretario  della  XIII  commissione  (Agricoltura)   Pini,  vicepresidente  della  XIV  commissione  (Politiche  dell’Unione  europea)     Senato     Bodega,   segretario   della   I   commissione   (Affari   costituzionali,   affari   della   Presidenza   del   Consiglio   e   dell'Interno)   Filippi,  vicepresidente  della  III  commissione  (Affari  esteri,  emigrazione)   Garavaglia,  vicepresidente  della  V  commissione  (Programmazione  economica,  bilancio)   Montani,  segretario  della  IX  commissione  (Agricoltura  e  produzione  agroalimentare)   Monti,  vicepresidente  della  XIII  commissione  (Territorio,  ambiente,  beni  ambientali)   Boldi,  presidente  della  XIV  commissione  (Politiche  dell'Unione  europea)   Divina,   presidente   della   Commissione   straordinaria   per   la   verifica   dell'andamento   generale   dei   prezzi   al   consumo  e  per  il  controllo  della  trasparenza  dei  mercati   Cagnin,  segretario  del  Comitato  per  le  questioni  degli  italiani  all'estero  
  11. 11. 11   Maraventano,  segretario  della  Commissione  di  inchiesta  sugli  infortuni  sul  lavoro     Rizzi,  segretario  della  Commissione  di  inchiesta  sull'efficienza  del  Servizio  sanitario  nazionale     Sono  particolarmente  evidenti  le  tre  presidenze  di  commissioni  importanti  della  Camera  dei   deputati:  bilancio  tesoro  e  programmazione  (affidata  a  Giancarlo  Giorgetti,  mente  economica   della   Lega   e   ufficiale   di   collegamento   tra   il   leader   Umberto   Bossi   e   il   ministro   Tremonti);   ambiente  territorio  e  lavori  pubblici;  attività  produttive,  commercio  e  turismo,  nonché  il  livello   di   interlocuzione   con   l’Europa   garantito   dalla   presidenza   della   commissione   Affari   esteri   e   comunitari.   Infine  il  governo.  L’attuale  governo  Berlusconi  IV  vanta  un  leghista  al  ministero  dell’Interno,   quindi  due  ministeri  senza  portafoglio  ma  con  le  chiavi  per  il  cambiamento  e  le  riforme,  tema   portante   della   retorica   leghista:   il   senatùr   Umberto   Bossi   al   ministero   delle   Riforme   per   il   Federalismo   e   Roberto   Calderoli   al   ministero   per   la   Semplificazione   Normativa.   Accanto   ai   ministri   ci   sono   poi   il   vice-­‐ministro   Roberto   Castelli   (infrastrutture   e   trasporti)   e   i   sottosegretari:   Francesca   Martini   (Salute),   Michelino   Davico   (Interno),   Francesco   Belsito   (Sottosegretario  di  Stato  alla  presidenza  del  Consiglio  per  la  semplificazione  normativa).     Partito  di  lotta  e  di  (sotto)  governo     Accanto  agli  incarichi  istituzionali  frutto  del  consenso  elettorale  e  del  peso  parlamentare,  che   esprimono   una   specifica   capacità   di   indirizzo   normativo   ma   anche   di   orientamento   degli   investimenti  sul  territorio,  la  Lega  occupa  ormai  da  anni  un  sottobosco  di  potere  a  livello  di   enti   e   società   di   emanazione   pubblica   o   a   partecipazione   pubblica:   banche,   autostrade,   ospedali,  Rai,  Expo  2015,  Finmeccanica,  Cinecittà.   Un  censimento  su  questo  piano  è  più  difficile.  Ci  limitiamo  a  riferire  i  risultati  di  un  reportage   di  Marco  Damilano  pubblicato  da  l’Espresso  del  17  febbraio  2010,  elencando  le  società  in  cui   esponenti  leghisti  o  persone  designate  dalla  Lega  hanno  un  ruolo.     Consip,  la  spa  del  ministero  dell’Economia  per  l’acquisto  di  beni  e  servizi  destinati  alle  amministrazioni   dello  Stato:  Danilo  Broggi,  amministratore  delegato.   Cinecittà:  Roberto  Codonati  (consulente  per  l’immagine  della  Lega),  membro  del  cda.   Agea,  l'agenzia  che  vigila  sull'erogazione  dei  fondi  comunitari  per  l'agricoltura:  professor  Dario  Fruscio,   presidente  (designato  su  indicazione  di  Zaia).   Finmeccanica:  Dario  Galli,  membro  del  cda  (e  presidente  della  provincia  di  Varese)   Fiera  Milano:  Attilio  Fontana,  membro  del  cda  (e  sindaco  di  Varese)   Eni:   Paolo   Marchioni,   consigliere   di   amministrazione   (e   vice-­‐presidente   della   provincia   di   Verbano-­‐ Cusio-­‐Ossola,  nonché  assessore  al  Bilancio)   Sviluppo  Sistema  Fiere:  Leonardo  Ambrogio  Carioni,  presidente  (nonché  presidente  della  Provincia  di   Como,  sindaco  di  Turate,  presidente  dell'Unione  delle  Province  lombarde)   Expo  2015:  Leonardo  Ambrogio  Carioni,  consigliere  di  amministrazione;   Pedemontana:  Leonardo  Ambrogio  Carioni,  consigliere  di  amministrazione;   Enel:  Gianfranco  Tosi,  consigliere  di  amministrazione  (ex  sindaco  di  Busto  Arsizio);   Poste  italiane:  Mauro  Michielon,  consigliere  di  amministrazione;   Sea  (gestione  dello  scalo  di  Malpensa):  Giuseppe  Bonomi,  presidente  e  direttore  generale;   Inail:  Marco  Fabio  Sartori,  presidente;   Fincantieri:  Francesco  Belsito,  consigliere  di  amministrazione;   Rai:  Giovanna  Bianchi  Clerici  nel  cda;  Antonio  Marano,  vice-­‐direttore  generale;   Serenissima:  Attilio  Schneck,  presidente  (e  presidente  della  provincia  di  Vicenza);   Buonitalia   («La   cabina   di   regia   nella   promozione   dell'agroalimentare   italiano   nei   mercati   mondiali»):   Walter  Brunello,  presidente.     Nel   mondo   bancario   un   alleato   prezioso   è   Massimo   Ponzellini,   presidente   della   Banca   Popolare  di  Milano,  oltre  che  di  Impregilo.     Un   censimento   ancora   più   recente,   del   7   ottobre   dello   stesso   anno,   sempre   a   cura  
  12. 12. 12   dell’Espresso   (Lega   padrona,   di   Tommaso   Cerno   e   Luca   Piana),   ha   messo   ancora   meglio   in   luce   l’occupazione   delle   poltrone   nelle   stanze   che   contano   da   parte   dei   fedelissimi   del   Carroccio,   nelle   regioni   dove   ormai   gli   uomini   di   Bossi   governano   o   ricoprono   un   ruolo   di   primo  piano  nei  vertici  dell’amministrazione  regionale,  potendo  quindi  fare  il  bello  e  il  cattivo   tempo   in   fatto   di   nomine   negli   enti.   In   Piemonte,   Lombardia,   Veneto,   Friuli   Venezia   Giulia   nomi  di  livello  del  parterre  leghista  o  di  personaggi  vicinissimi  al  “movimento”,  compaiono  in   istituti   o   enti   importanti   come   Fondazione   Cariplo,   Intesa   San   Paolo,   Popolare   Novara,   Infrastrutture   Lombarde,   Fondazione   CR   Cuneo,   Fondazione   Crt   Torino,   Finpiemonte,   Finlombarda,  Fondazione  Cariverona,  A2A,  Agam  –  Agsm.       Nulla  di  scandaloso,  ovviamente,  o  quasi:  è  insediandosi  nei  gangli  dell’operosità  quotidiana   che  una  forza  politica  diviene  egemone  economicamente  e  culturalmente.  Ma  certo  si  tratta  di   una  identità  incompatibile  con  quella  di  un  movimento  dotato  di  una  forte  retorica  censoria  e   moralista,   che   lucra   consensi   criticando   l’attitudine   dei   partiti   cosiddetti   tradizionali   a   consolidare  il  potere  attraverso  l’occupazione  di  tutti  i  posti  disponibili  nella  società  civile  e   determinati  dal  livello  politico.  E  che,  quando  è  chiamato  a  rispondere  delle  proprie  scelte,   spesso  finge  di  essere  forza  di  «opposizione»  all’interno  dell’esecutivo  Berlusconi  (come  già   capitava   con   Galan   ed   è   sempre   accaduto   con   Formigoni)   e   non   come   forza   di   governo   centrale,  insediata  e  nel  pieno  delle  proprie  facoltà.  Per  decidere.  Anche  quando  decide  cose   che  poi  non  le  piacciono.     «Lega  poltrona»     «Roma  ladrona,  la  Lega  non  perdona»:  lo  slogan,  urlato  più  volte  ai  tempi  di  Pontida,  è  rimasto   lo  stesso  fino  alle  ultime  elezioni  regionali.  E  –  nonostante  fosse  figlio  di  una  semplificazione   inaccettabile   –   per   certi   versi   sembra   rispecchiare   la   realtà   del   Paese.   Soprattutto   per   un   verso,   e   cioè   quando   le   stesse   facce   che   si   battono   contro   gli   sprechi,   contro   il   nepotismo,   contro  la  “cattiva”  politica,  quella  delle  poltrone,  si  ritrovano  ad  avere  due  o  più  uffici,  spesso   difficilmente  conciliabili,  a  Roma  e  al  Nord.     Troviamo   così   la   difesa   a   oltranza   del   Nord,   il   vero   e   proprio   sindacato   del   Nord,   per   raggranellare  voti  e  costruire  il  consenso,  al  costo  di  causare  possibili  sprechi  e  inefficienze   nell'intero   sistema   -­‐   con   i   soldi   dei   cittadini   del   Nord,   si   intende   -­‐,   e   troviamo   il   nepotismo,  strictissimo  sensu,  che  non  premia  il  merito  ma  la  consanguineità,  che  non  guarda   agli  interessi  del  Nord,  ma  agli  interessi  della  casta  verde.     Troviamo,   infine,   i   fallimenti   politici.   Le   cose   non   fatte   e   gli   slogan   mai   realizzati.   La   realizzazione,  insomma,  di  un  quotidiano  tradimento  del  Nord.   Esistono   veri   e   propri   recordman,   perché   non   è   facile   saper   fare   contemporaneamente   «il   deputato,  il  presidente  della  provincia  e  il  sottosegretario  all’Economia,  con  delega  al  bollente   dossier  sul  federalismo  fiscale»  (Affaritaliani.it,  31  maggio  2010),  a  meno  che  non  si  possieda   il  dono  dell'ubiquità.       Eppure  Daniele  Molgora  ha  rivestito  tutti  questi  incarichi  contemporaneamente,  rinunciando,   in   questo   periodo,   allo   stipendio   da   Presidente   della   Provincia,   ma   non   a   quello   da   sottosegretario   e   parlamentare.   Commentando   la   rinuncia   ha   sostenuto:   «Ecco   quindi   un   ottimo  esempio  di  risparmio  virtuoso;  a  volte  gli  incarichi  multipli  permettono  delle  sensibili   economie  nell'interesse  pubblico»  (Il  Messaggero,  20  maggio  2010).  A  fine  maggio  del  2010  ha   deciso  di  lasciare  il  posto  di  sottosegretario:  niente  più  economie  per  il  Paese,  anche  se  alla   poltrona  di  Montecitorio  non  intende  rinunciare.  Per  la  cronaca  Molgora  è  stato  presente  alle   votazioni  in  Parlamento  nel  24,28%  dei  casi,  mentre  nel  66,04%  risulta  essere  «in  missione»,  
  13. 13. 13   probabilmente  nella  lontana  Brescia.       Altro   caso   è   quello   di   Roberto   Cota,   nuovo   Presidente   della   Regione   Piemonte,   nonché   ovviamente  per  un  bel  po’  da  dopo  le  elezioni  parlamentare.  Cota  ha  dovuto  saltare  la  riunione   del  consiglio  regionale  sulla  crisi  del  25  maggio  2010  per  correre  a  Roma,  in  Parlamento,  dove   è   rimasto   fino   al   17   giugno,   nonostante   le   due   cariche   fossero   costituzionalmente   incompatibili.  Nessuno  si  è  sognato  di  chiedere  subito  a  Cota  di  lasciare.  Anzi,  lo  stesso  Cota  ha   messo  in  atto  una  vera  e  propria  manfrina,  schivando  l’argomento  e  contando  sulla  complicità   dei   compagni   leghisti   e   degli   alleati   pidiellini   nella   giunta   delle   elezioni   della   Camera,   che   hanno  infatti  ritardato  il  più  possibile  la  discussione  delle  dimissioni  dell’ex  capogruppo  del   Carroccio.  All’inizio  di  ottobre  del  2010,  mentre  l’opposizione  in  aula  protestava  per  le  sue   continue  assenze,  Cota  era  a  Roma  in  occasione  del  pranzo  tra  Alemanno,  Polverini,  Bossi  e   Calderoli,  a  fianco  del  senatùr  come  gli  accade  sempre  più  spesso.  Dall’8  maggio  a  quella  data   Cota  aveva  partecipato  solo  a  8  sedute  su  36.     Ma   la   palma   di   campione   del   «gioco   delle   sedie»   spetta   a   Gianluca   Buonanno,   che   va   ad   aggiungersi  al  riconoscimento  per  aver  «emesso  un'ordinanza  che  vieta  l'utilizzo  del  burkini,   del   burqa   e   del   niqab   alle   donne   islamiche,   corredata   di   cartelli   di   avviso   negli   ingressi   principali   della   città»   (fonte:   wikipedia.org)   e   per   aver   istituito   l’assessorato   alla   dieta.   Buonanno,   per   meglio   difendere   gli   interessi   del   Nord,   ha   pensato   di   occupare   più   posti   possibili.  Ed  è  così  che  è  riuscito  a  essere  deputato,  consigliere  regionale  in  Piemonte,  sindaco   di  Varallo  Sesia  e  vicesindaco  di  Borgosesia.   «Metta   però   che   prima   di   fare   il   sindaco   a   Varallo   sono   stato   sindaco   a   Serravalle.   E   a   Borgosesia  sono  assessore  esterno,  ma  con  una  lista  che  porta  il  mio  nome»,  ha  dichiarato  a  La   Repubblica.   Aggiungiamo   noi   che   Buonanno   è   stato   anche   presidente   della   Provincia   di   Vercelli,  ma  si  è  dimesso  il  15  giugno  2009.     Commentando   la   sua   pluripremiata   attività   Buonanno   ha   dichiarato:   «Sono   sul   territorio,   sempre  e  comunque.  Come  vuole  Bossi».  Ma  avrà  il  tempo  per  stare  in  tutti  i  territori?     La  poltrona  piace,  ancora  di  più  se  doppia     La   cura   degli   interessi   collettivi   richiede   tempo   ed   energie.   Evidentemente   non   devono   mancare   alle   decine   di   deputati   e   senatori   leghisti   che,   oltre   ad   occupare   gli   scranni   parlamentari,  ricoprono  cariche  presso  le  amministrazioni  locali  di  origine.  Se  la  Lega  ha  fatto   della   valorizzazione   degli   amministratori   locali   il   suo   cavallo   di   battaglia,   è   interessante   considerare   come   questi   amministratori   possano   occuparsi   della   «loro   gente»   dovendo   assiduamente  frequentare  le  aule  parlamentari.   L’elenco  di  deputati  con  il  doppio  incarico  sembra  essere  infinito:  su  un  gruppo  composto  da   59  persone  alla  Camera,  ben  21  hanno  incarichi  nelle  amministrazioni  locali,  a  cui  si  devono   aggiungere  Ministri  e  Sottosegretari.  Ecco  l’elenco  dei  doppioni  della  Camera:     Angelo  Alessandri:  consigliere  comunale  di  Reggio  nell’Emilia;   Massimo  Bitonci:  sindaco  di  Cittadella  (PD);   Gianluca  Buonanno:  sindaco  di  Varallo  (VC)  e  vicesindaco  di  Borgosesia  (VC);   Giacomo  Chiappori:  sindaco  di  Villa  Faraldi  (IM),  ma  anche  vicepresidente  del  Faita;   Nunziante  Consiglio:  vicesindaco  e  assessore  all’edilizia  privata  e  lavori  pubblici  di  Cazzano   Sant'Andrea  (BG)  (dal  2004  al  2009  ne  era  stato  Sindaco);   Manuela  Dal  Lago:  consigliere  comunale  di  Vicenza;   Claudio  D’Amico:  sindaco  con  deleghe  all’urbanistica,  sicurezza,  affari  generali  e  istituzionali   di  Cassina  de'  Pecchi  (MI);     Marco  Desiderati:  sindaco  di  Lesmo  (MB);  
  14. 14. 14   Gian  Carlo  Di  Vizia:  consigliere  comunale  di  La  Spezia;   Luciano  Dussin:  sindaco  di  Castelfranco  Veneto  (TV);   Giovanni  Fava:  consigliere  provinciale  a  Mantova  e  comunale  a  Sabbioneta  (MN);   Gianluca  Forcolin:  sindaco  di  Musile  di  Piave  (VE);   Paola  Goisis:  consigliere  comunale  di  Este  (PD);   Manuela  Lanzarin:  sindaco  di  Rosà  (VI);   Marco  Maggioni:  consigliere  comunale  di  Valle  Lomellina  (PV);   Alessandro  Montagnoli:  vicepresidente  della  Camera  e  sindaco  di  Oppeano  (VR);   Giovanna  Negro:  sindaco  di  Arcole  (VR);   Ettore  Pirovano:  presidente  della  Provincia  di  Bergamo;   Erica  Rivolta:  assessore  del  Comune  di  Erba  (CO);   Roberto  Simonetti:  presidente  della  Provincia  di  Biella  e  consigliere  comunale  di  Mongrando   (BI);   Pierguido  Vanalli:  sindaco  di  Pontida  (BG).     Anche  al  Senato  il  gruppo  è  nutrito:  su  un  gruppo  di  26  ben  13  hanno  ruoli  sul  “territorio”  (il   50%  del  totale).  Eccoli:     Luciano  Cagnin:  consigliere  comunale  di  Piombino  Dese  (PD);   Roberto  Castelli:  consigliere  comunale  di  Lecco;   Alberto  Filippi:  consigliere  comunale  di  Vicenza  (VI);     Massimo   Garavaglia:   fino   al   2009   sindaco,   ora   consigliere   comunale  di   Marcallo   con   Casone  (MI);     Sandro  Mazzatorta:  sindaco  di  Chiari  (BS);     Enrico  Montani:  consigliere  comunale  di  Verbania  (VB);     Cesarino  Monti:  assessore  e  consigliere  comunale  di  Lazzate  (MB);     Roberto  Mura:  sindaco  di  San  Genesio  ed  Uniti  (PV);   Fabio  Rizzi:  sindaco  di  Besozzo  (VA);     Giovanni  Torri:  consigliere  comunale  di  Langhirano  (PR);     Gianvittore  Vaccari:  sindaco  di  Feltre  (BL);   Paolo  Vallardi:  Sindaco  di  Chiarano  (TV);   Armando  Valli  detto  Mandell:  Consigliere  provinciale  di  Como.     Toccatemi  tutto,  ma  non  le  mie  province     Nella   primavera   del   2010,   mentre   si   discute   dell’abolizione   di   alcune   province   (che   poi   ovviamente   non   saranno   abolite),   le   più   piccole   (con   una   popolazione   inferiore   ai   120.000   abitanti,  ma  non  quelle  sul  Confine  di  Stato,  tipo  Sondrio),  qualcuno  si  ricorda  che  la  Lega,   nella  provincia  in  cui  è  stato  supervotato  Renzo  Bossi,  aveva  recentemente  proposto  la  nuova   Provincia  della  Valcamonica.     E  i  Camuni?  Niente  ai  Camuni?  Deciso  a  vendicare  l’ingrata  storia,  il  deputato  leghista   Davide  Caparini  ha  deciso  di  tirare  dritto:  vuole  a  tutti  i  costi  la  nuova  Provincia  della   Valcamonica.   Capoluogo:   Breno,   metropoli   di   5.014   anime.   Direte:   ancora   un’altra   provincia?   Ma   non   avevano   promesso   quasi   tutti   di   abolirle?   Certo:   prima   delle   elezioni,   però.   […]   Se   dovesse   passare   l’iniziativa   camunica   del   parlamentare   del   Carroccio,  quella  con  capitale  Breno  (inno  ufficiale:  «E  su  e  giù  e  per  la  Valcamonica  /  la   si  sente  la  si  sente...»)  sarebbe  la  provincia  numero  110.  Quando  nacquero  nel  1861,  al   momento  dell’Unità  d’Italia,  erano  quasi  la  metà:  59.  Distribuite  sul  territorio  con  un   criterio   semplice:   dovevi   attraversare   ciascuna   in   una   giornata   di   cavallo.   Nel   1947   erano  già  91.  E  col  passaggio  dagli  equini  alle  auto  blu,  hanno  continuato  ad  aumentare,  
  15. 15. 15   aumentare,   aumentare   a   dispetto   del   proposito   dei   padri   costituenti,   che   avevano   previsto  la  loro  abolizione  con  l’arrivo  delle  Regioni,  fino  a  diventare  95  e  poi  102  e  su   su  fino  a  109.     Sergio  Rizzo  e  Gian  Antonio  Stella,  Corriere  della  Sera,  14  ottobre  2009.     La  Lega  difende  le  province,  a  qualsiasi  costo.  Del  resto,  «Chi  tocca  Bergamo…»,  si  sa,  finisce   male:     «È  una  notizia  falsa.  Nella  manovra  economica  varata  dal  governo  non  ci  sarà  nessuna   abolizione   delle   province».   Lo   ha   detto   il   ministro   dell’Economia,   Giulio   Tremonti,   rispondendo  ad  una  domanda  specifica  dei  parlamentari  Pdl,  riuniti  alla  Camera  per   ascoltare  l’illustrazione  della  manovra  da  parte  dello  stesso  Tremonti  e  del  premier,   Silvio  Berlusconi.   Quanto   al   taglio   delle   province,   Bossi   afferma   che   «andare   oltre»   sarà   «difficile».   Scherzando,   il   leader   del   Carroccio   aggiunge:   «Se   provi   a   tagliare   la   provincia   di   Bergamo,  succede  la  guerra  civile…».     Blitzquotidiano,  26  maggio  2010.  
  16. 16. 16   Carrocciopoli         La  questione  morale  della  Lega     L’espressione   non   è   dei   perfidi   autori   di   questo   documento,   ma   del   segretario   della   Liga   Veneta,  Gian  Paolo  Gobbo,  secondo  quanto  ha  scritto  il  Gazzettino,  il  1  ottobre  2010  (a  cura  di   Paolo  Calia),  in  seguito  ai  reati  contestati  ad  alcuni  amministratori  della  Lega:     Prima   l'ex   sindaco   leghista   di   Silea,   piccolo   comune   della   cintura   urbana   di   Treviso,   beccato   ad   affittare   un   suo   appartamento   ad   alcune   prostitute   e   un   trans   e   quindi   accusato   di   favoreggiamento   della   prostituzione;   ora   l'assessore   di   San   Michele   al   Tagliamento,   sempre   del   Carroccio,   arrestato   per   aver   intascato   una   mazzetta   da   15mila  euro  che  secondo  l'accusa  sarebbe  dovuta  servire  a  velocizzare  una  pratica  di   sponsorizzazione   per   il   Portogruaro-­‐Summaga,   matricola   terribile   della   serie   B   di   calcio.   Due   episodi   capitati   a   distanza   di   pochi   mesi,   due   segnali   inquietanti.   E   nel   quartier  generale  leghista  è  scattato  l'allarme  rosso.     Il   segretario   regionale   Gian   Paolo   Gobbo   è   fortemente   irritato,   tanto   per   usare   un   eufemismo.   E   vuole   la   testa   di   qualcuno.   Tanto   per   cominciare   David   Codognotto,   l'assessore  di  San  Michele,  è  stato  prima  sospeso  e  poi  espulso  dal  movimento.  Ma  non   basta.   Nel   timore   che   il   malessere   sia   molto   più   profondo,   che   i   due   casi,   a   lungo   andare,  non  si  rivelino  isolati,  Gobbo  ha  deciso  di  affrontare  il  problema  a  muso  duro:   «È  il  momento  di  aprire  una  questione  morale  all'interno  del  nostro  movimento»,  dice.     Parole  pesantissime,  che  in  altri  tempi  mai  sarebbero  state  pronunciate  da  un  leader   leghista.  Ma  la  ferita  aperta  dal  caso  della  mazzetta  è  profondissima,  Gobbo  lo  sa  bene.   Per  questo  è  intenzionato  a  sradicare  le  male  piante  prima  che  mettano  radici  troppo   profonde.   «Ho   già   chiesto   a   tutti   i   segretari   provinciali   della   regione   –   spiega   –   di   inviarmi  una  lista  di  tutti  i  tesserati  con  pendenze  giudiziarie.  Voglio  conoscere  tutti   quelli   che   hanno   ricevuto   avvisi   di   garanzia,   che   hanno   a   che   fare   con   indagini   o   inchieste,  che  occupano  posizioni  che  possono  in  qualche  modo  creare  dei  problemi.   Tutte   le   posizioni   verranno   esaminate   attentamente,   poi   prenderemo   le   dovute   decisioni».     Le  prime  liste  sono  già  arrivate.  Non  sono  molti  i  casi  a  rischio,  ma  Gobbo  vuole  evitare   altre   brutte   sorprese.   Una   nuova   stagione   elettorale   è   alle   porte   e   altri   episodi   del   genere,  in  piena  campagna  elettorale,  potrebbero  essere  deleteri.  Da  qui  l'esigenza  di   fare  piazza  pulita.     L’acchiappatutto     Guastalla   è   un   comune   di   15.000   abitanti   in   provincia   di   Reggio   Emilia,   al   confine   con   la   Lombardia.  L’8  giugno  2009  è  entrata  in  carica  l’amministrazione  guidata  da  Giorgio  Benaglia,   supportata  da  PdL,  Lega  Nord  e  UdC.  A  circa  un  anno  dall’insediamento  le  tensioni  interne   all’amministrazione  portano  Benaglia  a  revocare  il  vicesindaco  Marco  Lusetti,  Lega  Nord.  Per   Lusetti  si  tratta  dell’ultima  di  una  serie  di  cacciate,  dopo  essere  stato  allontanato  dal  ruolo  di   commissario   ad   acta   dell’Enci   ed   espulso   dal   suo   partito.  Le   ragioni   dell’allontanamento   possono  essere  ricondotte  alla  carica  all’Enci.  
  17. 17. 17     Il   20   aprile   2009   Lusetti   riceve   da   Luca   Zaia,   allora   Ministro   per   le   politiche   agricole,   alimentari   e   forestali,   l’incarico   di   Commissario   ad   acta   dell’Enci,   l’Ente   nazionale   della   cinofilia  italiana.  Le  competenze  in  materia  del  neocommissario  sono  dubbie,  e  l’Enci,  dopo   «aver  rilevato  che  Lusetti  si  era  autoattribuito  uno  stipendio  mensile  di  seimila  euro  e  che   aveva  deciso  di  darne  altri  duemilacinquecento  a  un  collaboratore»,  decide  di  ricorrere  al  Tar,   che  il  26  ottobre  2009  giunge  a  una  prima  conclusione:  il  Ministero  non  poteva  commissariare   un  ente  privato  e,  perciò,  la  nomina  di  Lusetti  è  nulla.  Lusetti,  però,  non  abbandona  perché   grazie   al   cosiddetto   decreto   «mille   proroghe»,   votato   con   la   fiducia   nel   febbraio   2010,   è   confermato  alla  guida  dell’Ente.     Arriva   aprile,   un   nuovo   Ministro,   (Zaia   viene   eletto   governatore   del   Veneto)   e   la   musica   cambia.  Compaiono  62  delibere  contestate  dall’Enci;  la  stampa  locale  parla  di  «62  incarichi   professionali  ad  altrettante  figure  vicine  a  lui  o  alla  Lega»  che,  secondo  il  neoministro  Galan,   mettono  in  luce  «gravi  disfunzioni  registrate  nell'espletamento  dell'incarico  di  Commissario   ad   acta,   concretizzatesi   in   una   serie   di   comportamenti   e   di   atti   illegittimi,   adottati   in   violazione  del  potere  conferito  ed  in  spregio  alle  procedure».  «Questo  Enci  –  leggiamo  sempre   sulla   stampa   locale   –,   in   sostanza,   sarebbe   stato   un   vero   pozzo   di   San   Patrizio   e   avrebbe   sborsato  solo  per  il  primo  anno  la  bellezza  di  un  milione  e  700mila  euro  di  consulenze».  Il  15   giugno  arriva  la  revoca  da  parte  di  Galan,  con  decreto  n.  5890.     In  casa  Lega  sale  la  tensione.  Lusetti  è  uomo  stimato,  vice  segretario  nazionale  vicario  della   Lega  Nord  Emilia  Romagna,  già  consigliere  provinciale  e  candidato  alle  elezioni  europee  del   2009,   ma   la   sentenza   è   chiara.   Angelo   Alessandri,   segretario   nazionale   e   deputato,   che   sostenne  la  «candidatura  europea»  di  Lusetti,  decide  per  l’espulsione  l’8  luglio  2010.     Lusetti,  ovviamente,  non  ci  sta:  perché  andare  a  fondo  da  soli,  quando  ci  si  può  tirare  dietro   mezzo  partito?  E  così  spunta  una  lista  di  nomi  e  consulenze.  Ci  sono  due  assessori  del  comune   di  Guastalla:  Elisa  Rodolfi,  incaricata  di  «progettare  allevamenti»,  e  Eugenio  Batoli,  incaricato   di  «organizzare  manifestazioni  per  la  diffusione  della  conoscenza  della  cinofilia».  Poi  ci  sono   «il  commissario  provinciale  di  Reggio  e  consigliere  comunale  a  Novellara,  Orazio  Russotto»,  il   consigliere  comunale  (sempre  di  Reggio)  «Zeffirino  Irali,  ingaggiato  per  studiare  il  modo  in  cui   ridefinire   la   gestione   manageriale   dell’Ente   cinofilo»,   «un   consigliere   di   circoscrizione   e   dirigente  degli  studenti  padani,  Matteo  Bulgarelli»  e  tanti  altri.  Mezza  Reggio  Emilia  leghista,   insomma.     Il  15  luglio  la  vicenda  diventa  paradossale:  mentre  la  Lega  reggiana  chiede  ufficialmente  la   testa  del  vicesindaco  Lusetti,  il  portavoce  del  governatore  veneto  Zaia  fa  sapere  che  «Lusetti   ha  svolto  un  ottimo  lavoro  nelle  vesti  di  commissario  ad  acta  dell’Enci».  Questione  di  punti  di   vista.     Arriva   il   20   luglio   e,   alla   fine,   il   sindaco   Benaglia   decide   per   la   revoca   del   vicesindaco   e   dell’assessore   Rosa   Maria   Felicita   De   Lorenzi:   «il   rapporto   fiduciario   tra   le   parti   è   venuto   meno»,  spiegherà.  La  mattina  seguente,  l’epilogo  da  romanzo  giallo:  i  consiglieri  comunali  del   Pd  trovano,  fuori  dalle  porte  delle  loro  case,  dei  dossier  con  ritagli  di  giornali  e  una  lettera   anonima,  che  trattano  degli  incarichi  assegnati  dall’Enci  ai  due  assessori.     Ballaman,  il  leghista  viaggiatore     Edouard  Ballaman  è  balzato  agli  onori  della  cronaca  grazie  ai  viaggetti  che  faceva  in  auto  blu,   assieme  alla  compagna,  per  andare  e  tornare  dall'aeroporto,  per  andare  a  trovare  i  suoceri.  La  
  18. 18. 18   accompagnò  anche  dal  dentista.  Il  Messaggero  Veneto  ha  raccolto  tutti  i  viaggi  effettuati  dall’ex   Presidente   del   Consiglio   regionale   del   Friuli   Venezia   Giulia:   si   evince   che   la   prima   preoccupazione  dell’autista  di  Ballaman  fosse  la  fidanzata  del  Presidente.       Sono   state   registrate   numerose   cene   a   casa   dei   suoceri   e   varie   uscite   romantiche.   Non   mancano  i  viaggi  per  lunghe  distanze.  All’aeroporto  di  Milano  Malpensa,  ad  esempio,  per  il   viaggio  di  nozze.     Secondo   il   «leghista   viaggiatore»   il   vero   e   proprio   dossier   sarebbe   dovuto   alla   ritorsione   dell’autista  licenziato:  «Probabilmente  a  lasciarli  a  casa  mi  sono  inimicato  qualche  autista».   Una  congiura,  quindi.     Alla   tesi   del   complotto   crede   poco   la   Corte   dei   Conti   che   il   1   settembre   2010   ha   aperto   un'inchiesta  su  Ballaman  per  verificare  l'eventuale  danno  erariale  derivato  dal  presunto  uso   privato   dell'auto   di   servizio.   Bisogna   dire,   tuttavia,  che  Ballaman  ha  rinunciato  all’auto  il  1   aprile  2010,  non  prima  però  di  essersi  assicurato  per  tale  sacrificio  un  rimborso  di  3.200  euro   al  mese  aggiuntivi  rispetto  al  suo  stipendio  di  consigliere  regionale.     Qualche   anno   fa,   Ballaman   era   già   stato   protagonista   di   una   curiosa   vicenda,   e   cioè   «lo   scambio  delle  mogli  con  l'allora  sottosegretario  agli  Interni  Maurizio  Balocchi.  Niente  sesso,  si   capisce:   per   aggirare   la   legge   che   vieta   di   assumere   i   propri   parenti,   lui   prese   in   ufficio   la   signora   Laura   Pace,   compagna   di   Balocchi,   e   Balocchi   prese   come   collaboratrice   Tiziana   Vivian,   alla   quale   Ballaman   era   legato   prima   di   fidanzarsi   e   poi   sposarsi   con   l'attuale   compagna  di  autoblu».     Il  Messaggero  Veneto,  1  settembre  2010,  e  il  Fatto  Quotidiano,  17  settembre  2010.     Compagni  e  testimoni  di  Francesca  Zaccariotto     Francesca  Zaccariotto  è  stata  eletta  nel  2009  presidente  della  provincia  di  Venezia.  Poco  dopo   il  suo  insediamento  tra  le  disposizioni  che  fecero  discutere  ci  fu  quella  che  disponeva  l’invio  di   agenti  della  polizia  provinciale  armati  di  pistola  alla  caccia  di  ambulanti  abusivi  sul  litorale.   Nella   vita   quotidiana   Zaccariotto   sembra   però   interessarsi   più   di   parenti   che   di   ambulanti.   Nuova  Venezia  ci  racconta  che  Giorgio  Bonet,  compagno  della  Zaccariotto,  è  stato  nominato  da   lei   stessa   Direttore   Generale   di   Veneto   Agricoltura.   Alla   presidenza   dell'Ambito   Turistico   Provinciale,   invece,   Zaccariotto   ha   sponsorizzato   «Enrico   Miotto,   uomo   di   fiducia   della   sua   “lista   Zaccariotto”   alle   comunali   di   San   Donà   e   alle   provinciali:   anche   lui   ha   avuto   il   giusto   premio  visto  che  è  un  grande  amico  di  famiglia.  La  Zaccariotto  era  stata  testimone  di  nozze  al   matrimonio  di  Miotto,  sposato  con  la  migliore  amica  del  presidente  della  Provincia».     Il  Messaggero,  14  settembre  2010  e  la  Nuova  Venezia,  3  novembre  2009.     La  famiglia  Bossi  va  in  Europa     Sta   cadendo   nel   dimenticatoio   l'avventura   europea   della   famiglia   Bossi,   risalente   al   2004,   anno   in   cui   furono   assunti   al   Parlamento   europeo   Franco   Bossi   (fratello   di   Umberto)   e   Riccardo   (primogenito   nato   dal   primo   matrimonio   con   Gigliola   Guidali)   come   assistenti   dell'europarlamentare  Francesco  Speroni.  Portaborse  ben  remunerati,  riportava  Gian  Antonio   Stella   in   un   pezzo   di   allora,   considerato   che   ogni   deputato   riceveva   12.750   euro   per   i   collaboratori.  Oggi  Riccardo  Bossi  (30  anni)  sembra  aver  momentaneamente  accantonato  le   velleità  politiche  puntando  tutto  sulle  gare  di  rally.  Franco  è  tornato  a  gestire  un  negozio  di  
  19. 19. 19   autoricambi  a  Fagnano  Olona  (Va).     Un  concorso  pubblico  da  fare  invidia  a  Miss  Padania       Da  settecento  ad  otto,  nella  migliore  tradizione  degli  affollatissimi  concorsi  pubblici.  Questa   volta  si  aggiunge,  però,  l’elemento  «made  in  Padania»:  i  selezionati  furono  cinque  fanciulle   «padane».   C’è   la   figliola   del   candidato   leghista   alle   regionali,   la   nipote   dell’assessore   provinciale  leghista,  la  moglie  del  vicesindaco  leghista  del  capoluogo  e  ben  due  beneficiarie  di   contratto  ad  personam  presso  lo  stesso  assessorato  provinciale  retto  dal  medesimo  esponente   politico.  Leghista,  ovviamente.     Si  tratta  di  un  concorso  pubblico  per  otto  posti  da  impiegato  presso  la  Provincia  di  Brescia.  La   graduatoria  definitiva  viene  pubblicata  il  4  febbraio  2010.  Il  primo  posto  utile  lo  conquista   l’ottava  in  classifica.  Si  chiama  Sara  Grumi  ed  è  figlia  di  Guido,  candidato  alle  ultime  regionali   con   la   Lega   Nord,   nonché   assessore   del   Comune   di   Gavardo.   Trattasi   senz’altro   di   ragazza   particolarmente  preparata  visto  che,  nel  suo  palmarès,  c’è  già  un  contratto  di  collaborazione   con  le  istituzioni.  Anche  in  questo  caso  –  strano  ma  vero  –  con  l’amministrazione  provinciale   bresciana.     Tolti  i  candidati  al  settimo,  al  quarto  e  al  secondo  posto  della  graduatoria,  gli  altri  cinque  posti   da   impiegato   provinciale   finiscono   tutti   ad   altrettante   signore   o   signorine   di   «simpatie»   leghiste.     Al   sesto   posto   c’è   Katia   Peli.   Che   si   chiama   Peli   mica   per   caso,   ma   perché   è   la   nipote   dell’assessore   provinciale   leghista   alla   Pubblica   Istruzione   Aristide   Peli.   Gli   fa   anche   da   segretaria,  con  tanto  di  contratto  a  tempo  determinato.  Infatti,  tra  le  vincitrici  del  concorso  c’è   anche  Silvia  Raineri,  capogruppo  della  Lega  nel  consiglio  comunale  di  Concesio  e  moglie  del   vicesindaco  di  Brescia  Fabio  Rolfi.  Entrambi  leghisti.       In   testa   alle   graduatorie   ci   dovrebbero   essere   i   più   meritevoli   e   preparati,   almeno   così   vorrebbe   la   legge   ed   il   buon   costume.   Le   prescelte   sono   Cristina   Vitali   e   Anna   Ponzoni,   rispettivamente  la  prima  e  la  terza  classificata.  La  vicenda  sembra  assumere  i  toni  del  magico.   Ai  primi  posti  di  un  concorso  a  cui  hanno  partecipato  in  centinaia  finiscono  due  persone  che   non   solo   lavorano   già   in   Provincia.   Ma   che   addirittura   sono   impiegate   presso   il   medesimo   assessorato.  La  signora  Vitali  e  la  signora  Ponzoni  hanno  entrambe  un  contratto  ad  personam   con  l’assessorato  alle  Attività  produttive,  attualmente  guidato  dal  leghista  Giorgio  Bontempi.   Solo  un  mago  poteva  fare  tanto.     Tommaso  Labate,  «Carrocciopoli»,  Il  Riformista,  16  settembre  2010.     «Se  il  caso  non  ti  avesse  voluto  erede…»     Inizia  così  la  lettera  che  Marco  Pinti,  consigliere  provinciale  leghista  di  Varese  ha  indirizzato  a   Renzo  Bossi,  detto  Il  Trota  (La  Provincia  di  Varese,  7  febbraio  2010).  Il  consigliere  leghista  ed   esponente  nazionale  dei  Giovani  Padani  esprime  con  queste  parole  tutta  la  sua  delusione  per   l’investitura  a  consigliere  regionale  del  figlio  di  Umberto  Bossi.       Chissà   cosa   penserà   il   giovane   consigliere   Pinti   sull’idea   del   Senatùr   di   incoronare   il   figlio   Renzo   a   leader   del   carroccio:   scelta   a   cui   pare   abbia   partecipato   anche   Silvio   Berlusconi   (Corriere  della  Sera,  12  Settembre  2008).      
  20. 20. 20   Dopo  esser  stato  per  settimane  candidato  a  possibile  membro  di  un  osservatorio  per  l’Expo   2015   da   circa   12.000   euro   al   mese,   Renzo   finalmente   un   posto   l’ha   trovato:   nel   Consiglio   regionale  della  Lombardia.  Eletto  a  Brescia.  Con  tanti,  tantissimi  «Bossi»  sulla  scheda.     Ha   conquistato   il   prestigioso   incarico   con   vari   meriti:   tra   i   suoi   fiori   all’occhiello,   la   partecipazione  ad  un  gioco  di  Facebook,  Rimbalza  il  clandestino  (La  Stampa,  2  febbraio  2010),   e   il   ruolo   di   segretario   generale   (del   partito,   macché)   della   nazionale   di   calcio   padana,   campione  del  mondo  tra  le  nazioni  non  riconosciute.     «Un  ragazzo  massacrato»     Il  punto  forte  di  Renzo  non  è  il  merito  scolastico.  Del  resto  nemmeno  il  padre  brillava:  sono   leggendarie  le  tre  feste  di  laurea  organizzate  senza  mai  aver  ottenuto  il  «pezzo  di  carta».     Il  pargolo,  per  non  essere  da  meno,  solo  al  quarto  tentativo  è  riuscito  a  raggiungere  il  diploma.   Papà   Umberto   ci   ha   provato   in   tutti   i   modi   a   dare   una   spinta   all’erede,   ma   senza   grandi   risultati.     Dopo  l’esito  negativo  dell’esame  per  la  seconda  volta  a  luglio  del  2008,  Bossi  in  un  comizio   attacca  i  professori  «terroni»:  «Non  è  possibile  che  un  ragazzo  possa  essere  massacrato  agli   esami   soltanto   perché   ha   portato   una   tesina   su   Carlo   Cattaneo.   Bocciatura   politica,   gli   insegnanti  meridionali  stangano  i  nostri  militanti».  Il  leader  leghista  non  cita  esplicitamente  la   vicenda  del  figlio:  solo  poi  si  capisce  che  si  tratta  proprio  dell’erede.  Eppure  Bossi  pare  non   ricordare   che   sua   moglie   Manuela   Marrone,   la   mamma   di   Renzo,   ha   entrambe   le   caratteristiche:  insegnante  e  meridionale.     Contro  la  meridionalità  viene  presentato  un  ricorso  al  Tar  che  però  non  si  pronuncia  mai.  Il   Ministro  Gelmini,  dopo  un  colloquio  privato  con  il  Senatur,  decide  di  agire  in  «autotutela».  In   altre  parole,  il  ministro  dell’Istruzione  concede  al  figlio  del  collega  di  governo  una  seconda   occasione.     Evidentemente,  oltre  alla  commissione  meridionale,  qualche  colpa  la  doveva  avere  anche  il   rampollo:   al   terzo   round   che   si   tiene   a   novembre   dello   stesso   anno   Renzo   va   di   nuovo   al   tappeto.  Bocciato:  e  sono  tre.  A  massima  tutela,  è  presente  all’esame  anche  un  ispettore  del   Ministero,  che  certifica  la  conclamata  impreparazione  del  Trota.     Finalmente  Renzo  al  quarto  tentativo  si  diploma  con  il  voto  di  69/100.  Giubilo  in  casa  Bossi  il   quale  esulta  dal  palco  di  una  festa  padana:  «Renzo  è  stato  promosso!».  Pronto  per  il  Consiglio   regionale  della  Lombardia.     Corriere   della   Sera,   4   ottobre   2008;   la   Stampa,   29   novembre   2008   e   la   Repubblica,   29   novembre  2008.     La  famiglia  tradizionale  approda  in  Regione  Piemonte     Nei  primi  e  pochi  mesi  di  presidenza  di  Roberto  Cota,  in  Piemonte,  alcuni  attenti  osservatori   (Tommaso  Labate,  «Che  parentopoli  nel  Piemonte  dell'era  Cota»,  Il  Riformista,  9  settembre   2010)  hanno  però  notato  come,  nell’attesa  di  conoscere  gli  esiti  del  riconteggio,  i  nuovi  vertici   regionali  non  abbiano  perso  tempo,  provando,  e  riuscendo  in  moltissimi  casi,  a  collocare  nella   struttura  pubblica  dell’amministrazione  regionale  amici  e  parenti.  Soprattutto  parenti.  Nella   segreteria  del  governatore  lavora  infatti  Michela  Carossa,  figlia  del  capogruppo  in  Consiglio  
  21. 21. 21   Mario   Carossa,   come   collaboratrice   dell’ufficio   comunicazione.   Paola   Ambrogio,   moglie   dell’attuale   assessore   all’Ambiente   Roberto   Ravello,   lavora   alla   segreteria   dell’assessore   regionale  ai  trasporti  William  Casoni.  Entrambi  gli  assessori  sono  di  provenienza  aennina  e  la   signora,  dacché  è  stata  assunta  si  occupa  di  attività  direttiva  istruttoria  complessa  a  supporto   dell’assessore.     «Il   “tengo   famiglia”,   scrive   Il   Riformista,   non   è   però   un'esclusiva   dei   capigruppo   o   dei   componenti  della  giunta.  Anche  tra  gli  affetti  dei  “semplici”  consiglieri  si  trovano  persone  in   grado  di  dare  una  mano  in  cambio  di  uno  stipendio  garantito  dalla  collettività.  La  sorella  del   pidiellino  Francesco  Toselli,  Maria  Cristina,  lavora  al  gruppo  del  Popolo  delle  libertà.  Poche   scrivanie  più  in  là  c'è  Daniela  Rasello  in  Greco,  figlia  del  consigliere  regionale  Rosanna  Costa,   anch'essa  del  Pdl.  (…)  Cambiando  l'ordine  dei  gruppi  consiliari  della  maggioranza  il  risultato   non  cambia.  Il  capogruppo  dei  “Pensionati  con  Cota”  Michele  Giovine,  al  centro  dell'indagine   penale  sulle  firme  false  per  la  presentazione  della  (sua)  lista  alle  ultime  elezioni,  ha  alle  dirette   dipendenze  del  (suo)  gruppo  la  sorella  Sabrina.  L'ennesimo  caso  in  cui  la  famiglia  entra  nel   partito».       Innamorati,  sempre  di  più,  per  amore  della  Lega     Ne   parleremo   nella   sezione   dedicata   alla   scuola   padana,   ma   vi   anticipiamo   che   la   «Libera   scuola  dei  popoli  padani»  -­‐  meglio  conosciuta  come  «Scuola  Bosina»  -­‐  a  Varese  è  stata  fondata   da  Manuela  Morrone,  moglie  di  Bossi,  e  oggi  è  presieduta  dall'ex  parlamentare  leghista  –  ora   presidente  della  Provincia  di  Varese  -­‐  Dario  Galli.  La  scuola  si  è  portata  a  casa  –  grazie  alla   «legge  mancia»  -­‐  la  bellezza  di  800  mila  euro  (300mila  per  il  2009,  500mila  per  il  2010).       Marco  Reguzzoni,  capogruppo  del  Carroccio  alla  Camera  e  promessa  della  Lega,  è  sposato  con   la  figlia  di  Francesco  Speroni,  al  momento  Europarlamentare.  Il  matrimonio  è  avvenuto  nel   2000,  Reguzzoni  è  stato  candidato  alla  presidenza  della  provincia  di  Varese  nel  2002.       Gianna  Gancia,  compagna  di  Roberto  Calderoli,  dal  2009  è  presidente  della  provincia  di  Cuneo.     L'ultima  parola...     ...la   lasciamo   al   figlio   di   Umberto   Bossi,   ma   non   Renzo,   Riccardo:   «Dov’è   il   problema?   È   normale  che  un  padre  cerchi  di  far  capire  ai  suoi  figli  quello  che  fa.  E  i  figli,  vedendo  un  padre   così   che   lotta,   che   non   si   arrende   mai,   nemmeno   alla   più   schifosa   delle   malattie,   cosa   dovrebbero  fare?  Mio  padre  è  un  uomo  vero,  ha  due  palle  così,  trasmette  una  carica  pazzesca  e   trascina   milioni   di   persone.   Perché   non   dovrebbe   trascinare   anche   i   figli?   Se   uno   ha   un'azienda   chi   pensa   di   inserire?   I   suoi   figli   o   degli   estranei?   Certo   che   la   Lega   non   è   un'azienda.  Ma  non  bestemmio  se  dico  che  mio  padre  la  sente  sua».     Affaritaliani.it,  25  maggio  2010.          
  22. 22. 22   Più  voti  alla  Lega,  meno  soldi  ai  Comuni         La  finanziaria  che  ammazza  il  federalismo     «Finanziaria,  via  un  terzo  del  bilancio».  Il  presidente  della  Regione  Formigoni  commenta  così   la   Finanziaria   del   governo   Berlusconi:   «manovra   insostenibile   e   squilibrata».   La   Lega   ha   il   coraggio  di  dichiarare:  «la  devoluzione  non  si  tocca»  (Corriere  della  Sera,  27  maggio  2010).   I   tagli   della   manovra   finanziaria   che   si   sono   abbattuti   sugli   enti   locali   hanno   riguardato   le   regioni   e,   pesantemente,   i   Comuni.   Un   dato   che   riguarda   l’intera   Lombardia   ci   dice   che   solamente   nei   comuni   con   più   di   cinquemila   abitanti,   443   su   1500,   il   taglio   previsto   dal   Governo  è  di  1,4  miliardi  di  euro,  spalmato  su  due  anni.  Stringiamo  il  campo,  e  concentriamoci   sulla  provincia  di  Varese,  dove  la  Lega  affonda  le  sue  radici,  e  che  dovrebbe  essere,  a  rigor  di   logica,  tra  i  territori  di  cui  la  Lega  si  fa  più  strenuamente  difensore:  «I  quarantasette  comuni   con   popolazione   superiore   ai   cinquemila   abitanti,   cioè   quelli   che   sono   soggetti   al   patto   di   stabilità,  dovranno  tagliare  la  spesa  di  31.220  milioni  nel  2011  e  di  42.208  milioni  nel  2012».   Il  totale  è  di  73.428  milioni  (settantatremilamilioni!)  di  euro.  In  due  comode  rate  annuali.  Gli   interessi   li   pagheranno   i   cittadini,   che   vedranno   tagliati   tanti   servizi   basilari   garantiti   dai   comuni.   Esistono,   inoltre,   dei   casi   assolutamente   straordinari,   come   quello   di   Cardano   al   Campo,   comune  di  14.000  abitanti,  amministrato  dal  centrosinistra,  che  il  19  maggio  2010  ha  ricevuto   dal   Ministro   Brunetta   in   persona   il  Premio   Qualità   2009   per   il   concorso   «Premiamo   i   risultati»,  all’interno  del  progetto  Performance  Consortium  con  la  seguente  motivazione:  «per   aver   attuato   nel   2009   un   piano   di   miglioramento   che   ha   coinvolto   diffusamente   l’organizzazione   e   gli   stakeholder   e   raggiunto   i   risultati   attesi».   Insomma,   una   gestione   virtuosa,  che  sarà  premiata  (si  fa  per  dire)  anche  dalla  finanziaria:  «Cardano  al  Campo  dovrà   risparmiare  circa  il  30  per  cento  rispetto  al  2010,  quasi  6,9  milioni  nel  biennio,  più  di  quanto   imposto  a  Busto  Arsizio  (quasi  82.000  abitanti),  che  pure  dovrà  contrarre  la  spesa  di  oltre  il  14   per  cento».   Ma  cosa  pensa  la  Lega  Nord  dei  tagli  che  ha  approvato?  Il  sindaco  leghista  di  Varese,  Attilio   Fontana,  che  è  anche  presidente  di  Anci  Lombardia,  sostiene,  diversamente  dai  suoi  colleghi   ‘romani’,   che   «così   la   manovra   è   insopportabile»,   (Varesenews,   17   giugno   2010).   Lo   stesso   Fontana  qualche  giorno  più  tardi,  si  lascia  andare.  Le  sue  uscite  sono  memorabili:     «Tutto  si  può  dire,  meno  che  questa  sia  una  Finanziaria  federalista...».   «Purtroppo   è   la   Finanziaria   nel   suo   complesso   a   non   muoversi   nella   direzione   del   federalismo,  ne  tradisce  i  concetti  cardine  e  cioè  la  libertà  per  gli  enti  locali  unita  al   principio  di  responsabilità».   «Rischiamo  di  condurre  alla  morte  molte  delle  nostre  città  e  dei  nostri  territori».     Attilio  Fontana,  sindaco  di  Varese,  Lega  Nord,  Corriere  della  Sera,  22  giugno  2010.     Trasferimenti  dello  Stato  ai  Comuni  del  Veneto     Chissà  come  vanno  le  cose  in  Veneto.  Lì  c’è  Zaia,  che  è  uno  che  sa  il  fatto  suo  e  sicuramente  in   questi  anni  è  riuscito  a  condizionare  gli  alleati  per  dare  più  risorse  alla  sua  regione2:     2  Dati  raccolti  da  Marco  Stradiotto  (www.marcostradiotto.it).  

×