OK 001-010   introd:001/010   introd   18-09-2009   10:34   Pagina 1                              GUIDA AL LAVORO         ...
OK 001-010   introd:001/010          introd       18-09-2009          10:34       Pagina 2               Guide NIdiL      ...
OK 001-010           introd:001/010   introd   18-09-2009     10:34   Pagina 4   4 PRESENTAZIONE                          ...
OK 001-010   introd:001/010   introd   18-09-2009   10:34   Pagina 6                                                      ...
OK 001-010      introd:001/010   introd   18-09-2009    10:34    Pagina 8   8 PREMESSA                                    ...
OK 001-010   introd:001/010   introd   18-09-2009   10:34   Pagina 10
11 ITALIANOITALIANO
INDICEGUIDA ALLA SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO                                                                  13 ITALIANO I...
Misure incentivanti                                     26          Formatemp                                             ...
L’Agenzia vuole interrompere la missione               47    SESTA PARTE                                                  ...
l’istituto dello staff leasing, può essere concluso solamente a tempo deter-                                              ...
per le aziende che, negli ultimi 6 mesi, hanno ridotto il personale         zio e la durata prevista del contratto di somm...
• il riferimento al Ccnl applicato nell’impresa utilizzatrice;              somministrazione a tempo determinato si applic...
• la data di inizio e il termine dello svolgimento dell’attività lavora-             Il versamento dei contributi all’Inps...
Il nuovo contratto ha determinato modifiche di forte innovazione per tut-                              Nella fase di prima...
ri con più di 50 anni. Per tutta la durata dei suddetti periodi ai lavoratori      somministrazione di una stessa impresa ...
INQUADRAMENTO, PERIODO DI PROVA E RETRIBUZIONE                                ATTENZIONE Se sei assunto con contratto a te...
Trattamento di fine rapporto                                                    ATTENZIONE Esigi il rispetto del diritto a...
l’impresa utilizzatrice (oltre all’addestramento specifico, su delega           • per periodi lavorativi pari a 6 mesi e f...
agenzie pari al 4% della retribuzione lorda dei lavoratori, così come previ-           di fuori dell’orario di lavoro e ne...
iniziative per la promozione di percorsi di qualificazione e riqualifica-        rimborso dei ticket pari al 100% per visi...
Guida interinali (italiano)
Guida interinali (italiano)
Guida interinali (italiano)
Guida interinali (italiano)
Guida interinali (italiano)
Guida interinali (italiano)
Guida interinali (italiano)
Guida interinali (italiano)
Guida interinali (italiano)
Guida interinali (italiano)
Guida interinali (italiano)
Guida interinali (italiano)
Guida interinali (italiano)
Guida interinali (italiano)
Guida interinali (italiano)
Guida interinali (italiano)
Guida interinali (italiano)
Guida interinali (italiano)
Guida interinali (italiano)
Guida interinali (italiano)
Guida interinali (italiano)
Guida interinali (italiano)
Guida interinali (italiano)
Guida interinali (italiano)
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Guida interinali (italiano)

2,468

Published on

Guida interinali (italiano)

Published in: Career
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
2,468
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
25
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Guida interinali (italiano)

  1. 1. OK 001-010 introd:001/010 introd 18-09-2009 10:34 Pagina 1 GUIDA AL LAVORO IN SOMMINISTRAZIONE IN ITALIA GUIDE TO WORK SUPPLY IN ITALY GUIDE DU TRAVAIL INTÉRIMAIRE EN ITALIE GUÍA A LA SUMINISTRACIÓN DE TRABAJO IN ITALIA
  2. 2. OK 001-010 introd:001/010 introd 18-09-2009 10:34 Pagina 2 Guide NIdiL Guida al lavoro in somministrazione in Italia Pubblicazione a cura di NIdiL-Cgil Sistema servizi-Cgil GUIDA AL LAVORO Traduzioni IN SOMMINISTRAZIONE Testo in inglese: a cura della redazione IN ITALIA Testo in francese: Elodie Bauzon da pagina 11 Testo in spagnolo: Alessandro Gaetano Erro 3 ITALIANO La guida 2009 al lavoro in somministrazione vogliamo Testo in Arabo: Ziad Elayyan che sia uno strumento importante di informazione per tut- Si ringraziano GUIDE I compagni e le compagne di NIdiL-Cgil, te quelle persone che lavorano con contratti di lavoro TO WORK SUPPLY e in particolare Giuseppe Benincasa, IN ITALY Francesco D’alessandro e Raffaele Paudice, temporaneo. Per questo motivo abbiamo scelto di pubbli- from page 85 che hanno collaborato alla pubblicazione della guida. care questa guida in cinque lingue, perché siamo consape- voli che nel nostro paese sono molti i lavoratori stranieri Progetto grafico Giovanna Massini GUIDE DU TRAVAIL Illustrazione di copertina Stefano Navarrini che lavorano attraverso le agenzie di somministrazione. ENTÉRIMAIRE Stampato a Roma in luglio 2009 EN ITALIE presso Tipografia Fratelli Spada, Ciampino (Rm) Ogni lavoratore, infatti, ha diritto a conoscere le norme de la page 135 giuridiche che regolano il proprio contratto di lavoro, i propri diritti e i propri doveri, e ad avere tutte le informa- GUÍA A LA SUMINISTRACIÓN zioni utili per poter essere più forti in questo difficile DE TRABAJO NIdiL-Cgil Nazionale mondo del lavoro. EN ITALIA Via Palestro 78, - 00185 Roma de la pàgina 191 www.nidil.cgil.it telefoni +39 06 44340310 - 06 44340510 Speriamo che aver dato la possibilità di leggere nella fax +39 06 44340282 propria lingua norme legislative e contrattuali a volte molto difficili possa facilitare tutti i lavoratori immigrati ad avere una maggiore consapevolezza dei diritti di cui sono titolari, e a cui non devono rinunciare. Cgil Sistena Servizi Via IV Fontane 109, 00184 Roma Telefono +39 06 48042902 Fax +39 06 4743386  2009 copyright Nuove Identità di Lavoro-Cgil Sono riservati per tutti i Paesi: la traduzione, l’adattamento totale o parziale, la riproduzione con qualsiasi mezzo inclusi i microfilm e le fotocopie, nonché la memorizzazione elettronica.
  3. 3. OK 001-010 introd:001/010 introd 18-09-2009 10:34 Pagina 4 4 PRESENTAZIONE 5 PRESENTAZIONE PRESENTAZIONE Un risultato controcorrente, dunque, che in una fase in cui si continua a deregolamentare il lavoro, a rafforzare il dumping fra tipologie, a indebolire il confronto fra le par- ti, difende e rafforza la somministrazione come “la forma” di flessibilità in grado di rispondere alle esigenze delle imprese rispettando e tutelando il lavoro; affidando nel contempo alle parti sociali degli utilizzatori il governo Quasi un anno fa, il 24 luglio 2008, si arrivava alla firma dell’uso della stessa secondo le esigenze e le modalità definitiva del nuovo CCNL dei lavoratori in somministrazione. richieste da ciascun settore Alle spalle un percorso complesso: la comune volontà Un contratto che, prodotto in tempi ordinari, sta reggen- delle parti di rilanciare, innovando, la somministrazione do anche la prova di una fase difficile quale l’attuale, rap- come “forma” della flessibilità regolamentata e contratta- presentando persino, per molti mesi, l’unico sostegno per i ta; un cambio di normativa che, abolendo lo staff leasing, lavoratori interinali colpiti dalla crisi e consentendo in più ha consentito per la prima volta di ragionare seriamente l’intesa aggiuntiva intercorsa per il suo rafforzamento con il sul rafforzamento del tempo indeterminato, normativa- Ministero ed ora in corso di confronto con le Regioni. mente previsto e quasi per niente usato; un confronto E’ questo il contratto che, intrecciato agli aspetti strut- serio, a tutto campo, che ha cercato puntigliosamente, su turali e normativi, presentiamo con questa nuova edizione ogni voce, soluzioni adeguate ed equilibrate. della Guida per il lavoro somministrato. L’obiettivo è ren- Il risultato è un contratto “in continuità”, ma forte- derne agevole la comprensione per i lavoratori, italiani e mente innovativo; che cerca di spostare il baricentro dalla stranieri, che ne saranno interessati; ma anche farne agile “missione” al lavoro ed alla professionalità come “cifra” strumento di lavoro per quanti, operatori sindacali, RSU, della somministrazione; che affina la parte normativa; che avvertano l’esigenza di “conoscere” la somministrazione. rafforza le tutele sino a prevedere norme di sostegno e di reinserimento per la maternità, forme di auto tutela su Filomena Trizio sicurezza, la costruzione di una previdenza integrativa Segretaria Generale NIdiL-Cgil “solidarmente” sostenuta dalla bilateralità; che estende le relazioni sindacali al territorio, superando l’attuale centra- lizzazione, come modalità per avvicinare la gestione dei processi e per insediare la cultura contrattuale.
  4. 4. OK 001-010 introd:001/010 introd 18-09-2009 10:34 Pagina 6 7 PREMESSA PREMESSA ll Sistema dei Servizi della Cgil, impegnato istituzional- mente nello sviluppo e nel coordinamento delle iniziative che possono arricchire la già importante rete di tutele individuali della Confederazione, sostiene e promuove l’ informazione e la crescita della cultura dei diritti. Il cittadino deve poter conoscere i propri diritti, deve sapere come esercitarli e, se serve, cosa fare per vederli riconosciuti. In questa logica la Cgil ha sempre svolto un’immensa attività di formazione e di informazione tra i quadri, i dele- gati, i lavoratori per illustrare le conquiste sociali ottenute con l’attività contrattuale e attraverso le leggi fortemente volute dal movimento sindacale. Le Guide della Cgil, quelle elaborate dalle varie categorie sindacali e dai servizi storici come il patronato Inca, i Caaf, gli Uffici Vertenze e legali, hanno svolto nei cento anni di vita di questo grande sindacato un ruolo straordinario di crescita culturale e sociale degli iscritti, ma anche, senza eccesso di presunzione, di larga parte del paese. Spiegare un contratto, dare notizia delle leggi e della loro applicazione, enucleare i diritti garantiti dallo Stato sociale, indicare con precisione e chiarezza le cose da fare, mettersi a disposizione in tutti i modi per aiutare e soste-
  5. 5. OK 001-010 introd:001/010 introd 18-09-2009 10:34 Pagina 8 8 PREMESSA 9 PREMESSA nere i lavoratori e i pensionati nei loro percorsi lavorativi temente impegnati a fare tutta la loro parte. L’obiettivo è e durante il pensionamento, per la Cgil sono state sempre dare ai lavoratori di questa categoria, italiani e stranieri, scelte obbligate. Sia nei confronti di chi ha chiesto di particolarmente esposti alla vulnerabilità del mercato, i essere rappresentato sia degli altri cittadini. supporti necessari per affrontare la difficile realtà che stia- La costruzione insieme a Nidil della Guida alla sommini- mo vivendo. strazione di lavoro non poteva che vedere il Sistema dei Anche questa Guida sulla somministrazione di lavoro, servizi della Cgil fautore e sostenitore convinto di una così ricca di informazioni, di spiegazioni, di percorsi da simile iniziativa. Così è avvenuto. seguire, realizzata in tante lingue, si colloca nel solco di D’altra parte sono proprio queste le occasioni più pro- un sforzo non indifferente, ma di grande valenza sociale, pizie per la difesa delle condizioni dei lavoratori in quanto che è quello di garantire una tutela a tutto campo. Qui c’è favoriscono l’intreccio tra sindacato di categoria e sistema tutta l’informazione che serve sulla normativa, sul contrat- dei servizi: le due facce della rappresentanza della Cgil, to, sugli enti bilaterali , su come si legge una busta paga, quella politico-sindacale, in questo caso esercitata da su cosa fare se succede….sino all’indicazione delle varie Nidil, e quella legata alla tutela della persona sul piano componenti della Cgil che possono offrire consulenza, dei diritti sociali, esercitata dai servizi. assistenza, rappresentanza. D’altra parte è la stessa scelta di mettere al centro la L’illustrazione particolareggiata, contenuta nella Guida, persona con l’insieme dei suoi bisogni, che porta a di tutti i servizi, dal patronato Inca, ai Caaf, dagli Uffici ver- cogliere contemporaneamente i bisogni di rappresentanza tenze e legali, agli Sportelli di orientamento al lavoro, con i sindacale e collettiva e i bisogni propri del singolo indivi- vantaggi commerciali per gli iscritti, fanno capire quanta duo: il suo portato personale, familiare e sociale. E se è attività è messa in campo dalla Cgil nel suo complesso. Un’ inequivocabile la complessità, e al tempo stesso la non attività che, ci auguriamo, possa costituire un efficace separabilità di molti di questi problemi, la risposta non sostegno per i lavoratori che hanno scelto Nidil, il sindacato può essere frammentaria e parziale. Per essere efficaci e al quale hanno giustamente affidato l’impegno di far valere solidali la risposta deve essere integrata. i loro sacrosanti diritti col contratto di lavoro e durante il E proprio perché i bisogni sociali sono sempre più ampi loro complicato percorso lavorativo e pensionistico. e globali, soprattutto da quando il mondo del lavoro e lo Stato sociale sono entrati in un regime di progressiva pre- carietà - il tutto aggravato dalla crisi economica che stia- Pietro Ruffolo mo attraversando - Cgil , Nidil e Sistema servizi sono for- Coordinatore nazionale Sistema Servizi Cgil
  6. 6. OK 001-010 introd:001/010 introd 18-09-2009 10:34 Pagina 10
  7. 7. 11 ITALIANOITALIANO
  8. 8. INDICEGUIDA ALLA SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO 13 ITALIANO INDICE Che cos’è la somministrazione 18PRIMA PARTELA NORMATIVA SULLA SOMMINISTRAZIONE Quando è ammessa 19 Quando è vietata 19 Quali requisiti sono richiesti ai soggetti abilitati alla somministrazione 20 Il contratto commerciale tra Agenzia e impresa utilizzatrice 20 Il contratto tra lavoratore e Agenzia per il lavoro 21 Il contratto a tempo determinato 21 La forma del contratto 21 Le norme di riferimento 22 Il contratto a tempo indeterminato 23 La forma del contratto 23 Le norme di riferimento 24 Regime fiscale, previdenziale e assicurazione Inail 24SECONDA PARTELA CONTRATTAZIONE Il Ccnl dell’impresa utilizzatrice: diritti e doveri dei lavoratori in somministrazione 25 Il Ccnl delle Agenzie di somministrazione di lavoro 25 Rafforzamento del tempo indeterminato 26
  9. 9. Misure incentivanti 26 Formatemp 35 Trasformazione automatica 26 Ebiref 37 Indennità di disponibilità 27 Procedura in caso di mancanza di lavoro 27 L’ente bilaterale contrattuale per le prestazioni 3814 ITALIANO INDICE 15 ITALIANO INDICE Le proroghe del contratto 28 Ebitemp 38 Diritti sindacali 28 Integrazioni in caso di infortunio 38 Tutela sanitaria 38 I rappresentanti dei lavoratori 28 Prestiti personali 39 Assemblea sindacale 29 Sostegno alla maternità e contributo per asilo nido 39 Permessi sindacali 29 Sostegno al reddito in caso di disoccupazione 40 Decentramento delle relazioni sindacali 29 Contributo per mobilità territoriale 40 Inquadramento, periodo di prova e retribuzione 30 QUARTA PARTE L’inquadramento 30 Il periodo di prova 30 CHE COSA SUCCEDE SE… Il trattamento retributivo 31 L’Agenzia vi chiama per una missione 40 Il premio di produzione 31 Il Trattamento di fine rapporto 32 La missione proposta non vi soddisfa o siete già impegnati 40 13a mensilità, festività e altre mensilità aggiuntive 32 Siete in missione e vi ammalate 41 Maternità 32 Subite un infortunio sul lavoro 42 Igiene e sicurezza sul lavoro 33 Modulo di informazione sui rischi per la salute Aspettate un bambino e lo scoprite mentre e la sicurezza sul lavoro 33 siete in missione 43 Formazione 33 Diritto di autotutela del lavoratore 34 Non avete i requisiti per l’indennità di maternità Inps 44 La previdenza integrativa 34 Avete ripreso il lavoro dopo il parto 45 State allattando il vostro bambino 45 TERZA PARTE GLI ENTI BILATERALI E LE PRESTAZIONI A SOSTEGNO Il vostro bambino si ammala oppure un familiare DEI LAVORATORI ha bisogno di assistenza 45 Cosa sono gli enti bilaterali 35 Dovete mandare il vostro bambino all’asilo nido 46 Gli enti bilaterali per la formazione 35 Siete lavoratori studenti 46
  10. 10. L’Agenzia vuole interrompere la missione 47 SESTA PARTE CHI TI PUÒ AIUTARE IN CGIL Volete dimettervi prima della fine della missione 47 Il Sistema servizi Cgil 5616 ITALIANO INDICE 17 ITALIANO INDICE Vi hanno contestato una mancanza 48 L’Inca-Cgil 56 Volete iscrivervi al sindacato 49 Il Caaf-Cgil 57 I Sol (Sportelli Orientamento lavoro) 57 Siete rappresentanti sindacali e volete usufruire Gli Uffici vertenze legali 58 di un permesso sindacale 49 Gli Uffici immigrati della Cgil 58 Volete partecipare a un’assemblea sindacale 49 Lo Spi-Cgil 59 Avete terminato la missione e non avete un altro lavoro 50 Le categorie della Cgil 59 Avete accumulato più periodi lavorativi NIdiL-Cgil 63 presso la stessa Agenzia per il lavoro 50 La Carta servizi Cgil. Tutti i vantaggi per gli iscritti 63 Vi assegnano una missione in una città o in una I vantaggi in più per gli iscritti NIdiL-Cgil 64 regione diversa da quella nella quale risiedete 51 ALLEGATI QUINTA PARTE COME LEGGERE LA BUSTA PAGA Decreto legislativo del 10/09/2003 n. 276 65 Il calcolo della retribuzione oraria 52 Ammortizzatori sociali e strumenti di sostegno al reddito per i lavoratori in somministrazione 82 Il calcolo della 13a e della 14a mensilità 53 Fac-simile foglio di calcolo Il calcolo delle ferie, dei permessi individuali retribuiti e della riduzione dell’orario di lavoro 54 Come si calcolano le ore di assemblea sindacale maturate 55
  11. 11. l’istituto dello staff leasing, può essere concluso solamente a tempo deter- minato. Il lavoratore, invece, ha un contratto di lavoro, a tempo determinato o indeterminato, con le Agenzie di somministrazione e svolge la sua attività presso un’impresa utilizzatrice per un tempo determinato. Per tutta la durata della somministrazione i lavoratori svolgono la propria attività sot- to la direzione e il controllo dellutilizzatore. GUIDA AL LAVORO IN SOMMINISTRAZIONE La somministrazione è regolata da norme e contratti:18 ITALIANO LA NORMATIVA 19 ITALIANO LA NORMATIVA a) dalla normativa di legge, in particolare il dlgs 276/2003; b) dal contratto collettivo nazionale di lavoro, stipulato con le Agenzie di somministrazione di lavoro; c) dai contratti collettivi applicati dalle singole imprese utilizzatrici. LA SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO CHE COS’È LA SOMMINISTRAZIONE PRIMA PARTE L’istituto della somministrazione di lavoro ha sostituito (dlgs n. LA NORMATIVA SULLA SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO 276/2003) la precedente disciplina del lavoro interinale (artt. 1-11, Legge n. 196/1997). La somministrazione di lavoro è un istituto simile, ma non uguale, al QUANDO È AMMESSA lavoro interinale. La somministrazione di lavoro a tempo determinato, secondo la legge, è Nella somministrazione i soggetti coinvolti nel rapporto di lavoro sono tre: ammessa per ragioni di carattere tecnico, produttivo, organizzativo o • il somministratore, un’Agenzia per il lavoro autorizzata dal Ministero sostitutivo dell’azienda utilizzatrice, anche se riferibili all’attività ordina- del Lavoro; ria dell’azienda. • l’utilizzatore, un’impresa pubblica o privata; I contratti collettivi nazionali applicati dalle singole aziende utilizzatrici • il lavoratore. possono stabilire le percentuali massime di lavoratori con contratto di som- ministrazione che un’impresa può avere (art. 20, comma 4, dlgs 276/03). Tra questi tre soggetti vengono stipulati due diversi contratti: • il contratto commerciale di somministrazione di lavoro, concluso tra QUANDO È VIETATA l’Agenzia per il lavoro e l’impresa utilizzatrice; • il contratto di lavoro concluso tra l’Agenzia per il lavoro e il lavoratore. Non è ammesso il ricorso alla somministrazione nei seguenti casi (art. 20, comma 5, dlgs 276/03): Con il contratto commerciale di somministrazione l’Agenzia per il lavoro per le imprese che non hanno effettuato la valutazione dei rischi in (detto somministratore) mette a disposizione di un’impresa (detta utiliz- base alle disposizioni del dlgs n. 81/2008 (Testo Unico in materia di tute- zatrice) uno o più lavoratori assunti direttamente dall’Agenzia. Il contratto la della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro); di somministrazione, secondo la normativa vigente, dopo l’abolizione del- per la sostituzione di lavoratori che esercitano il diritto di sciopero;
  12. 12. per le aziende che, negli ultimi 6 mesi, hanno ridotto il personale zio e la durata prevista del contratto di somministrazione; i motivi del ricor- attraverso licenziamenti collettivi di lavoratori addetti alle stesse mansio- so alla somministrazione; il numero dei lavoratori interessati; e tutti gli altri ni a cui si riferisce il contratto di somministrazione o che abbiano fatto elementi previsti dalla legge (art. 21, comma 1, del dlgs n. 276/2003). ricorso alla cassa integrazione guadagni. In caso di somministrazione vietata è prevista una sanzione amministra- Qualora il contratto commerciale non sia stipulato in forma tiva pecuniaria che va da euro 250 a euro 1.250 a carico dell’Agenzia di som- scritta, si ritiene nullo e i lavoratori si considerano a tutti gli effetti dipen- ministrazione e dell’impresa utilizzatrice (art. 18, comma 3, dlgs 276/03). denti dell’impresa utilizzatrice (art. 21, comma 4, del dlgs n. 276/2003).20 ITALIANO LA NORMATIVA 21 ITALIANO LA NORMATIVA QUALI REQUISITI SONO RICHIESTI AI SOGGETTI ABILITATI IL CONTRATTO TRA LAVORATORE E AGENZIA PER IL LAVORO ALLA SOMMINISTRAZIONE Il lavoratore può essere assunto dall’Agenzia in due forme diverse: Le Agenzie per il lavoro possono svolgere più attività: somministrazione a tempo determinato a tempo determinato, intermediazione di manodopera, ricerca e selezione a tempo indeterminato del personale, supporto alla ricollocazione professionale; in precedenza avevano il vincolo dell’attività interinale esclusiva. IL CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO Per poter operare nella somministrazione le Agenzie devono essere pre- ventivamente autorizzate dal Ministero del Lavoro e iscritte in un apposito La forma del contratto albo informatico, istituito presso lo stesso Ministero. Il contratto di lavoro tra lavoratore e Agenzia di somministrazione deve Per essere autorizzate le Agenzie devono possedere i requisiti giuridici e essere stipulato all’atto dell’assunzione in forma scritta. finanziari prescritti dall’art. 5 del dlgs 276/2003. Per poter svolgere questa attività, e per una maggiore trasparenza, le La lettera di assunzione deve contenere i seguenti elementi: Agenzie sono obbligate a specificare gli estremi dell’autorizzazione sia nel contratto stipulato con l’impresa utilizzatrice, sia nel contratto con il • i motivi per i quali si ricorre alla somministrazione di lavoro; lavoratore. • l’indicazione dell’Agenzia per il lavoro con gli estremi dell’auto- rizzazione rilasciata dal Ministero del Lavoro e degli estremi del È bene quindi “fuggire” da quei soggetti che non rendono versamento e della banca presso cui è stato effettuato il depo- esplicite le autorizzazioni ricevute perché la non chiarezza è sinonimo di sito; scarsa garanzia per i lavoratori sia nella certezza della giusta retribuzione, • l’indicazione dell’impresa utilizzatrice e il referente in azienda; sia nel versamento dei contributi. • l’indicazione del gruppo di appartenenza del lavoratore secondo quanto previsto dal Ccnl; • l’indicazione della mansione che espleterà il lavoratore presso l’u- IL CONTRATTO COMMERCIALE TRA AGENZIA E IMPRESA UTILIZZATRICE tilizzatore e il relativo inquadramento; • l’eventuale indicazione del periodo di prova e la durata dello stesso; Il contratto commerciale tra l’Agenzia e l’impresa utilizzatrice deve essere • l’eventuale previsione della penalità massima di risoluzione antici- stipulato obbligatoriamente in forma scritta e deve contenere: gli estremi pata del rapporto da parte del lavoratore rapportata alla durata dell’autorizzazione rilasciata all’Agenzia di somministrazione; la data di ini- della missione residua;
  13. 13. • il riferimento al Ccnl applicato nell’impresa utilizzatrice; somministrazione a tempo determinato si applicano le norme del contratto • l’indicazione del contratto integrativo di secondo livello, ove esi- a termine (dlgs n. 368/2001), con esclusione delle norme su proroga e stente e del trattamento economico spettante distinto per voci; successione di più contratti a termine (art. 22, comma 1, del dlgs n. • il luogo dove dovrà svolgersi la prestazione; 276/2003). • l’orario di lavoro; • la data di inizio e il termine dello svolgimento dell’attività lavora- IL CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO tiva presso l’impresa utilizzatrice; • l’indicazione della presenza di eventuali rischi per l’integrità e la La forma del contratto22 ITALIANO LA NORMATIVA 23 ITALIANO LA NORMATIVA salute del lavoratore nonché le misure di prevenzione adottate e Il contratto di lavoro è stipulato in forma scritta e deve contenere: quelle di sicurezza necessarie in relazione al tipo di attività, con l’indicazione del soggetto erogatore dell’informazione e dell’atti- • l’indicazione dell’Agenzia per il lavoro con gli estremi dell’autoriz- vità formativa (responsabile prevenzione e protezione) nonché, zazione rilasciata dal Ministero del Lavoro; ove possibile, del medico competente; • l’eventuale indicazione del periodo di prova e la durata dello stesso; • la data di inizio e la durata prevista del contratto di somministra- • l’indicazione della misura dell’indennità di disponibilità; zione; • l’indicazione del gruppo di appartenenza del lavoratore; • la residenza o il domicilio del lavoratore; • il rinvio al contratto collettivo nazionale di lavoro delle Agenzie • il numero dei lavoratori da somministrare; per il lavoro e, per i periodi effettuati in missione, il rinvio a quel- • l’assunzione da parte dell’Agenzia dell‘obbligo del pagamento lo degli utilizzatori; diretto del lavoratore e del versamento dei contributi previdenzia- • nella lettera di assunzione devono essere specificati la residenza o li; il domicilio. • l’assunzione da parte dell’utilizzatore, in caso di inadempimento dell’Agenzia per il lavoro, dell’obbligo del pagamento diretto del lavoratore e del versamento dei contributi previdenziali; • l’assunzione da parte dell’utilizzatore di rimborsare all’Agenzia per La lettera di assegnazione, prevista per ogni singola missione del lavo- il lavoro gli oneri retributivi e previdenziali sostenuti in favore dei ratore, deve contenere: lavoratori in somministrazione. • l’assunzione da parte dell’utilizzatore dell’obbligo di comunicare • i motivi per i quali si ricorre alla somministrazione di lavoro; all’Agenzia per il lavoro le retribuzioni che si applicano ai lavora- • l’indicazione dell’impresa utilizzatrice e il referente in azienda; tori comparabili dell’impresa utilizzatrice. • l’indicazione della mansione che il lavoratore espleterà presso l’u- tilizzatore e il relativo inquadramento; • il luogo dove dovrà svolgersi la prestazione; Per il contratto di lavoro non è esplicitata, così come per il • l’orario di lavoro; contratto commerciale, la nullità per mancanza di forma scritta. In ogni caso • l’indicazione della residenza o del domicilio; tale mancanza va sempre contestata per chiedere la nullità del contratto. • il riferimento al Ccnl applicato e al contratto integrativo di secon- do livello, ove esistente; Le norme di riferimento • l’indicazione del trattamento economico collettivo spettante e, 1 Oltre alla disciplina generale dei rapporti di lavoro subordinato, alla in dettaglio, le singole voci che lo compongono;
  14. 14. • la data di inizio e il termine dello svolgimento dell’attività lavora- Il versamento dei contributi all’Inps consente ai lavoratori in sommini- tiva presso l’impresa utilizzatrice, ferma restando la possibilità di strazione di ricevere le indennità assistenziali per i periodi di disoccupa- variare l’assegnazione del lavoratore ad altra missione prima della zione, di malattia, di maternità, nonché di maturare nel tempo i requisiti scadenza del termine; per la pensione. • l’indicazione della presenza di eventuali rischi per l’integrità e la Il versamento del premio Inail consente di ricevere le indennità in salute del lavoratore nonché le misure di prevenzione adottate e caso di infortunio sul lavoro o malattia professionale. quelle di sicurezza necessarie in relazione al tipo di attività, con l’indicazione del soggetto erogatore dell’informazione e dell’atti-24 ITALIANO LA NORMATIVA 25 ITALIANO LA CONTRATTAZIONE vità formativa (responsabile prevenzione e protezione) nonché, ove possibile, del medico competente. SECONDA PARTE LA CONTRATTAZIONE Le norme di riferimento Il rapporto di lavoro tra Agenzia di somministrazione e lavoratore è sog- IL CCNL DELL’IMPRESA UTILIZZATRICE: DIRITTI E DOVERI DEI getto per legge alla disciplina generale dei rapporti di lavoro subordinato. LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE Nei periodi di non lavoro tra una missione e l’altra il lavoratore a tempo indeterminato resta a disposizione dell’Agenzia. In questo periodo egli Ai lavoratori somministrati si applicano i contratti collettivi nazionali e percepisce un’indennità di disponibilità. L’importo di questa indennità aziendali in uso nell’impresa utilizzatrice, per quanto attiene: (700 euro mensili) e le modalità di utilizzo del lavoratore tra una missione alla retribuzione; e l’altra sono disciplinate dal Ccnl di settore (vedi pag. 27). alla disciplina dell’ orario di lavoro; al numero di giornate di ferie e di permesso; REGIME FISCALE, PREVIDENZIALE E ASSICURAZIONE INAIL al diritto a usufruire della mensa e dei servizi sociali e assistenziali presenti in azienda. Le Agenzie per il lavoro agiscono da sostituti d’imposta. Provvedono cioè ad operare tutte le trattenute previdenziali, fiscali ecc. direttamente in busta paga. IL CCNL DELLE AGENZIE DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO Il lavoratore in somministrazione con familiari a carico ha diritto alle relative detrazioni fiscali di cui godono la generalità dei lavoratori dipendenti. Il Ccnl delle Agenzie di somministrazione disciplina l’instaurazione, lo Anche il lavoratore straniero il cui nucleo familiare risieda nel paese d’ori- svolgimento e la cessazione del rapporto di lavoro con l’Agenzia per il lavoro. gine può richiedere le detrazioni fiscali presentando apposita documenta- Il contratto nazionale, infatti, regolamenta gli aspetti legati al tipo di zione (stato di famiglia emesso nel paese d’origine, tradotto in italiano e assunzione (a tempo determinato o indeterminato); alla classificazione convalidato dal Consolato italiano nel aese di provenienza). del personale e all’inquadramento contrattuale; al trattamento retributivo spettante; al periodo di prova e al preavviso; all’interruzione della missio- Le Agenzie di somministrazione hanno inoltre l’obbligo di versare, nella ne; al sistema delle proroghe; alla risoluzione del rapporto e al recesso; al stessa misura dei lavoratori dipendenti dell’impresa utilizzatrice, i contri- trattamento di malattia e infortunio; alla maternità e ai congedi parentali; buti previdenziali all’Inps e quelli assicurativi contro il rischio d’infortunio ai diritti sindacali. e malattie professionali all’Inail. Il 24 luglio 2008 è stato rinnovato il Ccnl dei lavoratori in somministrazione.
  15. 15. Il nuovo contratto ha determinato modifiche di forte innovazione per tut- Nella fase di prima applicazione del contratto sono ricono- ti i lavoratori in somministrazione. sciuti validi, per la trasformazione a tempo indeterminato, fino a un massi- mo di 6 mesi delle missioni svolte nei 12 mesi precedenti la data di entrata RAFFORZAMENTO DEL TEMPO INDETERMINATO in vigore del Ccnl (24 luglio 2008). Misure incentivanti ATTENZIONE Il computo si interrompe e l’anzianità di servizio si azzera se Le Agenzie per il lavoro ricevono un incentivo dalla bilateralità, qualora tra una missione e la successiva presso la stessa Agenzia non lavori per un assumano il lavoratore a tempo indeterminato, sin dall’inizio o nei primi periodo pari o superiore a 12 mesi continuativi perché rifiuti una propo-26 ITALIANO LA CONTRATTAZIONE 27 ITALIANO LA CONTRATTAZIONE 21 mesi di lavoro. sta di missione congrua con il precedente inquadramento. Trasformazione automatica Per missione congrua si intende un’offerta di lavoro che: Il lavoratore ha diritto ad essere assunto dall’Agenzia per il lavoro con a) sia in un luogo lontano non più di 50 km o raggiungibile in un’ora con i contratto a tempo indeterminato se ha avuto un unico contratto con la mezzi pubblici dalla residenza del lavoratore; stessa Agenzia per il lavoro e presso la stessa impresa utilizzatrice per 36 b) se non uguale presenti una differenza salariale sino a un massimo del 10- mesi continuativi. 15% calcolata sulle tre migliori retribuzioni percepite nelle missioni svolte Il lavoratore ha inoltre diritto ad essere assunto dall’Agenzia per il lavo- nei 12 mesi precedenti. ro con contratto a tempo indeterminato se ha avuto due o più contratti di somministrazione con la medesima Agenzia e per una durata complessiva In caso di contestazione, entro 30 giorni dalla proposta di lavoro di 42 mesi anche non consecutivi e anche presso più aziende utilizzatrici. congrua dell’Agenzia per il lavoro, puoi rivolgerti tramite NIdiL-Cgil, Alai-Cisl e Cpo-Uil alla commissione sindacale territoriale. Per il computo dei 42 mesi utili ai fini dell’assunzione a tem- po indeterminato si tiene conto: IMPORTANTE In caso di trasformazione automatica a tempo indeterminato di tutte le missioni con la stessa Agenzia anche presso diversi utilizzatori; non puoi essere licenziato per i 12 mesi successivi all’assunzione stessa, di tutti i periodi di interruzione tra missioni presso lo stesso utiliz- tranne che per giusta causa o per rifiuto di una missione congrua. zatore con le stesse mansioni pari o inferiori a 40 giorni in occasione di periodi coincidenti con i periodi convenzionali di ferie e festività; Indennità di disponibilità dei periodi di infortunio oltre la scadenza della missione coperti da I lavoratori assunti dall’Agenzia per il lavoro con contratto a tempo prestazione Ebitemp; indeterminato percepiscono nei periodi di non lavoro un’indennità di dei periodi di maternità obbligatoria fino a un massimo di 5 mesi disponibilità pari a 700 euro mensili. (anche a contratto scaduto); dei periodi di formazione propedeutici all’avvio della missione; Procedura in caso di mancanza di lavoro dei periodi di formazione per aggiornamento professionale, riqualifica- Per i lavoratori assunti a tempo indeterminato che abbiano un’anzianità zione o reinserimento a seguito dell’impossibilità di avviamento al lavoro di servizio pari ad almeno 30 settimane (comprensivi di eventuali periodi di conseguente alla richiesta di precedenza in caso di maternità. disponibilità) e che non hanno occasioni di lavoro presso l’Agenzia che non Per controllare la maturazione del diritto ad essere assunti a tempo può più mantenerli alle proprie dipendenze, a seguito di accordo con le indeterminato, usa un promemoria specifico (vedi fogli di calcolo allegati organizzazioni sindacali, possono essere attivati percorsi di riqualificazione alla guida). e continuità occupazionale della durata di 6 mesi o di 7 mesi per i lavorato-
  16. 16. ri con più di 50 anni. Per tutta la durata dei suddetti periodi ai lavoratori somministrazione di una stessa impresa utilizzatrice che impieghi più di verrà corrisposta l’indennità di disponibilità (700 euro). 20 lavoratori contemporaneamente per più di 3 mesi, anche di diverse Se al termine di questi periodi il lavoratore non riceve occasioni di lavo- Agenzie per il lavoro. ro l’Agenzia per il lavoro potrà recedere dal contratto per giustificato moti- vo oggettivo pagando al lavoratore l’indennità di mancato preavviso. Assemblea sindacale I lavoratori in somministrazione possono partecipare sia alle proprie LE PROROGHE DEL CONTRATTO assemblee sindacali che a quelle dei lavoratori dipendenti dell’impresa uti- lizzatrice. Durante le ore di assemblea il lavoratore ha diritto a percepire la28 ITALIANO LA CONTRATTAZIONE 29 ITALIANO LA CONTRATTAZIONE Il periodo di assegnazione iniziale del lavoratore a tempo determinato retribuzione che gli sarebbe spettata durante le ore di lavoro. può essere prorogato per un massimo di 6 volte e per la durata massima Le ore di assemblea si maturano in base alle ore lavorate. In ogni caso, di 36 mesi; l’intero periodo vale come un’unica missione. La proroga è spettano almeno 2 ore l’anno indipendentemente dal numero di ore lavorate. ammessa solo per gli stessi motivi (causali) che hanno determinato l’asse- Nel caso in cui si svolgano presso le Agenzie per il lavoro, le organizza- gnazione iniziale alla missione. zioni sindacali comunicano per iscritto 5 giorni prima la data di svolgi- mento dell’assemblea. Per la validità della proroga è necessario il consenso del lavoratore, che deve essere informato 5 giorni prima della scadenza prevista Permessi sindacali del contratto o entro 2 giorni nei casi d’urgenza. Tutti i rappresentanti sindacali possono utilizzare per lo svolgimento del- l’attività sindacale un monte ore massimo maturato di 10 ore mensili di per- DIRITTI SINDACALI messi retribuiti. Inoltre, hanno diritto ad ore di permesso retribuito per le trat- tative sindacali che si possono cumulare con il monte ore mensile previsto. I lavoratori in somministrazione godono degli stessi diritti e delle stes- I rappresentanti aziendali, a differenza dei rappresentanti nazionali di se libertà sindacali dei lavoratori dipendenti, a partire dallo Statuto dei Agenzia e dei delegati sindacali territoriali, non possono usufruire delle ore di lavoratori. Possono perciò: permesso maturate e non godute in una eventuale e nuova missione di lavoro. organizzarsi in un sindacato, con sottoscrizione di delega; eleggere i propri rappresentanti; DECENTRAMENTO DELLE RELAZIONI SINDACALI riunirsi in assemblea – durante l’orario di lavoro – con i lavoratori del- l’impresa in cui sono in missione o solo come lavoratori in somministrazione. Il Ccnl delle Agenzie di somministrazione di lavoro per affrontare meglio i problemi presenti ha portato a livello territoriale il confronto tra I rappresentanti dei lavoratori le organizzazioni sindacali e l’associazione che rappresenta le agenzie di Il sistema di rappresentanza unitario dei lavoratori in somministrazione somministrazione, istituendo le Commissioni sindacali territoriali. Tra i è costituito da: compiti delle Commissioni territoriali rientra: • Rappresentanti nazionali di Agenzia. Il numero dei rappresentanti lo svolgimento del tentativo obbligatorio di conciliazione relativo alle varia in funzione dei lavoratori in forza presso le Agenzie per il lavoro nel controversie di lavoro; semestre precedente; la presentazione di proposte in materia di formazione; • Delegati territoriali. Sono nominati dalle singole organizzazioni sinda- la presentazione di proposte per migliorare le prestazioni erogate cali firmatarie del Ccnl a livello regionale o provinciale; dagli enti bilaterali; • Rappresentanti aziendali. Sono eletti direttamente dai lavoratori in la discussione dell’andamento del settore a livello territoriale.
  17. 17. INQUADRAMENTO, PERIODO DI PROVA E RETRIBUZIONE ATTENZIONE Se sei assunto con contratto a tempo indeterminato, i giorni in cui ti trovi in disponibilità non si considerano come giorni lavorati ai Il Ccnl disciplina anche alcuni importanti aspetti del rapporto di lavo- fini della determinazione del periodo di prova. ro, tra i quali: l’inquadramento; Il trattamento retributivo il periodo di prova; La retribuzione del lavoratore in somministrazione è calcolata su base le modalità della retribuzione; oraria e non può essere inferiore a quella dei dipendenti di pari livello il Trattamento di fine rapporto, le mensilità aggiuntive e le festività. dell’impresa utilizzatrice determinata nel Ccnl e negli eventuali accordi30 ITALIANO LA CONTRATTAZIONE 31 ITALIANO LA CONTRATTAZIONE aziendali. L’inquadramento I lavoratori in somministrazione sono inquadrati in tre grandi raggrup- pamenti sulla base della professionalità e delle mansioni: La paga oraria si determina dividendo la paga mensile per il coeffi- • gruppo A lavoratori di elevata professionalità quali dirigenti, quadri e ciente (divisore orario) ottenuto con questa formula (vedi “come leg- impiegati direttivi; gere la busta paga” a pag. 52): • gruppo B lavoratori di concetto, operai specializzati e/o corrispondenti alle cosiddette categorie intermedie che lavorano con un certo grado di Orario sett. aziendale x 52 _____________________ autonomia; 12 • gruppo C lavoratori qualificati e d’ordine che eseguono il lavoro sotto la guida ed il controllo di altri. Quindi la paga oraria si definisce così: Il periodo di prova Retribuzione mensile _____________________ Il periodo di prova è calcolato in modo diverso a seconda che il contrat- Divisore orario mensile to con l’Agenzia sia a tempo determinato o indeterminato. I lavoratori assunti con contratto a tempo determinato hanno un periodo di prova di un giorno per ogni 15 giorni di calendario a partire dal- l’inizio della missione. Il premio di produzione Per le missioni che durano fino a 6 mesi il periodo di prova non può Il lavoratore ha diritto al premio di produzione (sia quello fisso che essere superiore a 11 giorni. quello variabile). Il premio di produzione fisso è riconosciuto sulla base Per le missioni superiori ai 6 mesi il periodo di prova non può essere della durata della missione superiore a 13 giorni. Il premio di produzione variabile è riconosciuto sulla base della durata I lavoratori assunti con contratto a tempo indeterminato hanno un della missione e dell’importo dell’ultimo premio di produzione erogato dal- periodo massimo di prova che varia in base all’inquadramento contrattuale l’utilizzatore. previsto dal Ccnl. In particolare i periodi massimi di prova sono: I lavoratori in somministrazione sono esclusi dal premio di • per i lavoratori del gruppo A: 6 mesi di calendario; produzione solo nell’ipotesi in cui il contratto collettivo dell’azienda utilizza- • per i lavoratori del gruppo B: 50 giorni di servizio effettivo; trice preveda esplicitamente che non gli spetti. • per i lavoratori del gruppo C: 30 giorni di servizio effettivo.
  18. 18. Trattamento di fine rapporto ATTENZIONE Esigi il rispetto del diritto acquisito con il contratto: da Il Trattamento di fine rapporto viene calcolato secondo quanto avviene quando è terminato il periodo di astensione obbligatoria o facoltativa previsto normalmente per legge. hai 30 giorni per dichiarare la tua disponibilità a lavorare all’Agenzia per Nel caso in cui la missione sia di durata inferiore ai 15 giorni (e quindi il lavoro. non matura il rateo) e sia riattivata un’altra missione nell’arco di 30 giorni dalla fine di quella precedente presso lo stesso utilizzatore, con le stesse IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO mansioni e quindi con lo stesso inquadramento, i giorni di missione si sommano tra loro se utili a maturare un rateo di Tfr. Il pagamento del Modulo di informazione sui rischi per la salute e sicurezza sul lavoro32 ITALIANO LA CONTRATTAZIONE 33 ITALIANO LA CONTRATTAZIONE rateo avviene con la paga della seconda missione. All’atto dell’assunzione l’Agenzia per il lavoro deve consegnare al lavo- ratore un modulo con il quale deve essere informato su: Tredicesima mensilità, festività e altre mensilità aggiuntive qual è il soggetto che deve informarlo in generale sui rischi per la La tredicesima mensilità, e ogni eventuale mensilità aggiuntiva, si cal- salute e sicurezza (Agenzia per il lavoro o impresa utilizzatrice); cola per ratei che si maturano in proporzione alla somma delle ore lavorate la data in cui l’impresa utilizzatrice ha effettuato la valutazione dei rischi; ordinarie e di quelle non lavorate ma retribuite (ad es. malattia, festività la previsione della sorveglianza medica speciale rispetto alla mansione infrasettimanali ecc.). assegnata; Per calcolare le festività invece si moltiplica l’orario di lavoro giornalie- l’individuazione di rischi specifici e degli accorgimenti tecnici per evitarli; ro per la paga oraria. l’individuazione dei Dispositivi di protezione individuale per la specifi- Nel caso in cui la missione si chiuda il giorno prima di una festività e ca mansione assegnata al cui addestramento è incaricata l’impresa utiliz- ne inizi un’altra il primo giorno lavorativo utile dopo la stessa festività zatrice; (ad esempio il contratto scade mercoledì 23 dicembre e viene rinnovato il nominativo del Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza; lunedì 28 dicembre) con lo stesso utilizzatore, con lo stesso inquadra- il nominativo del Responsabile del servizio di protezione e prevenzione; mento e con le stesse mansioni, il lavoratore ha diritto al pagamento dei se previsto, il nominativo del Medico competente. giorni festivi. ATTENZIONE Qualora tu venga adibito a svolgere mansioni che comportino I ratei di tredicesima, Tfr o altro devono esserti liquidati nel rischi specifici intervenuti dopo la stipula del contratto e quindi non giorno in cui di norma questo avviene nelle aziende utilizzatrici o alla fine comunicati attraverso il modulo di informazione sui rischi per la salute e del rapporto di lavoro, qualora la data cada prima, e calcolati sulla retribu- sicurezza sul lavoro, l’azienda utilizzatrice ti deve avvisare tempestiva- zione mensile. mente affinché si provveda a tutto quanto previsto dalla normativa vigen- te (dlgs n. 81/08). MATERNITÀ Formazione Oltre al sostegno economico previsto in caso di maternità (vedi Ebi- La formazione dei lavoratori che vengono inviati in missione è effettua- temp a pag. 39) la lavoratrice ha diritto di precedenza per l’avvio a una ta sia dall’Agenzia per il lavoro che dall’impresa utilizzatrice prima dell’ini- missione di pari livello e stesso inquadramento professionale rispetto a zio della missione. In particolare: quella avuta prima di entrare in maternità; in mancanza di nuova missio- l’Agenzia per il lavoro, all’atto dell’avviamento in missione, effettuerà ne la lavoratrice ha diritto ad interventi formativi e a misure di sostegno la formazione sulla sicurezza in generale, con particolare riferimento ai al reddito. rischi relativi al settore in cui il lavoratore sarà utilizzato;
  19. 19. l’impresa utilizzatrice (oltre all’addestramento specifico, su delega • per periodi lavorativi pari a 6 mesi e fino a 11 mesi, è riconosciuto il versa- dell’Agenzia per il lavoro all’inizio dell’utilizzazione o prima dell’inizio mento del 4% della retribuzione per ogni mese lavorato più un ulteriore 4%; effettivo dell’attività lavorativa) effettuerà per almeno due ore la forma- • per periodi lavorativi pari a 12 mesi, è riconosciuto il versamento del 4% zione sui rischi specifici connessi alle mansioni. per ogni mese. Diritto di autotutela del lavoratore I costi di gestione e di attivazione del Fondo sono a carico Nel caso in cui l’impresa utilizzatrice in materia di salute e sicurezza sul della bilateralità. lavoro non osservi gli obblighi di:34 ITALIANO LA CONTRATTAZIONE 35 ITALIANO GLI ENTI BILATERALI informazione; formazione e addestramento professionale; dotazione dei dispositivi di protezione e sicurezza; TERZA PARTE GLI ENTI BILATERALI E LE PRESTAZIONI A SOSTEGNO il lavoratore può dimettersi per giusta causa e mantenere il diritto al DEI LAVORATORI pagamento del periodo di lavoro restante sino alla scadenza del contratto. ATTENZIONE Ti puoi dimettere per giusta causa solo se: COSA SONO GLI ENTI BILATERALI • prima hai comunicato la violazione degli obblighi suddetti all’Agenzia per il lavoro e all’impresa utilizzatrice, dichiarando di interrompere l’attività lavora- Gli enti bilaterali sono enti privati costituiti dai sindacati e dai datori di tiva; lavoro per decisione contrattuale nell’ambito di determinati settori di lavoro. • nelle 24 ore successive alla comunicazione non è stato fatto nulla per Sono paritetici perché i rappresentanti dei lavoratori e quelli dei datori garantire il rispetto degli obblighi violati. di lavoro sono in numero eguale tra loro. I loro scopi possono essere di varia natura: consentire a quei lavoratori Le dimissioni devono essere formalizzate all’Agenzia per il lavoro con let- che cambiano spesso datore di lavoro (come nelledilizia) di percepire ele- tera raccomandata A/R. menti della retribuzione (tredicesima, ferie) attraverso la mutualizzazione degli obblighi retributivi; erogare formazione professionale; vigilare sulla LA PREVIDENZA INTEGRATIVA sicurezza del lavoro; offrire ai lavoratori prestazioni assistenziali. Nell’ambito della somministrazione di lavoro sono previsti tre enti bilaterali: Il nuovo Ccnl, per consentire anche ai lavoratori somministrati di accedere • Formatemp alla previdenza integrativa, ha previsto l’attivazione di un apposito Fondo • Ebiref di settore. Il Fondo, per il lavoratore che aderisce, oltre che con il Tfr, sarà • Ebitemp alimentato con il contributo del lavoratore stesso, delle Agenzie per il lavoro e con la solidarietà della bilateralità. GLI ENTI BILATERALI PER LA FORMAZIONE Il calcolo del contributo dovuto dalla bilateralità si fa a fine anno con le FORMATEMP seguenti modalità: • per periodi lavorativi inferiori a 6 mesi nell’anno, è comunque ricono- Formatemp è l’ente bilaterale dei lavoratori in regime di somministra- sciuto il versamento del 4% della retribuzione per 6 mesi; zione a tempo determinato. È finanziato dal contributo obbligatorio delle
  20. 20. agenzie pari al 4% della retribuzione lorda dei lavoratori, così come previ- di fuori dell’orario di lavoro e nel limite previsto dal Ccnl; sto dall’art. 12 del dlgs 276/03. lavoratori in attesa di missione, che abbiano lavorato almeno 30 gior- Obiettivi del fondo sono favorire la crescita professionale individuale ni nell’ultimo anno e siano disoccupati da almeno 45 giorni; dei lavoratori temporanei e formare le figure professionali necessarie alle lavoratori in attesa di missione, che abbiano lavorato almeno 6 mesi imprese attraverso la formazione. Al termine di tutti i corsi finanziati da nell’ultimo anno e siano disoccupati da almeno 45 giorni. In questo caso Formatemp viene rilasciato agli allievi un attestato di frequenza. viene riconosciuto al lavoratore il sostegno al reddito e la copertura previ- Tutti i corsi di formazione finanziati da Formatemp sono a titolo gratui- denziale per tutta la durata del periodo del corso; to e non prevedono quote di alcun genere a carico dei partecipanti. lavoratori che a causa di un infortunio durante la missione abbiano36 ITALIANO GLI ENTI BILATERALI 37 ITALIANO GLI ENTI BILATERALI È fatto divieto ai soggetti autorizzati o accreditati di esigere, o comun- una ridotta capacità lavorativa e che, quindi, necessitano di formazione que di percepire, direttamente o indirettamente, compensi dai lavoratori. per il reinserimento lavorativo; lavoratrici madri prive di missione alla fine del periodo di astensione obbli- Formatemp finanzia quattro tipologie di formazione. gatoria, che abbiano maturato almeno 30 giorni di lavoro nell’ultimo anno. Formazione di base. Costituita da programmi di breve durata, riferiti a competenze trasversali “spendibili” in ogni contesto lavorativo, e a conte- La formazione continua viene erogata attraverso i voucher individuali. nuti didattici propedeutici alla successiva acquisizione di competenze pro- Il voucher formativo individuale è un “bonus” corrisposto al lavoratore fessionali più specifiche e adeguate al contesto lavorativo dei partecipanti. da Formatemp allo scopo di permettergli di disporre di un finanziamento Formazione professionale. Finalizzata principalmente allinserimento per accedere a un corso individuato da lui stesso. al lavoro, i cui corsi, che possono avere anche durata superiore alle 200 Il voucher può essere speso nell’ambito di corsi realizzati da enti accre- ore, sono articolati principalmente in moduli formativi e contenuti didatti- ditati Formatemp, da enti accreditati presso le Regioni e da tutti gli enti ci strettamente mirati allapprendimento di competenze tecnico-professio- che, su richiesta del lavoratore, il fondo riterrà idonei. nali, spesso integrative di quelle già possedute dagli allievi, ma comunque I lavoratori in missione non possono accedere col voucher ai corsi delle immediatamente spendibili nel mondo del lavoro temporaneo. Agenzie per il lavoro di cui sono dipendenti. Formazione on the job. Ha lo scopo di “accompagnare” i lavoratori La domanda va indirizzata dal singolo lavoratore a Formatemp, anche temporanei nella prima fase di inserimento in un nuovo contesto produtti- attraverso gli sportelli NIdiL sul territorio. vo, attraverso attività didattiche in affiancamento con un tutor interno allimpresa utilizzatrice e con il monitoraggio di un mentor esterno. Sia la formazione di base che quella professionale devono Formazione continua. È una formazione mirata all’adeguamento delle prevedere un modulo obbligatorio di otto ore sui temi della salute e sicurez- competenze professionali dei lavoratori in missione di lavoro e al rafforza- za sul lavoro e sui diritti e doveri dei lavoratori gestiti da docenti delle orga- mento delle opportunità di reinserimento al lavoro di lavoratori tempora- nizzazioni sindacali. nei in attesa di missione. EBIREF In particolare essa è destinata a: lavoratori in missione, che abbiano maturato almeno due mesi di missione Ebiref è lente bilaterale dei lavoratori in somministrazione assunti con nell’arco dell’ultimo anno. Essi possono chiedere un periodo di congedo retri- contratto a tempo indeterminato. buito per la formazione per partecipare a corsi. In questo periodo sono garan- In particolare il fondo ha lo scopo di promuovere: tite, a carico della bilateralità, la retribuzione e la contribuzione previdenziale; iniziative comuni finalizzate a garantire l’integrazione del reddito dei lavoratori in missione che vogliono partecipare a un corso formativo al lavoratori assunti con contratto a tempo indeterminato in caso di fine lavori;
  21. 21. iniziative per la promozione di percorsi di qualificazione e riqualifica- rimborso dei ticket pari al 100% per visite specialistiche, esami di zione professionale. laboratorio e diagnostica. Il fondo si alimenta grazie ai versamenti da parte delle aziende del 4% Il rimborso e i sussidi sono riconosciuti anche per le spese sanitarie dei delle retribuzioni lorde. figli e del coniuge fiscalmente a carico. La domanda va effettuata presso Ebitemp entro 60 giorni dalla data del- L’ENTE BILATERALE CONTRATTUALE PER LE PRESTAZIONI la visita medica o della fine del ricovero. EBITEMP Prestiti personali38 ITALIANO GLI ENTI BILATERALI 39 ITALIANO GLI ENTI BILATERALI Ebitemp ha istituito un fondo di garanzia per l’erogazione di prestiti Ebitemp è l’ente bilaterale di “emanazione contrattuale”: infatti la sua personali a condizioni favorevoli, grazie a un’apposita convenzione firma- costituzione è stata decisa nel 1998 con il primo contratto nazionale dei ta con la banca Monte dei Paschi di Siena, per “l’Accesso al credito per i lavoratori temporanei. È interamente finanziato dalle Agenzie per il lavo- lavoratori temporanei”. ro, con un contributo pari allo 0,20% delle retribuzioni corrisposte ai lavo- In particolare l’erogazione dei prestito avviene con le seguenti modalità: ratori in somministrazione dalle Agenzie per il lavoro. Eroga ai lavoratori fino a 2.500 euro ai lavoratori con almeno 30 giorni di missione residua; somministrati una serie di prestazioni sociali integrative. da 2.500 a 4.000 euro ai lavoratori con almeno 30 giorni di missione Ecco l’elenco delle prestazioni Ebitemp. residua e che abbiano già estinto un precedente prestito concesso da Ebi- temp di almeno 1.000 euro; Integrazioni in caso di infortunio da 4.000 a 10.000 euro ai lavoratori con almeno 4 mesi di missione Ebitemp eroga indennità aggiuntive (oltre a quelle spettanti per legge) residua che abbiano già estinto un precedente prestito con Ebitemp. In a favore dei lavoratori in somministrazione a tempo determinato in caso di: questo caso è però necessaria una motivazione di carattere sociale, quale infortunio sul lavoro che si protrae oltre la scadenza del contratto con ad esempio la caparra per l’affitto e lo spese connesse con l’acquisto di invalidità temporanea, fino a un massimo di 6.300 euro; una casa, spese sanitarie ecc. invalidità permanente grave, pari o superiore al 60%, o di decesso con È prevista la rateizzazione fino a un massimo di 42 mesi e, in caso di una somma di 50.000 euro; in caso di invalidità permanente inferiore al difficoltà connesse con periodi di non lavoro, la sospensione del pagamen- 60% in misura ridotta proporzionale. to delle rate fino a un massimo di 6 mesi. La domanda va inviata ad Ebitemp entro 30 giorni dalla scadenza del I moduli per la richiesta dei prestiti, da inviare ad Ebitemp, possono contratto. essere ritirati presso le Agenzie di somministrazione e presso le sedi NIdiL-Cgil. Tutela sanitaria Ebitemp, attraverso una convenzione con la Cassa mutualistica intera- Sostegno alla maternità e contributo per asilo nido ziendale, garantisce rimborsi e sussidi per far fronte alle spese sanitarie ai Alle lavoratrici in gravidanza la cui missione cessi nei primi 180 giorni lavoratori con missioni in corso, o fino a 120 giorni dalla fine in caso di dal suo inizio e prive dei requisiti Inps per l’accesso all’indennità di mater- missioni superiori ai 30 giorni. nità, è corrisposto un assegno una tantum di 1.400 euro. Sono riconosciute le seguenti prestazioni: Inoltre è previsto un contributo di 80 euro mensili (fino al compimento rimborso spese per grandi interventi chirurgici a pagamento; del terzo anno di età del bambino) per le spese di asilo nido, per le lavora- rimborso spese prima e dopo interventi chirurgici a pagamento; trici madri con una missione pari almeno a una settimana e con un’anzia- sussidio giornaliero per altri ricoveri superiori ai due giorni; nità di lavoro di almeno 3 mesi nell’ultimo anno.
  1. A particular slide catching your eye?

    Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

×