GUIDA 2008AI CONTRATTI DICOLLABORAZIONEPRESTAZIONED’OPERA CON P. IVAASSOCIAZIONEIN PARTECIPAZIONE
Guide NidilGuida ai contratti di collaborazione,prestazione d’opera con P. Iva, consulenza professionala,associazione in p...
GUIDA 2008COLLABORATORI
FILOMENA TRIZIOSEGRETARIA GENERALE NIDIL CGIL   Torna, con molti aggiornamenti, la guida per i collabora-tori e per il mon...
2008 di dar conto, riproponendo la lettura critica della nor-    mativa 276 e intrecciando ad essa le modifiche intervenut...
RAFFAELE MINELLIPRESIDENTE INCA-CGIL  Vorrei sottolineare due parole chiave che, presenti neldocumento per la Conferenza d...
consegna il compito di tutelare in modo più puntuale ed    efficace i lavoratori e le lavoratrici iscritti alla gestione  ...
FULVIO FAMMONISEGRETARIO CONFEDERALE CGIL  La nuova guida per i lavoratori con contratto di collabo-razione e per tutti co...
ro comune fra le strutture della Cgil, e in particolare di NIdiL e del Sistemaservizi, si articola in parti specifiche e o...
INDICEPARTE PRIMA • TIPOLOGIE DI LAVORO E NORME                                                                 PARTE PRIM...
INDICE      Tutela dagli abusi: divieto di rapporti            di collaborazione coordinata e continuativa atipici        ...
LA PRESTAZIONE D’OPERA                                             INDICE   IN REGIME DI PARTITA IVA                      ...
INDICE   L’ASSICURAZIONE INAIL CONTRO INFORTUNI         E MALATTIE PROFESSIONALI               50           I soggetti con...
TABELLA RIEPILOGATIVA                                    58   INDICEB) LE PRESTAZIONI PER GLI ISCRITTI AL FONDO INPS      ...
L’INDENNITÀ DI MALATTIA                                 69     In caso di ricovero ospedaliero                         69 ...
IL PROTOCOLLO DEL 23 LUGLIO SU PREVIDENZA,LAVORO E COMPETITIVITÀ PER L’EQUITÀ E LACRESCITA SOSTENIBILI                    ...
ALLEGATI                                      103     LEGGI, DECRETI E CIRCOLARI UTILI       Artt. da 2222 a 2228 e da 222...
PARTE PRIMA • LE TIPOLOGIE DI LAVORO             LE COLLABORAZIONI                                                        ...
nizzativa circa le modalità, il tempo e il luogo dell’adempimento, ma l’atti-                                             ...
LE COLLABORAZIONI COORDINATE E CONTINUATIVE       A PROGETTO (CO.PRO. O LAP)A) LA NORMATIVA    Cosa si intende per collabo...
tato da raggiungere, ma indipendentemente dal tempo impiegato per l’esecu-                                                ...
Punti critici:      Il concetto di “durata determinabile” si presta a un possibile usodiscrezionale attraverso l’inserimen...
La prestazione economica (art. 63, dlgs 276/03)                                                                           ...
Invenzioni del collaboratore a progetto (art. 65, dlgs 276/03)   “Il lavoratore a progetto ha diritto di essere riconosciu...
Ai fini del giudizio di cui al comma 2, il controllo giudiziale è limitato                                                ...
zioni in termini di sostituzione del lavoro dipendente.   Le circolari del Ministero del lavoro che si sono susseguite dop...
a) riferimento al progetto, programma di lavoro o fase di esso                                                            ...
I contenuti della circolare n. 4/2008 nei giorni in cui andiamo instampa, sono stati ulteriormente chiariti dalla circolar...
Solo in caso di gravidanza la durata del rapporto di lavoro è sospesa e pro-                                              ...
Il testo unico contiene importanti novità che riguardano tutti i lavoratori, aprescindere dal contratto di contratto con c...
il lavoratore può farsi assistere da un rappresentante sindacale indi-                                                    ...
LE MINI CO.CO.CO.      (COLLABORAZIONI COORDINATE E CONTINUATIVE OCCASIONALI)    La circolare del ministero del lavoro e d...
LE COLLABORAZIONI OCCASIONALI                                                           (IL LAVORO AUTONOMO OCCASIONALE)  ...
ESEMPIO DI NOTULA DI PAGAMENTO PER PRESTAZIONE  DI LAVORO AUTONOMO OCCASIONALE  Il prestatore di lavoro autonomo occasiona...
LA PRESTAZIONE D’OPERA                                                                                          IN REGIME ...
La prestazione d’opera effettuata attraverso l’utilizzo di partita Iva   è convenzionalmente definita “partita Iva individ...
alla liquidazione trimestrale e/o mensile dell’Iva, nonché alla relativa                                                  ...
quello dell’ammontare delle spese sostenute nell’esercizio dell’attività;   2. esonero degli adempimenti Iva: non si addeb...
L’ASSOCIAZIONE IN PARTECIPAZIONE                                    È doveroso premettere che NIdiL-Cgil, congiuntamente a...
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Guida 2008 collaborazioni
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Guida 2008 collaborazioni

2,062

Published on

Guida 2008 collaborazioni

Published in: Entertainment & Humor
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
2,062
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Transcript of "Guida 2008 collaborazioni"

  1. 1. GUIDA 2008AI CONTRATTI DICOLLABORAZIONEPRESTAZIONED’OPERA CON P. IVAASSOCIAZIONEIN PARTECIPAZIONE
  2. 2. Guide NidilGuida ai contratti di collaborazione,prestazione d’opera con P. Iva, consulenza professionala,associazione in partecipazionePubblicazione a cura diNIdiL- CgilSi ringrazia per la collaborazioneSistema Servizi Cgil (Inca – Cgil; Caaf – Cgil) e Spi CgilSi ringrazia per la consulenza giuridicaL’Avv. Matilde BidettiSi ringraziano inoltreMaristella Deplano e Paolo OnestiProgetto grafico Massini e NavarriniIllustrazione di copertina Stefano NavarriniNIdiL CGIL NazionaleVia Palestro 78 00185 Romawww.nidil.cgil.ittel. 06 44 34 03 10 06 44 34 05 10fax 06 44 34 02 82© Aprile 2008copyright Nuove Identità di Lavoro-CgilSono riservati per tutti i Paesi: la traduzione, l’adattamento totale o parziale,la riproduzione con qualsiasi mezzo inclusi i microfilm e le fotocopie,nonché la memorizzazione elettronica.
  3. 3. GUIDA 2008COLLABORATORI
  4. 4. FILOMENA TRIZIOSEGRETARIA GENERALE NIDIL CGIL Torna, con molti aggiornamenti, la guida per i collabora-tori e per il mondo articolato della “gestione separata Inps”. L’ultima uscita, nel 2005, fu a ridosso del dlgs 276, attua-tivo della legge 30, che cominciava ad insediarsi operativa-mente: l’obiettivo primario fu pertanto quello di diffonderela conoscenza della norma e, soprattutto, segnalare ai lavo-ratori interessati i rischi possibili connessi alla stessa. Da allora sono trascorsi tre anni densi. Da un lato èaumentato l’uso improprio, sostitutivo di lavoro dipendente,delle tipologie di lavoro atipiche, alimentando l’attuale pre-carietà diffusa; dall’altro è cresciuta la consapevolezza dellagravità del fenomeno e, anche per un quadro politico muta-to, sono stati adottati vari provvedimenti normativi e ammi-nistrativi tesi sia ad aumentare le tutele per i lavoratori chead avviare un processo di regolarizzazione e stabilizzazionecontro gli abusi. Di questo percorso innovativo, purtroppo interrotto dallachiusura anticipata della legislatura, cerchiamo con la guida 5
  5. 5. 2008 di dar conto, riproponendo la lettura critica della nor- mativa 276 e intrecciando ad essa le modifiche intervenute e i percorsi contrattuali avviati, l’ultimo dei quali – favorito dalle circolari n. 4 e n. 8/2008 del Ministero del Lavoro – tuttora in corso. Infine abbiamo ritenuto di utilità, per i lavoratori e per gli operatori sindacali, corredare i testi di una corposa docu- mentazione in allegato che riproduce l’insieme delle norme e degli atti amministrativi più rilevanti per le tipologie di lavoro trattate. Un impegno non semplice, dunque, questa guida: reso possibile grazie al lavoro dei compagni della struttura nazio- nale di NIdiL che, a partire dalle competenze di merito, han- no operato insieme per dare sostanza e forma al progetto; sostenuto dalla collaborazione preziosa del patronato Inca, che anche per questo ringraziamo. Un impegno a cui ci auguriamo di avere almeno in parte assolto, nella convinzione che facilitare la conoscenza del problema sia la premessa indispensabile per lavorare alla sua soluzione.6
  6. 6. RAFFAELE MINELLIPRESIDENTE INCA-CGIL Vorrei sottolineare due parole chiave che, presenti neldocumento per la Conferenza di organizzazione 2008 dellaCgil, guideranno la nostra attività negli anni futuri: “inte-grazione” e “territorio”, due concetti fondamentali per unaconfederazione che vuole rappresentare i nuovi bisogni emigliorare la sua azione di tutela individuale, il terreno spe-cifico delle attività dell’INCA. Negli ultimi anni abbiamosviluppato un lavoro intenso per far riconoscere ai lavorato-ri e alle lavoratrici diritti fondamentali, a prescindere dallatipologia del loro contratto di lavoro. La tutela collettiva ela tutela individuale devono avere, a nostro avviso, paridignità nell’azione sindacale per dare risposta alla nuovasoggettività dei lavoratori e delle lavoratrici e per risponde-re a una domanda di tutela che spazia dal mondo del lavoroper investire i problemi della comunità in cui si vive. Il reinsediamento del sindacato sul “territorio”, favoren-do la lettura dei processi in atto nel mercato del lavoro, ci 7
  7. 7. consegna il compito di tutelare in modo più puntuale ed efficace i lavoratori e le lavoratrici iscritti alla gestione separata, caratterizzati dal contratto di lavoro individuale. Da anni l’Inca assicura una partecipazione attiva, con i suoi strumenti, alla battaglia della Cgil e di NIdiL per arricchire i diritti di questi lavoratori e per eliminare discriminazioni inaccettabili, così come si è iniziato a fare in questi ultimi anni (si pensi, ad esempio, alla tutela della maternità). Nei prossimi anni dovremo essere capaci di lavorare su due fronti precisi: il controllo delle posizioni assicurative dei lavoratori e delle lavoratrici iscritti alla gestione separa- ta e la difesa del loro benessere e della loro salute. Il nostro impegno e quello delle nostre strutture territo- riali è certo e darà i suoi frutti.8
  8. 8. FULVIO FAMMONISEGRETARIO CONFEDERALE CGIL La nuova guida per i lavoratori con contratto di collabo-razione e per tutti coloro che sono iscritti alla gestioneseparata Inps è uno strumento che già ha dimostrato la suavalidità e che con questa edizione viene ampliato e perfe-zionato. Sono infatti molte le novità che si sono prodotte nei treanni che ci separano dall’edizione precedente. I rischi che allora segnalammo, di un aumento del ricor-so a lavori atipici con l’applicazione di leggi sbagliate, sisono purtroppo confermati. Successivamente sono molti iprovvedimenti concordati dal sindacato tesi a limitare ilfenomeno, regolarizzare gli abusi, estendere tutele per ilavoratori. Accordi che hanno prodotto nuove norme legislative eamministrative che iniziano a dare primi risultati positivi. Per questo un’informazione semplice e chiara sui propridiritti, anche quelli non conosciuti o negati, è fondamenta-le per le persone e le loro tutele. La guida, frutto di un lavo- 9
  9. 9. ro comune fra le strutture della Cgil, e in particolare di NIdiL e del Sistemaservizi, si articola in parti specifiche e offre un’ampia documentazione, sipropone dunque come uno strumento utile ed efficace. Tutti i cittadini interessati, anche per avere ulteriori chiarimenti dopo lalettura di questa guida, possono recarsi presso le sedi Cgil e ricevere l’assi-stenza e i consigli utili per far vivere i loro diritti.
  10. 10. INDICEPARTE PRIMA • TIPOLOGIE DI LAVORO E NORME PARTE PRIMA LE COLLABORAZIONI LE COLLABORAZIONI 19 LE COLLABORAZIONI COORDINATE LA PRESTAZIONE D’OPERA E CONTINUATIVE (CO.CO.CO.) 19 IN REGIME DI PARTITA IVA Cosa si intende per collaborazione 19 Cosa s’intende con il termine “coordinata” 19 L’ASSOCIAZIONE IN PARTECIPAZIONE Cosa s’intende con il termine “continuativa” 20 Cosa sono la pluricommittenza e la mono-committenza 20 DIMISSIONI IN BIANCO LEGGE 188/07 Le collaborazioni coordinate e continuative con il dlgs 276/03 non sono sparite 20 PARTE SECONDA IL REGIME FISCALE DEL LAVORO PARASUBORDINATO LE COLLABORAZIONI COORDINATE E CONTINUATIVE A PROGETTO (CO.PRO. O LAP) 21 L’ASSICURAZIONE INAIL CONTRO INFORTUNI E MALATTIE A) LA NORMATIVA 21 PROFESSIONALI Cosa si intende per collaborazione a progetto (art. 61, dlgs 276/03) 21 IL REGIME PREVIDENZIALE Cosa s’intende con il termine “coordinata” 21 Cosa s’intende con il termine “continuativa” 22 La forma del contratto a progetto IL PROTOCOLLO DEL 23 LUGLIO... (art. 61, dlgs 276/03) 22 PARTE TERZA Chi è escluso dal campo di applicazione della normativa CHI TI PUÒ AIUTARE IN CGIL sul contratto a progetto (art. 64, dlgs 276/03) 23 La prestazione economica (art. 63, dlgs 276/03) 24 L’ obbligo alla riservatezza (art. 64, dlgs 276/03) 24 ALLEGATI Invenzioni del collaboratore a progetto (art. 65, dlgs 276/03) 25 Estinzione del contratto e preavviso (Art. 67, dlgs 276/03) 25 11
  11. 11. INDICE Tutela dagli abusi: divieto di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa atipici e conversione del contratto (Art. 69, dlgs 276/03) 25 La giurisprudenza sull’art. 69 26 B) LE CIRCOLARI APPLICATIVE 26 La circolare n. 17/2006 del Ministro del lavoro Cesare Damiano 27 Le circolari n. 4/2008 e n. 8/2008 del Ministro del lavoro Cesare Damiano 27 C) LE PRESTAZIONI 29 Diritti del collaboratore a progetto: maternità, malattia e infortunio (art.66, dlgs 276/03) 29 Elementi di criticità nella normativa 29 Finanziaria 2007: alcuni interventi di rafforzamento 30 D) SICUREZZA SUL LAVORO 30 E) CERTIFICAZIONE, RINUNZIE E TRANSAZIONI 31 LE MINI CO.CO.CO. (collaborazioni coordinate e continuative occasionali) 33 LE COLLABORAZIONI OCCASIONALI (il lavoro autonomo occasionale) 34 Aspetti fiscali e previdenziali 34 Esempio di notula di pagamento per prestazione di lavoro autonomo occasionale 35 12
  12. 12. LA PRESTAZIONE D’OPERA INDICE IN REGIME DI PARTITA IVA 36 Cos’è una prestazione d’opera 36 Gli aspetti fiscali 37 Il regime semplificato per i contribuenti minimi 38 Gli aspetti previdenziali 39 L’ASSOCIAZIONE IN PARTECIPAZIONE 40 Cos’è l’associazione in partecipazione 40 I nuovi obblighi previsti dal dlgs 276/03 41 Gli aspetti previdenziali 41 LA LEGGE 188/07 PER CONTRASTARE LE “DIMISSIONI IN BIANCO” 43PARTE SECONDAIL REGIME FISCALE, INFORTUNISTICOE PREVIDENZIALE IL REGIME FISCALE DEL LAVORO PARASUBORDINATO 45 Calcolo dell’imposta 45 Il sistema delle detrazioni 46 Le detrazioni per redditi da lavoro dipendente e assimilati - art. 13, commi 1 e 2, del Tuir 46 Le detrazioni per altre categorie di reddito - art. 13, comma 5, del Tuir 47 Le detrazioni per carichi di famiglia - art. 12 del Tuir 47 tabella aliquote Ipef e scaglioni di reddito 49 13
  13. 13. INDICE L’ASSICURAZIONE INAIL CONTRO INFORTUNI E MALATTIE PROFESSIONALI 50 I soggetti con obbligo di iscrizione all’Inail 50 Il contributo assicurativo e gli adempimenti 50 La denuncia assicurativa e le prestazioni erogate 51 Le registrazioni obbligatorie 52 IL REGIME PREVIDENZIALE 53 A) IL FONDO INPS GESTIONE SEPARATA 53 NORME GENERALI 53 La contribuzione previdenziale 53 Chi deve iscriversi al fondo gestione separata Inps 53 Disposizioni specifiche per gli studenti 54 Quando, come e dove ci si iscrive al fondo gestione separata Inps 54 Quando è possibile chiudere la propria posizione Inps 55 Quando è possibile chiedere la restituzione dei contributi versati 55 LE ALIQUOTE CONTRIBUTIVE DOVUTE 56 LA RIPARTIZIONE DELL’ALIQUOTA PREVIDENZIALE E IL VERSAMENTO CONTRIBUTIVO 57 MINIMALI E MASSIMALI 58 14
  14. 14. TABELLA RIEPILOGATIVA 58 INDICEB) LE PRESTAZIONI PER GLI ISCRITTI AL FONDO INPS 59LA TUTELA DELLA MATERNITÀ 59Congedo di maternità e gravidanza a rischio 59L’indennità di maternità 62 Il periodo indennizzabile 62 I requisiti contributivi per maturare il diritto all’indennità di maternità 62 L’indennità di paternità 63 Come si calcola l’indennità 63 Le adozioni e l’indennità di maternità 65 Congedo di maternità e contribuzione figurativa 65 Le modalità e i termini per la domanda 65TRATTAMENTO ECONOMICO PER CONGEDO PARENTALE 66 I requisiti contributivi per maturare il diritto al trattamento economico per congedo parentale 66 Congedo parentale e contribuzione figurativa 67L’ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE 67 I casi in cui si ha diritto all’assegno 67 I requisiti per ottenere l’assegno al nucleo familiare 68 Le modalità e i termini per la domanda 68 Le novità della Finanziaria 2007 (legge 27 dicembre 2006, n. 296) sugli assegni al nucleo familiare 69 15
  15. 15. L’INDENNITÀ DI MALATTIA 69 In caso di ricovero ospedaliero 69 I requisiti per ottenere l’indennità 69 Le modalità di erogazione 69 In caso di decorso domiciliare 70 L’INDENNITÀ DI DISOCCUPAZIONE CON REQUISITI RIDOTTI E L’ISCRIZIONE ALLA GESTIONE SEPARATA INPS 72 C) I CONTRIBUTI VERSATI E LA PENSIONE 73 La pensione maturata con contributi versati esclusivamente nella gestione separata Inps 74 La pensione maturata con contributi da lavoro dipendente e contributi versati nella gestione separata Inps 75 Contribuzione da lavoro dipendente iniziata entro il 31/12/1995 75 Contribuzione da lavoro dipendente iniziata dopo il 31/12/1995 77 Pensione supplementare e supplementi di pensione 79 Pensione ai superstiti 79 Pensione di inabilità 79 Assegno di invalidità 80 D) IL RISCATTO DEI CONTRIBUTI 80 Il riscatto della laurea 80 Il riscatto dei periodi antecedenti l’istituzione del fondo pensione separata Inps 81 E) IL CUMULO TRA PENSIONE E REDDITO DA COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA E A PROGETTO 82 Quando è possibile il cumulo 83 F) LA FORMAZIONE DEI COLLABORATORI NON PENSIONATI 8416
  16. 16. IL PROTOCOLLO DEL 23 LUGLIO SU PREVIDENZA,LAVORO E COMPETITIVITÀ PER L’EQUITÀ E LACRESCITA SOSTENIBILI 85MISURE IN MATERIA DI MERCATO DEL LAVORO 86 Contratti a termine 86 Staff leasing 87 Lavoro a chiamata 87MISURE IN MATERIA DI PREVIDENZAE AMMORTIZZATORI SOCIALI 87 Aliquote contributive gestione separata Inps 87 Totalizzazione dei contributi 88 Facoltà di riscatto della laurea 88 Indennità di disoccupazione con requisiti ridotti 89MISURE IN FAVORE DEI GIOVANI 89 Coefficienti di trasformazione 89 Fondo credito per i lavoratori a progetto 90 Aumento assegni e contratti di ricerca 90PARTE TERZA • LA CGILCHI TI PUÒ AIUTARE IN CGIL 91IL SISTEMA SERVIZI CGIL 91 L’Inca-Cgil 91 Il Caaf-Cgil 92 I Sol (Sportelli orientamento lavoro) 93 Gli uffici vertenze legali 93 Gli uffici immigrati della Cgil 94LO SPI-CGIL 94LE CATEGORIE DELLA CGIL 95NIDIL-CGIL 98LA CARTA SERVIZI CGILTUTTI I VANTAGGI PER GLI ISCRITTI 99I VANTAGGI IN PIÙ PER GLI ISCRITTI NIDIL-CGIL 101 17
  17. 17. ALLEGATI 103 LEGGI, DECRETI E CIRCOLARI UTILI Artt. da 2222 a 2228 e da 2229 a 2238 codice civile 103 Artt. da 2549 a 2554 codice civile 107 Art. 409 codice di procedura civile 108 Decreto legislativo n. 276/2003 (artt. 61-69 e artt. 75-82) 109 Decreto legislativo n. 151/2001 (artt. 16-17; artt. 22 e art. 64) 118 Legge n. 247/2007 122 Legge n. 296/2006 Finanziaria 2007 (art. 1, commi 770-771-772-788-791) 163 Legge n. 188/2007 166 Legge n. 31/2008 (art. 7, comma 2 bis) 168 Dm 12/1/2001 169 Dm 4/4/2002 172 Dm 12/7/2007 178 Circolare Ministero del lavoro n. 1/2004 182 Circolare Ministero del lavoro n. 17/2006 193 Circolare Ministero del lavoro n. 4/2008 199 Circolare Ministero del lavoro n. 8/2008 206 Circolare Inps n. 138/2002 212 Circolare Inps n. 76/2007 229 Circolare Inps n. 137/2007 23918
  18. 18. PARTE PRIMA • LE TIPOLOGIE DI LAVORO LE COLLABORAZIONI 1) LE COLLABORAZIONI COORDINATE E CONTINUATIVE (CO.CO.CO.) LE COLLABORAZIONI LE COLLABORAZIONI COORDINATE E CONTINUATIVE (CO.CO.CO.) Cosa si intende per collaborazione Le collaborazioni coordinate e continuative sono definite in tanti modi:prestazione d’opera; consulenza; contratto di diritto privato; lavoro para-subordinato ecc. La differenza con il lavoro autonomo è che il collaboratore agisce inassenza di rischio economico, senza mezzi organizzati d’impresa. Esiste anche una differenza tra collaborazioni e lavoro dipendente. Essaconsiste prevalentemente nell’autonomia organizzativa del collaboratore enella mancanza di esercizio del potere direttivo e disciplinare del commit-tente. Invece non è molto rilevante l’eventuale rispetto di un orario dilavoro. Le norme di riferimento delle collaborazioni coordinate e continuativesono: gli articoli 2222 e successivi del codice civile, la legge di riformaprevidenziale 335/95, l’art. 409 del codice di procedura civile e, in materiafiscale, il Testo unico delle imposte dirette e legge 342/00 che intervienein materia di assimilazione fiscale ai redditi da lavoro dipendente. Cosa s’intende con il termine “coordinata” Nelle varie modalità della collaborazione, la parola coordinata indica lanecessità di collegare funzionalmente l’attività del lavoratore al ciclo pro-duttivo del committente. Il lavoratore parasubordinato, quindi, deve godere di autonomia orga- 19
  19. 19. nizzativa circa le modalità, il tempo e il luogo dell’adempimento, ma l’atti- vità lavorativa deve comunque collegarsi funzionalmente e strutturalmen- te all’organizzazione dell’impresa. Cosa s’intende con il termine continuativa La parola continuativa, anche rispetto alla giurisprudenza consolidata, indica una serie di prestazioni lavorative reiterate in misura apprezzabile nel tempo, frutto di un accordo tra le parti.1) LE COLLABORAZIONI COORDINATE E CONTINUATIVE (CO.CO.CO.) LE COLLABORAZIONI Nella collaborazione coordinata e continuativa non è previsto un tempo minimo o massimo di durata del contratto che può anche essere rinnovato più volte. Cosa sono la pluri-committenza e la monocommittenza Per monocommittenza si intende lo svolgimento di una collaborazione con un unico committente; per pluricommittenza lo svolgimento della col- laborazione contemporaneamente con più committenti. La collaborazione coordinata e continuativa può prevedere un patto di esclusiva con il committente. Quando il patto di esclusiva manca, il colla- boratore è libero di stipulare altri contratti di collaborazione con più com- mittenti. Le collaborazioni coordinate e continuative con il dlgs 276/03 non sono sparite Le collaborazioni coordinate e continuative, dopo l’entrata in vigore del dlgs 276/03, sono possibili per: i collaboratori delle pubbliche amministrazioni; i pensionati di vecchiaia; coloro che collaborano con società sportive e associazioni di promo- zione sportiva riconosciute dal Coni (Comitato olimpico nazionale); Per le collaborazioni coordinate e continuative (per le quali non si applica l’art. 61 del dlgs 276/03), non è richiesta la forma scritta.20
  20. 20. LE COLLABORAZIONI COORDINATE E CONTINUATIVE A PROGETTO (CO.PRO. O LAP)A) LA NORMATIVA Cosa si intende per collaborazione a progetto (art. 61) Questa tipologia contrattuale è stata introdotta dal dlgs 276/03. Le principali norme di riferimento per il contratto a progetto sono: il decre- 2) LE COLLABORAZIONI COORDINATE E CONTINUATIVE A PROGETTO (CO.PRO. O LAP) LE COLLABORAZIONIto legislativo 276/03 (articoli da 61 a 69) e l’art. 409 del Titolo III del codicedi procedura civile; la legge di riforma previdenziale 335/95 con le successivemodifiche e, in materia fiscale, il testo unico delle imposte dirette unitamen-te alla legge 342/00 che interviene in materia di assimilazione fiscale al lavo-ro dipendente. La legge prevede che “… i rapporti di collaborazione coordinata e continua-tiva… devono essere riconducibili a uno o più progetti specifici o programmi dilavoro o fasi di esso determinati dal committente e gestiti autonomamente dalcollaboratore in funzione del risultato, nel rispetto del coordinamento con l’or-ganizzazione del committente e indipendentemente dal tempo impiegato perl’esecuzione dell’attività lavorativa” (art. 61, comma 1). Come nella co.co.co., anche nella collaborazione a progetto il lavoratoreagisce in modo prevalentemente personale, in assenza di rischio economico,senza mezzi organizzati d’impresa e in funzione del risultato da raggiungere;anche in questo caso il committente non deve esercitare su di lui il poteredirettivo e il potere disciplinare. Il co.pro., però, per essere tale deve svolgere la sua attività in base al pro-getto, programma di lavoro o fasi di esso assegnatogli dal committente,gestendo autonomamente la propria attività. Qualora manchi questo riferimento, la legge stabilisce che il giudice puòconsiderare il contratto a progetto “lavoro subordinato a tempo indetermina-to”, sin dalla data della sua costituzione. Cosa s’intende con il termine “coordinata” Anche qui la parola “coordinata” indica la necessità di collegare funzional-mente l’attività del lavoratore al ciclo produttivo del committente. Il dlgs 276/03 ha introdotto anche il concetto che il coordinamento conl’organizzazione del lavoro del committente va realizzato in funzione del risul- 21
  21. 21. tato da raggiungere, ma indipendentemente dal tempo impiegato per l’esecu- zione dell’attività lavorativa. Il dlgs 276/03 stabilisce inoltre che il lavoratore a progetto gode di auto- nomia nelle modalità di esecuzione della prestazione ma, all’interno del con- tratto individuale, è possibile anche prevedere forme temporali di coordina- mento per l’esecuzione della prestazione lavorativa. Questo significa che nel contratto individuale si può legittimamente definire anche un orario della pre- stazione.2) LE COLLABORAZIONI COORDINATE E CONTINUATIVE A PROGETTO (CO.PRO. O LAP) LE COLLABORAZIONI Cosa s’intende con il termine “continuativa” Per la giurisprudenza, con la parola “continuativa” si indica una serie di prestazioni lavorative reiterate in misura apprezzabile nel tempo, frutto di un accordo tra le parti. Per il contratto a progetto la legge non prevede una durata minima o mas- sima, ma dispone che, nei contratti individuali, debba essere indicata la dura- ta della prestazione di lavoro. La forma del contratto a progetto (art. 62) Il contratto a progetto, per essere valido, deve essere stipulato in forma scritta (art. 62, dlgs 276/03). La mancanza del contratto scritto, quindi, può essere utilizzata come prova dell’esistenza di un rapporto di lavoro diverso da quello a progetto. Il contratto individuale deve contenere: la durata, determinata o determinabile, della prestazione di lavoro; l’indicazione del progetto o programma di lavoro o fasi di esso. La legge non sancisce l’obbligo di allegare la copia del progetto o programma di lavoro ma, al contrario, indica di inserire nel contratto individuale solo il “contenuto caratterizzante” del progetto, programma di lavoro o fasi di esso; il compenso e i criteri per la sua determinazione, nonché i tempi, le modalità di pagamento e la disciplina dei rimborsi spese; le forme di coordinamento con il committente sull’esecuzione, anche temporale, della prestazione lavorativa. Queste forme, in ogni caso, non pos- sono essere tali da pregiudicare l’autonomia del collaboratore nell’esecuzione lavorativa; le eventuali misure per la tutela della salute e sicurezza del collabora- tore.22
  22. 22. Punti critici: Il concetto di “durata determinabile” si presta a un possibile usodiscrezionale attraverso l’inserimento di indicazioni generiche di termineche non mettano il collaboratore nelle condizioni di conoscere i limiti delcompito assegnatogli (ad esempio “fino alla fine del progetto”). È utileinvece che sia individuata un termine temporale definito, ovvero unadata, entro cui il progetto, il programma o le fasi di esso si realizzino. Il concetto di “contenuto caratterizzante” del progetto non deve dar 2) LE COLLABORAZIONI COORDINATE E CONTINUATIVE A PROGETTO (CO.PRO. O LAP) LE COLLABORAZIONIluogo a genericità descrittive del progetto stesso che va invece esplicitatoin modo puntuale. Ad esempio il progetto per “intensificare una particola-re attività produttiva” non è un esempio di esplicitazione dettagliata. Il concetto di “forme di coordinamento anche temporale” rende possi-bile l’introduzione di un orario di lavoro. Ciò in ogni caso deve essere frut-to di un accordo fra le parti e non può essere oggetto di controllo discipli-nare, che è elemento tipico del lavoro dipendente. Chi è escluso dal campo di applicazione della normativa sul contratto a progetto (art. 61, dlgs 276/03) Sono esclusi dal campo di applicazione delle norme sul lavoro a proget-to: gli agenti e i rappresentanti di commercio per i quali resta in vigorela disciplina specifica; le professioni intellettuali per le quali è necessaria l’iscrizione inappositi albi professionali esistenti al 24 ottobre 2003; le collaborazioni coordinate e continuative nelle associazioni esocietà sportive dilettantistiche affiliate alle federazioni sportive nazio-nali, alle discipline sportive associate e agli enti di promozione sportivariconosciute dal Coni; i componenti degli organi di amministrazione e controllo dellesocietà e i partecipanti a collegi e commissioni; i pensionati di vecchiaia; i collaboratori della pubblica amministrazione; le prestazioni occasionali, intese come “rapporti di durata complessi-va non superiore a 30 giorni nel corso dell’anno solare con lo stesso commit-tente, salvo che il compenso percepito nel medesimo anno sia superiore a5.000 euro”. 23
  23. 23. La prestazione economica (art. 63, dlgs 276/03) “Il compenso corrisposto ai collaboratori a progetto deve essere proporzionato alla quantità e qualità del lavoro eseguito e deve tenere conto dei compensi nor- malmente corrisposti per analoghe prestazioni di lavoro autonomo nel luogo di esecuzione del rapporto”. Questo articolo della legge rimanda a generiche affermazioni e basa i corri- spettivi sulla “qualità e quantità del lavoro eseguito”. Criterio, questo, conte-2) LE COLLABORAZIONI COORDINATE E CONTINUATIVE A PROGETTO (CO.PRO. O LAP) LE COLLABORAZIONI nuto nella nostra Costituzione, ma difficilmente utilizzabile dal singolo colla- boratore che ad esempio, pur non ritenendo sufficiente il suo compenso, non può rinunciare al lavoro offerto. Inoltre, la norma richiama anche il riferimento ai “compensi normal-mente corrisposti per analoghe prestazioni di lavoro autonomo nel luogo dell’esecu- zione”. Questi, essendo raramente esistenti o conosciuti dal collaboratore, rimetto- no la determinazione del compenso nelle mani del committente. È ovvio che così si dà la possibilità al committente di determinare il com- penso in base alla sua convenienza, senza grandi possibilità di con-testazione. NOTA BENE: La Finanziaria del 2007 ha opportunamente inserito fra i parametri di riferimento per la determinazione del compenso, quelli “corrisposti per pre- stazioni di analoga professionalità, anche sulla base dei Contratti collettivi nazionali di Lavoro (Ccnl)”. Questo elemento, pur creando un contrasto giuridico fra le norme, apre comunque la strada a una maggiore tutela nei confronti dei lavoratori. L’obbligo alla riservatezza (art. 64, dlgs 276/03) Salvo diverso accordo tra le parti, il collaboratore a progetto può svolgere la sua attività a favore di più committenti. Il collaboratore a progetto non deve svolgere attività in concorrenza con i committenti né, in ogni caso, diffondere notizie e apprezzamenti attinenti ai programmi e all’organizzazione di essi, né compiere, in qual-siasi modo, atti in pregiudizio dell’attività dei committenti medesimi. Il testo della legge non prevede un obbligo di compenso aggiuntivo nel caso in cui venga inserita nel contratto una clausola di esclusività: elemento che invece è opportuno che vengo corrisposto.24
  24. 24. Invenzioni del collaboratore a progetto (art. 65, dlgs 276/03) “Il lavoratore a progetto ha diritto di essere riconosciuto autore dell’in-venzione fatta nello svolgimento del rapporto. I diritti e gli obblighi delle parti sono regolati dalle leggi speciali, compre-so quanto previsto dall’art. 12 bis della legge 22 aprile 1941, n. 633, e suc-cessive modificazioni.” Questa norma è utile nei settori della ricerca, delle tecnologie informa-tiche e delle sperimentazioni tecnologiche in cui i collaboratori con 2) LE COLLABORAZIONI COORDINATE E CONTINUATIVE A PROGETTO (CO.PRO. O LAP) LE COLLABORAZIONImedie-alte professionalità potrebbero averne diritto. Estinzione del contratto e preavviso (art. 67, dlgs 276/03) “I contratti di lavoro di cui al presente capo si risolvono al momento del-la realizzazione del progetto o del programma o della fase di esso che necostituisce l’oggetto. Le parti possono recedere prima della scadenza del termine per giustacausa ovvero secondo le diverse causali o modalità, incluso il preavviso, sta-bilite dalle parti nel contratto di lavoro individuale.” Punti critici: non è chiaro quali siano le motivazioni per una giusta causa; la previsione del semplice preavviso per la rescissione anticipata delcontratto è penalizzante se non accompagnata dalla previsione del paga-mento dei compensi maturati, delle spese sostenute e del risarcimento peril mancato guadagno, così come previsto dall’art. 2227 del c.c.. Tutela dagli abusi: divieto di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa atipici e conversione del contratto (Art. 69, dlgs 276/03) “I rapporti di collaborazione coordinata e continuativa instaurati senzal’individuazione di uno specifico progetto, programma di lavoro o fase diesso ai sensi dell’articolo 61, comma 1, sono considerati rapporti di lavorosubordinato a tempo indeterminato sin dalla data di costituzione del rapporto. Qualora venga accertato dal giudice che il rapporto instaurato ai sensi del-l’articolo 61 del presente decreto legislativo sia venuto a configurare un rappor-to di lavoro subordinato, esso si trasforma in un rapporto di lavoro subordinatocorrispondente alla tipologia negoziale di fatto realizzatasi tra le parti. 25
  25. 25. Ai fini del giudizio di cui al comma 2, il controllo giudiziale è limitato esclusivamente, in conformità ai principi generali dell’ordinamento, all’ac- certamento dell’esistenza del progetto, programma di lavoro o fase di esso e non può essere esteso fino al punto di sindacare nel merito valutazioni e scelte tecniche, organizzative o produttive che spettano al committente.” La giurisprudenza sull’art. 69 Rispetto all’interpretazione dell’art. 69, primo comma, del dlgs 276/032) LE COLLABORAZIONI COORDINATE E CONTINUATIVE A PROGETTO (CO.PRO. O LAP) LE COLLABORAZIONI data dai guidici di merito, vanno senz’altro segnalate una serie di signifi- cative sentenze. Alcune di queste (da ultimo Tribunale di Milano n. 3141/07; n. 3144/07 e n. 3786/07) hanno sancito che la mancanza del progetto, o la semplice descrizione delle mansioni assegnate non collegate a uno specifico obiet- tivo, determina automaticamente la conversione del rapporto in lavoro subordinato a tempo indeterminato sin dalla sottoscrizione del contratto e indipendentemente dalle concrete modalità con le quali si è svolto il rap- porto di lavoro (cosiddetta presunzione legale assoluta). Di diverso orientamento altre sentenze (Tribunale di Milano n. 2655/06 e Tribunale di Torino n. 3167/06, solo per citarne alcune), con le quali i giudici di merito ritengono invece che, anche in assenza di uno specifico progetto, programma di lavoro o fasi di esso, è riconosciuto al committen- te il diritto di provare in giudizio attraverso testimonianze la natura auto- noma del rapporto di lavoro, escludendo pertanto una conversione auto- matica in lavoro subordinato a tempo indeterminato (cosiddetta presunzione legale relativa). È evidente che non siamo ancora in presenza di orientamenti giurispru- denziali consolidati, ma appare utile segnalarli per mettere in evidenza l’ambiguità della formulazione normativa che si presta ora all’una, ora all’altra interpretazione. B) LE CIRCOLARI APPLICATIVE La norma, pur introducendo con l’idea del progetto limiti all’utilizzo delle collaborazioni, per l’indeterminatezza che ancora la caratterizza ha consentito di proseguire da parte delle imprese nell’uso delle collabora-26
  26. 26. zioni in termini di sostituzione del lavoro dipendente. Le circolari del Ministero del lavoro che si sono susseguite dopo lanumero 1/2004 (che confermava tale ambiguità di impostazione) hannoteso a meglio delineare le modalità e l’ambito di applicazione per un usoregolare delle collaborazioni. La circolare n. 17/2006 del Ministro del lavoro Cesare Damiano Rivolta al personale ispettivo del ministero e con specifico riferimento 2) LE COLLABORAZIONI COORDINATE E CONTINUATIVE A PROGETTO (CO.PRO. O LAP) LE COLLABORAZIONIal settore dei call center, oltre a sancire che l’attività cosiddetta in boundpuò essere svolta soltanto attraverso un rapporto di lavoro subordinato,ha introdotto delle indicazioni di carattere generale trasferibili anche adaltri settori di attività. In particolare introduce il concetto per cui il progetto, programma ofasi di esso, pur potendo essere connessi all’attività principale dell’impre-sa (come indicava la circolare numero 1/04), non possono però totalmen-te coincidere con la stessa o ad essa sovrapporsi. Sulla base della circolare n. 17/06, insieme alle norme contenute nellaFinanziaria 2007 e all’Avviso comune fra Cgil, Cisl, Uil e Confindustria, èstata possibile nel corso del 2007, attraverso la contrattazione, una primaconsistente attività di stabilizzazione delle figure irregolari prevalente-mente concentrate nei call center. Le circolari n. 4/2008 e n. 8/2008 del Ministro del lavoro Cesare Damiano Coerentemente all’impegno assunto con il protocollo sul welfare (leggen. 247/07), una delle priorità della programmazione del ministero dellavoro per l’anno 2008 è il contrasto alla “elusione della normativa sullatutela del lavoro subordinato” con “particolare attenzione alle collaborazio-ni svolte dai lavoratori, anche titolari di partita iva che esercitino la propriaattività per un solo committente e con un orario di lavoro predeterminato”. Nel solco della circolare n. 17/2006, la n. 4/2008 fornisce delle istru-zioni operative, formulate congiuntamente all’Inps e all’Inail, utili peruna corretta, efficace e omogenea attività di accertamento in materia dicollaborazioni da parte degli organi di vigilanza. Tra i vari elementi che la circolare individua per verificare la regolaritàdel contratto a progetto ci sono: 27
  27. 27. a) riferimento al progetto, programma di lavoro o fase di esso Il progetto, programma di lavoro o fase di esso, non può totalmente coincidere con l’attività principale o accessoria dell’impresa, ma potrà essere solo funzionalmente correlato ad essa. NOTA BENE: il progetto o programma di lavoro individuato non potrà per- tanto essere né la sola descrizione della attività da svolgere né l’elenco delle mansioni affidate al collaboratore;2) LE COLLABORAZIONI COORDINATE E CONTINUATIVE A PROGETTO (CO.PRO. O LAP) LE COLLABORAZIONI b) inserimento nel contesto aziendale, coordinamento e autonomia Occorre verificare che le modalità di coordinamento (art. 62, del dlgs 276/03) non pregiudichino l’autonomia della prestazione e siano indica- te nel contratto individuale. Non vi deve essere un assoggettamento a uno specifico e serrato controllo sull’attività svolta da parte del commit- tente sia direttamente che per interposta persona. Inoltre deve essere assente qualsiasi forma di esercizio del potere disciplinare; c) contenuto della prestazione Le prestazioni elementari, ripetitive e predeterminate sono considera- te difficilmente compatibili con il contratto a progetto. Si precisa inoltre che il collaboratore non deve essere utilizzato per una molteplicità di attività generiche esterne al progetto oggetto del contratto. Quindi, va verificato che il contenuto della prestazione non si risolva in una mera messa a disposizione di energie in favore del committente; d) compenso Il compenso non può essere esclusivamente legato al tempo della pre- stazione (ad esempio alle ore lavorate), ma deve essere riferibile al risul- tato definito nel progetto; e) proroga e rinnovo La proroga è giustificata solo dal non raggiungimento dell’obiettivo proget- tuale individuato rispetto al termine stabilito nel contratto. La proroga ingiustificata e il rinnovo per un progetto identico costituiscono pertanto elementi di particolare rilevanza per valutare la regolarità del contratto.28
  28. 28. I contenuti della circolare n. 4/2008 nei giorni in cui andiamo instampa, sono stati ulteriormente chiariti dalla circolare n. 8/2008. Intervenen-do infatti sulla riapertura dei termini per le stabilizzazioni disposta dalla leggen. 31/2008 esplicita e assume il punto di risultanza ispettivo sui call center inout bound: se la circolare n. 17/2006 lasciava aperta per questa fattispecie lapraticabilità del lavoro in autonomia, la circolare n. 8/2008 valuta, a seguitodelle ispezioni svolte, come anche in questa ipotesi si tratti, salvo casi di raraapplicazione e da dimostrare, di lavoro subordinato. 2) LE COLLABORAZIONI COORDINATE E CONTINUATIVE A PROGETTO (CO.PRO. O LAP) LE COLLABORAZIONIC) LE PRESTAZIONI Diritti del collaboratore a progetto: maternità, malattia e infortunio “La gravidanza, la malattia e l’infortunio del collaboratore a progetto non com-portano l’estinzione del rapporto contrattuale, che rimane sospeso, senza eroga-zione del corrispettivo.” (art. 66, dlgs 276/03, comma 1) “Salva diversa previsione del contratto individuale, in caso di malattia e infor-tunio la sospensione del rapporto non comporta una proroga della durata del con-tratto, che si estingue alla scadenza. Il committente può comunque recedere dal contratto se la sospensione si pro-trae per un periodo superiore a un sesto della durata stabilita nel contratto, quan-do essa sia determinata, ovvero superiore a 30 giorni per i contratti di duratadeterminabile.” (art. 66, dlgs 276/03, comma 2) “In caso di gravidanza la durata del rapporto è prorogata per un periodo di 180giorni, salva più favorevole disposizione del contratto individuale.” (art. 66, dlgs.276/03, comma 3) In caso di infortunio ai collaboratori è riconosciuto un indennizzo Inail nonsuperiore al 60 per del compenso. (vedi pag. 48). Ai collaboratori è inoltre riconosciuta l’applicazione delle disposizioni di cuialla legge n. 533 del 1973, e successive modificazioni e integrazioni, sul pro-cesso del lavoro. Elementi di criticità nella normativa In caso di gravidanza, malattia e infortunio sul lavoro la legge rego-lamenta unicamente la possibilità di interrompere la prestazione sospenden-do l’erogazione del compenso. 29
  29. 29. Solo in caso di gravidanza la durata del rapporto di lavoro è sospesa e pro- rogata per un periodo di 180 giorni. Nel contratto individuale le parti posso- no migliorare tale disposizione. Il committente, poi, in caso di malattia e infortunio ha comunque la facoltà di rescindere il contratto se la sospensione si protrae per un periodo superiore a un sesto della durata stabilita dal contratto oppure, in caso di durata determinabile, se l’assenza supera i 30 giorni.2) LE COLLABORAZIONI COORDINATE E CONTINUATIVE A PROGETTO (CO.PRO. O LAP) LE COLLABORAZIONI Finanziaria 2007: alcuni interventi di rafforzamento Con la legge n. 296/2006 sono state introdotte alcune misure di maggior tutela per i lavoratori parasubordinati in caso di malattia (introduzione del- l’indennità per malattia con decorso domiciliare) e di maternità (tutela della maternità a rischio), colmando parzialmente le lacune del decreto 276/03. Si tratta senza dubbio di misure positive, ma da implementare ulterior- mente. Occorre in particolare: l’innalzamento dell’indennità per malattia sia in caso di ricovero ospeda- liero che domiciliare; l’adeguamento della proroga del rapporto di lavoro anche a copertura dei periodi di astensione in caso di maternità a rischio, poiché con gli attuali 180 giorni si copre solo il periodo di astensione obbligatoria. D) SICUREZZA SUL LAVORO “Le norme sulla sicurezza e igiene del lavoro di cui al decreto legislativo n. 626 del 1994 e successive modifiche e integrazioni, quando la prestazione lavo- rativa si svolga nei luoghi di lavoro del committente, nonché le norme di tutela contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali, le norme di cui all’art. 51, comma 1, della legge 23 dicembre 1999, n. 488, e del decreto del Ministero del lavoro e della previdenza sociale 12 gennaio 2001, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 71 del 26 marzo 2001.” (art. 66, dlgs 276/03 comma 4) NOTA BENE: Mentre andiamo in stampa è in via di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale il testo unico (attuativo della legge delega n. 123/07) in materia di salu- te e sicurezza sul lavoro e per il riassetto e la riforma della normativa in materia.30
  30. 30. Il testo unico contiene importanti novità che riguardano tutti i lavoratori, aprescindere dal contratto di contratto con cui lavorano. Le informazioni sulle nuo-ve disposizioni, inerenti ai lavoratori atipici, saranno disponibili suwww.nidil.cgil.itE) CERTIFICAZIONE, RINUNZIE E TRANSAZIONI 2) LE COLLABORAZIONI COORDINATE E CONTINUATIVE A PROGETTO (CO.PRO. O LAP) LE COLLABORAZIONI Finalità “Al fine di ridurre il contenzioso in materia di qualificazione dei contratti dilavoro le parti possono ottenere la certificazione del contratto.” (art. 75, dlgs276/03) La certificazione del contratto rischia di diventare una truffa per il collaboratore La certificazione del contratto di lavoro (tra cui quelli di collaborazione a pro-getto) è stata introdotta dal decreto attuativo 276/03 e, poi, disciplinata dalministero del lavoro con il decreto del 21/7/04 e la successiva circolare 48/04. NIdiL e la Cgil sono fortemente contrari all’istituto della certificazione per-ché, di fatto, è finalizzata a ostacolare il riconoscimento in sede giudiziariadi quanto spetta al lavoratore. Infatti, intervenendo in maniera preventivasullo svolgimento del rapporto di lavoro, viene ostacolata la possibilità delgiudice di analizzare l’effettiva modalità di svolgimento della prestazione e lanatura stessa del rapporto. La certificazione può essere fatta presso la Direzione provinciale del lavo-ro, presso le eventuali commissioni istituite dalla Province o presso le Uni-versità che si siano iscritte a tal fine in apposito albo. Essa è un atto volon-tario a cui il lavoratore non può essere obbligato. È importante sapere che: la certificazione è un atto finalizzato a “qualificare” preventivamente ilcontratto, ciò a certificare che si tratti – nel nostro caso – di un contratto aprogetto e che, quindi, abbia determinate caratteristiche; è necessario, perché la certificazione sia valida, il consenso di entrambele parti (lavoratore e datore di lavoro); 31
  31. 31. il lavoratore può farsi assistere da un rappresentante sindacale indi- spensabile per limitare le pressioni del datore di lavoro sul lavoratore; la certificazione deve essere motivata e indicare l’autorità preposta e il termine temporale entro cui è possibile impugnarla; la certificazione deve elencare esplicitamente tutti gli effetti civili, amministrativi, previdenziali o fiscali a cui fa riferimento il rapporto di lavoro che si sta certificando; gli effetti della certificazione valgono anche verso terzi (Inps, Inail,2) LE COLLABORAZIONI COORDINATE E CONTINUATIVE A PROGETTO (CO.PRO. O LAP) LE COLLABORAZIONI Ufficio delle imposte ecc.). Anche nel caso di ricorso (art. 80, dlgs 276/03) da parte del lavoratore/collaboratore, tali effetti continuano a perdurare fino alla sentenza di merito (sentenza del giudice del lavoro, conciliazione ecc.). In questo modo si depotenzia, nei fatti il ricorso ai soggetti preposti attivati a seguito di ispezioni comprovanti la falsa natura del rapporto di lavoro; durante la certificazione del contratto presso la Direzione provinciale del lavoro non è possibile svolgere qualsivoglia rinuncia e transazione (soprattutto per ciò che attiene al passato). La legge inoltre prevede che: “I diritti possono essere oggetto di rinunzie o transazioni tra le parti in sede di certificazione del rapporto di lavoro.” (art. 68, dlgs 276/03) Con questa procedura (svolgibile presso le sedi sopracitate) si mette il lavoratore in una condizione di estrema debolezza e di possibile espropria- zione dei propri diritti. ATTENZIONE: in ogni caso, prima di certificare qualsivoglia contratto, è opportuno chiedere informazioni per valutare attentamente tutti gli effetti giuridici e contrattuali alla più vicina sede di NIdiL o a quella degli Uffici vertenze della Cgil. Oppure, anche quando si è già firmata la certificazione, è bene far visio- nare il testo sottoscritto da un sindacalista di NIdiL-Cgil così da, eventual- mente, poter contestare (sia al termine del rapporto di lavoro, sia durante lo svolgimento del contratto) quanto erroneamente certificato.32
  32. 32. LE MINI CO.CO.CO. (COLLABORAZIONI COORDINATE E CONTINUATIVE OCCASIONALI) La circolare del ministero del lavoro e delle politiche sociali 1/04, inter-pretando l’art. 61, comma 2, del dlgs 276/03, ha distinto due diverse tipolo-gie di lavoro occasionale: le prestazioni occasionali (collaborazioni coordinate e continuativeoccasionali); 3) LE MINI CO.CO.CO. (COLLABORAZIONI COORDINATE E CONTINUATIVE OCCASIONALI) LE COLLABORAZIONI il lavoro autonomo occasionale; Di fatto è stata introdotta un’ulteriore tipologia contrattuale: il lavorocoordinato e continuativo occasionale. L’Inps ha definito queste collaborazioni “mini co.co.co.”. Si tratta, infatti,di collaborazioni coordinate e continuative di “portata limitata” che, nellostesso anno solare e con lo stesso committente, hanno una durata comples-siva non superiore a 30 giorni e prevedono un compenso complessivo nonsuperiore a 5.000 euro. Analogamente alle co.co.co. il collaboratore coordinato e continuativooccasionale agisce in assenza di rischio economico e senza mezzi organizza-ti d’impresa. Inoltre il collaboratore gode di autonomia organizzativa circa le modalità,il tempo e il luogo dell’adempimento. In quanto “coordinate”, questo tipo di collaborazioni sono caratterizzateda un costante raccordo tra l’attività del lavoratore e il ciclo produttivo delcommittente. Nel caso in cui i limiti temporali e retributivi previsti dalla legge nonvengano rispettati, il rapporto di collaborazione è assoggettato alladisciplina del lavoro a progetto. Questi rapporti di mini co.co.co. si distinguono sia dalle prestazioni occa-sionali di tipo accessorio rese da particolari soggetti (artt. 70 e seguenti,dlgs n. 276/03), sia dal lavoro autonomo occasionale, dove non è previsto néun coordinamento con il committente, né una continuità della prestazione. Aspetti fiscali e previdenziali: trattandosi di collaborazionicoordinate e continuative, anche se occasionali, ad esse si applica la stessadisciplina fiscale e previdenziale prevista per le collaborazioni a progetto e perquelle coordinate e continuative. 33
  33. 33. LE COLLABORAZIONI OCCASIONALI (IL LAVORO AUTONOMO OCCASIONALE) Il collaboratore occasionale deve poter svolgere la sua attività in modo autonomo e non essere vincolato, dal committente, ad orari rigidi e predetermi- nati, fatte salve ovviamente specifiche esigenze dell’azienda. In questo tipo di collaborazione, quindi, il lavoratore agisce in assenza di rischio economico, non è tenuto a rispettare un orario di lavoro preciso e la sua attività va intesa non LE COLLABORAZIONI4) LE COLLABORAZIONI OCCASIONALI (IL come strutturale all’intero ciclo produttivo, ma solo come di supporto al rag- giungimento di obiettivi momentanei del committente. Questa modalità lavorativa non prevede né un contratto scritto, né l’ob- bligo di applicare le regole sulla prevenzione degli infortuni o altre norme previste per gli altri lavoratori. ATTENZIONE: la circolare del Ministero del lavoro n. 1/04 ha precisato che, rispet- to alle collaborazioni coordinate e continuative occasionali (mini co.co.co.), il lavoro autonomo occasionale non deve avere né coordinamento con il committen- te, né continuità nella prestazione. Il prestatore di lavoro autonomo occasionale,LAVORO AUTONOMO OCCASIONALE) quando riceve il compenso, dovrà firmare un prospetto (notula) da consegnare al proprio committente. ASPETTI FISCALI E PREVIDENZIALI Fisco: il corrispettivo economico è assoggettato a ritenuta d’ac- conto del 20 per cento. Naturalmente la ritenuta d’acconto non esaurisce gli obblighi fiscali del lavo- ratore relativi al reddito complessivo annuo. Infatti, dovrà eventualmente paga- re sui propri compensi complessivi (dopo il raggiungimento di determinati sca- glioni di reddito) la relativa integrazione di aliquota dovuta per l’Irpef. Previdenza: non è previsto il versamento di contributi previden- ziali a meno che il reddito annuo da collaborazione sia superiore a 5.000 Euro, nel qual caso si è obbligati (legge 326/03, art. 44, comma 2) a iscriversi e ver- sare i contributi presso la gestione separata Inps dei lavoratori parasubordinati (vedi pag. 51).34
  34. 34. ESEMPIO DI NOTULA DI PAGAMENTO PER PRESTAZIONE DI LAVORO AUTONOMO OCCASIONALE Il prestatore di lavoro autonomo occasionale, quando riceve il compenso,dovrà firmare un prospetto (notula) di questo tipo: ESEMPIO DI UN COMPENSO LORDO DI 1.000 EURO LE COLLABORAZIONI 4) LE COLLABORAZIONI OCCASIONALI (IL NOME COGNOME INDIRIZZO CODICE FISCALE Spett. le ditta XY Quietanza Il sottoscritto NOME COGNOME dichiara di aver ricevuto in data odierna dalla Ditta XY le somme sotto indicate a fronte delle prestazioni rientranti in rapporto di prestazione di lavoro autonomo occasionale ai sensi del- l’art. 67, lett. L, del Tuir 917/86 e fuori campo Iva ai sensi dell’art. 5, dpr LAVORO AUTONOMO OCCASIONALE) 26/10/1972, n. 633 e successive modifiche ed integrazioni: compensi lordi per la collaborazione: euro 1.000,00 Ritenuta d’acconto Irpef (20%): euro 200,00 Netto percepito euro 800,00 Luogo, l” XX/XX/XXXX Firma ATTENZIONE: possono essere dedotte le eventuali spese sostenute strettamente per losvolgimento dell’opera; le eventuali marche da bollo (per la contabilità della ditta committente)saranno a carico della stessa ditta committente. 35
  35. 35. LA PRESTAZIONE D’OPERA IN REGIME DI PARTITA IVACOS’È UNA PRESTAZIONE D’OPERA LA PRESTAZIONE D’OPERA IN REGIME DI PARTITA IVA COS’È UNA PRESTAZIONE D’OPERA Si può parlare di prestazioni d’opera (che comprendono anche le consu- lenze professionali) quando una persona, dietro corrispettivo, si impegna a compiere un’opera o un servizio prevalentemente attraverso il proprio lavoro e senza vincolo di subordinazione nei confronti del committente. Le prestazioni d’opera fanno riferimento agli articoli dal 2222 al 2228 del codice civile; in caso di prestazioni d’opera intellettuali, si fa riferi- mento anche agli articoli 2229-2238 sempre del codice civile. Non è obbligatoria la forma scritta di tale contratto; pur tuttavia generalmente si procede alla compilazione di un “Ordine di lavoro o con- tratto di prestazione d’opera” scritto e firmato dalle parti. È importante che tale documento ci sia, poiché è l’unico oggetto di rife- rimento in un eventuale contenzioso. A tal fine è bene che comprenda: la descrizione sufficientemente dettagliata dell’opera o del servizio richiesti; i tempi di consegna da parte del committente dei materiali necessari alla progettazione e/o realizzazione; i tempi di consegna del lavoratore; il prezzo pattuito; i tempi di pagamento; la data e le modalità di recesso. In caso di tardivo o mancato pagamento è possibile per il lavoratore il ricorso alle vie legali che seguono la procedura di una normale causa civi- le, con quel che ne consegue in costi e tempi. Perciò è bene che l’ordine di lavoro preveda una penale per il ritardato pagamento.36
  36. 36. La prestazione d’opera effettuata attraverso l’utilizzo di partita Iva è convenzionalmente definita “partita Iva individuale” Specie se resa in regime di partita Iva e in condizioni di monocomittenza, laprestazione d’opera ha spesso costituito per i committenti un facile strumento dielusione delle norme di tutela del lavoro dipendente, mascherando veri e proprirapporti di lavoro subordinato, oltre che diventare sostitutiva di formule contrat-tuali divenute nel tempo più onerose (ad esempio le collaborazioni a progetto). Va pertanto scoraggiato l’utilizzo improprio di questa tipologia lavorati-va ricorrendo, laddove non risponda genuinamente alla propria fattispeciegiuridica, anche alla tutela legale. COS’È UNA PRESTAZIONE D’OPERA LA PRESTAZIONE D’OPERA IN REGIME DI PARTITA IVA Gli aspetti fiscali Dal momento in cui si apre la partita iva, per ogni prestazione effettua-ta si deve emettere fattura che, oltre al compenso pattuito deve contenerela rivalsa Iva (20 per cento) e la ritenuta d’acconto Irpef (20 per cento). I redditi dei lavoratori con partita Iva sono classificati fiscalmente comeredditi di lavoro autonomo. Il reddito derivante dall’esercizio di lavoro autonomo è costituto dalladifferenza tra l’ammontare dei compensi in denaro o in natura percepiti nelperiodo d’imposta anche sotto forma di partecipazione agli utili e quellodelle spese sostenute nel periodo stesso nell’esercizio dell’attività. Le spese sono interamente deducibili dal reddito solo se inerenti all’attività. Le spese relative all’acquisto di beni adibiti promiscuamente all’eserciziodella professione e all’uso personale sono deducibili nella misura del 50 percento. Il reddito imponibile è tassato in sede di dichiarazione dei redditi(obbligatoria per i titolari di partita iva anche in caso di reddito zero)secondo il principio di acconto e saldo, applicando le aliquote progressivevigenti per scaglioni di reddito.(Irpef, addizionali regionali e comunali).Con la stessa dichiarazione dei redditi si dovrà versare l’Irap nella misuradel 4,25 per cento per i redditi oltre 8.000 euro. Il titolare di partita Iva è obbligato alla registrazione delle fatture suappositi registri (registro delle fatture emesse e registro degli acquisti), 37
  37. 37. alla liquidazione trimestrale e/o mensile dell’Iva, nonché alla relativa liquidazione annuale. Il regime semplificato per i contribuenti minimi La Finanziaria 2008 (legge n. 244/07, art. 1, commi da 96 a 117) ha introdotto un nuovo regime destinato ai cosiddetti contribuenti minimi esercenti attività di impresa, arte o professione. Sono considerati contribuenti minimi le persone fisiche che esercitano attività di impresa o professionale che: nell’anno precedente non hanno percepito compensi o conseguito ricavi superiori a 30.000 euro; tali ricavi andranno ragguagliati ad anno;COS’È UNA PRESTAZIONE D’OPERA LA PRESTAZIONE D’OPERA IN REGIME DI PARTITA IVA non hanno effettuato cessioni all’esportazione; non hanno sostenuto spese per lavoratori dipendenti o collaboratori; nel triennio precedente non hanno effettuato acquisti di beni stru- mentali per un ammontare superiore a 15.000 euro. Sono esclusi dal nuovo regime: tutti coloro che si avvalgono di regimi speciali Iva; i non residenti; chi effettua in maniera prevalente o esclusiva attività di cessioni di immobili e di mezzi di trasporto; chi partecipa a società di persone, associazioni professionali o a S.r.l. che hanno optato per la trasparenza fiscale. Coloro che iniziano l’attività dovranno barrare la relativa casella al momento dell’apertura della partita Iva, mentre chi già esercita l’attività e possiede i requisiti previsti potrà passare al nuovo regime emettendo le fatture senza Iva con la dicitura “operazione effettuata ai sensi del- l’art.1, comma 100, legge n. 244 del 24/12/2007”. Le principali agevolazioni previste dalla nuova normativa si possono riassumere come segue: 1. applicazione dell’imposta sostitutiva del 20 per cento sul reddito (comprensiva di Irpef, addizionali regionali e comunali); il reddito è deter- minato dalla differenza fra l’ammontare dei ricavi o compensi percepiti e38
  38. 38. quello dell’ammontare delle spese sostenute nell’esercizio dell’attività; 2. esonero degli adempimenti Iva: non si addebita l’Iva in fattura e nonsi detrae l’Iva dagli acquisti, conseguentemente non dovrà essere presen-tata la dichiarazione Iva e non dovranno essere effettuati i versamentiperiodici; 3. esenzione del versamento e della dichiarazione Irap; 4. esonero della tenuta delle scritture contabili e delle registrazioni Iva;resta l’obbligo di numerare e conservare le fatture emesse e ricevute. 5. esclusione dagli studi di settore.NOTA BENE: la convenienza di aderire alla nuova disciplina va valutata L’ASSOCIAZIONE IN PARTECIPAZIONE LA PRESTAZIONE D’OPERA IN REGIME DI PARTITA IVAcaso per caso. Prima di aderire al nuovo regime, è consigliabile rivolgersi aun centro Caaf Cgil. Gli aspetti previdenziali Chi è in possesso di partiva Iva è obbligato ad iscriversi alla gestioneseparata Inps se esercita un’attività che non prevede l’iscrizione a un alboo a un ordine provvisto di cassa previdenziale specifica. L’iscrizione è obbligatoria anche se si hanno contributi versati nel fondodei lavoratori dipendenti: in tal caso c’è solo una riduzione dell’aliquotadovuta. La contribuzione è a totale carico del lavoratore con partita Iva: egli hala possibilità di addebitare nella fattura il 4 per cento del compenso lordoa titolo di rivalsa previdenziale (vedi pag. 51) 39
  39. 39. L’ASSOCIAZIONE IN PARTECIPAZIONE È doveroso premettere che NIdiL-Cgil, congiuntamente alla Filcams-Cgil e all’Ufficio vertenze nazionale, ritiene i contratti di associazione in parteci- L’ASSOCIAZIONE IN PARTECIPAZIONE pazione un’elusione sostanziale del contratto di lavoro subordinato. Pertan- to tali contratti vanno scoraggiati e contrastati. Riteniamo però che, nel- l’attesa di un provvedimento legislativo che modifichi la norma del codice civile che ha permesso il proliferare di questa tipologia contrattuale, sia necessario nell’interesse dei lavoratori dare un’informazione il più possibile corretta ed esauriente. Cos’è l’associazione in partecipazione Il contratto di associazione in partecipazione, disciplinato dall’articolo 2549 del codice civile, stabilisce che l’associante (imprenditore) attribui- sca all’associato (lavoratore) una partecipazione agli utili dell’azienda. Gli elementi che caratterizzano tale contratto sono costituiti dall’appor- to dell’associato e dalla sua partecipazione agli utili dell’impresa o di un determinato affare. Può costituire oggetto dell’apporto dell’associato una prestazione di carattere patrimoniale oppure una prestazione d’opera. Qualora il contratto non specifichi la quota di utili spettanti all’associa- to, essa deve essere calcolata in proporzione al valore dell’apporto dato dall’associato rispetto al valore dell’impresa. Il calcolo è effettuato sulla base dei criteri di valutazione del bilancio dell’impresa. L’associante ha diritto ad essere informato sull’andamento dell’a- zienda e ad esercitare i controlli.40

×