Your SlideShare is downloading. ×
Finanziamento pubblico ai partiti - Wikipedia                       http://it.wikipedia.org/wiki/Finanziamento_pubblico_ai...
Finanziamento pubblico ai partiti - Wikipedia                        http://it.wikipedia.org/wiki/Finanziamento_pubblico_a...
Finanziamento pubblico ai partiti - Wikipedia                      http://it.wikipedia.org/wiki/Finanziamento_pubblico_ai_...
Finanziamento pubblico ai partiti - Wikipedia                        http://it.wikipedia.org/wiki/Finanziamento_pubblico_a...
Finanziamento pubblico ai partiti - Wikipedia                     http://it.wikipedia.org/wiki/Finanziamento_pubblico_ai_p...
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Finanziamento pubblico ai partiti wikipedia

712

Published on

Finanziamento pubblico ai partiti wikipedia

Published in: News & Politics
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
712
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Transcript of "Finanziamento pubblico ai partiti wikipedia"

  1. 1. Finanziamento pubblico ai partiti - Wikipedia http://it.wikipedia.org/wiki/Finanziamento_pubblico_ai_partiti#La_rein... Finanziamento pubblico ai partiti Da Wikipedia, lenciclopedia libera. Il finanziamento pubblico ai partiti è una delle modalità, assieme alle quote discrizione e alla raccolta fondi, attraverso cui i partiti politici reperiscono i fondi necessari a finanziare le proprie attività. Indice 1 Il finanziamento pubblico ai partiti in Italia 1.1 La legge Piccoli 1.2 Il fallito referendum abrogativo del 1978 1.3 Le prime modifiche negli anni 80 1.4 Il referendum del 1993 e labrogazione della norma 1.5 La reintroduzione dei "rimborsi elettorali" nel 1994 1.6 Il 4 per mille ai partiti politici (1997) 2 Dati finanziamento pubblico 3 Note 4 Bibliografia 5 Voci correlate 6 Collegamenti esterni Il finanziamento pubblico ai partiti in Italia La legge Piccoli Il finanziamento pubblico ai partiti è introdotto dalla legge Piccoli n. 195 del 2 maggio 1974[1][2], che interpreta il sostegno alliniziativa politica come puro finanziamento alle strutture dei partiti presenti in Parlamento, con leffetto di penalizzare le nuove formazioni politiche. Il flusso di fondi ha anche leffetto di rafforzare gli apparati burocratici interni dei partiti e disincentivare la partecipazione interna. Proposta da Flaminio Piccoli (DC), la norma viene approvata in soli 16 giorni con il consenso di tutti i partiti, ad eccezione del PLI. La nuova norma si giustifica in base agli scandali Trabucchi del 1965 e petroli del 1973: il Parlamento intende rassicurare lopinione pubblica che, attraverso il sostentamento diretto dello Stato, i partiti non avrebbero avuto bisogno di collusione e corruzione da parte dei grandi interessi economici. A bilanciare tale previsione, si introduce un divieto - per i partiti - di percepire finanziamenti da strutture pubbliche ed un obbligo (penalmente sanzionato) di pubblicità e di iscrizione a bilancio dei finanziamenti provenienti da privati, se superiori ad un modico ammontare. Ciò risulta tuttavia smentito dagli scandali affiorati successivamente (tra cui i casi Lockheed e Sindona). Nel settembre 1974 il PLI propone un referendum abrogativo sulla norma, ma non riesce a raccogliere le firme necessarie. Il fallito referendum abrogativo del 1978 Per approfondire, vedi la voce Referendum abrogativi del 1978 in Italia.1 di 5 13/04/2012 10.42
  2. 2. Finanziamento pubblico ai partiti - Wikipedia http://it.wikipedia.org/wiki/Finanziamento_pubblico_ai_partiti#La_rein... L11 giugno 1978 si tiene il referendum indetto dai Radicali per labrogazione della legge 195/1974. Nonostante linvito a votare "no" da parte dei partiti che rappresentano il 97% dellelettorato, il "si" raggiunge il 43,6%, pur senza avere successo. Secondo i promotori del referendum lo Stato deve favorire tutti i cittadini attraverso i servizi, le sedi, le tipografie, la carta a basso costo e quanto necessario per fare politica, non garantire le strutture e gli apparati di partito, che devono essere autofinanziati dagli iscritti e dai simpatizzanti. Le prime modifiche negli anni 80 Nel 1980 una proposta di legge vorrebbe introdurre il raddoppio del finanziamento pubblico, ma viene messa da parte al momento dellesplosione dello scandalo Caltagirone, con finanziamenti elargiti dagli imprenditori a partiti e a politici. La legge n. 659 del 18 novembre 1981[3][4] introduce le prime modifiche: i finanziamenti pubblici vengono raddoppiati; partiti e politici (eletti, candidati o aventi cariche di partito) hanno il divieto di ricevere finanziamenti dalla pubblica amministrazione, da enti pubblici o a partecipazione pubblica; viene introdotta una nuova forma di pubblicità dei bilanci: i partiti devono depositare un rendiconto finanziario annuale su entrate e uscite, per quanto non siano soggetti a controlli effettivi. I Radicali manifestano in aula parlamentare con tecniche di ostruzionismo per bloccare la proposta di indicizzazione dei finanziamenti e a ottenere maggiore trasparenza dei bilanci dei partiti nonché controlli efficaci. Il referendum del 1993 e labrogazione della norma Per approfondire, vedi la voce Referendum abrogativi del 1993 per labrogazione del finanziamento ai partiti. Il referendum abrogativo promosso dai Radicali Italiani dellaprile 1993 vede il 90,3% dei voti espressi a favore dellabrogazione del finanziamento pubblico ai partiti, nel clima di sfiducia che succede allo scandalo di Tangentopoli. La reintroduzione dei "rimborsi elettorali" nel 1994 Nello stesso dicembre 1993 il Parlamento aggiorna, con la legge n. 515 del 10 dicembre 1993[5][6] , la già esistente legge sui rimborsi elettorali, definiti “contributo per le spese elettorali”, subito applicata in occasione delle elezioni del 27 marzo 1994. Per lintera legislatura vengono erogati in unica soluzione 47 milioni di euro. La stessa norma viene applicata in occasione delle successive elezioni politiche del 21 aprile 1996. Il 4 per mille ai partiti politici (1997) La legge n. 2 del 2 gennaio 1997[7][8], intitolata "Norme per la regolamentazione della contribuzione volontaria ai movimenti o partiti politici" reintroduce di fatto il finanziamento pubblico ai partiti. Il provvedimento prevede la possibilità per i contribuenti, al momento della dichiarazione dei redditi, di destinare il 4 per mille dellimposta sul reddito al finanziamento di partiti e movimenti politici (pur senza poter indicare a quale partito), per un totale massimo di 56.810.000 euro, da erogarsi ai partiti entro il 31 gennaio di ogni anno. Per il solo anno 1997 viene introdotta una norma transitoria che fissa un fondo di2 di 5 13/04/2012 10.42
  3. 3. Finanziamento pubblico ai partiti - Wikipedia http://it.wikipedia.org/wiki/Finanziamento_pubblico_ai_partiti#La_rein... 82.633.000 euro per lanno in corso. Il Comitato radicale promotore del referendum del 1993 sull’abolizione del finanziamento pubblico tenta il ricorso rispetto al tradimento dell’esito referendario, ma pur essendo stato riconosciuto in precedenza come potere dello Stato, gli viene negata dalla Corte Costituzionale la possibilità di depositare tale ricorso. Sempre la legge 2/1997 introduce lobbligo per i partiti di redigere un bilancio per competenza, comprendente stato patrimoniale e conto economico, il cui controllo è affidato alla Presidenza della Camera. La Corte dei Conti può controllare solo il rendiconto delle spese elettorali. L’adesione alla contribuzione volontaria per destinare il 4 per mille ai partiti resta minima. La legge n. 157 del 3 giugno 1999, Nuove norme in materia di rimborso delle spese elettorali e abrogazione delle disposizioni concernenti la contribuzione volontaria ai movimenti e partiti politici, reintroduce un finanziamento pubblico completo per i partiti. Il rimborso elettorale previsto non ha infatti attinenza diretta con le spese effettivamente sostenute per le campagne elettorali. La legge 157 prevede cinque fondi: per elezioni alla Camera, al Senato, al Parlamento Europeo, Regionali, e per i referendum, erogati in rate annuali, per 193.713.000 euro in caso di legislatura politica completa (lerogazione viene interrotta in caso di fine anticipata della legislatura). La legge entra in vigore con le elezioni politiche italiane del 2001. La normativa viene modificata dalla legge n. 156 del 26 luglio 2002, “Disposizioni in materia di rimborsi elettorali”, che trasforma in annuale il fondo e abbassa dal 4 all1% il quorum per ottenere il rimborso elettorale. L’ammontare da erogare, per Camera e Senato, nel caso di legislatura completa più che raddoppia, passando da 193.713.000 euro a 468.853.675 euro. Infine, con la legge n. 51 del 23 febbraio 2006: l’erogazione è dovuta per tutti e cinque gli anni di legislatura, indipendentemente dalla sua durata effettiva. Con quest’ultima modifica l’aumento è esponenziale. Con la crisi politica italiana del 2008, i partiti iniziano a percepire il doppio dei fondi, giacché ricevono contemporaneamente le quote annuali relative alla XV Legislatura della Repubblica Italiana e alla XVI Legislatura della Repubblica Italiana. Dati finanziamento pubblico Per partito nel 2008, in base alle elezioni del 2008[9]: Partito Rimborsi Il Popolo della Libertà 160.446.990 € Lega Nord 35.339.331 € Movimento per lAutonomia 4.670.297 € Unione di Centro 24.018.774 € Italia dei Valori 8.427.608 € La Sinistra - lArcobaleno 13.356.565 € La Destra 9.629.998 € Lista Bonino Pannella -[10] Calcolo finanziamento: 5 € x il numero di voti raccolti[11] Finanziamanto pubblico alleditoria - giornali di partito nel 2008 (riferimento dati 2007)[12]:3 di 5 13/04/2012 10.42
  4. 4. Finanziamento pubblico ai partiti - Wikipedia http://it.wikipedia.org/wiki/Finanziamento_pubblico_ai_partiti#La_rein... Giornale Rimborsi Partito Il Campanile nuovo 1.150.919,75 € UDEUR Democrazia Cristiana 298.136,46 € DC Italia Democratica 298.136,46 € già Italia Democratica Cronache di Liberal 1.200.342,31 € UDC Liberazione 3.947.796,54 € PRC Notizie verdi 2.510.957,71 € I Verdi La Padania 4.028.363,82 € Lega Nord Le Peuple Valdôtain 301.325,06 € Union Valdôtaine La Rinascita della Sinistra 934.621,50 € PdCI Secolo dItalia 2.959.948,01 € PdL Il SocialistaLab 472.036,97 € Nuovo PSI lUnità 6.377.209,80 € PD Zukunft in Südtirol 650.081,04 € SVP Note 1. ^ Contributo dello Stato al finanziamento dei partiti politici. Camera dei deputati; VI Legislatura. Scheda della proposta di legge n. 2860 (http://legislature.camera.it/_dati/leg06/lavori/schedela /trovaschedacamera.asp?pdl=2860) 2. ^ Legge n. 195 del 2 maggio 1974 (http://www.normattiva.it/uri-res/N2Ls?urn:nir:stato:legge:1974;195) . URL consultato il 3-8-2011. 3. ^ Modifiche ed integrazioni alla legge 2 maggio 1974, n. 195, sul contributo dello Stato al finanziamento dei partiti politici. Camera dei deputati; VIII Legislatura. Scheda dellatto parlamentare n. 2451 (http://legislature.camera.it/_dati/leg08/lavori/schedela/trovaschedacamera.asp?pdl=2451) 4. ^ Legge n. 659 del 18 novembre 1981 (http://www.normattiva.it/uri-res/N2Ls?urn:nir:stato:legge:1981;659) . URL consultato il 3-8-2011. 5. ^ Disciplina delle campagne elettorali per lelezione alla Camera dei deputati e al Senato della Repubblica. Camera dei deputati; XI Legislatura. Scheda della proposta di legge n. 2871 (http://legislature.camera.it/_dati /leg11/lavori/schedela/trovaschedacamera.asp?pdl=2871) 6. ^ Legge n. 515 del 10 dicembre 1993 (http://www.normattiva.it/uri-res/N2Ls?urn:nir:stato:legge:1993;515) . URL consultato il 3-8-2011. 7. ^ Norme per la regolamentazione della contribuzione volontaria ai movimenti o partiti politici. Camera dei deputati; XIII Legislatura. Scheda della proposta di legge n. 2096 (http://legislature.camera.it/_dati/leg13 /lavori/schedela/trovaschedacamera.asp?pdl=2096) 8. ^ Legge n. 2 del 2 gennaio 1997 (http://www.normattiva.it/uri-res/N2Ls?urn:nir:stato:legge:1997;2) . URL consultato il 3-8-2011. 9. ^ ARES (Agenzia di ricerca economico-sociale), 2008 10. ^ La Lista Bonino-Pannella, che rappresenta alle elezioni il Partito Radicale Transnazionale ha rinunciato al finanziamento pubblico 11. ^ ARES (Agenzia di ricerca economico-sociale), 2008 12. ^ Contributi erogati nel 2008 (http://www.costozero.org/normativa/italia/editoria/5.pdf) Bibliografia Giorgio Pacifici, Il costo della democrazia : i partiti italiani attraverso i loro bilanci presentazione di Gerardo Bianco Roma : Cadmo, c1983 La Peste Italiana (.pdf) (http://www.radicali.it/download/pdf/peste_italiana.pdf) , documento dei4 di 5 13/04/2012 10.42
  5. 5. Finanziamento pubblico ai partiti - Wikipedia http://it.wikipedia.org/wiki/Finanziamento_pubblico_ai_partiti#La_rein... Radicali Italiani del 2009 Voci correlate Partito politico Partito Radicale: No al finanziamento pubblico ai partiti Referendum abrogativi del 1978 in Italia La Casta Collegamenti esterni La Peste Italiana (.pdf) (http://www.radicali.it/download/pdf/peste_italiana.pdf) , documento dei Radicali Italiani del 2009 RadioRadicale.it - 3.000.000.000 di euro ai partiti (http://www.radioradicale.it/tre-miliardi-di-euro- ai-partiti) , inchiesta de lEspresso Portale Diritto Portale Politica Categorie: Leggi dello stato italiano Politica Partiti politici | [altre] Ultima modifica per la pagina: 17:23, 12 apr 2012. Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo; possono applicarsi condizioni ulteriori. Vedi le condizioni duso per i dettagli. Wikipedia® è un marchio registrato della Wikimedia Foundation, Inc.5 di 5 13/04/2012 10.42

×