• Save
Green D-Web (Milan, BIT, 2011)
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Green D-Web (Milan, BIT, 2011)

on

  • 417 views

 

Statistics

Views

Total Views
417
Views on SlideShare
415
Embed Views
2

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

1 Embed 2

http://www.linkedin.com 2

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Green D-Web (Milan, BIT, 2011) Green D-Web (Milan, BIT, 2011) Presentation Transcript

  • MTM VII IL GREEN TRAVEL NEI PORTALI DI DESTINAZIONE: un confronto internazionale 2° EDIZIONEAnalisi portali e compilazione checklist a cura degli studenti MTM 7Presentazione a cura di G.DiBella, M.Ciccalé, S.Cusenza, M.Marques, M.Chianesi Master in Tourism Management – VII edition – 2010-2011 1
  • VIIMaster in Tourism Management – VII edition – 2010-2011 2
  • La presente ricerca si basa sulla piattaforma di analisi “GREEN D-WEB”COSA È D-WEB? D-WEB* è uno strumento di valutazione online dei portali delle destinazione turistiche Sviluppato in Purdue University e adottato in Italia dal 2008 da MTM IULM Permette di realizzare analisi di benchmark a livello nazionale ed internazionaleCOSA È GREEN D-WEB? Derivato da D-WEB, focalizza sul “GREEN TRAVEL” Anno di introduzione: 2010*acronimo di Destination Websites Evaluation Benchmark Master in Tourism Management – VII edition – 2010-2011 3
  • OBIETTIVO DELLA RICERCAObiettivo: misurare SE E COME i portali di destinazione promuovono il “GREEN TRAVEL”CHIAVI DI LETTURA Diffusione “green travel” Attività “green” Ricettività “green” Focus: turismo climate friendly Focus: green meetings Best practices Conclusioni e suggerimenti Master in Tourism Management – VII edition – 2010-2011 4
  • METODOLOGIACHECK LIST35 indicatoriorganizzati in 3 macroaree: contenuti “green” attività “green” ricettività “green”CAMPIONE D’ANALISITop 48 destinazioni urbane (città) classificate per numero di arrivi internazionali: top 17 destinazioni extra europee top 21 destinazioni europee top 10 destinazioni italiane(fonte: EUROMONITOR)TRIPLO CHECK 3 diverse analisi di ogni portale, realizzate da 3 diversi studenti Master in Tourism Management – VII edition – 2010-2011 5
  • METODOLOGIA“GREEN TRAVEL”è stata adottata l’etichetta “green travel” come omnicomprensiva dei principali temi di responsabilità esostenibilità nel turismo, con riferimento agli aspetti ambientali, sociali ed economici.GREEN SCORE 1 indicatore positivo = 1 punto, punteggio massimo = 35PERIODO DI ANALISI DEI PORTALI gennaio 2011LINGUA tutti i siti sono stati analizzati nella versione internazionale in lingua inglese la ricerca è stata condotta in lingua inglese (la versione finale è stata tradotta in italiano per Bit 2011) Master in Tourism Management – VII edition – 2010-2011 6
  • Diffusione del green travelnei portali di destinazione Master in Tourism Management – VII edition – 2010-2011 7
  • Diffusione del green travel nei portali di destinazione Internazionale Italia 20% 18% 10% 8% 5% 0% Sezione Green Travel Green Travel in Homepage Green Travel come segmento di mercatosolo l’8% dei portali internazionali cita il green travel nella homepage, e il 18% vi dedica una sezione appositail 5% dei portali internazionali si rivolge al “green traveller” riconoscendolo come segmento di mercatonei portali italiani il green travel è meno diffuso rispetto a quelli internazionali Master in Tourism Management – VII edition – 2010-2011 8
  • Attività greenMaster in Tourism Management – VII edition – 2010-2011 9
  • Enogastronomia (% siti che promuovono) Internazionale Italia 80% 61% 50% 21% 18% 11% 0% 0% Tour Gastronomici Tour Enologici Ristoranti Corsi di Cucina Vegetariani/VeganiL’offerta food e wine in Italia è molto più diffusa e promossa rispetto all’esteroSi rileva però ancora un forte potenziale di crescita, specialmente nei tour enologici, e in specifichenicchie: i ristoranti vegetariani/vegani e i corsi di cucina Master in Tourism Management – VII edition – 2010-2011 10
  • Green shopping Turismo Accessibile (% siti che promuovono) (% siti che promuovono) Internazionale Italia Internazionale Italia 24% 42% 40% 10% 21% 20% 8% 0% Shopping biologico Shopping etico Aree accessibili Hotel accessibilil’Italia è leader europea nella produzione di prodotti da agricoltura biologica ma non sfrutta appieno il suopotenzialeLa promozione dei servizi rivolti al turismo accessibile è ancora troppo debole, sia in Italia che all’estero Master in Tourism Management – VII edition – 2010-2011 11
  • Alcune attività green di nicchia (% siti che promuovono) Internazionale Italia 55% 34% 30% 10% 8% 0% Tour Fotografici Tour Botanici Birdwatchingalcune attività green di nicchia sono promosse soprattutto nei portali internazionalipossono rappresentare una nuova opportunità per quelli italiani. Master in Tourism Management – VII edition – 2010-2011 12
  • Mobilità dolce (% siti che promuovono) Internazionale Italia 70% 70% 50% 47% 50% 45% 13% 10% Tour a piedi Tour in bicicletta Tour con luso di Servizi per trasporto locale Backpackersnei portali italiani, rispetto al panorama internazionale, c’è una maggiore promozione della mobilità dolce (toura piedi e in bici) e del trasporto localein entrambi i casi è scarsa l’attenzione data ai backpackers, utilizzatori di queste risorse Master in Tourism Management – VII edition – 2010-2011 13
  • RICETTIVITÀ GREEN Master in Tourism Management – VII edition – 2010-2011 14
  • Ricettività extra-alberghiera Ricettività eco-friendly (% siti che promuovono) (% siti che promuovono) Internazionale Italia 80% Internazionale Italia 60% 50% 39% 34% 11% 10% 5% 5% 0% B&B Campeggi Agriturismi Ecolabels EcolodgesL’Italia promuove molto bene le strutture ricettive che danno impulso alle risorse e cultura locale (B&B,agriturismi) e che per loro natura sono generalmente green, ma punta molto meno su quelle strutture chehanno avviato processi di gestione a basso impatto ambientale (eco-lodging e eco-label)Sebbene l’Italia sia leader europea per il numero di strutture certificate Ecolabel, quest’eccellenza è pocopromossa Master in Tourism Management – VII edition – 2010-2011 15
  • Focus:“CLIMATE CHANGE” E TURISMO Master in Tourism Management – VII edition – 2010-2011 16
  • Turismo “climate friendly” INTERNAZIONALE ITALIA% siti che vi fanno riferimento 70% As 45% 8% … 0% 13% 10% 11% 5% 0% 0% Tour con trasporti Trasporti "Verdi" Trasporti "Low Carbon Offset locali Carbon" Pochissimi portali (8%) promuovono un turismo climate friendly (nessun sito italiano) o propongonoformule di compensazione di CO2 (“carbon offset”) Master in Tourism Management – VII edition – 2010-2011 17
  • Focus:GREEN MEETINGSMaster in Tourism Management – VII edition – 2010-2011 18
  • N. ICCA Worldwide Ranking Country, 2009 N. of Meetings Green Meetings1 U.S.A. 595 (% siti che promuovono)2 Germany 458 Internazionale Italia3 Spain 360 21%4 Italy 3505 United Kingdom 3456 France 3417 Brazil 2938 Japan 257 0%9 China-P.R. 24510 Austria 236 http://www.iccaworld.com/dcps/ L’Italia rappresenta il quarto paese al mondo per numero di meeting ospitati (fonte: ICCA); Roma e Milano occupano rispettivamente la 23° e 39° posizione mondiale Nessuno portale di destinazione italiano si è attivato per promuoversi come sede di green meeting (elemento strategico nella meeting industry internazionale), mentre il 21% dei portali internazionali offre servizi e info per green meeting) Master in Tourism Management – VII edition – 2010-2011 19
  • “GREEN SCORECARD” Master in Tourism Management – VII edition – 2010-2011 20
  • GREEN SCORECARDBEST PERFORMERS Londra, MiamiGOOD PERFORMERS Berlino, Stoccolma Brussel, Budapest, Las Vegas, Genova, Parigi, San Francisco, Praga, AVERAGE Verona, Dublino, Tokyo, Firenze, Torino, Rimini, Bologna, Lisbona, Roma, Vienna Barcellona, Dubai, Hong Kong, Los Angeles, Bangkok, Venezia, C’È DA FARE… Amsterdam, Macau, Milano, Orlando Singapore, San Pietroburgo, Atene, Madrid, Napoli, New York, Oslo, Phuket, Taipei, VarsaviaC’È MOLTO DA FARE… Beijing, Kuala Lumpur, Monaco, Shanghai, Istanbul, Kiev, Mosca Master in Tourism Management – VII edition – 2010-2011 21
  • BEST PRACTICESMaster in Tourism Management – VII edition – 2010-2011 22
  • LONDRAMaster in Tourism Management – VII edition – 2010-2011 23
  • Trasporti a bassa emissione di CO2Accreditamento per il “Green Travel” LONDRA www.visitlondon.com/about Green meetings Accessibilità Shopping etico Negozi e ristoranti biologici Ricettività verde Master in Tourism Management – VII edition – 2010-2011 24
  • GENOVA• http://www.genova-turismo.it Master in Tourism Management – VII edition – 2010-2011 25
  • AccessibilitàTours a piedi & Passegiate Turismo rurale GENOVA www.genova-turismo.it Enogastronomia Parchi & Giardini Cultura & Tradizioni Master in Tourism Management – VII edition – 2010-2011 26
  • CONCLUSIONI Il green travel è ancora relativamente poco diffuso nei portali di destinazione, in particolare inItalia alcuni elementi dell’offerta “tendenti al green” sono ampiamente promossi (es. B&B,agriturismi), mentre mancano programmi pianificati e implementati per lo sviluppo e lapromozione del turismo sostenibile;la maggior parte dei portali di destinazione mostra un buon livello di attività green intese comeattività a contatto con la natura, invece del green come approccio di turismo sostenibile;ci sono nicchie di mercato ancora trascurate: ad esempio la domanda con esigenze specialiin Italia ci sono alcune eccellenze green non adeguatamente promosse: inparticolare enogastronomico e biologico le destinazioni italiane non hanno ancora colto, al contrario di quelle internazionali, le opportunitàlegate ai green meetingi portali di destinazione non premiano gli sforzi delle PMI, per esempio le strutture con Ecolabelsono quasi assenti le politiche di sensibilizzazione per un turismo “climate friendly” Master in Tourism Management – VII edition – 2010-2011 27
  • ALCUNI PRIMI SUGGERIMENTI PER I PORTALI ITALIANIpromuovere più sistematicamente strutture ricettive a basso impatto ambientale e certificate (es.ecolabel)rivolgersi anche al segmento “backpackers”potenziare la promozione di shopping biologico ed eticopromuovere lo sviluppo dei green meetingsprevedere campagne di educazione ambientale (cambiamento climatico e carbon offset) Master in Tourism Management – VII edition – 2010-2011 28
  • MTMIS THINKING GREENARE YOU? Master in Tourism Management – VII edition – 2010-2011 29