Dispensa sicurezza
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Dispensa sicurezza

on

  • 12,688 views

 

Statistics

Views

Total Views
12,688
Views on SlideShare
12,688
Embed Views
0

Actions

Likes
3
Downloads
437
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Dispensa sicurezza Document Transcript

  • 1. GUIDE ALLA SICUREZZA SUL LAVORO MANUALE GENERALE DI SICUREZZA ED IGIENE DEL LAVORO C F+Informazione dei lavoratori ai sensi del D.lgs. 81/08 e successive modifiche STUDIO DI CONSULENZA TECNICA AZIENDALE Ing. FARELLA ANTONIOVia Mura Megalitiche, 5/A - 70022 Altamura (BA) – tel: 080/311.47.41 – E.mail: studiofarella@libero.it ING. FARELLA ANTONIO Consulente in Sicurezza Sul Lavoro Tecnico Competente in materia acustica
  • 2. STUDIO DI CONSULENZA TECNICA AZIENDALE Ing. FARELLA ANTONIO Via Mura Megalitiche, 5/A - 70022 Altamura (BA) – tel: 080/311.47.41 – E.mail: studiofarella@libero.it1 DECRETO LEGISLATIVO 81/08 E SS.MM ........................................................ 31.1 la norma .......................................................................................................................................................... 31.2 a chi e’ rivolta ................................................................................................................................................ 31.3 Le “nuove figure” ......................................................................................................................................... 41.4 Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza ............................................................................... 51.5 Il Servizio di Prevenzione e Protezione .................................................................................................. 71.6 Il Medico Competente e la sorveglianza sanitaria ............................................................................... 82. QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO PREVIGENTE ................................ 93. GLI OBBLIGHI DEI LAVORATORI .................................................................. 104. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE ................................................. 124.1 aspetti generali ........................................................................................................................................... 124.2 Requisiti dei Dispositivi di protezione individuale ............................................................................ 135. INFORMAZIONE ............................................................................................... 156. FORMAZIONE .................................................................................................. 167. ORGANI DI VIGILANZA E CONTROLLO E RAPPORTO CON LE AZIENDE . 178. PREVENZIONE INCENDI E PIANI D’EMERGENZA ........................................ 188.1 L’incendio..................................................................................................................................................... 188.2 lotta agli incendi “azioni” ......................................................................................................................... 198.3 Agenti estinguenti ...................................................................................................................................... 208.4 Mezzi di estinzione fissi ............................................................................................................................ 218.5 Mezzi di estinzione mobili (estintori) .................................................................................................... 228.6 Regole fondamentali di prevenzione degli incendi ........................................................................... 238.7 il piano di emergenza ................................................................................................................................ 249. TUTELA ASSICURATIVA OBBLIGATORIA .................................................... 259.1 Registro infortuni ....................................................................................................................................... 2510. APPALTI, LAVORATORI AUTONOMI E RISCHI CONNESSI ......................... 2611. PRINCIPALI TIPI DI RISCHIO E RELATIVE MISURE ..................................... 2811.1 valutazione dei rischi (linee guida ispesl) ....................................................................................... 2811.2 principali fonti di rischio ...................................................................................................................... 29 11.2.1 rischi per la sicurezza .......................................................................................................................... 29 11.2.2 rischi per la salute. ............................................................................................................................... 30 11.2.3 rischi trasversali o organizzativi. ........................................................................................................ 3111.3 misure di prevenzione e protezione .................................................................................................. 3212. SEGNALETICA ................................................................................................. 3312.1 segnali di obbligo o prescrizione ....................................................................................................... 3312.2 segnali di pericolo o avvertimento .................................................................................................... 3312.3 segnali di salvataggio ed antincendio .............................................................................................. 3512.4 segnali di divieto .................................................................................................................................... 3513. IL PRIMO SOCCORSO ..................................................................................... 3613.1 Premessa .................................................................................................................................................. 3613.2 Le fasi del soccorso .............................................................................................................................. 36 13.2.1 prima valutazione e Allerta dei mezzi di soccorso ......................................................................... 36 13.2.2 Valutazione approfondita..................................................................................................................... 37 13.2.3 intervento di primo soccorso .............................................................................................................. 38 2
  • 3. STUDIO DI CONSULENZA TECNICA AZIENDALE Ing. FARELLA ANTONIO Via Mura Megalitiche, 5/A - 70022 Altamura (BA) – tel: 080/311.47.41 – E.mail: studiofarella@libero.it1 DECRETO LEGISLATIVO 81/08 E SS.MM1.1 LA NORMALa norma di riferimento è: Decreto legislativo 81/08, relativo al miglioramento dellasicurezza e della salute dei lavoratori sul luogo di lavoro, recante attuazione di direttivecomunitarie riguardanti il miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori sulluogo di lavoro. Il decreto 81/08 denominato impropriamente “testo unico per lasicurezza” ha rivisto una grossa parte della normativa abrogando, integrando erivedendola e raccogliendola in un unico corpo normativo. Tra le norme previgenti piùimportanti vi era il D.lgs 626/94 che grosso modo riportava già la maggior parte dellenuove disposizioni. Le disposizioni contenute nei suddetti decreti sono state applicatein tutti i settori, sia pubblici che privati.1.2 A CHI E’ RIVOLTALavoratorePer lavoratore, deve intendersi la persona che presta la propria opera alle dipendenzedi un datore di lavoro, con rapporto di lavoro subordinato.Sono considerati lavoratori anche: i soci lavoratori di cooperative i soci lavoratori di società, anche di fatto gli utenti dei servizi di orientamento o formazione scolastica, universitaria e professionale, avviati presso datori di lavoro con scopo di perfezionare le loro scelte professionali i partecipanti a corsi di formazione professionale, nei quali si faccia uso di: - macchine - laboratori - apparecchi ed attrezzature di lavoro in genere - agenti chimici - agenti fisici e biologici.Sono esclusi dall’applicazione della normativa i lavoratori addetti ai servizi domestici efamiliari.Datore di lavoroSono coinvolti dal provvedimento: tutti i datori di lavoro in generale, indipendentemente dal settore di appartenenza; società, anche in forma cooperativa, con soci lavoratori. 3
  • 4. STUDIO DI CONSULENZA TECNICA AZIENDALE Ing. FARELLA ANTONIO Via Mura Megalitiche, 5/A - 70022 Altamura (BA) – tel: 080/311.47.41 – E.mail: studiofarella@libero.it1.3 LE “NUOVE FIGURE”Il decreto 626/94 prima, ed il D.lgs 81/08 ora prevedono la presenza di alcuni soggettiaventi il compito di collaborare con il datore di lavoro nell’attività, di prevenzione e tuteladella sicurezza sul lavoro.Queste figure sono le seguenti: il Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza il Servizio di prevenzione e protezione dai rischi il Medico competente, qualora sia previsto l’obbligo di sorveglianza sanitaria. 4
  • 5. STUDIO DI CONSULENZA TECNICA AZIENDALE Ing. FARELLA ANTONIO Via Mura Megalitiche, 5/A - 70022 Altamura (BA) – tel: 080/311.47.41 – E.mail: studiofarella@libero.it1.4 IL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZAIl Rappresentante per la sicurezza è una figura di nuova istituzione introdotta daldecreto 626/94. Esso può essere designato o eletto dai lavoratori nellambito dellerappresentanze sindacali, così come definite dalla contrattazione collettiva di riferimentoo in assenza di dette rappresentanze eletto tra i lavoratori .A tale soggetto, che svolge un ruolo di tramite tra datore di lavoro e lavoratori perquanto concerne gli aspetti della salute e della sicurezza in azienda, sono attribuite unaserie di funzioni.Le più importanti riguardano l’obbligo di avvertire il responsabile dell’azienda degli eventuali rischi per la salute e la sicurezza individuati nei luoghi di lavoro promuovere, elaborare ed attuare le misure di prevenzione idonee a tutelare la salute e l’integrità fisica dei lavoratori.In altre parole, il datore di lavoro collabora con il rappresentante al fine di ottimizzare il livello di sicurezza in azienda il rappresentante, a sua volta, segnala al responsabile dell’azienda le eventuali carenze riscontrate nelle attrezzature e nei dispositivi di protezione utilizzati dai lavoratori.Nelle aziende ovvero unità produttive, che occupano più di 15 dipendenti, il datore dilavoro, direttamente o tramite il servizio di prevenzione e protezione dai rischi, indicealmeno una volta allanno una riunione cui partecipano:a) il datore di lavoro o un suo rappresentante;b) il responsabile del servizio di prevenzione e protezione dai rischi;c) il medico competente ove previsto;d) il rappresentante per la sicurezza.4. Nelle aziende, ovvero unità produttive, che occupano fino a 15 dipendenti ilrappresentante dei lavoratori per la sicurezza può chiedere la convocazione di unaapposita riunioneIl rappresentante per la sicurezza:a) accede ai luoghi di lavoro in cui si svolgono le lavorazioni;b) è consultato preventivamente in ordine alla valutazione dei rischi,;c) è consultato sulla designazione degli addetti al servizio di prevenzione,d) è consultato in merito allorganizzazione della formazione 5
  • 6. STUDIO DI CONSULENZA TECNICA AZIENDALE Ing. FARELLA ANTONIO Via Mura Megalitiche, 5/A - 70022 Altamura (BA) – tel: 080/311.47.41 – E.mail: studiofarella@libero.ite) riceve le informazioni e la documentazione aziendale inerente la valutazione deirischi e le misure di prevenzione relativef) riceve le informazioni provenienti dai servizi di vigilanza;g) riceve una formazione adeguata,h) promuove lelaborazione, lindividuazione e lattuazione delle misure di prevenzioneidonee a tutelare la salute e lintegrità fisica dei lavoratori;i) formula osservazioni in occasione di visite e verifiche delle autorità competenti;l) partecipa alla riunione periodica di cuim) fa proposte in merito allattività di prevenzione;n) avverte il responsabile dellazienda dei rischi individuatio) può fare ricorso alle autorità competenti (in casi particolari)Il rappresentante per la sicurezza non può subire pregiudizio alcuno a causa dellosvolgimento della propria attività e nei suoi confronti si applicano le stesse tutelepreviste dalla legge per le rappresentanze sindacali.Il rappresentante per la sicurezza ha accesso, per lespletamento della sua funzione, aldocumento di sicurezza aziendale nonché al registro degli infortuni sul lavoro. 6
  • 7. STUDIO DI CONSULENZA TECNICA AZIENDALE Ing. FARELLA ANTONIO Via Mura Megalitiche, 5/A - 70022 Altamura (BA) – tel: 080/311.47.41 – E.mail: studiofarella@libero.it1.5 IL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONESi tratta di un organo composto da esperti in materia di sicurezza sul lavoro, coordinatida un responsabile.Il servizio può essere: interno, nel caso in cui sia affidato a lavoratori dipendenti dell’azienda oppure esterno, se affidato a persone non dipendenti.La funzione principale di tale organo è quella di collaborare con il datore di lavoro permigliorare, ove possibile, il livello di sicurezza e salute in azienda, attraverso l’eserciziodi un’attività di prevenzione, controllo ed informazione per quanto riguarda la presenzadi eventuali fattori di rischio sul luogo di lavoro.Nota Bene: in molti casi, la legge consente al datore di lavoro di svolgere direttamente epersonalmente i compiti assegnati al Servizio di prevenzione e protezione.Il datore di lavoro in linea di massima può svolgere il compito di R.S.P.P. fino a 30dipendenti (10 per l’agricoltura).Il compito Di R.S.P.P. può essere affidato a terze persone interne od esterne all’aziendain possesso di requisiti ormai definiti dalla normativa vigente. 7
  • 8. STUDIO DI CONSULENZA TECNICA AZIENDALE Ing. FARELLA ANTONIO Via Mura Megalitiche, 5/A - 70022 Altamura (BA) – tel: 080/311.47.41 – E.mail: studiofarella@libero.it1.6 IL MEDICO COMPETENTE E LA SORVEGLIANZA SANITARIAIl medico competente è presente in azienda solamente qualora esista l’obbligo disorveglianza sanitaria, per esempio nei casi di azienda con: addetti a lavorazione per le quali è prevista l’assicurazione obbligatoria contro la silicosi e l’asbestosi lavoratori adibiti a lavori in cassoni ad aria compressa lavoratori esposti al rischio di radiazioni ionizzanti addetti a lavorazioni industriali nelle quali si adoperano o si producono sostanze tossiche o infettanti lavoratori delle miniere e delle cave conduttori di generatori a vapore addetti a fabbricazione di sieri, vaccini, virus, tossine e prodotti affini addetti all’impiego di gas tossici lavoratori esposti ad agenti chimici, fisici, rumore, piombo e amianto Esposizione a sostanze di cui al D.P.R. 303/56; Esposizione ai video terminali; Movimentazione manuale dei carichi; Altri casi previsti dalla normativaAl medico competente è richiesto soprattutto di: collaborare con il datore di lavoro nell’attività dei progettazione ed attuazione della prevenzione aziendale effettuare accertamenti sanitari prima dell’assunzione del lavoratore, finalizzati a constatare l’assenza di controindicazioni al lavoro cui è destinato effettuare accertamenti periodici intesi a controllare ed esprimere il giudizio di idoneità dei lavoratori alle diverse mansioni svolte in azienda tenere una cartella sanitaria per quei particolari lavoratori sottoposti a sorveglianza sanitaria collaborare con il datore di lavoro per l’organizzazione del pronto soccorso aziendale. 8
  • 9. STUDIO DI CONSULENZA TECNICA AZIENDALE Ing. FARELLA ANTONIO Via Mura Megalitiche, 5/A - 70022 Altamura (BA) – tel: 080/311.47.41 – E.mail: studiofarella@libero.it2. QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO PREVIGENTEAl solo scopo di informazione si riporta il quadro normativo previdente il D.lgs 81/08 che nela sostanza liha inglobati nella maggior parte Costituzione (artt. 32, 35, 41,: norme generali per salute dei lavoratori) Codice Civile ( artt. 2050,2087 norme generali per salute dei lavoratori) D.P.R. 547/55 - (norme di prevenzione infortuni ) testo unico Macchine - strutture - Impianti - prodotti - nocivi - DPI- Introduce la segnaletica, la formazione (rendere edotti) le vie d’emergenza - la messa a terra ed è stato in parte modificato dal D.lgs. 626/94 D.P.R. 303/56 (norme generali per l’igiene del lavoro) Individuazione delle attività a rischio e sorveglianza sanitaria Servizi igienici e Presidi sanitari Requisiti degli ambienti di lavoro (altezza, volume, illuminazione, ecc) D.P.R. 164/56 (Norme di sicurezza nei cantieri edili) Legge 966/65 (certificato di prevenzione incendi e controllo VVFF) Legge n° 300/70 (statuto dei lavoratori) Legge 186(demanda alle norme CEI la disciplina degli impianti elettrici); DM 16/02/82 (elenco delle attività soggette al controllo di VVFF) Legge 46/90 (Impianti tecnologici) D.L.gs 277/91 (protezione contro il rischio amianto, piombo, rumore) - Individuazione del medico competente - Metodi di campionatura (rumore, piombo, amianto) - Registro degli esposti - Informazione e formazione D.Lgs 626/94- 242/96 (miglioramento della salute e sicurezza del lavoro) D.Lgs 493/96 (segnaletica di sicurezza) D.Lgs 25/02 –(protezione agenti chimici ) D.lgs 195/03 (requisiti dei Responsabili del servizio di prevenzione e protezione) D.M. 15 Luglio 2003, n. 388 (disposizioni sul pronto soccorso aziendale, cassetta p. ) 9
  • 10. STUDIO DI CONSULENZA TECNICA AZIENDALE Ing. FARELLA ANTONIO Via Mura Megalitiche, 5/A - 70022 Altamura (BA) – tel: 080/311.47.41 – E.mail: studiofarella@libero.it3. GLI OBBLIGHI DEI LAVORATORICon l’emanazione del decreto 626/94 e il successivo D.lgs81/08 la posizione dellavoratore viene attribuito un ruolo attivo all’interno dell’azienda in materia di sicurezza.Ai lavoratori, infatti, sono imposti degli obblighi specifici - il cui mancato rispettocomporta l’applicazione di sanzioni - tutti quanti finalizzati al miglioramento del livello disicurezza in azienda e della sua salute sui luoghi di lavoro.La norma di carattere generale, fondamento di questi obblighi, è basata sul principioche “il lavoratore deve prendersi cura della propria salute e sicurezza e di quella dellealtre persone presenti sul luogo di lavoro, conformemente alla propria formazione edalle proprie istruzioni”.Il D.lgs 81/08 (Obblighi dei lavoratori) così recita:1. Ciascun lavoratore deve prendersi cura della propria sicurezza e della propria salutee di quella delle altre persone presenti sul luogo di lavoro, su cui possono ricadere glieffetti delle sue azioni o omissioni, conformemente alla sua formazione ed alle istruzionie ai mezzi forniti dal datore di lavoro.2. In particolare i lavoratori:a) osservano le disposizioni e le istruzioni impartite dal datore di lavoro, dai dirigenti edai preposti, ai fini della protezione collettiva ed individuale;b) utilizzano correttamente i macchinari, le apparecchiature, gli utensili, le sostanze e ipreparati pericolosi, i mezzi di trasporto e le altre attrezzature di lavoro, nonché idispositivi di sicurezza;c) utilizzano in modo appropriato i dispositivi di protezione messi a loro disposizione;d) segnalano immediatamente al datore di lavoro, al dirigente o al preposto ledeficienze dei mezzi e dispositivi di cui alle lettere b) e c), nonché le altre eventualicondizioni di pericolo di cui vengono a conoscenza, adoperandosi direttamente, in casodi urgenza, nellambito delle loro competenze e possibilità, per eliminare o ridurre talideficienze o pericoli, dandone notizia al rappresentante dei lavoratori per la sicurezza;e) non rimuovono o modificano senza autorizzazione i dispositivi di sicurezza o disegnalazione o di controllo;f) non compiono di propria iniziativa operazioni o manovre che non sono di lorocompetenza ovvero che possono compromettere la sicurezza propria o di altrilavoratori;g) si sottopongono ai controlli sanitari previsti nei loro confronti; 10
  • 11. STUDIO DI CONSULENZA TECNICA AZIENDALE Ing. FARELLA ANTONIO Via Mura Megalitiche, 5/A - 70022 Altamura (BA) – tel: 080/311.47.41 – E.mail: studiofarella@libero.ith) contribuiscono, insieme al datore di lavoro, ai dirigenti e ai preposti, alladempimentodi tutti gli obblighi imposti dallautorità competente o comunque necessari per tutelare lasicurezza e la salute dei lavoratori durante il lavoro. 11
  • 12. STUDIO DI CONSULENZA TECNICA AZIENDALE Ing. FARELLA ANTONIO Via Mura Megalitiche, 5/A - 70022 Altamura (BA) – tel: 080/311.47.41 – E.mail: studiofarella@libero.it4. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE4.1 ASPETTI GENERALI I lavoratori devono essere protetti con adeguati DPI contro agenti ed effetti nocivi alligiene, alla salute e alla loro incolumità fisica. Il datore di lavoro deve mettere a disposizione i DPI appropriati ai rischi inerenti alle lavorazioni e operazioni effettuate, qualora siano insufficienti i mezzi tecnici di protezione. I DPI devono possedere i necessari requisiti di resistenza e di idoneità, e essere mantenuti in buono stato di conservazione". Il lavoratore è obbligato a servirsi dei DPI messi a sua disposizione nei casi in cui non sono possibili misure di sicurezza collettive. Occorre comunque dare priorità allintervento Tecnico sugli impianti e sullorganizzazione, in modo da ridurre il più possibile il ricorso ai DPI è necessario istruire i lavoratori circa i limiti di impiego ed il corretto modo di usare i DPI a loro disposizione, tenendo presente le istruzioni dei fabbricanti I DPI vanno custoditi in luogo adatto e accessibile, e mantenuti in condizioni di perfetta efficienza. Ricordarsi che quando i rischi lavorativi non possono essere eliminati utilizzando mezzi tecnici o misure di protezione collettiva con i quali intervenire su macchine, impianti o processo produttivo, allora, e solo allora, è necessario ricorrere alluso di mezzi di protezione individuali. 12
  • 13. STUDIO DI CONSULENZA TECNICA AZIENDALE Ing. FARELLA ANTONIO Via Mura Megalitiche, 5/A - 70022 Altamura (BA) – tel: 080/311.47.41 – E.mail: studiofarella@libero.it4.2 REQUISITI DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALEDispositivi di protezione messi a disposizione dei lavoratori devono sempre soddisfare iseguenti requisiti: Adattabilità Alla Persona Resistenza Agli Agenti Specifici; Assenza Di Parti Pericolose; Facilità Di Indosso; Semplicità Di Confezione Per Consentire Operazioni Di Pulizia, Disinfezione, Manutenzione; Confort Per Renderlo Gradito All’operatore (Peso, Ingombro, Non Limitante L’attività Lavorativa, Ecc.). Essere Disponibili Per Ciascun Lavoratore Essere Disponibili In Numero Sufficiente Per Le Attività Da Svolgere. Proteggere Le Specifiche Parti Del Corpo Dai Rischi Inerenti Alle Lavorazioni Effettuate 13
  • 14. STUDIO DI CONSULENZA TECNICA AZIENDALE Ing. FARELLA ANTONIO Via Mura Megalitiche, 5/A - 70022 Altamura (BA) – tel: 080/311.47.41 – E.mail: studiofarella@libero.it D.P.I. Fasi di lavoroScarpe Fasi con rischio di caduta di oggetti oantinfortunistiche punture ai piediOcchiali di protezione Fasi con proiezione di oggetti Dove presente rischio di caduta diCasco Protettivo oggetti dall’alto manipolazione di oggetti taglienti e/oGuanti di sicurezza; insudicianti in relazione all’agente nocivo (acidi,Tute protettive solventi, ecc) – ignifughe x uso di fiamme libereIndumenti rifrangenti Lavori con rischio d’investimento Lavori all’aperto esposti ad agentiIndumenti di atmosferici, getto, lavori con schizziprotezione d’acqua particolari lavorazioni con rischio diCinture di sicurezza cadutaInserti auricolari e/o lavorazioni con esposizione al rumorecuffie (vedi D.Lgs 277/91)Mascherine Lavori con esposizione a polveri e/orespiratorie agenti nocivi 14
  • 15. STUDIO DI CONSULENZA TECNICA AZIENDALE Ing. FARELLA ANTONIO Via Mura Megalitiche, 5/A - 70022 Altamura (BA) – tel: 080/311.47.41 – E.mail: studiofarella@libero.it5. INFORMAZIONEIl datore di lavoro provvede a fornire a tutti i lavoratori una corretta ed adeguatainformazione in merito ai seguenti argomenti: I rischi connessi all’attività Le misure di prevenzione e protezione adottate ; L’organizzazione aziendale della sicurezza (normative e procedure aziendali) Funzioni, compiti, responsabilità del responsabile del servizio di prevenzione e protezione, del medico competente, del rappresentante dei lavoratori e dei componenti il servizio di prevenzione e protezione (pronto soccorso, antincendio , ecc.) ; I pericoli e le misure di sicurezza connessi all’uso di sostanze pericolose sulla base delle schede di sicurezza; Le procedure di emergenza ( pronto soccorso, prevenzione e lotta agli incendi, evacuazione ) ; Condizioni di impiego in sicurezza delle attrezzature anche in condizioni anomale Sul corretto uso dei DPI e sulla loro funzione; Sulla movimentazione dei carichi; Sulla sorveglianza sanitaria (se prevista );L’informazione può avvenire tramite riunioni, cartellonistica, opuscoli informativi e ognialtro mezzo di comunicazione disponibile. 15
  • 16. STUDIO DI CONSULENZA TECNICA AZIENDALE Ing. FARELLA ANTONIO Via Mura Megalitiche, 5/A - 70022 Altamura (BA) – tel: 080/311.47.41 – E.mail: studiofarella@libero.it6. FORMAZIONELa formazione specifica alla mansione svolta dal lavoratore avviene nei seguentimomenti: All’atto dell’assunzione Ogni qual volta c’è un cambio di mansioni All’introduzione di nuove attrezzature, macchine, tecnologie o preparati e sostanze pericolose; PeriodicamenteLa formazione specifica alla mansione avviene sul posto di lavoro tramite affiancamentodi personale esperto e formato.In oltre si prevede una formazione specifica per i lavoratori coinvolti attivamente nellaprevenzione e protezione dai rischi negli ambienti di lavoro.Una specifica formazione mirata va impartita alle seguenti figure : Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza addetti alla squadra antincendio, evacuazione e pronto soccorso e addetti al servizio di prevenzione e protezioneI programmi di formazione vengono concertati con l’Organismo Paritetico Territoriale segià operante o in mancanza di essi seguendo quanto disposto dalla Normativa vigentecon scadenze almeno semestrali. 16
  • 17. STUDIO DI CONSULENZA TECNICA AZIENDALE Ing. FARELLA ANTONIO Via Mura Megalitiche, 5/A - 70022 Altamura (BA) – tel: 080/311.47.41 – E.mail: studiofarella@libero.it7. ORGANI DI VIGILANZA E CONTROLLO E RAPPORTO CON LE AZIENDEGli organi di vigilanza e controllo inerenti il rispetto delle Norme di Igiene e sicurezza dellavoro possono essere cosi schematizzati:A.U.S.L. = Aziende Unità Sanitarie LocaliAd essa sono affidati tutti i compiti di vigilanza, prevenzione e repressione in materia disicurezza ed igiene del lavoro.In particolare svolge compiti di :  rilascio di autorizzazioni all’uso dei locali e all’esercizio di alcune attività  Parei igienico sanitari per agibilità/abitabilità  Idoneità dei lavoratori al lavoro  pareri preventivi di esercizio attivitàIn Generale svolge tutti i compiti previsti dalla normativa vigente, assorbendo anche moltii compiti in materia che in precedenza venivano svolti dagli ispettorati del lavoro.ISPETTORATO DEL LAVOROLa nuova normativa ha tolto le funzioni di controllo in materia di sicurezza ed igiene dellavoro agli ispettorati del lavoro tranne che per i cantieri temporanei e mobili lasciando laloro la parte amministrativa contributiva.I.S.P.E.S.L. =istituto superiore Prevenzione e Sicurezza lavoroA questo ente sono affidati i compiti di omologazione e collaudo di impianti che possonopresentare rischio per la sicurezza del lavoro quali impianti di terra, centrali termiche,contenitori di gas, gru, ascensori, eccVIGILI DEL FUOCORilasciano autorizzazioni (certificato di prevenzione incendio) all’esercizio di attivitàconsideravate pericolose ai fini della prevenzione incendi. Hanno anche compiti ispettiviin materia 17
  • 18. STUDIO DI CONSULENZA TECNICA AZIENDALE Ing. FARELLA ANTONIO Via Mura Megalitiche, 5/A - 70022 Altamura (BA) – tel: 080/311.47.41 – E.mail: studiofarella@libero.it8. PREVENZIONE INCENDI E PIANI D’EMERGENZA8.1 L’INCENDIOL’incendio e una rapida ossidazione con sviluppo di:CALORE E FIAMME con danni a strutture, cose e personeGAS - FUMO con danni a persone (segue elenco di gas e fumi) SOSTANZA CHE SI CONDIZIONI INCENDIO EFFETTO SVILUPPAOssido di carbonio (cO) Carenza di ossigeno, luoghi chiusi LetaleAnidride carbonica (CO2) In presenza di ossigeno Asfissiante Materiali contenenti zolfo (lana,Idrogeno solforato Tossico x sistema nervoso gomma, pelli carni).Anidride solforosa Materiali contenenti zolfo + ossigeno Irritante per le mucose Materiali contenenti azoto (acrilici, irritante, - 0.25%-0.65%Ammoniaca lana, seta) mortale Materiali. contenenti lana, seta , Tossico - 0.3% mortaleAcido cianidrico resine acriliche, uretaniche poliammidiche con scarso ossigeno Materiali contenenti cloro (mat.Acido cloridrico Irritante-1500 ppmm letale Plastici) 0.02% letale, esplosivo,Perossido di azoto Nitrati organici nitro cellulosa Mat. Contenenti cloro in assenza diFosgene altamente tossico ossigeno (mat. Plastici).-...,Durante un incendio, in cui si sospetta la presenza di una sostanza tossica intervenirecon auto respiratori Il pericolo maggiore per le persone è rappresentato da gas e fumi.Affinché si manifesti un incendio occorrono tre “ingredienti”: Comburente (ossigeno)combustibile e sorgente d’innesco Comburente Combustibile INCENDIO Fonte d’innesco 18
  • 19. STUDIO DI CONSULENZA TECNICA AZIENDALE Ing. FARELLA ANTONIO Via Mura Megalitiche, 5/A - 70022 Altamura (BA) – tel: 080/311.47.41 – E.mail: studiofarella@libero.it8.2 LOTTA AGLI INCENDI “AZIONI”I modi per estinguere un incendio possono essere così raggruppati:Separazione: allontanare il combustibile dall’incendio mezzi meccanici se possibile forti getti d’acqua sabbia e/o polveri lanciati con forza ripari o barriere (porte taglia fuoco, strutture rei..., ecc)soffocamento : eliminazione contatto diretto con comburente materiali incombustibili o inerti (coperte, ecc) acqua schiuma sabbia e/o polveri co2raffreddamento: riduzione temperatura. sotto temperatura di accensione acqua schiuma polveri co2inibizione chimica : blocco chimico della reazione di combustibile. idrocraburi alogenati 19
  • 20. STUDIO DI CONSULENZA TECNICA AZIENDALE Ing. FARELLA ANTONIO Via Mura Megalitiche, 5/A - 70022 Altamura (BA) – tel: 080/311.47.41 – E.mail: studiofarella@libero.it8.3 AGENTI ESTINGUENTIAcqua e schiuma Non devono essere usate su parti in tensione, a eccezione dell’acqua frazionata in impianti fissi. Non possono essere usate a temperatura inferiore a 0° C. Provocano danni a materiali e app. che temono l’umidità.Anidride carbonica Può provocare ustioni da freddo (-70 C°) Presenta pericolo di asfissia in locali angusti (aerare dopo uso) Provoca danni se usata su materiali e apparecchiature che non sopportano sbalzi ditemperatura.Polvere può provocare irritazioni alle vie respiratorie e agli occhi in locali angusti o in caso diinvestimento diretto, raramente dermatosi. E sconsigliabile l’uso in presenza di materiali e apparecchiature danneggiabili dainfiltrazioni di polvere Per l’impiego su parti in tensione occorre adottare polveri che abbiano superato laprova di dielettricità.Dopo l’erogazione è necessario un minuzioso intervento di pulizia.Halon (idrocarburi alogenati)Gli idrocarburi alogenati sono caratterizzati da una temperatura di ebollizione moltobassa che permette loro di liberare, a contatto con la fiamma, grandi quantità di vapori.Questi vapori, notevolmente più pesanti dell’aria, si depositano sul combustibile e gliimpediscono di reagire con il comburente, bloccando chimicamente la combustione. 20
  • 21. STUDIO DI CONSULENZA TECNICA AZIENDALE Ing. FARELLA ANTONIO Via Mura Megalitiche, 5/A - 70022 Altamura (BA) – tel: 080/311.47.41 – E.mail: studiofarella@libero.it8.4 MEZZI DI ESTINZIONE FISSIImpianti di estinzione automatica tipo sprinkler , collocato al soffitto ed è costituito da punti di erogazione con valvola a rottura termica Ad acqua, ad Halon o anidride carbonica. collegati a centraline con rilevatori di fumi e calore.idranti A parete in apposite cassette - a colonna, posizionate all’esterno. In vicinanza delle uscite - raggio di 30 metri circa. L’utilizzo degli indranti ed inparticolare di quelli a colonna è riservato al personale cheha ricevuto particolare formazione (squadre aziendali di lotta agli incendi)Naspi Di più semplice utilizzo sono i “naspi” simili agli idranti ma con tubazione semirigida epronti all’utilizzo senza srotolare tutta la tubazione, come avviene per gli idranti. Possono essere facilmente utilizzabili da tutti. Vengono ubicati in alberghi, scuole , ecc. 21
  • 22. STUDIO DI CONSULENZA TECNICA AZIENDALE Ing. FARELLA ANTONIO Via Mura Megalitiche, 5/A - 70022 Altamura (BA) – tel: 080/311.47.41 – E.mail: studiofarella@libero.it8.5 MEZZI DI ESTINZIONE MOBILI (ESTINTORI)Gli estintori sono mezzi di pronto intervento dei principi di incendio. costituiti da unrobusto recipiente metallico contenente la sostanza estinguentePossono essere Carrellati (non superiore a 300 Kg); oe portatili (non superiore a 20Kg);Regole fondamentali per l’uso degli estintoriNell’utilizzo degli estintori occorre rispettare alcune preciseregole:1. Non erogare controvento ne contro persone;2. Erogare con precisione ;3. Agire con progressione iniziando lo spegnimento dalfocolaio più vicino sino a raggiungere quello principale , dirigendo il getto alla base dellafiamma ed avvicinandosi il più possibile senza pericoli alla persona;4. Non erogare sostanze conduttrici elettricamente (acqua, schiuma, ecc.) suapparecchi e impianti in tensione.Utilizzo contemporaneo di più estintoriQuando è possibile l’impiego contemporaneo di due o più estintori, gli operatori devonoagire parallelamente o formando un angolo di massimo 90°Erogazione su liquido in fiammeIn caso di erogazione su liquido infiammato in recipiente aperto operare in modo daevitare spandimenti del liquido, facendo rimbalzare l’estinguente sul lato interno delrecipiente opposto a quello del lato di erogazione. 22
  • 23. STUDIO DI CONSULENZA TECNICA AZIENDALE Ing. FARELLA ANTONIO Via Mura Megalitiche, 5/A - 70022 Altamura (BA) – tel: 080/311.47.41 – E.mail: studiofarella@libero.it8.6 REGOLE FONDAMENTALI DI PREVENZIONE DEGLI INCENDIPer eliminare o ridurre i rischi di incendi è necessario tener presente quanto segue: mantenere sgombre da ostacoli le vie di accesso ai presidi antincendio e le uscite di sicurezza; non fumare, saldare, smerigliare o introdurre fiamme libere in luoghi ove esista pericolo di incendio e di esplosione per presenza di gas, vapori e polveri facilmente incendiabili o esplosive; evitare l’accumulo di materiali infiammabili (es. legno, carta, stracci) in luoghi dove, per condizioni ambientali o per lavorazioni svolte, esiste pericolo di incendio; non causare spandimenti effettuando il travaso di liquidi infiammabili e se ciò dovesse accadere, provvedere immediatamente ad asciugarli; non esporre le bombole di gas combustibile e comburente a forti fonti di calore (raggi solari compresi) ed escludere nel modo più assoluto l’uso di fiamme per individuare eventuali perdite; al termine del lavoro, prima di uscire dai locali, assicurarsi di non aver dimenticato accesi apparecchi elettrici o a fiamma libera; occorre ricordare sempre che un corto circuito è una causa primaria di incendio perciò, nel caso che si riscontino delle anomalie negli impianti elettrici, è necessario segnalarle subito ai propri superiori: non sostituire mai di propria iniziativa i conduttori regolamentari con conduttori di fortuna ed in particolare con trecciola o cavetti telefonici, ecc.; leggere e tenere a mente le istruzioni d’uso degli estintori che sono posti nei locali in cui si lavora; in caso di incendio, infatti si potrebbe non avere il tempo necessario per farlo. 23
  • 24. STUDIO DI CONSULENZA TECNICA AZIENDALE Ing. FARELLA ANTONIO Via Mura Megalitiche, 5/A - 70022 Altamura (BA) – tel: 080/311.47.41 – E.mail: studiofarella@libero.it8.7 IL PIANO DI EMERGENZAPer garantire un intervento efficace e coordinato, ogni azienda deve disporre di unpiano di emergenza in cui vengono definiti i comportamenti da tenere in caso diincendio e di emergenza, individuando tra il personale interno, chi deve intervenire ecome intervenire.il datore di lavoro:1. Designa preventivamente i lavoratori incaricati dell’attuazione delle misure digestione dell’emergenza,2. Organizza i necessari rapporti con i servizi pubblici competenti Informa tutti ilavoratori circa le misure predisposte e i comportamenti.3. Programma gli interventi e dà istruzioni, affinché i lavoratori in caso di pericolo graveed immediato abbandonino la loro attività e mettersi al sicuro4. Prende provvedimenti affinché chiunque, in caso di pericolo grave ed immediato perla propria ed altrui sicurezza, possa prendere misure adeguate alle proprie capacità emezzi , al fine di evitare le conseguenze di tale pericolo.Dopo aver designato gli addetti alla prevenzione e lotta agli incendi e al prontosoccorso, il piano d’emergenza diventa operativo.Occorre quindi effettuare esercitazioni simulate almeno due volte l’anno. 24
  • 25. STUDIO DI CONSULENZA TECNICA AZIENDALE Ing. FARELLA ANTONIO Via Mura Megalitiche, 5/A - 70022 Altamura (BA) – tel: 080/311.47.41 – E.mail: studiofarella@libero.it9. TUTELA ASSICURATIVA OBBLIGATORIALa legge che definisce il concetto di tutela assicurativa obbligatoria e il Decreto delPresidente della Repubblica n° 1124 del 30/06/1965 meglio noto come “Testo Unicodelle disposizioni per lassicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro e lemalattie professionali.”I soggetti tutelati sono tutti i lavoratori individuati dall’art.1.Lassicurazione comprende tutti i casi di infortunio avvenuti per causa violenta inoccasione di lavoro, da cui sia derivata la morte o uninabilità permanente al lavoro,assoluta o parziale, ovvero uninabilità temporanea assoluta che importi lastensione dallavoro per più di tre giorni.Lassicurazione è altresì obbligatoria per le malattie professionali indicate in tabelle lequali siano contratte nellesercizio e a causa delle lavorazioni specificate nella tabellastessa ed in quanto tali lavorazioni rientrino fra quelle previste. La tabella predetta puòessere modificata o integrata con decreto del Presidente della Repubblica su propostadel Ministro per il lavoro e la previdenza sociale, di concerto con il Ministro per la sanità,sentite le organizzazioni sindacali nazionali di categoria maggiormente rappresentative9.1 REGISTRO INFORTUNIIl datore di lavoro tiene un registro nel quale sono annotati cronologicamente gliinfortuni sul lavoro che comportano unassenza dal lavoro di almeno un giorno. Nelregistro sono annotati il nome, il cognome, la qualifica professionale dellinfortunato, lecause e le circostanze dellinfortunio, nonché la data di abbandono e di ripresa dellavoro. Il registro è redatto conformemente al modello è conservato sul luogo di lavoro adisposizione dellorgano di vigilanza. 25
  • 26. STUDIO DI CONSULENZA TECNICA AZIENDALE Ing. FARELLA ANTONIO Via Mura Megalitiche, 5/A - 70022 Altamura (BA) – tel: 080/311.47.41 – E.mail: studiofarella@libero.it10. APPALTI, LAVORATORI AUTONOMI E RISCHI CONNESSIIn linea generale, si deve rilevare che l’affidamento di determinati lavori ad impreseappaltatrici, come, ad esempio, quelli relativi alla manutenzione degli impianti, puòessere fonte di gravi pericoli, perché l’impresa che svolge i lavori non conosce i possibilirischi dell’ambiente in cui si trova ad operare e le eventuali sostanze pericolose onocive in esso presenti. Le disposizioni per il coordinamento delle imprese per quantoattiene all’adozione delle misure di sicurezza in caso di appalto previste dallalegislazione antimafia per gli appalti pubblici prima e dal decreto legislativo n. 81/08 poi,sinora sono state spesso disattese, anche se non mancano settori in cui uno sforzo dicoordinamento è stato realizzato.Vi sono, comunque, alcuni settori maggiormente esposti ai rischi connessi al sistemadel lavoro in appalto. L’edilizia e la cantieristica navale, in particolare, sono i settorimaggiormente esposti a questo tipo di rischi, in quanto svolgono attività tali darichiedere il concentramento di più imprese appaltatrici e subappaltatrici per brevi tempinegli stessi luoghi di lavoro.La questione del sistema degli appalti risulta essere particolarmente sentita da partedelle organizzazioni dei lavoratori e dei datori di lavoro del settore edile, nel quale si èregistrato un forte aumento di ditte individuali, di lavoratori autonomi e di lavoro nero, lamancanza di professionalità e di misure di prevenzione da parte delle ditte appaltatrici ela mancanza di controlli delle imprese committenti. Questa situazione, hannodenunciato le stesse organizzazioni imprenditoriali, può determinare l’espulsione dalmercato delle imprese più qualificate e operanti nel rispetto della normativaprevenzionistica.Ricapitolando:Nel settore delle costruzioni è frequente affidare a più ditte esecutrici le varie tipologia diopere (carpentieri, idraulici, elettricisti, ecc.) che si trovano ad operare e convivere nellostesso ambiente di lavoro.Un’altra forma di appalto, anche se meno evidente, è quello che si stabilisce tra iltitolare di una qualsiasi attività e imprese esterne che prestano la loro opera per suoconto (imprese di pulizia, manutentori, ecc.)In entrambi i casi esistono dei rischi per la sicurezza connessi: alla non conoscenza dell’ambiente alla non conoscenza delle attività delle altre imprese presenti; all’interferenza delle attività, materiali, impianti sostanze, 26
  • 27. STUDIO DI CONSULENZA TECNICA AZIENDALE Ing. FARELLA ANTONIO Via Mura Megalitiche, 5/A - 70022 Altamura (BA) – tel: 080/311.47.41 – E.mail: studiofarella@libero.it alla mancanza di preparazione a causa dei tempi di intervento molto ravvicinati.S’impongono quindi delle misure di prevenzione per ridurre questi rischi specifici, inparticolare una concertazione preventiva allo svolgimento dei lavori medianteconvocazione di apposita riunione al fine di garantire uno scambio di informazioninecessarie allo svolgimento.Nel caso di affidamento dei lavori allinterno di aziende, Enti, ecc., ad impreseappaltatrici o a lavoratori autonomi, introduce adempimenti precisi sia a carico dei datoridi lavoro committenti che dei datori di lavoro delle ditte incaricate della esecuzione deilavori o della prestazione dopera, aggiudicati.Questi adempimenti possono essere riassunti in: verifica dei requisiti tecnico-professionali dellappaltatore e/o del subappaltatore informazioni alla ditta appaltatrice da parte del datore di lavoro committente cooperazione fra datori di lavoro, appaltatori e committenti; coordinamento della prevenzione a carico del datore di lavoro committente 27
  • 28. STUDIO DI CONSULENZA TECNICA AZIENDALE Ing. FARELLA ANTONIO Via Mura Megalitiche, 5/A - 70022 Altamura (BA) – tel: 080/311.47.41 – E.mail: studiofarella@libero.it11. PRINCIPALI TIPI DI RISCHIO E RELATIVE MISURE11.1 VALUTAZIONE DEI RISCHI (LINEE GUIDA ISPESL)La "valutazione del rischio", così come prevista del D. L.gs. 81/08, va intesa comelinsieme di tutte quelle operazioni, conoscitive ed operative, che devono essere attuateper addivenire ad una Stima del Rischio di esposizione ai fattori di pericolo per lasicurezza e la salute del personale, in relazione allo svolgimento delle lavorazioni.La valutazione del Rischio è pertanto una operazione complessa che richiede,necessariamente, per ogni ambiente o posto di lavoro considerato, una serie dioperazioni, successive e conseguenti tra loro, che dovranno prevedere: lidentificazione delle sorgenti di rischio presenti nel ciclo lavorativo; lindividuazione dei conseguenti potenziali rischi di esposizione in relazione allo svolgimento delle lavorazioni; la stima dellentità dei rischi di esposizione connessi con le situazioni di interesse prevenzionistico individuate.Tale processo di valutazione può portare, per ogni ambiente o posto di lavoroconsiderato, ai seguenti risultati: assenza di rischio di esposizione; presenza di esposizione controllata entro i limiti di accettabilità previsti dalla normativa; presenza di un rischio di esposizione.Nel primo caso non sussistono problemi connessi con lo svolgimento delle lavorazioni.Nel secondo caso la situazione deve essere mantenuta sotto controllo periodico. Nelterzo caso si dovranno attuare i necessari interventi. 28
  • 29. STUDIO DI CONSULENZA TECNICA AZIENDALE Ing. FARELLA ANTONIO Via Mura Megalitiche, 5/A - 70022 Altamura (BA) – tel: 080/311.47.41 – E.mail: studiofarella@libero.it11.2 PRINCIPALI FONTI DI RISCHIO11.2.1 RISCHI PER LA SICUREZZAI Rischi per la Sicurezza, o Rischi di natura infortunistica, sono quelli responsabili delpotenziale verificarsi di incidenti o infortuni, ovvero di danni o menomazioni fisiche (piùo meno gravi) subite dalle persone addette alle varie attività lavorative, in conseguenzadi un impatto fisico-traumatico di diversa natura (meccanica, elettrica, chimica, termica,etc.).Le cause di tali rischi sono da ricercare, almeno nella maggioranza dei casi, in un nonidoneo assetto delle caratteristiche di sicurezza inerenti: lambiente di lavoro; lemacchine e/o le apparecchiature utilizzate; le modalità operative; lorganizzazione dellavoro, etc.Esempi di rischi per la sicurezza: aree di transito, spazi di lavoro, scale, macchine, attrezzi manuali, manipolazione manuale di oggetti, impianti elettrici, apparecchi a pressione, reti e apparecchi distribuzione gas, apparecchi di sollevamento, mezzi di trasporto, rischio di incendio, rischio esplosioni , rischi chimici. 29
  • 30. STUDIO DI CONSULENZA TECNICA AZIENDALE Ing. FARELLA ANTONIO Via Mura Megalitiche, 5/A - 70022 Altamura (BA) – tel: 080/311.47.41 – E.mail: studiofarella@libero.it11.2.2 RISCHI PER LA SALUTE.I Rischi per la salute, o Rischi igienico-ambientali, sono quelli responsabili dellapotenziale compromissione dellequilibrio biologico del personale addetto ad operazionio a lavorazioni che comportano lemissione nellambiente di fattori ambientali dirischio, di natura chimica, fisica e biologica, con seguente esposizione del personaleaddetto.Le cause di tali rischi sono da ricercare nella insorgenza di non idonee condizioniigienico-ambientali dovute alla presenza di fattori ambientali di rischio generati dallelavorazioni (caratteristiche del processo e/o delle apparecchiature) e da modalitàoperative.Lo studio delle cause e dei relativi interventi di prevenzione e/o di protezione neiconfronti di tali tipi di rischio deve mirare alla ricerca di un"Idoneo equilibrio bio-ambientale tra UOMO E AMBIENTE DI LAVORO".Si riportano una serie di esempi di rischi per la salute: esposizioni ad agenti cancerogeni, esposizioni ad agenti biologici, ventilazione, climatizazione, esposizione a rumore, esposizioni a vibrazioni, microclima, esposizione a radiazioni ionizanti /non ionizanti, illuminazione, carico di lavoro fisico, carico di lavoro mentale, videoterminali 30
  • 31. STUDIO DI CONSULENZA TECNICA AZIENDALE Ing. FARELLA ANTONIO Via Mura Megalitiche, 5/A - 70022 Altamura (BA) – tel: 080/311.47.41 – E.mail: studiofarella@libero.it11.2.3 RISCHI TRASVERSALI O ORGANIZZATIVI.Tali rischi, sono individuabili allinterno della complessa articolazione che caratterizza ilrapporto tra "loperatore" e "lorganizzazione del lavoro" in cui é inserito. Il rapporto inparola é peraltro immerso in un "quadro" di compatibilità ed interazioni che é di tipo oltreche ergonomico anche psicologico ed organizzativo.La coerenza di tale "quadro", peraltro può essere analizzata anche allinterno di possibilitrasversalità tra rischi per la sicurezza e rischi per la salute.Alcuni esempi di rischi traversali possono essere: organizzazione del lavoro, compiti, funzioni e responsabilità, analisi pianificazione e controllo, informazione, formazione, partecipazione, norme e procedimenti di lavoro, manutenzione e collaudi, dispositivi di protezione individuali, emergenza pronto soccorso, sorveglianza sanitaria 31
  • 32. STUDIO DI CONSULENZA TECNICA AZIENDALE Ing. FARELLA ANTONIO Via Mura Megalitiche, 5/A - 70022 Altamura (BA) – tel: 080/311.47.41 – E.mail: studiofarella@libero.it11.3 MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONELe misure generali per la protezione della salute e per la sicurezza dei lavoratori comeriportato D.Lgs 81/08 sono: valutazione dei rischi per la salute e la sicurezza; eliminazione dei rischi in relazione alle conoscenze .........; riduzione dei rischi alla fonte; programmazione della prevenzione ........ sostituzione di ciò che è pericoloso con ciò che non lo è, ........... rispetto dei principi ergonomici nella concezione dei posti di lavoro, ........ priorità delle misure di protezione collettiva .................. limitazione al minimo del numero dei lavoratori esposti utilizzo limitato degli agenti chimici, fisici e biologici, sui luoghi di lavoro; controllo sanitario dei lavoratori in funzione dei rischi specifici; allontanamento del lavoratore dallesposizione a rischio, per motivi sanitari misure igieniche; misure di protezione collettiva ed individuale; misure di emergenza ......... regolare manutenzione di ambienti, attrezzature, macchine ed impianti, ... informazione, formazione, consultazione e partecipazione dei lavoratori .. istruzioni adeguate ai lavoratori.si sottolinea il fatto che gli interventi devono seguire la scala di priorità: AMBIENTE -MACCHINA –UOMO agendo cioè prima alla fonte del rischio e solo in ultima analisisull’uomo con dispositivi di protezione individuale. 32
  • 33. STUDIO DI CONSULENZA TECNICA AZIENDALE Ing. FARELLA ANTONIO Via Mura Megalitiche, 5/A - 70022 Altamura (BA) – tel: 080/311.47.41 – E.mail: studiofarella@libero.it12. SEGNALETICALa segnaletica deve essere sempre ben visibile, posizionata in maniera strategica econforme alla normativa vigente.La funzione della segnaletica di sicurezza è quella di attirare in modo rapido efacilmente comprensibile l’attenzione su oggetti e situazioni che possono provocaredeterminati pericoli. I segnali di sicurezza si identificano secondo la loro forma e coloresecondo la seguente tabella: Occorre precisare che l’efficacia della segnaletica di sicurezza dipende da unacorretta informazione circa il suo significato, e che non sostituisce le misure diprotezione12.1 SEGNALI DI OBBLIGO O PRESCRIZIONEI segnali di obbligo sono di forma tondeggiante e di colore blu ed informano i lavoratoricirca un comportamento da tenere (indossare il casco, le scarpe, ecc.) Alcuni esempi: Protezione Casco di protezione Protezione Protezione obbligatoria degli obbligatoria obbligatoria obbligatoria delle vie occhi delludito respiratorie Protezione Protezione Protezione contro le Passaggio obbligatoria del obbligatoria del viso cadute obbligatorio per i corpo pedoni12.2 SEGNALI DI PERICOLO O AVVERTIMENTOI segnali di pericolo sono triangolari e di colore giallo e nero ed informano il lavoratore diun pericolo (carichi sospesi, sostanze tossiche, ecc.) alcuni esempi: 33
  • 34. STUDIO DI CONSULENZA TECNICA AZIENDALE Ing. FARELLA ANTONIO Via Mura Megalitiche, 5/A - 70022 Altamura (BA) – tel: 080/311.47.41 – E.mail: studiofarella@libero.it Materiale Materiale esplosivo Sostanze velenose Sostanze corrosive infiammabile Carrelli di Tensione elettrica Pericolo generico Raggi lasermovimentazione pericolosaCampo magnetico Pericolo di inciampo Caduta con dislivello Rischio biologico intenso 34
  • 35. STUDIO DI CONSULENZA TECNICA AZIENDALE Ing. FARELLA ANTONIO Via Mura Megalitiche, 5/A - 70022 Altamura (BA) – tel: 080/311.47.41 – E.mail: studiofarella@libero.it12.3 SEGNALI DI SALVATAGGIO ED ANTINCENDIOI segnali di salvataggio ed antincendio sono rettangolari e di colore verde (salvataggio)e rosso (antincendio) ed informano il lavoratore circa l’ubicazione dei mezzi diestinzione, le uscite di sicurezza, ecc. Percorso/Uscita di Percorso/Uscita di Percorso/Uscita di Percorso/Uscita di emergenza emergenza emergenza emergenza Lancia antincendio Scala Estintore Telefono per gli antincendio12.4 SEGNALI DI DIVIETOI segnali di divieto sono di forma tondeggiante, con bordo e fascia trasversale rossi sufondo bianco ed informano i lavoratori sui comportamenti vietati usare fiamme libere Vietato ai pedoni Vietato fumare Vietato ai carrelli di Non toccare Divieto di accesso alle persone movimentazione non autorizzate 35
  • 36. STUDIO DI CONSULENZA TECNICA AZIENDALE Ing. FARELLA ANTONIO Via Mura Megalitiche, 5/A - 70022 Altamura (BA) – tel: 080/311.47.41 – E.mail: studiofarella@libero.it13. IL PRIMO SOCCORSO13.1 PREMESSAOgni persona può essere di fondamentale aiuto in caso di incidenti e infortuni accorsi acolleghi di lavoro, famigliari, amici o persone circostanti. Intervenire in soccorso di unmalcapitato vuol dire adoperarsi, nei limiti delle proprie capacità, a limitare i dannidell’incidente e in alcuni casi a salvare una vita umana. Il fatto di non esseresoccorritore professionale non esime nessuno dal prestare il proprio soccorso, che puòin taluni casi limitarsi ad allertare tempestivamente i mezzi di soccorso professionale.Intervenire in caso di richiesta di soccorso è un preciso dovere del cittadino e omettereil soccorso è penalmente punito dall’art 593 del codice penale.13.2 LE FASI DEL SOCCORSOIl primo soccorso può essere distinto nelle seguenti fasi.13.2.1 PRIMA VALUTAZIONE E ALLERTA DEI MEZZI DI SOCCORSOChiunque si accorga di un incidente valuta se la situazione richiede l’intervento deimezzi di soccorso professionali o può essere risolto in maniera diretta.I casi in cui si può pensare di risolvere da soli il “modesto infortunio” dipendono dallacapacità del soccorritore e dall’entità del danno.In casi dubbi conviene sempre rivolgersi a un medico.In caso di inoltro di richiesta di soccorso occorre essere precisi, chiari e sintetici neldescrivere la situazione: - La natura dell’incidente (sul lavoro, domestico, stradale) - Il numero delle persone da soccorrere - Se ci sono danni evidenti (perdita di coscienza, amputazioni, fratture.) - Se ci sono ustionati - Se ci sono arresti cardio- respiratori - L’indirizzo esatto e l’eventuale percorso per raggiungerloVà ricordato che è ormai attivo in quasi tutte le zone il numero unico 118 per lechiamate di soccorso.Se la natura dell’infortunio lo permette si può trasportare con mezzo proprio l’infortunatoal pronto soccorso più vicino. 36
  • 37. STUDIO DI CONSULENZA TECNICA AZIENDALE Ing. FARELLA ANTONIO Via Mura Megalitiche, 5/A - 70022 Altamura (BA) – tel: 080/311.47.41 – E.mail: studiofarella@libero.it13.2.2 VALUTAZIONE APPROFONDITAIn attesa dei mezzi di soccorso si può approfondire l’analisi dello stato dell’infortunato,valutando: - se respira normalmente; - se il cuore batte normalmente; - se sono presenti ferite evidenti; - se le pupille sono dilatate in maniere anomala - se la temperatura del corpo sale o scende bruscamente; - se ci sono ustioni estese; - se ci sono fratture; - se ha perso coscienza o è in stato confusionale - se ha ingerito prodotti venefici; - se ci sono segni di trauma cranici.Se sono presenti una o più di queste situazioni probabilmente l’infortunato è in seriopericolo di vita. Un vostro efficace intervento sino all’arrivo dei soccorsi potrebberidurre le conseguenze dell’infortunio. L’acquisizione delle nozioni elementari riportatenel presente manuale potrebbero diminuire le conseguenze dell’infortunio.La fase di valutazione dell’incidente è fondamentale e può essere utile ricostruire lascena dell’infortunio per aiutare i soccorritori nell’intervento. 37
  • 38. STUDIO DI CONSULENZA TECNICA AZIENDALE Ing. FARELLA ANTONIO Via Mura Megalitiche, 5/A - 70022 Altamura (BA) – tel: 080/311.47.41 – E.mail: studiofarella@libero.it13.2.3 INTERVENTO DI PRIMO SOCCORSOIl primo soccorso si deve limitare a semplici manovre facili da ricordare e che nonaggravino la situazione.In alcune circostanze è meglio “non fare” che “improvvisare”.Un soccorritore coscienzioso deve impedire che altri “improvvisati soccorritori”aggravino la situazione intervenendo a sproposito.Si riportano alcuni esempi di interventi da NON FARE: NON muovere infortunati che potrebbero aver riportato fratture; NON praticare somministrazioni di farmaci senza esplicita indicazione dell’infortunato (farmaci salvavita) NON somministrare bevande o cibo NON rimuovere vestiti in caso di ustione NON somministrare bevande (latte o acqua) in caso di avvelenamento NON tentare di estrarre le persone da auto incidentate a meno di serio pericolo (esplosione, incendio).Si DEVE FARE: Mettere in posizione di sicurezza (se possibile) Assistere la persona senza abbandonarla fino all’arrivo dei soccorsi Slacciare indumenti che blocchino la respirazione Coprire il corpo se la temperatura scende Mettere in atto, compatibilmente con le proprie capacità le misure di primo soccorso.Attenzione prima di intervenire lavarsi accuratamente le mani e indossare guanti.Oltre la possibilità di infettare la ferita esiste la possibilità di essere infettati da virus tipoepatite o AIDS. STUDIO DI CONSULENZA TECNICA AZIENDALE Ing. FARELLA ANTONIO Via Mura Megalitiche, 5/A - 70022 Altamura (BA) – tel: 080/311.47.41 – E.mail: studiofarella@libero.it I Diritti sono riservati e tutelati dalle Norme sulla proprietà intellettuale . Vietata la ING. FARELLA ANTONIO riproduzione e/o memorizzazione su Consulente in Sicurezza Sul Lavoro Tecnico Competente in materia acustica supporti magnetici neppure parzialmente senza l’esplicita autorizzazione del produttore che se ne riserva i diritti. 38