Your SlideShare is downloading. ×

Scheda ameluk web

620
views

Published on


0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
620
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. RM Consulting e Barbara Sperindei presentano Tratto da una storia che potrebbe essere vera
  • 2. Film riconosciuto di interesse culturale realizzato con il sostegno del Ministero per i Beni e le Attività Culturali - Direzione Generale per il Cinema Il film è stato tratto dal libro "Ameluk" di Mimmo Mancini e Carlo Dellonte edito da “ La Mongolfiera” realizzato con il sostegno della Apulia Film Commission e con il patrocinio di indice COMUNE DI TRANI Note di regia 2 Le consulenze 6 La scelta dei set 7 Perchè questo film oggi 12 Il cast 14 Filmografia 23 Curricula 27
  • 3. 2 ameluk Ameluk Tratto da una storia che potrebbe essere vera note di regia LA SINOSSI È Venerdì Santo. A Mariotto, un minuscolo paese della Puglia, tutto è pronto per la Via Crucis, ma l'interprete di Gesù, il parrucchiere Michele, si siede sulla corona di spine. È l'inizio del calvario: il tecnico delle luci, Jusuf, mandato inconsapevolmente allo sbaraglio dall'amico prete, sostituisce Cristo; ma è un musulmano. La notizia fa il giro del mondo e il mondo, insieme a Mariotto, si spacca in due. Jusuf, soprannominato Ameluk, verrà pure - suo malgrado - candidato a sindaco nelle elezioni locali. Sotto un fuoco incrociato, tra momenti drammatici e situazioni esilaranti, toccherà ad Ameluk riportare la pace. Il mio più intimo desiderio è realizzare la fratellanza fra gli uomini: indù, musulmani, cristiani, parsi, ebrei. Non vi è limite all'estensione dei nostri servizi ai nostri vicini al di là delle frontiere fatte dagli stati. Dio non ha mai creato frontiere. Gandhi
  • 4. 3 ameluk L'IDEA Nell'estate 2005, ero a Bitonto, il mio paese d'origine a pochi chilometri da Bari, a bere con alcuni amici dell'ottimo Primitivo nella città vecchia. Con noi, c'erano due marocchini perfettamente integrati - tanto che parlavano con una perfetta cadenza dialettale. Mi colpì la loro voglia di far parte del gruppo e la naturale capacità dei miei amici di farli sentire italiani. A nessuno di noi sarebbe venuto in mente di dire : “Ah, ma sono musulmani!” Il giorno successivo, assistetti a una processione sacra. Due degli amici incontrati la sera precedente portavano in spalla la statua di un santo. Una strana idea mi fece sorridere: “E se accanto a uno dei due italiani, chiari e cattolici, ci fosse uno dei due marocchini, scuro e musulmano?” Magari per un'emergenza, per sostituire un amico. Sarebbe mai venuto in mente a qualcuno di dire: “Sacrilegio! Quello è un musulmano!” Da lì nacque l'idea per “Ameluk”: ambientare in un piccolo centro, tra gente semplice, l'eterna diatriba tra cristiani e “infedeli” in tutte le sue declinazioni, dal drammatico al comico. LO SVILUPPO Il tema del film era chiaro: venirsi incontro è il modo per vivere in pace, e imparare l'uno dall'altro è il modo per crescere. Perché questo tema trionfasse, doveva prima sconfiggere egoismi, timori, ignoranza, campanilismi, paure di farsi fregare dal “diverso”. Così il protagonista del nostro film è un immigrato, Jusuf Abdugali, un trentenne giordano che cerca di integrarsi in un piccolo centro a ridosso della Murgia barese, pietrosa e arida come le colline che si estendono tra Giordania, Cisgiordania e Israele. Quella terra brulla lo fa sentire un po' a casa. Non tutti i paesani però gli trasmettono la stessa sensazione: è gente abituata a un secolo di emigrazione che oggi fa fronte, con qualche sospetto e timore, all'immigrazione e a un inaspettato confronto religioso, politico e sociale. In paese le contaminazioni avvengono con ritmi lenti, e gli scenari per una nuova convivenza tra persone possono essere paradossali, assurdi, così come nel caso di Jusuf il quale, per assecondare gli autoctoni, si complica la vita non poco. $| Porta Baresana Bitonto
  • 5. 4 ameluk Quando poi, per fare l'ennesimo favore (questa volta all'amico prete), veste i panni di Cristo nella Via Crucis, tutti i pregiudizi esplodono pubblicamente. Nulla mi pare più contrario al mondo moderno di quella figura: di quel Cristo mite nel cuore, ma”mai”nella ragione. Pier Paolo Pasolini Mite nel cuore è il nostro Jusuf a inizio storia, e forte nella ragione diventerà dopo aver superato le tempeste del film. Un “povero Cristo” non cristiano, ma che proviene da quelle terre dove il vero Gesù e nato e vissuto. Immigrazione, integrazione, e ora anche il terremoto culturale, politico e religioso che sta scuotendo l'intero Medio Oriente e i Paesi Nordafricani che si affacciano sul Mediterraneo, sono temi di grande importanza per l'Italia. L'argomento è serio e far ridere, per me, è sempre stata una faccenda seria. “Ameluk” è un film “seriamente divertente”. Come si dice: “Quando il riso sgorga dalle lacrime, il cielo si spalanca”. Il film ha un tono leggero da commedia con momenti più profondi, toccanti e drammatici perché alla base dei contrasti fra i grandi temi c'è sempre l'essere umano e la sua difficile ricerca della felicità. “Ameluk” è un film corale che parla dell'Italia e degli italiani e che prova ad affrontare un tema universale come il confronto-scontro tra fedi e culture diverse. Crediamo che l'Italia sia meravigliosamente capace di costruire e unire, e crediamo in un cinema che diverta con temi forti e socialmente importanti. “Ameluk” è il nostro contributo in questa direzione.
  • 6. 5 ameluk LE RICERCHE Il set perfetto per “Ameluk” mi è apparso in mente prima ancora di definire il soggetto. È il piccolo centro agricolo di Mariotto, frazione di Bitonto, a pochi chilometri da Bari, tra le silenziose e ventilate colline spoglie e pietrose del Parco della Murgia. La brezza di quelle colline trasporta nell'aria i profumi del cardo, del finocchio selvatico, dei fiori del mandorlo, del pesco, dei ciliegi. E poi ci sono vigneti e oliveti che si estendono un po' ovunque. Per più di una settimana, con lo sceneggiatore Carlo Dellonte, abbiamo vissuto a Mariotto per visitare le location, osservare gli abitanti, dialogare con i paesani autoctoni e i nuovi arrivati. Fra tutti gli intervistati vorrei ricordare un giovane marocchino che ha sposato una ragazza italiana del posto, così come avevamo immaginato noi per il protagonista della nostra storia. Il set non è distante da Castel del Monte e dalle due meravigliose cattedrali di Bitonto e Trani. Sono luoghi che abbiamo scelto per ambientare alcune scene salienti del nostro film perché legate ad un precursore del confronto pacifico con il mondo islamico: Federico II di Svevia (1194 -1250) - l'unico ad aver risolto una crociata senza spargimento di sangue, ma con un accordo politico siglato con il sultano d'Egitto. $ | Parco Alta Murgia Mariotto
  • 7. 6 ameluk $ Matteo Maria Zuppi S.E. Mons. $ Di Segni Riccardo $ Mario Scialoja $Mario Betti Claudio $ Gallo Don Andrea LE CONSULENZE Terminata la sceneggiatura, siamo passati alla fase delle verifiche e dei confronti con personalità religiose, per chiedere una loro consulenza e il loro sostegno. Abbiamo incontrato S.E. Mons. Matteo Maria Zuppi, attivissimo prete della comunità di Sant'Egidio (attualmente Vescovo Vicario della diocesi di Roma) che lavorava quotidianamente tra realtà difficili e multietniche alla periferia di Roma. È stata poi la volta del dott. Riccardo Di Segni, rabbino capo della Comunità Ebraica di Roma, incontro fondamentale come quello successivo con il dott. Mario Scialoja, responsabile della consulta sulle comunità islamiche in Italia e membro della Moschea di Monte Mario a Roma. Entrambi sono stati fondamentali per meglio tarare gli elementi religiosi (ebrei e musulmani) presenti nel nostro film. Il nostro progetto ha poi ottenuto il sostegno di Claudio Mario Betti della Comunità di Sant'Egidio che ha definito la nostra storia “shakespeariana”. Don Andrea Gallo Circa tre anni fa ti abbiamo chiesto di interpretare il ruolo di un prete nel nostro piccolo film. Hai risposto sorridendo che non potevi perché eri vecchio, stanco e ammalato, ma il progetto ti piaceva e ci hai detto di proseguire e di non mollare mai così come hai fatto per le tue battaglie in difesa dei più deboli,degli ultimi. Ti avremmo voluto abbracciare e ringraziare per la benedizione al nostro progetto a fine film. Dedichiamo Ameluk anche a tutti i tuoi figli della comunità di San Benedetto. Grazie per averci insegnato che un prete è prima di tutto un uomo. Che il tuo Dio apprezzi la tua grande fede, la tua semplicità, l'ironia e pure il tuo sigaro. Ciao Don Gallo, buon viaggio.
  • 8. 7 ameluk LA SCELTA DEI SET Il film è ambientato principalmente nel paese di Mariotto e in luoghi altamente simbolici: Castel del Monte e le Cattedrali di Bitonto e Trani. MARIOTTO Mariotto nella realtà è una frazione, ma nella nostra storia si trasformerà in un piccolo comune, simile a quel settanta percento del territorio nazionale che costituisce la provincia italiana. Nei piccoli centri tutto si metabolizza molto più lentamente, in modo più viscerale; in questi luoghi le tradizioni sono ben radicate, l'avanzare del “nuovo” è visto con un misto di ingenua meraviglia e pericolosa diffidenza, ma non manca l'umanità, la disponibilità, il senso dell'accoglienza. Mariotto con la sua grande piazza e gli edifici principali tutt'intorno è un palcoscenico naturale sul quale far muovere i personaggi con le loro ragioni e contraddizioni. Come in una commedia del teatro più classico: sullo sfondo la chiesa, la piazza, il bar Italia, lo Shawarma.
  • 9. 8 ameluk La piazza - La piazza è il luogo di tutti, dai bambini che giocano a pallone alle mamme che spingono i passeggini, dagli adolescenti appoggiati ai motorini, agli anziani e le casalinghe che vanno a fare la spesa presso le bancarelle che ogni giorno sostano per la sola mattinata ai bordi della piazza. Le panchine diventano un vero e proprio coro greco per soli anziani, mentre i giovani commentano seduti ai tavolini dell'unico bar moderno, dove videoclip e musica fanno da arredamento e colonna sonora. Il Bar Italia - Il bar centrale è, come in ogni paese della provincia italiana, il punto di ritrovo di sempre per la comunità più tradizionale. Tra una partita a tresette, un caffè, un bicchiere di vino, il grappino e un aperitivo, gli abitanti più legati al territorio, scambiano pareri sulle ultime novità, commentano i quotidiani, danno sfogo alle loro fedi calcistiche e politiche.
  • 10. 9 ameluk La chiesa - La chiesa è l'altro, insostituibile punto di riferimento della comunità. Qui non si viene solo per assistere alla messa e alle cerimonie, ma per partecipare alla vita sociale del paese, per commentare le novità. Se il bar è il centro dell'informazione 'altra', la chiesa lo è di quella ufficiale Lo Shawarma - Qui si mangiano kebab e felafel e qui si ritrova la comunità araba. In un paese piccolo come Mariotto la presenza della comunità araba non si può non notare. Tra le notizie di terrorismo, sbarchi di clandestini, guerre civili, rivoluzioni, la comunità araba si trova spesso nel mirino. In realtà, è molto variegata, e se non manca chi simpatizzi per il fu “soldato Osama” c'è anche e soprattutto chi vuole integrarsi nel nuovo Paese, rispettandone la cultura e proteggendo la propria. I LUOGHI FEDERICIANI La figura dell'Imperatore Federico II (1194-1250) è stata una fonte di ispirazione per il nostro film. Tedesco ma vissuto principalmente nel sud Italia, fu patrono delle arti e delle scienze e la sua corte fu un luogo d'incontro per le culture cristiana, araba ed ebraica. La sua apertura nei confronti degli “infedeli” contribuì non poco a fargli guadagnare ben 4 scomuniche papali, ma gli permise di essere l'unico a risolvere una Crociata, la Sesta (1227), senza spargimento di sangue, siglando un trattato politico con il sultano d'Egitto. Per la loro forte valenza tematica e simbolica, le sue gesta vengono citate nel film in relazione ai tre luoghi da noi scelti. $| Cattedrale, particolare dell'ambone Bitonto
  • 11. 10 ameluk CASTEL DEL MONTE Nel 1996, Castel del Monte è stato inserito nella Lista del Patrimonio Mondiale dell'Umanità dell'UNESCO con la seguente motivazione: “Possiede un valore universale eccezionale per la perfezione delle sue forme, l'armonia e la fusione di elementi culturali venuti dal nord Europa, dal mondo mussulmano e dall'antichità classica. E' un capolavoro unico dell'architettura medievale, che riflette l'umanesimo del suo fondatore Federico II di Svevia.” Insomma: integrazione, convivenza, apertura mentale. $ Castel del Monte Andria |
  • 12. 11 ameluk $| Cattedrale Bitonto $ Trani | Cattedrale
  • 13. 12 ameluk PERCHE' QUESTO FILM OGGI Crediamo che la situazione sociale italiana e gli eventi rivoluzionari ancora in corso nel sud del Mediterraneo rendano “Ameluk” un film attuale. Questi i motivi per cui crediamo che questo film sia importante oggi: Ÿ parlare di integrazione, che è la chiave che può Per arricchire sia chi arriva che chi accoglie. Ricordando che l'Italia è frutto dell'integrazione e dell'eredità di tantissimi popoli e culture che l'hanno attraversata: Greci, Romani, Arabi, Spagnoli, Francesi, Austriaci... Ÿ parlare di immigrazione perché è un fenomeno Per $ Mancini Mimmo che c'è stato, c'è e ci sarà in futuro. Solo parlandone si può tentare di trovare insieme un modo per gestirlo con saggezza e lungimiranza. Per ricordare che anche noi italiani siamo immigrati a milioni in cerca di una vita migliore e che ora sono altri a farlo, venendola a cercare qui da noi. Ÿ Per combattere i pregiudizi e i razzismi religiosi, perché sono queste le cause di molte difficoltà tra le varie etnie nelle nostre città, pretesti di guerre e del terrorismo internazionale nel mondo. Ÿ provare a cercare insieme una perseguibile via Per di mezzo nel nostro paese, perché solo la ricerca dei punti di contatto tra i vecchi e i “nuovi” cittadini italiani possono offrire un equilibrio stabile e duraturo ovunque. Ÿ dare voce e per rassicurare chi teme la perdita Per dei propri valori mostrando che la venuta del nuovo è spesso lo stimolo per una migliore presa di coscienza di ciò che ci appartiene e di ciò che ci deve appartenere.
  • 14. 13 ameluk Ÿ dare al cinema indipendente, un'opportunità per Per contribuire alla creazione di una società consapevole dei problemi che vive ogni giorno, perché il cinema ha la grande potenzialità di trasmettere temi scottanti anche attraverso storie divertenti come quella di “Ameluk”. Mimmo Mancini Sceneggiatore, Regista Carlo Dellonte Sceneggiatore
  • 15. 14 ameluk il cast JUSUF ABDUGALI detto AMELUK (Mehdi Mahloo) $ Mehdi Mahloo IN BREVE: Trentenne giordano, è da molti anni a Mariotto, dove ha aperto un internet-point. Buono, onesto, è troppo disponibile con tutti. Il suo difetto, infatti, è che non sa dire di no a nessuno, cosa che lo caccia spesso nei guai. Come quando ha accettato di sposare Maria. E come quando accetta di fare Cristo alla Via Crucis. NEL DETTAGLIO: Jusuf è un bel ragazzo, alto, fisico asciutto. È nato in Giordania, e si è trasferito in Italia ai tempi dell'università. Da allora ha rifiutato ogni tipo di coinvolgimento in iniziative sociali e politiche che riguardano i problemi e i conflitti dell'intero Medio Oriente. A Bari, Jusuf si è laureato in informatica presso l'Università. Con tanti sacrifici è riuscito a mettere su un piccolo negozio d'informatica nel vicino paese di Mariotto, dove si è trasferito. Per arrotondare le sue entrate esegue anche lavori da elettricista. Nel film, è il responsabile di luci e fonica della rappresentazione del Venerdì Santo, un lavoro offertogli dall'amico Don Nicola. Come con il prete, Jusuf è gentile e disponibile con tutti, totalmente incapace di dire di no a nessuno. Ha detto di sì anche a Maria, che se lo è sposato – con rito civile, l'unica concessione che lei gli ha fatto, essendo lui musulmano. I due hanno un figlio di nome Paolino. Per i genitori, parenti e amici di Maria, Jusuf sta per abbandonare la sua fede e abbracciare quella cattolica per sposarsi in chiesa. Per il nonno di Maria poi, è già cattolico e sta per sposarsi in chiesa. Per sua sorella Amìda (che si è trasferita anche lei a Mariotto) e suo cognato, un algerino proprietario dello Shawarma del paese, è Maria che sta per diventare musulmana. Per Mustafà, il più integralista della locale comunità musulmana, Jusuf si è troppo occidentalizzato. Insomma, Jusuf si è lentamente cacciato in un pasticcio inestricabile.
  • 16. 15 ameluk Per aver detto “sì” anche al prete, sarà coinvolto in un singolare scandalo mediatico dalla risonanza “internazionale”: si ritroverà suo malgrado a interpretare il ruolo di Cristo nella Via Crucis. Un Cristo musulmano? Dove andremo a finire? Si chiederanno in molti. Costretto con le spalle al muro, Jusuf dovrà superare i propri limiti, rielaborare il suo passato e affrontare la sua situazione di immigrato. Dovrà capire che assecondare sempre gli altri non è un modo per vivere in pace, ma è spesso il modo per farsi sopraffare. Jusuf imparerà che per vivere in pace bisogna venirsi incontro, rispettosi delle proprie differenze e della propria personale identità. L'arco di trasformazione del suo personaggio sarà una moderna via Crucis con resurrezione finale. MARIO MEZZASOMA (Mimmo Mancini) $ Mancini Mimmo IN BREVE: Imprenditore arrivista e trafficone. Gestisce il giornale di paese, ha un'azienda agricola, ed è da molti anni consigliere di minoranza. È determinato a diventare sindaco di Mariotto, ruolo che sente gli spetta di diritto. Jusuf che fa Cristo gli offre lo spunto per il suo programma elettorale: razzismo becero in difesa del territorio. NEL DETTAGLIO: Mezzasoma è un puro e dichiarato narcisista, patito di tutto ciò che è apparire anche senza un perché. Nato a Mariotto, Mezzasoma è il tipico arrampicatore sociale di provincia, con tutte le ambizione di un losco uomo d'affari. Si definisce una mente sopraffina senza avere mai una propria idea. Passa il suo tempo a studiare come meglio fregare il prossimo; è un talento naturale nel promettere senza mai mantenere. Più che aiutare, cerca di convincersi di essere utile ai suoi concittadini. I suoi migliori amici sono i razzisti autoctoni del Bar Italia e tutti quelli che con lui fanno affari. I suoi nemici sono quasi tutte le persone di buon senso e larghe vedute del paese, tra le quali Don Nicola e il Professor Ferrara. Tra i nemici – anche se privo di buon senso e non proprio di larghe vedute – c'è “Arafat”. L'anarchico del paese è in realtà il fratello di Mezzapesa, anche se è assolutamente sconsigliato ricordarglielo.
  • 17. 16 ameluk Attualmente Maria è la moglie di Jusuf il giordano, o come dice Mezzasoma con sprezzo: “u' mamluk”. Mezzasoma si è messo in testa di diventare sindaco: alla guida di un'assurda coalizione politica sostenuta da fantomatiche, inverosimili liste locali, monta una campagna elettorale incentrata sulla difesa del territorio dall'“orda” straniera, cosa che gli riesce bene dopo che il mammalucco Jusuf ha osato interpretare Cristo nella Via Crucis. Per Mezzasoma è una questione personale: vorrà schiacciare Jusuf per poi sottrargli Maria. MARIA SCALISE IN ABDUGALI (Claudia Lerro) $Lerro Claudia IN BREVE: Ragazza tanto spigliata e avvenente quanto superficiale. Ha accalappiato Jusuf perché bello, ma soprattutto perché totalmente plasmabile. Tipica paesana, ma con grandi ambizioni, Maria sogna gli orizzonti della ricchezza e della fama televisiva. Per raggiungerle è pure disposta a sacrificare il marito. NEL DETTAGLIO: Maria è la tipica donna casalinga del sud. Trentenne, capelli corvini, fedda e severa. Sempre fresca di parrucchiere e griffata dalla testa ai piedi. Appassionata di quel mondo televisivo fatto di reality, linciaggi e parolacce in diretta. Segnata dall'oppressione di sua madre e dall'ignoranza della sua famiglia, non riesce ad essere mai dolce e comprensiva nei confronti di suo marito Jusuf. Si consola con la presenza del suo primogenito Paolino sul quale riversa tutte le sue attenzioni. Secondo i genitori a suo tempo avrebbe dovuto sposare Mezzasoma e non uno smidollato musulmano capace di chissà quali terribili sevizie nei confronti della figlia e del piccolo nipotino.
  • 18. 17 ameluk Nel rapporto con suo marito è lei a decidere tutto. Non sopporta che Jusuf dica di sì a tutti, men che mai a Rita, la bella mora e intraprendente figlia del professor Ferrara di cui è gelosissima. Non le va a genio neanche che Jusuf frequenti lo Shawarma dove lavora sua sorella e suo cognato – per Maria è un posto sporco, puzzolente, pieno di immigrati poco raccomandabili. Dopo l'incidente del “Cristo musulmano”, Maria caccerà Jusuf fuori di casa. Involontariamente e per sua fortuna, Jusuf ribellandosi al potere della moglie, porterà Maria ad accettare il proprio destino tanto desiderato e voluto soprattutto dalla terribile madre: vedere sua figlia sposata con l'uomo più ricco e famoso del paese. Come si dice da quelle parti: “ti devi prendere un bel partito. Mezzasoma, appunto!” Jusuf rimarrà per Maria e la famiglia uno scomunicato musulmano, fonte di ogni sciagura e di presunte pericolose violenze. ARAFAT (Dante Marmone) $ Dante Marmone IN BREVE: Il rivoluzionario comunista storico di Mariotto. Caposaldo delle opposizioni (a tutto e a tutti), vede Jusuf come la testa di ponte che gli permetterà di imporre le sue folli idee a Mariotto. Vive in una casa mausoleo di una sinistra ormai andata. NEL DETTAGLIO: Arafat è il fratello di Mario Mezzasoma ed è cresciuto in aperto conflitto con lui. Un po' per indole e un po' per antagonismo, i due sono diventati personaggi diversissimi. Arafat è un estremista di sinistra, portavoce di un sincretismo sgangherato anarchico-comunista, nonché di un ecologismoanimalismo fuori da ogni schema. Ha fatto di casa sua, una specie di risposta sinistrorsa al Vittoriale di D'Annunzio. Sempre con la kefiah al collo (con cui si è guadagnato il suo soprannome), sostenitore della teoria che ogni grande uomo apparso sulla terra sia in realtà un extraterrestre. Frequenta assiduamente lo Shawarma del paese, dove pensa di essersi ingraziato le amicizie degli immigrati del posto. Politicamente, Arafat è, nel suo piccolo, il leader degli sfattoni e dei contestatori di Mariotto.
  • 19. 18 ameluk Da anni tenta invano di entrare in comune, almeno come consigliere, per proporre le sue idee rivoluzionarie (non ultima il compostaggio con i lombrichi per produrre energia in sostituzione alle pale eoliche, volute dal sindaco uscente) ma il centrosinistra locale lo ha sempre tenuto alla larga. Forse però è arrivato il suo momento: con Mezzasoma che sale nei sondaggi, il sindaco uscente traballa e probabilmente non sarà rieletto se non con l'appoggio di Arafat e dei suoi. Il caso del “Cristo musulmano” offre ad Arafat l'ulteriore chance di puntare ancora più in alto: proporre Jusuf come candidato sindaco, un sindaco malleabile, sempre disposto a dire di sì, insomma, un sindaco che Arafat spera di manovrare da dietro le quinte in qualità di vicesindaco. RITA FERRARA (Francesca Giaccari) $ Giaccari Francesca IN BREVE: Giovane guida turistica, specializzata nei luoghi federiciani. Colta e di buon senso, è spesso troppo avanti rispetto a chi le sta intorno: oltre a Don Nicola, è lei che inconsapevolmente spinge Jusuf a fare Cristo, senza rendersi conto di cacciarlo in un bel guaio. E lo diventa anche per lei, visto che ne è segretamente innamorata. NEL DETTAGLIO: Bellissima trentenne, dolce, intelligente, colta e vivace. È la figlia del professor Ferrara, ebreo, e di una donna cattolica che è venuta a mancare quando Rita era piccola. Laureatasi in storia dell'arte, dopo aver girato il mondo, tornata a casa, è diventata una guida turistica molto preparata, e si è specializzata nei luoghi legati a Federico II di Svevia, uno dei primi ad avviare un dialogo interreligioso con ebrei e musulmani. Rita è stata da sempre segretamente innamorata di Jusuf. Gli eventi traumatici del film, porteranno Jusuf a cercare in Rita un'alleata e con forza risveglieranno in lei l'amore sopito da tempo. Sarà una dura battaglia per Rita provare ad aiutare Jusuf, eppure, saranno i duri incontri/scontri tra di loro, l'amore sotterraneo di lei e la presa di coscienza di lui, a portare alla risoluzione del film.
  • 20. 19 ameluk DON NICOLA, IL PARROCO (Roberto Nobile) $ Nobile Roberto È l'anziano e battagliero parroco del paese. Di ampie vedute, è una persona molto attiva nella vita sociale della comunità. È il cognato del prof. Ferrara, amico di Jusuf, promotore dell'accoglienza agli immigrati, nemico giurato di Mezzasoma. IL PROFESSOR FERRARA, PADRE DI RITA (Cosimo Cinieri) $Cinieri Cosimo È un vecchio ebreo che per molti anni ha insegnato storia e lettere al liceo. Dall'aspetto pacifico e innocuo, è dotato di un umorismo tagliente che ha come obiettivo fisso Mezzasoma e la sua ignoranza. Fondatore ed unico iscritto “dell' Associazione Nazionale per la Tutela del Congiuntivo”. MICHELE, IL PARRUCCHIERE (Paolo Sassanelli) $ Paolo Sasanelli Sempre alla moda, sostiene di aver frequentato un fantomatico Actor Studio pugliese per acquisire il “metodo” degli attori americani. Avrebbe fatto Cristo al posto di Jusuf, se non si fosse fatto male sedendosi sulla corona di spine. Omosessuale non dichiarato, sceglierà il momento più clamorosamente inopportuno per fare outing. TONINO, L'ASSISTENTE DI MEZZASOMA (Andrea Leonetti) Il braccio, e spesso la mente, di Mezzasoma. È il tipico giovane di talento del sud senza lavoro, sfruttato dal politico di turno. Segue Mezzasoma perché questi gli ha promesso un sicuro impiego al comune. Per adesso si è guadagnato solo qualche ricarica telefonica e una posizione da servile portaborse. $Leonetti Andrea
  • 21. 20 ameluk ESTERINO LADISA, detto Richard Gere (Maurizio Della Vallè) $ Della Vallè Maurizio $ Banfi Rosanna Detto “Richard Gere” per la sua vaga somiglianza con il noto attore americano, è un annoiato politicante. Legato alle logiche di partito, con idee solo vagamente di sinistra, governa il paese senza pensare troppo di dover rendere conto ai cittadini. Convinto di essere rieletto, si dovrà ricredere di fronte alla sfida di Mezzasoma, e alla spina nel fianco “Arafat”. LA FAMIGLIA DI MARIA: Lucia madre di Maria ( Rosanna Banfi) Padre di Maria ( Pascal Zullino) Nonno di Maria (Luigi Angiuli) Tipici bigotti di paese, per loro Jusuf è un infedele da convertire per il bene della figlia. Ogni scusa è buona per punzecchiarlo sul suo credo e per imporgli i sani modi locali. La madre, ignorante e bigotta, è quella che comanda la famiglia e dirige l'assalto a Jusuf. Il padre, succube della moglie, vede nel giovane un capro espiatorio per le sue frustrazioni e vuole convertirlo a tutti i costi. Il nonno, simpatico e amante della grappa. $ Pascal Zullino PINO, IL BARISTA detto “u’ genovese” (Teodosio Barresi) È il gestore del Bar Italia, il soprannome se lo è guadagnato per la sua tirchiaggine. Si atteggia come se gestisse un locale di lusso, ma il suo è un comunissimo bar di paese. $ Luigi Angiuli $ Barresi Teodosio I CLIENTI DEL BAR ITALIA Il bar di Pino è frequentato dagli uomini del paese gente semplice, legata alla terra. Sono il pubblico preferito da Mezzasoma, che con i suoi discorsi “in difesa del territorio e dell'identità mariottana” riesce a plasmare in suoi perfetti elettori.
  • 22. 21 ameluk ABDUL, IL GESTORE DELLO SHAWARMA (Miloud Mourad Benamara) $Mourad Benamara Miloud Marito di Amìda e cognato di Jusuf, gestisce lo Shawarma del paese. Ossessionato dal difendere il suo buon nome e la reputazione del suo locale, è sempre convinto che quello che fa Jusuf gli rovini la reputazione e gli tolga clienti. AMÌDA, SORELLA DI JUSUF ( Nadia Kibout ) Sorella di Jusuf e moglie di Abdul, è una delle poche persone di buon senso e si trova spesso a dover mediare tra suo marito e suo fratello per evitare che il primo faccia male al secondo. $ Nadia Kibout MAFALDA (Tiziana Schiavarelli) Pia e zelante bigotta del paese. Ci tiene ad essere una devota e seria penitente ad ogni cerimonia religiosa. Non sopporta le innovazioni di Don Nicola e ancor meno le invasioni di campo, per quanto involontarie, di Jusuf. I CLIENTI DELLO SHAWARMA $ Tiziana Schiavarelli $ Hedy Krissane Il locale di Abdul (Miloud Mourad Benamara). A frequentarlo sono gli immigrati di Mariotto, principalmente musulmani, tra cui Mustafà (Hedy Krissane), un fondamentalista intransigente e Cristian (Cristian Farano) che pur essendo italiano e cattolico è l’esperto locale di cultura e lingua araba.
  • 23. 22 ameluk IL MARESCIALLO DEI CARABINIERI (Michele De Virgilio) Il suo è un arduo lavoro, considerando che in paese tutti sono convinti che la legge sia sempre dalla propria parte. Se può chiudere un occhio lo fa volentieri, tra un gratta e vinci e altro, ma la faccenda “Ameluk” gli ha molto complicato la vita. $ De Virgilio Michele MINGUCCIO (Massimo Bagnasco) Amico di Jusuf, gli da spesso una mano in negozio. È un ragazzo buono e semplice, che soffre di un ritardo cognitivo. La sua ingenuità è spesso un pregio. LA STAMPA $ Bagnasco Massimo $Farano Cristian $Converso Helena Sono gli speculatori della notizia che piombano a Mariotto per documentare lo “scandalo” del Cristo musulmano. Abituati a raccontare i casi di cronaca nera più truci e sconci, assaltano i paesani con domande stupide e ficcanaso. La perla rappresentativa del gruppo è Lilli, ( Helena Converso). A sostenerla nelle sue improbabili interviste è il suo cameraman romano (Alberto Testone), sempre pronto con una battuta dissacrante prima ancora che con la telecamera.
  • 24. MimmoMancinifilmografia
  • 25. 24 ameluk MimmoMancinifilmografia Sul mare luccica/ Shining on the Sea SINOSSI Nell'estate del 1990 inaspettatamente una mattina nella rada del porto di Brindisi appare una nave, quasi un relitto, carica di 1500 albanesi disperati, ridotti allo stremo. Uomini, donne e moltissimi bambini uno sull'altro chiedono aiuto e solidarietà. Lo stato Italiano allora governato da socialisti e democristiani non riesce ad interpretare in nessun modo questo grido disperato ed oppone a questa realtà il suo sistema burocratico. Ci saranno feriti, violenze, dolore. I disperati saranno sbarcati solo due giorni dopo e chiusi nello stadio di Bari ( vi ricordate del Cile?)come prigionieri indesiderati. Da quel momento esplose l'emigrazione clandestina cosa che ancora oggi esiste. Da questo episodio nasce “ Sul mare luccica” un cortometraggio di sei minuti che racconta questa esperienza dal punto di vista dei profughi. Il confronto tra la speranza e la triste realtà, l'impossibilità di sognare. “ Sul mare luccica” fa parte di una selezione di cortometraggi dedicati al tema dell'intolleranza. “ Intollerance” fu appunto la campagna di opinione che nel 1996 numerosi esponenti del cinema italiano hanno voluto produrre per sensibilizzare la coscienza civile. Il nostro corto ha riscosso un successo notevole essendo selzionato per la 53° mostra del cinema di Venezia e per numerosissimi festival in tutto il mondo. “Sul mare luccica” commedia. Scritto, diretto ed interpretato con Paolo de Vita, 35mm. 1996 Selezionato alla 53° mostra di Venezia 1997 Il corto fa parte anche del film collettivo contro il razzismo “Intollerance” edizione 1996. Premio del pubblico festival “ Taranto- Berlino” Taranto1996 Premio “miglior produttore” festival “ La cittadella” Trevignano ( Roma) 1997 Premio miglior corto e migliori attori protagonisti “Fano Film Festival” IX° edizione1997 Selezionato al 14° Festival Cinema Giovani Torino. Inserito nella selezione dell'AIACE Torino “Vent'anni di corti italiani 1980-2001. Selezionato al Festival “L'occhio del ciclope” Messina . 1998. Selezionato al Festival du court métrage Clermont-Ferrand. 1999 Rassegna di Cinema Indipendente e Cortometraggi Conversano (Bari) 1997 Selezionato al Filmaker 6° ed. Milano 1997 Selezionato al Cortinametraggio prima ed. 1997 Selezionato al Festival Cortopotere Bergamo. 2001 Selezionato all' Italian Film Festival Edimurgh Filmhouse – Glasgow Film Theatre – London Riversaide Studios1997 Arroganti/ Arrogant SINOSSI Nell'ottobre del 1991 il Teatro Petruzzelli di Bari, teatro storico di importanza internazionale, apparentemente senza motivo va a fuoco. (Poco dopo toccherà al teatro La Fenice di Venezia) Il monumento della cultura di Bari brucia in una notte, lo scandalo non va oltre qualche giorno, poi la città dimentica, sotto la coltre di cenere il danno che questo rogo ha prodotto. L'indagine di polizia rivela che il rogo è assolutamente doloso, sordide storie di assicurazioni non pagate, di ricatti, di arroganza della malavita nei confronti della legge, spesso incapace a trovare e punire i veri colpevoli, una giustizia ondivaga, condizionata dal potere. Scende il silenzio, il disinteresse, si parla di ricostruzione ma tutto in realtà resta immobile, come la cenere che cancella ogni colore nel cono vuoto delle mura bruciate di quello che era stato un teatro. “ Arroganti” parla della mancanza di percezione del bello, dell'abitudine a vivere nello squallore, della connivenza, dell'arroganza di chi non si cura del prossimo ma pensa a se stesso, al proprio tornaconto. La società è sullo sfondo come una inutile e fastidiosa presenza. L'arte e la cultura scompaiono, la bruttura regna sovrana sulle cose e sugli uomini. “Arroganti” rimane a tutt'oggi l'unico cortometraggio che abbia narrato del Teatro Petruzzelli. Premiato in numerosi festival è stato venduto anche all'estero in Australia. Le immagini dei due cortometraggi sono vere, gentilmente offerte da redazioni giornalistiche televisive italiane
  • 26. 25 ameluk MimmoMancinifilmografia “Arroganti”commedia. Scritto diretto e interpretato con Paolo De Vita, 35mm. 1998 Miglior corto Fano Film Festival Xª ed. 1988 Festival “Warner Village” Bari Iª ed. premio del pubblico 2000. U su' ( IL SORDO) QUANDO UNA NEVE LEGGERA CADE SU TUTTE LE COSE Sinossi: “In paradiso fa fresco? Come ci si arriva?” Un temerario automobilista vuole raggiungere il paradiso a bordo della sua “miniminor”. La vita percorsa a bordo di una macchina senza ruote. Un commovente ritratto della malattia mentale: del protagonista con il suo copilota, degli imbrogli di un misterioso benzinaio, fino alla meta. La volontà di scappare lontano oltre le storture del mondo, oltre la terra che brucia come una fiamma dell'inferno, quando una neve leggera cade su tutte le cose. Anno di produzione: ITA 2008 Production Year: ITA 2008 “U Sù” drammatico, scritto con Pietro Albino di Pasquale. Alta definizione 2008. Miglior corto al “Levante FilmFest” Città di Bari sez. experience VI ed. 2008 Miglior corto al Napoli “Film Festival” premio Vesuvio Schermofilmnapoli 2009 Miglior Produttore Napoli Film Festival 2009 II° Menzione “Concorso l'anello debole” comunità di Capodarco Fermo (Mc) Radio TV Cinema contro l'esclusione sociale 2009 Miglior attore Festival EtaBeta Social Movie Bologna I° ediz. 2009 Selezionato in finale Festival del Cinema Indipendente di Foggia 2009 Miglior corto Pistoia Corto Film Festival 2009. Miglior corto Cortolandria International Film Festival 2010 Miglior attore Festival Internazionale Film Corto a Tema “ Un sorriso diverso” Tulipani di seta nera 3° edizione 2010 Miglior film Festival Internazionale Film Corto a Tema “ Un sorriso diverso” Tulipani di seta nera 3° edizione 2010 Miglior corto Festival Nazionale di cortometraggi “Schermi Irregolari” Antella Bagno a Ripoli (FI) XI edizione 2010 Secondo Premio Valsusa FilmFest 14° edizione 2010 Miglior Corto Festival Corti a Ponte (Padova) 2010 Menzione Riaceinfestival festival delle migrazioni e delle culture locali II ed. 2010 Selezionato in finale Festival Cinemabili IV° edizione Genova 2010 Selezionato in finale Festival Sorsi Corti IV° edizione 2010 Selezionatoin in competizione Maremetraggio Festival Internazionale del Cortometraggio e delle Opere Prime XI° edizione Trieste 2010 Miglior attore Golfo dei Poeti Film Festival- I° edizione Lerici 2010 Miglior sceneggiatura Tropea Film festival IV edizione 2010 Miglior interprete Festival Internazionale Cinematografico “Jalari in Corto” Barcellona ( Me) 2010 Miglior corto sez. diversamente abili Artelesia Festival Telese ( Bn) 2010 Menzione speciale miglior attore Festival “ Il giardino dei Corti” Venticano (AV) 2010 Il corto fa parte di una raccolta di tutti i cortometraggi premiati durante le tre edizioni del Festiva I Tulipani di Seta nera di Roma, prodotto dall'associazione “L'Università Cerca Lavoro” (UCL) in collaborazione con il Segretariato Sociale RAI, RAI NEWS 24 e Sat Television l. Unico DVD distribuito e prodotto dal Segretariato Sociale RAI. L'opera è stata anche distribuita all'interno del format televisivo “CORTO3” e su tutta la rete telefonica TRE. DIREZIONE OBBLIGATORIA/ ONE WAY STREET SINOSSI “Il peccato mi può salvare?” Un ex detenuto cerca di redimersi dai tanti errori fatti in giovinezza: una vita violenta costruita sulle
  • 27. 26 ameluk MimmoMancinifilmografia rapine. Appena uscito di prigione decide di dare una svolta alla sua esistenza e cercare una strada verso la redenzione. Ma non riesce ad ottenere un impiego onesto che possa far fronte all'insorgere di crescenti problemi familiari. La vita sembra riservargli una direzione obbligatoria: il protagonista deve fare un ultimo colpo per assicurarsi una via di fuga. Un corto che racconta la volontà di ribellarsi alle storture del destino, ad un mondo senza via d'uscita, avverso, che spesso ci cuce addosso ruoli che non ci corrispondono interamente. Un'esistenza senza prospettive, uno spaccato della nostra società, una critica disincantata al sud d'Italia. Si ha sempre la possibilità di cominciare un'altra volta. “Direzione Obbligatoria” Cortometraggio realizzato con il contributo del Ministero Dei Beni Culturali (MiBac) sezione Cinema e dell'Apulia Film Commission. Drammatico 2009, scritto con Pietro Albino di Pasquale. Alta definizione. Selezionato al Roma Indipendent Film Festival 2010 IX ediz. Selezionato La Cittadella del Corto- Festival Internazionale del Corto di Fiction Trevignano/Roma. XVI° edizione 2010 Miglior Regia Salento Finibus Terrae Sez. Panorama Corti Puglia Premio Città di Fasano 2010 www.myspace.com/mimmomancini http://it-it.facebook.com/people/Mimmo-Mancini/1412387822 BREVE BIOGRAFIA MIMMO MANCINI: Nato a Bitonto (Bari) il 18 maggio 1960. Ha studiato analisi del cinema con Dominic De Fazio. Corso di sceneggiatura “ RAI SCRIPT” Attore di teatro, cinema e televisione. Nel 1984 la prima tournée nazionale con “Le allegre comari di Windsor”di W. Shakespeare, con Bianca Toccafondi. e Carlo Hintermann. Partecipa a molti film per la televisione. Per il cinema ricordiamo alcuni titoli : “Arriva la bufera” (1993), di Daniele Luchetti; “Colpo di Luna” (1994), di Alberto Simone (menzione speciale al Festival di Berlino 1995); “A domani” (1997), di Gianni Zanasi (in concorso alla 56ª Mostra di Venezia); “Ospiti” (1997), di Matteo Garrone; “Lacapagira” (1999), di Alessandro Piva; “Il Caimano” (2005), di Nanni Moretti. E' la voce narrante di Delio nel film “300” di Zack Snyder 2007. Come autore e interprete realizza quattro spettacoli teatrali: “Non venite Mangiati” “Vi faremo sapere” “Sargassi” “Lo Zi'“.
  • 28. Curricula
  • 29. 28 ameluk MehdiMahdloocurricula Mehdi Mahdloo è un giovane attore cinematografico e teatrale italiano. Nel 2010 ha recitato come attore protagonista in due cortometraggi: Solo, di fronte ad un bivio, diretto da Simone La Rana, nel ruolo di Luca, interpretazione che gli è valsa il Premio come Miglior Attore Protagonista al Vasto Film Festival e Lettera di Compleanno diretto da Luca Annovi, trasmesso su SKY, che ha riscosso un grande successo sul web e tra la critica specializzata. 
Lo stesso anno ha interprato il ruolo di Marco, un militare, nel film La Città Invisibile diretto da che tratta la storia del terremoto aquilano del 6 aprile 2009.
Oltre al ruolo di Marco, Mehdi ha interpretato quello di Sufien, un ragazzo francese di origine araba nel film Che Bella Giornata, diretto da Gennaro Nunziante, con Checco Zalone, Rocco Papaleo, Tullio Solenghi e Ivano Marescotti, con uscita il 5 gennaio 2011 su tutto il territorio italiano.

Mehdi Mahdloo ha inoltre vinto per ben due volte il Premio Letterario Hombres: nel 2009 con il racconto Tra il Bene e il Male e nel 2010 con il racconto Dedicato alla Morte.
Nel 2008 è stato Ospite della trasmissione PLAY! su RAI FUTURA CHANNEL.

Dal 2009 Mehdi Mahdloo è membro di Protezione Civile e della Croce Rossa Italiana con cui collabora attivamente in ambito di soccorso 118. Quest'anno, sempre per la Croce Rossa Italiana, è stato testimonial della campagna pubblicitaria nazionale. PREMI 2011 Premio al “FESTIVAL CINEMATOGRAFICO EUROPEO DI LECCE” per la performance in “Che Bella Giornata” come “Sufien” 2011 Premio FAUSTO TOZZI per la performance in “Che Bella Giornata” come “Sufien” 2010 Premio come “MIGLIOR ATTORE PROTAGONISTA” al “FESTIVAL CINEMATOGRAFICO NAZIONALE DI VASTO” per la performance in “Solo, di Fronte ad un Bivio” come “Luca” 2010 Premio Letterario Nazionale “HOMBRES” per l'opera “Dedicato alla Morte” 2009 Premio Letterario Nazionale “HOMBRES” per l'opera “Tra il Bene e il Male” CINEMA 2011 - Che Bella Giornata, diretto da G. Nunziante, ruolo SUFIEN ( con oltre 43 milioni d'incassi ) 2010 - La Città Invisibile, diretto da Giuseppe Tandoi, ruolo MARCO (MILITARE) TELEVISIONE 2012 - Nato il 31 Febbraio (di prossima uscita), diretto da Luca Gabriele, ruolo DAVIDE BRACCO ( coprotagonista ) 2012 - F.O.D (di prossima uscita), diretto da Mario Olivieri, ruolo CIFER B ( protagonista
  • 30. 29 ameluk MimmoMancinicurricula Attore - autore- regista ( 18/5/1960) -cell +393934462021 - e-mail info@lozi.it www.myspace.com/mimmomancini sito teatrale www.lozi.it www.facebook.com mail: mancini.mimmo@gmail.com http://it.linkedin.com/pub/mimmo-mancini/25/744/7a8 facebook progetto ameluk www.ameluk.com Lingue straniere: inglese Strumenti: pianoforte, percussioni Agenzia APM Alessandro Pellegrini Management Teatro 1981 La Pulzella D'Orleans di J. Anguille regia Eugenio D'Attoma 1983 Arabesk di M. Morizio Vito Signorile 1983 In Alto Mare di S.Mroszek Eugenio D'Attoma 1984 Le Allegre Comari di Windsor di W. Shakespeare Nucci Ladogana 1990 Non Venite Mangiati di Mancini- De Vita regia Manrico Gammarota 1991 Riso in Italy regia Massimo Cinque 1992 Vi faremo sapere di Mancini- DeVita- Gammarota Manrico Gammarota 1994 Sargassi di Mancini- Mirandola regia Vasco Mirandola 1994 Prometeo regia Maurizio Panici 1997 Buio interno regia Marinella Anaclrerio 1997 Salvataggi D. Tambasco regia Dominic Tambasco 2000 Notturno di donna con ospiti di A. Ruccello regia Enrico Maria. La Manna 2002 Santa Maria del Pallone regia Pietro Bontempo 2004 Inquisizione di Tiziano Fratus regia Pietro Bontempo 2004 Perimetro di Cassios Piras regia Pietro Bontempo 2004 25000 granelli di sabbia di Alessandro Langiu regia Emanuela Giordano 2004 Notturno di donna con ospiti (ripresa) regia Enrico Maria La manna 2005 Il postino suona sempre due volte regia Enrico Maria Lamanna 2005 Le ultime ore di Henry Moss di Sam Shepard regia Enrico Maria Lamanna 2006/7/8/9Lo Zì di Mimmo Mancini e Pietro A. Di Pasquale regia Enrico Maria Lamanna 2009 Il diario di Anna Frank ruolo Van Dann regia Bruno Cariello 2009 /10 Cin Ci Là Operetta prod. Fondazione Arena di Verona-Verdi di Trieste ruolo Blum regia Maurizio Nichetti 2010/11 L'Ebreo di Gianni Clementi regia Enrico Maria Lamanna 2011/12 La lampadina galleggiante di Woody Allen regia Armando Pugliese Varietà Televisivi - Serial TV- Telefilm 1985 Dancemania RAI TRE 1986 Emigrare cantare Rai 1987 Sapore di Gloria RAI UNO 1988 Uomo contro uomo RAI UNO 1989 Pronto Soccorso RAI UNO 1989 Evviva Canale5 1989 Il Piacere dell'Estate RAI DUE (autore interprete) 1990 Fate il Vostro Gioco RAI DUE (autore interprete) 1991 Ghibli RAI DUE (autore interprete) 1991 S.P .Q.M. TMC 1992 Magazine Tre RAI TRE (autore interprete) 1994 Spazio Ippoliti RAI TRE (autore interprete) 1999 Medico di Famiglia (ruolo Otello) RAI UNO 2000 Un custode di nome Angelo RAI UNO 2001 Uno Mattina RAI UNO 2001 Don Matteo (prot. di puntata, seconda serie) RAI UNO regia regia regia regia regia regia regia regia regia regia regia regia regia regia Antonio Moretti Marcello Baldi Marcello Baldi Sergio Sollima Francesco Massaro Davide Rampello Gabriele Baldazzi Giancarlo Nicotra Igor Skofich Enrico Montesano Gian Paolo Dossena Tonino Zangardi Roberto Aristarco Francesco Lazotti Leone Pompucci
  • 31. 30 ameluk MimmoMancinisegue 1991 Pronto Soccorso II RAI UNO 1993 Le due Madri RAI UNO 1997 Scomparsi Canale5 1999 Vola Sciù Sciù RAI UNO 2000 L'attentatuni RAI DUE 2001 La guerra è finita RAI UNO 2003 La stagione dei delitti - 4 puntate RAI DUE 2004 La squadra ( prot. di puntata 5° ediz. ) RAI TRE 2004 Il giudice Mastrangelo (I edizione ) Canale 5 2004 L'uomo sbagliato RAI UNO 2006 Sotto Casa soap RAI UNO ruolo Rocco Cataldo 2006 Un caso di coscienza 3 RAI UNO 2007 Fratelli di sangue RAI UNO 2007 Distretto di Polizia 7 CANALE 5 2007 Il Maresciallo Rocca 6 RAI UNO 2008 Crimini Bianchi Canale 5 Italia1 2008 L'uomo che cavalcava nel buio RAI UNO 2008 Crimini 2 La doppia vita di Natalia Blum RAI 2 2008 Nebbie e delitti 3 RAI DUE 2009- Lo scandalo della Banca Romana RAI UNO 2009 Il sorteggio RAI UNO 2009 I delitti del cuoco CANALE 5 2010 Il Commissario Manara 2 RAI UNO 7° ep. 201l Il Commissario Zagaria Canale5 2011 Il Prefetto di Ferro RAI UNO 2011 Squadra Antimafia CANALE 5 regia regia regia regia regia regia regia regia regia regia Francesco Massaro Fratelli Frazi Claudio Bonivento Jo Sargent Claudio Bonivento Lodovico Gasparini Claudio Bonivento Cristiano Celeste Enrico Oldoini Stefano Reali regia regia regia regia regia regia regia regia regia regia regia regia regia regia Luigi Perelli Claudio Bonivento Alessandro Capone Fabio Jephcott Alberto Ferrari Salvatore Basile Anna Negri Gianpaolo Tescari Stefano Reali Giacomo Campiotti Alessandro Capone Luca Ribuoli Antonello Grimaldi Gianni Lepre Cinema 1988 Gli invisibili 1989 Ragazzi fuori 1991 Notte di stelle 1993 Arriva la bufera 1994 Colpo di luna 1995 Marciando nel buio 1996 Cattivi uomini 1997 A domani 1997 Ospiti 1999 Lacapagira 2001 Un Aldo qualunque 2002 Il tramite 2003 Tutto in quella notte 2004 Il segreto di Rahil 2005 Il Caimano 2010 Faccio un salto all'Havana regia regia regia regia regia regia regia regia regia regia regia regia regia regia regia regia Pasquale Squitieri Marco. Risi Luigi Faccini Daniele Luchetti Alberto Simone Massimo Spano Claudio Bonivento Gianni Zanasi Matteo Garrone Alessandro Piva Dario Migliardi Stefano Reali Franco Bertini Cinzia Bomoll Nanni Moretti Dario Baldi Cortometraggi ( interprete) 2000 Tutti zitti 2002 Bobbolone 2002 Salsa 2003 Al mare 2003 Zinnannà - David di Donatello 2004 2008 L'amore di una vita regia regia regia regia regia regia Daniele Cini Daniele Cascella Danny Cecchini Vito Palmieri Pippo Mezzapesa Matteo Oleotto Radio 1982 La traccia Radio Due Nucci Ladogana
  • 32. 31 ameluk MimmoMancinisegue 1983 1983 1983 1988 1992 1992 1992 2006 Le occasioni dannate C'era una volta una Fiata Il tacco a spillo (autore interprete) Via Asiago Tenda (autore interprete) Strisce comiche (autore interprete) Strisce comiche (autore interprete) Luntanamente Dialoghi possibili Radio Due Vito Maurogiovanni Radio Due Gigi Spedicato Radio Due Guglielmo Rossini Radio Uno Radio Dimensione Suono Italia Radio RadioTre Gianfranco Salvatore Radio Tre Alessandro Piva Doppiaggio 2007 “300” di Zack Snyder prod. Warner Bros. Pictures tratto dalla “graphic novel” di Frank Miller e Lynn Varley personaggio Delio voce narrante. Dir. doppiaggio Massimiliano Alto Premi e riconoscimenti 1990 Premio critica “Festival nazionale della comicità: Riso in Italy” 1991 Primo premio “ Festival nazionale della comicità” “Cabaret amore mio” Grottammare 1995 Menzione speciale FilmFest Berlino 1995 come “Attore non protagonista” per il film “Colpo di Luna” 2005 Valdarno cinema FEDIC 56° concorso nazionale premio Marzocco. Premio Giglio fiorentino D'argento come miglior interprete per il corto “Al mare” 2006 Premio miglior attore trofeo “Nando” Novaracinefestival con il cortometraggio “Al Mare” di Vito Palmieri 2006 Premio Salento Finibus Terrae 4° edizione 2007 Premio Leonardiano per il cinema Comune di Bitonto (Bari) .
  • 33. 32 ameluk ClaudiaLerrocurricula FORMAZIONE PROFESSIONALE 2010 La palestra dell'attore. Teatro“ La comunità” con G. Sepe 2010 Workshop di recitazione con S.RUBINI 2009 Seminario intensivo di reading e speaking con A. LORI 2006-2008 Diploma di recitazione a I.T.A.C.A. - L.A.M.D.A. (London Academy Of Music And Dramatic Arts di Londra - Direttore artistico: P JAMES): Stage di recitazione sulle “Tre sorelle” di . Checov con G.Borgia Stage di recitazione sui “Dialoghi di Platone con Daniele Nuccetelli e C. Di Domenico Stage sulla storia del teatro inglese con R. Di Giammarco Stage di recitazione sul metodo FELDENKRAIS E ALEXANDER TECNIQUE con A, Dhuram (Responsabile Movement presso la L.A.M.D.A.) Stage di recitazione con M. M. Giorgetti 2006 Laboratorio di lettura drammaturgica con M. Bonaccia 2005 Laboratorio di dizione e tecniche di espressione corporea con M. Parlato e F. Tammacco 2003 Laboratorio di educazione all'ascolto teatrale con L. Tedeschi 2003 Laboratorio di ricerca per “Ghilgamesh” con T. Ludovico Teatro 2003 Stage di recitazione con la compagnia Catalana “Els Comediants” diretta da J. Font 1999 - 2003 Laboratorio di teatro con M. Papaleo 2004 Laurea In Scienze Della Comunicazione 2007 Laurea specialistica in Comunicazione e Multimedialità TEATRO REGIA 2010 LA CANTATRICE CALVA E NON SOLO di Ionesco G. Leonetti 2010 CIECHI di J. Saramago. Adattamento e Regia T. Fattore 2010 LA TOPASTRA di S. Benni (monologo) A. Rubinetti 2009 TROILO E CRESSIDA di W. Shakespeare G. Borgia 2009 IN SEARCH OF MISS LANDMINE di C. Lerro, E. Cotugno, C. Centrone 2009 IL SOGNO DEL PILOTA R. Romita 2008 DON CHISCIOTTE di C. S. PERRONI G. Borgia 2008 YERMA/INSIDE YERMA di F. G. Lorca G. Borgia 2008 ALCIBIADE di Platone C. Lerro e V. Capone 2007 IONE di Platone. Studio a cura di A. Di Pinto e C. Lerro 2006 AL CIELO DELL' ALBA M. Papaleo 2005 MUSA ARETUSA F. Tammacco 2003 -2006 KAPO': FRAMMENTI DI UN OLOCAUSTO” M. Papaleo 2003-2006 I SEGRETI DELLA LUCE (monologo) J. Font 2003-2006 IL DIBATTITO DELLA SCIENZA J. Font 2003 STORIA DELLE NOTE di R. Vinciguerra M. Papaleo 2002-2003 LA DISFIDA DI BARLETTA G. Belsito PUBBLICITA' REGIA 2010 GALBANI 2009 AXA/MPS C. Sigon P Mezzapesa . LINGUE Inglese - ottimo Dialetti: pugliese Voce: contralto
  • 34. 33 ameluk DanteMarmonecurricula Dante Marmone nato a Bari il 21 ottobre 1951, residente a Bari Tel 3473738468 agenzia di riferimento: Studio Giannelli di Fiorella Giannelli - info@fiorellagiannelli.it tel 3356878096/ 065895204 TEATRO Dante Marmone fonda, giovanissimo, a Bari nel 1974, la Compagnia Anonima G.R., con l'idea di realizzare spettacoli fuori dagli schemi convenzionali e che fossero l'espressione della propria creatività. Ha creato diversi personaggi con un forte carattere popolare metropolitano che sfiora il surreale. Nei primi anni di attività, esibendosi per un lungo periodo nei teatrini off di Roma, Dante Marmone con il suo gruppo Anonima G.R., vengono notati da personaggi come Alberto Moravia, Dacia Maraini, Cesare Zavattini, Angelo Maria Ripellino, Italo Moscati, che intravedono in quel tipo di comicità, una originalità da approfondire. Usa spesso un marcato accento barese, comprensibile però ovunque ed il suo linguaggio è soprattutto quello della mimica e dell'uso del corpo. Protagonista di circa 35 produzioni teatrali di cui per molte ne è anche autore. È stato diretto da NANNI LOY in due spettacoli: “Dolce o amaro?” (rielaborazione teatrale del film “Cafè express”) e “L'osso sacro”. E' autore ed interprete insieme a Tiziana Schiavarelli, di diverse sit-com di successo prodotte e trasmesse dall'emittente pugliese Telenorba che l'hanno reso molto popolare nelle regioni dell'Italia meridionale. Attore comico, ha fatto molta scuola nei cabaret di tutta Italia. Ha interpretato alcuni ruoli drammatici come nel film “LACAPAGIRA” (premio Davide di Donatello come opera prima) di Alessandro Piva.. CINEMA 1. “LACAPAGIRA” di Alessandro Piva 2. “SCUGNIZZI” regia di Nanni Loy 3. “FRATELLI COLTELLI” regia di Maurizio Ponzi 4. “IL GALLO CEDRONE” regia di Carlo Verdone 5. “BELL'EPOKÈR” regia di Nico Cirasola 6. “IL TRAMITE” regia di Stefano Reali 7. “SOLINO” regia di Faith Akin 8. “SENZA FILTRO” regia di Domenico Raimondi 9. “LA SECONDA NOTTE DI NOZZE” regia di Pupi Avati 10. “A HERO… IN ROME” regia di Panos Angellopoulos 11. “SALI E TABACCHI” (cortometraggio) di Fabio di Credico e Tommy Di Bari 12. “FOCACCIA BLUES” di Nico Cirasola 13. “LO SCEICCO DI CASTELLANETA” regia Giuseppe Sansonna 14. “SENZA NE' ARTE NE' PARTE” con Vincenzo Salemme regia Giovanni Veronesi 15. “IL PEZZO DI CARTA” (cortometraggio) di Lorenzo Sportiello 16. “DIREZIONE OBBLIGATORIA” (cortometraggio) di Mimmo Mancini TELEVISIONE 1. “IL FESTIVAL DI SANROMOLO” (coautore e interprete) regia Francesco Monteleone prodotto da Telebari 2. “AIMAMM” (coautore e interprete) regia Francesco Monteleone prodotto da Telebari 3. “IL FESTIVAL DI SANROMOLO 2° SERIE” (coautore e interprete) regia Milena Triggiani prodotto da Antenna Sud 4. “ALDILA' ” (coautore e interprete) regia Donatella Bianco prodotto da Telenorba 5. “CATENE” (coautore e interprete) regia Donatella Bianco prodotto da Telenorba 6. “LA SQUADRA” registi vari RAI 1 7. “IL GIUDICE MASTRANGELO” con Diego Abatantuono, regia di Enrico Oldoini, CANALE 5 8. “IL COMMISSARIO ZAGARIA” con Lino Banfi, regia di Antonello Grimaldi RADIO Per la RAI radiofonica è stato autore ed interprete di: 1. “NON TUTTO MA UNO DI TUTTO” (coautore e interprete) 2. “E' PERMESSO?” (coautore e interprete) 3. “RADIO SQUINZAGLIANELLO INTERPLANETAR”(interprete) uno showreel di Dante Marmone si può visionare su www.myspace.com/dantemarmone
  • 35. 34 ameluk FrancescaGiaccaricurricula Giaccari Maria Francesca Nata a San Pietro Vernotico (Br) il 02/02/1984 - 2012 nel marzo esce il suo secondo singolo “il segreto di Maurilla” visibile su youtube all'indirizzo : http://www.youtube.com/watch?v=qmTwpXFQsps - 2012 nel febbraio ha tenuto una rubrica critica su sanremo2012 su AFFARIITALIANI.IT riconfermandosi tra le rubriche piu' lette del giornale. - 2012 nel gennaio ha partecipato come ospite alla finale del FESTIVAL PUB Italia organizzato dall'AFI (associazione discografici italiani), presentando il nuovo singolo “TRIS EX.” - 2012 nel gennaio AFFARIITALIANI.IT (il giornale web piu' letto d'Italia, con 200 milioni di visualizzazioni nel dicembre 2011), le dedica uno spazio in prima pagina come opinionista critica “trisex”,così definità dal direttore del giornale Angelo Maria Perrino, per sottolineare il contributo “diverso, ironico e critico” di Miss Maria, nome d'arte di Francesca Giaccari. - 2012 Incide a Barcellona il primo singolo dal titolo “tris ex”, co-prodotto con la partecipazione di AUDIOFLY produttori di fama internazionale.,estratto dal progetto “Miss Maria “con il quale è finalista a Sanremo Social tra più di 1800 partecipanti visibile all'indirizzo : http://www.youtube.com/watch?v=qRSfUR0jBAU - 2012 lavora al progetto comunicativo – sociale “Miss Maria” ; progetto che abbraccia diverse sfere della comunicazione, un messaggio di protesta e denuncia sociale che utilizza la musica come mezzo per arrivare indistintamente a chiunque. - 2011 nel settembre ha il suo primo concerto insieme alla sua band “i malaffare” a Milano, con la partecipazione di Gatto Panceri ( autore di VIVO PER LEI, successo mondiale cantato da ANDREA BOCELLI)e Rosario Miraggio. - 2011 primo concerto a Lecce insieme alla sua band “i malaffare” promosso dal Sindaco Paolo Perrone, il 25 agosto in occasione della festa patronale, contando più di 10 mila persone. - 2011 nel giugno partecipa come ospite a “fashion for children” a Brescia, insieme a Gatto Panceri, iniziativa promossa dal comune per i bambini orfani. - 2011 da giugno a settembre promuove il suo primo disco “IO GRIDO” nei piu' importanti festival e Radio d'Italia tramite SONY MUSIC : festival SHOW, COMPANY CONTATTO, BATTITI LIVE, CICCIO RICCIO in tour, RADIO STOP FESTIVAL, RADIO KISS KISS, RADIO 105 e tanti altri. - 2011 madrina dell'expomotors a Lecce. - 2011 promuove il suo primo disco “IO GRIDO” nelle trasmissioni televisive quali : pomeriggio 5 con Barbara d'Urso; domenica 5 con Federica Panicucci; Verissimo con Silvia Toffanin. - 2011 incide il primo disco prodotto da Sony Music “io Grido”, oggi in tutte le Radio d'Italia. - 2011 Concorrente Grande fratello 11. - 2010 Cantante di una rock band; stage privati di composizione poetica/musicale; stage di canto. - 2010 docente in qualità di “esperta” presso istituto per i servizi sociali e turistici Galatina e Lecce. - 2008 Guida turistica c/o Pro loco di Matino (Lecce) - 2007/08 Attività di assistenza ai minori progetto PON c/o IISS Galatina (Lecce) - 2007/08 Direzione artistica de “PICADOR” discoteca salentina sita in un parco naturale difronte al mare, tra le più rinomate della movida notturna. - 2007/08 Attività di volontariato nel settore sociale e turistico - 2009 Laurea specialistica in Relazioni Internazionali Università di Roma 3 voto 102/110 - 2006 Laurea Triennale in Scienze Politiche c/o Università di Roma 3 voto 98/110 - 2002 Diploma di Maturità Scientifica – Liceo scientifico “Vallone” di Galatina (Lecce) - 2005 Patente Europea c/o IISS “De Pace” - Lecce Certificato Trinity c/o Trinity College London Patron HRH the duke of Kent
  • 36. 35 ameluk AndreaLeonetticurricula ANDREA GIUSEPPE LEONETTI Nato a Bari. il 18/06/1992. FORMAZIONE Diploma di Maturità presso il Liceo Classico Quinto Orazio Flacco di Bari. Argomento tesi: “La Dolce Vita”. Punteggio: 74/100 ESPERIENZE DI LAVORO Settembre 2010: Scritto e diretto “Come maschere” un cortometraggio presentato al “Levante International Film Festival”. Novembre 2010: stage “L'arte d'inscenare” diretto da Sergio Rubini Dicembre 2010: Scritto e diretto “La vita è bella anche senza trucco!” cortometraggio presentato in numerose scuole baresi. Giugno 2011: Scritto e diretto “Portami con te” cortometraggio prodotto da “Oz film” in concorso al “G.a.l.p.” di Padova. Settembre 2011: Assistente alla regia per lo spot prodotto da “Oz film” con “Libera” L'associazione contro le mafie. Ottobre 2011: Ha partecipato allo stage de “La bottega dell'attore” diretto da Sergio Rubini. Febbraio 2012: In concorso ai “David di Donatello” con “Portami con te” Marzo 2012: Assistente alla regia per il videoclip “My friend” di Ivan Iusco. Marzo/ Aprile 2012: Regia Backstage del film “L'amore è imperfetto” diretto da Francesca Muci, prodotto da “R e C (Romoli e Corsi)” Aprile 2012 : Aiuto regia pubblicità progresso sull'affido temporaneo, regia Francesco Lopez, attore Michele Venitucci. Maggio/Giugno 2012: Regia Backstage del film “Controra” diretto da Rossella De Venuto, prodotto da “Interlinea cinema” Giugno 2012: Assistente di Riccardo Milani durante i casting della fiction “Domenico Modugno” da lui stesso diretta, prodotta da “Rai Cinema” Luglio 2012: Sceneggiatore e Regista del cortometraggio “Mi ricordi il mare” Agosto 2012: Membro della Giuria “Qualificazioni Miss Mondo” a Molfetta. Settembre 2012: Regista del video ufficiale de “Trophy Barion Sportfishing” Novembre/ Marzo 2012/13: Regista dei video nazionali di “BNL” girati a : Torino, Palermo, Venezia e Roma. Marzo 2013 : Regista del video del Fondo Ambiente Italiano “XXVI giornata di primavera”
  • 37. 36 ameluk RosannaBanficurricula Nata a Canosa di Puglia, ma cresciuta a Roma, dove ha frequentato varie scuole e accademie teatrali. Cinema • Grandi magazzini, regia di Castellano e Pipolo (1986) • Bellifreschi, regia di Enrico Oldoini (1987) • La trasgressione, regia di Fabrizio Rampelli (1988) • Saint Tropez - Saint Tropez, regia di Castellano e Pipolo (1992) • Oltre la quarta dimensione, regia di Emiliano De Meo (1996) Televisione • Il vigile urbano, regia di Castellano e Pipolo - Serie televisiva (1989) • Un inviato molto speciale, regia di Vittorio De Sisti - Miniserie televisiva (1991) • Un medico in famiglia, registi vari - 1-6 / 8 - Serie televisiva (1998-2013) - Ruolo: Dorotea (Tea) Vezzali • Angelo il custode, regia di Gianfranco Lazotti - Miniserie televisiva (2001) • Compagni di scuola, regia di Tiziana Aristarco e Claudio Norza - Serie televisiva (2001) Ruolo: Margherita Andreoli • Lo zio d'America, regia di Rossella Izzo - Miniserie televisiva (2002) - Ruolo: Mercedes • Raccontami una storia, regia di Riccardo Donna - Miniserie televisiva (2004) - Ruolo: Valeria • Capri, regia di Francesca Marra e Enrico Oldoini - Serie televisiva (2006) - Ruolo: Amalia • Lo zio d'America 2, regia di Rossella Izzo - Miniserie televisiva (2006) - Ruolo: Mercedes • Il padre delle spose, regia di Lodovico Gasparini - Film televisivo (2006) - Ruolo: Aurora • Capri 2, regia di Andrea Barzini e Giorgio Molteni - Serie televisiva (2008) - Ruolo: Amalia • Distretto di Polizia 8, regia di Alessandro Capone e Matteo Mandelli - Serie televisiva Episodio: Abuso di potere (2008) - Ruolo: Ludovica Barbieri • Capri 3, regia di Dario Acocella e Francesca Marra - Serie televisiva (2010) - Ruolo: Amalia • Il commissario Zagaria, (2011) - Ruolo: Il magistrato
  • 38. 37 ameluk TizianaSchiavarellicurricula Tiziana Schiavarelli nata a Bari il 2 agosto 1960, residente a Bari Tel 3381744849 agenzia di riferimento: Studio Giannelli di Fiorella Giannelli – info@fiorellagiannelli.it tel 3356878096/ 065895204 CURRICULUM Tiziana Schiavarelli ha iniziato la sua carriera d'attrice nella seconda metà degli anni settanta, all'età di quindici anni, debuttando in teatro con la Compagnia “Anonima G.R.”, dalla quale, pur avendo avuto percorsi personali nel cinema e nella televisione, non si è mai allontanata. In circa 35 produzioni teatrali con l'Anonima G.R., di cui è anche co-autrice di molti testi, ha dato vita a diverse caratterizzazioni comiche su personaggi femminili, spesso con una forte connotazione barese. È stata diretta dal regista Nanni Loy in due spettacoli teatrali: “Dolce o amaro?” tratto dal film “Cafè express” e “L'Osso Sacro”. Con Dante Marmone, Tiziana Schiavarelli ha condiviso il lungo percorso teatrale, nonché l'esperienza televisiva che li ha visti più recentemente impegnati nella realizzazione (autori e protagonisti) della sitcom “Catene” sull'emittente pugliese Telenorba, (Aldo Grasso in un articolo apparso nel 2006 su “SETTE” (magazine del Corriere della Sera) l'ha recensita come tra le più interessanti fiction italiane. Molto impegnata anche musicalmente, è interprete di diverse canzoni composte da Dante Marmone ed è autrice di alcune canzoni comiche. Dal suo libro autobiografico “Io, la seconda figlia” ne ha tratto un monologo che ha portato in scena con successo in diversi teatri italiani. CINEMA 1.“FRATELLI COLTELLI” di Maurizio Ponzi 2.“LACAPAGIRA” di Alessandro Piva 3.“IL GRANDE BOTTO” di Leone Pompucci 4.“E ADESSO SESSO” di Carlo Vanzina 5.“SOTTO GLI OCCHI DI TUTTI” di Nello Correale 6.“LA CASA DELLE DONNE” di Mimmo Mongelli 7.“BELL'EPOKER” di Nico Cirasola 8. “A HERO… IN ROME” di Panos Angellopoulos 9. “2061 UN ANNO ECCEZIONALE” di Carlo Vanzina 10. “FOCACCIA BLUES” di Nico Cirasola 11. “BUONA GIORNATA” di Carlo Vanzina CORTOMETRAGGI 1. “COMPITO IN CLASSE” di Daniele Cascella 2. “SALI E TABACCHI” di Fabio Di Credico e Tommy Di Bari 3. “IL PEZZO DI CARTA” di Lorenzo Sportiello TELEVISIONE 1. “IL FESTIVAL DI SANROMOLO” (coautrice e interprete) regia Francesco Monteleone prodotto da Telebari 2. “AIMAMM” (coautrice e interprete) regia Francesco Monteleone prodotto da Telebari 3. “ZERO A ZERO” (interprete) regia Riccardo Recchia Rai 3 4. “IL FESTIVAL DI SANROMOLO 2° SERIE” (coautrice e interprete) regia Milena Triggiani prodotto da Antenna Sud 5. “ALDILA' ” (coautrice e interprete) regia Donatella Bianco prodotto da Telenorba 6. “CATENE” (coautrice e interprete, oggi alla 6° serie) regia Donatella Bianco prodotto da Telenorba 7. “IL GIUDICE MASTRANGELO” con Diego Abatantuono, regia di Enrico Oldoini, CANALE 5 8. “IL PADRE DELLE SPOSE” con Lino Banfi, regia Lodovico Gasparini, RAI 1 9. “HO SPOSATO UNO SBIRRO” con Flavio Insinna, regia Carmine Elia RAI 1 10. “IL COMMISSARIO ZAGARIA” con Lino Banfi, regia Antonello Grimaldi RADIO 1. “E' PERMESSO?” (coautrice e interprete) RAI 2. “LA CARAVELLA” (interprete) RAI 3. “RADIO SQUINZAGLIANELLO INTERPLANETAR” (autrice e interprete) RAI
  • 39. 38 ameluk MiloudMourad Benamaracurricula Miloud Mourad BENAMARA Orano (Algeria) 28/10/1977 FORMAZIONE PROFESSIONALE: - 2002 attestato d'arte drammatica - scuola di teatro TTO ORANO - ALGERIA - 1996 attestato di arte drammatica - “THEATRE DU POINT” ORANO -ALGERIA - 1995 stage per marionettisti presso televisione nazionale - ALGERIA - 1994 corso di recitazione, dizione, canto e danza c/o la scuola ACVO ORAN ALGERIA, diretta da A.HAKEM TEATRO 2001 2000-1999 1998 1997-1998 1996 1995 1994 REGIA IL CONIGLIETTO E LA VOLPE (per bambini) NINO E PONPOUNA (per bambini) LA STELLA DI NOVEMBRE (per adulti) LE AVVENTURE DI NINO E BARKOUKA (per bambini) LA PORTA (per adulti) LO SPETTACOLO (per bambini) LA FAMIGLIA DI MOUSSA E LA TRISTEZZA (per adulti) H. BELMOULAY A. HAKEM A. MOULFERA A. HAKEM M. MIHOUBI M. MIHOUBI A. HAKEM CINEMA | TELEVISIONE 2013 2012 IL TREDICESIMO APOSTOLO 2 IL PRIGIONIERO (SHORT) BENVENUTI A TAVOLA 2 F.PEDUZZI F.PELLEGRINO SPOT VODAFONE OUTING FIDANZATI PER SBAGLIO M.VICCINO BENVENUTI A TAVOLA F. MICCICHE’ H’DIDOUANE -VIDEO CLIP CANAL ALGERIE (CLOWN) IL VIAGGIO DELL’ESTATE (MARIONETTISTA) M. HOUIDEK 2011 1997 1995/96 1997/2002 HAMIDI animatore per bambini nel CHUO (ospedale)-reparto pediatria – ORAN
  • 40. 39 ameluk NadiaKiboutcurricula FORMAZIONE Diploma presso l'Accademia Cours Florent di Parigi “Laboratorio dell'attore” con Raul Manso Work Shop semestrale intensivo con Greta Seacat Seminario sulla voce con Ambra D'Amico Seminario su “Arte e Racconto” con Roberto Anglisani Seminario intensivo “Sul Corpo, la sensorialità e le emozioni” con Riccardo Magherini Stage intensivo di Recitazione con Dominique de Fazio Corso di Coreografia Scuola Arcobaleno Danza di Milano Stage intensivo con la Compagnia MOMIX di Moses Pendleton Stage presso la Scuola Internazionale di Danza con Rossella Hightower New York American Theatre Ballet & Steps School Corso di Canto con il M°Michele Fischietti CINEMA 2010 THE RITE 2007 PER SOFIA 2007 LES PREDATEURS 2006 IL NOSTRO MESSIA 2005 LA LEGGENDA DI ELEONORA D'ARBOREA 2005 IL MERCANTE DI STOFFE REGIA M. Hafstrom I.Paganelli L. Belvaux C.Serughetti C.Salizzato A.Baiocco TELEVISIONE 2008 INTELLIGENCE 2007 I LICEALI 2005 LA SQUADRA 2005 LA MOGLIE CINESE 2001 VENTO DI PONENTE A.Sweet L.Pellegrino I.Pesce Delfino A.Grimaldi G.Lepre CORTOMETRAGGI 2008 APNEA 2008 TI ASPETTO FUORI 2007AMAL 2006 FILO DI SETA 2002 EXPLOSION REGIA G.Meola A.D'agata F.Falaschi P Fondato . D.Bongomavongo TEATRO 2008 IL DUBBIO di J.P Shanley . 2002 LES CO-EPOUSES Monologo di F. Gallaire 2002 TRATTOIR CHAGRIN testo di L. St Eloy 2000 SI, NOI SIAM LE SIGNORINE REGIA S. Castellitto SKILLS Suona il pianoforte e il flauto M. Ciavardi
  • 41. 40 ameluk HedyKrissanecurricula CINEMA REGIA 2014: 2014: 2013 : 2013 : SECONDA PRIMAVERA AMELUK TUTTI CONTRO TUTTI ITALIAN MOVIES 2011 : 2009: 2004: 2001: 1997: 1997 : TI AMO TROPPO PER DIRTELO LA COSA GIUSTA A/R ANDATA + RITORNO TRE PUNTO SEI SIMPATICI & ANTIPATICI TRE UOMINI E UNA GAMBA Francesco Calogero Mimmo Mancini Rolando Ravello Matteo Pellegrini Marco Ponti Marco Campogiani Marco Ponti Nicola Rondolino Christian De Sica A .G. G e Massimo Venier TELEVISIONE 2014: 2010: 2009: 2008: 2007 : 2005 : 2002 : 2002 : 2001 : 2000 : 2000 : 1999 : 1997 : 1997 : FUORI CLASSE 2 ROSSELLA CRIMINI 2 IL BENE E IL MALE RIS 4 “la strage” L’UOMO SBAGLIATO SOSPETTI 2 CUORI RUBATI VALERIA MEDICO LEGALE CAMICI BIANCHI LA PIOVRA 10 SOSPETTI L’APPARTAMENTO L’ALBERO DEI DESTINI SOSPESI Riccardo Donna Gianni Lepre Stefano Sollima Giorgio Serafino Fabio Tagliavia Stefano Reale Gianni Lepre Stefano Amatucci Elvio Porta Stefano Amatucci Luigi Perelli Luigi Perelli Francesca Pirani Rachid Benhaj CORTOMETRAGGI 2009 : 2007 : 2005 : 2005 : 2003 : 2003 : ALI DI CERA IL LAVORO JAMAL COLPEVOLE FINO A PROVA CONTRARIA LEBESS K APPAO’ Hedy Krissane Lorenzo De Nicola Luisella Ratiglia Hedy Krissane Hedy Krissane Michele Rovini
  • 42. 41 ameluk PascalZullinocurricula Nato a Matera il 26 agosto 1964 residente ad Anguillara Sabazia - Roma FORMAZIONE Corso di formazione teatrale Accademia di recitazione “La Scaletta” Mimo e improvvisazione scenica Il verso medievale TEATRO “L'isola dei pazzi” “Federico II” “Diario di un pazzo” “Lo strano mondo di Alex” “Io torno al sud” - Francesco Cenzi - Pierfederici e Diotaiuti - Lindsay Kemp - Giorgio Albertazzi regia di “ “ “ “ L. Salveti G. Albertazzi P Zullino . P Zullino . F. Cenzi CINEMA “Oltre il vento” “Leone nel basilico” “Isole” “Maternity blues” “Un giorno nella vita” “Fifty fifty” “Tutto torna” “Il Rabdomante” “Quelle piccole cose” “A.A.A. Achille” “Il pilota automatico “Benzina” “Incantesimo napoletano” “Nessun messaggio in segreteria” “Oltre il confine” CORTOMETRAGGI “ Au pair “ “Arturo” “Il gobbo” Cupido” “Priscilla, Cabiria e le altre” “ “ “ “ “ “ “ “ “ “ “ “ “ “ “ regia di “ “ “ “ M. Simon Puccioni L. Pompucci S. Chiantini F. Cattani G. Papasso G. La monica E. Pitzianti F. Cattani F. Cattani G. Albanese G. Picciotto M.. Stambrini Minieri e Genovese Minieri e Genovese R. Colla G. La monica P Zullino . E. Pitzianti A. Leone Celestini TELEVISIONE “Un caso dfi coscienza 5” ( RAI 1) “Il prefetto di ferro” ( RAI 1 ) “ IL generale dei Briganti” ( RAI 1 ) “ Tutta la musica del cuore” ( RAI1) “ Ultimo . l'occhio del falco” ( C. 5 ) “Il signore della truffa” ( rai1 ) “Una musica silenziosa” ( rai1 ) “Neve sporca- Crimini 2 ( rai 2 ) “La squadra” (RAI 3) “RIS 5 (CANALE 5) “Odissea 2000” (RAI 2) “Sorry” (BBC) “Falchi e falconieri” (RAI 1) “ “ “ “ “ “ “ “ “ “ “ “ “ L. Perelli G. Lepre P Poeti . A. Lo gudice M. Soavi L. Prieto A. Logiudice D. Marengo Vari F. Travaglio G. Boncopagni S. Fieldman G. Albertazzi
  • 43. 42 ameluk PascalZullinosegue PREMI 32 premi come miglior attore e miglior film per il cortometraggio “ Arturo “ 1999 festival del corto di Castrocaro 1999 festival internazionale del cinema di Siena 1999 festival del cinema di san Giovanni Valdarno 1999 festival del cinema di Bolzano 2007 premio come miglior attore protagonista al “ TEMECULA INTERNATIONAL FILM FESTIVAL “ di San Diego – California per il film “ IL RABDOMANTE “ 2007 miglior attore protagonista al CLOROFILLA FILM FESTIVAL per il film “ILRABDOMANTE “ 2007 Premio come miglior attore protagonista al “ FESTIVAL DEL CINEMA DI FIRENZE “ PER IL FILM “ IL RABDOMANTE “ CONTATTI Close Up S.a.s. - Via Cola di Rienzo n.111 - 00192 Roma Telefono: 06.32.11.633 / 995 / 590 Fax: 06.32.11.791 CLAUDIO VALENTI - Agente email: c.valenti@closeupactors.it FEDERICA INNOCENTI - Resp.le Settore pubblicità email: f.innocenti@closeupactors.it Pascal Zullino http://www.myspace.com/pascalzullino http://www.facebook.com/pascal.zullino
  • 44. 43 ameluk PaoloSassanellicurricula Si è aggiunto al ricco cast di uno dei telefilm più di successo degli Anni '80/'90, facendo quasi apparire divertente la leva obbligatoria nell'esercito italiano (… ho detto "quasi divertente", eh). Classe di ferro, questo il nome del tanto fortunato telefilm, gli ha portato una notorietà e una fortuna immensa, certo un po' nell'ombra e divisa fra teatro, piccolo e grande schermo. 

In principio era il teatro
Principalmente attore teatrale, dopo essere stato diretto da registi eccellenti come Vito Signorile, Nino Manfredi, Pierpaolo Sepe e Marcello Cotugno in opere che vanno da Goldoni a Calvino, da Shakespeare a Garcia Lorca, appare in televisione nel film tv Don Chisciotte (1983) di Maurizio Scaparro con Marina Confalone, Isa Gallinelli e Peppe Barra, ma soprattutto nel telefilm Classe di ferro (1989) di Bruno Corbucci, con Giampiero Ingrassia, Rocco Papaleo, Luca Venantini e Adriano Pappalardo, nel ruolo del soldato Gabriele Serra, cameriere del ristorante Santa Lucia di Bari che è chiamato al servizio militare obbligatorio. Un ruolo che gli ha portato molta fortuna nel mondo dello spettacolo televisivo, infatti, dopo essere stato diretto più volte da Leandro Castellani, recita nelle fiction …Se non avessi l'amore (1991), con Antonio Sabato Jr., Ottavia Piccolo, Delia Boccardo, Franco Interlenghi e Leopoldo Trieste, e I padri della Patria (1991).

Finalmente il cinema
Il suo film d'esordio cinematografico è invece legato al regista (e amico) Gianni Zanasi che lo dirige in Nella mischia (1994): primo di una lunga serie di pellicole che l'attore farà con l'autore. Dopo Colpo di luna (1995), allaccia un forte sodalizio artistico anche con il regista Matteo Garrone che lo imporrà nel cast di molte sue opere. Dopo la commedia Matrimoni (1998) con Stefania Sandrelli, recita il ruolo del medico omosessuale Oscar, nella serie tv Un medico in famiglia (1998). Poi è diretto da Alessandro Piva in uno dei film più belli della sua carriera cinematografica: Lacapagira (1999) con Dino Abbrescia.
Not registered (1999), La vespa e la regina (1999) e Sono positivo (1999) sono alcuni dei titoli presenti nel suo curriculum già abbastanza florido, per non parlare della partecipazione a telefilm come Tequila & Bonetti. Con l'arrivo del Duemila, Sassanelli si impone in drammi e commedie tutte italiane, grazie a Il fratello minore (2000), Tandem (2000), Fate come noi (2001), Senza filtro (2001) e L'ultima lezione (2001).
Protagonista della serie tv Compagni di scuola (2001), del film tv Padri (2002) e della fiction Una famiglia per caso (2003), torna sul grande schermo con Sotto gli occhi di tutti (2002), Cronaca rosa (2003), La vita che vorrei (2004), Uomini e zanzare (2005) ed E se domani… (2005). Inoltre, dopo la partecipazione a qualche episodio di Nebbie e delitti (2005), recita ne Ma che ci faccio qui! (2006), il bellissimo Rosso come il cielo (2006), Last Minute Marocco (2007) e Giorni e nuvole (2007) di Silvio Soldini. Quindi si accodano le miniserie Codice Rosso (2006) e Raccontami (2006), piccoli successi della televisione nostrana. Continua sul grande schermo con Giulia non esce la sera e La casa sulle nuvole (2008), e nel 2009 è protagonsita de La strategia degli affetti, ma il film ha scarso successo. Sotto la direzione di Lucio Pellegrini lo troviamo in Figli delle stelle (2010) e nel 2011 in Questo mondo è per te.

La stoffa dell'attore
C'è poco da fare e da dire: quando un attore ha stoffa, la si vede. Il volto apparentemente anonimo di Paolo Sassanelli è un'ottima maschera teatrale, che ben si presta anche a opere per il piccolo schermo. Quanti studenti ancora al liceo nel 2001 e spettatori del suo telefilm hanno sognato di avere un professore di Scienze come lui? Il suo Giovanni Salina, forse perché insegnante di alcune delle più attuali stelle dello Star System italiano (Riccardo Scamarcio, Laura Chiatti, Cristiana Capotondi e Brando De Sica), risulta essere uno dei professori più amati dell'odiata scatolina nera.
  • 45. 44 ameluk MicheleDe Virgiliocurricula CINEMA NON ME LO DIRE (Paolo) regia di Vito Cea RUGGINE regia di Daniele Gaglianone SI PUO’ FARE (Nicky) regia di Giulio Manfredonia MIRACOLO A SANT’ANNA (Paolo) regia di Spike Lee LA CANARINA ASSASSINATA(Ruggero) regia di Daniele Cascella 4-4-2 (Maraschi) regia di Roan Johnson LE BANDE (Franco il tennista) regia di Lucio Giordano FORTEZZA BASTIANI (Ugo) regia di M. Mellara A. Rossi LIBERATE I PESCI (Intelligente) regia di Cristina Comencini ALTRI UOMINI NOI regia di Claudio Bonivento IL VIAGGIO DELLA SPOSA regia di Sergio Rubini L’UOMO D’ACQUA DOLCE regia di Antonio Albanese AL CENTRO DELL’AREA DI RIGORE regia di B. Garbuglia I. Orano IL VIZIO DI VIVERE regia di Dino Risi TELEVISIONE DON MATTEO 8 (Antonio Belvedere) regia di Giulio Base IL RESTAURATORE regia di Salvatore Basile TUTTI I PADRI DI MARIA (Fausto) regia di Luca Manfredi MUSICA SILENZIOSA regia di Ambrogio Lo Giudice CRIMINI II (protagonista di puntata) regia di Claudio Bonivento IL COMMISSARIO REX II (protagonista di puntata) regia di Marco Serafini IL COMMISSARIO REX (protagonista di puntata) regia di Marco Serafini LA STAGIONE DEI DELITTI II regia di Donatella Maiorca CARABINIERI 5 (protagonista di puntata) regia di Sergio Martino RIS (protagonista di puntata) regia di Alexis Sweet ULTIMO RIGORE II regia di Sergio Martino ELISA DI RIVOMBROSA II regia di Cinzia Th Torrini COMMISSARIO SONERI (protagonista di puntata) regia di Riccardo Donna ULTIMO III regia di Michele Soavi TUTTI I SOGNI DEL MONDO regia di Paolo Poeti LOVE AND WAR IN THE APPENINES regia di John Kent Harrison L’IMPERO regia di Lamberto Bava NEBBIA IN VAL PADANA (protagonista di serie) regia di Felice Farina IL MISTERO DEL CORTILE (protagonista di puntata) regia di Paolo Poeti SCOMPARSI (protagonista di puntata) regia di Claudio Bonivento SOTTO LA LUNA (coprotagonista con C. Gerini) regia di Franco Bernini AVVOCATI regia di G. Ferrara MAMMA PER CASO (protagonista di puntata) regia di Sergio Martino IL MARESCIALLO ROCCA (protagonista di puntata) regia di Ludovico Gasparini
  • 46. 45 ameluk MicheleDe Virgiliosegue CORTOMETRAGGI LA DECIMA ONDA regia di Francesco Colangelo BBOBBOLONE (protagonista) regia di D. Cascella BANG (protagonista) regia di M. Massaccesi PLAYBOY POST-ATOMICO (protagonista) regia di M. Massaccesi FATE I BRAVI RAGAZZI regia di A. Papini A-MO-TO regia di M. De Virgilio N. Scorza APPUNTAMENTO AL BUIO regia di M. De Virgilio N. Scorza PAUSA regia di M. De Virgilio N. Scorza UN E UN ALTRO regia di M. De Virgilio N. Scorza URBAN BUS (La fermata) regia di M. De Virgilio N. Scorza IL DELTA DEL PO regia di M. Bifano TEATRO TONINO A TESTA IN GIU' (protagonista) regia di Marie-Pascale Osterrieth RICCARDO II regia di G. Lavia FUORI I BORBONI (protagonista) regia di A. Giupponi L’ASINO BALLERINO (protagonista) regia di A. Messeri I CONFESSORI (coprotagonista) regia di F. Capitano EGMONT regia di N. La Dogana DESERT EAGLE (protagonista) regia di F. Albanese UN TRAM CHE SI CHIAMA DESIDERIO (con M. Melato) regia di E. De Capitani NATHAN IL SAGGIO (con Eros Pagni) regia di G. De Monticelli CYRANO DE BERGERAC (con F. Branciaroli) regia di Marco Sciaccaluga LA FARINELLA regia di E. Bonavera LA FANTESCA regia di A. Messeri QUANDO LA PORTA NON E’ UNA PORTA regia di A. Messeri I DUE NOBILI CUGINI regia di A. Messeri LLORABA COMO UN NINO regia di G. Ferraiola RISVEGLIO DI PRIMAVERA regia di G. Ferraiola PREMI Ciak d’oro 2009 miglior cast per il film Si puo' fare Menzione speciale miglior cast al festival del cinema di Roma per il film Si puo' fare Premio come Migliore Attore al Festival Internazionale La Cittadella di Trevignano Premio come Migliore Attore al Festival Vedo Corto di Conversano
  • 47. 46 ameluk RobertoNobilecurricula TEATRO 2013 2012 2011 2008 1994 1993 1985 1984 1982 1981 1980 regia di: “LA VITA NON SI SA MAI” (Augusto Fornari) “TERAPIA TERAPIA” (Augusto Fornari) “ANDATA E RICORDO” (Roberto Nobile) “L'OROLOGIO DI ALDO” (Riccardo Mosca) “LA TEMPESTA" (Andree Ruth Shamma) "SOTTOBANCO" (Daniele Lucchetti) "CHE CI STA A FARE QUI UNA PORTA" (Mario Jorio) “TENEO TE AFRICA” (monologo) (Roberto Nobile) “IL TESTAMENTO DEL CAPITANO”(E.Bonavera; R.Nobile) "BORGES" (monologo) (L.Dini) “LA STRANA SERA DEL DOTT. BURKE” (Comuna Baires) CINEMA: 2012 “TERRA MATTA” (Costanza Quatriglio) 2012 “SONO UN PIRATA, SONO UN SIGNORE” (Edoardo Tartaglia) 2011 “REGALO A SORPRESA” (Fabrizio Casini) 2010 “HABEMUS PAPAM” (Nanni Moretti) 2009 “NINE” (Robert Marshall) 2008 “CAOS CALMO” (Antonello Grimaldi) 2007 “UN ATTIMO SOSPESI” (Peter Marcias) 2007 “VIAGGIO IN ITALIA” (Genovese e Miniero) 2005 "TICKETS" (K. Loach, E. Olmi,A. Kiarostami) 2004 "UNDER THE TUSCAN SUN" (Audrey Wells) 2004 "LOVE & WAR IN THE APPENNINES" (John Anderson) 2001 "LUCE DEI MIEI OCCHI" (Giuseppe Piccioni) 2001 "LA STANZA DEL FIGLIO" (Nanni Moretti) 2001 “GIRAVOLTE” (Carola Spadoni) 2000 "IL RUMORE DI UN TRENO" (Fabrizio Costa) 2000 "IL MANOSCRITTO DEL PRINCIPE" (Roberto Andò) 2000 “PRIME LUCI DELL'ALBA” (Lucio Gaudino) 2000 “IL GRANDE BOTTO” (Leone Pompucci) 1999 “LUPO MANNARO” (Antonio Tibaldi) 1998 "DONNA DEL NORD" (Franz Weisz) 1998 "TU RIDI" (Paolo e Vittorio Taviani) 1998 “IL PIU' LUNGO GIORNO” (Roberto Riviello) 1997 "S.STEFANO" (Angelo Pasquini) 1996 "LA MIA GENERAZIONE" (Wilma Labate) 1995 "VESNA VA VELOCE” (Carlo Mazzacurati) 1995 "LA SCUOLA" (Daniele Luchetti) 1994 "PRESTAZIONE STRAORDINARIA" (Sergio Rubini) 1994 "IL GIUDICE RAGAZZINO" (Alessandro di Robilant) 1993 "CARO DIARIO" (Nanni Moretti) 1993 "FALCONE" (Giuseppe Ferrara) 1992 “LE AMICHE DEL CUORE” (Michele Placido) 1992 "UN'ALTRA VITA" (Carlo Mazzacurati) 1991 "LA SETTIMANA DELLA SFINGE" (Daniele Luchetti) 1990 "STANNO TUTTI BENE" (Giuseppe Tornatore) 1989 "PORTE APERTE" (Gianni Amelio) 1989 "IL CASTELLO CON 40 CANI" (Duccio Tessari) 1989 "STORIA DI RAGAZZE E DI RAGAZZI" (Pupi Avati) 1988 “ULTIMO MINUTO” (Pupi Avati) 1986 “UNA DOMENICA SI” (Cesare Bastelli) 1985 "FESTA DI LAUREA" (Pupi Avati)
  • 48. 47 ameluk RobertoNobilesegue TELEVISIONE: 2013 2012 2012 2011 2011 2011 2010 2010 2008 2008 2008 2008 2007 2007 2006 2006 2006 2005 2005 2004 2004 2004 2003 2003 2002 2001 2001 2000 2000 1999 1999 1999 1998 1998 1998 1998 1997 1997 1997 1997 1997 1996 “IL COMMISS. MONTALBANO7” “UNA GRANDE FAMIGLIA” “I BORGIA 2” “DOV'E' MIA FIGLIA?” “BENTORNATO NERO WOLFE” “AMANDA KNOX” “IL COMMISS. MONTALBANO 6” “ZEN – VENDETTA” "I DELITTI DEL CUOCO" "IL COMMISS. MONTALBANO 5" "DISTRETTO DI POLIZIA 8" "ANNA" “CHIARA E FRANCESCO” "DISTRETTO DI POLIZIA 7" "DISTRETTO DI POLIZIA 6" "LA PROVINCIALE" "TESTIMONE INCONSAPEVOLE" "IL COMMISS.MONTALBANO 4" "DISTRETTO DI POLIZIA 5" "CUORE CONTRO CUORE" "RACCONTAMI UNA STORIA" "LUISA SANFELICE" "CASA FAMIGLIA 2" "DISTRETTO DI POLIZIA 4" "DISTRETTO DI POLIZIA 3" "DISTRETTO DI POLIZIA 2" "STUDENTI" "DISTRETTO DI POLIZIA 1” "IL COMMISS. MONTALBANO 3" "DON MATTEO" "ULTIMO II" "CIAO PROFESSORE" "IL COMMISS. MONTALBANO 2" " IL MISTERO DEL CORTILE " "UNA SOLA DEBOLE VOCE" "30 RIGHE PER UN DELITTO" "UN POSTO AL SOLE" "UN GIORNO FORTUNATO" "IL RISCATTO " "LA PIOVRA 8" "IL PADRE DI MIA FIGLIA" "IL CASO BRAIBANTI" (Alberto Sironi) (R.Milani) (Dearbhla Walsh) (M. Vullo) (R.Donna) (Robert Domhelm) (A.Sironi) (J. Alexander) (A. Capone) (A. Sironi) (A. Capone) (M. Vullo) (F. Costa) (L. Gaudino) (A. Grimaldi) (Pasquale Pozzessere) (A. Sironi) (A. Sironi) (M. Vullo e R. Mosca) (Riccardo Mosca) (Riccardo Donna) (Paolo e Vittorio Taviani) (T.Aristarco e R. Donna) (Monica Vullo e R. Mosca) (Monica Vullo e R. Mosca) (Antonello Grimaldi) (E. Lodoli e V. Sindoni) (R. De Maria) (A. Sironi) (Leone Pompucci) (Michele Soavi) (Sanchez) (Alberto Sironi) (Paolo Poeti) (Alberto Sironi) (Lodovico Gasparini) (Lucio Gaudino) (Massimo Martelli) (Giorgio Ferrara) (Giacomo Battiato) (Livia Giampalmo) (Franco Bernini) CORTOMETRAGGI 2011 “DARWIN IN ITALIA” 2010 “GACOMO E IL CUOCO” 2005 “EL ESPERAR DOLIENTE” 2003 " NON DIRE GATTO" Angelo Loy Lorenzo Nobile G. De Falco G.Tirabassi (David di Donatello)
  • 49. 48 ameluk RobertoNobilesegue 2. AUTORE REGIE TEATRALI 2011 “ANDATA E RICORDO” (letture poetiche e canzoni) 1982 “IL TESTAMENTO DEL CAPITANO” commedia dell'arte 1984 “TENEO TE AFRICA” (sulle guerre coloniali in Africa) REGIE AUDIOVISIVO 1977 “NON SI PARTE” Interviste radio a braccianti siciliani dal fascismo al boom economico degli anni 60, trasmesso a “Radio k” di Ragusa 2003 “LETTERE AGLI EMIGRANTI” Cortometraggio sulla crisi dell'agricoltura in Sicilia e la conseguente emigrazione, premiato al festival “Cinemad'amare” nel 2005 2010 “MISERIA E NOBILTA' “ Documentario con interviste video ai più importanti attori italiani sulle motivazioni più intime della recitazione, di prossima programmazione sul canale televisivo “Sky Arte” TESTI TEATRALI 2013 “LA VITA NON SI SA MAI” (coautore) 2012 “TERAPIA TERAPIA” 1984 “TENEO TE AFRICA” 1982 “IL TESTAMENTO DEL CAPITANO” (coautore) SCENEGGIATURE CINEMA e TV 2011 “DARWIN IN ITALIA” (cortometraggio) 2003 “LETTERE AGLI EMIGRANTI” (cortometraggio) 2002 “DISTRETTO DI POLIZIA” (serie TV 2 episodi) 2000 “LA SCARPA DEL PELLEGRINO” Sceneggiatura sviluppata con il supporto di media desk Europa 1995 “SANTO STEFANO” (Lungometraggio di Angelo pasquini) Premio della critica cattolica al festival di Venezia 1992 “LE AMICHE DEL CUORE” (lungometraggio di Michele Placido) Premio “Amidei” per la migliore sceneggiatura 1991 “L'AMICO DEL RE” per la Yarno cinematografica 1989 “E' PROIBITO BALLARE” di Pupi Avati (6 episodi serie TV) Scrittore 2012 “L'OSPEDALE DELLA LINGUA ITALIANA, dove le parole usurpate dalle omologhe americane, trovano cura e conforto” editore “Sicilia. L” (pamphlet) 2010 “LA RICETTA PIU' SCIOVINISTA DEL MONDO” nel libro di racconti “Il gusto delle parole” “Romano editore” 2009 “ UN CAPITOLO DELLA GUERRA SANTA” nel libro di racconti ”Qualcuno ha morso il cane” “Coniglio editore” 2006/2008 Vari articoli su riviste di motociclismo 2008 “COL CUORE IN MOTO” “editore Coniglio” (romanzo) 1998 “VOGLIO UN POSTO IN PARADISO/ storia del preservativo raccontata da lui medesimo”. Per L'editore “Sicilia.L” (pamphlet) 1981 "ANDATA E RITORNO PER FERIE", editore “Ottaviano (romanzo)
  • 50. 49 ameluk LuigiAngiulicurricula Curriculum professionale di LUIGI ANGIULI (8-4-1939) Premio Mediterraneo alla Carriera e per l'impegno nel Teatro Pugliese (2007) Croce d'oro al merito della Terrasanta (2009) Testimonial NO LOMBROSO (2011) tel.: 333.3512153 – E.mail: angiuliluigi@libero.it Titoli professionali 1. Diploma in Arte della recitazione (Corso organizzato a Bari dall'ENAL e dalla Federazione Nazionale dei Gruppi d'Arte Drammatica) dal 7 / 1 / 1958 al 2 / 6 / 1960; 2. Laurea in Scienze. dello Spettacolo. Nelle materie caratterizzanti ha riportato le seguenti votazioni: 28/30 in Scenografia; 30/30 in Storia del Cinema (II), Storia del Teatro Francese, Storia del Teatro Inglese, Estetica, Storia della Musica; 30/30 e lode in Storia del Cinema (I), Istituzioni di Regia (con Luigi Squarzina), Drammaturgia, Teatro d'Animazione, Organizzazione ed Economia dello Spettacolo, Storia dello Spettacolo, Metodologia della Critica dello Spettacolo, Storia del Teatro Greco e Latino, Letteratura Teatrale Italiana; 3. Idoneità all'Insegnamento di “Regia Cinematografica e Teatrale” presso l'Accademia di Belle Arti di Bari. Testi per il Teatro e la Rai 1. “La Testimonianza” (Processo a Gesù), unico testo prodotto direttamente dalla Provincia di Bari. Rappresentato in sessanta Chiese della Puglia, d'intesa con la stessa Provincia, il Teatro Pubblico Pugliese e i Comuni interessati. Successivamente il testo fu adattato in tre puntate radiofoniche e prodotto dalla Sede Regionale RAI della Puglia. 2. “Cesare Pavese”, atto unico rappresentato presso la Scuola di Recitazione del Piccolo Teatro di Bari. 3. “Federico Garcia Lorca”, atto unico rappresentato presso la Scuola di Recitazione del Piccolo Teatro di Bari. 4. “Perché non canto i lillà”, due tempi liberamente tratti dal “Canto Generale” di Pablo Neruda e rappresentato dal Teatrino della Colonna. 5. “Come ramo di Cristallo Spezzato”, atto unico tratto dall'opera poetica di Pier Paolo Pasolini e rappresentato dal Teatrino della Colonna. 6. “Da Matteotti a Piazza Loreto”, atto unico di Luigi Angiuli e rappresentato dal Teatrino della Colonna. 7. “La Giostra dell'Oca”, fiaba in musica rappresentata dal Teatrino della Colonna e da Il Vello d'Oro. 8. “Stupor Mundi”, due tempi dedicati a Federico II, rappresentato da Il Vello d'Oro (lo spettacolo ha inaugurato le manifestazioni di Expo-Levante 1995). Nel 2000, è stato riproposto nell'ambito di un progetto europeo. 9. “Ameni Inganni”, lungo atto unico ispirato all'opera di Giacomo Leopardi, rappresentato da La Différance e da Il Vello d'Oro. 10. “Il Perdono”, atto unico, storia di una popolana meridionale ambientata nei primi anni del '900 (entrato nella rosa finale del Premio Abano Terme). Rappresentato da Il Vello d'Oro. 11. “Criste de le marinare”, lungo atto unico in italiano e dialetto (vincitore della sezione testro della Piedigrotta Barese 1996); rappresentato in prima elaborazione dal Teatrino della Colonna. 12. “Il Reduce”, due tempi liberamente ispirati ad opere di Angelo Beolco detto Ruzzante; rappresentato dal Teatro Abeliano e inserito nel circuito dell'Ente Teatrale Italiano. 13. “Micheline la Felannare”, atto unico (vincitore della sezione teatro della Piedigrotta Barese 1997). 14. Testo per il Corteo Storico di San Nicola, edizione 1989. 15. “Colino il Disertore”, due tempi di satira antimilitarista, rappresentato da Il Vello d'Oro. 16. “Il Dramma di un Giudice”, adattamento radiofonico in quattro puntate (RAI) dell'opera omonima di Domenico Triggiani. 17. “Michele Ruggeri, primo sinologo europeo”, adattamento radiofonico in dieci puntate (RAI) dell'opera omonima di Francesco Antonio Gisondi.
  • 51. 50 ameluk LuigiAngiulisegue 18. 19. 20. 21. 22. 23. 24. 25. "DiSera", atto unico, rappresentato da IL VELLO D'ORO “Da Sope a la Meraggheje” scherzo comico in un atto, rappresentato da IL VELLO D'ORO Attività poetica in dialetto e in lingua. Rassegne varie di poesia, narrativa e teatro. Presentazioni varie di scultori e pittori. Scritti vari su organizzazione ed economia dello spettacolo. “Cos'è la Verità” – libretto d'opera, rappresentata da Il VELLO D'ORO 2009 “Briganti e Piemontesi” – atto unico, I rappresentazione al Teatro Van Westherout di Mola di Bari. 26. “Perché non canto i lillà” –Splendore e morte di Pablo Neruda. 27. “Dedicato a Federico Garcia Lorca”. Impegni organizzativi 1. Collaborazione con il Gruppo di Arte Drammatica Prometeo (1958- 60); 2. Collaborazione con il Teatro Circolare (1960 – 62); 3. Collaborazione con il Piccolo Teatro di Bari (dal 1962 al 1964 e in molte occasioni nel corso degli anni); 4. Collaborazione con l'Università Popolare (1963 e 1964); 5. Collaborazione con l'Associazione Il Leggio (più volte nel corso degli anni a partire dal 1964); 6. Collaborazione alla fondazione e attivazione del Teatro Abeliano (1969, 1970, 1971, 1975, 1981, 1982, 1998); 7. Direzione del Teatrino della Colonna (1973 – 1983); 8. Organizzazione e Relazione introduttiva del Convegno dedicato a Pablo Neruda nella Sala Consiliare della Provincia di Bari (1974); 9. Organizzazione dei seguenti Corsi di Formazione per Il Teatrino della Colonna - “Il Clown: tecnica e creatività”, con Alessandra Galante Garrone; “I burattini: tecnica e ipotesi d'uso”, con Maria Signorelli; “Il canto scenico: esercizi vocale e ritmici, espressione”, con Luciana Stricagnolo; “Stanislavskij: il lavoro dell'attore, creatività e tecnica”; “George Buechner: la nascita del teatro contemporaneo”; “Comédie Francaise et Théatre de la Cruauté”; “Mejerchol'd: le avanguardie storiche” (dal 1975 al 1979); 10. Organizzazione e Relazione introduttiva del Convegno dedicato a Carlo Levi nella sala Consiliare del Comune di Bari (1975); 11. Organizzazione di Palcoscenico in Puglia (1980), per conto del Consorzio Cooperativo dello Spettacolo; 12. Organizzazione del Corso Regionale per Tecnici di Palcoscenico (1981), per conto del Consorzio Cooperativo dello Spettacolo; 13. Organizzazione del Corteo Storico della Caravella di San Nicola (1989), per conto dell'Azienda di Soggiorno e Turismo di Bari; 14. Collaborazione con il Teatro Centrale di Roma (1990 – 94); 15. Collaborazione con il Teatro Belli di Roma (1990 – 95); 16. Direzione della Compagnia Teatrale Il Vello d'Oro dal 1994; 17. Organizzazione di attività varie (Rassegne teatrali, musicali, di arti visive, cinematografiche, di mostre del libro, presentazioni di poeti, letterati e musicisti), d'intesa con Regione Puglia, Provincia di Bari, Taranto e Lecce, Comuni di Bari (anche Castello Svevo), Adelfia, Bitritto, Cisternino, Locorotondo, Conversano, Martina Franca, Noci, Turi, Valenzano, Sannicandro di Bari (occasionalmente, per singole iniziative, con molti altri comuni, anche extra-regionali) nonché con il Museo Diocesano di Bari, l'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme, i CRAL dell'Acquedotto Pugliese, dell'Enel, dei Ferrovieri). Di particolare importanza le collaborazioni con l'Orchestra Sinfonica della Provincia di Bari, l'Orchestra Sonora Corda del M° Gregorio Iacobelli, l'Orchestra diretta dal M° Donato Sivo, l'Orchestra Mediterranea del M° Paolo Lepore, l'Orchestra del M° Mimì Uva e quella del M° Rocco Giammaria. 18. Organizzatore e conduttore del Laboratorio Teatrale “Processo a Gesù” di Diego Fabbri, Circoscrizione Madonnella – Bari. 19. Organizzatore e curatore di Rassegne di Poesia, Letteratura, Teatro, Filosofia, Dantesche.
  • 52. 51 ameluk LuigiAngiulisegue Principali regie 1. Regia di numerosi recitals, recitals-concerti, propri testi, commedie e drammi in italiano e in dialetto, produzioni radiofoniche. 2. Ha diretto una riduzione del “Sogno di una Notte di Mezza Estate”, “Amleto”, “Giulio Cesare” di W. Shakespeare, “George Dandin” di Molière, “La Serva Padrona” e lo “Stabat Mater” di Giovanni Battista Pergolesi, “Cantico dei Cantici” di Salomone, “Il Pianto della Madonna” di Jacopone da Todi, “Histoire du Soldat” di Igor Stravinskiy, “Aspettando Godot” di Samuel Beckett, “Delirio a due” di Eugène Jonesco, “Il Canto del Cigno” e “Il Tragico controvoglia” di Cechov, “Claudio” di Broskyievicz, “La Basilissa” di Enrico Bagnato, “All'uscita”, “L'altro figlio”, “L'uomo dal fiore in bocca”, “Sagra del Signore della nave” di Luigi Pirandello, “Cavalleria Rusticana” di Giovanni Verga, “L'Istruttoria” di Peter Weiss, “disera” di Luigi Angiuli, “Da Sope a la Meraggheje” di Luigi Angiuli; "Istanti di un Giorno Nuovo - L'Uomo e l'Ombra" di Cristanziano Serricchio; “Briganti e Piemontesi” di Luigi Angiuli; “L'Ombra e l'Uomo” di Cristanziano Serricchio. Attività di attore 1. Ha preso parte a numerosissimi recitals, recital concerti, produzioni radiofoiche RAI, films (anche diretti da Ermanno Olmi – “Io non ho la testa” e Alberto Negrin, con Michele Placido protagonista – “Volontari per destinazione ignota”, corti: “L'ultimo Templare di Mike Filipponio), “Mark Piccolo Detective” di Dario Diana, sceneggiati televisivi in RAI e a TeleNorba (nel ruolo di Omero, dell'Abate Faria e del Medico dei pazzi, “Sotto gli occhi di tutti” di Nello Correale con Laura Del Sol). 2. Ha partecipato all' ”Adelchi” di Alessandro Manzoni interpretato e diretto da Vittorio Gasmann, al “Cirano di Bergerac” di Edmond Rostand con Antonio Salines; come protagonista a “L'Avaro” di Carlo Goldoni al Teatro Centrale di Roma; nel ruolo di Creonte nella “Medea” di Seneca con la Compagnia Il Globo; nel ruolo di Estragone a “Aspettando Godot” di Samuel Beckett; nel ruolo del protagonista allo “George Dandin” di Molière; di Turiddu a “Cavalleria Rusticana” di G. Verga; dell'Avvocato Barco a “Canicola” di Rosso di San Secondo; del Narratore all' “Histoire du Soldat” di I. Stravinskiy; come protagonista a “Quanto costa il ferro?” e “Dansen” di B. Brecht; nel ruolo di Jean a “Signorina Giulia” di A. Strindberg; come protagonista a “DiSera” di L. Angiuli; nel ruolo del narratore a “La Passione de Criste” di V. Maurogiovanni; nel ruolo di Colino La Gaggiana a “Da Sope a la Meraggheje” di L. Angiuli; nel ruolo del narratore, nel Concerto-Recital “Notte Santa d'Oriente” (in collab. col Gruppo Altro Canto - Ass. Areantica); nel ruolo dell'Uomo in "L'Uomo e L'Ombra” - Istanti di un giorno nuovo" di Cristanziano Serricchio; nel ruolo del Pastore nell'Opera lirica “Cos'è la Verità” di Luigi Angiuli e Palmo Di Venere; voce recitante in “Omaggio a De André” con il Gruppo Musicale Areantica; nel ruolo dell'ergastolano in “Briganti e Piemontesi di Luigi Angiuli - Comp. Teatr. Il vello d'oro. 3. Ha svolto a Roma anche l'attività di doppiatore. 4. Ha partecipato a numerosi films 5. Ha partecipato a fictions televisive Attività di psicodrammatista 1. Da ottobre del 1985 a giugno del 1995, ha svolto attività di psicodrammatista presso la Comunità di Recupero per Tossicodipendenti “La Fenice”, con sede principale a Valenzano e sedi distaccate ad Adelfia, Conversano, Foggia e Loseto. Da giugno del 1994 a giugno dell'anno successivo è stato anche Presidente della medesima Comunità. Attività di pubblicista 1. Fondazione e direzione del periodico culturale “SUD 70”; 2. Fondazione e direzione del periodico politico e culturale “L'Osservatorio”; 3. Critica d'arte e dello spettacolo teatrale e televisivo sul quotidiano “Sera Sud”; 4. Redattore capo del settimanale “BARI sport”; 5. Collaborazioni con il mensile “Nel Mese”.
  • 53. 52 ameluk CosimoCiniericurricula COSIMO CINIERI, attore-autore-regista, è nato a Taranto. Ha frequentato lo Studio di Arti Sceniche di A.Fersen, dove si è diplomato nel '63. Fin dall'inizio della sua carriera si è dedicato alla ricerca e alla sperimentazione, in un percorso che va dalle 'cantine romane' (ONAN, CHEZ MIGNOT, DOMENICO DEL MARE), al teatro di strada (VIETNAM, CRISTO AL CEP ecc.), ai grandi palcoscenici. , Nel '64 è al Teatro S.Alessio di V.Gassman ne IL CALAPRANZI di H.Pinter; nel '65 al Festival di Beckett (ASPETTANDO GODOT, FINALE DI PARTITA, ATTO SENZA PAROLE II, Regia: C.Quartucci); nel '67 in DIAVOLERIE di A.Fersen al Festival dei Due Mondi di Spoleto; negli anni '70 indimenticabile coprotagonista con Carmelo Bene in S.A.D.E. e OTELLO (Premio UBU '79 per Jago). Nel '78 forma Compagnia con Irma Immacolata Palazzo, percorrendo tre strade parallele di ricerca: la reinvenzione dei classici (tra cui "COSIMO CINIERI è/o MACBETH di W.Shakespeare", Biglietto d'oro a Taormina Arte '85 per 'il suo indiscutibile valore artistico); la drammaturgia breve (30 ATTI UNICI IN REPERTORIO VARIABILE: Pinter, Schnitzler, Strindberg, E.De Filippo, F.G.Lorca, Ionesco, Fo, Feydeau, Pirandello, Cechov e altri); la teatralizzazione della poesia. Quest'ultima ha prodotto negli anni un repertorio dove, al di là del tempo e delle mode, si può viaggiare a suon di banda negli 800 anni della lingua e della poesia italiana (CANZONIERE ITALIANO con la Banda dell'Arma dei Carabinieri); vivere una storia d'amore di 2.500 anni nei versi di tutto il mondo, tra una fisarmonica ed un violoncello (DUETTO D'AMORE); incontrare un cantastorie che snocciola, come un antico aedo tra due chitarre, le storie, le pene, i tormenti e la beatitudine di monaci, prelati e papi abitanti della Divina Commedia (DANTE RACCONTA...); trovarsi in inferni metropolitani, periferici al seguito dei poeti beats, cavalcando ogni genere di musica (LA BEAT GENERATION); ritrovarsi sotto la luna a guardare le immagini incantate, evocate dalla voce "infantile"di Garcìa Lorca, tra flamenco, chitarre e canti (GARCIA LORCA IN FLAMENCO); “DANTE VIANDANTE tra Inferno e Paradiso a suon di banda” che ha debuttato a dicembre 2004 in Piazza Farnese a Roma con la Banda dell'Arma dei Carabinieri; RIDERDIVERSI Poesia Giocosa per voce e bande musicali di paese (2006); VERSI DIVINI - concerto per vino, voce e fisarmonica (2008); CONCERTO PER MORO per voce, immagini e pianola (2008); CIAO, CECE'… dalla penna di Cesare Giulio Viola alla voce di Cosimo Cinieri - Rapsodia per Taranto con fisarmonica, tammorra e banda (2008); IL POETA E' UN FINGITORE-FERNANDO PESSOA IN RAPSODIA (2009) con due fisarmoniche; ADONIS, ecco il mio nome (2010) con quartetto etnojazz; VIANDANDO QUI E ALTROVE – rapsodia poetica contemporanea di italiani migranti e di migranti in Italia (2010) per voce, soprano, danzatrice e 7 strumenti di varie parti del mondo; ODISSEA MEDITERRANEA-RAPSODIA IN 10 MOVIMENTI (2010) per percussioni, fisarmonica, danza e canto; CARPE DIEM e METAMORFOSI in jazz (2011) per voce, fisarmonica e contrabbasso; LETTERE DAL CARCERE di A.GRAMSCI (2011); ITALIA MIA-RAPSODIA POETICA RISORGIMENTALE con la Banda Musicale dell'Esercito Italiano (2011); SOCRATE, IL TAFANO (2011); PIERINO E IL LUPO di S.Prokofiev, elaborazione teatrale di G.Weiss, con la Banda Musicale della Guardia di Finanza (2011); PIER PAOLO POETA DELLE CENERI per voce, 7 musicisti ed un cantante. HISTOIRE DU SOLDAT di I.Strawinski con l'Orchestra Sinfonica di Roma. Il rapporto singolare che Cosimo Cinieri ha con la poesia, viene così descritto dal poeta Elio Pecora: "Attore capace di tutte le scaltrezze e le soavità e le crudezze del primo attore, dice la poesia con voce ora estenuata, ora battente, ora segreta, ora imperante, ma una voce priva delle coloriture e dei movimenti dell'istrione; la voce interiore della poesia, quella che accenna e scioglie un canto; la grana di una voce, per dirla con Roland Barthes, ossia una voce che è insieme fiato, pronuncia e anima". Alla sua attività teatrale, Cinieri alterna partecipazioni in produzioni cinematografiche, televisive e radiofoniche; inoltre si dedica a stage di recitazione e psicotecnica. In cinema ha partecipato a numerosi film, tra cui: CRONACHE DEL '22 -Regia: F.Cinieri; ATTO SENZA PAROLE di S.Beckett-Regia: Carlo Di Carlo (Premio speciale della giuria al Festival Tour 1967); L'ALBERO DI GUERNICA di F.Arrabal; LO STRANGOLATORE DI NEW YORK-Regia:L.Fulci; MANHATTAN BABY-Regia: L.Fulci; MURDER ROCK-Regia: L.Fulci; IL GENERALE-Regia: L.Magni; SECONDO PONZIO PILATO di L.Magni; LE VIE DEL SIGNORE SONO FINITE di M.Troisi; REBUSRegia: M.Guglielmi; ANTELOPE COBBLER di A.Falduto; CRUDO di Irma Immacolata Palazzo; PIZZICATA di E.Winspeare; L'ULTIMO BERSAGLIO di A.Frezza; CONSIGLI PER GLI ACQUISTI di S.Baldoni; LA VESPA E LA REGINA -Regia:A.Di Leo; TRE PUNTO SEI di N.Rondolino; FORTEZZA BASTIANI –Regia: A.Rossi e M.Mellara; I AM WHAT I AM-FRATELLI di M.Filiberti; IL RONZIO DELLE MOSCHE di D.D'Ambrosi; IL MIRACOLO di E.Winspeare; MANUALE D'AMORE 2 di G. Veronesi; OLTRE IL MARE di C.Fragnelli; L'ALTRA META' di P .Mezzapesa; LA PRIMA LEGGE DI NEWTON di Piero
  • 54. 53 ameluk CosimoCinierisegue Messina (Menzione speciale della giuria per l'interpretazione, Festival di Roma 2012); AMELUK di Mimmo Mancini. In televisione: TRE NEL MILLE - Regia:F.Indovina; MOSE' - Regia:G.F.De Bosio; IL MATRIMONIO DI ROSA PALANCA - Regia:P .Panza; ON THE ROAD condotto da B.Placido- Regia:P .Tartagni; STORIE DI UN MARESCIALLO -Regia:G.Soldati; CELINE e SERATA IN CASA MARX di U.Leonzio- Regia:W.Azzella; AMLETO e OTELLO di C.Bene; IL GENERALE GARIBALDI di L.Magni; LUTERO Regia:P .Gazzara; DUETTO D'AMORE 4 puntate ideato da C.Cinieri-Regia:Olivari, Testi scelti da Irma I.Palazzo; FELIPE HA GLI OCCHI AZZURRI -Regia:F.Farina; CANZONIERE ITALIANO con LA BANDA DELL'ARMA DEI CARABINIERI, CARACALLA-Regia: Dora Ossenka; ERRARE IN TOSCANA ideato da C.Cinieri- Testi scelti da Irma I.Palazzo - Regia:N.Fabbri; ERRARE IN EMILIA ROMAGNA- Regia: A.Zito; CASA RICORDI -Regia:M.Bolognini; LUCREZIA BORGIA -Regia:Tonino del Colle; IL CASO SUTTER -Regia:F.Farina; VENTO DI PONENTE -Regia:G.Lepre; A.Manni –62 puntate RAI 2; PER AMORE -Regia:C.Cicinnati-4 puntate CANALE 5/MEDIASET; LE NOTTI DI PASQUINO di Luigi Magni-CANALE 5/MEDIASET; ITALIA CHE VAI -Regia:Paolo Marcellini-RAIUNO; UN ANNO A PRIMAVERA -Regia:A.Longoni – RAIUNO; SAN PIETRO -Regia:Giulio Base – RAIUNO; FRATELLI -Regia:A.Longoni – RAIUNO; GENTE DI MARE – RAIUNO; DON MATTEO: “L'ULTIMA PREDA”- Regia:G:Base – RAIUNO; IL PADRE DELLE SPOSE – Regia: L. Gasparini- RAIUNO; UN MEDICO IN FAMIGLIA 5 – RAIUNO; GENTE DI MARE 2 – RAIUNO; LA TERZA VERITA' – Regia: S.Reali – RAIUNO; AL DI LA' DEL LAGO – di S.Reali – CANALE 5. Come voce recitante ha interpretato le opere musicali: “Silvia Simplex” e “Carteggio” di Francesco Pennisi; “Lighea” di Alessandro Sbordoni; “Histoire du soldat” di I.Stravinsky; “Egmont” di Beethoven.