Deliberazione garante anticorruzione_gc
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Like this? Share it with your network

Share

Deliberazione garante anticorruzione_gc

on

  • 449 views

 

Statistics

Views

Total Views
449
Views on SlideShare
449
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
1
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Deliberazione garante anticorruzione_gc Document Transcript

  • 1. DIRETTORE GENERALE IL SINDACO Proposta di delibera prot. n°. ................del___/___/______ Categoria .................... Classe ............Fascicolo.................. Annotazioni ........................................................................ .............................................................................................. REGISTRO DELLE DELIBERAZIONI DI GIUNTA COMUNALE - DELIB. N°_______________/ OGGETTO: Istituzione dellAutorità Garante Anticorruzione e Trasparenza ed approvazione delrelativo Disciplinare.Il giorno ………………………., nella residenza comunale convocata nei modi di legge, si è riunita la Giuntacomunale. Si dà atto che sono presenti i seguenti n° ............................... Amministratori in carica: SINDACO: Luigi de MAGISTRIS ASSESSORI: Tommaso SODANO Alberto LUCARELLI Sergio D’ANGELO Annamaria PALMIERI Luigi DE FALCO Riccardo REALFONZO Antonella DI NOCERA Giuseppina TOMMASIELLI Anna DONATI Bernardino TUCCILLO Marco ESPOSITO(Nota bene: Per gli assenti viene apposto, a fianco del nominativo, il timbro “ASSENTE ”; per i presenti viene apposta la lettera “P”)Assume la Presidenza:………………………………………………………....................................Assiste il Segretario del Comune:………………………………………………………………....................... IL PRESIDENTEconstatata la legalità della riunione, invita la Giunta a trattare l’argomento segnato in oggetto .
  • 2. LA GIUNTA, su proposta del Sindaco Premesso che la politica di contrasto alla corruzione è stata assunta quale priorità dalComune di Napoli e che la stessa va implementata attraverso gli strumenti di prevenzione delfenomeno corruttivo ed attraverso linnalzamento del livello di trasparenza del patrimonioinformativo, specie per quanto attiene quei procedimenti più esposti al rischio corruttivo; che, al fine di favorire la definizione di adeguate soluzioni organizzative, finalizzate allaprevenzione della corruzione, lAmministrazione Comunale ha sottoscritto, in data 17 maggio u.s.,assieme al Ministro per la Pubblica Amministrazione e la Semplificazione, al Ministro dellInterno eal Presidente dellANCI un apposito Protocollo di intesa per lAdozione da parte del Comune diNapoli di un piano organizzativo in funzione di prevenzione della corruzione; che, per perseguire gli scopi oggetto del protocollo richiamato e darne una prima attuazione,è intenzione di questo Ente istituire un organismo di garanzia definibile “Autorità GaranteAnticorruzione e Trasparenza”, che ha il compito di contribuire a prevenire fatti, situazioni,condotte e comportamenti sintomatici di episodi o fenomeni corruttivi imputabili a strutture edipendenti del Comune, nonché delle società partecipate, svolgendo contemporaneamente un ruolodi impulso alle attività; che tale organismo deve coniugare obiettivi contingenti, riconducibili alla prevenzione deifenomeni di corruzione nei settori a rischio (edilizia, urbanistica, lavori pubblici, commercio,personale, ecc.), con obiettivi strutturali, favorendo la nascita di un sistema consolidato che possaprevenire forme di errata gestione, in una logica di recupero della correttezza dellazioneamministrativa, della trasparenza e dei livelli di efficienza ottimali, a garanzia dei diritti deicittadini; Considerato necessario che la nuova struttura per funzionare debba essere dotata diindipendenza ed autonomia non solo verso le strutture oggetto delle verifiche, ma anche verso gliorgani politici; che, a tal fine, sia necessario procedere allistituzione dellAutorità Garante Anticorruzione eTrasparenza ed approvare un apposito disciplinare che stabilisca le modalità di nomina, revoca edincompatibilità dei componenti dellorganismo, in modo da garantirne lindipendenza; che lo stesso disciplinare stabilisca lambito dazione, la struttura di supporto e fissi i rapportidi dipendenza tra il nuovo organismo, il Sindaco ed il Consiglio Comunale, oltre a stabilirne lefunzioni; Pertanto, in attuazione del Protocollo di intesa, che lAmministrazione Comunale ha
  • 3. sottoscritto assieme al Ministro per la Pubblica Amministrazione e la Semplificazione, al MinistrodellInterno e al Presidente dellANCI, si è proceduto a redigere il Disciplinare per listituzionedellAutorità Garante Anticorruzione e Trasparenza; Ritenuto di perseguire gli obiettivi che lAmministrazione si è posta, istituendo lAutoritàGarante Anticorruzione e Trasparenza ed adottando il relativo disciplinare. Si allega – quale parte integrante del presente atto – il seguente documento, compostocomplessivamente da n. 4 pagine, progressivamente numerate:Disciplinare per listituzione dellAutorità Garante Anticorruzione e Trasparenza. La parte narrativa, i fatti, gli atti citati, le dichiarazioni ivi comprese sono vere e fondate e quindi redatte dalDirettore Generale sotto la propria responsabilità tecnica, per cui sotto tale profilo, lo stesso qui di seguito sottoscrive IL DIRETTORE GENERALE Silvana Riccio DELIBERA 1. Distituire lAutorità Garante Anticorruzione e Trasparenza, organismo collegiale composto da tre membri, secondo la disciplina di funzionamento riportata in allegato e che col presente atto si approva. 2. Rimettere la presente deliberazione al Consiglio Comunale per la successiva presa datto. IL SINDACO IL DIRETTORE GENERALE Luigi de Magistris Silvana Riccio
  • 4. PROPOSTA DI DELIBERAZIONE PROT. N. …………………………DEL……………...……., AVENTE ADOGGETTO: Istituzione dellAutorità Garante Anticorruzione e Trasparenza ed approvazionedel relativo Disciplinare.Il Direttore Generale esprime, ai sensi dell’art. 49, comma 1, del D.Lgs. 267/2000, il seguente parere diregolarità tecnica in ordine alla suddetta proposta:Addì…………………………………. IL DIRETTORE GENERALE Silvana Riccio
  • 5. Pervenuta in Ragioneria il ……………………… Prot………………………………….Il Ragioniere del Comune, esprime, ai sensi dell’art. 49, comma 1, del D. Lgs. 267/2000, il seguente parere di regolarità contabile in ordine alla suddetta proposta:Addì…………………………………. IL RAGIONIERE ATTESTATO DI COPERTURA FINANZIARIA ED IMPEGNO CONTABILE La somma di L……………………………………viene prelevata dal Titolo…………..Sez…………..Rubrica………………Cap…………………..( ) del Bilancio 200………., che presentala seguente disponibilità: Dotazione €………………………………… Impegno precedente €……………. Impegno presente €……………. €………………………………… Disponibile €………………………………… Ai sensi e per quanto disposto dall’art. 151, comma 4, del D.Lgs. 267/2000, si attesta la coperturafinanziaria della spesa di cui alla suddetta proposta.Addì……………………………. IL RAGIONIERE
  • 6. Il Segretario Generale del Comune esprime le seguenti osservazioni in ordine alla suddetta proposta:
  • 7. Deliberazione di G. C. n. ……………. del …………….. composta da n……… pagine progressivamente numerate, nonché da allegati, costituenti parte integrante, di complessive pagine…………., separatamente numerate. SI ATTESTA:- Che la presente deliberazione è stata pubblicata all’Albo Pretorio il…………… e vi rimarrà per quindici giorni (art. 124, comma 1, del D.Lgs. 267/2000).- Che con nota in pari data è stata comunicata in elenco ai Capi Gruppo Consiliari (art.125 del D.Lgs.267/2000). Il Funzionario Responsabile DICHIARAZIONE DI ESECUTIVITA’ Constatato che sono decorsi dieci giorni dalla pubblicazione e che si è provveduto alla prescritta comunicazioneai Capi Gruppo consiliari, si dà atto che la presente deliberazione è divenuta da oggi esecutiva, ai sensidell’art.134, comma 3, del D.Lgs.267/2000 … …………………………………………………………...……..……………………………………………………………………………………………………………Addì ………………………….. IL SEGRETARIO GENERALE Il presente provvedimento viene assegnato a: Data e firma per ricevuta di copia del presente atto da parte dell’addetto al ritiro __________________________________________ ________________________________________ __________________________________________ ________________________________________ __________________________________________ ________________________________________ __________________________________________ ________________________________________ __________________________________________ ________________________________________ __________________________________________ ________________________________________ __________________________________________ ________________________________________per le procedure attuative. Attestazione di conformità (da utilizzare e compilare, con le diciture del caso, solo per le copie conformi della presente deliberazione) Addì……………………… La presente copia, composta da n……….. pagine, progressivamente numerate, è conforme all’originale della IL SEGRETARIO GENERALE deliberazione di Giunta comunale n. ………… del ……………….. 1. divenuta esecutiva in data …………………. (1); Gli allegati, costituenti parte integrante, composti da n. ………….. pagine separatamente numerate, a) sono rilasciati in copia conforme unitamente alla presente (1); b) sono visionabili in originale presso l’archivio in cui sono depositati (1), (2); Il Funzionario responsabile (1):Barrare le caselle delle ipotesi ricorrenti. (2): La Segreteria della Giunta indicherà l’archivio presso cui gli atti sono depositati al momento della richiesta di visione.
  • 8. Disciplinare per listituzione dellAutorità Garante Anticorruzione e TrasparenzaArt. 1 PremessaArt. 2 Composizione e durataArt. 3 Funzioni dellAutoritàArt. 4 Nomina, revoca ed incompatibilità dei componentiArt. 5 Dimissioni e decadenzaArt. 6 Rapporto con gli organi politiciArt. 7 Rapporti e forme di collaborazione con altre pubbliche amministrazioniArt. 8 Ufficio di staff dellAutorità Garante Anticorruzione e Trasparenza Art. 1 PremessaLAutorità Garante Anticorruzione e Trasparenza ha il compito di contribuire a prevenire fatti,situazioni, condotte e comportamenti sintomatici di episodi o fenomeni corruttivi, imputabili a strutturee dipendenti del Comune, nonché delle società partecipate, svolgendo contemporaneamente un ruolo diimpulso ad unattività amministrativa efficace e conforme al rispetto del principio di imparzialità ebuon andamento, con lobiettivo prioritario di garantire i diritti di tutti i cittadini. Art. 2 Composizione e durata a) LAutorità Garante Anticorruzione e Trasparenza è un organismo collegiale composto da tre membri. b) I componenti durano in carica fino alla scadenza del mandato del Sindaco. Lincarico non è rinnovabile, salvo per motivate e specifiche esigenze. c) Lincarico viene assunto a titolo gratuito, salvo il riconoscimento dei rimborsi delle spese sostenute.
  • 9. Art. 3 Funzioni dellAutoritàLe funzioni dellAutorità Garante Anticorruzione e Trasparenza sono le seguenti: a) Fornisce, qualora richiesto dagli uffici, pareri su atti, provvedimenti e contratti. b) Vigila sul corretto svolgimento delle attività poste in essere dagli uffici dellEnte o delle società a partecipazione comunale, avvalendosi della struttura di supporto di cui al successivo art. 8. A tale scopo, sulla scorta delle risultanze prodotte, può proporre al Direttore Generale ladozione di modifiche organizzative o gestionali, fino alleventuale annullamento di atti in sede di autotutela da parte del responsabile del Servizio o del procedimento. c) Dintesa con il Direttore Generale può richiedere la collaborazione dei Servizi comunali ed in particolare del Servizio Ispettivo, dellAvvocatura e dei Servizi finanziari. d) Può richiedere chiarimenti e/o laccesso agli atti in possesso degli uffici comunali o di società partecipate, previa informazione al legale rappresentante delle stesse, segnalando al Direttore Generale del Comune eventuali violazioni e comportamenti scorretti. e) Riceve, da parte dei cittadini e delle organizzazioni economiche e sociali, segnalazioni circa episodi o fenomeni corruttivi, imputabili a strutture e dipendenti del Comune, nonché delle società partecipate. f) Per quanto attiene alle società partecipate comunali, lAutorità impartisce direttive, direttamente agli amministratori nominati dal Comune o, qualora lo statuto non accordi al Comune tale potere di nomina, ai suoi rappresentanti nellente, affinché esercitino un controllo sullattività dellente partecipato. g) Assicura la trasparenza e la pubblicazione allinterno ed allesterno degli atti e delle notizie ritenute utili al perseguimento degli obiettivi dati, avvalendosi degli strumenti di divulgazione del Comune. h) Collabora con lOrganismo Indipendente di Valutazione alla redazione ed allaggiornamento del Piano della Trasparenza e segnala ogni elemento utile ai fini della valutazione dei Dirigenti comunali. Art. 4 Nomina, revoca ed incompatibilità dei componenti a) I componenti dellorgano collegiale sono nominati con Decreto Sindacale tra coloro che sono in possesso di elevate doti morali e professionali, che ne comprovino la competenza. b) Il mandato può essere revocato dal Sindaco, previa informazione al Consiglio Comunale, per violazioni della legge, dello Statuto, dei regolamenti Comunali, per inadempienze ai doveri dufficio.
  • 10. c) Non possono essere nominati:  il Sindaco e gli Assessori in carico o coloro che hanno ricoperto tale carica nei precedenti quattro anni;  il Presidente del Consiglio Comunale o colui che ha svolto tale funzione nei precedenti quattro anni;  coloro che ricoprono una carica elettiva pubblica presso il Comune di Napoli;  coloro che ricoprono cariche in organizzazioni sindacali o che hanno svolto tale funzione nei precedenti due anni, ovvero coloro che abbiano avuto negli ultimi due anni rapporti continuativi di collaborazione o di consulenza con le predette organizzazioni sindacali;  i dipendenti comunali;  coloro che, nellesercizio di unattività professionale o commerciale, abbiano intrattenuto rapporti economici o professionali non occasionali con il Comune di Napoli;  coloro che sono amministratori o Revisori del conti o dipendenti da istituzioni, aziende, consorzi ed enti dipendenti dal Comune o al quale il Comune partecipa;  chi ha riportato condanne penali;  chi è stato destituito quale pubblico dipendente;  è, altresì, incompatibile con la carica qualsiasi altra attività, impiego o incarico che, in concreto, determini il conflitto di interessi con la funzione. Art. 5 Dimissioni e decadenza a) In caso di dimissioni, formalmente presentate da un componente dellorganismo collegiale al Sindaco, queste devono essere accettate dal Sindaco, previa informazione al Consiglio Comunale. b) Qualora si ravvisi, dopo la nomina di un componente dellorganismo collegiale, lesistenza di cause di incompatibilità, o ragioni di conflitto di interesse, anche sopravvenute, il Sindaco dichiara la decadenza del mandato, previa informazione al Consiglio Comunale. Art. 6 Rapporto con gli organi politiciCon cadenza almeno semestralmente, o, in ogni caso, quando richiesto dal Sindaco, lAutorità,attraverso una apposita relazione circa il monitoraggio dei fenomeni di corruzione rilevati, riferisce alSindaco che relaziona al Consiglio Comunale. Le risultanze delle attività potranno permettere
  • 11. allAmministrazione di introdurre correttivi e misure idonee per assicurare un migliore funzionamentodei servizi. Art. 7 Rapporti e forme di collaborazione con altre pubbliche amministrazioniLAutorità, al fine di prevenire i fenomeni di corruzione, promuove e sottoscrive appositi protocollidintesa con altre Amministrazioni Pubbliche per la condivisione delle banche dati, del personale e diogni altra risorsa strumentale. Art. 8 Ufficio di staff dellAutorità Garante Anticorruzione e TrasparenzaLAutorità, per lesercizio delle sue funzioni, si avvale di un proprio ufficio di staff, composto da varieprofessionalità del Comune, designate con apposita disposizione del Direttore Generale.