Your SlideShare is downloading. ×
Ricerca istituto piepoli complementarietà vs discriminazione
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Ricerca istituto piepoli complementarietà vs discriminazione

51
views

Published on

Published in: News & Politics

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
51
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. COMPLEMENTARIETÀ VS DISCRIMINAZIONE: IL PENSIERO DEGLI ITALIANI Relatore: Simona Beltrame - Vicepresidente
  • 2. COMPLEMENTARIETÀ: UN’OPPORTUNITÀ PER DEBELLARE LA DISCRIMINAZIONE NEI CONFRONTI DELLE DONNE? Una serie di ricerche quali - quantitative svolte da Istituto Piepoli sul fenomeno sociale della discriminazione nei confronti delle donne e della complementarietà tra i due sessi. 2
  • 3. I RISULTATI
  • 4. ancorato a schemi di tipo “arcaico”; ha perso parte della sua identità: Vive costantemente una dicotomia tra essere l’uomo forte o avere un atteggiamento meno impostato e più rilassato.
  • 5.  Da uno “status quo” definito e rigido quasi relegante;  emancipazione repentina, che le ha aperto porte fino a quel momento chiuse. Da una situazione di subordinazione ha cercato di diventare forte, rivendicando la sua indipendenza emulando la figura maschile.
  • 6. Rispetto alle generazioni delle nostre mamme e nonne, lei trova che la sua vita di donna sia? Più facile Più o meno la stessa 28% 16% Più difficile 52% N = 1.503 CASI – TOTALE CAMPIONE
  • 7. NON ha saputo reagire in senso collaborativo al cambiamento improvviso che la donna ha cercato di imprimere al suo ruolo. Un dialogo nei confronti delle donne nel tempo si è aperto MA non si sono create le condizioni di supporto oggettivo per permettere alla donna di definire il suo nuovo spazio.
  • 8. DONNA: NON PIU’ RELEGATA SOLO AL MONDO CASALINGO Si interroga quindi sull’opportunità di come essere sia madre che manager per poter raggiungere appieno la propria realizzazione.
  • 9. Più difficile per una Più semplice per un donna. uomo. Si trova a dover scegliere tra famiglia e lavoro.
  • 10. Avere successo nel lavoro diventa 61% tra le donne fidanzate e non ancora sposate. Le single individuano nella vita di coppia le maggiori difficoltà, 52%. N = 1.503 CASI – TOTALE CAMPIONE
  • 11. LA MATERNITA’:
  • 12. Le difficoltà di organizzazione legate alla cura dei figli 59% La mancanza di sostegno da parte del datore di lavoro 37% Le difficoltà economiche legate alla cura dei figli La discriminazione professionale a causa della maternità L’assenza di una reale condivisione dei compiti nell’ambito della coppia N = 1.503 CASI – TOTALE CAMPIONE 35% 32% 28%
  • 13. PER LE DONNE PER GLI UOMINI DINAMICA E DICOTOMICA LA CHIAVE DELLA VITA UNA GUIDA MATERNITA’
  • 14. OSTENTAZIONE ED ESIBIZIONISMO O STEREOTIPO “Bianca come una sposa …. è una principessa, è purezza …” “La donna è anche egocentrismo… la donna non passa inosservata…” “Rosa come il fiocco delle bambine …”
  • 15. PER LE DONNE PER GLI UOMINI FORZA E TERRORE PROTEZIONE CALMO/ TURBOLENTO UNA SOLIDA GUIDA
  • 16. CONTRADDIZIONI:  binomio femminilitàappariscenza;  concetti di ambizione e determinazione VS donna/sposa, pura e candida. INSTABILITA’ IN TUTTI GLI ATTORI: UOMO, AMBIENTE SOCIALE E DONNA.
  • 17. L’UOMO SI E’ SENTITO MINACCIATO REAZIONE NEGATIVA Condizioni che più che favorire l’integrazione delle donne nella società, le hanno portate spesso ai margini.
  • 18. % SI  51% % SI  34% Potrebbero assentarsi per lunghi periodi a causa della maternità 37% Siamo in una società maschilista 29% Le capacità lavorative delle donne sono sottovalutate rispetto… Gli uomini ostacolano le donne N = 501 CASI TOTALE CAMPIONE 25% 17% % SI  67% 39% 36% 31% 27% 20% 27% 16% 17%
  • 19. I VOLTI DELLA DISCRIMINAZIONE: NON SOLO AL LAVORO MA ANCHE NEGLI AMBITI PRIVATI DELLA VITA FEMMINILE. 62% N = 501 CASI – TOTALE CAMPIONE
  • 20. VERSO LA COMPLEMENTARIETA’? ALCUNI COMPITI SONO ANCORA PREVALENTEMENTE APPANNAGGIO ESCLUSIVO DELLA DONNA O DELL’UOMO. N = 501 CASI - TOTALE CAMPIONE
  • 21. VERSO LA COMPLEMENTARIETA’? I FIGLI: IL PRIMO PASSO VERSO LA COMPLEMENTARIETA’. IL MANTENIMENTO: UN SEGNALE FORTE, RISPETTO AL PASSATO N = 501 CASI - TOTALE CAMPIONE
  • 22. COS’E’ LA COMPLEMENTARIETA’ “La diversità tra uomini e donne è una ricchezza per entrambi” “ CI SONO CONTRASTI TRA L’UOMO E LA DONNA, SONO UNO L’OPPOSTO DELL’ALTRA … I LORO COLORI SONO ASSOLUTAMENTE COMPLEMENTARI … E’ COME SE IL GIORNO ESISTESSE SENZA LA NOTTE E VICEVERSA, NON AVREBBE SENSO … “
  • 23. LA PRATICA DELLA COMPLEMENTARIETA’ “Avere gli stessi obiettivi, raggiungerli insieme completandosi” Lei si considera molto d’accordo, abbastanza, poco o per niente d’accordo con le seguenti affermazioni? MOLTO ABBASTANZA POCO PER NULLA % Molto + % Abbastanza d’accordo TOTALE
  • 24. OGGI LA DISCRIMINAZIONE DELLA DONNA E’ UN DATO DI FATTO CON SFUMATURE PIU’ O MENO EVIDENTI. LIVELLO SOCIALE DIFFICOLTA’ NEL REALIZZARSI. LIVELLOPRIVATO CONFLITTO UOMODONNA NELLA DEFINIZIONE DEI RUOLI.
  • 25. …grazie per l’attenzione! Simona Beltrame