Ricerca istituto piepoli complementarietà vs discriminazione
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Ricerca istituto piepoli complementarietà vs discriminazione

on

  • 181 views

 

Statistics

Views

Total Views
181
Views on SlideShare
181
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Ricerca istituto piepoli complementarietà vs discriminazione Ricerca istituto piepoli complementarietà vs discriminazione Presentation Transcript

  • COMPLEMENTARIETÀ VS DISCRIMINAZIONE: IL PENSIERO DEGLI ITALIANI Relatore: Simona Beltrame - Vicepresidente
  • COMPLEMENTARIETÀ: UN’OPPORTUNITÀ PER DEBELLARE LA DISCRIMINAZIONE NEI CONFRONTI DELLE DONNE? Una serie di ricerche quali - quantitative svolte da Istituto Piepoli sul fenomeno sociale della discriminazione nei confronti delle donne e della complementarietà tra i due sessi. 2
  • I RISULTATI
  • ancorato a schemi di tipo “arcaico”; ha perso parte della sua identità: Vive costantemente una dicotomia tra essere l’uomo forte o avere un atteggiamento meno impostato e più rilassato.
  •  Da uno “status quo” definito e rigido quasi relegante;  emancipazione repentina, che le ha aperto porte fino a quel momento chiuse. Da una situazione di subordinazione ha cercato di diventare forte, rivendicando la sua indipendenza emulando la figura maschile.
  • Rispetto alle generazioni delle nostre mamme e nonne, lei trova che la sua vita di donna sia? Più facile Più o meno la stessa 28% 16% Più difficile 52% N = 1.503 CASI – TOTALE CAMPIONE
  • NON ha saputo reagire in senso collaborativo al cambiamento improvviso che la donna ha cercato di imprimere al suo ruolo. Un dialogo nei confronti delle donne nel tempo si è aperto MA non si sono create le condizioni di supporto oggettivo per permettere alla donna di definire il suo nuovo spazio.
  • DONNA: NON PIU’ RELEGATA SOLO AL MONDO CASALINGO Si interroga quindi sull’opportunità di come essere sia madre che manager per poter raggiungere appieno la propria realizzazione.
  • Più difficile per una Più semplice per un donna. uomo. Si trova a dover scegliere tra famiglia e lavoro.
  • Avere successo nel lavoro diventa 61% tra le donne fidanzate e non ancora sposate. Le single individuano nella vita di coppia le maggiori difficoltà, 52%. N = 1.503 CASI – TOTALE CAMPIONE
  • LA MATERNITA’:
  • Le difficoltà di organizzazione legate alla cura dei figli 59% La mancanza di sostegno da parte del datore di lavoro 37% Le difficoltà economiche legate alla cura dei figli La discriminazione professionale a causa della maternità L’assenza di una reale condivisione dei compiti nell’ambito della coppia N = 1.503 CASI – TOTALE CAMPIONE 35% 32% 28%
  • PER LE DONNE PER GLI UOMINI DINAMICA E DICOTOMICA LA CHIAVE DELLA VITA UNA GUIDA MATERNITA’
  • OSTENTAZIONE ED ESIBIZIONISMO O STEREOTIPO “Bianca come una sposa …. è una principessa, è purezza …” “La donna è anche egocentrismo… la donna non passa inosservata…” “Rosa come il fiocco delle bambine …”
  • PER LE DONNE PER GLI UOMINI FORZA E TERRORE PROTEZIONE CALMO/ TURBOLENTO UNA SOLIDA GUIDA
  • CONTRADDIZIONI:  binomio femminilitàappariscenza;  concetti di ambizione e determinazione VS donna/sposa, pura e candida. INSTABILITA’ IN TUTTI GLI ATTORI: UOMO, AMBIENTE SOCIALE E DONNA.
  • L’UOMO SI E’ SENTITO MINACCIATO REAZIONE NEGATIVA Condizioni che più che favorire l’integrazione delle donne nella società, le hanno portate spesso ai margini.
  • % SI  51% % SI  34% Potrebbero assentarsi per lunghi periodi a causa della maternità 37% Siamo in una società maschilista 29% Le capacità lavorative delle donne sono sottovalutate rispetto… Gli uomini ostacolano le donne N = 501 CASI TOTALE CAMPIONE 25% 17% % SI  67% 39% 36% 31% 27% 20% 27% 16% 17%
  • I VOLTI DELLA DISCRIMINAZIONE: NON SOLO AL LAVORO MA ANCHE NEGLI AMBITI PRIVATI DELLA VITA FEMMINILE. 62% N = 501 CASI – TOTALE CAMPIONE
  • VERSO LA COMPLEMENTARIETA’? ALCUNI COMPITI SONO ANCORA PREVALENTEMENTE APPANNAGGIO ESCLUSIVO DELLA DONNA O DELL’UOMO. N = 501 CASI - TOTALE CAMPIONE
  • VERSO LA COMPLEMENTARIETA’? I FIGLI: IL PRIMO PASSO VERSO LA COMPLEMENTARIETA’. IL MANTENIMENTO: UN SEGNALE FORTE, RISPETTO AL PASSATO N = 501 CASI - TOTALE CAMPIONE
  • COS’E’ LA COMPLEMENTARIETA’ “La diversità tra uomini e donne è una ricchezza per entrambi” “ CI SONO CONTRASTI TRA L’UOMO E LA DONNA, SONO UNO L’OPPOSTO DELL’ALTRA … I LORO COLORI SONO ASSOLUTAMENTE COMPLEMENTARI … E’ COME SE IL GIORNO ESISTESSE SENZA LA NOTTE E VICEVERSA, NON AVREBBE SENSO … “
  • LA PRATICA DELLA COMPLEMENTARIETA’ “Avere gli stessi obiettivi, raggiungerli insieme completandosi” Lei si considera molto d’accordo, abbastanza, poco o per niente d’accordo con le seguenti affermazioni? MOLTO ABBASTANZA POCO PER NULLA % Molto + % Abbastanza d’accordo TOTALE
  • OGGI LA DISCRIMINAZIONE DELLA DONNA E’ UN DATO DI FATTO CON SFUMATURE PIU’ O MENO EVIDENTI. LIVELLO SOCIALE DIFFICOLTA’ NEL REALIZZARSI. LIVELLOPRIVATO CONFLITTO UOMODONNA NELLA DEFINIZIONE DEI RUOLI.
  • …grazie per l’attenzione! Simona Beltrame