Your SlideShare is downloading. ×
Goldoni Sintesi
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Saving this for later?

Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime - even offline.

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

Goldoni Sintesi

8,666
views

Published on

Alcuni cenni sul teatro goldoniano

Alcuni cenni sul teatro goldoniano


0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
8,666
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
5
Actions
Shares
0
Downloads
107
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Carlo Goldoni rapidi cenni sul teatro di Goldoni
  • 2. Goldoni
    • Argomenti chiave
    La commedia dell’Arte Le maschere La rivoluzione teatrale
  • 3. La commedia dell’Arte 1
    • Detta anche “Teatro dell’Improvviso”
    • Gli attori erano dei professionisti che recitavano senza un copione ben preciso
    • Uso del “canovaccio”
    • Uso delle maschere che divennero popolarissime anche in Francia e nelle corti europee
    • Arlecchino e Pulcinella su tutti
  • 4. La commedia dell’Arte 2
    • I temi erano soprattutto divertenti
    • Alcune gag erano famose e richieste dal pubblico
    • Si ironizzava sui potenti
    • Ispirò grandi artisti come Molière
  • 5. La decandenza
    • Col passare del tempo quelle che erano le sue qualità divennero dei difetti
    • Si replicavano sempre le scene che piacevano al pubblico e quindi non ci si rinnovava
    • Al popolo piacevano poi le battute pesanti, le trame semplici, i soliti personaggi
    • La qualità divenne sempre + scadente e le opere sempre + ripetitive e volgari
  • 6. Le maschere 1
    • Erano utilizzate per comodità: quando si vedeva apparire in scena Arlecchino già si conoscevano le caratteristiche del personaggio:
        • Servo comico
        • Sempre affamato
        • Sempre senza un soldo
        • Fifone…
  • 7. Le maschere 2
    • Divennero quindi elementi della ripetitività delle Commedie
    • Tutti volevano vedere Arlecchino e sempre con le medesime caratteristiche
    • Le gag si ripetevano di continuo
  • 8. Le maschere 3
  • 9. La Rivoluzione teatrale 1
    • Goldoni si rese conto che il Teatro dell’Arte era in forte crisi
    • Cercò di modificarlo facendo attenzione a non deludere però i suoi spettatori
    • Iniziò inserendo personaggi della vita reale accanto alle maschere (Il Bugiardo-1750)
    • Poi piano piano le maschere sparirono completamente (La Locandiera-1752)
  • 10. La Rivoluzione teatrale 2
    • Quindi cominciò a lavorare sulle storie
    • Non + le solite trame ripetute, ma vicende di vita reale
    • Rispecchia la situazione sociale del 700:
        • Crisi della nobiltà
        • Nascita e sviluppo della borghesia
        • Cambiamenti socio-economici in atto
        • Scontro fra tradizione e rinnovamento
  • 11. La Rivoluzione teatrale 3
    • Lavorò anche sul linguaggio
    • Continuò sulla tradizione della commedia dell’Arte che utilizzava il dialetto
    • Prima opera è in veneziano: Il Momolo Cortesan (1738)
    • Poi passa gradatamente all’Italiano
    • Ma mantiene scene e gag della commedia dell’arte: Arlecchino servitor di due padroni (1753)
  • 12. La Rivoluzione teatrale 4
    • Infine abbandonò gradatamente il canovaccio
    • Cominciò a scrivere le parti principali lasciando all’improvvisazione solo le parti di contorno
    • Finì per scrivere l’intero testo della commedia con La donna di garbo (1743)
  • 13. Principali opere
    • Opere d’ambiente
      • + moderne, illustrano la società del tempo
    • La Locandiera, Le baruffe chiozzotte, La bottega del caffè, Il Campiello
    • Opere di carattere
      • + vicine alla commedia dell’Arte
      • Costruite su alcuni personaggi e sulle loro caratteristiche
    • Il Bugiardo, Sor Todero brontolon, I Rusteghi, La vedova scaltra…
    Scrisse tantissimo: commedie comiche (d’ambiente e di carattere), libretti d’opera, Tragicommedie. Scrisse in 3 lingue: veneziano, Italiano e Francese (Il Burbero benefico)
  • 14. Approfondimenti nel sito del Polo Valboite: http://www.polovalboite.it/materiali/ goldoni / Goldoni_file / frame.htm