Quadratino mieli-dautore
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Quadratino mieli-dautore

on

  • 550 views

Mieli d'autore è una giovane apicoltura nata nel 2007 dopo un grande salto a capofitto dentro il mondo nel miele.

Mieli d'autore è una giovane apicoltura nata nel 2007 dopo un grande salto a capofitto dentro il mondo nel miele.

Statistics

Views

Total Views
550
Views on SlideShare
549
Embed Views
1

Actions

Likes
0
Downloads
3
Comments
0

1 Embed 1

http://www.slideshare.net 1

Accessibility

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Quadratino mieli-dautore Quadratino mieli-dautore Document Transcript

  • Mieli d’autore è una giovane apicoltura nata nel2007 dopo un grande salto a capofitto dentro ilmondo nel miele. L’apicoltura presume la presenzadi un apicoltore... eccomi, sono Andrea. Trentino dinascita, ragioniere per studio, apicoltore per pas-sione, papà per amore.Nel 2002 cambio lavoro da ragioniere in una gran-de azienda a ragioniere in un’allora piccola apicol-tura trentina.Scopro di conoscere già il mondo dell’apicoltura, avolte la vita di tutti i giorni ci fa dimenticare le coseche ci hanno fatto diventare grandi. Nonno avevaqualche arnia quando ero piccolo, utilizzava le apitutte le primavere per favorire l’impollinazione nelmeleto, ma da quanti anni non ci pensavo più...Quando sono arrivato in apicoltura dal mio ami-co Andrea, guarda caso ci chiamiamo allo stessomodo, ero piuttosto ignorante in materia, ma ho
  • avuto un insegnate di massimo rispetto. Uno diquelli che ti da di più, ha soffiato nelle mie naricila passione per la disciplina che fin dalla notte deitempi l’uomo ha praticato, l’amore per un insettoche da tutto se stesso per un nettare delicato e pre-zioso, il miele. Le api e il miele sono diventate la miapassione, ho voluto subito provare a fare, Andreaè stato intenso e paziente, mi ha insegnato tanto;tanto ho imparato da lui, tanto imparo ogni voltache esco con loro: le api.Non sono di certo io l’autore di questa grande ope-ra, ma sono loro: le api e la natura.Grande rispetto quindi, per il dolce nettare che ciregalano sempre educatamente e che noi offriamoa voi che pazientemente avete letto la nostra storiache solo ora inizia davvero. Andrea, Lucia e Filippo
  • per saperne di più...Il miele è la sostanza alimentare che le api produco- Cento grammi di miele forniscono 320 calorie edno partendo dal nettare dei fiori o dalle secrezioni di un potere dolcificante elevato (superiore a quelloparti vive di piante, che esse raccolgono, trasforma- del saccarosio). È costituito prevalentemente dino, combinano con sostanze proprie e depongono zuccheri semplici e presenta una facile digeribilità.nei loro favi. Avvengono numerosi scambi da un’ape Il glucosio entra infatti direttamente in circolo eall’altra, all’interno dell’alveare, che consentono una viene quindi utilizzato immediatamente mentre ilgraduale maturazione ed arricchimento di enzimi fruttosio è consumato più lentamente garantendoche derivano dalle secrezioni ghiandolari delle api un apporto energetico diluito nel tempo.stesse. I componenti principali del miele sono il frut- Il miele non è un alimento completo per la carenzatosio, il glucosio, l’acqua, altri zuccheri e sostanze di vitamine e proteine.diverse, tra cui acidi organici, sali minerali, enzimi,aromi e molte altre. Il miele va conservato al riparo dall’aria, dall’umi-Il miele è un alimento di elevato valore nutritivo, fa- dità e dalla luce. La temperatura ottimale è 14°C. Lacilmente assimilabile. Il glucosio fornisce energia di cristallizzazione del miele avviene per processo na-immediato utilizzo, il fruttosio viene metabolizzato turale, per riaverlo liquido è sufficiente riscaldare ila livello epatico e costituisce una riserva energetica. vaso a bagnomaria senza superare i 40°C.
  • Miele di acacia(Robinia pseudoacacia)Viene prodotto a maggio un po’ in tutto Italia nelle zonecollinare, ma le Prealpi possono essere considerate la zonapiù tipica di provenienza.Colore molto chiaro, tra i più chiari in assolutoCristallizzazione assente perché ricco di fruttosioOdore molto leggero e delicato, ricorda il confetto e la vanigliaSapore molto delicato, ricorda leggermente il profumo deifiori, vanigliatoProprietà naturali della pianta la corteccia ha proprietàemetiche, i fiori lassative e antispasmodicheUtilizzo come dolcificante naturale in tutte le bevande dalcaffé alle tisane o nello yogurt naturale. Interessante l’abbi-namento con i formaggi erborinati come il gorgonzola. Na-sce in questo caso un piacevole contrasto tra le sensazionidi dolce e di piccanteGrammature disponibili 40g - 250g - 400g - 1000g
  • Miele di agrumiLe maggiori produzioni si hanno ad aprile negli agrumetimeridionali ed insulari dove questa coltura viene praticatain grandi estensioni. Si ottengono in genere mieli di agrumimisti e solo molto raramenti partite provenienti da una sin-gola varietà (arancio, limone, clementino).Colore molto chiaro, bianco crema nel cristallizzatoCristallizzazione a grana fineOdore intenso, fruttato, ricorda i fiori di arancioSapore miele di grande intensità aromatica tra il floreale edil fruttato, leggermente aciduloProprietà naturali della pianta gli oli essenziali presenti nellabuccia e nei fiori, hanno proprietà carminative (contrastanoil gonfiore addominale)Utilizzoè uno dei mieli da tavola universalmente più appez-zato, da provare come drink dissetante con acqua, ghiac-cio e poco limoneGrammature disponibili 40g - 250g - 400g - 1000g
  • Miele di castagno(Castanea sativa)Si produce in tutta Italia, dalle Alpi alla Sicilia, nelle zonedi media montagna nel mese di giugno. È un miele tipica-mente amaro, ricco di sali minerali molto apprezzato daglisportivi.Colore da ambrato a quasi nero, secondo le zone di pro-duzioneCristallizzazione in genere assenteOdore forte, penetrante e persistenteSapore simile all’odore, pungente all’inizio poi più o menofortemente amaro a seconda dell’origineProprietà naturali della pianta noto come rimedio naturaleper curare la pertosse, la faringite e la diarreaUtilizzo è il più ricco di sai minerali e per questo molto ap-prezzato dagli sportivi, ottimo abbinato al Grana Trentinoche ne esalta la naturale dolcezzaGrammature disponibili 40g - 250g - 400g - 1000g
  • Miele di eucalipto(Eucalyptus sp.)Viene prodotto all’inizio di luglio nell’Italia centro-meridio-nale, dove gli eucalipti sono stati piantati come siepi fran-givento o per rimboschimento. La pianta conferisce al mieleuna caratteristica profumazione balsamica.Colore ambrato medio, nel cristallizzato tende al grigioCristallizzazione spesso in modo compattoOdore intenso, di funghi secchiSapore forte, simile all’odore, ma più gradevole, ricorda lecaramelle al latteProprietà naturali della pianta l’eucaliptolo ha proprietàantisettiche, disinfettanti, mucolitiche, antipiretiche ed emo-statiche; è un diatetico e ipoglicemizzante (abbassa il livellodegli zuccheri nel sangue)Utilizzo da provare nello yogurt o con formaggi agri comela Feta GrecaGrammature disponibili 40g - 250g - 400g - 1000g
  • Miele di fiori delle alpiViene prodotto fra giugno e luglio sul limitare dei boschivicino ai pascoliColore ambrato chiaro, talvolta più scuro a causa dellapresenza di melate, nocciola da cristallizatoCristallizzazione inizialmente liquido cristallizza nel vasospontaneamente dopo vari mesiSapore delicato e complesso alla stesso tempo fa spaziarela fantasia di tutti nelle sue 1000 sfaccettatureGrammature disponibili 40g - 250g - 400g - 1000gCuriosità la montagna dell’arco alpino è un sistema com-plesso legato all’equilibrio fra uomo e natura. Le moltissimespecie nettarifere conferiscono a questo miele un saporedelicato ed un colore ambrato, reso talvolta scuro dallapresenza di melate. Questo miele può presentare carat-teristiche diverse, perché infinite sono le combinazioni dinettari che possono dar vita alla miscela finale.
  • Miele di girasole(Helianthus annuus)La produzione di miele di girasole si effettua a luglio, questaè crescita negli ultimi anni, parallelamente alla diffusionedella coltura.Colore giallo vivoCristallizzazione variabile ma sempre rapida e fineOdore leggero, di paglia, di cera, di frutta cottaSapore ricorda la frutta trasformata, il succo di albicocca,è meno dolce degli altri mieli, la sua cremosità rinfresca ilpalato. Leggermente acidoUtilizzo come miele da tavola, ma molto utilizzato anche inpasticceria e dall’industria alimentareGrammature disponibili 40g - 250g - 400g - 1000g
  • Miele di melata di bosco(di Metcalfa pruinosa)Metcalfa pruinosa è un insetto di origine americana recen-temente introdotto nel nostro Paese e diffusosi soprattuttonell’Italia nord-orientale. Attacca molte piante diverse siaspontanee che coltivate e produce un’abbondane melata,raccolta dalle api che ne fanno un miele molto particolare.Colore molto scuro quasi neroCristallizzazione in genere assenteOdore forte e penetrante, vegetale, di verdura cotta, mimarmellata di pomodori verdi, sul finale di zucchero cottoSapore meno dolce e stucchevole dei mieli di nettare, a vol-te leggermente salto, di malto, di verdura cotta, di prugneseccheUtilizzo scaldato a bagno maria fino a 35° e servito sullaricotta fresca come dolce a fine pastoGrammature disponibili 40g - 250g - 400g - 1000g
  • Miele di millefioriViene prodotto a fine primavera in zone diverse di anno inannoColore ambrato da liquido, ambra con tonalità arancionida cristallizatoCristallizzazione inizialmente liquido cristallizza nel vasospontaneamente dopo vari mesiOdore mediamente intenso a seconda delle annateSapore delicatoUtilizzo in cucina unito a curry nella preparazione del con-dimento per la carne alla braceGrammature disponibili 40g - 250g - 400g - 1000gCuriosità contrariamente a quanto si pensa il millefiori nonè un miele con caratteristiche omogenee, si tratta di un pro-dotto tipico di ogni apicoltura.
  • Miele di rododendro(Rhododendron sp.)Pregiatissimo miele alpino, prodotto solo in alta montagna,tra la metà di giugno e quella di luglio, ad un altitudine dovele condizioni climatiche instabili rendono la produzione dimiele incostante di anno in anno.Colore molto chiaro, bianco nel cristallizzatoCristallizzazione variabile ma spesso in massa pastosaOdore molto leggero, ricorda i piccoli fruttiSapore delicato, con un aroma molto leggero che ricordala marmellata di piccoli frutti selvaticiProprietà naturali della pianta le foglie e le galle sono dia-foretiche, diuretiche, sudorifere, depurative ed antireuma-ticheUtilizzo interessante in abbinamento col pane di segale e in-saccati affumicati e speziati, per la sua caratteristica finezzaoffre grandi sensazioni abbinato alle carni salate di cervoGrammature disponibili 250g - 400g - 1000g
  • Miele di tarassaco e melo(Taraxacum officinale, Malus domestica)Viene prodotto all’inizio della quando esplodono in con-temporanea la fioritura del tarassaco e del melo nella vi-cina Val di Non.Colore giallo ambratoCristallizzazione molto rapida con grana media e fineOdore molto intenso, pungente, tipico del fiore di tarassacoSapore simile all’odore, persistente e di media dolcezza,aroma intenso e fresco con sentori di camomilla, con unaleggera nota amara e acidula data dal meloProprietà naturali della pianta il tarassaco ha spiccate pro-prietà diuretiche, impiegato anche per la cefalea e l’iper-colesterolemiaUtilizzo come miele da tavola per chi ne apprezza il gusto,ottimo spalmato sul pane caldo con l’aggiunta di un pizzicodi pepe ed una sottile fetta di lardoGrammature disponibili 40g - 250g - 400g - 1000g
  • Miele di tiglio(Tillia sp.)Viene prodotto a fine giugno, inizio luglio, sui tigli selvaticialle pendici delle Alpi, spesso in miscela con miele di casta-gno e sulle alberature di viali e parchi, se sufficientementeestesi. È spesso in miscela con quantità più o meno abbon-danti di melata della stessa origine.Colore da chiaroquasi biancoCristallizzazione compatta e fineOdore fresco, tipicamente balsamicoSapore simile all’odore, mentolato e resinosoProprietà naturali della pianta calmante del sistema nervo-so, utile contro le coliti spastiche. Il tiglio ha notevoli pro-prietà antismogUtilizzo il suo migliore impiego è quello di dolcificante nelletisane o nelle bevande caldeGrammature disponibili 40g - 250g - 400g - 1000g
  • Il ruolo dell’ape in natura Le api e l’alveareLe api svolgono un ruolo di primo piano in agricoltu- Sei in un prato di montagna, dove crescono fiori colo-ra, perché costituiscono i veicoli naturali dei quali la ratissimi di tante varietà diverse fra cui ronzano nu-natura si serve per l’ impollinazione: il loro servizio goli di api. Osserva attentamente, volano dai fiori delcomprende quasi tutte le specie commestibili usate e trifogli profumati ai bottoni gialli del tarassaco, dan-coltivate dall’ uomo per le proprie necessità alimen- zano armoniosamente e atterrano sulle corolle deli-tari e tessili. Inoltre le api sono considerate dei bio- cate. Guardale volare dentro e fuori dai fiori. Containdicatori attendibili per valutare il livello di inqui- quante ne arrivano e quante ne partono. Cosa stannonamento ambientale di un determinato territorio; facendo? Comunicheranno tra loro? Dove vivono?infatti in una zona malsana e inquinata le api non sifanno vedere o fuggono al momento in cui l’ inqui- Se questo mondo ti affascina visitanamento compare; sono invece presenti in quantitàdove le condizioni ecologiche sono buone. il nostro sito: www.mielidautore.it,Le api, per produrre 1 kg di miele, devono visitare ca. trovarai tantissimi spunti6.000.000 di fiori. Esse portano il nettare all’ alvea- per conoscere questo mondore e producono il miele. meraviglioso!
  • More info & e-shop:www.mielidautore.it