• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Social media e VE 2.0
 

Social media e VE 2.0

on

  • 534 views

Corso in Informatica e disegno industriale dello IUAV 3 marzo 2010

Corso in Informatica e disegno industriale dello IUAV 3 marzo 2010

Statistics

Views

Total Views
534
Views on SlideShare
516
Embed Views
18

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

1 Embed 18

http://www.michelecamp.it 18

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Apple Keynote

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment
  • <br />
  • <br />
  • <br />
  • <br />
  • <br />
  • <br />
  • <br />
  • <br />
  • <br />
  • <br />
  • <br />
  • <br />
  • <br />
  • <br />
  • <br />
  • <br />
  • <br />
  • <br />
  • <br />
  • <br />
  • <br />
  • <br />
  • <br />
  • <br />
  • <br />
  • <br />
  • <br />
  • <br />
  • <br />
  • <br />
  • <br />
  • <br />
  • <br />
  • <br />
  • <br />

Social media e VE 2.0 Social media e VE 2.0 Presentation Transcript

  • Venezia è una città dove si può innovare? e, se sì.....che cosa è l’innovazione nell’epoca contemporanea?
  • Si, anche a Venezia si può innovare: green economy, da atomi a bit
  • Si, anche a Venezia si può innovare: green economy, da atomi a bit Banda larga e connettività in movimento WIFI
  • WEB 2.0
  • WEB 2.0
  • WEB 2.0
  • WEB 2.0
  • WEB 2.0
  • WEB 2.0
  • WEB 2.0
  • WEB 2.0
  • WEB 2.0
  • WEB 2.0
  • WEB 2.0 vuol dire, innanzitutto dialoghi e conversazioni
  • WEB 2.0 vuol dire, innanzitutto dialoghi e conversazioni Cambiano anche molti parametri dell’economia classica: gratis ed economia del dono. “I mercati sono conversazioni”
  • AMMINISTRARE 2.0 MANIFESTO DELL’INNOVAZIONE NEL COMUNE DI VENEZIA La Rete è il luogo dove risiede la conoscenza collettiva Tutti partecipano alla costruzione della conoscenza Le procedure e la filosofia WEB 2.0 trasformano i favori in diritti Il WEB 2.0 non è una tecnologia, è WEB generato dal processo di collaborazione tra gli utenti Il processo collaborativo ha come protagonisti anche i cittadini Il cittadino esige il rispetto dei propri diritti, non necessita di favori Il processo collaborativo ha come finalità la risoluzione dei problemi dei cittadini La qualità del prodotto finale è determinata dall’ottimizzazione del processo di collaborazione fra i molti Le azioni positive dell’ente si basano sulla collaborazione La crescita di produttività dell’Amministrazione si basa sui processi di collaborazione La conoscenza è frutto della condivisione Di conseguenza, collaborare implica l’abbandono del termine “mio”, esiste il termine “nostro” (da il mio documento, la mia procedura, la mia conoscenza, a i nostri documenti, la nostra procedura, la nostra conoscenza)
  • Architettura software costruita sui bisogni dei cittadini, cambia il principio dell’autoreferenzialità della macchina amministrativa.
  • Una trasformazione decisiva per il cambiamento dell’economia turistica il mercato è fatto anche dal passaparola degli utenti
  • “le formiche hanno i megafoni”
  • “le formiche hanno i megafoni” Chris Anderson
  • Il “diritto all’accesso” è, nell’epoca contemporanea, ciò che fa la differenza nelle nostre chances di vita. Riunificare “cittadinanza e digitale”. Rileggere il termine “digital divide”.
  • grazie per l’attenzione!!! m.vianello@vegapark.ve.it il mio blog http://www.michelecamp.it