Diritto dell'immigrazione parte 4

  • 497 views
Uploaded on

Il permesso di soggiorno di lungo periodo. L'art. 6 del D. Lgs. 286 del 1998 e gli obblighi degli stranieri nel corso del soggiorno. I respingimenti e le espulsioni: primi cenni.

Il permesso di soggiorno di lungo periodo. L'art. 6 del D. Lgs. 286 del 1998 e gli obblighi degli stranieri nel corso del soggiorno. I respingimenti e le espulsioni: primi cenni.

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
497
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1

Actions

Shares
Downloads
39
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. L’immigrazionespunti per una introduzione allo studio del diritto all’immigrazione Parte 4 a cura del Dr. Michele RANA
  • 2. I PERMESSO DI SOGGIORNO DI LUNGO PERIODO… è rilasciato sempre dal QuestoreArtt. 9 e 9 bis del D. Lgs. 286 del 1998 Direttiva 2003/109/CE del Consiglio,del 25 novembre 2003, relativa allo status dei cittadini di paesi terzi che siano soggiornanti di lungo periodo.
  • 3. Perché un P.S.L.P. ? Ha la funzione di premiare un progetto di integrazione sul suolo europeo di lunga durata e “quasi” estendere alcuni dei benefici, come la libera circolazione e il libero soggiorno (per accedere a studio e lavoro, dei comunitari anche ai cittadini extracomunitari. Infatti i titolari extracomunitari titolari del P.L.S.P. sonoriconosciuti come tali in ogni Paese membro dell’U.E. (esclusi Danimarca, Regno Unito e Irlanda)
  • 4. I benefici• Si estendono anche ai familiari di cui all’art. 29 del D. Lgs. 286 del 1998;• Lo straniero può entrare in Italia senza visto, svolgere attività lavorativa, usufruire dei servizi e delle prestazioni erogate dalla pubblica amministrazione, partecipare alla vita pubblica locale.• Lo straniero titolare di un permesso di soggiorno CE, rilasciato da altro Stato membro, può rimanere in Italia oltre i 3 mesi, per esercitare unattività economica come lavoratore regolare; frequentare corsi di studio o di formazione professionale; soggiornare, dimostrando di avere sufficienti mezzi di sostentamento (reddito superiore al doppio dellimporto minimo previsto per lesenzione della spesa sanitaria) e stipulando unassicurazione sanitaria per lintero periodo del soggiorno.
  • 5. I Requisiti• Essere in possesso di un permesso di soggiorno in corso di validità da almeno 5 anni;• la disponibilita di un reddito non inferiore allimporto annuo dellassegno sociale e, nel caso di richiesta relativa ai familiari, di un reddito sufficiente secondo i parametri indicati nellarticolo 29, comma 3, lettera b) (assegno familiare 2013: 5.749,90 euro - 442,30 euro per 13 mensilità determinato INPS);
  • 6. I Requisiti• un alloggio idoneo che rientri nei parametri minimi previsti dalla legge regionale per gli alloggi di edilizia residenziale pubblica ovvero che sia fornito dei requisiti di idoneita igienico- sanitaria accertati dallAzienda unita sanitaria locale competente per territorio;• la conoscenza della lingua italiana (test) salvo che si tratti di persona invalida o minore di anni 14 o maggiore di anni 65 o…
  • 7. Sulla conoscenza della lingua italiana Il 9.12.2010 è entrato in vigore il Decreto del Ministro dellInterno dintesa con il Ministro dellIstruzione, dellUniversità e della Ricerca, del 4 giugno 2010, recante le "Modalità di svolgimento dei test di conoscenza della lingua italiana".Lo stesso decreto ha attribuito alle Prefetture - Uffici Territoriali del Governo le competenze relative alla ricezione delle richieste di svolgimento del test, alla convocazione dello straniero presso le sedi individuate ed alla acquisizione dellesito ai fini della comunicazione alla Questura. Il Dipartimento per le Libertà Civili e lImmigrazione ha predisposto un sistema informatico, di supporto alle Prefetture, che consente di ricevere le richieste degli stranieri, di organizzare lo svolgimento del test e di acquisirne gli esiti. Tali attività sono dettagliatamente descritte dalla circolare n. 7589, diramata dal medesimo Dipartimento, il 16 novembre 2010.
  • 8. Sono esclusi dallobbligo di sostenere il test, i figli minori di anni 14, anche nati fuori dal matrimonio, propri e del coniuge. Non è necessario effettuare il test della lingua italiana, qualora lo straniero sia in possesso di…attestati o titoli che certifichino la conoscenza della lingua italiana ad un livello non inferiore al livello A2 del Quadro comune di riferimento europeo per la conoscenza delle lingue approvato dal Consiglio dEuropa, rilasciato dagli enti certificatori riconosciuti dal Ministero degli Affari Esteri e da quello dellIstruzione, dellUniversità e della Ricerca:… titoli di studio o titoli professionali (diploma di scuola secondaria italiana di primo o secondo grado, oppure certificati di frequenza relativi a corsi universitari, master o dottorati)… attestazione che lingresso in Italia è avvenuto ai sensi dellart. 27, co. 1 lett. a), c), d), q) del decreto legislativo 286/98 e successive modificazioni…certificazione, rilasciata da una struttura sanitaria pubblica, nella quale sia dichiarato che lo straniero è affetto da gravi limitazioni alla capacità di apprendimento linguistico derivanti dalletà, da patologie o handicap
  • 9. I Requisiti• non devono essere considerati pericolosi l’ordine e la sicurezza pubblica;• non devono essere in possesso di un permesso di soggiorno legato a motivi di natura temporanea o alla condizione sospensiva della verifica di requisiti o raggiungimento di obiettivi (motivi di studio o formazione professionale, riconoscimento status di rifugiato o protezione temporanea o per motivi umanitari ovvero hanno chiesto il permesso di soggiorno a tale titolo e sono in attesa di una decisione su tale richiesta)
  • 10. Ancora… sul giudizio di pericolosità per l’ordine e la sicurezza pubblicaIl Consiglio di Stato (Sez. VI, 1.10.2008 Sent. n. 4743) conferma che è escluso ogni automatismo del diniego del permesso di soggiorno CE per lungo soggiornanti di lungo periodo per il solo fatto che lo straniero abbia riportato sentenze penali di condanna ma che l’eventuale fatto criminoso accertato nella sentenza penale di condanna può essere considerato elemento di pericolosità dello straniero per l’ordine pubblico e la sicurezza…
  • 11. e il giudizio di pericolosità si effettua sui seguenti criteri: a) necessità di un accertamento oggettivo e non meramente soggettivo degli elementi che giustificano sospetti e presunzioni b) attualità della pericolo; c) necessità diesaminare globalmente la personalità del soggetto risultante da tutte le manifestazioni sociali della sua vita; d)sindacabilità dei giudizi discrezionali dellaP.A. soltanto per macroscopiche illogicità o inattendibilità
  • 12. Circolare Min. Interno 16 Febbraio 2007 n. 400/A/2007/463/P10.2.2Il provvedimento di diniego di rilascio del permesso di soggiorno di lungo periododeve riportare un’articolata motivazione su tutti gli elementi che hanno contribuito a formulare un giudizio di pericolosità attuale e concreta e deve tener conto dell’inserimento sociale, familiare elavorativo, e della durata del suo soggiorno sul territorio italiano
  • 13. Durata del P.L.S.P. CELa durata del permesso di soggiorno di lungo periodo è permanente fatti salvi i casi di revoca.
  • 14. La revoca del P.S.L.P. Art. 9, comma 7, del D. Lgs. 286 del 1998Il permesso di soggiorno di cui al comma 1 e revocato:a) se e stato acquisito fraudolentemente;b) in caso di espulsione, di cui al comma 9;c) quando mancano o vengano a mancare lecondizioni per il rilascio, di cui al comma 4;d) in caso di assenza dal territorio dellUnione per unperiodo di dodici mesi consecutivi;e) in caso di conferimento di permesso di soggiorno dilungo periodo da parte di altro Stato membrodellUnione europea, previa comunicazione da parte diquestultimo, e comunque in caso di assenza dalterritorio dello Stato per un periodo superiore a sei anni.
  • 15. Gli obblighi dello straniero nelcorso del soggiorno (Art. 6 del D.Lgs. 286 del 1998)• Lo straniero è tenuto, qualora voglia accedere a prestazioni delle pubbliche amministrazioni a qualsiasi livello (centrale o periferico) ad esibire il suo permesso di soggiorno (tranne per le prestazioni del servizio sanitario nazionale – diritto alla salute – e quelle del servizio scolastico obbligatorio)• Lo straniero deve esibire, fatta salva l’esistenza di un giustificato motivo, a richiesta degli Ufficiali ed Agenti di P.S. i documenti di viaggio, di soggiorno, o altro documento che attesti la sua identità o la regolarità del soggiorno (in caso di inottemperanza sanzione penale);
  • 16. • quando vi siano motivi di dubitare sulla sua identità lo straniero deve sottostare alla sottoposizione del rilievi fotodattiloscopici;• può vedersi richieste dall’Autorità di Pubblica Sicurezza informazioni e atti circa il suo livello di reddito e circa l’esistenza di fonti di sostentamento lecite;• deve comunicare al questore competente per territorio, entro i quindici giorni successivi, le eventuali variazioni del proprio domicilio abituale.
  • 17. Le misure che impediscono l’accesso nel territorio dello Stato ovvero il proseguirsi della sua permanenza Capo II Controllo delle frontiere, respingimento ed espulsione Il respingimento (art. Le espulsioni (art. 10 del D. Lgs. 286 13 e ss. del D. Lgs. del 1998) 286 del 98)Alla frontiera del Questore
  • 18. Cosa sono i respingimenti e le espulsioni ? Sono provvedimenti amministrativi o giudiziari immediatamente eseguibili, che prevedono un’istruttoria più o meno estesa; nel loro contenuto sono capaci di limitare la libertà di circolazione dello straniero (ingresso e soggiorno).
  • 19. Cosa sanzionano ? L’immigrazione irregolare (quella che avviene per l’ingresso senza visto, senza il permesso di soggiorno, fuori dai valichi di frontiera autorizzati) o il fallimento di unprogetto di soggiorno/integrazione in Italia (stranieri a cui è stato rifiutato per lamancanza il permesso di soggiorno, oppureè scaduto o per la perdita dei requisiti per ilsoggiorno, straniero pericolosi per l’ordine e la sicurezza pubblica…ecc. ecc.)
  • 20. I Respingimenti ALLA FRONTIERAArt. 10, comma 1, : “La polizia di frontiera respinge gli stranieri che si presentano ai valichi di frontiera senza avere i requisiti richiesti dal presente testo unico per lingresso nel territorio dello Stato.” Requisiti: Titolo di viaggio, visto di ingresso o permesso di soggiorno in corso di validità
  • 21. RETROVALICO Art. 10, comma 2: “Il respingimento con accompagnamento alla frontiera è altresì disposto dal questore nei confronti degli stranieri: a) che entrando nel territorio dello Stato sottraendoli ai controlli di frontiera, sono fermati allingresso o subito dopo;” (CRITERIO SPAZIALE E TEMPORALE)“b) che, nelle circostanze di cui al comma 1, sono stati temporaneamente ammessi nel territorio per necessità di pubblico soccorso.”
  • 22. ECCEZIONE/RINVIO ALL/DELL’ACCOMPAGNAMENTO/ RESPINGIMENTO IMMEDIATO(Ammissione temporanea) in frontiera Tutela di beni “necessità costituzional di i come il diritto alla soccorso vita e alla pubblico” salute
  • 23. ECCEZIONE al PROVV.TO di RESPINGIMENTO“...nei casi previsti dalle disposizioni vigenti che disciplinano lasilo politico, il riconoscimento dello status di rifugiato ovvero ladozionedi misure di protezione temporanea per motivi umanitari.” (art. 10, comma 4, del D. Lgs. 286 del 1998)
  • 24. La prossima volta... parleremo di Espulsioni... provvedimenti quando di naturaamministrativa del Prefetto, eseguiti dal Questore...