Comunicazione politica  2.0
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Comunicazione politica 2.0

on

  • 173 views

Politic Communication 2.0. How it works

Politic Communication 2.0. How it works

Statistics

Views

Total Views
173
Views on SlideShare
172
Embed Views
1

Actions

Likes
0
Downloads
10
Comments
0

1 Embed 1

https://twitter.com 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Comunicazione politica  2.0 Comunicazione politica 2.0 Presentation Transcript

    • http://michelabilotta.blogspot.it 1
    • Con l’avvento del Web 2.0 la rete è diventata una sconfinata piazza dove si stabiliscono relazioni, si conversa, si scambiano opinioni, si interagisce. http://michelabilotta.blogspot.it 2
    • In Italia nel 2013 sono 17 milioni le persone che quotidianamente si collegano a facebook; circa 10 milioni gli utenti di Twitter; oltre 70 milioni i blog Wordpress nel mondo.* * Fonti: La Repubblica e Nowmedia. http://michelabilotta.blogspot.it 3
    • Questa tendenza ha avuto enormi ripercussioni anche sulla Comunicazione Politica. http://michelabilotta.blogspot.it 4
    •    I tempi delle campagne elettorali si sono dilatati I media sono diventati da canali neutri a protagonisti del messaggio La rete è sempre più un’arena politica http://michelabilotta.blogspot.it 5
    • Perché essere in rete E’ ormai chiaro che la rete incide in maniera significativa sui processi di creazione del consenso. http://michelabilotta.blogspot.it 6
    • Perché essere in rete Un numero crescente di cittadini si informa sul web e spesso attribuisce alle notizie della rete qualità e veridicità maggiori rispetto a quelle veicolate dai media tradizionali. http://michelabilotta.blogspot.it 7
    • Riflettiamo un attimo: se anche decidessimo di non avere un sito, una pagina facebook, un account twitter, non potremmo comunque impedire ad altri utenti di esprimere opinioni sul nostro operato politico, sui nostri interventi, sul nostro programma. http://michelabilotta.blogspot.it 8
    • Dunque perché rinunciare all’opportunità di interagire con i discorsi che ci riguardano e di stabilire delle relazioni con gli utenti che parlano di noi? Perché non esprimere direttamente il nostro punto di vista? http://michelabilotta.blogspot.it 9
    • Ricordiamo che la rete offre un’opportunità che i media tradizionali non danno: comunicare se stessi senza intermediazioni (di giornalisti, conduttori tv, etc.). Mica poco! http://michelabilotta.blogspot.it 10
    • Né troppo presto, né troppo tardi. http://michelabilotta.blogspot.it 11
    • Siamo a ridosso della campagna elettorale: sarebbe come diventare amici di qualcuno e dopo cinque minuti chiedergli un prestito. http://michelabilotta.blogspot.it 12
    • Non abbiamo una precisa pianificazione degli obiettivi da comunicare; Non abbiamo un’approfondita conoscenza degli strumenti che si andranno ad utilizzare; - Non sappiamo “chi fa cosa”. http://michelabilotta.blogspot.it 13
    • Prima di fare il grande salto, un concetto deve essere assolutamente chiaro. La nostra presenza deve dare un valore aggiunto alle persone che ci seguono. http://michelabilotta.blogspot.it 14
    • Come essere in rete Padroneggiare le nuove tecnologie è importante, ma essere portatori di valori lo è ancora di più. Ovvero: meglio tacere, se non si ha nulla di interessante da dire. http://michelabilotta.blogspot.it 15
    • Avvicinandoci al mondo web è importante capire che i nuovi media hanno creato un ribaltamento di prospettiva. http://michelabilotta.blogspot.it 16
    • Prima c’era la persuasione Oggi c’è la convinzione http://michelabilotta.blogspot.it 17
    • Prima bisognava vendere Oggi bisogna acquistare (consenso e fiducia) http://michelabilotta.blogspot.it 18
    • Prima il politico si promuoveva Oggi si racconta http://michelabilotta.blogspot.it 19
    • Prima il politico si rivolgeva a testimonial famosi Oggi tutti gli utenti possono diventare testimonial http://michelabilotta.blogspot.it 20
    • • • • • • Partire da una ricerca per capire come siamo percepiti in rete e cosa si dice di noi Imparare dai casi di successo Rispondere sempre tempestivamente Postare con costanza Non mentire (in rete le bugie hanno le gambe corte) http://michelabilotta.blogspot.it 21
    • • • • • Chiarire a cosa si risponde in prima persona e a cosa è delegata la nostra redazione Mantenere sempre le promesse Condividere e rilanciare post di interlocutori con posizioni interessanti Promuovere la propria presenza on line negli incontri, sui biglietti da visita, sulle locandine, etc. http://michelabilotta.blogspot.it 22
    • • • • Calendarizzare i contenuti Pianificare le attività Scegliere prima i contenuti e poi i contenitori, quindi prima cosa scrivere e poi gli strumenti attraverso i quali scrivere http://michelabilotta.blogspot.it 23
    • Non improvvisare Non lasciarsi guidare dall’istinto Non tentare di convincere ad ogni costo Non censurare Non ricorrere facilmente alle querele http://michelabilotta.blogspot.it 24
    • E’ importante sfruttare nel modo giusto le potenzialità di ogni strumento, conoscendone le caratteristiche. http://michelabilotta.blogspot.it 25
    • Una strategia di comunicazione on line deve essere coerente con le attività di comunicazione off line, affinché non via sia discordanza tra i messaggi trasmessi. http://michelabilotta.blogspot.it 26
    • Il sito web è il biglietto da visita del politico, l’archivio e il contenitore dell’intera strategia di comunicazione on line. http://michelabilotta.blogspot.it 27
    • Sul sito il politico trasmette le proprie idee, il proprio programma e la propria agenda. http://michelabilotta.blogspot.it 28
    • Oggi non ha più senso il sito vetrina che si visita una sola volta, per cui è necessario renderlo dinamico. Come? http://michelabilotta.blogspot.it 29
    • Realizzando: Un’area istituzionale contenente la biografia e il programma politico (le persone apprezzano le info personali, aiutano a dare un’immagine più vera e umana). http://michelabilotta.blogspot.it 30
    • Un’area editoriale sempre aggiornata da comunicati ed articoli giornalistici. http://michelabilotta.blogspot.it 31
    • Un’area interattiva per dialogare con gli elettori con rimando ai social e al blog. http://michelabilotta.blogspot.it 32
    • Un’area per la diretta streaming di eventi. http://michelabilotta.blogspot.it 33
    • Il sito è la memoria storica di tutte le attività di comunicazione; amplifica il lavoro dell’ufficio stampa; consente ai giornalisti, in un’area riservata protetta da psw, l’accesso ai comunicati, al materiale audio e video, alle immagini. http://michelabilotta.blogspot.it 34
    • Il blog è uno spazio di approfondimento che arriva dove il sito web non riesce. Come quest’ultimo aggrega contenuti e svolge una funzione di perno rispetto agli altri strumenti, ma, a differenza del sito, permette di entrare in contatto diretto con il proprio elettorato, dialogare e costruire un rapporto di confronto duraturo. http://michelabilotta.blogspot.it 35
    • Privilegiate lo stile informale, siate brevi e autentici, linkate le fonti e le risorse, postate almeno due, tre post la settimana, preferibilmente di mattina presto. Quasi tutte le piattaforme di publishing consentono di pianificare l’orario di pubblicazione dei post. http://michelabilotta.blogspot.it 36
    • La parola d’ordine è pianificare e stabilire con anticipo: i temi da trattare; gli obiettivi; il target a cui ci si rivolge (elettorato, giornalisti, esponenti politici). http://michelabilotta.blogspot.it 37
    • In prossimità della header, la parte più vista, inserire:        una breve presentazione di se stessi; i Feed Rss affinché i lettori sappiano in tempo reale di ogni aggiornamento del blog; il tasto di ricerca dei contenuti; un elenco dei link ritenuti interessanti; l’archivio dei post; le parole chiave più usate nel blog (tag cloud); la pagina delle note legali. http://michelabilotta.blogspot.it 38
    • A differenza di Facebook, il blog è uno spazio in cui siete voi a dettare le regole, decidendo cosa è lecito e cosa non lo è. http://michelabilotta.blogspot.it 39
    • Per tale ragione è importante esplicitare una policy in cui stabilire le regole di buona educazione e di correttezza che bisogna rispettare nei commenti. http://michelabilotta.blogspot.it 40
    • In questo modo gli utenti sapranno già cosa aspettarsi in caso di commenti offensivi. http://michelabilotta.blogspot.it 41
    • E’ buona prassi rispondere sempre a tutti i commenti e opportuno non riportare eventuali volgarità o pesanti offese, ma essere chiari e decisi. http://michelabilotta.blogspot.it 42
    • Non alimentate la polemica. Il rischio è che le vostre risposte vengano riportate altrove, dando vita ad una diatriba senza fine. http://michelabilotta.blogspot.it 43
    • I commenti possono essere moderati, ovvero prevedere un meccanismo di approvazione, ma è opportuno evitare sempre la censura. I commenti censurati compariranno altrove e diffonderanno l’idea di voi come censori. http://michelabilotta.blogspot.it 44
    • Facebook può diventare un alleato prezioso per aggregare simpatizzanti e sostenitori. Ma solo se non si ha fretta e si seguono alcune regole. http://michelabilotta.blogspot.it 45
    • Quando si entra in casa d’altri si chiede permesso. Bene, è esattamente quello che bisogna fare entrando su Facebook. Non dimenticate mai, infatti, di essere ospiti e non padroni di casa! http://michelabilotta.blogspot.it 46
    • E’ buona norma entrare in punta di piedi, con rispetto, e togliersi le scarpe sporche (di politica, of course). http://michelabilotta.blogspot.it 47
    • Ascoltate le conversazioni altrui ed intervenite con moderazione. Ma solo se avete qualcosa di interessante da dire sull’argomento. Dare un valore aggiunto agli altri, ricordate? http://michelabilotta.blogspot.it 48
    • • • • • • • Non siate invadenti o aggressivi Adottate un tono colloquiale Rispettate le opinioni di tutti Scoprite i vostri lati umani Non usate un tono promozionale Instaurate delle relazioni http://michelabilotta.blogspot.it 49
    • Usate i post per fare domande: le risposte saranno un prezioso feedback per impostare future strategie. http://michelabilotta.blogspot.it 50
    • Create conversazioni su argomenti comuni e ricordate che è la qualità dei contenuti il miglior modo per fare engagement. http://michelabilotta.blogspot.it 51
    • In questo modo otterrete credibilità e serietà e sarete accettati come una fonte seria e accreditata. http://michelabilotta.blogspot.it 52
    • Una volta diventati credibili saranno gli altri utenti a fare da cassa di risonanza, a fungere da medium del vostro messaggio, sfruttando la capillarità della rete. http://michelabilotta.blogspot.it 53
    • Preferite la pagina al profilo personale perché: • • • la pagina non ha un limite di sottoscrittori permette il monitoraggio delle visite non tutti i simpatizzanti sono anche amici e con la pagina non avrete amici, ma “mi piace” http://michelabilotta.blogspot.it 54
    • Preferite il gruppo quando: • • • Volete conversare con persone che condividono uno specifico interesse (il gruppo non ha limiti di iscritti) Volete inviare comunicazioni mirate Volete promuovere iniziative o supportare cause http://michelabilotta.blogspot.it 55
    • Twitter Questa famosissima piattaforma di microblogging si integra perfettamente con Facebook perché, mentre quest’ultimo permette di approfondire conversazioni e relazioni, Twitter consente una comunicazione breve, immediata e diretta. http://michelabilotta.blogspot.it 56
    • Twitter Twitter non richiede un legame bidirezionale, come Facebook, in quanto le persone che seguiamo non necessariamente decidono di seguire noi. http://michelabilotta.blogspot.it 57
    • Twitter Obiettivo della presenza ottenere tanti follower. su Twitter è E con soli 140 caratteri. http://michelabilotta.blogspot.it 58
    • Twitter Come? http://michelabilotta.blogspot.it 59
    • Twitter Imparate a condividere! http://michelabilotta.blogspot.it 60
    • Twitter Leggete qualcosa di interessante? http://michelabilotta.blogspot.it 61
    • Twitter Condividete! http://michelabilotta.blogspot.it 62
    • Twitter Vi imbattete in un sito che vi piace, in un articolo che approvate, in una notizia vicina alle vostre idee politiche? http://michelabilotta.blogspot.it 63
    • Twitter Condividete! http://michelabilotta.blogspot.it 64
    • Twitter Leggete un tweet interessante? http://michelabilotta.blogspot.it 65
    • Twitter Retwittatelo! http://michelabilotta.blogspot.it 66
    • Twitter Ma soprattutto … http://michelabilotta.blogspot.it 67
    • Twitter Fate domande! E’ il miglior modo per ottenere informazioni e conoscere meglio i vostri potenziali elettori. http://michelabilotta.blogspot.it 68
    • Twitter Se qualcuno vi fa una domanda rispondete. Sempre e velocemente. http://michelabilotta.blogspot.it 69
    • Twitter Il giusto rapporto tra follower e following è di 1 a 3. E a proposito di numeri … http://michelabilotta.blogspot.it 70
    • Twitter Alcuni professionisti della comunicazione* sostengono la regola del 3x3x3. Ovvero: • • • postare 3 tweet al giorno in 3 orari diversi su 3 argomenti diversi * Mark Schaefer http://michelabilotta.blogspot.it 71
    • Questa famosa piattaforma di videosharing ha nella semplicità di funzionamento il suo punto di forza. Perché non sfruttarla? http://michelabilotta.blogspot.it 72
    • Avere un canale personale su youtube significa per un politico avere una sorta di palcoscenico virtuale su cui caricare i video dei propri comizi, gli eventi, le iniziative. http://michelabilotta.blogspot.it 73
    • Naturalmente, ormai lo saprete, è fondamentale integrare questo strumento con gli altri. Quindi promuovete i vostri video sul sito, sul blog, su facebook, su twitter. http://michelabilotta.blogspot.it 74
    • Se è vero che un’immagine vale più di mille parole … allora let’s Flickr! Postate immagini che rimandano ai vostri valori, alla vostra visione politica, foto di vita quotidiana, di incontri pubblici, condividete immagini di altri utenti. http://michelabilotta.blogspot.it 75
    • La comunicazione on line di Barack Obama insegna che il potere evocativo di una fotografia è grandissimo, perché le immagini, più delle parole, sono in grado di parlare il linguaggio condiviso delle emozioni. http://michelabilotta.blogspot.it 76
    • Un buon marketing mix dovrebbe prevedere: un sito web come contenitore dove confluiscono tutti gli altri strumenti; un blog per gli approfondimenti e per stabilire un rapporto duraturo con gli elettori; una pagina facebook per creare relazioni attraverso la partecipazione a discussioni di vario tipo; un account twitter per informare in modo istantaneo e semplificato. http://michelabilotta.blogspot.it 77
    • Vale la pena aggiungere che non esistono regole assolute e che nel web, come nella vita, la migliore maestra è l’esperienza. http://michelabilotta.blogspot.it 78
    • “La politica è l’arte del possibile”. Otto Von Bismark http://michelabilotta.blogspot.it 79
    • Michela Bilotta Consulente di comunicazione, web editor, copywriter, giornalista free lance. http://michelabilotta.blogspot.it https://www.facebook.com/michela.bilotta.7 http://michelabilotta.blogspot.it 80