Your SlideShare is downloading. ×
Monumental bronze doors
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Monumental bronze doors

910

Published on

YOU CAN WATCH THIS PRESENTATION IN MUSIC HERE: …

YOU CAN WATCH THIS PRESENTATION IN MUSIC HERE:
http://www.authorstream.com/Presentation/sandamichaela-1172013-monumental-bronze-doors/

Lodovico Pogliaghi was born in 1857 in Milan. He studied painting, sculpture and architecture at the Accademia di Brera under Pietro Magni, Giovanni Strazza and Giuseppe Bertini. Pogliaghi worked on the renovation of the Palazzo Turati in Milan in the 1880s but is probably best known for his 1904-08 depiction of the Virgin Mary's Sorrows and Joys on the monumental bronze doors of the Duomo in Milan.
!!!!! This is a notes page presentation. If you want more information, read speaker notes or after the download, follows the steps: File-new-read only-view-notes page!!!!
Thank you for downloading my show. Have a nice day!

9 Comments
2 Likes
Statistics
Notes
  • @1456789
    Muchas gracias Pilar por tan amable comentario y favorito. Me alegra de que te haya sido de tu gusto y muchas gracias por tu apoyo. Un abrazo
       Reply 
    Are you sure you want to  Yes  No
    Your message goes here
  • Primero mis felicitaciones Michaela, la presentación es espectacular, como nos va mostrando los diversos cuadrados de la puerta. Una puerta magnífica, una verdadera obra de arte. Gracias por mostrarnos esta belleza, Pilar
       Reply 
    Are you sure you want to  Yes  No
    Your message goes here
  • YOU CAN WATCH THIS PRESENTATION IN MUSIC HERE:
    http://www.authorstream.com/Presentation/sandamichaela-1172013-monumental-bronze-doors/
       Reply 
    Are you sure you want to  Yes  No
    Your message goes here
  • Thank you Cachi but tell me, please, have you ever wondered why you find some things funnier than others? Your humor is wonderful! Thank you to be so!!! And thank you for your kind comment!
       Reply 
    Are you sure you want to  Yes  No
    Your message goes here
  • With this type of art I would not mind use the expression: 'Slam the door in my face' (hahaha). Great job and thank you Michaela.
       Reply 
    Are you sure you want to  Yes  No
    Your message goes here
No Downloads
Views
Total Views
910
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
45
Comments
9
Likes
2
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide
  • i dolori e i gaudii di maria vergine   A cura di Chiara Palumbo La Porta Maggiore del Duomo di Milano ideata da Lodovico Pogliaghi è la più intensa ed elegante "pagina di arte sacra" del '900, che alla sua prima lettura dona da subito la percezione di un equilibrato ricamo di basso e altorilievi bronzei di raffinata fattura, ornati in alcuni particolari da pietre e gemme preziose. Un simbolico albero di Jesse, al centro dei due battenti, affonda le proprie radici nello zoccolo su cui corre nella parte sinistra l'iscrizione Vincens Dolore Martyres, accompagnata dalle immagini del Profeta Daniele, dell'Angelo della mestizia e del Profeta Ezechiele. Nella parte destra l'identica distribuzione compositiva vede l'iscrizione Vita Dulcedo Spes su cui si affacciano la Regina Ester, l'Angelo della purezza e Giuditta. Al di sopra di questo primo ordine, si dispiega la serie dei Dolori e dei Gaudii della Vergine Maria, incorniciati in volute vegetali disposti in una successione cronologica in ciascuna anta, se vista frontalmente, da leggersi basso verso l'alto e da destra a sinistra.
  • Sul battente di sinistra la serie dei dolori "L'addio di Gesù alla madre", la "Flagellazione", la "Salita al calvario" prosegue nel registro superiore con la "Crocefissione" e la "Deposizione dalla croce", divisi da un comparto coronato ad arco biflesso entro il quale si fronteggiano Adamo e San Giovanni Battista. Nella fascia mediana, accanto alla grande formella quadrilobata della "Pietà", si dispongono gli evangelisti Marco e Matteo con i rispettivi simboli, il leone e l'angelo. Là dove si inarca il lobo superiore della formella centrale, la Sibilla Libica e quella Eritrea reggono una corona di spine. Nello stesso registro la Passione di Cristo prosegue con la "Deposizione nel sepolcro" e il "Compianto degli Apostoli", mentre una schiera di angeli dolenti, stretti intorno al grande mazzo di passiflore, occupa interamente l'ultima fascia tripartita del battente.
  • Sull'imposta di destra la serie dei gaudii la "Nascita di Maria", lo "Sposalizio" e "L'Annunciazione", prosegue nella fascia superiore con la "Visitazione" e la "Natività". Tra queste due scene si inseriscono, le figure di re Davide e del profeta Isaia. Nella fascia mediana, accanto alla grande formella quadrilobata della "Vergine in gloria con il Bambino", si dispongono gli evangelisti Giovanni e Luca con i rispettivi simboli, l'aquila e il bue. Invece, nel comparto entro cui si inarca il lobo superiore della formella centrale, la Sibilla Cumana e quella Delfica reggono la gemmata corona di regina destinata alla Vergine Gaudiosa. Nello stesso registro si svolgono "l'Adorazione dei Magi" e la "Presentazione di Gesù al tempio", mentre l'ultima fascia del battente accoglie, con la medesima impostazione della precedente anta, una schiera di angeli osannanti raccolti intorno ad un cespuglio di rose, fiore mariano per eccellenza. Un largo architrave, decorato con minuzia orafa a meandri geometrici, al cui centro prosegue il motivo dell'albero, collega la parte mobile della Porta alla cimasa superiore fissa nella quale Pogliaghi ha svolto il tema della "Gloria della Vergine". Le volute cuspidate, arricchite da sinuosi intrecci vegetali, ospitano, sullo sfondo di un sole raggiante, entro una ghirlanda di cherubini,
  • Cristo nell'atto di porre sul capo della Madre una corona di gigli e di stelle. Schiere d'angeli intonano l'Osanna mentre, sull'architrave, due gruppi di personaggi adoranti sollevano lo sguardo verso la scena celeste. A destra sono raffigurati Ambrogio, patrono della città e al suo fianco Antonio da Saluzzo, che nel 1386 promosse la fondazione del Duomo; ai loro piedi la personificazione allegorica della città di Milano offre il modello della cattedrale. Sulla sinistra l'arcivescovo Ariberto d'Intimiano introduce insieme a San Carlo Borromeo un gruppo di fedeli dinanzi alla Vergine. Pogliaghi realizzò anche le spalle di marmo che incassano, in posizione arretrata rispetto alla facciata, l'intera Porta Centrale. Dall'alto del sottarco, tra il Sole e la Luna, Dio Padre è ritratto con gesto benedicente, mentre sulle lesene laterali, racchiusi da fasci di palme, si dispiegano i simboli mariani, ricordati nelle litanie della Vergine.
  • Originally, AVE-MARIA NO MORRO (AVE-MARIA AT A FAVELA) a very touching Brazilian song, telling of the humble life of the poor (who live on hills = favelas, in Rio in this case) but even though, happy because the favela is on top of hills, so they´re quite close to sky... (=heaven).
  • Transcript

    ×