Dossier: cartella clinica strumento di difesa del medico
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Dossier: cartella clinica strumento di difesa del medico

on

  • 2,804 views

 

Statistics

Views

Total Views
2,804
Views on SlideShare
2,683
Embed Views
121

Actions

Likes
0
Downloads
61
Comments
0

1 Embed 121

http://www.dottnet.it 121

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Dossier: cartella clinica strumento di difesa del medico Dossier: cartella clinica strumento di difesa del medico Presentation Transcript

  • ORDINE PROVINCIALEdei MEDICI CHIRURGHI e degli ODONTOIATRIdi ASTIeASL ASTICARTELLA CLINICA Centro Culturale S. Secondo Asti - 7 novembre 2009 ore 8,30
  • ORDINE PROVINCIALE Asti, 7 novembre 2009 DEI MEDICI CHIRURGHICentro Culturale S.Secondo E DEGLI ODONTOIATRI DI ASTI ASL ASTI CARTELLA CLINICA Inquadramento g q generale a cura di Marco Perelli Ercolini mpe 2009
  • Un mio collegiale saluto a tutti i Colleghi presenti g pmpe 2009
  • … si dice che fu proprio Ippocrate ad inventare lacartella clinica, t i t ll li i teorizzando sulla necessità di d ll itàosservare razionalmente i pazienti prendendone inconsiderazione e annotandone laspetto e i sintomi:l esamelesame complessivo deve estendersi anche alpassato (anámnesis, ricordo), per poter individuare ilmale (diágnosis, conoscenza) e ipotizzarneragionevolmente il decorso (prógnosis, previsione) (prógnosis previsione)… mpe 2009
  • mpe 2009
  • Ippocrate:cartella clinica di Apollonio mpe 2009
  • Nell’ esasperazione del concetto di diritto alla salute,non del diritto alla tutela della salute, il contenziosoin medicina è in notevole aumento e, per lo più, ilcontendere affiora dopo discreti lassi di tempo e con e,valutazioni tecniche ex post, si basa su quanto è scrittonella cartella clinica, quale documento ufficiale di ciò òche è stato fatto La valutazione della condotta di norma L l t i d ll d tt è basata su pareri espressi da professionisti del settore, nonché medici legali, coadiuvati da periti di parte mpe 2009
  • … e la Cartella clinica da d supporto clinico t li i è oggi un importante strumento di difesa del medico … Legge regione Veneto 34 / 2007 L i V t art. 2 - Funzione della documentazione clinica. 1. La d 1 L documentazione clinica ha la funzione di t i li i h l f i di: g) tutelare gli interessi legali delle parti interessatempe 2009
  • LA CARTELLA CLINICAEIL CONSENSO INFORMATOSONO DUE MOMENTIDELL ATTIVITADELL’ATTIVITA’ DEL MEDICOORA CON IMPORTANTI RISVOLTI GIURIDICI mpe 2009
  • ATTENZIONE ALLA CARTELLA CLINICAmpe 2009
  • Centralità del paziente Centralitàdella documentazione clinica
  • Esisteuna regolamentazionesulla compilazione pdella CARTELLA CLINICA ? mpe 2009
  • NON ESISTE ALCUNA CODIFICAZIONEDI COME DEBBA ESSERE COMPILATAUNA CARTELLA CLINICA, ANCHE SEPER UNA ANALISI STATISTICA E PERCONTROLLI DI RAFFRONTO POTREB- POTREB-BERO ESSERE MOLTO UTILIDEI MODELLI STANDARD mpe 2009
  • LA CARTELLA CLINICA NELLA PRATICA COR- COR-RENTE E’ S SSO CONSIDERATA SPESSO CO SCOME LA CENERENTOLA DELL’AT- DELL’AT- DELL AT AT-TIVITA’ OSPEDALIERA mpe 2009
  • IL POLIMORFISMO DEL- DEL-LA CARTELLA CLINICATROVA GIUSTIFICAZIONE ANCHE NELLEESIGENZE DIVERSE DI DOCUMENTAZIONEDA PARTE DI CIASCUN SANITARIO SECON- SECON-DO LA PROPRIA SPECIALIZZAZIONE mpe 2009
  • Cosa prevede ilCodice deontologicosulla CARTELLA CLINICA ? mpe 2009
  • Nuovo Codice di Deontologia art. 26La cartella clinica delle strutture pubbliche e private deve essere redattachiaramente,chiaramente con puntualità e diligenza nel rispetto delle regole della diligenza,buona pratica clinica e contenere, oltre ad ogni dato obiettivo relativoalla condizione patologica e al suo decorso le attività diagnostico decorso,terapeutiche praticate. praticate.LaL cartella clinica d t ll li i deve registrare i modi e i tempi d ll informazioni i t di t i delle i f i inonché i termini del consenso del paziente, o di chi ne esercita la tutela,alle proposte diagnostiche e terapeutiche; deve inoltre registrare il terapeutiche;consenso del paziente al trattamento dei dati sensibili, con particolareriguardo ai casi di arruolamento in un protocollo sperimentale. sperimentale. mpe 2009
  • Cosa prevede la Leggesulla CARTELLA CLINICA ? mpe 2009
  • R.D. 30 settembre 1938 numero 1631 art 24 RD art. VIENE FATTO CARICO AL PRIMARIO SOTTOLA PERSONALE RESPONSABILITA’ DELLA REGOLARETENUTA DELLE CARTELLE CLINICHE E DEI REGISTRINOSOLOGICI mpe 2009
  • D.P.R. 27 marzo 1969 numero 128 art. 7 IL PRIMARIO E’ RESPONSABILE DELLA REGOLARE COMPILAZIONE DELLE CARTELLE CLINICHE, DEI REGISTRI NOSOLOGICI E DELLA LORO CONSER- CONSER- VAZIONE, FINO ALLA CONSEGNA ALL’ARCHIVIO CENTRALEPer quanto di competenza anche l’Aiuto (ora Dirigente di l AiutoStruttura) che collabora e sostituisce il Primario in caso diassenza o di impedimento, è tenuto a quanto sopra p q p mpe 2009
  • D.P.R. 27 marzo 1969 numero 128 art. 2 LA DIREZIONE SANITARIA DEVE ESSERE FORNITADI UN ARCHIVIO CLINICO E IL DIRETTORE SANITARIODEVE VIGILARE SULL’ ARCHIVIO DELLE CARTELLECLINICHE E SULLE CERTIFICAZIONI SANITARIE RIGUAR- RIGUAR-DANTI I MALATI ASSISTITI IN OSPEDALE mpe 2009
  • IN MANCANZA DI CHIARE NORME PER LA CUSTODIA DELLA CARTELLA CLINICA DALLA SUA COMPILAZIONE ALLA ARCHIVIAZIO- ARCHIVIAZIO- NE CHE NE GARANTISCANO SIA LA INTEGRITA’ DELLE DOCUMEN- DOCUMEN- TAZIONI SIA L’ACCESSO AI SOLI AVENTI DIRITTO SI PUO’ FARE RI- RI- FERIMENTO A QUANTO PREVISTO PER LA TUTELA DELLA PRIVACY Q PER IL TRATTAMENTO DEI DATI SENSIBILI: IL DIRETTORE DI OGNI UNITA’ OPERATIVA, INDIVI- INDIVI-DUATO DALL’AZIENDA QUALE INCARICATO, PUO’ DELE- DELE-GARE A PROPRI COLLABORATORI IL COMPITO DI CU- CU-RARE LA DILIGENTE CUSTODIA DELLA CARTELLA CLI- CLI-NICA E L’OSSERVANZA DELLE MISURE MINIME DI SICU- SICU-REZZA SINO ALLA CONSEGNA ALL’ARCHIVIO CENTRALE mpe 2009
  • IN CASO DI SMARRIMENTO O DI DISTRUZIONEO COMUNQUE DI CATTIVA GESTIONE DELLE CARTELLECLINICHE,CLINICHE LA RESPONSABILITA DI TALI EVENIENZE E’ RESPONSABILITA’ EIMPUTABILE ALL’AMMINISTRAZIONE DELL’OSPEDALEIN SENSO CIVILISTICO, MENTRE LA PERSONA FISICARESPONSABILE DIRETTAMENTE ALLA CONSERVAZIONEPOTREBBE INCORRERE IN RESPONSABILITA’ DI NATURAPENALE mpe 2009
  • D.P.R. 14 marzo 1974 numero 225 D PR (norma ora abrogata) E’ COMPITO DELLA INFERMIERA PROFESSIONALE E DI CONSERVARE TUTTA LA DOCUMENTAZIONE CLINICA SINO AL MOMENTO DELLA CONSEGNA AGLI ARCHIVI CENTRALIcon possibilità per quanto di competenza di apporresulle schede cliniche dei rilievi mpe 2009
  • Art. 92 - Cartelle cliniche1- Nei casi in cui organismi sanitari pubblici e privatiredigono e conservano una cartella clinica in conformità alladisciplinadi i li applicabile, sono adottati opportunii accorgimenti per li bil d tt ti t i tiassicurare la comprensibilità dei dati e per distinguere i dati relativial paziente da quelli eventualmente riguardanti altri interessati ivi interessati,comprese informazioni relative a nascituri. nascituri. mpe 2009
  • Art. 92 - Cartelle cliniche2 - Eventuali richieste di presa visione o di rilascio di copia dellacartella e dell acclusa scheda di dimissione ospedaliera da parte di dell’acclusasoggetti diversi dall’interessato possono essere accolte, in tutto o inpparte, solo se la richiesta è giustificata dalla documentata necessità: g necessità: a) di far valere o difendere un diritto in sede giudiziaria ai sensi dell’articolo 26, d ll’ ti l 26, comma 4, llettera e), di rango parii a quello tt ) ll dell’interessato, ovvero consistente in un diritto della personalità o in un altro diritto o libertà fondamentale e inviolabile; inviolabile; b) di tutelare, in conformità alla disciplina sull’accesso al documenti amministrativi, una situazione giuridicamente rilevante di rango pari a quella dell’interessato, ovvero consistente in un diritto della personalità o iin un altro di itt o libertà f d lità lt diritto lib tà fondamentale e iinviolabile. t l inviolabile. i l bil mpe 2009
  • DECRETO LEGISLATIVO 196 articolo 4Trattamento dei dati sensibili in ospedale pIl Direttore generale “titolare” nomina “responsabile”ciascun Direttore di struttura complessa e con la stessalettera di nomina impartisce le opportune istruzioni perlo svolgimento dei compiti compiti.Il Direttore di struttura complessa, quale responsabileprovvede a nominare come “incaricati” tutti quei dipendenti assegnati alla propriastruttura che effettuano materialmente il trattamento dei dati.Anche tali nomine avvengono mediante la consegna di lettere di incarico personali,che contengono indicazioni molto dettagliate sui comportamenti che devono esseretenuti dai destinatari. mpe 2009
  • Legge regionale 14 dicembre 2007, n. 34 (BUR n. 108/2007)NORME IN MATERIA DI TENUTA, NFORMATIZZAZIONE E CONSERVAZIONEDELLE CARTELLE CLINICHEE SUI MODULI DI CONSENSO INFORMATO Art. 1 - Finalità Art. 2 - Funzione della documentazione clinica Art. 3 - Cartella clinica ospedaliera e territoriale Art. 4 - Soggetti obbligati all’apertura, tenuta e conservazione della cartella clinica Art. 5 - Moduli di consenso informato Art. 6 - Documentazione sanitaria Art. 7 - Dematerializzazione della documentazione Art. 8 - Convenzione con l’Ordine dei medici chirurghi e degli odontoiatri Art. 9 - Norma finanziaria mpe 2009
  • mpe 2009
  • mpe 2009
  • mpe 2009
  • La cartella clinica costituisce un“buco nero” allinterno del lavoro buco all internoroutinario del medico ospedaliero. ospedaliero. Va tuttavia tenuto presente che da fondamentale strumento per pervenire ad una diagnosi affidabile e per dimostrare la correttezza delliter diagnostico e clinico spesso diviene clinico, prova documentale di errori, omissioni, scelte cliniche parziali od immotivate. cl n che parz al immotivate. mmot vate vate.La cartella clinica può divenire elemento di accusa (secompilata male) o di t t l ( il t l ) tutela (se compilata i modo il t in dcorretto) in un mondo sanitario dominato dalla ricercadel colpevole e basato purtroppo sulla medicina basato, purtroppo,difensiva e non sulla medicina del consenso consenso. mpe 2009
  • UNA DEFINIZIONE DI CARTELLA CL N C D C R ELL CLINICALA CARTELLA CLINICA E’ UN INSIEME DI DOCUMENTI NEI QUALI EVIENE REGISTRATO DAI MEDICI E INFERMIERI UN COMPLESSO DIINFORMAZIONI SOPRATTUTTO SANITARIE MA ANCHE ANAGRAFICHE SANITARIE, ANAGRAFICHE,SOCIALI, AMBIENTALI, GIURIDICHE CONCERNENTI UN DETERMINATOPAZIENTE ALLO SCOPO DI POTERNE RILEVARE CIO’ CHE LO RIGUARDAIN SENSO DIAGNOSTICOTERAPEUTICO ANCHE IN TEMPI SUCCESSIVI ALFINE DI PREDISPORRE GLI OPPORTUNI INTERVENTI MEDICI E POTERNE ,ANCHE USUFRUIRE PER LE VARIE INDAGINI DI NATURA SCIENTIFICA,STATISTICA, MEDICO LEGALE E PER L’INSEGNAMENTO NONCHE’AMMINISTRATIVA mpe 2009
  • UNA DEFINIZIONE CHE CONSIDERA E RACCOGLIE TUTTE LE VARIE FUNZIONI DELLA CARTELLA CLINICA ( in chiave giuridica ) La L cartella clinica è il documento contenente t ll li i d t t t tutti gli atti e le annotazioni concernenti le prestazioni sanitarie effettuate sulla p persona ricoveratampe 2009
  • LE CARTELLE CLINICHE, UNITAMENTE AIRELATIVI REFERTI VANNO CONSERVATE REFERTI,-ILLIMITATAMENTE- ILLIMITATAMENTE- Circolare Ministero della Sanità 19 dicembre 1986 n. 9002/AG 454/260 rif. D.P.R. 1409/1963 art 8 (Archivi di Stato) rif D P R art.8 ATTO UFFICIALE INDISPENSABILE A GARANTIRE LA CERTEZZA DEL DIRITTOLa cartella infermieristica, comprendente i datisanitari registrati dal personale infermieristico, ove infermieristicoprevista dai regolamenti dei presidi sanitari, diventaparte integrante della cartella clinicap g mpe 2009
  • È strano come uno strumento quotidianodi lavoro, la cartella clinica, sianegletto e trascurato. • Negletto, perché pochi Medici lo usano e Negletto, non lo valorizzano come sarebbe doveroso e come converrebbe. • Trascurato, perché -allinterno del lavoro Trascurato, medico- medico- la tenuta e la compilazione della cartella viene considerata una noia e non un dovere, spiacevole ma dovere. mpe 2009
  • ! ! mpe 2009
  • ?e così anche nellealtre parti dellacartella mpe 2009
  • L La cartella clinica ospedaliera è un patto pubblico di fede privilegiata, con valore privilegiata,probatorio contrastabile solo con querela difalso.f l…. i ogni caso l attestazioni non sono vincolanti i in i le tt t i i i l ti incaso di contestazione sulla responsabilità medesimadi chi la redatta, in base al principio che nessuno può redattaprecostituire prova a favore di se stesso. Cassazione sez.III civ. 18 sett.1980 mpe 2009
  • LA NATURA DELLA CARTELLA CLINICALA CARTELLA CLINICA E’ ANCHEUNA COSTANTE CERTIFICAZIONE DI CIO’ CHE SI RILEVA E DI CIO’ CHE SI FA mpe 2009
  • UN RITARDO NELLA COMPILAZIONE OVVEROLA MANCATA COMPILAZIONE DELLA CARTELLACLINICA PUO CONFIGURARSI COME PUO’UNA OMISSIONE DI ATTI DI UFFICIO, MENTRE UFFICIO,UNA COMPILAZIONE NON VERITIERA E’UN FALSO IDEOLOGICO E UNA SUA CORREZIONEPOSTUMA UN FALSO MATERIALE mpe 2009
  • CARTELLA CLINICA NON GENUINA CONTRAFFATTA ALTERATA ERRATAIL FALSO MATERIALE SI HA QUANDO ILDOCUMENTO RISULTA FALSIFICATO NELLA SUAESSENZA MATERIALE, MENTRE IL FALSO MATERIALEIDEOLOGICO SI ESTRINSECA QUANDO ILDOCUMENTO E’ FALSIFICATO NEL SUO CONTENUTO mpe 2009
  • 2° ricovero 1° ricoverompe 2009 ?
  • CARTELLA CLINICA SOPPRESSIONE DISTRUZIONE OCCULTAMENTOIL PRIMARIO E’ RESPONSABILE DELLA CORRETTACOMPILAZIONE E DELLA CONSERVAZIONE SINOALLA CONSEGNA ALLA DIREZIONE SANITARIAPER LA ARCHIVIAZIONE IL PRIMARIO NON PUO’ NASCONDERE LA CARTELLA CLINICA IN MODO DA RENDERLA INDISPONIBILE Cassazione sez. V penale - 14 dic. 2004, n. 48086mpe 2009
  • ?cancellazione errata dato d t non completato l t t pressione arteriosa non rilevatacancellazione errata mpe 2009
  • LA CARTELLA CLINICA NON DEVE PRESENTARE ABRASIONI, CORREZIONI, ADATTAMENTI E SOPRATTUTTO COMPLETAMENTI TARDIVIDOVENDOSI RISPETTARE QUELLA REGOLARITA’FORMALE CHE SERVE A GARANTIRE LA SERIETA’E LA AUTENTICITA’ DEL DOCUMENTO mpe 2009
  • Il DPR 445/2000 - Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa -Art.Art. 7 - stabilisce le modalità diredazione e stesura di atti pubbliciche non devono contenere lacune,aggiunte, abbreviazioni, correzioni,aggiunte abbreviazioni correzionialterazioni o abrasioni e nel casosia necessario apportare variazioni ppè necessario che la precedentestesura resti leggibile. leggibile.mpe 2009
  • !cancellazione errata mpe 2009
  • cancellazioneeffettuata inmaniera corretta mpe 2009
  • modom d corretto di cancellazione tt ll i mpe 2009
  • LA CARTELLA CLINICA PER POTER ESSERERITENUTA -REGOLARMENTE- REGOLARMENTE- COMPILATADEVE ESSERE REDATTA IN MODO INTELLEGGIBILE E CON GRAFIA CHIARA E LEGGIBILE mpe 2009
  • abbreviazioni non d tutti bb i i icomprensibili da i ? mpe 2009
  • LA CARTELLA CLINICA E’ IL DIARIO DEL DECORSO DELLA MALATTIA E DI ALTRI FATTI CLINICI RILEVANTI; I FATTI DEBBONO ESSERE ANNOTATI CONTESTUAL- CONTESTUAL- MENTE AL LORO VERIFICARSI. VERIFICARSI. CIASCUNA ANNOTAZIONE PRESENTA, SINGOLAR- SINGOLAR- MENTE, AUTONOMO VALORE DOCUMENTALE DEFI- , DEFI-NITIVO CHE SI REALIZZA NEL MOMENTO STESSO IN CUIVENGONO TRASCRITTE E QUALSIASI SUCCESSIVAALTERAZIONE, APPORTATA DURANTE LA PROGRESSIVAFORMAZIONE DEL COMPLESSO DOCUMENTO, COSTITUI- COSTITUI-SCE FALSITA’, ANCORCHE’ IL DOCUMENTO SIA ANCORANELLA MATERIALE DISPONIBILITA’ DEL SUO AUTORE,IN ATTESA DI TRASMISSIONE ALLA DIREZIONE SANITARIA mpe 2009
  • SOGGETTI CHE POSSONO REDIGERE LA CARTELLA CLINICALa cartella clinica può essere redatta da: • il Direttore/Responsabile di Struttura • il Personale Medico dipendenteHanno titolo (ed obbligo) nella compilazione anche gli esercenti una profes-sione sanitaria chiamati a consulenza. Il Personale Infermieristico dipendente redige anzitutto la cartella infermieristica, quale parte integrante a tutti gli effetti, sanitari e giuridici, della cartella clinica, alla cui compilazione comunque partecipano, annotando le attività svolte, quali i rilievi obiettivi partecipano svolte strumentali dei parametri vitali, la preparazione e la somministrazione della terapia.I Medici specializzandi e i Laureati / volontari hanno l’obbligo di trascriverein cartella clinica gli atti sanitari loro delegati, con la medesima autonomiagradualmente consentita nella esecuzione delle prestazioni. prestazioni mpe 2009
  • Durante la custodia va posta attenzione: p 9 al segreto 9 alle manomissioni 9 alle distruzioniLa cartella clinica è un atto riservato dellattività sanitaria, per cuichiunque venga a conoscenza di notizie in essa contenute, deveritenersi obbligato al segreto e quindi soggetto alla disciplina giuridica. giuridica.Anche in caso di circolazione allinterno dellOspedale della Cartellaclinica per motivi vari, giustificati e ufficiali (compiti di istituto, doveri diufficio, ecc.), vanno prese le dovute cautele onde prevenire una ecc.illegittima divulgazione dei dati contenuti. contenuti. mpe 2009
  • IN CASO DI SMARRIMENTO O DIDISTRUZIONE O COMUNQUE DI CATTIVA GESTIONEDELLE CARTELLE CLINICHE, LA RESPONSABILITA’ DITALI EVENIENZE E IMPUTABILE ALL’AMMINISTRAZIO- E’ ALL’AMMINISTRAZIO- ALL AMMINISTRAZIONE DELL’OSPEDALE IN SENSO CIVILISTICO, MENTRELA PERSONA FISICA RESPONSABILE DIRETTAMENTEALLA CONSERVAZIONE POTREBBE INCORRERE IN RE- RE-SPONSABILITA’ DI NATURA PENALE mpe 2009
  • PROPRIETA’ E POSSESSO DELLA CARTELLA CLINICA OSPEDALIERALa cartella clinica ospedaliera è di proprietà del paziente, chegode però di un b d ò bene iindisponibile, ma il possesso è d ll di ibil dellaStruttura.In qualsiasi momento il paziente, maggiorenne e noninterdetto, ha il diritto di poter visionare la propria cartella p p pclinica e di averne copia, ma non l’originale.Solamente il magistrato per dS l t i t t doverii di ufficio può di ffi i ò disporrel’acquisizione della cartella clinica in originale. mpe 2009
  • IL PAZIENTE HA DIRITTO DI AVERE, OGNI VOLTACHE LO DESIDERI, PIENA VISIONE O COPIA INTEGRALEDELLA CARTELLA CLINICA MA NON PUO’ FARSI CLINICA, PUOCONSEGNARE L’ORIGINALE E PORTARSELO A CASA,INFATTI HA IL DIRITTO DELLA PROPRIETA’ , MA NONQUELLO DEL POSSESSO mpe 2009
  • LA CARTELLA CLINICA PUO’ ESSERE RILASCIATA • AL DIRETTO INTERESSATO • AL TUTORE O CHI ESERCITA LA PATRIA POTESTA’ • A PERSONA FORNITA DI DELEGA (compreso il medico curante) • ALL’AUTORITA’ GIUDIZIARIA • AGLI ENTI PREVIDENZIALI (INAIL - INPS) • AL S.S.N. • AGLI EREDI LEGITTIMI (con riserve per determinate notizie) • AI MEDICI A SCOPO SCIENTIFICO-STATISTICO SCIENTIFICO- (purchè sia mantenuto l’anonimato) mpe 2009
  • Newsletter - 25 novembre 2008Cartelle cliniche dei defunti accessibili ai familiariI dati contenuti allinterno delle cartelle cliniche dei defunti e di eventuali verbali dell autopsia devono pessere accessibili ai familiari.Lo ha stabilito il Garante accogliendo il ricorso di un uomo che, a seguito dellimprovvisa scomparsadella sorella, aveva più volte richiesto allazienda ospedaliera p , p p presso la q quale era deceduta, la ,comunicazione dei dati personali contenuti in una cartella clinica e nel verbale dellautopsia. Lospedaleaveva inizialmente chiesto allinteressato, richiamando il Codice in materia di protezione dei datipersonali, di chiarire le ragioni che giustificavano la visione della cartella clinica della sorella. Luomoaveva risposto di ritenere la p p richiesta motivata, oltre che da q p propria , questioni di affetto familiare, da ,esigenze di tutela della propria salute: la conoscenza di uneventuale origine ereditaria o genetica delmale che aveva colpito la sorella avrebbe potuto consentirgli eventuali rimedi preventivi. Anche davantia tali motivazioni lospedale continuava, tuttavia, ad opporsi alle richieste delluomo.Nella propria decisione del Garante ribadisce che il Codice tutela linteresse dei familiari ad accederealle documentazioni contenenti i dati personali di persone decedute. Il provvedimento chiarisce ancheche la norma, sulla base della quale lospedale fondava il proprio diniego alle richieste delluomo,disciplina la richiesta di accesso ai dati p p personali di un defunto da p parte di una ppersona diversadallinteressato (o comunque non legittimata allaccesso in quanto familiare). Il Garante ha perciòordinato allazienda ospedaliera di fornire riscontro alle richieste dellinteressato entro un terminestabilito. mpe 2009
  • LA CARTELLA CLINICANON PUO’ ESSERE RILASCIATA • A TERZI SE NON MUNITI DI DELEGA (compresi il coniuge o i parenti stretti) • AL MEDICO CURANTE senza l’autorizzazione del paziente • AI PATRONATI • AI MINISTERI, PUBBLICI UFFICIALI, INCARICATI DI PUBBLICO SERVIZIO ECC SERVIZIO, ECC. solo notizie a seguito di precisi quesiti d’ordine sanitario mpe 2009
  • L’ ILLEGITTIMA DIVULGAZIONE DEL CONTENUTODELLA CARTELLA CLINICA PUO’ CONDURRE ACONSEGUENZE PER VIOLAZIONE DEL SEGRETOPROFESSIONALE O DI QUELLO D’ UFFICIO mpe 2009
  • LA CARTELLA CLINICA INFORMATIZZATAmpe 2009
  • CARTELLACLINICAELETTRONICA mpe 2009
  • L INFORMATIZZAZIONEL’INFORMATIZZAZIONE DELLA CARTELLA CLINICAO DELLA SCHEDA SANITARIA NON E’ UNAINNOVAZIONE BANALE E PRIVA DI RISCHIINFATTI DEVE ESSERE GARANTITA: GARANTITA: • LA IDENTIFICAZIONE DEL COMPILATORE • LA SICUREZZA CONTRO LE MANOMISSIONI • LA TUTELA ALLE INTROMISSIONI • LA TUTELA ALLA SEGRETEZZA mpe 2009
  • mpe 2009
  • L’INFORMATIZZAZIONE PUO’ GARANTIRE AI PAZIENTI UN MAGGIOR LIVELLO QUALITATIVO DELLE PRESTAZIONI PER LA POSSIBILITA’ DI AVERE GLI ESAMI E LA REFERTAZIONE IN TEMPO REALE DA TUTTE LE POSTAZIONI DI LAVORO, LAVORO NONCHE’ DI ESEGUIRE RAPIDI CONSULTIRIMANGONO DEI PUNTI INTERROGATIVI SULLA DIARIAE LA VISIONE DI INSIEME DELLE VARIE PARTI DELLACARTELLA CLINICA CARTACEACARTE A C INICA UN ALTRO VANTAGGIO DELL’INFORMATIZZA- DELL’INFORMATIZZA- ZIONE E’ LA RACCOLTA E L’ARCHIVIAZIONE DEI DATI CON POSSIBILITA’ DI CONFRONTI O UTILIZZAZIONE A SCOPO SCIENTIFICO mpe 2009
  • CARTELLA CLINICA CARTACEA• è trasportabile• ha basse esigenze tecnologiche (luce)• la penna è facile da usare, e rientra tra le conoscenze di usare base di quasi tutti• l’accesso ai dati è molto diretto se non sono tantissimi l accesso (es.blocco di fogli)• la carta è un supporto informale: inserimento dell’informazione libero nella forma e nel contenuto• grande facilità e libertà di scrittura mpe 2009
  • CARTELLA CLINICA CARTACEA• il lettore può avere difficoltà nell’interpretazione della cartella• senza una struttura formale dei dati si fanno più errori (es. omissione di dati); moduli prestampati riducono gli errori ma anche la libertà• la ricerca all’interno della cartella è difficoltosa - mancano “pezzi” - certi esami devono essere ripetuti• ripercussioni sulla qualità ed il costo dell’intervento sanitario• ricerca tra le cartelle è difficoltosa e l’operazione è lenta e costosa, spesso non effettuabile mpe 2009
  • CARTELLA CLINICA ELETTRONICA• basso ingombro dei dati• facile duplicabilità dei dati• trasportabilità (virtuale, tramite reti)• accesso contemporaneo di più utenti• protezione dell’accesso da utenti non autorizzati mpe 2009
  • CARTELLA CLINICA ELETTRONICA• imposizione di formalizzazioni dei dati, che p rendere p , può faticoso l’inserimento• sicurezza: una volta superate le barriere, i dati sono p p più facilmente trafugabili di quelli cartacei mpe 2009
  • PROBLEMA IN CASO DI CARTELLA CLINICA INFORMATIZZATAIn caso di supporto elettronico non vanno dimenticate ledifficoltà per le sottoscrizioni del paziente a determinateprocedure diagnostico-terapeutiche specialmente nel caso diagnostico-in cui siano obbligatoriamente previste per legge come per g p p gg pemotrasfusioni, prelievi per accertamento di Hiv, ecc. (non ecc.esiste ancora l’obbligo per tutti alla firma digitale l obbligocertificata).certificata). mpe 2009
  • CARTELLA CLINICA CONCLUDENDO mpe 2009
  • LA CARTELLA CLINICA E’ UN DOCUMENTO CHE RIVESTE NON SOLO IMPORTANZA• CLINICA PER LA DIAGNOSI E CURA E LA RICERCA, MA ANCHE• MEDICO LEGALE E• AMMINISTRATIVA( amministrazione-controllo finanziario-management ) amministrazione- finanziario-Non va dimenticato l’interesse pubblico dell atto medico l interesse dell’atto mpe 2009
  • mpe 2009 - OMCEO Lecco
  • CARTELLA CLINICAInquadramento generaleASTI, 7 novembre 2009ASTI ORDINE PROVINCIALE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI DI ASTI e ASL ASTI