• Save
Società Principal Svizzera
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Società Principal Svizzera

on

  • 905 views

 

Statistics

Views

Total Views
905
Views on SlideShare
884
Embed Views
21

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

1 Embed 21

http://www.linkedin.com 21

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Società Principal Svizzera Società Principal Svizzera Presentation Transcript

  • Problema:
    • Un importante Gruppo U.S. quotato operante nel settore dell’abbigliamento vuole intraprendere la commercializzazione dei propri prodotti in Europa.
    • Il Gruppo prevede di aprire in ogni Paese – mercato proprie società commerciali con magazzini locali ma vuole anche avere un European Head Office per la gestione del ciclo attivo e di quello passivo.
    • La Casa Madre U.S. vuole minimizzare la tassazione sia dei redditi di impresa nei singoli Paesi sia anche la tassazione sui Dividendi di provenienza europea
    • (“effetto Check the Box”).
  • Soluzione: U.S. HQ LUX / NL CH PRINCIPAL CO. COMMISSIONARIA 1 COMMISSIONARIA 2 COMMISSIONARIA 3
    • TAX REDD. COMM. @ 9 - 12%
    • WHT 0% DIVIDENDI LUX/NL
    • PEX – DIVIDENDI ESENTI
    • WHT 0% DIVIDENDI US (*)
    Rapporti commerciali Rapporti societari
  • LE COMMISSIONARIE SOCIETÀ SVIZZERA PRINCIPAL SOCIETÀ ESTERA COMMISSIONARIA CLIENTI SVIZZERA MERCATI ESTERI C O M M I S S I O N A I R E A G R E E M E N T ORDINE ORDINE FATTURA FATTURA COMMISSIONI
  • LE COMMISSIONARIE
    • Il commissionario negozia la vendita con la clientela in nome proprio MA per conto del “principal”
      •  MANDATO SENZA RAPPRESENTANZA
    • La fattura di vendita viene emessa dal commissionario;
    • Il corrispettivo totale fatturato dal commissionario al cliente è lo stesso fatturato dal “principal” al commissionario;
    • Il commissionario non entra mai in possesso ne in proprietà, delle merci vendute; la proprietà passa direttamente dal “principal” al cliente finale;
    • Il reddito del commissionario è dato dalle commissioni che lo stesso deve fatturare al “principal” per i propri servizi; le commissioni sono generalmente calcolate sulla base di una percentuale delle vendite effettuate ma in certi casi è possibile concordare accordi del tipo “cost-plus”.
  • Circolare n. 8 AFC - IFD
    • Le società di distribuzione esercitano, per le società principali, esclusivamente la funzione di agenti legittimati a concludere (commissionarie).
    • Nella misura in cui operano in qualità di commissionarie, tali società costituiscono, secondo l'articolo 5 capoverso 5 della convenzione modello dell'OCSE, degli stabilimenti d’impresa della società principale (società madre).
    • Tali "stabilimenti di rappresentanza" apportano un contributo sostanziale al valore aggiunto della società principale, di modo che una parte dell’utile proveniente dall’attività commerciale deve esser loro attribuita ("profit-split").
    • Appare chiaro dalla natura stessa della convenzione modello dell'OCSE e del suo commentario, che il risultato della ripartizione fiscale non deve condurre a delle doppie imposizioni. Questo risultato può essere raggiunto nella maggior parte dei casi, quando la pratica stabilita dalla Circolare è rispettata.
  • Circolare n. 8 AFC - IFD
    • La ripartizione fiscale internazionale per gli stabilimenti d’impresa di rappresentanza, riguarda solo la parte dell’utile netto che proviene dall’attività commerciale.
    • Se l'insieme dei prodotti finiti venduti a terzi è fabbricato da società del gruppo o da terzi, ma per conto della società principale (fabbricazione à façon), il 70% dell’utile netto proveniente dalla produzione e dal commercio vale in tutti i casi come utile dell'attività commerciale . Il 30% restante rappresenta l’utile sulla propria produzione della società principale.
    • Elementi dell’utile Importo
    • Utile netto complessivo 2'000
    • ./. Rendimento netto dei collocamenti finanziari - 400
    • ./. Risultato netto delle altre attività - 200
    • Utile netto della produzione e del commercio (100 %) 1'400
    • Utile netto della produzione (30 %) 420
    • Utile netto del commercio (70 %) 980
  • Circolare n. 8 AFC – IFD Principi di ripartizione fiscale internazionale delle società principali:
    •  La ripartizione dell’utile ("profit-split") viene effettuata in base ad un’analisi delle funzioni
    • ( ripartizione dell’utile secondo l’importanza delle funzioni )
    • La parte dell’utile proveniente dal commercio e attribuita alla sede è fissata almeno al 50%:
    • Elementi dell’utile Totale Estero Svizzera
    • Utile netto del commercio (50/50%) 980 490 490
    • Rendimento netto dei collocamenti
    • Finanziari 400 - 400
    • Utile netto imponibile 1‘380 490 890
  • Circolare n. 8 AFC – IFD Principi di ripartizione fiscale internazionale delle società principali:
    • Esempio di ripartizione dell’utile di una società principale con produzione propria ( fabbricazione à façon ):
    • Elementi dell’utile Totale Estero Svizzera
    • Utile netto della produzione 420 (30%) - 420
    • Utile netto del commercio (50/50%) 980 (70%) 490 490
    • Rendimento netto dei collocamenti
    • Finanziari 400 - 400
    • Risultato netto delle altre attività  200 - 200
    • ( senza produzione e commercio )
    • Utile netto imponibile 2'000 490 1'510
    •  per es. diritti da licenze e provvigioni