Your SlideShare is downloading. ×
Comunicazione Narcisistica nel Web
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Comunicazione Narcisistica nel Web

1,289
views

Published on

Comunicazione Narcisistica e Twitter effect

Comunicazione Narcisistica e Twitter effect

Published in: Technology

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
1,289
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
5
Actions
Shares
0
Downloads
9
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Comunicazione Narcisistica e Twitter effect Daniele Pauletto , Gigi Cogo
  • 2.
            • Per alcuni autori i contenuti prodotti dal web2.0, il web partecipativio
            • fatto di blog,video-audio-foto sharing,Twitter,mashup sono prodotti "non-sense autoreferenziali", autocitazioni che vanno a gratificare l'Io,
            • io digitale.
    Daniele Pauletto, Gigi Cogo
  • 3.
    • Domina la comunicazione comunque
    • e ovunque, con qualsiasi media:
    • tutto va sperimentato
    • Condividendo esperienze, relazioni
    • in gruppi reali o virtuali
    • di breve durata, o creati per l'occasione.
    Daniele Pauletto, Gigi Cogo
  • 4.
    • Si vivono così mutevoli forme di coscienza, digit-Io proteiforme, flessibile, capace di adattarsi continuamente alle nuove circostanze, trasformandosi in forme e mimetismi buoni per ogni occasione.
    Daniele Pauletto, Gigi Cogo
  • 5.
    • Immersi in una cultura sempre più
    • individualista, in cui l’estetica,la conoscenza
    • e la verità si muovono al di là della comunità
    • per orientarsi e isolarsi verso l’Io.
    • La sola autorità ammessa è l’Io, a sua volta
    • mandata in frantumi dalla cultura
    • dell’anonimato online.
    Prof. Daniele Pauletto
  • 6.
    • "Il continuo flusso informativo è un vortice che cattura
    • contenuti rigurgitandoli in laghi artificiali e giganteschi,
    • ma stagnanti e stantii...
    • La cultura della modernità liquida non è più una cultura
    • dell’apprendimento e dell’accumulazione, è invece una
    • cultura del disimpegno, della discontinuità e della
    • dimenticanza...
    • lo sciame inquieto del Web inondandoci di soundbites e
    • immagini fagocita le discussioni e i pensieri reali"
    • (Zygmunt Bauman ).
  • 7.
    • Predomina il principio del piacere a discapito
    • del principio della realtà, crescono forme
    • ossessive e compulsive ( videocompulsione ) legate all'uso
    • del web, e forme di netdipendenza,
    • l'importante è apparire ( narcisimo digitale) ed essere
    • connessi ( connect syndrome),comunicare comunque e
    • ovunque,con qualsiasi media , always on
    • come Twitter .
    Daniele Pauletto, Gigi Cogo
  • 8.
    • Il cibernauta tende facilmente a costruire forme di socialità artefatte, in cui la propria identità e quella degli altri utenti possono essere facilmente mascherate, falsate e manipolate ( es. in web chat nelle sue varie forme). Nessuno sa chi sei nè dove sei, si creano contatti sui social network autoselezionati a propria misura e gratificazione , con il culto del numero di contatti e con la selezione degli utenti più consoni ai propri gusti e idee , vengono alimentate forme di endonismo digitale
    Daniele Pauletto, Gigi Cogo
  • 9.
    • Cresce la mercificazione della propria vita
    • interiore o altrui con strumenti di
    • condivisione ed interazione, anche della
    • propria privacy in video autoprodotti e resi
    • pubblici ad es. su Youtube ( casi di
    • bullismo ).
    Daniele Pauletto, Gigi Cogo
  • 10.
    • La soluzione per alcuni : il web 2.0 potrà
    • funzionare solo reintroducendo elementi
    • dell’ecosistema tradizionale e quindi gli
    • intermediari che diano "autorevolezza" alle
    • informazioni, per altri solo attraverso una
    • presa di coscienza e libertà dalla "tirannia
    • dell'io", anzi dell' io-digitale.
    Daniele Pauletto, Gigi Cogo