• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Videoproduzione nella scuola
 

Videoproduzione nella scuola

on

  • 284 views

Presentazione del Workshop "Videoproduzione nella scuola", a cura di Marco Belati: producer and Video Artist presso H25 Media Agency. E’ stato consulente tecnico scientifico alla RAI, per la ...

Presentazione del Workshop "Videoproduzione nella scuola", a cura di Marco Belati: producer and Video Artist presso H25 Media Agency. E’ stato consulente tecnico scientifico alla RAI, per la struttura RAI Tre bambini e ragazzi.

Statistics

Views

Total Views
284
Views on SlideShare
273
Embed Views
11

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

1 Embed 11

http://www.slashdocs.com 11

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Videoproduzione nella scuola Videoproduzione nella scuola Presentation Transcript

    • VIDEO DIGITALEIntroduzione al mondo del video digitale
    • Per video digitale si intendeun segnale video che utilizzauna rappresentazione digitale, e non analogica, del segnale video.
    • Il video digitale è stato introdotto per la prima volta nel 1983 dalla Sony Il video digitale di tipo amatorialeinvece è apparso per la prima volta nel 1990 in formato QuickTime su computer Apple
    • Connessioni Video
    • Composito» Un semplice spinotto che trasferisce un segnale video composito su una sola linea.» I vari componenti sono unifcati in un unico segnale inviato al televisore» L’apparecchio ricevente deve essere dotato di un fltro per interpretarlo
    • S-Video » Trsferisce i segnali attraverso canali e fussi di dati distinti » Consente un’alta qualità dell’immagine » Prima dell’avvento dell’alta defnizione veniva usato negli impianti di home cinema
    • SCART » Si usa per i segnali audio e video combinati » Permette diverse confgurazioni di piedini (pin) » Si usa spesso per collegare videoregistratori in VHS
    • RCA» Spinotto parzialmente circondato da un anello semirigido» Lo spinotto trasferisce il segnale audio o video» L’anello trasporta il segnale di ritorno» Per il video lo si trova costituito in set da tre cavi
    • DVI» La Digital Video Interface è stata progettata per gli schermi a cristalli liquidi pilotati dalle schede video dei computer.» Segnale esclusivamente digitale» Consente una qualità di immagine molto elevata
    • HDMI » High-Defnition Multimedia Interface » Interfaccia audio/video del tutto digitale » Supporta video standard (SD) e video ad alta defnizione (HD)
    • Connettore F » Si impiega con i cavi coassiali normalmente usati per le antenne televisive
    • Firewire» Usata per collegare dispositivi di archiviazione o dispositivi di aquisizione video» Più veloce ed affdabile della concorrente USB» Esiste a 400 Mbps (megabit per secondo) con 6 e 4 pin e nella più moderna versione a 800 Mbps
    • Formati di Codifca e Supporti
    • Codifca
    • MPEG-1» Introdotto nel 1991 da MPEG (Motion Pictures Experts Group)» Utilizzato principalmente nei Video CD (VCD)» Raggiunge un livello di qualità nell’output pari a quello di un videoregistratore VHS» Non può trattare immagini interlacciate, come quelle impiegate nello standard televisivo Europeo (grande limite)
    • MPEG-2» Introdotto nel 1994» Sistema di codifca destinato al broadcast televisivo, ai DVD e ai Super-VCD» Effciente codifca del video interlacciato
    • MPEG-4» Introdotto nel 1996» Standar di codifca destinato alla TV digitale e allo streaming di flmati via web
    • H.264» Spesso chiamato MPEG-4 Part 10 o AVC (Advanced Video Coding)» Rilasciato da Apple nel 2005» Trasmette video ad alta qualità e molto compressi» Utilizzato sia nella trasmissione via web (YouTube) che per il segnale HDTV, DVD, HD DVD e Blu Ray» Ad oggi ancora poco compatibile con i sistemi basati su Windows
    • AVI» Acronimo di Audio Video Interleave» Contenitore multimediale realizzato da Microsoft nel 1992» Può contenere uno o due fussi audio (mono/stereo) e un fusso video» Un fle *.avi è un contributo video non compresso molto utile alla lavorazione di montaggio
    • Supporti
    • DV e MiniDV » Supporti a nastro digitale diffusi nella maggior parte delle videocamere digitali a cassette » Producono video di alta qualità e facile da montare » Possono registrare anche in alta defnizione (HDV) in formato MPEG-2
    • DVCAM e DVCPRO » Supporti a nastro digitale diffusi in ambito professionale » Offrono un miglior trattamento dell’audio e una riduzione del 50% del fenomeno del dropout (errore in lettura del nastro dovuto a mancanza di materiale magnetico o alla presenza di corpi estranei)
    • SCHEDE DI MEMORIAUna scheda di memoria (in inglesememory card), è un dispositivoelettronico portatile di ridottedimensioni in grado di immagazzinaredati in forma digitaleAttualmente esistono modelli di variedimensioni, capacità e caratteristichetecniche, le più capienti per oraraggiungono 64 GB.Le più comuni in ambientevideo/fotografco sono le SD (SecureDigital) e le CompactFlash
    • DVD » Digital Versatile Disc » Supporto di tipo ottico » I dati sono scritti grazie ad un laser che incide minuscoli avvallamenti a spirale » Le tracce sono estremamente compatte ed è quindi possibile immagazzinare una grande gra quantità di dati (se si potesse svolgere la traccia di un dvd sarebbe lunga più di 11 Km) Km
    • BD (Blu Ray Disc) » Evoluzione del DVD sviluppata dalla Sony » Stesso procedimento di scrittura di un dvd, ma usando un laser particolare (il Blu Ray) molto più preciso e quindi in grado di scrivere una spirale iver molto più lunga (quindi più informazioni) info
    • Come funziona il video digitale
    • » Ogni video è composto da fotogrammi (nello standard televisivo europeo abbiamo 25 fotogrammi al secondo)» Ogni fotogramma è composto da un certo numero di pixel (unità minima dell’immagine digitale)» I fotogrammi scorrendo molto velocemente danno al nostro cervello l’impressione che l’immagine si muova in modo fuido
    • » Ogni volta che un fotogramma appare davanti ai nostri occhi avviene la scansione del quadro» Per scansione del quadro di intende letteralmente il modo in cui i pixel che compongono il fotogramma (quadro) vengono accesi
    • La scansione del quadro può essere:» Progressiva» Interlacciata
    • Scansione Progressiva» In un venticinquesimo di secondo (durata di un singolo fotogramma) vengono accesi tutti i pixel
    • Scansione Interlacciata» In un cinquantesimo di secondo vengono accesi i pixel delle righe pari» In un altro cinquantesimo di secondo vengono accesi i pixel delle righe dispari» In un venticinquestimo di secondo (durata del fotogramma) vengono comunque accesi tutti i pixel del fotogramma
    • » Il cervello umano non percepisce l’immagine incompleta che passa in un cinquantesimo di secondo» Percepiamo comunque un’immagine fuida e completa
    • Standard Televisivi» Il mondo della televisione si divide in due zone, ciscuna con un suo standard di trasmissione:» PAL/SECAM» NTSC
    • PAL/SECAM*» Comprende l’Europa e buona parte del mondo» Trasmette 25 fps (fotogrammi al secondo) interlacciati*PAL = Phase Alternating Line SECAM = Sequential Colour and Memory
    • NTSC*» Comprende Nord America, Giappone e buona parte del Sud America» Trasmette 30 fps interlacciati*NTSC = National Television System Committee
    • Formati di uscita video
    • 4:3 » E’ il formato usato normalmente nella televisione a defnizione standard (SD) » La proporzione si riferisce al rapporto base/altezza
    • 16:9 » E’ la proporzione usata dalla televisione ad alta defnizione (HDTV) » Alcune reti televisive cominciano a trasmettere in queste proporzioni
    • 4:3 Pan-Scan » Adattamento del formato 4:3 quando viene trasmesso su monitor widescreen
    • 16:9 Letterbox » Adattamento del formato 16:9 quando viene trasmesso su monitor in 4:3 (tutti i monitor CRT)
    • » Se il nostro lavoro è destinato, con certezza, a proiezioni su moderni schermi LCD Widescreen o all’uso via internet (YouTube) allora si può azzardare il formato 16:9» In tutti gli altri casi è preferibile e più sicuro lavorare in 4:3» Se siete costretti ad usare immagni in 16:9 ma non siete sicuri dell’utilizzo che si farà del flmato, usate il Letterbox
    • Buon Lavoro