• Save
Videoproduzione nella scuola
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Like this? Share it with your network

Share

Videoproduzione nella scuola

on

  • 310 views

Presentazione del Workshop "Videoproduzione nella scuola", a cura di Marco Belati: producer and Video Artist presso H25 Media Agency. E’ stato consulente tecnico scientifico alla RAI, per la ...

Presentazione del Workshop "Videoproduzione nella scuola", a cura di Marco Belati: producer and Video Artist presso H25 Media Agency. E’ stato consulente tecnico scientifico alla RAI, per la struttura RAI Tre bambini e ragazzi.

Statistics

Views

Total Views
310
Views on SlideShare
299
Embed Views
11

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

1 Embed 11

http://www.slashdocs.com 11

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Videoproduzione nella scuola Presentation Transcript

  • 1. VIDEO DIGITALEIntroduzione al mondo del video digitale
  • 2. Per video digitale si intendeun segnale video che utilizzauna rappresentazione digitale, e non analogica, del segnale video.
  • 3. Il video digitale è stato introdotto per la prima volta nel 1983 dalla Sony Il video digitale di tipo amatorialeinvece è apparso per la prima volta nel 1990 in formato QuickTime su computer Apple
  • 4. Connessioni Video
  • 5. Composito» Un semplice spinotto che trasferisce un segnale video composito su una sola linea.» I vari componenti sono unifcati in un unico segnale inviato al televisore» L’apparecchio ricevente deve essere dotato di un fltro per interpretarlo
  • 6. S-Video » Trsferisce i segnali attraverso canali e fussi di dati distinti » Consente un’alta qualità dell’immagine » Prima dell’avvento dell’alta defnizione veniva usato negli impianti di home cinema
  • 7. SCART » Si usa per i segnali audio e video combinati » Permette diverse confgurazioni di piedini (pin) » Si usa spesso per collegare videoregistratori in VHS
  • 8. RCA» Spinotto parzialmente circondato da un anello semirigido» Lo spinotto trasferisce il segnale audio o video» L’anello trasporta il segnale di ritorno» Per il video lo si trova costituito in set da tre cavi
  • 9. DVI» La Digital Video Interface è stata progettata per gli schermi a cristalli liquidi pilotati dalle schede video dei computer.» Segnale esclusivamente digitale» Consente una qualità di immagine molto elevata
  • 10. HDMI » High-Defnition Multimedia Interface » Interfaccia audio/video del tutto digitale » Supporta video standard (SD) e video ad alta defnizione (HD)
  • 11. Connettore F » Si impiega con i cavi coassiali normalmente usati per le antenne televisive
  • 12. Firewire» Usata per collegare dispositivi di archiviazione o dispositivi di aquisizione video» Più veloce ed affdabile della concorrente USB» Esiste a 400 Mbps (megabit per secondo) con 6 e 4 pin e nella più moderna versione a 800 Mbps
  • 13. Formati di Codifca e Supporti
  • 14. Codifca
  • 15. MPEG-1» Introdotto nel 1991 da MPEG (Motion Pictures Experts Group)» Utilizzato principalmente nei Video CD (VCD)» Raggiunge un livello di qualità nell’output pari a quello di un videoregistratore VHS» Non può trattare immagini interlacciate, come quelle impiegate nello standard televisivo Europeo (grande limite)
  • 16. MPEG-2» Introdotto nel 1994» Sistema di codifca destinato al broadcast televisivo, ai DVD e ai Super-VCD» Effciente codifca del video interlacciato
  • 17. MPEG-4» Introdotto nel 1996» Standar di codifca destinato alla TV digitale e allo streaming di flmati via web
  • 18. H.264» Spesso chiamato MPEG-4 Part 10 o AVC (Advanced Video Coding)» Rilasciato da Apple nel 2005» Trasmette video ad alta qualità e molto compressi» Utilizzato sia nella trasmissione via web (YouTube) che per il segnale HDTV, DVD, HD DVD e Blu Ray» Ad oggi ancora poco compatibile con i sistemi basati su Windows
  • 19. AVI» Acronimo di Audio Video Interleave» Contenitore multimediale realizzato da Microsoft nel 1992» Può contenere uno o due fussi audio (mono/stereo) e un fusso video» Un fle *.avi è un contributo video non compresso molto utile alla lavorazione di montaggio
  • 20. Supporti
  • 21. DV e MiniDV » Supporti a nastro digitale diffusi nella maggior parte delle videocamere digitali a cassette » Producono video di alta qualità e facile da montare » Possono registrare anche in alta defnizione (HDV) in formato MPEG-2
  • 22. DVCAM e DVCPRO » Supporti a nastro digitale diffusi in ambito professionale » Offrono un miglior trattamento dell’audio e una riduzione del 50% del fenomeno del dropout (errore in lettura del nastro dovuto a mancanza di materiale magnetico o alla presenza di corpi estranei)
  • 23. SCHEDE DI MEMORIAUna scheda di memoria (in inglesememory card), è un dispositivoelettronico portatile di ridottedimensioni in grado di immagazzinaredati in forma digitaleAttualmente esistono modelli di variedimensioni, capacità e caratteristichetecniche, le più capienti per oraraggiungono 64 GB.Le più comuni in ambientevideo/fotografco sono le SD (SecureDigital) e le CompactFlash
  • 24. DVD » Digital Versatile Disc » Supporto di tipo ottico » I dati sono scritti grazie ad un laser che incide minuscoli avvallamenti a spirale » Le tracce sono estremamente compatte ed è quindi possibile immagazzinare una grande gra quantità di dati (se si potesse svolgere la traccia di un dvd sarebbe lunga più di 11 Km) Km
  • 25. BD (Blu Ray Disc) » Evoluzione del DVD sviluppata dalla Sony » Stesso procedimento di scrittura di un dvd, ma usando un laser particolare (il Blu Ray) molto più preciso e quindi in grado di scrivere una spirale iver molto più lunga (quindi più informazioni) info
  • 26. Come funziona il video digitale
  • 27. » Ogni video è composto da fotogrammi (nello standard televisivo europeo abbiamo 25 fotogrammi al secondo)» Ogni fotogramma è composto da un certo numero di pixel (unità minima dell’immagine digitale)» I fotogrammi scorrendo molto velocemente danno al nostro cervello l’impressione che l’immagine si muova in modo fuido
  • 28. » Ogni volta che un fotogramma appare davanti ai nostri occhi avviene la scansione del quadro» Per scansione del quadro di intende letteralmente il modo in cui i pixel che compongono il fotogramma (quadro) vengono accesi
  • 29. La scansione del quadro può essere:» Progressiva» Interlacciata
  • 30. Scansione Progressiva» In un venticinquesimo di secondo (durata di un singolo fotogramma) vengono accesi tutti i pixel
  • 31. Scansione Interlacciata» In un cinquantesimo di secondo vengono accesi i pixel delle righe pari» In un altro cinquantesimo di secondo vengono accesi i pixel delle righe dispari» In un venticinquestimo di secondo (durata del fotogramma) vengono comunque accesi tutti i pixel del fotogramma
  • 32. » Il cervello umano non percepisce l’immagine incompleta che passa in un cinquantesimo di secondo» Percepiamo comunque un’immagine fuida e completa
  • 33. Standard Televisivi» Il mondo della televisione si divide in due zone, ciscuna con un suo standard di trasmissione:» PAL/SECAM» NTSC
  • 34. PAL/SECAM*» Comprende l’Europa e buona parte del mondo» Trasmette 25 fps (fotogrammi al secondo) interlacciati*PAL = Phase Alternating Line SECAM = Sequential Colour and Memory
  • 35. NTSC*» Comprende Nord America, Giappone e buona parte del Sud America» Trasmette 30 fps interlacciati*NTSC = National Television System Committee
  • 36. Formati di uscita video
  • 37. 4:3 » E’ il formato usato normalmente nella televisione a defnizione standard (SD) » La proporzione si riferisce al rapporto base/altezza
  • 38. 16:9 » E’ la proporzione usata dalla televisione ad alta defnizione (HDTV) » Alcune reti televisive cominciano a trasmettere in queste proporzioni
  • 39. 4:3 Pan-Scan » Adattamento del formato 4:3 quando viene trasmesso su monitor widescreen
  • 40. 16:9 Letterbox » Adattamento del formato 16:9 quando viene trasmesso su monitor in 4:3 (tutti i monitor CRT)
  • 41. » Se il nostro lavoro è destinato, con certezza, a proiezioni su moderni schermi LCD Widescreen o all’uso via internet (YouTube) allora si può azzardare il formato 16:9» In tutti gli altri casi è preferibile e più sicuro lavorare in 4:3» Se siete costretti ad usare immagni in 16:9 ma non siete sicuri dell’utilizzo che si farà del flmato, usate il Letterbox
  • 42. Buon Lavoro