Your SlideShare is downloading. ×
Presentazione workshop europeo mediterraneo bacino di incontro
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Presentazione workshop europeo mediterraneo bacino di incontro

763
views

Published on

Published in: Business

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
763
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
6
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Il web come veicolo di dialogo e integrazione nella società dell'informazione del Mediterraneo Il mio intervento verterà sul tema della comunicazione e sul mezzo di internet come mezzo per la diffusione del dialogo e l'integrazione tra diversi popoli. Farò una breve presentazione del mio lavoro editoriale attraverso la rivista mediterraneaonline.eu. Una rivista nata nel 2007, dall'esigenza di parlare della cultura mediterranea attraverso i mediterranei. L'idea è quella della creazione di una rete di giornalisti o semplici appassionati che includa tutti i Paesi del Mediterraneo. Un network dialogante, che descriva le varie culture ma che crei anche una cultura nuova, quella del dialogo. Infine una panoramica sulla diffusione di internet nei Paesi del Mediterraneo, in particolare in quelli della sponda Sud e sulle possibilità che la rete offre agli utenti per comunicare in modo semplice e con la maggiore diffusione possibile.
  • 2. www.mediterraneaonline.eu • Prendendo spunto da ciò che insegna l'ermeneutica moderna, (il dialogo come creazione di conoscenza), e dall'intuizione forte di Franco Cassano con il suo testo Pensiero m eridiano, ho iniziato a progettare una rivista che potesse rappresentare le molte culture di cui è fatto il Mediterraneo, e citando Danilo Zolo “il pluriverso di cui è formato il Mediterraneo”. Non un mare, non un universo di pensiero, ma infiniti mari e infiniti pensieri, parafrasando Fernand Braudel. • Lo sviluppo economico e sociale è sempre stato favorito dallo scambio tra culture e dalla comunicazione, il mare ne è sempre stato il tramite. Oggi potremmo forse considerare internet come “mare”, dove possono trovare luogo gli scambi tra persone e personalità che permettono la crescita reciproca della conoscenza. • La redazione ha iniziato il suo lavoro con tre redattori provenienti dalla Sardegna, dalla Lombardia e dal Portogallo. Ora si scrive e si dialoga con quasi 10 nazioni e altrettanti universi, ogni mese ci sforziamo di descrivere la nostra visione del mondo mediterraneo.
  • 3. Cos'è mediterraneaonline.eu La rivista mensile mediterraneaonline.eu è una rivista online, uno spazio di approfondimento sulla cultura mediterranea Un luogo virtuale dove si incontrano viaggiatori, studiosi, imprenditori ed enti pubblici, semplici curiosi e appassionati. mediterraneaonline.eu 3
  • 4. Modus operandi Ogni mese mediterraneaonline.eu La rivista è strutturata con propone nuovi contenuti, nuove diverse rubriche: In viaggio, gallerie fotografiche, nuove notizie, Sapori, Arte, Musica, Libri, nuove corrispondenze. Ambiente, Storie meridiane, Economia internazionale, Visti da noi (recensioni di film, spettacoli, concerti), e la nutrita sezione news da tutto il Mediterraneo mediterraneaonline.eu 4
  • 5. La m ission di mediterraneaonline L'obbiettivo è diffondere la cultura mediterranea anche oltre i confini del Mediterraneo stesso, diventare un punto di riferimento per viaggiatori, studiosi o lavoratori che vogliono conoscere, vivere o spostarsi all'interno del Mare Nostrum . mediterraneaonline.eu 5
  • 6. I numeri di mediterraneaonline.eu Dal maggio 2008 (data dell’uscita della nuova versione del sito) al maggio 2010, la rivista è stata visitata da:  45.581 visitatori  170.000 pagine consultate  110 Paesi di provenienza da 5 continenti I visitatori sono per lo più italiani, provenienti da tutte le regioni del nostro Paese. In particolare sono interessati ai contenuti di mediterraneaonline, i visitatori delle città del nord Italia. Facebook La fanpage Facebook di Mediterranea, creata nell’ottobre 2009 conta 2267 iscritti di cui il 80 % italiani, per la preminenza di artli in italiano. Abbiamo una percentuale maggiore di donne con il 54%, gli uomini arrivano al 44%, di cui la maggioranza appartiene alla fascia d’età che va dai 25 ai 44 anni. 6 mediterraneaonline.eu
  • 7. Alcuni dei temi affrontatati da mediterranea maggio 2010 Ecologia e sviluppo sostenibile giugno 2009 La donna mediterranea aprile 2010 Scoprire l’invisibile maggio 2009 Mediterraneo e vacanze marzo 2010 Ridere nel Mediterraneo aprile 2009 I porti del Mediterraneo marzo 2009 febbraio 2010 Il peccato e il senso di colpa La comunicazione nei Paesi del Mediterraneo dicembre 2009 - gennaio 2010 La dolce vita mediterranea febbraio 2009 Indipendenza novembre 2009 La censura nei Paesi del Mediterraneo gennaio 2009 Le ricchezze del Mediterraneo ottobre 2009 In internet dicembre 2008 Le religioni del Mediterraneo settembre 2009 In strada novembre 2008 La scuola nel Mediterraneo agosto 2009 In casa ottobre 2008 I confini del Mediterraneo luglio 2009 La sessualità nei Paesi del Mediterraneo
  • 8. Riconoscimenti e partner di mediterraneaonline.eu La rivista e associazione culturale Mediterranea è stata iscritta come membro della Fondazione Anna Lindh il 24 novembre 2009 mediterraneaonline.eu riceve il prestigioso premio eContent Award per il miglior contenuto digitale nella sezione eCulture a livello nazionale 8 mediterraneaonline.eu
  • 9. Quelli di mediterraneaonline.eu Tutto il materiale di ogni singola sezione della rivista è frutto del lavoro e della passione di giornalisti professionisti e di tutti quelli che credono nel potenziale di mediterraneaonline.eu I redattori scrivono dall'Italia (14 Regioni), Croazia, slovenia, Portogallo, Spagna, Francia, Siria, Tunisia mediterraneaonline.eu
  • 10. Stralci di articoli
  • 11. In viaggio  Questa sezione raccoglie i reportage di viaggio dai Paesi del Mediterraneo.  Dal racconto di viaggio in Alentejo, Portogallo,  ”Varcate le Colonne d’Ercole, il paesaggio cambia. La strada è una statale a due corsie senza fermata d’emergenza. Ma è dritta e vuota e la station wagon vola, tra file di querce da sughero, campi coltivati e bovini al pascolo. Il cielo azzurro terso è sporadicamente macchiato da qualche nuvola e segna un netto confine col verde circostante e la lunga lingua nera su cui andiamo. Un confine che raramente si puó superare. mediterraneaonline.eu 11  L'articolo su mediterranea
  • 12. Sapori  Cucina ecosostenibile  In cucina ci sono essenzialmente due modi per rispettare l'ambiente: usare prodotti del luogo, freschi e di stagione e evitare gli sprechi. Entrambe le cose richiedono un po' di pazienza, una certa organizzazione e (purtroppo) tempo.  Articolo su mediterranea http://www.mediterraneaonline.eu/it/04/view.asp?id=1399 mediterraneaonline.eu 12
  • 13. Arte  Natura: il più pregiato quadro d'autore  Su Mediterranea si era già parlato di Arte e Paesaggio in merito all'evento del 25° Festival di Arte del Paesaggio svoltosi in Iran, precisamente nell'Isola di Hormoz nel Golfo Persico.. Molte persone spesso si chiedono in cosa consista questo filone di opere, che paiono spesso non avere un senso estetico, una loro bellezza, un loro perchè. Credo quindi sia necessario approfondirlo tornando indietro nel tempo, per riscoprire un po' le origini dello stretto rapporto che lega l'Arte alla Natura.  L'articolo su mediterranea http://www.mediterraneaonline.eu/it/05/view.asp?id=1386 mediterraneaonline.eu 13
  • 14. Musica  Da “Elena Ledda”  I testi raccontano storie che fanno parte di una cultura particolare, ma attraverso il ritmo e le musiche diventano universali. Riguardo a questo aspetto della musica, Elena Ledda è stata chiara “la musica popolare viene capita e ascoltata a prescindere dalla cultura di un Paese, di una lingua o di una religione”, la musica popolare sarda viene riconosciuta e apprezzata in Algeria come in Portogallo, in Marocco come in Francia. L'articolo su mediterraneaonline http://www.mediterraneaonline.eu/it/06/view.asp?id=84 mediterraneaonline.eu 14
  • 15. Libri  Da “Donne”,  Trenta ritratti di donne sarde, mediterranee, descritte da due donne provenienti dallo stesso mondo culturale e geografico. Cosa fanno le donne sarde nell’era dell’economia globale? Fanno esattamente le stesse cose degli uomini, probabilmente con più difficoltà ma certamente con la stessa cocciuta determinazione. Una specie di cultura che fa parte del “pensiero meridiano”, come lo chiama Franco Cassano. mediterraneaonline.eu 15
  • 16. Libri  Dossier Hoffmann, il mondo ad energia pulita  Storia di una favola moderna. Un’invenzione scientifica che cambia la sorte dell’umanità, la scoperta di un mondo che viaggia ad energia pulita. E’ possibile?  L’autore ha costruito un romanzo eccellente, un thriller con un ritmo incalzante e coinvolgente in ognuna delle sue fasi. Come ogni romanzo che si rispetti la fine spiega e apre il racconto ad infinite soluzioni.  L'artocolo su mediterranea http://www.mediterraneaonline.eu/it/07/view.asp?id=1379 mediterraneaonline.eu 16
  • 17. Storie meridiane  Da “Pill’e Matta e le scoperte di antiche civiltà nell’isola di Sardegna”  La tomba numero 267, risalente al IV secolo, riprende le caratteristiche delle altre già scoperte negli scavi. Il lavoro di scavo vero e proprio inizia la mattina presto, ma solo intorno alle 11,30 si sono potute vedere le prime tracce del corredo funerario. Dapprima la sagoma di una brocca di terracotta, poi ancora un’altra, poi un bicchiere. Alla fine i reperti saranno dodici: tre piatti, tre anfore, due bicchieri, il puntale di anfora, tre lucerne... L'articolo su mediterraneaonline mediterraneaonline.eu 17 http://www.mediterraneaonline.eu/it/08/view.asp?id=101
  • 18. Storie meridiane  Da “Bisso, una scuola dal passato per garantire il futuro”  Il bisso, seta marina ricavata dal mollusco bivalve pinna nobilis, si intreccia profondamente con la storia millenaria dei popoli mediterranei più di quanto saremmo portati a credere. Una breve ricerca ci porta infatti a scoprire come se ne parli in più parti della Bibbia e dei Vangeli. È un tessuto legato alla storia dei cretesi, dei fenici, degli egizi e di tanti altri popoli del bacino mediterraneo.  In queste antiche civiltà l’uso della cosiddetta seta di mare era destinato soltanto a principi, sovrani e importanti sacerdoti, solo loro infatti potevano permettersi un materiale tanto prezioso e raro. L'articolo su mediterraneaonline mediterraneaonline.eu 18 http://www.mediterraneaonline.eu/it/05/view.asp?id=399
  • 19. Contatti Gianmarco Murru (Direttore responsabile) Sede legale: via Dei Conversi 70 091 29 Cagliari (CA) Italia Web: http://www.mediterraneaonline.eu/it/ Mail: redazione@mediterraneaonline.eu Tel: 39/3291 2331 09
  • 20. Il web come veicolo di dialogo e integrazione nella società dell'informazione del Mediterraneo
  • 21. Diffusione della rete nel Mediterraneo • Nei Paesi della sponda sud del Mediterraneo l'uso di internet sta crescendo molto rapidamente. Il fenomeno è favorito dalla presenza di una popolazione giovane e dall'esigenza di informazione più libera. Un mercato molto interessante dal punto di vista economico ma soprattutto per gli scambi culturali, e permettere l'inizio di un dialogo che forse nella realtà non sarebbe possibile. • Israele, Iran ed Emirati Arabi tra i Paesi con la maggiore diffusione, nonostante la censura continua dei governi
  • 22. Il Mediterraneo in tutto questo discorso si inserisce con la volontà di espandere il più possibile la rete internet in tutti i Paesi. Se pensiamo che la sponda sud del Mediterraneo fa quasi il doppio degli abitanti della sponda nord, ci accorgiamo che il mercato può diventare molto interessante per l’economia di quei Paesi rivieraschi, come l’Egitto o il Marocco. 0 Paesi questi ultimi, che stanno investendo molti milioni di euro per creare il più grosso mercato virtuale e reale che supera quello esistente in Europa. Migliaia di internet point daranno la possibilità di dialogare, conoscere, studiare e parlare con le persone lontane, con i parenti o con i professori di altre Università, ma soprattutto luoghi di incontro come si può notare nell'articolo di Tommaso Palmieri sulla rivista mediterraneaonline Il civismo virtuale del Marocco contemporaneo.
  • 23. La rete • Ad oggi, l’effettivo utilizzo della rete internet è ancora legato alla diffusione delle tecnologie, dei computer, e della connessione a banda larga, che permetterà il futuro sviluppo economico mondiale, soprattutto nei Paesi in difficoltà e del Mediterraneo. • La diffusione di internet è stata, e sarà sempre di più una rivoluzione nelle dinamiche sociali. Un esempio tra tutti: la ricerca di lavoro • La rete è una piazza virtuale dove tutti discutono, litigano o cominciano una relazione. • Un luogo dove poter esprimere liberamente e in modo assoluto le proprie idee. Nel mondo reale non sarebbe possibile.
  • 24. Possibili applicazioni • Le applicazioni della rete internet sono potenzialmente infinite. Per fare una semplice panoramica della situazione, evidenziamo tre grandi argomenti: l’educazione, l’informazione e la partecipazione.
  • 25. Educazione e web • Nel campo dell’educazione i vantaggi sono evidenti e facili da mettere in pratica. L’insegnamento in rete permette di studiare, seguire lezioni, laurearsi a distanza risparmiando tempo e denaro. • Si pensi ai vantaggi di poter studiare una materia come la filosofia avendo disposizione tutte le informazioni necessarie contemporaneamente: dizionari di filosofia, storia della filosofia, traduzioni online immediate, la letteratura secondaria sull’autore che stiamo studiando. La conoscenza, in questo modo acquista il carattere di completezza, di organicità e in qualche modo permette l’indipendenza del singolo studente rispetto al sistema scolastico a sua disposizione, rispetto alla povertà delle biblioteche o la lontananza fisica delle stesse. La tele-educazione è diventata una “realtà” nel mondo reale.
  • 26. Informazione e web • La rete, con le sue innumerevoli “maglie” ci dà la possibilità di conoscere, indagare le mille facce di uno stesso argomento. Questo avviene, in tempo reale. Posso leggere diverse interviste sullo stesso argomento, opposte nelle valutazioni e poter ricavare da me un giudizio incrociando le opinioni. • Dal punto di vista delle redazioni il lavoro è completamente stravolto. Si costruisce un nuovo mestiere: il redattore online. Si lavora nella rete e per la rete, si cercano e si vagliano le informazioni provenienti da tutto il pianeta. Si aprono nuove frontiere di comunicazione che, per ora, non sono sempre di altissima qualità ma sono destinate a migliorare. La rete si autoalimenta e si autocontrolla, la quantità di persone, mezzi e idee in circolazione fanno sì che il sistema progredisca in meglio.
  • 27. La partecipazione attraverso i social network • Internet ha permesso una rivoluzione copernicana nel campo della comunicazione e della partecipazione. La condivisione di testi, immagini, file, documenti professionali e privati senza doversi muovere dal proprio PC. • Si discute, si ragiona si dialoga. Non solo per il piacere del dialogo, caratteristica tutta mediterranea, ma anche per creare e appoggiare idee ed iniziative. Si formano gruppi, movimenti a favore o contro alcune leggi o per promuoverne altre, si appoggiano delle cause. • Solo a titolo di esempio cito il sito Fundauses, dove si possono appoggiare e finanziare cause sociali in tutto il mondo.
  • 28. FundCauses • Le iniziative di impegno e sensibilizzazione sociale, su FundCauses sono comunicate in brevi messaggi di 140 caratteri che ognuno potrà condividere nel suo spazio nei maggiori social network. • Questa condivisione permetterà agli utenti di instaurare un dialogo con i propri amici ed in generale con gli altri utenti web su iniziative di impegno sociale a cui tengono particolarmente e si sentono coinvolti. • Ma non solo.. chi riceverà il messaggio.. potrà a sua volta appropriarsene e diffonderlo.. ecco che il dialogo si alimenta sempre più in maniera esponenziale grazie al passaparola.
  • 29. Social Network La novità di questi ultimi anni è la nascita dei Social Network, un sistema di partecipazione e condivisione molto diffuso nel mondo e in particolare nei Paesi del Mediterraneo. • Facebook o Twitter solo per citare i maggiori, hanno permesso la fuga di notizie nel periodo delle proteste studentesche in Iran. Permettono ai giovani di essere informati di ciò che succede nel mondo, se la censura permette.
  • 30. Le possibilità del web come veicolo di dialogo e integrazione della società dell'informazione • Per capire cosa sia la comunicazione si possono leggere diverse teorie, psicologiche, sociologiche, filosofiche, informatiche o matematiche. La comunicazione si manifesta tra due o più persone nel momento in cui ognuno dialoga col l’altro. Questa, ad esempio, è l’impostazione generale della filosofia ermeneutica. Il dialogo permette la comunicazione di più significati che vengono espressi dai partecipanti. Il dialogo anzi, crea significati nuovi, trasforma il punto di vista di ognuno se il dialogo è vero. Ascoltando un altro punto di vista si può cambiare o addirittura rifiutare il primo approccio ad un argomento. • Questa è l’impostazione di una comunicazione dedicata alle singole persone, a chi vuole veramente dialogare e trasmettere qualcosa all’altro. Comunicare vuol dire esistere, vivere.
  • 31. Il dialogo è possibile • Il dialogo è assolutamente necessario per • Il dialogo non è solo un progetto moltissimi motivi: l'integrazione, lo teorico, ha bisogno però di mezzi sviluppo, la risoluzione delle adeguati e accessibili a tutti. Un mezzo controversie tra popoli come quella tra è sicuramente la rete internet, e la Israele e i Territori palestinesi. comunità europea ha realizzato un sito • Il dialogo e lo scambio di conoscenze ed interessante dedicato al dialogo informazioni crea sviluppo, questa è interculturale tra i paesi membri sempre stata una regola d'oro in passato, http://ec.europa.eu/ewsi/ lo è a maggior ragione oggi che viviamo • O ancora sul sito MedTwinning nell'epoca dell'informazione. A volte intende promuovere, supportare e eccessiva sicuramente, a volte confonde, rendere possibili iniziative di ma è sempre meglio troppa collaborazione tra le scuole italiane e le informazione che troppo silenzio, molta scuole di cinque Paesi dell'area comunicazione che l'ignoranza delle mediterranea - Algeria, Egitto, mille possibilità di crescita. Giordania, Marocco e Tunisia - • attraverso le Tecnologie della Comunicazione e dell'Informazione

×