EdC - agire agapico

1,370
-1

Published on

Apresentação do artigo no Seminário Internacional Social One.

Published in: Education, Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
1,370
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

EdC - agire agapico

  1. 1. Seminario Social-one<br />Castelgandolfo, 17-18 gennaio 2011<br />Agire agapicocome categoria sociologica significativa per l’analisi di fenomeni economici<br />Alcuni spunti a partire dall’osservazione dell’Economia di Comunione nella Libertà<br />M. Licia Paglione <br />Università “G. d’Annunzio” – Chieti (Italia)<br />BernhardCallebaut<br />Istituto Universitario Sophia – Loppiano (Italia)<br />Mauricio C. Serafim<br />Universidade do Estado de Santa Catarina – Florianopolis (Brasil)<br />
  2. 2. Introduzione<br />Prospettiva: sociologia economica attenta a mettere in luce l’influenza di fattori culturali, religiosi, sociali… sui fenomeni economici (Weber 1958 [1904], pp. 77-78)<br />Oggetto di studio: Economia di Comunione nella libertà (EdC)<br />Approccio teorico: agire agapico(Boltanski 2005, Colasanto & Iorio 2008)<br />
  3. 3. Struttura del paper<br />definizione del concetto di “agire agapico” e delle sue dimensioni (Boltanski 2005; Colasanto & Iorio 2008)<br />descrizione del fenomeno oggetto di studio, in connessione con il fenomeno in cui è immerso<br />ricerca empirica e analisi dei dati<br />
  4. 4. Agape e scienze sociali<br />Amore<br /><ul><li>sfera privata, senza significato o rilevanza sociale
  5. 5. sinonimo di eros, caratteristico dei rapporti di coppia, intrecciato all’affettività, all’emozionalità (Colasanto & Iorio 2008)
  6. 6. differenti analisi sociologiche sull’amore - Sorokin (2005), Simmel (2001), Giddens (1995), Luhmann (1987): forza capace di modellare un tipo particolare di agire, di generare legami sociali, di trasformare o ravvivare le relazioni umane</li></li></ul><li>Agape in L. Boltanski<br />Dimensioni dell’agape<br />1) ‘rinuncia alla messa in equivalenza’;<br />2) ‘incuranza del passato e del futuro’;<br />3) ‘assenza di anticipazioni nell’interazione’;<br />4) ‘silenzio dei desideri’ (o disinteresse per sé);<br />5) è agire sociale e non un sentimento, uno stato d’animo, un’intenzione e si rivolge alle persone concrete, nelle loro caratteristiche specifiche<br />(Boltanski 2005)<br />6) costituisce una motivazione primaria dell’azione irriducibile ed estranea alla contrapposizione tra egoismo e altruismo<br />7) produce una realtà sui generis<br />8) contiene un aspetto tragico<br />9) trascende la vita e l’azione di chi la produce<br />10) agire di libertà, rompe la regola<br />11) si radica nella vita quotidiana<br />12) come terzo per la costruzione di istituzioni umane<br />(Colasanto & Iorio 2008)<br />
  7. 7. Economia di Comunione e Movimento dei Focolari<br />Polo Spartaco (Cotia –SP)<br />Chiara Lubich<br />1991<br />Ginetta Calliari<br />Prima impresa <br />inserita nel Polo Spartaco (Cotia –SP)<br />
  8. 8. EdC: fenomeno economico immerso in una prassi culturaleagapica<br />L’EdC nasce e vive profondamente immersa nel MF, nei suoi valori e nella sua prassi-culturale (Leite 2007):<br />- Comunione dei beni<br />- Cultura del dare (amare)<br />
  9. 9. Domanda di ricerca: quale agire nell’EdC?<br /> Gli elementi caratterizzanti la cultura in cui gli attori economici dell’EdC sono immersi influenzano il loro agire e il loro relazionarsi? <br /> E con quali effetti? <br />
  10. 10. Metodologia di ricerca (1)<br />EdC <br />osservata come un sistema di azioni e relazioni che coinvolge diversi attori<br /> imprenditori<br /> membri di commissioni<br /> poveri destinatari degli aiuti <br />
  11. 11. Metodologia di ricerca (2)<br />- ricerca empirica, di carattere esplorativo, sul campo (Brasile, ottobre - dicembre 2008);<br /><ul><li>disegno di tipo qualitativo volto a comprendere i moventi, i significati e gli effetti dell’agire;
  12. 12. strumenti e tecniche di ricerca non standard:</li></ul>Oanalisi di documenti (discorsi, testi di interventi a convegni o di lezioni, articoli della rivista EdC, materiale autobiografico, in particolare frammenti di lettere)<br />Ointerviste ad imprenditori(11), membri delle commissioni EdC (centrale e locali-8) e ai destinatari degli aiuti (11)<br />
  13. 13. Analisi (1) - Azione<br />Tutti gli stakeholders, soprattutto i poveri<br />Superare la categoria di nemico rispetto ai concorrenti<br />Senza aspettare di arricchirsi prima<br />AMARE TUTTI<br />Senza aspettarsi incentivi fiscali<br />Assumire i problemi sociali e ambientali come propri<br />AMARE PER PRIMI<br />FARSI UNO<br />Senza pensare che lo farà il Governo<br />AMARE CONCRETAMENTE<br />Guaradre alle necessità dei dipendenti e dei poveri<br />Agire nel modo ritenuto giusto anche se gli altri non fanno lo stesso<br />Efficienza orientata al superamento dei problemi e delle necessità<br />Agire concretamente, con i fatti e non a parole<br />
  14. 14. Analisi (2) – Dimensioni agapiche<br />
  15. 15. Analisi (3) – Effetti<br />Produce relazionidi qualità diversa da quelle più comuni nella sfera economica: <br />- attente, contemporaneamente, all’identità delle persone (personalizzate) e al bene comune;<br /><ul><li> rette da una razionalità/logica non strumentale, ma piuttosto incondizionale (Caillè, Godbout);
  16. 16. libere, ma allo stesso tempo normate (culturalmente);
  17. 17. gratuite, ma allo stesso tempo interessate (all’altro e alla relazione, visti come valori in sé)</li></ul>Innovazione relazione<br />Innovazione istituzionale<br />
  18. 18. Conclusione<br />EdC<br />un caso di “innovazione relazionale”<br />generativa di istituzioni agapiche<br />nel sistema economico contemporaneo<br />

×