Dal Web al VLE al PLE
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Like this? Share it with your network

Share

Dal Web al VLE al PLE

  • 706 views
Uploaded on

Lecture given to the post-graduate master course in e-learning techniques and methods. Spring 2011...

Lecture given to the post-graduate master course in e-learning techniques and methods. Spring 2011
Module 4: online teaching and learning environments

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
706
On Slideshare
706
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
8
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Dal Webal al Virtual Learning Environmental Personal Knowledge Environment Maria Chiara Pettenati Facoltà di Ingegneria Università di Firenze
  • 2. Web 2.0 Web 1.0Web2 Firenze, 17 Aprile 2010
  • 3. 3 Firenze, 17 Aprile 2010
  • 4. Information overload oppure Filtering failure? 4 Firenze, 17 Aprile 2010
  • 5. 5 Knowledge Firenze, 17 Aprile 2010
  • 6. Web 3.0 Web 2.0 Web 1.0Web6 Firenze, 17 Aprile 2010
  • 7. Learning to Learn7 Firenze, 17 Aprile 2010
  • 8. Dal Webal al Virtual Learning Environmental Personal Knowledge Environment Maria Chiara Pettenati Facoltà di Ingegneria Università di Firenze
  • 9. Virtual Learning Environment 9 Firenze, 17 Aprile 2010
  • 10. http://www.frepa.org/wp/index.php/archives/311
  • 11. VLE da distance education a blendedlearning I VLE pensati in origine per il supporto all’educazione a distanza, sono adesso principalmente utilizzati per integrare la didattica tradizionale  Blended learning 12 Firenze, 17 Aprile 2010
  • 12. VLE custom VLE generalGestione in casaGestione in PLE rete Peña-López, I. (2010) “Centralization vs. decentralitacion in Government and Education” In ICTlogy, #78, March 2010. Barcelona: ICTlogy. http://ictlogy.net/review/?p=3321 13 Firenze, 17 Aprile 2010
  • 13. Peña-López, I. (2010) “Funneling concepts in Education 2.0: PLE, e-Portfolio, Open Social Learning”In ICTlogy, #78, March 2010. Barcelona: ICTlogy. http://ictlogy.net/review/?p=3323 14 Firenze, 17 Aprile 2010
  • 14. Su cosa ci concentriamo Ambienti tecnologici per l’apprendimento e per la gestione della conoscenza in rete  Quali skills sono necessarie?  Quali strumenti e ambienti possono essere utili?  Che risultati si possono ottenere?15 Firenze, 17 Aprile 2010
  • 15. ALT (UK) - Settembre 2009Risorse: trailer di presentazione del videohttp://elearningstuff.wordpress.com/2009/08/24/the-vle-is-dead/The moviehttp://elearningstuff.wordpress.com/2009/09/09/the-vle-is-dead-the-movie/
  • 16. Chi ascoltiamoGraham Attwell is Director of the Wales based research organisation, Pontydysgu  http://www.pontydysgu.org/blogs/waleswidewebJames Clay ILT & Learning Resources Manager at Gloucestershire College since November 2006.  http://elearningstuff.wordpress.com/about-2/
  • 17. ALT (UK) - Settembre 2009Risorse: trailer di presentazione del videohttp://elearningstuff.wordpress.com/2009/08/24/the-vle-is-dead/The moviehttp://elearningstuff.wordpress.com/2009/09/09/the-vle-is-dead-the-movie/
  • 18. Graham Attwell È lo stesso sistema educativo, istituito sul modello delle fabbriche che è oggi disfunzionale e non risponde ai bisogni. Le tecnologie come i VLE sono modellate su tale paradigma ormai sorpassato Il VLE si riferisce al contesto “gestionale” della fine degli anni 90 ed faceva dell’efficienza la questione fondamentale Perchè dovremmo dire agli studenti di andare in un VLE per trovare materiale di apprendimento, quando non è in un VLE che andremmo noi stessi se volessimo imparare qualcosa? Oggi abbiamo il social software e le persone sono capaci di personalizzarselo.
  • 19. James Clay Abbiamo passato gli ultimo 10 anni dicendo che il VLE è morto Probabilmente seppelliremo il VLE uno di questi giorni, ma non oggi. Perchè dovremmo dire agli studenti di andare alle lezioni in presenza quando non è lì che andremmo noi stessi se volessimo imparare qualcosa? Oggi abbiamo abbandonato già l’idea della Google generation/digital natives Gli studenti hanno bisogno di guida; nè loro nè gli accademici hanno la padronanza di fare un buon uso del social sofware, ed è proprio lì che entra in gioco il VLE.
  • 20. Cosa conta nel VLE21 Firenze, 17 Aprile 2010
  • 21. Altre Risorse relative a VLE  What is a VLE (basic, circa 4 minuti)  http://www.youtube.com/watch?v=QdP4_7xXXVw  VLE is dead?  Risorse: trailer di presentazione del video  http://elearningstuff.wordpress.com/2009/08/24/the- vle-is-dead/  The movie (70 min ca.)  http://elearningstuff.wordpress.com/2009/09/09/the- vle-is-dead-the-movie/ 22 Firenze, 17 Aprile 2010
  • 22. Il concetto di Personal Web Come dire: Personal Learning Environment?
  • 23. Vari modi di intendere e gestire lacomplessità -I “The amount of content available on the web is staggering. Sifting through the sheer volume of material — good or bad, useful or otherwise — is a daunting task. It is even difficult to keep track of the media posted by a single person, or by oneself. On the other hand, adding to the mix is easier than ever before, thanks to easy-to-use publishing tools for every type and size of media.” • (Horizon Report, 2009) 24 Firenze, 17 Aprile 2010
  • 24. Vari modi di intendere e gestire lacomplessità -II  To cope with the problem, computer users are assembling collections of tools, widgets, and services that make it easy to develop and organize dynamic online content.  Armed with tools for tagging, aggregating, updating, and keeping track of content, today’s learners create and navigate a web that is increasingly tailored to their own needs and interests: this is the personal web.” • (Horizon Report, 2009) 25 Firenze, 17 Aprile 2010
  • 25. ..e quindi…  it is easy to create customized, personal web-based environments — a personal web — that explicitly supports one’s social, professional, learning and other activities via highly personalized windows to the networked world.  (Horizon Report, 2009)26 Firenze, 17 Aprile 2010
  • 26. …. Personal Web non basta a fare PLE1) perchè non è affatto “easy”, neanche su un piano puramente tecnico, ma se anche lo fosse non sarebbe comunque sufficiente per il PKM  un Personal Web consente al più un Personal Information Management; perchè questo si traduca in un Personal Knowledge Magement efficace sono necessarie ben altre cose….2) perché per realizzare un Personal Web efficace bisogna possedere delle abilità che vanno aldilà di abilità tecnologiche e affondano le radici nella disciplina del Knowledge Management e per affrontare 1) bisogna affrontare prima 2) 28 Firenze, 17 Aprile 2010
  • 27. Horizon Report 2011 http://wp.nmc.org/horizon2011/29 Firenze, 17 Aprile 2010
  • 28. Horizon Report 2011 – Key Trends1. The abundance of resources and relationships made easily accessible via the Internet is increasingly challenging us to revisit our roles as educators in sense-making, coaching, and credentialing.2. People expect to be able to work, learn, and study whenever and wherever they want.3. The world of work is increasingly collaborative, giving rise to reflection about the way student projects are structured.4. The technologies we use are increasingly cloud- based, and our notions of IT support are decentralized. 30 Firenze, 17 Aprile 2010
  • 29. Horizon Report 2011 – CriticalChallenges Digital media literacy continues its rise in importance as a key skill in every discipline and profession Appropriate metrics of evaluation lag behind the emergence of new scholarly forms of authoring, publishing, and researching. Economic pressures and new models of education are presenting unprecedented competition to traditional models of the university. Keeping pace with the rapid proliferation of information, and devices is challenging for students and teachers alike. 31 Firenze, 17 Aprile 2010
  • 30. Competenze del lifelong learner 2.0 Digital Literacy  È il set di Information Literacy conoscenze, Media Literacy competenze e Digital Competences abilità complesse che sostiene il singolo … nel suo processo di formazione continua  Introduzione al tema in (M. E. Cigognini PKM – Personal Knowledge  Nasce in accademia: Management: cosa vuol dire essere una persona  UCLA, Los Angeles, istruita nel XXI secolo? (2000) + Millikin Form@re, n. 66 University (2003). gennaio/febbraio 2010)  Ora anche d’interesse aziendale 32 Firenze, 17 Aprile 2010
  • 31. The Digital Generation GapApril 4th, 2010 33 Firenze, 17 Aprile 2010
  • 32. Edge, Question of the year, 2010 http://www.edge.org/q2010/q10_2.html#rheingold 35 Firenze, 17 Aprile 2010
  • 33. Edge, Question of the year, 2010 http://www.edge.org/q2010/q10_2.html#rheingold 36 Firenze, 17 Aprile 2010
  • 34. Dal Personal Web al PKEUn multi-tool Environment per la gestione della conoscenza personale– ovvero un Personal Knowledge Environment
  • 35. PLE – stato dell’arte PLE (Personal Learning Environment) o e-portfolio  Dal teacher allo student o community-oriented  spesso ancorato al formale, seppur con aperture http://edtechpost.wikispaces.com/PLE+Diagrams 39 Firenze, 17 Aprile 2010
  • 36. Più in generale: Personal Learning Environment (PLE) il dispiegamento di un (COME) Personal Web (DOVE) in un tempo dedicato al learning (QUANDO), centrato sul learner in relazione ad altri soggetti (CHI). Il PLE consente al learner di catturare una propria vista del flusso informativo del mondo della rete (COSA) e – applicando sforzo e metodo (COME) – utilizzarlo per accrescere la propria conoscenza (COSA) in relazione a degli obiettivi che si pone (PERCHE’).Pettenati, M.C. (2010) Roadmap to PLE - A Research Route to Empower the Use ofPersonal Learning Environments (PLEs). Interaction Design & Architecture Journal - Special Issue (ISSN 1826-9745) SpecialIssue Theme: "Design Centered andPersonalized Learning in Liquid and Ubiquitous Learning Places (DULP): Future Visionsand Practical Implementations". 48 Firenze, 17 Aprile 2010
  • 37. 49 Firenze, 17 Aprile 2010
  • 38. Il PLE - (Personal Learning Environment) è una finestra evolutiva escalabile, potenziata dalla tecnologia che parte dalla formazione superiore per estendersi verso Work-based Lifelong Learning50 Firenze, 17 Aprile 2010
  • 39. Insegnantie PLE
  • 40. Le motivazioni del PLE -I Perché è uno spazio virtuale altamente flessibile ed a basso costo che consente:  Di ospitare un repository di collegamenti e produzione personale relativa ad attività passate, presenti e in progress  Di raccogliere ed aggregare risorse digitali, news, informazioni e materiali che saranno accessibili dovunque e da qualsiasi computer  Di self-archiving e self-pulishing ogni attività o idea in corso, evitando ritardi di ogni natural, aumentando la propria visibilità e contemporaneamente alimentando il networking e la condivisione di conoscenza In sintesi il PLE permette di tracciare il percorso lettura-prensiero-scrittura e tradurlo in attività concreta di costruzione di conoscenza condivis(a/ibile). 52 Firenze, 17 Aprile 2010
  • 41. Le motivazioni del PLE - II La più grande differenza rispetto alla pubblicazione tradizionale di contenuti su Web è che il PLE consente non solo di tenere traccia della conoscenza consolidata, ma anche del flusso di conoscenza e conoscenza non strutturata intesa a promuovere la costruzione (anche collaborativa) di nuova conoscenza Di affermare una presenza ed una personalità digitale (digital identity) nei confronti di una generazione di studenti “nativi digitali” (born digital) che non sanno come “vivere digitale” (live digital). 53 Firenze, 17 Aprile 2010
  • 42. PLE –come farlo Strumenti e possibilità
  • 43. PKE - Ricetta base  un blog per tenere traccia di news, riflessioni e del flusso di conoscenza che nasce da letture, ricerche, interazioni  un blogroll per fornire a tutti i lettori una lista di raccomandazioni ad altri blog  un wiki per archiviare la conoscenza collaborativa che evolve nel tempo  un manager di risorse con accesso online ai record  un repository personale per il self-archiving della documentazione prodotta  un sistema di social bookmarking ed archiviazione per immagini, audio, video  Un uggregatore di RSS feeds per tutti i contenuti dinamici di interesse55 Firenze, 17 Aprile 2010
  • 44. PLE – top 100 tools 2010 http://www.slideshare.net/janehart/top100-tools-for-learning-2010?from=ss_embed 56 Firenze, 17 Aprile 2010
  • 45. 57 Firenze, 17 Aprile 2010
  • 46. Jane Hart The State of Learning in the Workplace Today,http://www.slideshare.net/janehart/the-state-of-learning-in-the-workplace-today58 Firenze, 17 Aprile 2010
  • 47.  http://c4lpt.co.uk/Directory/Tools/instructional.html
  • 48. Non dimentichiamo l’ultima onda…. http://www.youtube.com/watch#!v=rDu2A3WzQ po&feature=related60 Firenze, 17 Aprile 2010
  • 49. Non dimentichiamo l’ultima onda…. http://www.youtube.com/watch#!v=rDu2A3WzQ po&feature=related61 Firenze, 17 Aprile 2010
  • 50. VLE – PLE cosa si può arrivare a fare?
  • 51. PLE – che risultati si possono ottenere  Ambito “education”  Dr. Michael Wesch, Assistant Professor of Cultural Anthropology and Digital Ethnography, Kansas State University  U.S. Professor of the Year 2008 Award for Outstanding Doctoral Research Universities Michael Wesch is a cultural anthropologist exploring the impact of new media on society and culture. 63 Firenze, 17 Aprile 2010
  • 52. The Machine is Us/ing Us
  • 53. Prof. Michael Wesch – la frontiera tra ilPKE e la Social Classroom Blog Un punto di presenza http://mediatedcultures.net/ksudigg/ Mediated Cultures: Digital Ethnography at Kansas State University Un punto di aggregazione http://www.netvibes.com/wesch#Digital_Ethnog raphy Un punto di lavoro http://worldsim.wetpaint.com/ 65 Firenze, 17 Aprile 2010
  • 54. http://www.youtube.com/watch?v=SXnWmu6xdpc&feature=player_embedded
  • 55. Dal Personal Web al Personal LearningEnvironment Il Web attuale fornisce strumenti molto potenti di supporto al costruzione di conoscenza (Knowledge Building, KB) Nel sottolineare il passaggio dal Personal Web al PLE si pone l’accento sulle tecnologie e sui suoi usi orientati al KB oltreché agli approcci “tradizionali” di gestione della conoscenza In questa ottica ha senso parlare di PLE che diventa PKE – Personal Knowledge Environment 70 Firenze, 17 Aprile 2010
  • 56.  Sfida di questo tempo:  Fare in modo che gli studenti diventino capaci di partecipare alla creazione di conoscenza come parte normale della loro vita, attraverso il loro PLE Fatto: non ci sono metodi consolidati per educare le persone a diventare produttori di conoscenza  Dobbiamo/possiamo pensare a una traiettoria di sviluppo che conduca dalla naturale voglia di scoprire del bambini fino alla creatività disciplinata di un maturo creatore di conoscenza Come condurre gli studenti su questa traiettoria?  È una risposta che dobbiamo costruire insieme 71 Firenze, 17 Aprile 2010
  • 57. Conclusione – nei principi, I Tutti hanno un PLE, bene o male  Nella peggiore delle ipotesi è un set di arnesi che genera confusione e produce disagio  Nella migliore delle ipotesi è un potentissimo strumento di costruzione di conoscenza e di valorizzazione individuale Tanto vale pensarci un po’ su È particolarmente importante per chi opera nel mondo dell’educazione e per chi ha a che fare con giovani  Nessun nativo digitale è saggio nell’uso della rete (digital wisdom), alcuni sono immersi nelle tecnologie digitali senza saper valutare la profondità della loro comprensione della tecnologia (Palfrey & Gasser 2008) 72 Firenze, 17 Aprile 2010
  • 58. I docenti restano le guide: se nontengono il ritmo del tecnologismo,poco importa: restano depositari diaccortezze d’uso e approcciconsapevoli agli usi evoluti della rete
  • 59. Conclusione – nei principi, II  Essere docente (ma anche genitore!) al tempo della terza decade del Web significa padroneggiare i principi del Personal Learning/Knowledge Management in modo da fare prevalere sempre un approccio dinamico al Learning to learn  Non vergognarsi di:  Dare giudizi e cambiare idea su strumenti/metodi/tecnologie/approcci  La flessibilità e l’adattabilità sono caratteristiche chiave per chi vuole stare in corsa col tempo 74 Firenze, 17 Aprile 2010
  • 60. È necessaria una prospettiva di lungoperiodo… Life Long Learning
  • 61. Conclusione – in pratica  Fare ordine (prima mentale e poi strumentale) nel proprio PLE (quello attuale)  Fare auto-valutazione del proprio livello di digital skills  Colmare le eventuali lacune con interventi di auto- formazione  Valutare in secondo tempo se è possibile/utile impadronirsi di altri strumenti per potenziare le funzionalità e l’impatto del PLE  Se ci si ferma al mondo PLE scegliere strumenti e dispositivi con criteri semplici come:  Facilità e flessibilità di uso, adattabilità al contenuto, visibilità e mobilità  Se il vostro mondo PLE deve aprirsi alla social classroom:  è utile capire portata e valutare ambienti specifici e tecnologie specifiche per il mondo “educational”: ne esistono molti e possono aiutare a fare grandi cose 76 Firenze, 17 Aprile 2010
  • 62. Web 3.0 Web 2.0 Web 1.0Web77 Firenze, 17 Aprile 2010
  • 63. Web 2.0  Read/Write, two-way, anyone can be a publisher  Social Web  The term “Web 2.0” defines an era; like “Dot Com”  Search (Google, Alternative Search Engines)  Social Networks (MySpace, Facebook, OpenSocial)  Online Media (YouTube, Hulu, Last.fm)  Content Aggregation / Syndication (Bloglines, Google Reader, Techmeme, Topix)  Mashups (Google Maps, Flickr, Amazon) Image credit: catspyjamasnzRichard MacManus Web 3.0 or Not, Theres Something Different About 2009
  • 64. Web 3.0? “People keep asking what Web 3.0 is. I think maybe when youve got an overlay of scalable vector graphics […] on Web 2.0 and access to a semantic Web integrated across a huge space of data […]” Tim Berners-Lee, 2006 ”The Web of Openness. A web that breaks the old siloes, links everyone everything everywhere, and makes the whole thing potentially smarter.” Greg Boutin, May 2009 “The Web 3.0 term misleads organizations by implying that a new version of the web is upon us.” Anthony Bradley, Gartner, April 2009Richard MacManus Web 3.0 or Not, Theres Something Different About 2009
  • 65. Web 3.0 in a Nutshell Cartoon by Geek and PokeRichard MacManus Web 3.0 or Not, Theres Something Different About 2009
  • 66. Web 3.0 or No, We’re Seeing SomethingNew There is a difference in the products were seeing in 2009 compared to the ones we saw at the height of Web 2.0 (2005-08).  More products based on open, structured data e.g. Wolfram Alpha  More real-time e.g. Twitter, OneRiot  Better filters e.g. FriendFeed (and Facebook, which copies FF)  Google evolves (Search Options and Rich Snippets, Search Wiki, Google Squared) • real-time information, adding more meaning to the data (aka Semantic Search), and filtering results. The new features show that Google is adapting to this environment.Richard MacManus Web 3.0 or Not, Theres Something Different About 2009
  • 67. Web 3.0 Semantic Web (RDFS, owl) Web 2.0 Linked Data (RDF, SPARQL) Web 3.0 extends current Web applications using Semantic Web technologies and graph-based, open data.83 Firenze, 17 Aprile 2010
  • 68. IEEE Computer, Jan 2010; IEEE Computing Now, Feb 2010 (free)84 Firenze, 17 Aprile 2010
  • 69. Ma il Cloud Computingci riguarda?
  • 70. VLE custom VLE generalGestione in casaGestione in PLE/PKE rete Peña-López, I. (2010) “Centralization vs. decentralitacion in Government and Education” In ICTlogy, #78, March 2010. Barcelona: ICTlogy. http://ictlogy.net/review/?p=3321 86 Firenze, 17 Aprile 2010
  • 71. Horizon key trends – 2010 - 2011• The abundance of resources and relationships made easily accessible via the Internet is increasingly challenging us to revisit our roles as educators in sense-making, coaching, and credentialing.• People expect to be able to work, learn, and study whenever and wherever they want to.• The technologies we use are increasingly cloud- based, and our notions of IT support are decentralized.• The work of students is increasingly seen as collaborative by nature.
  • 72. http://www.commoncraft.com/cloud-computing-videohttp://www.youtube.com/watch?v=XdBd14rjcs0&feature=player_embedded#
  • 73. Cloud computing, in education, is able to be both goodand bad. Why?http://www.dontwasteyourtime.co.uk/elearning/what-is-cloud-computing-and-what-can-it-do-for-education-2/#ixzz0kV8VIGBw• The ‘good’; • The ‘bad’;• It allows you to work from • Not all applications run in the multiple PCs (home, work, public cloud. library, etc), find your files, • Sensitive student data is no and edit them through the longer completely controlled cloud. by the school or the teachers.• It can be used to support • Internal networks are still teaching and learning needed for disseminating experiences. policies, printing, grouping• Most software is free, students, web filtering and available and ready-to-use. local storage.• Students can have a richer • Who owns the intellectual and more diverse learning property rights over some experience, even outside things you posted on cloud standard school hours. services?• Schools and jurisdictions can • A deleted account does not minimize costs; e.g. mean deleted content. outsource Institution email to • Can you truly rely on the Google or Microsoft. cloud to correctly and• It allows users to create accurately filter (adult) content through the browser, content? instead of only searching 89through the browser. Firenze, 17 Aprile 2010
  • 74. Altri riferimenti su Cloud Computing http://cloudworks.ac.uk/ http://blogs.educationau.edu.au/jmillea/2009/06 /23/heading-into-the-cloud-cloud-computing- and-education/
  • 75. L’ultimo pensiero dioggi…
  • 76.  Sono a dieta di Internet, per capire il mondo un po’ meglio e fare una scommessa sugli orrendi errori che faranno i decirosi. Non mi privo completamente di Internet, è solo una dieta stretta, con un razionamento rigoroso. É vero, le tecnologie sono la cosa migliore al mondo ma hanno anche mostruosi effetti collaterali che si vedono solo in là ne tempo. Passare del tempo nel silezio del mio studio, con poco inquinamento informativo mi fa sentire in armonia con i miei geni; sento che sto crescendo ancora. NASSIM N. TALEB Distinguished Professor of Risk Engineering, NYU-Poly; Principal, Universa Investments; Author, The Black Swan THE DEGRADATION OF PREDICTABILITY — AND KNOWLEDGE http://www.edge.org/q2010/q10_1.html
  • 77. … grazie per averepassato questoSabato insieme! Pettenati.mariachiara@gmail.com