Your SlideShare is downloading. ×
Dada @ Better Software 2012 - Agile Transition
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Introducing the official SlideShare app

Stunning, full-screen experience for iPhone and Android

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

Dada @ Better Software 2012 - Agile Transition

286
views

Published on

Marco Chiaverini at Better Software 2012 illustrate the Enterprise Transition to Agile

Marco Chiaverini at Better Software 2012 illustrate the Enterprise Transition to Agile

Published in: Business

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
286
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
10
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. La storia di una transizione verso Agile Marco Chiaverini | Director in Dada
  • 2. c’era una volta una start up…
  • 3. … che nel giro di pochi anni è cresciuta ENTERPRISEesponenzialmente passando per laquotazione in borsa … START UP Turnover: ~80 mln VOLUME DI Clienti: ~500mila BUSINESS Domini: 1,8 mln Dipendenti: ~400 2000 2010 Nata nel ’95. First mover nei mercati della connettività, dei VAS, dei domini (primo ICANN accredited registrar italiano).
  • 4. AMEN… e che ha acquisito varie NAMESCO POUNDHOSTaziende nei principali REG365mercati europei … NOMINALIA Paris REGISTER.IT London Eindhoven • Mercato: Domains, Firenze, Worcester Lisbon Hosting and Milano, Barcelona Dublin Bergamo advertising • 8 country CLIENTI • 7 brand 2000 2010 Top 5 del mercato Domains, Hosting and Advertising con 7 brand locali in 8 paesi e 10 uffici
  • 5. AMEN… il software è cresciuto notevolmentee con esso la complessità … CODE BASE LINEE DI CODICE NOMINALIA CODE BASE REGISTER.IT CODE CODE BASE BASE NAMESCO 2000 2010 Dada vende prodotti software e utilizza software proprietario per vendere i propri prodotti in grado si servire più brand, più lingue e più country. In 10 anni Dada ha integrato le piattaforme tecnologiche delle aziende acquisite.
  • 6. … mentre i team sono cambiati molto (turnover e LACK OF:location) con grande impatto sulla code ownership … COLLECTIVE CODE OWNERSHIP PEOPLE • 400 dipendenti REGISTER.IT • 10 uffici NOMINALIA NAMESCO AMEN 2000 2010La base di codice è stata sviluppata e mantenuta da staff di sviluppatori che sono stati soggetti al naturale turnover e ad un cambiodi organigramma ogni anno per adeguarci alla struttura internazionale.Questo ci ha portato alla mancanza di code collective ownership
  • 7. La produttività ACCUMULOconseguentemente è diminuita in REQUIREMENTmaniera inesorabile … genera WIP ALTO SPRECO E FRUSTRAZIONE Genera BOTTLENECK MORALE BASSO OVERHEAD PROCESSI WIP PUSH EFFECT DEAD LINE BACKLOG FEATURES generano DIMINUZIONE QUALITA’ TECHNICAL DEBT 2000 2010 Con la logica PUSH, una organizzazione a silos di molte persone e la tecnologia sempre più complessa diminuisce inesorabilmente la capacità di produrre valore. In una startup si pensa e si crea in un flusso continuo. Dada ha cavalcato molti business e inventato tanti prodotti innovando il mercato ma costruendo così il suo debito tecnologico. Non è raro nelle startup vedere top managers compresi presidente e amministratore delegato accanto a sviluppatori a fare pairing.
  • 8. Nel 2010 in un mercato ormai maturo ealtamente competitivo lo sviluppo COMPETIZIONE MERCATOsoftware della Startup è ad un punto disvolta COSTI SVILUPPO SPRECO DISFUNZIONI TECHNICAL DEBT MORALE BASSO LEGACY PLATFORM TEAM NON CO-LOCATI “Di quel periodo ricordo che facevamo riunioni per creare processi per risolvere problemi”
  • 9. Sembra scontato ma non lo è…Dada ha avuto la lucidità di ammettere che il nostro mondo è complesso, nonlineare, dinamico e altamente imprevedibile.Il coraggio è uno dei valori di agile ed il management di Dada ha avuto ilcoraggio di mettersi completamente in discussione rimettendo in gioco le propriecarriere ed i propri credo professionali. E così inizia la Transizione a LEAN e AGILE
  • 10. Che con il senno di poi è divisibile in 3 fasi … TODAY Performance 1 2 3 PRE AGILE 1. AGILE BUT 2. PILOT 3. NEXT WAVE 2010 2011 2012 2013
  • 11. Agile BUT, il primo tentativo .. TODAY Performance PRE AGILE 1. AGILE BUT 2. PILOT 3. NEXT WAVE 2010 2011 2012 2013
  • 12. SCRUM:The low hanging fruit AGILEScrum ha una risposta a tutti i problemi Lo usano le più grandi aziende del mondo del software.Scrum è semplice, facile da capire, Riduce la complessitàPerfetto per lo sviluppo software. Aumenta l’accountability e … Scrum rende le persone felici!
  • 13. E così … primo tentativo:FALLITO!!!Alcuni dei nostri sbagli (scrum but) Cambiamenti organizzativi all-in Decisioni top-down Scrum Masters senza knowledge di agile Pratiche XP sconosciute Mancanza di professioni (testers, …) Command and Control, resistenze, detrattori e sabotatori Scrum team con due Scrum Master Abbiamo bisogno di aiuto Ruoli inventati (TPM) al posto dei PO!
  • 14. Riproviamo con i coach. Inizia la fase dei Pilot. TODAY Performance PRE AGILE 1. AGILE BUT 2. PILOT 3. NEXT WAVE 2010 2011 2012 2013 A Better Software 2011 conosciamo il mondo degli agilisti italiani e ingaggiamo Agile coach per aiutarci (Fabio Armani e Stefano Leli).
  • 15. CULTURE EATS STRATEGY FOR BREAKFAST Training Sessions Ken Schwaber Scrum Massimo Bandinelli Inventor Dada Hosting Product Lean Agile Transition Coach Manager Certifications CPSMI, CPSMII, CSPOScopriamo che agile, oltre ad una serie di prescrizioni, è un cambiamentoculturale che richiede Learning, continuous improvement, continuouschange, test & learn
  • 16. ETC product box CAMBIAMENTO CONTESTO KAIZEN PERSONEFondiamo l’ETC (Enterprise Transition Community), elaboriamo inostri Point of Improvements e creiamo l’ETC Backlog
  • 17. Physical InformationGive nothing for granted Radiators Challenge beliefs Continuous incremental Learn from the past and iterative change… Definiamo le nostre ambizioni …
  • 18. Physical Information Radiators Involve everyone at Shape our different times culture… Stabiliamo i Goal della transizione …
  • 19. Physical Information Radiators Hostile economical environment Ever changing Fast moving technological competition innovation landscape achieve our quarterly Geographical and yearly targets conundrum rethink roles and career paths… fissiamo su carta le nostre maggiori sfide e ostacoli …
  • 20. Kanban Board: Visualize Workflow, limit WIP, manage lead timeLanciamo 2 Pilot Kanban …
  • 21. ScrumCROSS-FUNCTIONAL MasterTEAM:4 Developers2 UX Designers1 Tester1 Content developer Product OwnerEd ecco i 2 Pilot Scrum:Finalmente… un team co-locato, 100% su un progetto in uno spazio dedicato!
  • 22. Glad Sad Learn New ways of Mad Prioritizing and Data gathering Teams are self organizing RetrospectivesImpariamo nuove pratiche di team building e nuovi modi di lavorarein team: Scopriamo che i team sono unità sociali.
  • 23. Definition of Done Pratiche XP Definition of Ready… costruiamo la qualità (Building quality in): Test first, Pairprogramming, Refactoring, Continuous Integration, Clean Code …
  • 24. Team Morale: Super SPRINT GOAL ACHIEVED 33 Story Point out of 33 forecasted… Sprint 8: “Performing” arrivano le prestazioni e la qualità “deliverata” alcliente” …
  • 25. Mentre nascono, dopo qualche falsa partenza, le prime ImprovementCommunities e Community of Practice
  • 26. … e dopo 11 Sprint: Scaling Agile, The Next Wave TODAY Performance PRE AGILE 1. AGILE BUT 2. PILOT 3. NEXT WAVE 2010 2011 2012 2013
  • 27. Full Adoption of Jira and Confluence4 Nuovi team cross funzionali entrano nella transizione.Molti cambiamenti di carriera per Scrum Masters, Product Owners e Testers
  • 28. In Dada We We support Self supportL’ETC definisce e Organised Self teams Organisedcomunica internamente teams7 principi di Radical We work in In Dada We workManagement di Dada We In Dada We customer in customer Communicate driven interactively iterations In Dada We live for Customer Delight In Dada We We create a In Dada We create a context We deliver context for deliver value at for Continuous value at the end Continuous self the end of each self of each iteration improvement iteration improvement In Dada We are We are open open and and trasparent trasparent about about impediments impediments and issues and issues
  • 29. Adesso Dada si prepara ad affrontarele sfide della Next Wave  Scaling di Agile a tutta l’organizzazione  Split and Seed / Grow and seed  Creazione di 7 o più feature teams cross funzionali  Riorganizzazione del Marketing  Maintenance vs Innovation vs Expansion  Nuovi Ruoli: SM, PO, Testers  Nuovi percorsi di carriera  Start-up della Transizione in tutti i paesi  Continuous Change / Continuous Improvement
  • 30. Il futuro?
  • 31. aiutaci a costruirlo! Dada wants youMarco Chiaverini marco.chiaverini@dada.eu @marcochiaverini