Your SlideShare is downloading. ×
Business process modeling and automatic management
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Introducing the official SlideShare app

Stunning, full-screen experience for iPhone and Android

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

Business process modeling and automatic management

2,129
views

Published on

Presentazione svolta a SMAU 2009 (Milano) su strumenti di modellazione e automazione dei processi di business aziendali.

Presentazione svolta a SMAU 2009 (Milano) su strumenti di modellazione e automazione dei processi di business aziendali.

Published in: Technology

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
2,129
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
62
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Business Process Management Presentazione a SMAU 2009 BPM Automation metodi e strumenti per la gestione ottimizzata dei processi aziendali Marco Brambilla Politecnico di Milano, ICT Institute marco.brambilla@polimi.it http://home.dei.polimi.it/mbrambil/
  • 2. 2 Agenda  Business Process Management: motivazioni e concetti  cenni storici e trend attuale  Lo standard OMG BPMN: versioni 1.2 e 2.0  Gli strumenti di supporto  il mercato, classificazione funzionale  Un caso di studio pratico  il tool WebRatio BPM  un progetto nel settore finance / leasing SMAU 2009 Marco Brambilla
  • 3. Storia e trend 3 1980 1984 1990  1995  2000  2005 Concetto di FileNet e Workflow WorkFlo Rules, modeling, Business process monitoring, BPM 1985 Integration optimization Enterprise Application SOA Integration (EAI) 2000 +BPMN Web Services  Origini: Integrazione di esperienze molto diverse  Drivers: Aspetti di business e tecnologici SMAU 2009 Marco Brambilla
  • 4. BPM oggi: fasi, obiettivi e sfide 4  Il ciclo di vita Design  BP Design  BP Modeling Optimization Modeling  BP Execution  BP Monitoring (BAM)  BP Optimization  Obiettivi Monitoring Execution  Integrazione di applicazioni  Web services  SOA (Service Oriented Architectures)  Linguaggi di orchestrazione (es. BPEL)  Evoluzione continua dei processi  Processo di sviluppo virtuoso SMAU 2009 Marco Brambilla
  • 5. BPMN: 1.2 e 2.0  Processi privati (interni)  Processi pubblici (interfacce)  Processi collaborativi (globali) SMAU 2009 Marco Brambilla
  • 6. I concetti di BPMN Name Activity: unità di lavoro Subprocess: attività che può essere a sua volta Name scomposta in un sottoprocesso Pool: rappresenta un partecipante Lane: partizione di una pool, per scopi vari SMAU 2009 Marco Brambilla
  • 7. Simboli BPMN – Eventi e flussi EVENTI - FLOW DIMENSION: EVENTI - TYPE DIMENSION: Start (avvio di un processo) End (conclusione di processo) Intermediate (evento nel corso del processo) FLUSSI: Control/ sequence flow: sequenza di esecuzione Default flow: in presenza di più scelte, flusso scelto di default Message flow Conditional control/sequence flow: seguito se la condizione specificata all’inizio del flow è verificata Association: associazione o flusso di data-objects SMAU 2009 Marco Brambilla
  • 8. Simboli BPMN – Gateway e cicli Loop Activity Loop: implementa cicli while e until su singola activity Loop Activity Multiple Instance Loop: cicli for-each su singola activity A2 cond Cycle: ciclo esplicito con uso di gateway A3 SMAU 2009 Marco Brambilla
  • 9. Esempio BPMN Loan request Cust Application Preliminary Application Mgr validation Final approval Application Financial check + + Application Empl GetJobCheck JobCheck Req [type Receive] [type Send] Application Application SVC Job Check JobCheckS JobCheckE SMAU 2009 Marco Brambilla
  • 10. Verso BPMN 2.0 – le novità 10  Relazione tra modelli: diversi diagrammi per lo stesso processo, diverse prospettive ma consistenti  Non-interrupting events: per scatenare azioni su evento, senza interrompere il flusso corrente  Escalation events: per segnalare un evento da parte di un utente  Business rule task: per invocare regole di business  Conversation diagrams e choreography diagrams: nuovi tipi di diagrammi  Allineamento con BPDM: business process definition meta model, per un linguaggio unico e consistente  Standard XML schema: per l’interscambio di BPMN models SMAU 2009 Marco Brambilla
  • 11. Gli strumenti 11  Oltre 50 prodotti per BPM che supportano BPMN  Gartner magic quadrant  Differenti target:  Analisti (Billfish BPM, BizAgi)  Sviluppatori (TIBCO)  Analisti-sviluppatori (Oracle, IBM) SMAU 2009 Marco Brambilla
  • 12. Gli strumenti 12  Differenti target:  Analisti (Billfish BPM, BizAgi)  Sviluppatori (TIBCO)  Analisti-sviluppatori (Oracle, IBM) SMAU 2009 Marco Brambilla
  • 13. Gli strumenti 13  Differenti target:  Sviluppatori (TIBCO)  Analisti (Billfish BPM, BizAgi)  Analisti-sviluppatori (Oracle, IBM) SMAU 2009 Marco Brambilla
  • 14. Gli strumenti 14  Differenti target:  Analisti-sviluppatori (Oracle, IBM)  Analisti (Billfish BPM, BizAgi)  Sviluppatori (TIBCO) SMAU 2009 Marco Brambilla
  • 15. Gli strumenti 15  Interoperabilità teorica e pratica  Differenti caratteristiche:  Facilità di modellazione (BizAgi, Oracle)  Copertura BPMN (TIBCO, Intalio)  Simulazione (IBM WebSphere Business Modeler)  BAM - analisi di business (BizAgi, Oracle)  Integrazione sorgenti dati (DB, appl web, sist informativo) (IBM, TIBCO, WebRatio)  Prototipazione (WebRatio BPM, Billfish BPM, Oracle)  Generazione e personalizzabilità interfaccia (form, visual identity, ...) (BizAgi, WebRatio) SMAU 2009 Marco Brambilla
  • 16. Gli strumenti 16  Differenti caratteristiche:  Facilità di modellazione (BizAgi, Oracle) SMAU 2009 Marco Brambilla
  • 17. Gli strumenti 17  Differenti caratteristiche:  Copertura BPMN (TIBCO, Intalio) SMAU 2009 Marco Brambilla
  • 18. Gli strumenti 18  Differenti caratteristiche:  Simulazione (IBM WebSphere Business Modeler) SMAU 2009 Marco Brambilla
  • 19. Gli strumenti 19  Differenti caratteristiche:  BAM - analisi di business (BizAgi, Oracle) SMAU 2009 Marco Brambilla
  • 20. Gli strumenti 20  Differenti caratteristiche:  Integrazione sorgenti dati (DB, appl web, sist informativo) (IBM, TIBCO, WebRatio)  Prototipazione (WebRatio BPM, Billfish BPM, Oracle)  Generazione e personalizzabilità interfaccia (form, visual identity, ...) (BizAgi, WebRatio) SMAU 2009 Marco Brambilla
  • 21. Contatti Marco Brambilla marco.brambilla@polimi.it Tel. 02 2399 3673 Fax 02 2399 3587 www.dei.polimi.it