Your SlideShare is downloading. ×
Progetto G8
Progetto G8
Progetto G8
Progetto G8
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Progetto G8

532

Published on

Progetto di ricerca dell'analisi dell'OCP sul G8 di Genova 2001 pubblicato nel volume "Violenza Mediata" (Editori Riuniti).

Progetto di ricerca dell'analisi dell'OCP sul G8 di Genova 2001 pubblicato nel volume "Violenza Mediata" (Editori Riuniti).

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
532
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. G8 Genova 2001 Il vertice dei otto capi di governo dei paesi più industrializzati è stato come un importante evento dal punto di vista mediale oltre che da quello politico e internazionale. Un’occasione di visibilità mondiale e prestigio per i governi dei grandi paesi industrializzati diventato ora terreno di sfida e occasione del cosiddetto movimento “antiglobalizzazione” La comprensione degli eventi mediali, delle loro ripercussioni nell’arena politica e delle conseguenze sull’opinione pubblica, sono interesse, oggetto di studio e prospettiva teorica principale dell’Osservatorio sulla Comunicazione Politico culturale. L’Ocp ha compiuto un’attenta analisi di quest’evento partendo dalla constatazione che non esiste, fino ad ora, nessun tipo di pubblicazione che analizzi da un punto sociologico e mediologico il fenomeno iniziato a Seattle. L’evento G8 è stata l’occasione di materializzazione del movimento e, per noi, di analisi dello stesso, e un momento particolarmente alo dello scontro politico, poliziesco e comunicativo in atto. L’oggetto della ricerca è, quindi, l’evento stesso, rispetto alle seguenti dimensioni illustrative. La comunicazione istituzionale del G8: La comunicazione intenzionale compiuta dalle istituzione e dall’organizzazione del vertice mirata soprattutto ad indagare la reazione mediale e simbolica alla contestazione, la gestione della “crisi” prodotta dalla rilevanza mediale e politica dell’evento “contestazione”, l’efficacia ed il risultato di queste azioni. Quindi oggetto della ricerca non sono i contenuti e i temi trattati dal vertice (e quindi anche del controvertice) ma la “battaglia mediale e informativa” compiuta. La preparazione e comunicazione dell’evento “contestazione al G8”: Con attenzione al rapporto instaurato con i media “ufficiale”, considerazione e la consapevolezza della comunicazione con i media, i contenuti e l’autorappresentazione veicolata, gli eventi creati (sit-in, manifestazioni, comunicati e conferenze stampa, siti web). Il “Popolo di Seattle”: La ricerca cercherà di delineare una primo ricognizione e mappatura del movimento nato con l’evento “Contestazione al WTO a Seattle” e delle organizzazione con particolare attenzione alle relazioni e atteggiamenti comunicativi. Le azioni e ripercussioni sul sistema politico (maggioranza e opposizione): Come il sistema politico ha agito e reagito all’evento intervenendo e creando dibattito sul tema con interventi e interviste. La maggioranza governativa per quanto riguarda l’organizzazione del vertice e il rapporti con i “contestatori”. L’opposizione con attenzione al ruolo svolto da quest’occasione per i rapporti interni ed esterni alle formazioni in crisi (Verdi e soprattutto i Democratici di Sinistra), e per i rapporti “esteri” con l’elettorato di sinistra. In entrambi i casi si vaglieranno le differenze interne di posizione rispetto all’uso della visibilità procurata dal tema. La mappa delle posizioni del sistema editoriale e giornalistico: Quale è stata la reazione editoriale e politica delle testate giornalistiche italiane. Quale rapporto tra le opinioni editoriali espresse, titoli e scelte redazionali e le cronache giornalistiche. Come il sistema editoriale è riuscito a produrre testi e approfondimenti sul tema approfittando della fama assunta dall’evento. Valutando quali posizioni sono state affrontate e messe in campo e i con quali risultati. Il posizionamento e la tematizzazione dell’evento operata dai media: La rappresentazione operata dei media del “Popolo di Seattle”, la tematizzazione offerta dell’evento (possibilità di scontri di piazza e violenze, terrorismo, trattative) e il livello di notiziabilità e rilevanza dei temi in campo (quantità di articoli, posizione, editoriali, interviste). Valutando in particolare il percorso di progressiva immissione del tema nell’agenda mediale (eventi e avvenimenti), l’attenzione alla questione ordine pubblico e la rappresentazione mediale del movimento “antiglobalizzazione”. Nell’ipotesi che a) i media abbiano tematizzato l’evento esclusivamente sul tema “scontri” e violenze di piazza e b) che venga fornita visibilità solo alle voci che confermavano questa definizione (tute bianche, rete noglobal, ecc.). Inoltre è nostra intenzione valutare il rapporto tra l’attenzione dedicata al tema ordine pubblico e invece, all’approfondimento sui temi globalizzazione e movimento. Il ruolo svolto dalla rete internet Roma, 25 ottobre 2002 1
  • 2. G8 Genova 2001 Nell’ipotesi che la rete costituisca il terreno mediale di una nuova opinione pubblica (in senso Habermassiano cioè a suo tempo costruita intorno ai caffè come luogo di incontro e confronto e dai primi organi di informazione). Un pubblico fondato sui new media interattivi e personalizzati di cui il cosiddetto “Popolo di Seattle” sarebbe un prima manifestazione. La rete internet sarebbe quindi il punto di legame e costruzione della possibilità di azione e organizzazione di questo movimento. L’organizzazione della ricerca prevede una suddivisione in gruppi, rappresentati da un coordinatore, che compieranno l’analisi rispetto ai singoli aspetti interessati: 1. Media Gestazione e imminenza: la situazione del tema sui maggiori quotidiani nazionali nei mesi precedenti con particolare attenzione agli eventi intervenuti e al dibattito in corso. Media Quotidiani: La Repubblica, il Corriere della Sera, La Stampa, Il Messaggero, Il giornale, L’Unità, Il manifesto, il secolo XIX. Periodici: Espresso, Panorama, Il Venerdì di Repubblica, Specchio (La Stampa), Sette (CdS). Tv: Eventuali speciali televisivi. Periodo: 15 maggio – 15 luglio Metodo: Stampa: grazie a due schede di rilevazione verrà registrato il numero di articoli dedicati all’argomento (per testata e complessiva), il tipo, la posizione, la rilevanza e altre informazioni strutturali. Successivamente verrà compiuta un’analisi qualitativa del contenuto dell’articolo in rapporto agli obiettivi sopra esposti: 1. Eventi che hanno contribuito ad innalzare l’attenzione sul tema; 2. Definizione e attenzione al tema violenza e ordine pubblico; 3. Rappresentazione del “Popolo di Seattle” soprattutto in rapporto al tema precedente. Evento: i resoconti sull’evento nella settimana del vertice. Media Tv: tutti i Tg delle principali reti nazionali (Rai, Mediaset, la7 e Mtv) i servizi dei canali satellitari Euronews e Cnn e gli speciali Televisivi; Quotidiani nazionali: La Repubblica, il Corriere della Sera, La Stampa, Il Messaggero, Il giornale, L’Unità, Il manifesto, Giorno-Nazione-Resto del Carlino, Il Foglio, Libero, Liberazione, Il Tempo, il secolo XIX. quotidiani e periodici e siti di news internazionali: The Economist, Time magazine, Cnn, Euronews, … Metodo: grazie a due schede di rilevazione verrà registrato il numero di articoli dedicati all’argomento (per testata e complessiva), il tipo, la posizione, la rilevanza e altre informazioni strutturali. Successivamente verrà compiuta un’analisi qualitativa del contenuto dell’articolo in rapporto alla “partita” comunicativa tra gli avvenimenti e la loro capacità di inserirsi enell’agenda mediale e prevalere sugli altri: a. attenzione dedicata ai singoli attori in gioco (capacità di imporre temi, di immettersi nel dibattito, etc.); b. attenzione dedicata agli eventi prodotti; c. la capacità di scontri e violenze di “coprire” tutti gli altri eventi e questioni. Periodo: 15 luglio – 23 luglio Conseguenze: stessa analisi del primo periodo nella settimana successiva all’evento allo scopo di valutare quali temi ed eventi abbiano contribuito a mantenere viva l’attenzione sul caso G8. 4. La costruzione dell’evento ufficiale Storia: analisi comparativa dei G7/G8 degli scorsi anni (rilevanza mediale, contestazioni avvenute). Roma, 25 ottobre 2002 2
  • 3. G8 Genova 2001 Ufficio stampa: analisi di comunicati e conferenze stampa. Web: siti “ufficiali” del vertice ed eventuali forum o mailing list dedicati. interviste: responsabili organizzativi e ufficio stampa. 5. La costruzione dell’evento “alternativo” assemblee organizzative (osservazione partecipante – Roma) comunicati stampa valutando tempestività, intenzioni, stile e legame con l’attualità internet: siti web: http://www.noglobal.org http://italy.indymedia.org http://www.ecn.org http://www.kyuzz.org/anarcociclismo/ http://www.tmcrew.org/lista.htm http://www.retelilliput.org/ http://www.genoa-g8.org/ http://www.unimondo.org/ http://www.controg8.org/ http://www.tutebianche.org metodo: una scheda vaglierà le informazioni strutturali e comunicative del sito (interfaccia, frequenza di aggiornamento, link, funzionalità, ecc.) e successivamente verranno analizzati i contenuti in termini di autorappresentazione, intenzione comunicativa, uso e interattività). mailing-list, newsgroups, forum: [Cerchio di G8] [Contro G8] No Global Network [noomc-it] [Tmcrew list] [ecn - movimento] [Dadaciclo list] [Lilliput-g8] metodo: una scheda vaglierà le informazioni strutturali e comunicative del sito (moderazione, apertura, numero di iscritti, quantità di messaggi, tema, ecc.) e successivamente verranno analizzati i contenuti in termini di mezzo (uso dialogico o unidirezionale) e contenuto (temi trattati). mappa delle associazioni, reti e organizzazioni presenti Le ripercussioni mediali 6. L’evento Osservazione diretta e partecipante degli avvenimenti del G8 e delle contestazioni. Con particolare riferimento al comportamento degli operatori dell’informazione e all’allestimento e comunicazione dell’evento “ufficiale” e delle manifestazioni. 7. Im-mediate riflessioni Interviste e riflessioni di studiosi dei media, opinionisti, sociologi sull’evento G8, il fenomeno contestazione alla globalizzazione (“Popolo di Seattle”). Roma, 25 ottobre 2002 3
  • 4. G8 Genova 2001 Immaginiamo un testo di circa 180 pagine così strutturato: 1. Introduzione (10 pagine circa) Posta in gioco Avversari Posta in gioco Eserciti Tattiche Armi 2. Cronaca di guerra (40 pagine circa) Eventi La narrazione degli eventi significativi, le soluzioni di discontinuità nel mesi che hanno portato al vertice dei G8. Calendario 3. Scenari di battaglia (120 pagine circa) Net opinion La rete Internet costruisce il reticolo dove una moltitudine, la moltitudine di prosumer ed esclusi, si addensa, costituisce culture, gruppi e, in questo caso mobilitazioni. Quali sono i meccanismi di funzionamento, le novità imposte le arretratezze di questa pubblic opinion elettronica? Media power Il campo di battaglia di rappresentazioni, definizioni, eventi. Lo spazio dove Lobby, decisori e organi di informazione costituiscono rappresentazioni pubbliche, mitologie e “opinione pubblica”. Lo spazio dove la possibilità di rappresentare le proprie posizioni, di screditare le altre, e quindi di incidere sulle decisioni appare determinante. Qual è la posizione del media system di fronte all’evento/conflitto mediale e transnazionale G8 vs. Popolo di Seattle? Battaglia mediale Lo scontro mediale dove le rappresentazioni, le armi comunicative si sono incontrate e confrontate. Chi ha vinto? 4. Conclusioni (10 pagine circa) Quale sarà il futuro dell’opinione pubblica e della net opinion, del Governo del mondo e del movimento globale? Quale sarà il futuro del “Popolo di Seattle” dopo gli attentati dell’11 settembre 2001? Come il movimento “antiglobalizzazione” si confronterà con la guerra in atto? Si trasformerà in movimento “pacifista”? L’opinione dell’Ocp e le im-mediate riflessioni. Allegati: un CD-Rom potrebbe contenere (con un menù in formato ipertestuale) tutto il materiale raccolto foto, immagini audiovisive, siti web e mailing-list, articoli e copertine di quotidiani e settimanali. Roma, 25 ottobre 2002 4

×