• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
RFID F2F Vinitaly 2012
 

RFID F2F Vinitaly 2012

on

  • 704 views

Treviso Tecnologia presented the "RFID from Farm to Fork" project within the stand of the Agriculture Department of the Region of Basilicata in which the company Vigne Mastrodomenico is also ...

Treviso Tecnologia presented the "RFID from Farm to Fork" project within the stand of the Agriculture Department of the Region of Basilicata in which the company Vigne Mastrodomenico is also exhibiting.
The pilot project has been deployed by University of Salento.

Statistics

Views

Total Views
704
Views on SlideShare
664
Embed Views
40

Actions

Likes
0
Downloads
15
Comments
0

2 Embeds 40

http://www.rfid-f2f.eu 39
http://www.linkedin.com 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    RFID F2F Vinitaly 2012 RFID F2F Vinitaly 2012 Presentation Transcript

    • Vinitaly RFID - From Farm to Fork Verona, 25-28 Marzo 2012 Rafforzare il vantaggio competitivo dellePMI attraverso l’implementazione dell’RFID Treviso Tecnologia Università del Salento Az. Vigne Mastrodomenico www.rfid-f2f.eu @RFIDfarmtofork
    • Schema della presentazione• Introduzione• Gestione della tracciabilità alimentare – Consumatori e aziende, La tecnologia RFID in standard EPC, Un sistema proattivo• Il progetto RFID from Farm to Fork – Carta d’identità, Attività condotte, Pilota dimostratori• Progetto pilota in Basilicata: Vigne Mastrodomenico – Attori coinvolti, fasi interessate, WSN (Sensor Service), RFID, Trace Service e Identity Service• Progetto pilota in Slovenia: Fonda – Pagina di tracciabilità, Informazioni nutrizionali, Tracciatura delle fasi della filiera, Monitoraggio della catena del freddo, Controllo dei processi di business• Conclusioni: F2F per la competitività delle PMI
    • Introduzione• Qualche anno fa – Piena fiducia nell’origine degli alimenti • Acquisto direttamente dal produttore • Pochi intermediari affidabili• Ora – Compriamo in super o ipermercati • Carne confezionata • Pesce congelato • Informazioni a volte incomplete – Problemi di fiducia circa l’origine e scarsa conoscenza dei processi di lavorazione – In mancanza di queste informazioni • Il prezzo determina il comportamento d’acquisto • Vantaggio per le grandi imprese e per i prodotti provenienti da Paesi con bassi costi
    • Gestione della tracciabilità alimentareConsumatori e aziende“Possibilità di ricostruire e seguire il percorso di un alimento attraversotutte le fasi della produzione, della trasformazione e della distribuzione.” (Reg. CE 178/2002) È un tema chiave nello scenario agroalimentare che interessa: QUALITA’ e SICUREZZA  fiducia del consumatore nei confronti dei prodotti TECNOLOGIA  possibilità di innovazione per le aziende
    • Gestione della tracciabilità alimentareLa tecnologia RFID in standard EPC RFIDIdentificazione automatica tramite dispositivi elettronici (tag) in grado diessere interrogati a distanza da lettori comunicando le informazioni EPC – Un Codice Elettronico di Prodotto univoco su ogni tag applicato ad ogni prodotto/collo – I lettori RFID leggono attraverso un onda radio, senza necessità di linea di vista – Il sistema informativo può essere programmato per prendere decisioni – Viene captato, registrato, e condiviso
    • Gestione della tracciabilità alimentareUn sistema proattivoL’automazione delle operazioni con cui vengono acquisiti i dati ditracciabilità permette di disporre in tempo reale di informazioni sui flussidi prodotto nella supply chain.• Accuratezza  riduzione errori (di mix, quantità, documenti, identificazione), costi di gestione e correzione degli stessi• Visibilità  riduzione stock-out, tempo di evasione dell’ordine e livelli medi di scorte di sicurezza e di ciclo, a supporto del monitoraggio dell’inventario e dell’andamento della domanda• Produttività  riduzione manodopera necessaria e relative fasi.
    • Il progetto RFID from Farm to ForkCarta d’identità• Progetto co-finanziato dalla CE (CIP ICT) – Competitiveness and Innovation Framework Programme – The Information and Communication Technologies Policy Support Programme – Area: Internet evolution and security – Objective: Strenghening SME competitive advantage through RFID implementation – Project reference: 250444• Articolo RFID Journal “Ambitious European Project Traces Food from Farm to Fork”
    • Il progetto RFID from Farm to ForkAttività condotte• Sviluppo del database e della struttura dei servizi web secondo principi di scalabilità, facilità d’uso e sicurezza.• Studio dei processi di business, individuazione del pilota e dei flussi di informazioni coinvolti.• Modellazione dei processi, scelta della configurazione tecnologica, automazione della raccolta dati. SUPPLY CHAIN
    • Il progetto RFID from Farm to ForkPilota dimostratori• PMI appartenenti a 4 settori: carne, vino, pesce e caseario• Fornire ai consumatori prodotti completamente tracciabili• Dimostrare come RFID e standard EPCglobal creano valore nella filiera• Più di 15 pilota attivi in Europa, dai quali verranno raccolti dati di efficacia ed efficienza sulla soluzione sviluppata. 4 CATEGORIE
    • Progetto pilota in BasilicataAttori coinvolti• Vigne Mastrodomenico è una piccola azienda familiare che produce fino a 40.000 bottiglie l’anno di pregiato Aglianico del Vulture DOC.• Electromagnetic Lab Lecce (EML2) è un gruppo di ricerca, nell’ambito del Dipartimento di Ingegneria dell’Innovazione dell’Università del Salento, che si dedica in particolare all’integrazione di reti di sensori WSN e sistemi RFID, con la progettazione di architetture software.
    • Progetto pilota in BasilicataFasi interessate• I vigneti: monitoraggio della situazione pedoclimatica della zona di raccolta (gestione dei trattamenti, irrigazione, …)• La cantina: misura dei parametri ambientali e rilevazione automatica dei processi di lavorazione fino all’imbottigliamento• Il consumatore: visualizzazione della pagina di tracciabilità relativa alla bottiglia• Reti di sensori WSN e sistemi RFID
    • Progetto pilota in BasilicataWSN - I vignetiI vigneti Vigne Mastrodomenicosi differenziano per diverse composizioni del suoloe differente esposizione solare.Quelli oggetto della sperimentazione si estendonoper 2 ettari su una collina alta circa 350m.Uva coltivata: Aglianico del Vulture.Gli impianti sono alti circa 1 metro e mezzo e i filarisono distanziati di 2 metri.Pompe d’acqua sono attivate in caso di irrigazionedi soccorso del vigneto, aspetto che dipendedall’umidità del suolo e dalla temperatura.
    • Progetto pilota in Basilicata WSN - Schema dei sensori in vigneto Temperatura del suolo Irraggiamento solare Pluviometro Velocità e direzione del vento Temperatura, pressione e umiditàUmidità del suolo Bagnatura fogliare
    • Progetto pilota in BasilicataWSN - La cantinaLa cantina Vigne Mastrodomenico,situata a pochi chilometri dai vigneti, è dedicataalla produzione, imbottigliamento, magazzino evendita del vino.L’ambiente è ricavato nella roccia e fornisce lecondizioni ideali per lo stoccaggio delle bottiglie.In cantina vi sono grandi silo di acciaio per lostoccaggio, mentre altre barrique sono utilizzateper tenere separati vini di diverse annate.E’ molto importante che temperatura e umiditàrimangano il più possibile costanti.
    • Progetto pilota in BasilicataWSN - Schema dei sensori in cantina e visualizzazione consoleTemperatura eumidità http://mastrodomenicovineyard.dyndns.org
    • Progetto pilota in BasilicataWSN - Gli strumenti di comunicazione dei datiConsole Davis Pro 2 WirelessRaccoglie informazioni ogni 15 minuti dalla rete di sensori invigna e in cantina.Weather Wing 2Rende disponibili i dati ambientali raccolti dalla consoleattraverso un webserver.Router Teltonika 3G/HSUPADotato di connessione internet 3G e antenna Wi-Fi (WLAN perla raccolta dei dati tracciabilità con sistema RFID).Server/Sensor databaseRaccoglie in un database tutti i dati misurati (vigneto e cantina).
    • Progetto pilota in BasilicataWSN - Parametri monitorati e comunicazione al database Climatici: Vento, Pioggia, Temperatura, Umidità, Irraggiamento solareVIGNETI Botanica: Bagnatura fogliare Suolo: F2F server Temperatura, Umidità Sensor DBCANTINA Climatici: Temperatura, Umidità
    • Progetto pilota in BasilicataRFID - Tracciabilità e processi di businessCorrelare i dati del monitoraggio ambientale con la tracciabilitàdella produzione attraverso un sistema informativo RFID instandard EPC (Electronic Product Code)Sistema informativo predisposto secondo lo standard EPCglobal (EPCIS) facilita lacondivisione dei dati di tracciabilità nelle diverse fasi della filiera (dalla vendemmia,alle lavorazioni in cantina, fino all’imbottigliamento ed alla conservazione inmagazzino), sia internamente che nei rapporti con altre aziende. VIGNETI CANTINA SPEDIZIONE EPCIS Internal DB Repository
    • Progetto pilota in BasilicataRFID - Monitoraggio e tracciabilità dei processi nel vigneto Server with internal DB Laptop Computer RFID Printer To EPCIS Repository RFID UHF Tag Cargo and crates for grapes Wireless Sensors UHF RFID Environmental Monitoring Handheld • Monitoring date/time UHF RFID Reader Handheld • Temperature Wireless Sensors Reader • Humidity Grapes Harvest • Wind Speed and Direction • Harvest date/time Grapes Transportation • Solar Radiation Grapes Localization • Grapes Type • Winery entrance date/time • Rainfall • Vineyard Sector ID • Cargo Tag-ID • Cargo Tag-ID • Soil Temperature • Vineyard Sector • Cargo Weight • Cargo Weight • Soil Moisture GPS Location • Reader ID • Reader ID
    • Progetto pilota in BasilicataRFID - Sistema di tracciabilità nel vigneto• Informazioni sulla produzione si ricavano mettendo in relazione le cassette d’uva con il processo di raccolta. Impinj Jumpinjack UHF Tag
    • Progetto pilota in BasilicataRFID - Capturing application nei vigneti
    • Progetto pilota in Basilicata RFID - Monitoraggio e tracciabilità dei processi in cantina Server with internal DB Desktop Computer RFID Printer To EPCIS Repository RFID UHF Tag Cargo and crates Wireless for grapes Sensors UHF RFIDIndoor Monitoring Reader• Winery temperature• Winery Humidity UHF RFID Wine Bottle Packing Reader • Bottles per box • Packing box Tag-IDGrapes Processing Wine Storage Wine Bottling • Pallet ID• Chute Dumping date/time • Decantation date/time • Bottling date/time • Reader ID• Press Date/Time • Fermentation date/time • Bottle Tag-ID • Conservation date/time • Reader ID • Barrel Tag-ID • Reader ID
    • Progetto pilota in BasilicataRFID - Sistema di tracciabilità in cantina RFID UHF FF Reader Antenna Impinj speedway revolution reader
    • Progetto pilota in BasilicataRFID - Capturing application in cantina
    • Progetto pilota in BasilicataInterfaccia Identity ServiceL’interfaccia comunica con l’id serviceper la stampa dei codici sull’etichetta.
    • Progetto pilota in BasilicataInterfaccia Trace Service per il consumatore
    • Progetto pilota in SloveniaPagina di tracciabilità
    • Progetto pilota in SloveniaInformazioni nutrizionali
    • Progetto pilota in SloveniaTracciatura delle fasi di filiera
    • Progetto pilota in SloveniaMonitoraggio della catena del freddo
    • Progetto pilota in SloveniaControllo dei processi di business
    • Conclusioni: RFID per la competitività delle PMIIdentificazione dei prodotti, acquisizione e archiviazione dei relativi dati e accesso in temporeale alle informazioni raccolte• associate al codice EPC del tag (tracciabilità)• accessibili attraverso la EPCglobal Network (visibilità)• permettono un miglior controllo dei processi e delle scorte (economicità)• permettono il ritiro o il richiamo tempestivo dei prodotti (sicurezza)• possono essere associate alla rilevazione della temperatura (controllo)La piattaforma RFID F2F• si basa su soluzioni software libere da licenze (open source)• si compone di applicazioni integrate (interoperabilità)• non è vincolata a particolari rivenditori di hardware (customizzabile)• può essere utilizzata per combattere le frodi (anticontraffazione)• valorizza la comunicazione verso i consumatori (trasparenza)
    • Vinitaly RFID - From Farm to Fork Verona, 25-28 Marzo 2012 Rafforzare il vantaggio competitivo dellePMI attraverso l’implementazione dell’RFIDGiuseppe Mastrodomenicogiuseppe.mastrodomenico@gmail.comwww.vignemastrodomenico.comLuca Catarinucciluca.catarinucci@unisalento.itwww.electromagnetics.unile.itMarco Battistellam.battistella@tvtecnologia.itwww.tvtecnologia.it www.rfid-f2f.eu @RFIDfarmtofork