Patologie cardiache acute di
pertinenza cardiochirurgica
Prof. Antonio Scafuri
U.O.C. Cardiochirurgia – Policlinico Tor Ve...
Patologie cardiache acute di
pertinenza cardiochirurgica
• Complicanze meccaniche dell’infarto miocardico acuto
• Tamponam...
Complicanze meccaniche
dell'infarto miocardico acuto
• Difetto interventricolare
• Rottura della parete libera del cuore
•...
Difetto interventricolare
Introduzione
• Incidenza: < 1%
• Piú frequente nei maschi
• Comparsa dopo 2-4 gg da IMA
Difetto interventricolare
Introduzione
•

Associazione con occlusione
di a. discendente anteriore
(60%), a. coronaria dest...
Difetto interventricolare
Introduzione
Localizzazione
• Apicale
• Anteriore
• Postero-inferiore
Difetto interventricolare
Introduzione
Mortalità
• A 30 giorni:

74%

• Ad 1 anno:

78%
Difetto interventricolare
Presentazione clinica
• Ricorrenza di dolore toracico
• Peggioramento del quadro emodinamico
• S...
Difetto interventricolare
Presentazione clinica
• Comparsa di nuovo soffio sistolico
• Soffio olosistolico
• Meglio udibil...
Difetto interventricolare
Diagnosi strumentale
Difetto interventricolare
Diagnosi strumentale
• Comparsa di differenza di SO2 fra atrio destro e arteria polmonare
• Diff...
Difetto interventricolare
Gestione iniziale
• Contropulsatore aortico
• Farmaci inotropi e diuretici
• Timing chirurgico:
...
Difetto interventricolare
Trattamento chirurgico
• Ventricolotomia attraverso la zona infartuata
• Infartectomia
• Chisura...
DIV apicale
DIV anteriore
Chiusura diretta
DIV anteriore
Chiusura con patch
Difetto interventricolare
Trattamento chirurgico

• Tecnica piú recente è quella che prevede la riparazione del DIV con
pa...
DIV anteriore
DIV posteriore
Difetto interventricolare
Trattamento percutaneo
Difetto interventricolare
Follow-up
Rottura parete libera
Introduzione

• Incidenza: < 10%
• Piú frequente nelle donne
Rottura parete libera
Introduzione
Localizzazione
• Apicale
• Anteriore
• Postero-inferiore
Rottura parete libera
Introduzione
Esordio
• Acuta
• Subacuta
• Cronica
(pseudoaneurisma)
Rottura parete libera
Terapia chirurgica
Rottura parete libera
Terapia chirurgica

• Copertura della rottura con colla biocompatibile
(cianoacrilato)
• Successivo ...
Insufficienza mitralica acuta
Introduzione

• Incidenza: 1-5%
• Legata a rottura di m.
papillare
Insufficienza mitralica acuta
Introduzione

• Più frequentemente
coinvolto il m. papillare
postero-mediale
• Risulta prola...
Insufficienza mitralica acuta
Presentazione clinica
• Dolore toracico e dispnea a riposo
• Edema polmonare acuto
• Peggior...
Insufficienza mitralica acuta
Presentazione clinica
• Comparsa di nuovo soffio sistolico
• Soffio olosistolico
• Irradiazi...
Insufficienza mitralica acuta
Diagnosi strumentale
Insufficienza mitralica acuta
Gestione iniziale
• Contropulsatore aortico
• Farmaci inotropi e diuretici
• PTCA primaria o...
Insufficienza mitralica acuta
Trattamento chirurgico

• Riparazione valvolare mitralica
• Sostituzione valvolare mitralica
Insufficienza mitralica acuta
Trattamento chirurgico
 Accesso chirurgico:
o Atriotomia trans-settale sec. “Guiradon”

o A...
Insufficienza mitralica acuta
Terapia chirurgica

(1) Carpentier-Edwards classic annuloplasty rings. (2) Carpentier-Edward...
Insufficienza mitralica acuta
Trattamento chirurgico

• Riparazione valvolare mitralica
• Sostituzione valvolare mitralica
Insufficienza mitralica acuta
Trattamento chirurgico
Importante preservare l’integrità dell’apparato sottovalvolare
mitral...
Insufficienza mitralica acuta
Trattamento chirurgico
Insufficienza mitralica acuta
Trattamento chirurgico
Tamponamento cardiaco
Introduzione

•

Condizione caratterizzata
da accumulo di liquido
all’interno
del
sacco
pericardico ...
Tamponamento cardiaco
Eziopatogenesi

•
•
•
•
•
•
•
•

Pericardite acuta (virale, idiopatica)
Pericardite neoplastica
Peri...
Tamponamento cardiaco
Fisiopatologia

•

La presenza di liquido,gas, materiale trombotico nel
pericardio causa

 Aumento ...
Tamponamento cardiaco
Presentazione clinica

•

Triade di Bech

 Ipotensione
 Tachicardia
 Turgore giugulare

•
•
•

Po...
Tamponamento cardiaco
Diagnosi strumentale

•

Ecocardiogramma color/Doppler
Tamponamento cardiaco
Trattamento

•

Percutaneo: Pericardiocentesi
ecoguidata

•

Chirurgico: finestra sub-xifoidea
Dissecazione aortica
Introduzione

•

La dissecazione aortica
(AD) è la più comune
catastrofe che occorre
all’aorta, 2-3 v...
Dissecazione aortica
Introduzione

•

Quando non trattata circa
il 33% dei pazienti muore
nelle prime 24 ore, il 50%
muore...
Dissecazione aortica
Epidemiologia

•

La AD è più comune negli uomini che nelle donne con
un rapporto 2:1.

•

Comunement...
Dissecazione aortica
Epidemiologia

•
•

La vera prevalenza della AD è difficile da stimare.

•

L’incidenza è di 5-30 di ...
Dissecazione aortica
Fisiopatologia

•

La AD è definita come la
separazione
dei
costituenti della parete
aortica.

•

La ...
Dissecazione aortica
Fattori di rischio

•

I fattori di rischio per dissecazione includono le condizioni che
provocano un...
Dissecazione aortica
Fattori di rischio
Dissecazione aortica
Classificazione anatomica

•

Anatomicamente la AD viene classificata in base all’origine della
brecc...
Dissecazione aortica
Classificazione anatomica

•

Esistono due schemi di classificazione

 Secondo Stanford
 Secondo De...
Dissecazione aortica
Classificazione anatomica

• Secondo Stanford
 Tipo A: La dissecazione coinvolge l’aorta ascendente,...
Dissecazione aortica
Classificazione anatomica

• Secondo Stanford
• Tipo B: La dissecazione non coinvolge l’aorta ascende...
Dissecazione aortica
Classificazione anatomica

•

Secondo De Bakey

 Tipo I: la dissecazione origina a livello dell’aort...
Dissecazione aortica
Classificazione anatomica

•

Secondo De Bakey

 Tipo III: La dissecazione origina a livello dell’ao...
Dissecazione aortica
Presentazione clinica

•

La presentazione clinica della dissecazione aortica è costituita da uno
spe...
Dissecazione aortica
Presentazione clinica
Dissecazione aortica
Diagnosi strumentale

•

Angio TC Aorta in toto: alta specificità e sensibilità
Dissecazione aortica
Diagnosi strumentale

•

Ecocardio TEE color/Doppler: valutazione presenza del flap intimale,
di emop...
Dissecazione aortica
Gestione iniziale

•

Utilizzo di β-bloccanti – Ca2-

antagonisti (HR target ≤ 60 bpm)
Utilizzo di va...
Dissecazione aortica
Gestione definitiva

•
•
•

Immediata valutazione cardiochirurgica
Dissecazione Aortica tipo A necess...
Dissecazione aortica
Trattamento chirurgico

•
•

In pazienti con dissecazione dell’aorta
ascendente, tutta la porzione di...
Dissecazione aortica
Trattamento chirurgico
Dissecazione aortica
Trattamento chirurgico
Dissecazione aortica
Trattamento chirurgico
Dissecazione aortica
Trattamento chirurgico
Dissecazione aortica
Trattamento chirurgico
Dissecazione aortica
Trattamento chirurgico
Dissecazione aortica
Trattamento chirurgico
Dissecazione aortica
Trattamento chirurgico
Patologie cardiache acute di
pertinenza cardiochirurgica
Conclusioni

• Complicanze meccaniche dell’infarto miocardico acu...
Patologie cardiache acute di
pertinenza cardiochirurgica
Conclusioni

• Tamponamento cardiaco
 Rapida correlazione tra so...
Patologie cardiache acute di
pertinenza cardiochirurgica
Conclusioni

• Dissecazione aortica acuta
 La dissecazione aorti...
Patologie cardiache acute di
pertinenza cardiochirurgica
Conclusioni

• Dissecazione aortica acuta
 La sopravvivenza a lu...
“Custodisci il tuo cuore più d'ogni altra
cosa, poiché da esso procedono le sorgenti
della vita”.
Prov 4:23
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Patologie cardiache acute di pertinenza cardiochirurgica

872

Published on

Patologie cardiache acute di pertinenza cardiochirurgica

0 Comments
2 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
872
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
14
Comments
0
Likes
2
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Patologie cardiache acute di pertinenza cardiochirurgica

  1. 1. Patologie cardiache acute di pertinenza cardiochirurgica Prof. Antonio Scafuri U.O.C. Cardiochirurgia – Policlinico Tor Vergata, Roma
  2. 2. Patologie cardiache acute di pertinenza cardiochirurgica • Complicanze meccaniche dell’infarto miocardico acuto • Tamponamento cardiaco • Dissecazione acuta dell’aorta
  3. 3. Complicanze meccaniche dell'infarto miocardico acuto • Difetto interventricolare • Rottura della parete libera del cuore • Insufficienza mitralica acuta
  4. 4. Difetto interventricolare Introduzione • Incidenza: < 1% • Piú frequente nei maschi • Comparsa dopo 2-4 gg da IMA
  5. 5. Difetto interventricolare Introduzione • Associazione con occlusione di a. discendente anteriore (60%), a. coronaria destra o a. circoflessa (40%) • La rottura del SIV puó essere semplice, complessa o multipla
  6. 6. Difetto interventricolare Introduzione Localizzazione • Apicale • Anteriore • Postero-inferiore
  7. 7. Difetto interventricolare Introduzione Mortalità • A 30 giorni: 74% • Ad 1 anno: 78%
  8. 8. Difetto interventricolare Presentazione clinica • Ricorrenza di dolore toracico • Peggioramento del quadro emodinamico • Shock cardiogeno
  9. 9. Difetto interventricolare Presentazione clinica • Comparsa di nuovo soffio sistolico • Soffio olosistolico • Meglio udibile a livello del bordo sternale inferiore sinistro
  10. 10. Difetto interventricolare Diagnosi strumentale
  11. 11. Difetto interventricolare Diagnosi strumentale • Comparsa di differenza di SO2 fra atrio destro e arteria polmonare • Differenza di SO2 fra atrio destro e arteria polmonare > 9% • Qp:Qs aumenta dal 1.4:1 a 8:1 o valori superiori
  12. 12. Difetto interventricolare Gestione iniziale • Contropulsatore aortico • Farmaci inotropi e diuretici • Timing chirurgico: • Intervento urgente in caso di instabilitá emodinamica (mortalità chirurgica del 50%) • Intervento differibile (tre settimane) in caso di stabilitá emodinamica (mortalità chirurgica del 20%)
  13. 13. Difetto interventricolare Trattamento chirurgico • Ventricolotomia attraverso la zona infartuata • Infartectomia • Chisura DIV per approssimazione diretta o con patch sintetico • Chiusura ventricolotomia
  14. 14. DIV apicale
  15. 15. DIV anteriore Chiusura diretta
  16. 16. DIV anteriore Chiusura con patch
  17. 17. Difetto interventricolare Trattamento chirurgico • Tecnica piú recente è quella che prevede la riparazione del DIV con patch endocardico e l’esclusione dell'infarto • Ciò permette la preservazione della geometria ventricolare
  18. 18. DIV anteriore
  19. 19. DIV posteriore
  20. 20. Difetto interventricolare Trattamento percutaneo
  21. 21. Difetto interventricolare Follow-up
  22. 22. Rottura parete libera Introduzione • Incidenza: < 10% • Piú frequente nelle donne
  23. 23. Rottura parete libera Introduzione Localizzazione • Apicale • Anteriore • Postero-inferiore
  24. 24. Rottura parete libera Introduzione Esordio • Acuta • Subacuta • Cronica (pseudoaneurisma)
  25. 25. Rottura parete libera Terapia chirurgica
  26. 26. Rottura parete libera Terapia chirurgica • Copertura della rottura con colla biocompatibile (cianoacrilato) • Successivo posizionamento di patch
  27. 27. Insufficienza mitralica acuta Introduzione • Incidenza: 1-5% • Legata a rottura di m. papillare
  28. 28. Insufficienza mitralica acuta Introduzione • Più frequentemente coinvolto il m. papillare postero-mediale • Risulta prolasso dei lembi valvolari
  29. 29. Insufficienza mitralica acuta Presentazione clinica • Dolore toracico e dispnea a riposo • Edema polmonare acuto • Peggioramento del quadro emodinamico • Shock cardiogeno
  30. 30. Insufficienza mitralica acuta Presentazione clinica • Comparsa di nuovo soffio sistolico • Soffio olosistolico • Irradiazione al cavo ascellare
  31. 31. Insufficienza mitralica acuta Diagnosi strumentale
  32. 32. Insufficienza mitralica acuta Gestione iniziale • Contropulsatore aortico • Farmaci inotropi e diuretici • PTCA primaria o trombolisi per il trattamento della lesione culprit • Timing chirurgico: • Intervento urgente associato a rivascolarizzazione miocardica (CABG)
  33. 33. Insufficienza mitralica acuta Trattamento chirurgico • Riparazione valvolare mitralica • Sostituzione valvolare mitralica
  34. 34. Insufficienza mitralica acuta Trattamento chirurgico  Accesso chirurgico: o Atriotomia trans-settale sec. “Guiradon” o Atriotomia a livello del tetto dell’atrio sinistro (sopra VPS vicino al SIA)
  35. 35. Insufficienza mitralica acuta Terapia chirurgica (1) Carpentier-Edwards classic annuloplasty rings. (2) Carpentier-Edwards physio annuloplasty ring. (3) Cosgrove-Edwards annuloplasty system. (4) Edwards GeoForm annuloplasty ring. (5) Medtronic-Duran flexible annuloplasty ring. (6) St Jude tailor annuloplasty ring and band. (7) Sorin-CarboMedics Flo annuloplasty ring. (8) Genesee Sculptor annuloplasty ring (adjustable). (9) Kalangos Bio-ring. (10) Carpentier-McCarthyAdams IMR ETlogix. (11) Edwards Myxo ETlogix.
  36. 36. Insufficienza mitralica acuta Trattamento chirurgico • Riparazione valvolare mitralica • Sostituzione valvolare mitralica
  37. 37. Insufficienza mitralica acuta Trattamento chirurgico Importante preservare l’integrità dell’apparato sottovalvolare mitralico • LAM escisso totalmente o parzialmente: si preservano isole di lembo valvolare con attacchi cordali da reimpiantare successivamente sull’annulus •LPM generalmente preservato
  38. 38. Insufficienza mitralica acuta Trattamento chirurgico
  39. 39. Insufficienza mitralica acuta Trattamento chirurgico
  40. 40. Tamponamento cardiaco Introduzione • Condizione caratterizzata da accumulo di liquido all’interno del sacco pericardico di entità tale da provocare una compressione delle camere destre con una diminuzione del ritorno venoso
  41. 41. Tamponamento cardiaco Eziopatogenesi • • • • • • • • Pericardite acuta (virale, idiopatica) Pericardite neoplastica Pericardite attinica Pericardite post-traumatica Collagenopatie Postpericardiotomica Sindrome di Dressler Insufficienza renale
  42. 42. Tamponamento cardiaco Fisiopatologia • La presenza di liquido,gas, materiale trombotico nel pericardio causa  Aumento P intrapericardica > P atriale dx (4-5 mmHg )  Ostacolo ritorno venoso e riempimento diastolico  Ridotta portata e polso paradosso (riduzione P. art. sist > 10 mmHg durante inspirazione)  Aumento pressione venosa ( epatomegalia, turgore giugulare, edemi )  Entità del versamento variabile, a seconda della velocità con cui si forma.
  43. 43. Tamponamento cardiaco Presentazione clinica • Triade di Bech  Ipotensione  Tachicardia  Turgore giugulare • • • Polso paradosso Oligo-anuria Shock cardiogeno
  44. 44. Tamponamento cardiaco Diagnosi strumentale • Ecocardiogramma color/Doppler
  45. 45. Tamponamento cardiaco Trattamento • Percutaneo: Pericardiocentesi ecoguidata • Chirurgico: finestra sub-xifoidea
  46. 46. Dissecazione aortica Introduzione • La dissecazione aortica (AD) è la più comune catastrofe che occorre all’aorta, 2-3 volte più comune della rottura dell’aorta addominale.
  47. 47. Dissecazione aortica Introduzione • Quando non trattata circa il 33% dei pazienti muore nelle prime 24 ore, il 50% muore in 48 ore. La mortalità a due settimane si aggira intorno all’80%.
  48. 48. Dissecazione aortica Epidemiologia • La AD è più comune negli uomini che nelle donne con un rapporto 2:1. • Comunemente questo evento si verifica in pazienti nella sesta o settima decade di vita. • In pazienti con Sindrome di Marfan si può verificare prima, solitamente nella terza o quarta decade.
  49. 49. Dissecazione aortica Epidemiologia • • La vera prevalenza della AD è difficile da stimare. • L’incidenza è di 5-30 di casi per 1 milione di abitanti per anno. Questa condizione viene riscontrata nell’1-3% di tutte le autopsie (1 ogni 350 cadaveri).
  50. 50. Dissecazione aortica Fisiopatologia • La AD è definita come la separazione dei costituenti della parete aortica. • La breccia che si crea a livello dell’intima fa si che il sangue entri a livello dello spazio intima-media cosichè la dissecazione si propaga
  51. 51. Dissecazione aortica Fattori di rischio • I fattori di rischio per dissecazione includono le condizioni che provocano una alterazione o degenerazione della parete aortica o che la sottopongono ad elevato stress emodinamico
  52. 52. Dissecazione aortica Fattori di rischio
  53. 53. Dissecazione aortica Classificazione anatomica • Anatomicamente la AD viene classificata in base all’origine della breccia dell’intima e in base al coinvolgimento delle porzioni • L’accuratezza nella classificazione è fondamentale perchè su questo si baserà la strategia chirurgica
  54. 54. Dissecazione aortica Classificazione anatomica • Esistono due schemi di classificazione  Secondo Stanford  Secondo De Bakey
  55. 55. Dissecazione aortica Classificazione anatomica • Secondo Stanford  Tipo A: La dissecazione coinvolge l’aorta ascendente, senza considerare l’origine della breccia d’ingresso
  56. 56. Dissecazione aortica Classificazione anatomica • Secondo Stanford • Tipo B: La dissecazione non coinvolge l’aorta ascendente. Il trattamento chirurgico non è consigliato.
  57. 57. Dissecazione aortica Classificazione anatomica • Secondo De Bakey  Tipo I: la dissecazione origina a livello dell’aorta ascendente e coinvolge arco e solitamente l’aorta discendente.  Tipo II: la dissecazione origina a livello dell’aorta ascendente e qui è confinata
  58. 58. Dissecazione aortica Classificazione anatomica • Secondo De Bakey  Tipo III: La dissecazione origina a livello dell’aorta discendente e si propaga distalmente. • • – Tipo IIIa: Limitato all’aorta discendente – Tipo IIIb: Si estende oltre il diaframma
  59. 59. Dissecazione aortica Presentazione clinica • La presentazione clinica della dissecazione aortica è costituita da uno spettro di sintomi e segni che varia dal classico dolore toracico associato a segni patognomonici ad una presentazione senza dolore e con segni incerti.
  60. 60. Dissecazione aortica Presentazione clinica
  61. 61. Dissecazione aortica Diagnosi strumentale • Angio TC Aorta in toto: alta specificità e sensibilità
  62. 62. Dissecazione aortica Diagnosi strumentale • Ecocardio TEE color/Doppler: valutazione presenza del flap intimale, di emopericardio e di insufficienza aortica.
  63. 63. Dissecazione aortica Gestione iniziale • Utilizzo di β-bloccanti – Ca2- antagonisti (HR target ≤ 60 bpm) Utilizzo di vasodilatatori (BP target ≤ 120 mmHg) •
  64. 64. Dissecazione aortica Gestione definitiva • • • Immediata valutazione cardiochirurgica Dissecazione Aortica tipo A necessita trattamento chirurgico urgente Dissecazione Aortica tipo B dovrebbe essere gestita con terapia medica se non si sviluppano gravi complicanze
  65. 65. Dissecazione aortica Trattamento chirurgico • • In pazienti con dissecazione dell’aorta ascendente, tutta la porzione dissecata e la sua estensione prossimale dovrebbe essere resecata. L’estensione della dissecazione alla radice aortica dovrebbe essere trattata con la sostituzione della radice aortica.
  66. 66. Dissecazione aortica Trattamento chirurgico
  67. 67. Dissecazione aortica Trattamento chirurgico
  68. 68. Dissecazione aortica Trattamento chirurgico
  69. 69. Dissecazione aortica Trattamento chirurgico
  70. 70. Dissecazione aortica Trattamento chirurgico
  71. 71. Dissecazione aortica Trattamento chirurgico
  72. 72. Dissecazione aortica Trattamento chirurgico
  73. 73. Dissecazione aortica Trattamento chirurgico
  74. 74. Patologie cardiache acute di pertinenza cardiochirurgica Conclusioni • Complicanze meccaniche dell’infarto miocardico acuto  Le complicanze meccaniche dell’infarto miocardico acuto sono degli eventi associati ad una prognosi infausta  La chirurgia rappresenta ad oggi l’unica opzione terapeutica efficace  L’opzione chirurgica è però gravata da un rischio di mortalità a breve e lungo termine comunque elevato
  75. 75. Patologie cardiache acute di pertinenza cardiochirurgica Conclusioni • Tamponamento cardiaco  Rapida correlazione tra sospetto clinico e conferma strumentale  Intervento immediato onde evitare arresto cardiaco
  76. 76. Patologie cardiache acute di pertinenza cardiochirurgica Conclusioni • Dissecazione aortica acuta  La dissecazione aortica se non trattata ha una mortalità del 33% nelle prime 24 ore e del 50% in 48 ore  La precocità diagnostica e l’immediato trattamento chirurgico sono fondamentali  Il rischio operatorio si aggira dal 10% al 40% a seconda delle varie casistiche.
  77. 77. Patologie cardiache acute di pertinenza cardiochirurgica Conclusioni • Dissecazione aortica acuta  La sopravvivenza a lungo termine (10 anni) varia dal 85% al 50% a seconda della occlusione o pervietà del falso lume rimanente.  Nei pazienti ultraottantenni va considerata la presenza di gravi comorbidità prima di procedere all’intervento  Tuttavia se si decide di intervenire il trattamento devo essere il più conservativo possibile
  78. 78. “Custodisci il tuo cuore più d'ogni altra cosa, poiché da esso procedono le sorgenti della vita”. Prov 4:23
  1. Gostou de algum slide específico?

    Recortar slides é uma maneira fácil de colecionar informações para acessar mais tarde.

×